Tradimento nel ristorante

Scritto da , il 2019-11-05, genere tradimenti

Mi chiamo Eleonora e ciò che sto per raccontare è successo lo scorso Giugno. Innanzitutto voglio parlare un po’ di me: Ho vent’anni e da qualche mese mi sono trasferita dalla mia città natale, Roma, in un’altra città per motivi di studio. Da quando ho cambiato città il rapporto con il mio ragazzo, col quale sto dall’ultimo anno di liceo, si è incrinato; la distanza non ci ha fatto bene, sopratutto a lui. La gelosia, il sesso che è diventato ovviamente più sporadico, il non vederci lo hanno indurito per quanto riguarda gli atteggiamenti nei miei confronti. È molto più pesante e ho iniziato a risentirne anche io di questi atteggiamenti . Tutta questa premessa, forse è per giustificare le mie azioni, di sicuro è da un po’ che sento di volerne scrivere, non potendo parlare con nessuno di questo. Ero tornata qualche giorno a Roma per il compleanno di mia nonna. In quella calda mattinata ci saremmo radunati con tutta la mia famiglia per festeggiare in un ristorante di Torpignattara, quartiere romano dove vivono i miei nonni. Per l’occasione avevo deciso di indossare un corto vestito nero con dei motivi a fiori. Intorno alle 13 arrivammo nel ristorante, il nostro tavolo era infondo alla sala e nell’arrivarci passammo affianco a un’altra tavolata lunga con quella che sembrava un’altra famiglia intenta a tavola. Me ne accorsi solo una volta seduta, ma a quel tavolo c’era una mia vecchia conoscenza. C’era Matteo. Era più grande di me di tre anni, lo avevo conosciuto al liceo quando lui era all’ultimo anno e era il rappresentate degli studenti dell’istituto e io una ragazzina, sicuramente accattivante, ma molto ingenua e desiderosa solo di divertirmi, sopratutto coi ragazzi. Mi ritrovai, tramite conoscenze comuni, a casa di lui per la sua festa di compleanno e li ci parlai per la prima volta, li flirtammo per tutta la sera, ma lui reputó fosse meglio non andare oltre. Da dopo il liceo non lo avevo più visto e ora era lì, a tavola con la sua famiglia intento a festeggiare chissà cosa. Arrivó l’antipasto, ma io ero ancora intenta a scrutare verso di lui: Lo trovavo un po’ ingrassato, più grosso anche muscolarmente, la faccia praticamente identica, con quei due occhi verdi acqua che mi erano sempre piaciuti al liceo. Aveva il suo fascino, impossibile negarlo. Lui dal canto suo non mi aveva notato. Ad un certo punto decisi di andare in bagno, sia per necessità, ma anche solo per passargli davanti e vedere come reagiva vedendomi e così feci. Gli passai affianco e lui stavolta si voltó e i nostri occhi si incontrarono. Gli si leggeva in faccia che si stava chiedendo se ero davvero io. Non mi fermai e proseguii in direzione del bagno. Per arrivarci si scendeva una scala, al termine della quale c’erano due cubicoli, uno per gli uomini e uno per le donne. Andai dal lato delle donne e accostai la porta. Pochi istanti dopo, mentre ero intenta a lavarmi le mani sentii dei passi che scendevano le scale e arrivó lui. Il respiro mi si fece affannoso. Iniziai a chiedermi se fosse sceso per me, anche perché si era fermato all’altezza dell’ultimo gradino e guardava verso di me. Che voleva ? C’era qualcosa di eccitante in quella situazione, ma anche di ansiogino. Era inutile rimanere lì immobile e andai verso la scala, lui anche avanzava verso di me e ci ritrovammo uno di fronte all’altro. Ci guardammo mentre avanzavo nella sua direzione e quando lo superai lui mi afferró per un polso e mi attrasse a se. In un istante mi ritrovai con lui che mi cingeva da dietro e mi impediva di andarmene. Non so perché, ma non mi sentivo in pericolo, anzi la cosa mi eccitava sempre più. Mi sussurró all’orecchio :” se dovessi aver frainteso, dimmelo ore e ti lascio andare” . Quella voce profonda, quella sicurezza, l’astinenza dal sesso, fecero la differenza. Non dissi niente e lo lasciai fare. Lui mi lasció andare e mi spinse leggermente via. Io mi voltai verso di lui e iniziai a arretrare verso il cubicolo alle mie spalle, lui che avanzava verso di me. “ sei bellissima” mi disse con un sentimento che nessuno aveva mai usato per dirmelo. Dentro di me non aspettavo altro che lui mi prendesse, la lunga astinenza si faceva sentire, non ragionavo più. “ che cosa vuoi farmi?” Gli chiesi. “ quello che non ho fatto anni fa a casa mia”. E così dicendo mi prese in braccio e mi mise sul lavandino alle mie spalle. Ormai era fatta. Si inumidì le dita, probabilmente per usarle per bagnarmi nelle parti intime, ma non mi trattenní. “ sono già bagnatissima” e scostai con una mano le mutande rosa per offrirgli su un piatto d’argento tutto ciò che voleva. Lui con un gesto rude si abbassò pantaloni e mutande contemporaneamente e infilo il suo cazzo completamente dritto dentro di me. A quel punto non esisteva più nulla se non quello sfrenato atto sessuale. Lui me lo sbatteva dentro con sfrenata foga, spingendo da subito al massimo, un po’ per la passione, un po’ perché sapevamo di stare in un posto dove non avevamo molto tempo per noi. Lui mi teneva le cosce larghe e aperte, io favorivo la sua spinta con le mie mani sulle sue chiappe, molto sode e muscolose devo ammettere. “ Guarda come te lo sbatto dentro troia” disse nella foga. Sentirmi chiamare così mi fece perdere ogni freno e iniziai a esclamare in maniera sconnessa “ lo voglio... lo voglio” e l’orgasmo sopraggiunse violento e incontrollabile. Mi abbandonai completamente a lui e al suo volere. Lui fece di me ciò che voleva. Mi prese in braccio, mi sbatte addosso al muro tenendomi con le mani sulle chiappe. Aumentó il ritmo , sentivo il suo cazzo gonfiarsi. Stava per venire e riuscii a dirli una cosa decisiva “ prendo la pillola “ e lui a quel punto esplose tutto il suo piacere dentro di me. Aveva il fiatone e mi lasció andare. Io mi appoggiai il lavandino. Piano piano ci ricomponemmo e rinsavimmo. Erano stati i 5 minuti più intensi e folli della mia vita. Buttai via molta della pesantezza che avevo addosso e tornai a tavola senza riuscire a trattenere un sorriso.

Questo racconto di è stato letto 5 9 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici vacanzastorielle pornodonne che si leccano i piediracconti gay papàracconti oornoracconti marito sottomessostorie eoticheracconti erotici verestorie hard gratisracconti gay schiavorqcconti pornononna fammi una segaracconti eraticiracconti erotici caccapissing per stradaracconti di milii generi dei racconti gayracconti di tradimentoracconti poenoraconto pornoracconti kyrerotici raccontoracconti sroticiraconti hotracconti erotticiracconti gala troia di mia cuginaracconti erotici inculataracconti erotici zoofilibrani eroticierotici racconti.itschiave sadomasoracconti di clistericconti eroticiracconti eroticamilu raccontoracconti porno freeracconti erotincedtiraccinti eroticiclub prive raccontiracconti porno videoracconti safforacconti erotivcimio nonno mi scopastorie lesbracc sessi generi dei racconti eroticiprima inculata gaystorieroticheracconti incesto realitracconti eroticia 69 racconti eroticiracconti super eroticiarchivio racconti eroticiracconti gay cuginoracconti eroiticifemdom storieracconti erotichestorie porno di tradimentiracconti incetoracconti di coppie scambisteracconti vicinatradimento raccontoschiava padroneracconti erotici zio nipoteracconti erotichestorie feticismoerotici raccontoracconti erotici lesboracconti di sesso lesboracconti amatoriali gratisstorierotichei rcconti di miluracconti erotracconti pornostirie pornosorelle incestuosestorie a treit.sesso.racconti