Storie di uno stupratore professionista – Jennifer 3

Scritto da , il 2019-11-06, genere dominazione


ATTENZIONE : QUESTO RACCONTO CONTIENE SCENE, DESCRIZIONI E RIFERIMENTI VIOLENTI. GLI EVENTI RAPPRESENTATI SONO RIGOROSAMENTE DI FANTASIA E NON RIFERITI AD EPISODI REALMENTE AVVENUTI PER CUI QUALUNQUE SOMIGLIANZA A PERSONE OD A FATTI VERIFICATISI NELLA REALTA' E' NON VOLUTA E PURAMENTE CASUALE. CHI SCRIVE NON INTENDE TURBARE NESSUNO E, PERTANTO, INVITA CHIUNQUE POSSA ESSERE IMPRESSIONABILE O SIA CONTRARIO A RACCONTI VIOLENTI DI NON PROSEGUIRE NELLA LETTURA. IL SADISMO ESPRESSO DA ALCUNI PERSONAGGI DELLA STORIA COSI' COME I LORO COMPORTAMENTI ABERRANTI NON SONO CONDONATI DA CHI SCRIVE E NON CORRISPONDONO AI SUOI GUSTI OD ALLE SUE TENDENZE. 



Gli occhi di Jennifer si spalancarono mentre parlavo, riflettevano incredulità che lottava con la paura, prima di vedere quel suo meraviglioso, forte corpo tendersi e la sua mascella indurirsi.

"Vaffanculo. Sto andando via." sibilò

“non credo proprio – replicai – come ti ho detto ti stuprerò il culo, ti sfonderò la fica, ti costringerò a venire per me...mi supplicherai di incularti e di sborrarti figa poi porterò un cane a chiavarti e non è una minaccia...è una promessa troia."

Iniziò a camminare verso di me, e io feci due passi avanti ed aspettai osservando i muscoli delle sue cosce contrarsi sotto la sua pelle, la vista di lei era una visione erotica. Era troppo intelligente per provare a correre, e troppo intelligente per provare a girare intorno a me. Lei venne verso di me, e si fermò appena fuori dalla portata e prese una posizione di combattimento, e potei vedere la fiducia riempirla mentre il suo addestramento nelle arti marziali prendeva il sopravvento.

Sapevo che era brava, ma non ero pazzo. Non l'avrei sfidata in questo modo se avessi pensato di perdere, anche se c'era sempre questa possibilità. Era una bravissima praticante del Taekwondo, ma io ero un esperto alle arti marziali miste, con una forza speciale nel lottare, dato che mi è stato sempre utile nel mio vecchio lavoro nell'esercito così come in quello attuale.
In pochi secondi fummo sul tappeto e io la tenevo ferma sulla schiena, con il suo braccio sinistro dietro di lei, le mie gambe avvolte intorno alle sue, bloccandola al suolo. Regolando rapidamente la presa le portai la spalla in avanti e lei urlò in agonia mentre sentì la sua spalla lussarsi ed uscire dalla articolazione…il dolore era paralizzante. La spinsi lontano da me e mi alzai, osservando mentre si contorceva sul pavimento, tenendosi la spalla ferita, il sudore della paura e del dolore brillava sulle sue splendide gambe, sulla sua vita snella e sulle sue braccia sode e bellissime.

Jennifer si mise in ginocchio, le gambe leggermente aperte, le mutandine tese sul suo culo sodo e succulento, la testa appoggiata sul materasso mentre gemeva di dolore, il suo corpo si dondolava avanti e indietro mentre l'agonia cresceva. Le mollai un calcio sul ventre, il suo corpo si agitava ed il suo respiro diventò affannoso; ancora una volta la presi a calci e lei rotolò su un fianco, poi sulla schiena, le gambe sollevate in un debole tentativo di difesa. La presi a calci nelle costole, abbastanza forte da lasciarle qualche livido ma non da romperle le costole e lei si girò di nuovo sulle sue ginocchia e cercò di rimettersi in piedi.

La buttai di nuovo giù e continuai a picchiarla, dando pugni e calci al suo corpo sexy, portandola fino alla totale impotenza, allora la bella Jennifer si rannichiò in posizione fetale singhiozzando e gemendo mentre la punivo. Era una lezione, una lezione sulla sua impotenza, sulla sua debolezza, dandole un vivido esempio che poteva essere vittimizzata, che nonostante la sua forza, sicurezza e abilità, poteva essere ridotta più in basso di un cane frustato.

Quando finii mi tirai indietro ed aspettai che lei aprisse gli occhi; quando lo fece, le dissi di alzarsi in piedi. Mentre si sforzava di alzarsi, il dolore la rendeva lenta e cauta, sollevai il bastone di bambù e le girai attorno osservando la sua testa girarsi per tenermi in vista. Mi misi dietro di lei e la colpii di nuovo questa volta con il bastone dal basso direttamente sulla figa sentendola piagnucolare. Lei urlò di nuovo quando con il bastone le colpii la spalla lussata, sentendomi girare intorno a lei il suo corpo snello e sexy rabbrividì e tremò.

La lasciai e rimasi in piedi di fronte a lei, con il bastone in mano, e attesi che il dolore si attenuasse. La spalla le faceva molto male, e sarebbe stata molto sensibile, un fatto che potevo usare, e il suo braccio sarebbe stato più o meno inutile, ma non sarebbe stata resa incapace per quello che sarebbe successo dopo, il che era importante.

"Okay, fica senza valore, alzati," ho comandato.

Quando esitò, mi scagliai contro di lei con il bastone, un urlo acuto echeggiò nel magazzino mentre lasciavo un segno sul suo stomaco piatto e sexy, facendola balzare in piedi, gemendo mentre toccava il profondo livido che le avevo provocato.

"Togliti i vestiti, cagna."

Mi guardò, e potei vedere la resistenza nei suoi occhi, la testardaggine e la ribellione che si nascondevano proprio sotto la paura che i colpi ricevuti le avevano instillato. La colpii di nuovo con il bastone contro il suo lato sinistro, più veloce di lei che emise un sibilo di dolore mentre un segno rosso scuro si mostrava sulla sua vita.

"Ho detto spogliati, troia."

Lentamente Jennifer si tolse il reggiseno, usando il braccio destro, la spalla sinistra era chiaramente dolorante, sibilando di dolore mentre lo tirava sopra la testa, rivelando due bei seni, globi bianchi e cremosi di carne sormontati da piccoli capezzoli rosa, fermi e pieni sotto le sue spalle strette. Lei distolse gli occhi dai miei mentre si chinava e si sfilava le mutandine. Una leggera peluria bionda curatissima ornava il suo monte di Venere, nascondendo le morbide pieghe rosa della sua fica. Teneva le gambe unite, le sue cosce magre e muscolose strette mentre usciva dalle sue mutandine e guardava verso di me, la sfida lampeggiava ancora nei suoi occhi mentre stava in piedi davanti a me, le sue mani erano congiunte appena sopra il suo pube, non voleva mostrare debolezza nascondendosi.

Lentamente feci scorrere gli occhi su e giù per il suo corpo nudo, guardandole il volto che sarebbe potuto comparire sulla copertina di qualche rivista, i suoi seni dolci e cremosi, il suo busto magro, il suo stomaco solido e piatto e la vita stretta, la curva dei suoi fianchi che si assottigliava, le sue cosce scolpite ed i polpacci. Era davvero una donna meravigliosa...sarebbe stato un gran piacere possederla. Mi avvicinai a lei e leggermente di lato, e feci scivolare il bastone sotto il seno sinistro, commentando,

"Carino molto carino."

Questo racconto di è stato letto 2 9 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


www.eroticiraccontifamiglie incestuoseerotici racstorie di sesso in famigliamoglie infedele raccontimiluraccontiracconti erotici famigliastorie vere di incestistorie sesso gratisracconti per adulti gratispapa inculamiracconti erotici animalho inculato mia nonnaracconti cuginastorie eroticawww.eroticiraccontiracconti sesso maturecome praticare il fistingmuratori gaymio nonno mi scopapegging raccontiracconti eroti migliori racconti eroticistorie erotivheracconti69donne che scopano con i canistorie di culi rottiracconti ertici 69fisting raccontiracconti brevi eroticirscconti eroticisculacciata raccontiraconti xxxracconti di donne maturemamma ti sborro dentroracconti 69 gayerotiraccontiracconti erotici moglieracconti libidinosiracoonti eroticiracconti porno mammaho scopato la nonnaravconti eroticiincesto raccontipompini di malenaracconto eroticisverginato da transiincestiraccontu gaystorie di sesso incestoano allargatostorie eroticeeroti raccontiracconti bdsm gaymariti bsxracconti erotici gay incestoracconto pornofoto racconti gayracconti perettaracconti ertoticiracconti d amore hotracconti erotici adultipompini di malenaracconti hard mogliesuocera racconti eroticiracconti erotici in pubblicoincesti in casaracconti porno sottomessaracconti perettaracconti di zoofiliaracconti sexyracconti erotiicracconti erotici tra fratello e sorellaracconti erotici gratuitiracconti pormoracconti gay la prima voltapompino sotto al tavoloerotica raccincesti racconti verimi inculo mia suoceracamionisti arrapatimi fotto mia cognata