Sei mesi in Antartide 3

Scritto da , il 2019-11-06, genere incesti

“Segui ancora il TG5 delle 20,00?”
“Sì, certo! Perché me lo chiedi?”
“Nulla! Non fartelo scappare in questi giorni! Ci sentiamo ed un bacio a Fausto!”
Quella nostra telefonata si chiuse così: non riuscivo a capire perché fosse così importante non perdere il tg di quei giorni.
Ormai si approssimava Natale, quasi tre mesi da quando mio marito era partito per l'Antartide e la relazione con mio figlio viaggiava come meglio non poteva. Affinavamo ogni giorno di più la nostra complicità e la nostra perversione; le visite dei suoi amici si erano intensificate ed io, d'accordo con lui, non mancavo di provocarli, facendoli sbirciare ogni volta qualche centimetro in più. La cosa eccitava Fausto in maniera incredibile ed io ne beneficiavo a suon di cazzo, dopo che loro andavano via.
Fausto mi trovo con il cellulare in mano e meditabonda.
“Pensosa?”
“Non lo so! Tuo padre mi ha detto di non perdere il tg5, stasera o domani.”
“Bene! Abbiamo un'ora di tempo, allora. Che ne dici se ti lecco un po' la fica?”
“Ma sì, dai! Solo una leccatina, poi ceniamo e vediamo il tg. Poi... e che te lo dico a fare?!?”
“Ti ho fatto un regalo!” disse, porgendomi un pacchetto.
“Perché?”
“Perché sei una grandissima puttana e non potevo sperare di avere una mamma migliore.”
Lo abbracciai e lo baciai con passione; poi scartai il pacchetto. Era un plug in silicone, color fuxia di notevoli dimensioni.
“Vorrei che tu lo indossassi più tempo possibile!”
“Oh, amore! È delizioso. Dimmi la verità: vorresti che lo vedessero i tuoi amici, quando sbirciano?”
“Loro, ma non solo loro!”
“Cioè?”
“Ma non dovevo leccarti la fica? Ne parliamo dopo a cena, dai!”
Non avevo dubbi su quanto desiderio covasse, ma lui mi leccò la fica con tale passione che ebbi due orgasmi in meno di venti minuti. Prima, però, mi aveva leccato il culo e, dolcemente, mi aveva infilato, non senza difficoltà, il plug, che si era accasato bene, devo dire, lasciando che il mio sfintere si richiudesse intorno alla sua impugnatura, diventando quasi un tutt'uno con il mio corpo.
Cenai così, quella sera: nuda e con quell'oggetto nel culo. Mi procurava un leggero fastidio, ma mi piaceva.
“Che ne dici se stasera, per quando vengono i tuoi amici, metto solo i fuseaux celesti ed il top grigio, come se stessi tornando dalla palestra?”
“E il plug nel culo?”
“Naturalmente!”
“Mi piace l'idea: quei fuseaux sono abbastanza trasparenti e il fuxia dovrebbe risaltare abbastanza da non lasciare dubbi!”
“Dici che gradiranno?”
Sorrise maliziosamente ed io lo abbracciai e lo baciai di nuovo.

Il tg di quella sera non sembrava essere diverso dal solito: una rapina finita male, una fabbrica che chiude, le solite manfrine dei politici, poi....

“Sensazionale scoperta della missione internazionale in Antartide: un animale preistorico, perfettamente conservato, è stato individuato tra i ghiacci. In collegamento via satellite ce ne parla il professor Gianni Colletta, che fa parte della spedizione:”
Seguirono due minuti, in cui mio marito accennava all'importanza della scoperta ed alle difficoltà, anche etiche, che ponevano dubbi su quello che sarebbe stato dopo. Mi sentivo orgogliosa di lui ed in breve il mio orgoglio crebbe sempre di più: una pioggia di messaggi e telefonate di complimenti inondò il mio telefono, da farmi dimenticare che fossi ancora nuda. Il campanello mi riportò alla realtà e mi fiondai in camera.
“Mi raccomando i tacchi alti!” la voce di mio figlio mi seguii.
Infilai i fuseaux ed il topo, poi indossai le scarpe tacco 10. Guardai il risultato allo specchio: ero una squillo perfetta. Il plug risaltava in maniera decisa , senza lasciare dubbi sulla sua natura. Ebbi un attimo di tentennamento. Ma solo un attimo: mi incamminai decisa verso il salotto, ma non riuscii ad ignorare il sommesso sbalordimento di quei ragazzi a vedermi entrare così. Avevo prestato talmente tanta attenzione a quanto si vedesse il plug nel culo, da lasciarmi sfuggire che le labbra della fica erano incredibilmente disegnate sul davanti. I miei occhi incrociarono lo sguardo soddisfatto di Fausto e tra noi ci fu un cenno d'intesa che mi sollevò da ogni preoccupazione.
Non oso immaginare i sogni che turbarono la notte di quei ragazzi.
Ma posso raccontarvi i tormenti che anticiparono i miei, scopata da mio figlio, senza togliermi il plug dal culo. Pensavo che era quasi come avere due cazzi e glielo dissi.
“Non credo, mamma! Due cazzi sono due cazzi: sono due pezzi di carne viva che si muovono entrambi dentro di te. Uno entra, l'altro esce, uno accelera così...” ed aumentava il ritmo, sbattendo con il bacino sulle mia pancia, “l'altro rallenta così!” e diventava dolce, sollevandosi sulle braccia e lentamente, quasi, impercettibilmente, tornandomi dentro, a solleticare le pareti vaginali, fino a sbattere sul collo dell'utero. Quanto era bravo, quanto godevo: anche lui era un professore. Insegnava sesso a me, che avevo piàù del doppio dei suoi anni.
“Quanto altro hai da insegnarmi?” gli chiesi, stringendogli le caviglie intorno al collo.
“Dipende da quanto vuoi imparare!” fu la sua risposta.
Tutto! Volevo imparare tutto, laurearmi a pieni voti in troiaggine, specializzarmi in tutte le materie: bocca, culo e fica. Volevo godere, godere, godere; recuperare i tanti anni persi a fare la brava moglie, nonostante provassi un desiderio immenso di trasgredire.
“Chiamami troia, amore. Voglio sentirmi troia. Ho bisogno di sapere che pensi a me come alla tua troia!”
“Non ho bisogno di recitare, mamma! Penso davvero che tu sia una troia e voglio fartelo scoprire, se me lo permetterai!”
“Puoi far tutto, amore!” feci in tempo a dire, prima di svenire, travolta dall'orgasmo.

Questo racconto di è stato letto 3 7 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesti sexstorie sexyracconto xxxracconti porno gay incestoracconti di donne sodomizzateracconti prime volteracconti cfnmesibizionismo moglieesperienze sessuali a treracconti perizomaracconti porno mamma e figlioracconti erotici pompinoracconti erorticipompino ad un cavallosesso anale storieho scopato mia nuoraracconti analesesso porno raccontila sorella perversagenere dei racconti eroticiracconti porno italiani gratisracconti di tettemia moglie è una vaccaannunci69 racconti eroticiincesti fraterniinculo mia suoceraracconti porno cuckoldracconti porno seghemoglie porca raccontistorie di slaveracconti clisteriraccontisessualiracconti tradimentiracconta eroticipompino racconti eroticivideo racconti eroticimia moglie in bikiniracconti erotici di sesso analetroie suocerecuckold racconti eroticierotici racontiracconti eroticjerorici raccontierotici taccontistorie di sesso videoracconti sado masoraacconti eroticii piedi della profracconti sesso gratisraccontierosraccontierracconti erotici gay e bisexacconti eroticiraccontigayracconti d incestiracc eroticipiccola pompinaramonella sculacciataracvonti eroticierotici racconti 69raccontivietatiracconti erotici crossdresseri generi dei raccontii racconti eroticiracconti erotici suoraero raccracconti erotici stranimeccanici gayracconti porno nipoteracconti di mamme troieracconti pronozoofilia cavalli