Quello che non ti aspetti

Scritto da , il 2019-11-05, genere etero

Busso alla porta del pub. Lo so che è chiuso, sono le nove di mattina. Ma so anche che dentro c’è Lewis che sta rimettendo in ordine e preparando il locale. Mi apre, mi sorride. E’ un ragazzetto educato, nemmeno tanto carino, anzi. Completamente anonimo, un ectoplasma avrebbe più personalità. Tuttavia, poiché lui è gentile con me (immagino su indicazione di Tess), io sono gentile con lui.

Mi dà la brutta notizia che, poiché è domenica, la pasticceria dove ogni mattina Tess lo manda a prendermi i croissant salati è chiusa. Ma se voglio, dice, mi può fare delle uova strapazzate con le salsicce. Ho una fame bestiale, mangerei qualsiasi cosa. Gli dico che per me vanno bene anche delle bistecche di dinosauro, mi risponde che sono finite. Cazzo, mi dico, l’ha capita.

Mi siedo a un tavolo e mi dico cazzo un’altra volta. Anzi, dico: cazzo, cazzo, cazzo! Ho dormito un’ora, cazzo. Sono distrutta, cazzo. Nemmeno la doccia fredda poteva rimettermi su, chiaramente, cazzo. Ho i capelli ancora un po’ umidi e mi sono vestita per il viaggio, jeans e maglioncino di cotone. Stamattina fa freschetto. Ma nemmeno questo freschetto riesce a darmi una scossa.

Mi ripeto un’altra volta “cazzo!”. Ma stavolta non è un’imprecazione. E’ allo stesso tempo una proiezione di desiderio e una frustrazione. Mi ci sono svegliata, con la voglia di cazzo. Da questo punto di vista, il contrasto con il mio torpore è assurdo. E’ assurdo che a volte si possa avere così tanta voglia. Sono completamente accesa. Non so come sia possibile ma è così. Solo che so benissimo che la voglia me la dovrò tenere. Tra un’ora, massimo un’ora e mezza, scenderò in metropolitana. Poi Heathrow, poi il volo, poi Fiumicino, poi mamma e papà, poi un altro volo. Poi Cagliari, poi il transfer, poi il villaggio turistico. Sarà un miracolo se riuscirò a cenare, mi ha detto Serena.

Capite bene che non è aria di pensare al cazzo, con questo programmino davanti, no? Eppure ci penso, non posso fare a meno di pensarci. Per questo vi dicevo che è al tempo stesso un desiderio e una frustrazione.

Se stanotte, dopo avergli fatto un pompino nella toilette, quello stronzo di inglese almeno mi avesse scopata non sarei in queste condizioni, è chiaro. Ma del resto, più che abbassarmi i leggings e supplicarlo che potevo fare?

Se un paio di ore più tardi, dopo averlo succhiato anche a lui, Davìd avesse scopato me anziché Tanita non sarei in queste condizioni. Però il cazzo l’ha messo dentro di lei, che ci posso fare?

Sì, certo, il ditalino che mi ha fatto Tanita non è che sia stato proprio acqua fresca, eh? Cristo santo, era da tanto che non sentivo una scossa simile. Ma in un certo senso, anziché placarmi, mi ha messo addosso una foia più devastante. Ci ho pure provato, a masturbarmi. Ma ho capito subito che non è cosa. Non è quello che voglio, di cui ho bisogno. Ho un bisogno insopprimibile di essere riempita. Per dirla tutta, ho bisogno di essere sbattuta con una certa violenza.

E invece devo stare qui a dondolarmi su questa cazzo di sedia aspettando che Lewis mi porti la colazione, stringendo in modo più o meno inconsapevole le cosce. Con la testa gonfia come un pallone. Ridendo tra me e me quando prendo in considerazione l’idea di andare di là in cucina e farmi scopare da Lewis. No, beh, va bene la voglia ma non sono arrivata a questo punto.

Le cose, se possibile, peggiorano quando arriva Davìd. Non mi aspettavo di vederlo, ma è probabile che dopo avere lasciato in gestione il locale ai ragazzi per una sera abbia bisogno di controllare un po’ di cose. E infatti si dirige alla cassa. Avrà dormito un’ora pure lui, come me, magari qualcosa in più, eppure sembra in perfetta forma.

Mi guarda, non saluta. Lo guardo, neanche io saluto. Del resto non è che ci sia bisogno di molte parole, no? Cosa dovrei dirgli? “Buongiorno, Davìd, sento ancora in bocca il duro del tuo cazzo”? Tuttavia, in questo scambio di sguardi che va avanti per qualche secondo, sono io che ho la peggio. Ve l’ho detto nel capitolo precedente, lui è uno che quando ti guarda sembra che ti scopi il cervello. Almeno a me fa questo effetto. E quindi abbasso gli occhi. Un po’ perché l’eccitazione sta ormai raggiungendo livelli insopportabili e inizio a sentire l’umido nelle mutandine, un po’ perché mi sento in colpa.

Sì lo so, sembra una cazzata. Ma certi meccanismi mentali sono imprevedibili. Solo qualche ora fa ero inginocchiata sull’erba di un parco che glielo succhiavo e adesso mi vergogno. E’ per Tess che mi vergogno. Perché mi ha trattata come una figlia e io gli ho spompinato il marito. Così, tanto per ringraziarla. Che troia che sono. Cristo, se solo smettesse di guardarmi…

Però a un certo punto bisogna prendere il coraggio a due mani, anche perché ho finito di fare colazione. Mi alzo e vado alla cassa. Per fortuna lui sta controllando qualcosa nei conti. Gli dico che devo pagare e lui mi fa “no, non preoccuparti” con la sua calata spagnola. E nel dirmelo mi rimette gli occhi addosso. Credo di arrossire violentemente, ma faccio di tutto per sostenere il suo sguardo.

La cosa migliore da fare sarebbe ringraziare e andarsene. Ma poiché ve l’ho appena detto che certi meccanismi mentali sono strani, in questo momento sento il bisogno di giustificarmi.

– Senti, Davìd – gli dico cercando di tenere il volume della voce più basso possibile – volevo dirti che io non ho mai detto a Tanita che volevo baciarti né, si insomma, né farti quello che ti ho fatto… Si è inventata tutto lei…

– Lo so benissimo – risponde – però mi hai baciato e mi hai pure fatto un pompino, sia pure in condivisione con quella cagna…

Mentre me lo dice non smette di fissarmi. E quello sguardo… sì, quello sguardo è lo stesso di stanotte. Mi penetra, mi viola. Lo avverto nettamente, è come se il mio cervello in questo momento gli stesse aprendo le gambe, davanti a quello sguardo. E io allo stesso tempo, in mezzo alle altre gambe, quelle vere, mi sto scaldando, bagnando, contraendo.

Non so se è il ricordo di questa notte o sono le sue parole. Non so nemmeno se è la mia eccitazione o se è perché lo trovo davvero arrapante, maschio. E, infine, non so se sono io che sono una irrimediabile stronza. Fatto sta che torno a pensare a Tess. Non per la bontà con cui mi ha trattata ma per quello che è. Una donna non bella, segaligna, dai lineamenti duri, con dei capelli improbabili che la fanno sembrare un manico di scopa. E poi, immediatamente dopo, penso a Tanita. Alla sua pelle scura e tatuata, al modo in cui l’adipe le fa strabordare le tette strizzate in quelle canottierine, al ghigno con cui stanotte mi diceva “sweetheart”, al suo sedere oversize messo a nudo e esposto sul sedile della macchina di Davìd. Penso a loro due e alla bellezza dell’uomo che mi sta davanti.

Forse ho una considerazione di me stessa troppo alta. O forse, come vi dicevo, sono proprio una stronza oltre che una troietta. Ma non posso farci proprio nulla, sapete? Proprio non riesco a fermare le parole che mi sfuggono di bocca.

– Davìd, dimmi una cosa… Ma tu non hai mai voglia di scoparti una bella fica?

Glielo dico proprio così, traduzione secca: “beautiful pussy”. Non so nemmeno se inglese si usi, boh, forse no ma sticazzi. Il concetto dovrebbe essere chiaro. Anzi, per chiarirlo meglio aggiungo:

– Io vado su, tra un’ora al massimo debbo andare…

Esco dal pub quasi con l’affanno e il cuore che batte. Non so nemmeno io cosa augurarmi. Svolto l’angolo del vicoletto e salgo la scala di ferro. Non riesco a placare il tumulto che ho dentro, ho il fiato corto. Ok, gli ho praticamente detto vieni su e fottimi, senza dolcezza né pietà. Facciamo una sveltina, che ho troppa voglia e poco tempo. Questo gli ho detto, siamo onesti. Non è scemo, avrà capito. Ma pure se lo fosse l’avrebbe capito lo stesso. Entro in casa e non so letteralmente che cazzo fare. Guardo la mia valigia che attende solo di essere richiusa. Mi dico che dovrei spogliarmi e, in successione fulminea, mi passano davanti agli occhi tutte le opzioni. Completamente nuda, in mutandine e reggiseno oppure con le sole mutandine indosso. O nuda dalla vita in giù, esplicita ed oscena nella mia offerta ma finalmente libera da questo fradiciume in mezzo alle gambe. Dio santo come devo essere ridotta lì sotto.

Ma alla fine di questi pensieri ho un risolino isterico al pensiero di spogliarmi completamente e mettermi ad aspettare ansimante e spalancata come una troia un uomo che magari non verrà.

Chiaramente, in questo turbinio di pensieri e sensazioni, non faccio un cazzo, vado in automatico. Entro in bagno e mi lavo i denti. Guardo allo specchio una biondina con gli occhi azzurri e penso che sono bella, i maschi mi desiderano, perché lui no? Perché non dovrebbe? Stanotte, quando gli ho appoggiato le labbra sul cazzo, non ha mica detto di no…

I colpi alla porta mi sorprendono proprio mentre sono a metà strada tra la porta del bagno e la valigia. Ho un sobbalzo, come se non me lo aspettassi, come se qualcuno mi si fosse avvicinato alle spalle senza farsi sentire e mi avesse fatto “buh!” all’orecchio. Quasi in preda al panico, lancio spazzolino e dentifricio tra le mie cose nel trolley e vado ad aprire la porta. Sul suo volto vedo dipinta la stessa espressione che deve avere un toro mentre si prepara alla monta. Non so perché mi viene in mente proprio la metafora del toro, probabilmente perché è spagnolo. Però per un attimo quasi mi fa paura. Entra in casa come una furia, faccio appena in tempo a chiudere la porta che lui mi afferra e mi bacia. Mi sento cedere le gambe, come stanotte nel parco, mi avvinghio a lui. Percepisco il suo pacco ingrossato contro di me. E, proprio come stanotte, mi inginocchio per succhiarglielo. Non è che abbia proprio intenzione di fargli un pompino sino in fondo, eh? Ho troppa voglia di essere presa. E lui ha probabilmente troppa voglia di prendermi, perché mi fa rialzare ancor prima che mi sistemi sul pavimento. Niente soffocone? Ok, va benissimo così.

Mi prende per un braccio e mi strattona verso il centro della stanza. Non può saperlo ma ho voglia di essere trattata esattamente così. Inizia a dire una serie di cose che non riesco a comprendere. Non so perché mi parli in spagnolo, forse crede che lo capisca o forse anche lui è andato fuori come un balcone. E io, che pure al liceo avevo spagnolo come seconda lingua, dovrei capire qualcosa. Invece non capisco nulla del suo biascicare convulso. Quando però mi gira e mi piega a novanta gradi sul tavolo, “puta italiana” lo capisco benissimo e miagolo come se con quell’insulto avesse già iniziato a scoparmi.

Mi abbassa i jeans alle ginocchia e poi le mutandine. Con troppa foga, le strappa. Sento proprio lo strap e la caduta del tessuto sbrindellato lungo le cosce. Mi afferra le chiappe con entrambe le mani, le stringe, le separa. Mi fa ansimare. Provo a rialzarmi giusto un po’ ma lui mi mette una mano al centro della schiena e mi risbatte giù sul tavolo. In questo momento spero proprio che non sia uno di quei tipi che si divertono a tirarla per le lunghe per farti salire l’eccitazione, anche perché se mi sale un po’ di più esplodo.

Gli piagnucolo tutta la mia voglia e la mia soggezione, gli piagnucolo “fottimi” in inglese. Lui ringhia ancora “puta” e io miagolo ”oh sì”, in italiano, prima ancora che me lo infili dentro. Quando però me lo infila dentro per davvero il mio “oh sì“ diventa un urlo. Adesso capisco cosa aveva tanto da strillare Tanita ieri sera. Davìd non avrà un gran cazzo, ma è duro in modo inverosimile, mi sembra di essere scopata dal pestello di un mortaio di marmo. Marmo rovente, però. Urlo e mi contorco, cerco appigli per le mani. Ma nemmeno questo però deve andargli bene perché aumenta la pressione della mano sulla mia schiena e mi spalma giù sul tavolo. Mi sento costretta e quasi soffocata, con le braccia larghe, ma se continua a scoparmi così va benissimo lo stesso.

Non capisco praticamente nulla di quello che dice, ma di certo non mi sta parlando dell’uguaglianza di genere e della parità uomo-donna. Della valanga di insulti che mi starà rovesciando addosso colgo solo “zorra” e “puta”, cagna e puttana, ma è più che altro il tono che mi eccita e mi fa sentire oltraggiata e sopraffatta.

E io questo oltraggio e questa sopraffazione li adoro, mi fa impazzire essere in questo momento nient’altro che una fica a sua disposizione. Vorrei essere molto più indecente e gridargli “fottitela, questa zoccola italiana” o cose così, ma proprio non ce la faccio, sono travolta. Non mi sta scopando come se fossi la ragazzina che ieri sera gliel’ha succhiato, mi sta proprio usando come una puttana.

Non è nemmeno tanto “quello” che mi fa, è “come” me lo fa che manifesta la considerazione che ha di me: anche se mi dicesse mille volte troia, il concetto non potrebbe essere più chiaro. E’ una sensazione impossibile da descrivere e da spiegare. Mi piace la sua arroganza, la voglio. Me la sento dentro la sua arroganza, come se a ogni colpo il suo cazzo me la spingesse sempre più in profondità. E’ terribile. E’ fantastico. E del resto, una puttana come me merita di essere scopata così. Gliel’ho chiesto io di farlo, lui ha scelto solo il modo. Non faccio altro che urlare “sì Davìd” e supplicarlo di continuare, di non smettere, di essere più cattivo.

Ma non penso proprio che lui vada avanti, ossessivo e martellante, perché glielo chiedo io. Va avanti e basta, durissimo. Mi rendo conto di piagnucolarglielo persino “oddio Davìd quanto è duro… quanto sei duro… so hard… fuck, fuck me!”. Sì Davìd, fottimi, sbattimi che lo sento arrivare. A pulsazioni, a ondate. Non è un orgasmo di quelli che mi prendono e mi portano via, di quelli che per qualche secondo fanno spegnere tutto. Ma quando arriva mi scuote, mi sballotta, lo sento. E lo sente pure lui, questo è sicuro. Lo sente con le orecchie perché cambia il mio modo di gridare, lo sente con le mani che devono tenermi ancora più ferma e probabilmente lo sente anche con il cazzo che la mia fica sta stringendo.

E dopo il primo ne arriva un altro. Meno intenso ma più lungo, infinitamente più lungo. Mi sembra di non smettere mai di venire, così come lui non smette mai di tenermi appiattita sul tavolo e di scoparmi.

Sto ancora vibrando per questo orgasmo, che lui si sfila dalla fica e, senza nessun tipo di preavviso, mi incula. Ok, se non fossi stata intorpidita dal piacere avrei dovuto capirlo che stava per farlo. Ma è pur vero che lui è stato velocissimo a tirarlo fuori e a trovare l’altro mio ingresso. Ed è stato anche velocissimo a spingere. Non mi è quasi restato il tempo di dire “N”. Ci mette un secondo a dilaniarmi. Un secondo durante il quale l’attrito e il bruciore non mi lasciano nemmeno la forza di strillare. Mi manca la lucidità e forse è un bene. Ed è un bene anche che non abbia un super cazzo, che gliel’abbia talmente bagnato e che io sia talmente eccitata che… Sì, insomma, entrando poteva farmi molto più male. Invece per un attimo ho sentito scivolare la punta dentro il buchino, violarlo, e non mi è affatto dispiaciuto.

E’ quando entra tutta intera la sua durezza che arriva il fuoco, che arriva il mio strillo scannato. Seguito da un altro e poi da un altro ancora. E più strillo più lui continua e mi spinge giù sul tavolo.

Va avanti così per non so quanto. Deciso, energico, come quando è entrato. Fregandosene altamente dei miei strepiti, dei miei “no!” e dei miei pianti. Così come un attimo fa mi riempiva la fica adesso mi riempie il culo. Inesorabile, spietato, feroce. Dio, che lezione che mi sta dando. Così imparo a fare la zoccola e a provocare… Piango come una bambina, piango il dolore e la rassegnazione, perché so che questa tortura finirà solo quando lo decideranno i suoi coglioni.

Però, proprio i suoi coglioni, sono forse il motivo per cui succede una cosa che non mi è mai successa prima.

Succede che nonostante io continui a piagnucolare “no, no, basta” a un certo punto riconosco che non è vero, che mi piace, che sto davvero iniziando a sentire un piacere assurdo che non so nemmeno da dove provenga. E non è nemmeno il piacere che deriva dalla consapevolezza di essere usata, manco per niente. E’ proprio il piacere della sua carne dura che fa avanti e indietro nel mio intestino. Piacere fisico, non psicologico. Mi incula, mi insulta, dice che sono una troia ma allo stesso tempo dice che ho un sedere meraviglioso, fatto per essere scopato. Credo che certe cose prima me le dica in spagnolo e poi le traduca in inglese, quando si rende conto che non capisco. Ma basterebbe il tono, ve l’assicuro.

Se solo sapesse quante volte ho rifiutato di farlo in questo modo svergognato e quanto invece mi fa godere adesso… Io ripeto “no, no, no” ma è come se, oltre che mentire a lui, mentissi a me stessa. Devo riconoscerlo, mi piace, mi sta piacendo da matti. Ok. Trilli, Stefy, Serena… ok avete ragione. Mi sento gonfia, piena, lo sento in pancia. E’ fantastico. Cazzo sì, è fantastico, mi arrendo.

Ma vi dicevo dei suoi coglioni, prima. Come dire, non ne sono proprio sicura, ma penso che il momento decisivo sia stato, come mi disse una volta Trilli in uno dei suoi slanci di esasperato romanticismo, “quel momento in cui senti che lui ti è tutto dentro, ti ha aperta, e i coglioni ti sbattono sulla fica”. Forse sarebbe andata lo stesso come è andata, ok, però la scossa che ho sentito in quell’istante è stata comunque qualcosa di unico. Una carezza dei suoi testicoli sulle mia labbra ancora aperte e gonfie. Poi un’altra. Mi sento completamente liquida e immediatamente dopo, fatto salvo il paletto di Davìd piantato dentro, completamente svuotata, senza forze. Si fa buio e credo di avere per un secondo la stessa espressione che ogni tanto mi capita di vedere nei video porno, quando alla protagonista si girano gli occhi e tra le sue palpebre semichiuse si vede solo il bianco.

Le mie urla diventano lamento, il mio lamento diventa piagnisteo, il piagnisteo diventa gemito. Dolore. Sorpresa. Dolore. Sorpresa. Piacere. Mi piace. Cazzo, non ci posso credere, mi piace. Non è che il dolore sia sparito, eh? Nemmeno per il cazzo che è sparito. Ma c’è il piacere. Si mette accanto al dolore. Si alterna, si mischia. Urla.. Gemiti. I gemiti si fanno miagolii. E i miagolii diventano preghiere imploranti.

E dopo che comincia a piacermi mi sento cagna. Non è solo un modo di dire, mi sento davvero cagna nel culo e nel cervello. Sto godendo, cazzo, non è possibile. Sono la prima a non crederci. Grido insieme al mio dolore il piacere indecente di accogliere un maschio dove non avrei mai pensato che un maschio potesse darmelo, questo piacere. Lo so che conoscendomi non mi crederete, ma quasi mi vergogno di provare tanto piacere.

Certo, c’è anche il lato mentale della cosa. Lui mi domanda quanto sono troia, quanto sono zoccola, sempre alternando le domande tra lo spagnolo e l’inglese quando sente che non rispondo. Vuole sentirselo dire, il porco. E io sono talmente prigioniera della sodomia che mi impone da ripeterglielo, da rispondere a ogni sua sollecitazione oscena tra un gemito e l’altro, tra uno strillo e l’altro. Mi chiede “dove è il mio cazzo?” e “cosa sto facendo, troia?”. Psicologicamente è eccitantissimo sentirselo dire e replicare con un filo di voce “nel mio culo” e “mi stai fottendo il culo”.

C’è anche questo piacere, non posso negarlo, anche se non è nemmeno paragonabile a quello provato con Edoardo, il Capo, quando decise di farmi la stessa cosa con il suo maxi mega cazzo a Nizza, in quella stanza d’albergo. Allora il piacere fisico nemmeno si fece vedere, anzi ero convinta che sarei morta di lì a poco. Ma la sensazione di essere presa e posseduta che mi dà Davìd non si avvicina nemmeno a quella del Capo. E anche la sensazione di sottomissione c’è, è ben presente e mi regala piacere, ma non è come quella. Come di Edoardo non sono mai stata di nessuno.

No, ve lo ripeto. Anche se sono io la prima a essere sorpresa, il godimento vero è quello che proviene da questa scandalosa penetrazione, da questo sfregamento sconcio. A volte urlo di dolore e piango. Ma a volte, sia pure con le lacrime che mi rigano le guance, le mie sono urla di vero e proprio piacere che si susseguono finché non esplodo in un inverecondo e sublime “SI’!”. Che mi rimbomba nel cervello prima di rimbombare nella stanza. Che ripeto e ripeto sotto le sue spinte. Sono io e non sono io, i miei gemiti e i miei strilli non sono i miei, ma escono da me.

Quando roco e affannato mi domanda “te gusta por el culo?” finalmente lo capisco. Aveva ragione lui, in fondo, tra latini ci si intende, soprattutto su certi particolari. E in fondo a scuola ci sarò pur andata per qualche cosa, no? Sì que me gusta, Davìd, vai avanti Davìd, davvero, me gusta mucho, non smettere. E’ bello. E’ beeeelloooo!

Mi incula per cinque minuti buoni, un tempo indefinibile, un’eternità. Più va avanti più i suoi affondi sono tremendi. Mi fa impazzire come mi scivola dentro ormai e come lui continui a ripetermi cose che non capisco ma di cui colgo il senso. Lo so, lo sento, ne sono sicura, mi dice che sono solo una troia rottainculo. Non so perché, ma sono certa che mi stia insultando così.

Finché ho bisogno di venire. Sì, proprio bisogno. Non so se sono capace di farlo in questo modo, non credo. Mi sento come se fossi tesa, gonfia di piacere. In un certo senso è terribile, perché avverto l’irrefrenabile necessità di esplodere e al tempo stesso mi è impossibile. Ma quando riesco un po’ a divincolarmi dalla sua spinta che mi schiaccia sul tavolo e a portarmi una mano tra le cosce, beh, lì basta un tocco.

Non so bene. So solo che improvvisamente mi disarticolo, scatto e mi irrigidisco, ho una contrazione pazzesca e lancio uno strillo animale. E subito dopo non capisco più un cazzo di niente, se non che spruzzo qualcosa che certamente allagherà il pavimento.

Tremo, fuori controllo. Non solo le gambe, sto tremando tutta. Non riesco a ritornare in me. Cerco disperatamente di farlo, ma non ci riesco. Come non riesco a dire “basta”. Basta, basta, perché non ce la faccio più. La sensazione del suo seme caldo schizzato nelle mie viscere è insostenibile, il suo urlo rauco nelle orecchie è insostenibile. Mi fa piagnucolare, o forse sto proprio piangendo, ma sticazzi. L’unica consapevolezza che ho è che il mio peso è appoggiato quasi tutto sul tavolo e che solo questo mi impedisce di rotolare per terra.

Tremo e biascico nemmeno io so cosa. Chissà che cazzo mi sono messa in testa di dire. Non lo so e non ha importanza, tanto non riesco a dire nulla. Subisco completamente passiva il dolore quando si sfila, l’indecenza dell’aria che entra e del mio buchino che pulsa, la volgarità del suo commento incomprensibile, l’oltraggio del suo cazzo che si pulisce sulle mie natiche. E mentre tremo ascolto alle mie spalle il rumore che fa quando si tira su i pantaloni e se li sistema, i suoi passi. La porta di casa si richiude, e io sto ancora tremando.



Questo racconto di è stato letto 3 1 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di erotismoracconti porno genivracconti tradimenti annunci 69milù raccontiscopate storiestorie hot gratisracconti di slavestorie pornpwww.eroticiraccontierotici racontiracconti moglie ninfomanele seghe di mia ziaracconti ziapompino a mio figlioracconti milu comracconti erotici zoofiliracconti eoticiraccnti pornodottoressa vogliosaerotici racconti 69chiavo mia madreiomilu racconti eroticiracconti erotici travestitostorie di sesso con animalisuocera eroticasi fa inculare dal cavallomilu eroticiracconto incestoracconti eraticiracconti di donne matureracconti porno tradimentiracconti sesso suoceraracconti erotici di moglieracconti di enemainculata da un vecchiorracconti eroticierotci raccontiracconti sex 69annunci 69 racconti eroticiracconti erpticistorie ponowww.incesti.comporno raccontiracconti fetishracconti hard incestracconti hard freei racconti di maluracconti cuckold realiincesto italiano padre figliascopare raccontiracconti erotraccontu pornoracconti erotici campeggioracconti erotici gay & bisexeroticoraccontiracconti prime esperienze lesboracconti guzzon59racconti di mogli zoccolerracconti eroticiracconti erotici animalracconti erotici scambio di coppiaracconti incesto lesbotacconti pornotrampling storieracconti segretariainculate raccontiracconto analeracconti di troieguzzon59racconti sottomissionei racconti di milracconti di sesso gratisracconti gay incestinon c'è cosa più divina che scoparsi la cuginaracconti porno maturesesso raccontiracconto erotracconti efoticiraccont 69racconti cucklodracconti porno di donneracconti incesto mamma e figliaraconti erotici gayi piedi di mia cuginaracconti erotici con il cane