Club privé

Scritto da , il 2019-11-05, genere etero

Un racconto scritto tempo fa, a quattro mani, insieme a Lupo Alberto.

Spero sia gradito.

Alessio è un uomo arrivato. A 58 anni ha una solidissima posizione economica grazie ad un brevetto giovanile su cui ha fondato una piccola ma fiorente industria. Ha una moglie di 52 anni con cui è sposato da 30 e due figli oramai adulti che lavorano nell'azienda di famiglia.
Ha tutto eppure ha un cruccio, un qualcosa che non lo fa stare tranquillo. Sua moglie Clara è una donna piacente con il problema di come passare il tempo dopo che si è ritirata anticipatamente dal lavoro. In 30 anni nessuno screzio tra di loro. Anche dal punto di vista sessuale, senza particolari trasgressioni, il feeling è buono con rapporti senza scadenza prefissata ed appaganti per entrambi. Questo fino a qualche mese fa.
Ad un certo momento Clara ha cominciato ad essere svogliata, accampando scuse per non concedersi, dimostrandosi svagata durante il giorno e stanca la sera, uscendo spesso con delle amiche. Per un istante Alessio ha pensato che lei lo stesse tradendo, rifiutando il pensiero e non avendo motivo per dubitare che le uscite fossero effettivamente con le amiche visto che passavano a prenderla e la riportavano. Però il tarlo, una volta entrato, era sempre presente nei suoi pensieri. Così decide, una sera, di seguire lei e le sue amiche per vedere dove andavano e cosa combinavano. In un'auto noleggiata, attento a non farsi notare, le ha pedinate fino a un locale in periferia dove le ha viste bere due drink chiacchierando gaiamente e rifiutando l'approccio di alcuni uomini. Si è rasserenato dandosi dello stupido per i propri sospetti davanti a quella che appariva come una tranquilla serata tra amiche.
Certo, si è detto, lei si annoia e adesso queste amiche la divertono. L'importante è che non diventi alcolizzata ma, d'altronde, non è mai rientrata ubriaca. Sta pensando questo quando le vede uscire allegramente e risalire in auto. E' ancora presto per rientrare, rispetto alle altre volte, e così decide di seguirle ancora per vedere in quale altro locale, presume, si stiano recando.
Guida ancora per una mezz'ora fino ad arrivare ad una casa isolata con un'insegna luminosa: HABANERO. Le vede entrare salutando il bodyguard all'esterno come se lo conoscessero da tempo e, attesi dieci minuti, le segue.

- Buonasera, è solo o in compagnia? -

- Solo' ha importanza? -

- Certamente, gli uomini soli hanno una tariffa a parte. E' la prima volta che viene qui vero? -

Interrogato dall'uomo con un tono all'improvviso indagatore, Alessio improvvisa:

- Sì, me ne ha parlato un amico e questa sera avevo voglia di qualcosa di diverso. Non sono però ben sicuro di come funzioni. -

La risposta pare tranquillizzare l'armadio a tre ante che lo indirizza alla cassa per il biglietto ed ogni spiegazione.

- Buonasera, è solo? -

- Sì, io... -

- Allora fanno 400 euro, gli uomini soli pagano doppio. vedo che non ha una mascherina, eccola se la vuole. -

La donna alla scrivania, dietro sua richiesta, gli spiega sommariamente cosa stia comprando con 400 euro (anzi 600 perché essendo un club occorre tesserarsi ed i 200 in più servono a riempire la sua tessera con dati inventati al momento) ed Alessio scopre che è un locale per scambisti, uno di quelli di cui ha sentito parlare, dove le coppie e anche i singoli vanno per fare sesso con sconosciuti senza essere riconosciuti. Non tutti sono interessati all'anonimità, perché diversi sono senza mascherina, ma la maggior parte risulta irriconoscibile. Il pezzo forte del locale è una grande sala orchestrata come il Colosseo: al centro un letto enorme ed intorno, in file concentriche, pedane con tavoli e divani. Lo spettacolo, sul lettone, lo danno degli attori fisicamente ben messi, sia maschi che femmine e chiunque voglia partecipare, purché col beneplacito degli altri. Si mette a sedere al bar, posto nel punto più in alto, e si guarda intorno ordinando uno scotch.

Ci sono diverse coppie sui divani, intente ad attività facilmente intuibili, anche qualche donna sola che si guarda intorno cercando qualcuno attraente, gli uomini soli sono principalmente ai tavolini. La cassiera gli ha anche spiegato che i suoi soldi non andranno buttati poiché c'è anche la classica dark room dove si fa sesso senza vedere con chi, superando ogni esame di gradimento. Sul lettone una coppia, formata da un nero alto forse due metri, muscoloso, si sta facendo succhiare l'uccello da una biondina slavata. Solo loro due, insieme a pochi altri, sono professionisti e servono ad iniziare ed invogliare gli altri ad unirsi. Alessio si chiede come alla moglie possa piacere una cosa del genere, non ha mai dato segno di voglie voyeuristiche e poi, di colpo, la vede. La riconosce soprattutto per l'abito con cui è uscita che ricorda bene di averle regalato lui. Un abito lungo, di lamé dorato con ampi spacchi, senza bretelline. Riconosciuta lei, riconosce anche le sue due amiche, Marisa e Agata. Sono tutte e tre vicino al lettone, ridacchiano eccitate bevendo qualcosa e guardando la coppia. All'improvviso Clara fa cadere a terra l'abito, si toglie le scarpe e, con indosso solo calze e reggicalze, scende i due gradini che la separano dal morbido palcoscenico.

Alessio la vede avvicinarsi ai due attori, carezzare i muscoli del braccio di lui e inginocchiarsi di fianco alla biondina. Le due si scambiano un bacio come per salutarsi e la ragazza le cede il posto alzandosi e prendendo a baciare il gigante nero. Inebetito, Alessio vede sua moglie spompinare di gusto l'uomo. Beve con un solo sorso il liquore residuo e fa cenno ad una cameriera, anche lei in abiti succinti, di portarne ancora. Assiste alla fellazione incredulo, incapace di pensare.

- Ariecco quel troione, stasera ne vedremo di belle -

Sentendo la frase si gira e vede, nella semioscurità, due uomini più giovani di lui a poca distanza. Uno indica il palcoscenico all'altro ridacchiando. Alessio si fa forza e fa cenno alla cameriera di portare da bere anche ai due vicini.

- Scusate se mi permetto, sono nuovo e non comprendo bene ciò che accade. -

I due accettano i drink e si prestano volentieri a dargli ogni spiegazione.

- Marcus e Lita, il nero e la bionda, sono due attori professionisti, credo che facciano anche film. Iniziano loro per scaldare l'ambiente e poi chi vuole può buttarsi nel mezzo, come quella che gli sta facendo un bocchino ora. -

- E' una cliente abituale? Credete che si possa...? -

I due ridono guardandosi a vicenda.

- Amico mio, senza offesa, si vede che hai qualche anno in più. Sul lettone ci potresti anche andare ma non è detto che lei ti accolga. Chiunque può partecipare purché chi è già sopra sia d'accordo, e lei e le sue amiche di solito accettano solo giovani e in forze. Da quando vengono qui è diventata una regola non scritta che finché ci sono loro sopra sale solo chi è chiamato. Quando avranno finito saliranno anche altri con meno pretese e lì non avrai problemi a buttarti. -

Alessio è preda di una profonda ira che, inaspettatamente, lo rende calmo e lucido. Vuole saperne di più, vuole sapere tutto.

- Accidenti, quella mi piace, quindi non c'è proprio speranza? -

- Dipende' -

I due si danno di gomito.

- Guarda, è per ringraziarti dei drink. Se hai pazienza, ogni tanto quelle tre, dopo aver fatto le loro porcate li sopra, vanno nella dark room, e lì non possono vedere chi sei. -

- Ma come faccio a riconoscerla al buio? Magari mi scopo una delle sue amiche. -

- La riconosci dalla voce, anzi dal miagolio. -

- Dal miagolio? -

- Sì, tra un po' la sentirai anche da qui. Lei quando è partita non parla, miagola. -

Alessio fa un cenno ai suoi nuovi amici e si porta ad un tavolino in basso, vicino al lettone, da dove può assistere bene a tutta la scena. Adesso sul palco sono salite anche le amiche di Clara ed un ragazzo giovane. Sorseggiando pensoso il suo drink, Alessio guata i corpi che si intrecciano, sua moglie che viene scopata prima dal ragazzo e poi dal gigante nero. Assiste da non più di tre metri allo spettacolo di Marisa che si impala sopra il ragazzo ma, soprattutto, alla sodomizzazione furiosa a cui Marcus sottopone Clara mentre lei ha la testa tra le cosce di Agata.

- SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII' SFONDAMI'.. SFONDAMIIIIIIIIIIIIIIII -

Con distacco, Alessio nota che è vero, la voce di Clara assomiglia ad un miagolio mentre gode sotto i forti colpi dell'uomo. Guarda la scena come se non lo riguardasse, riconoscendo sua moglie in alcuni movimenti, in alcuni versi, non nella foia pazzesca che dimostra, non nel riso da baccante con cui accoglie la sborrata nell'intestino, non nella foga con cui ficca le dita nella vagina dell'amica.

Durante la piccola orgia ha visto un uomo corpulento tentare di salire sul lettone e fatto allontanare da un gesto di Marisa che ha invece ben accolto un altro ragazzo giovane facendosi penetrare davanti, chiusa in un sandwich che si gode imitando e superando Clara per le urla di piacere. Amenamente si chiede come sia possibile che facciano tanto le schizzinose sul palco e poi accettino chiunque nella dark room, ma è una domanda retorica perché, ammette, non è più in grado di capire la moglie. Ordina un altro drink, sentendosi la testa leggera ed attende che Clara e gli altri abbandonino il palcoscenico, subito sostituiti da un'altra coppia di attori e da vari spettatori eccitati dalla performance appena conclusa.

Gira la testa, rifiutando il muto invito di una donna sua coetanea che lo guarda e poi si butta nel mezzo togliendosi gli abiti. Non gli interessa, vuole seguire Clara e lo fa, vedendola dirigersi verso una porta seminascosta. La oltrepassa e subito incontra i due uomini del bar.

- Allora hai seguito il mio consiglio. -

- Sì' l'ho vista varcare questa porta. Dov'è? -

- E' di là, c'è un bagno dove ci si può dare una rinfrescata. Ma aspetta, tra poco andranno nella stanza, anche noi stiamo aspettandole. -

Il cameratismo dimostrato dall'uomo è utile ma il senso di fastidio nel pensare che tra poco, forse, gli starà scopando la moglie, lo infastidisce. Si fa dire qual è la dark room e, con la scusa della curiosità, si inoltra lungo il corridoio guardando attraverso usci senza porta. Vede, nella luce fioca, corpi aggrovigliati senza distinzione di sesso od età. Si ferma nell'osservare una signora chiaramente più anziana di Clara che è penetrata contemporaneamente da due uomini, uno giovane ed uno maturo. Vicino a loro due donne ed un uomo abbracciati che si scambiano carezze. Un tocco sulla spalla lo distrae:

- Dai amico, sono entrate adesso. Vieni, e fai attenzione a non toccarmi il culo ah ah ah. -

Il fastidio precedente aumenta guardando l'uomo con gli occhi che brillano per l'eccitazione. Lo vede spogliarsi in una specie di disimpegno con panche ed armadietti e lo imita seguendolo poi per una porta che conduce ad un altro disimpegno più piccolo, la luce appena accennata, e da lì, tramite un'ultima porta, nella stanza buia. La vista oramai è inutile, l'udito è aggredito da una serie di versi. Alessio è fermo sulla porta chiusa alle sue spalle, i due uomini si sono già addentrati. Poco dopo la vista si abitua al tenue bagliore di poche e fioche lampade che permettono a malapena di distinguere i contorni dei corpi. Seguendo il consiglio attende di sentire i 'miagolii' e, uditili, si sposta a destra di fianco ad un uomo a cui una figura femminile inginocchiata sta facendo un pompino. Sente una mano morbida toccarlo, cercargli i genitali e carezzarli prima che una bocca avida lo ingoi. Non è molto predisposto Alessio ma l'eccitazione monta comunque ed il suo cazzo si erge riempiendo la bocca ospitale. La donna, non è sicuro sia Clara, si alterna a sbocchinare lui e l'altro ed Alessio apprezza distraendosi per diversi secondi. Di colpo un miagolio, un verso acuto di piacere, forse un metro più avanti. Fa un passo, un altro. Distingue due forme femminili abbracciate.

- Sì, così, mettimi le dita dentro. -

Riconosce Clara che sta scambiando carezze saffiche con non sa chi. In lui monta la rabbia, si trattiene dallo strattonarla e farsi riconoscere. No, vuole sapere fino a dove è capace di spingersi. Si accosta alle due aggiungendo le proprie mani a quelle dell'altra donna sul corpo di Clara, le carezza i fianchi, i seni, le natiche. Spingendosi fino a incontrare le dita dell'altra, tornando indietro e spingendo le proprie nell'ano ancora un po' dilatato dalla sodomizzazione sul palco.

- mmmmhhhhh'. Bravo, così -

A Clara piace sentirsi penetrare dalle dita dappertutto ed allunga la mano incontrando il cazzo duro di lui, saggiandone la consistenza, masturbandolo piano. All'improvviso viene strappata dalle braccia dell'amica e spinta su un divano attaccato alla parete. Fa per protestare ma il tocco di una lingua sulla figa la blocca. Le piace come la leccano, non sa se è la donna o l'uomo ma si bagna sempre più sentendosi stuzzicare nei punti che più le piacciono. Le sembra che quella lingua la conosca, che sappia dove toccare, dove indugiare, dove essere leggera e dove aggressiva.

- CAZZO, LECCHI DA DIO!... Ma chi seiiiii OOOOOHHHHHHH -

Un orgasmo la coglie a sorpresa e la fa contorcere e squittire sovrastando ogni altro verso o rumore della stanza.

- SI GODO' STO VENENDO. STO VENENDOOOOOHHHHHHH. -

Alessio avverte i fluidi copiosi della moglie bagnargli la faccia ma non smette. La conosce ed insiste a leccarla come sa per un altro minuto. Quando la sente fremere ancora le ficca di colpo un dito nel culo provocandole un altro fulminante orgasmo. Senza attendere oltre risale lungo il corpo della donna, le si posiziona tra le gambe e la penetra di botto, scivolando in lei facilmente. Colpisce con forza, muovendosi come sa che più le piace, uscendo quasi completamente e rientrando di colpo fino in fondo, ruotando le anche, variando il ritmo' tutto quello che sa farla impazzire. E Clara impazzisce veramente:

- ODDIOOOOOOHHHHH' MI FAI MORIREEEEEE' DAI, DAI SCOPAMIIIIIIIIIII'. AAAAAHHHHHH GODO ANCORA, GODO ANCORAAAAAHHHHHHH -

Orgasmi multipli la scuotono riducendola a pezzi, capace solo di sbattere la testa in tutte le direzioni, senza poter controllare le gambe che tremano, le braccia che si muovono scoordinate, il corpo che vibra sotto i colpi potenti dell'uomo. Un tempo che pare interminabile, fino a che anche l'uomo raggiunge il proprio piacere uscendo da lei, salendole sopra e inondandole faccia e petto col proprio seme bollente. La chiusura perfetta per lei che adora essere innaffiata. Insegue con la lingua le gocce che le cadono addosso gemendo ancora per il piacere che va scemando. Poi, di colpo, è sola, abbandonata sul divano, senza più la presenza maschile sopra di lei. Se ne rende conto in ritardo ed inutilmente cerca di afferrare la figura che si sta defilando.

- Chi sei' chi sei' aspetta, ti devo vedere' -

Alessio l'ha scopata con rabbia, ogni colpo che le dava era punizione per lei, ricordo per lui, piacere per entrambi. Gode lordandola nel buio e poi si allontana velocemente, uscendo dalla dark room, rivestendosi in fretta e andando via senza ricambiare il cenno di saluto della cameriera che l'aveva servito ed a cui aveva lasciato una generosa mancia.

Clara è faticosamente uscita dalla stanza buia, è irrimediabilmente e deliziosamente spossata. Nel bagno resta a lungo immobile ripensando ai momenti appena trascorsi prima di cominciare a lavarsi. Lì la raggiungono le amiche:

- Ma quanto cazzo gridavi, sembravi una scrofa in calore. Chi è quello che ti scopava? -

- Non lo so, è andato via. Mi ha fatto sentire veramente troia -

Clara guarda le amiche sorridendo, osservando gli sguardi di invidia che le lanciano.

- Beh, speriamo ritorni, non mi dispiacerebbe provarlo -

Il commento di Agata è pragmatico e stringato, ed ognuna delle tre immagina di poter incontrare nuovamente il tizio misterioso.

E' un sodalizio, quello delle tre, nato per caso. Amiche da sempre, con frequentazioni periodiche, hanno iniziato a frequentare quel club dopo la separazione di Marisa, portate da un'amica comune. Inizialmente erano solo Marisa ed Agata, poi hanno convinto anche Clara che ha scoperto, dentro il locale, un mondo che non conosceva fatto esclusivamente di libidine portata all'eccesso. Da quel momento la vita coniugale, che pur non era noiosa, lo è diventata per lei che ha cominciato a trascurare il marito per lasciarsi andare ad ogni tipo di accoppiamento, soddisfacendo le proprie voglie con sconosciuti e sconosciute, partecipando in maniera entusiasta e diventando in breve una star del locale, molto apprezzata dai proprietari che ne riconoscevano la capacità di attirare clienti.

La settimana successiva, le tre tornano al locale preparandosi a dare il solito spettacolo sul lettone. Lo trovano però occupato da Marcus, Lita e una coppia che non conoscono. La donna, dell'età apparente di 30 anni, è una mora molto bella, dal seno prosperoso, abbronzatura integrale perfetta chiaramente frutto di lampade. Tutto il corpo denota una frequentazione assidua di palestre ma, soprattutto, trasuda sesso da ogni poro. La accompagna un uomo sicuramente più anziano di lei, dal fisico ancora tonico, con un principio di pancetta. Una maschera veneziana gli copre interamente il viso. Le tre ci rimangono un po' male a trovare il 'loro' palco occupato ma si distraggono ben presto guardando la performance dell'uomo mascherato. Benché chiaramente con almeno il doppio degli anni di Marcus, è lui che guida le danze. Pare instancabile mentre scopa a turno la mora e Lita e, notano con interesse, le due donne non fingono assolutamente il piacere. La stessa Lita appare coinvolta come non mai mentre lo incita nella sua lingua incomprensibile.

- Possibile sia lui? -

- Lui chi? -

- Quello della dark della settimana scorsa. Cazzo, devo scoprirlo. -

Clara si affretta verso il lettone. Giunta all'ultimo gradino si scioglie il bottone sul collo facendo affastellare l'abito ai suoi piedi e rimanendo meravigliosamente nuda. Si ricorda all'ultimo, un piede già sul palcoscenico, del gesto di cortesia richiesto di alzare una mano per chiedere il permesso di unirsi. Rimane di sasso al diniego di lui che subito si dimentica di lei e continua a scopare da tergo una Lita mugolante a più non posso. Scornata, Clara si siede, subito raggiunta dalle amiche.

- Che è successo? Perché ti ha detto di no? -

- Non lo so, accidenti a lui -

Poi tace, presa dalla scena a tre metri da lei. L'uomo fa un cenno a Marcus che lo raggiunge lasciando la mora e insieme penetrano Lita che oramai non si comporta più da professionista distaccata ma si gode pienamente i due cazzi insieme gridando a perdifiato. Le tre amiche osservano assorte Marcus godere e farsi indietro mentre l'altro uomo prosegue imperterrito fino a che Lita non lo supplica di smettere, che è troppo, che non ce la fa più. La ragazza si lascia cadere a terra cedendo il posto alla mora e l'uomo prosegue con forza, con rabbia, girandosi ogni tanto verso le tre donne sedute poco distante. Solo dopo diverso tempo mostra di essere vicino all'orgasmo, con la mora che continua a gridare di piacere e, ben disposta, si gira e si inginocchia davanti all'uomo ricevendo in faccia e nella bocca l'esplosione liquida di lui.
- Cazzo, mi ha fatto venire solo a guardarlo. -

Commenta Clara che non ha saputo resistere e si è masturbata guardando il gruppo. Le fanno eco le due amiche, anche loro con le dita fradice dei propri umori. Vedono Marcus battere una mano sulla spalla dell'uomo con aria di rispetto, l'altro rispondere tendendo una mano in una stretta cameratesca. Lita e la mora si stringono a lui sorridendo felici ed un moto di invidia pervade le tre amiche. Quando l'uomo e la mora si dirigono verso il bagno per rinfrescarsi li seguono.

- Accidenti, se avessi saputo che eri così ti avrei fatto lo sconto. -

L'uomo e la mora sono soli nel bagno e la donna parla facendo una carezza sulla spalla dell'uomo.

- Ti ringrazio, ma non fa niente. Ricordati però di tenerti libera la settimana prossima e di portare la tua amica. -

- Sicuro che non lo dimentico dopo questa sera. -

L'uomo è Alessio, la donna è una escort che lui ha pagato per fargli da partner. Nella sua testa l'intenzione è di esibirsi per Clara, farle vedere quello che vale, quello che sta perdendo. Rifiutarla come ha fatto poco prima, sicuro che lei avrebbe cercato di unirsi al gruppo. Ancora non sa come rivelarle la sua identità, punto cruciale del tutto, ma è una cosa che prevede più in là nel tempo e non se ne preoccupa ancora. E' orgoglioso di se, i complimenti del ragazzo nero, un professionista, gli hanno fatto un piacere immenso, come pure le reazioni di Lita e della escort. Ammette con se stesso che l'aiutino chimico è stato determinante, ma non dimentica l'importanza della rabbia che ancora lo riempie. Sente la porta aprirsi e si gira vedendo entrare prima Clara e poi le amiche. Clara va subito al sodo:

- Piacere, io sono Clara, mi piacerebbe incontrarti nella dark room, o forse è già successo? -

- Può darsi, lì dentro è così buio -

Alessio lascia il discorso indefinito stringendole la mano e trattenendola tra le sue.

- Perché non mi hai voluta prima? -

Sempre più diretta, Clara pone la domanda che la infastidisce:

- Perché non era ancora il momento -

- E'quando sarà? -

- Lo saprai -

La risposta è sibillina ma quel che la sconvolge di più è il perfetto baciamano nel quale si esibisce l'uomo, con le labbra che sfiorano il dorso della mano indugiando un attimo più del necessario, gli occhi fissi in quelli di lei, carichi di mille promesse.

Per Clara l'incontro con l'uomo diventa un appuntamento settimanale, in cui lei siede a poca distanza dal palcoscenico, a volte con le amiche, a volte da sola, guardandolo impegnato sempre con belle donne, restandoci male quando lo vede, dopo aver fatto cenno di no a lei, chiamare con un gesto un'altra donna del pubblico e farla godere come una pazza. Marcus, Lita e anche altri attori lo accolgono ogni volta come un amico, per loro lo spettacolo non è più un lavoro ma divertimento. Clara prova a sondare il personale del club chiedendo ad una cameriera con cui è entrata in confidenza.

- Scusami, ma chi è quel tipo? -

- Chi? Il Conte? -

- Il Conte? -

- Sì, lo chiamiamo così perché è di un'educazione ed una cortesia unica, oltre al fatto che lascia belle mance. Non sappiamo nulla di lui, solo quello che fa vedere ogni volta e, ti dirò, se non fossi conosciuta mi butterei anche io lì in mezzo. Dio come invidio le donne che si fa. -

La cameriera ha parlato con aria sognante.

- Ci potresti provare dopo lo spettacolo. -

Replica Clara stizzita.

- Lo ha fatto una mia collega. Niente, non ci sta anche se gliel'ha sbattuta in faccia. Però ha un modo di fare che' non lo so, ti fa sentire speciale anche quando ti rifiuta. No, lui viene con una di quelle due, o come stasera con entrambe, e scopa solo loro. A volte, come hai visto, chiama qualcuna ma nulla di più. -

- E nella dark? -

- Lì non saprei, ce l'ho visto andare poche volte. -

Il colloquio con la cameriera ha incuriosito Clara ancora di più. Quell'uomo sta diventando una fissa per lei e come lo vede andare verso la dark si precipita anche lei. Nel buio non è sicura di nulla. Sente gemiti e mugolii, riceve carezze lievi e più audaci mentre si muove tra i corpi allacciati. In un angolo scorge una figura maschile. E' un attimo e come un sesto senso le dice che è lui. Si accosta e con voce suadente chiede?

- Aspettavi me? -

La mano scende ad incontrare l'uccello ancora non completamente eretto. Lo carezza, lo stimola portandolo all'erezione e poi si accoccola sui talloni imboccandolo.

Alessio ha visto Clara parlare con la cameriera, immagina di essere l'argomento della conversazione. Con nonchalance si dirige verso la dark tenendo per mano le due escort che però lascia nel bagno:

- Ci ritroviamo qui. Se volete riposatevi, oppure andate con chi vi pare se vi piace qualcuno. -

- Non possiamo venire con te dentro? -

La mora gli stringe il braccio desiderosa di fare ancora sesso con lui.

- No, casomai entrate dopo e' fate come volete, io ho da fare. -

- Tu hai qualcuna in mente. -

Ridacchia l'altra ragazza.

- Forse. -

Risponde Alessio aprendo la porta.

Nel buio, si mette in un angolo aspettando che arrivi Clara. Chiude gli occhi per abituarli subito alla luce fioca e li riapre sentendo il rumore morbido della porta. Vede la figura femminile vagare nella stanza, fermarsi e muoversi ancora fino a che si dirige verso di lui. Dalla voce ha riconosciuto Clara e accenna appena una carezza ai seni mentre lei gli prende in mano l'uccello e poi, inginocchiandosi, glielo prende in bocca. La lascia fare per un minuto, ricordando i tanti pompini che lei gli ha fatto, prevedendo in anticipo dove userà la lingua, quando lo succhierà con forza, quando scenderà a leccare i testicoli o quando lo prenderà in bocca fin dove può. Sente il piacere sommuovergli i lombi. Così, per puro divertimento, le prende la testa e si muove lui, scopandole la bocca senza che lei faccia alcunché per protestare. Le tiene la testa ferma, profondamente dentro di lei, fin quando la sente singhiozzare per la mancanza d'aria. E' solo un breve istante, giusto per farle provare la sensazione, e poi si ritira lasciandola libera.

- Perché?... -

Chiede lei stupita dell'improvvisa rudezza che viene presto dimenticata perché lui la fa alzare e stendere per terra accucciandosi sul suo ventre. Clara si sente deliziata ancora una volta da quella lingua e quelle mani che sanno favolosamente dove toccarla. Gode squittendo e bagnando il viso di lui, tirandoselo sopra con la forza per farsi penetrare, allacciando braccia e gambe intorno al corpo dell'uomo. Uno, due, tre orgasmi consecutivi le fanno perdere il senso dello spazio e dell'equilibrio. A fatica spinge sul petto di lui per farlo scostare.

- Aspetta' aspetta, fammi voltare -

L'uomo si alza permettendole di voltarsi e poi le cerca ancora la vagina allagata. Incontra la mano di lei che lo stringe, gli impedisce di penetrarla, lo sposta pochi centimetri sopra. Ha appena il tempo di avvertire la dilatazione dell'ano che l'uomo le scosta la mano.

- No -

Dice, e le cerca ancora la figa. Caparbia lei lo afferra ancora, cerca di puntarselo dietro, rincula per farsi penetrare, e ancora lui si oppone.

- NO -

- Perché' perché..? Dammelo dietro, ti voglio sentire nel culo -

- No -

- Ti prego, ti prego' dammelo nel culo, nel culo -

Clara sbava implorando l'uomo di penetrarla contronatura preda di una voglia pazza di sentirsi riempire dappertutto, ma l'uomo si sottrae ancora e, di colpo, la penetra nella figa fino in fondo.

- AAAAAHHHHHHH -

Clara non riesce a trattenere l'urlo sentendosi improvvisamente dilatare, la punta dell'uccello che le cozza contro l'utero provocandole anche un po' di dolore, ma già l'uomo si sta muovendo dentro di lei con forza e le sensazioni piacevoli hanno il sopravvento. Si lascia scopare così, a quattro zampe, guaendo, mugolando, invitandolo a fare più forte, urlando e ancora una volta godendo in continuazione. Come la volta precedente, quando lui sta per godere esce da lei, la fa sdraiare e le si siede sulla pancia schizzandole il proprio seme sul petto e sul volto. In un barlume di lucidità Clara ricorda come 'il Conte' lo faccia spesso, quasi fosse un marchio di fabbrica. E' quasi sicura che sia lui e, per averne la certezza, graffia profondamente la coscia dell'uomo strappandogli una bestemmia mentre le schizza in viso. Alessio sente un forte bruciore lì dove lei l'ha ferito. Intuisce subito il motivo e la aspetta in bagno, lavandosi le striature e le perle di sangue che ne fuoriescono. Non appena Clara entra la affronta spingendola contro il lavabo:

- Cosa pensavi di fare? Il tuo momento sarà quando lo decido io, questi mezzucci non servono a nulla. -

Il tono stizzito del Conte incupisce Clara che mogia torna a casa sentendosi umiliata ma sempre irresistibilmente attratta da quell'uomo. All'arrivo, stranamente, non trova Alessio. Si domanda dove possa essere e, un pensiero tira l'altro, il rimorso per come si sta comportando nei suoi confronti la assale. Decide di farsi trovare carina. Una doccia per togliersi ogni residuo della serata, autoreggenti nere, reggiseno a balconcino, un bellissimo perizoma che, ricorda, lui le ha regalato. Profumo che sa piacergli ed un baby-doll, altro regalo di lui, trasparente. Ha appena finito di rimirarsi nello specchio, piacendosi, che sente aprire la porta di casa.
Alessio, dopo la visita al club, ha perso tempo per riaccompagnare la escort di turno. Infuriato con Clara si ferma ad un bar per bere qualcosa osservando senza interesse la gioventù che fa caciara. Appena a casa, aperta la porta, gli si fa incontro la moglie vestita, o meglio svestita, come da tempo non faceva. Sculetta e gli si accosta, gli sorride carezzandogli il volto. La mano scende verso l'inguine, accarezza da sopra la stoffa l'uccello che non tarda a risvegliarsi ergendosi nelle mutande. Quando Clara inizia a sciogliergli la cintura Alessio ha un moto di di ribellione, sulla faccia una smorfia tra l'arrabbiato ed il disgustato. Con decisione, ma senza violenza, allontana la moglie da se:

- Sono stanco, vado a letto. -

Clara lo vede dirigersi non verso la loro stanza ma verso quella degli ospiti. E' delusa, si sente umiliata per la seconda volta in poche ore. Mestamente torna in camera ed entra in bagno, il desiderio che provava preparandosi all'incontro con il marito non è del tutto scemato. Distrattamente si carezza i capezzoli che si induriscono rinfocolando l'eccitazione. Con le mani tende il seno verso l'alto, fa guizzare la lingua riuscendo a lambire i capezzoli eretti, la mano si intrufola nel perizoma e Alessia comincia a carezzarsi con sempre più foga. Si siede sul bordo della vasca ed il pensiero le va non più a suo marito ma al Conte, all'uomo che tanto piacere ha saputo darle.

- mmmmhhhhhh..sì, voglio il tuo cazzo. Perché non hai voluto darmelo in culo? E' tuo, è pronto. -

Parla con se stessa, entrambe le mani sono ora sul suo inguine, con una si strofina il clitoride mentre si penetra con due dita, con l'altra cerca e penetra l'ano voglioso.

- Sì, così' dammelo' rompimi' rompimi tutta. -

Le dita si muovono più velocemente, l'orgasmo sale e succhi caldi le bagnano le mani, un urlo acuto percorre la casa.. Alessio non lo sente, è già immerso in un sonno senza sogni.

Le serate successive al club sono un tormento per Clara. Il Conte la snobba apertamente preferendole altre donne. Il massimo dell'umiliazione per lei è quando lui chiama sul palco le sue amiche. Seduta a pochi metri, masturbandosi freneticamente, Clara osserva il Conte scopare alla pecorina Marisa, con Agata che si incunea per leccare avidamente la clitoride di lei e i coglioni di lui.

- Aaaaahhhh' siete due porci, mi fate morire, morireeeee -

Vorrebbe allontanarsi Clara, non subire quell'affronto che è oramai evidente per tutti i frequentatori del club, ma non vi riesce, non riesce a staccare gli occhi da quel trio infoiato, non riesce a smettere di carezzarsi e penetrarsi vagina ed ano con le dita, stillando fluidi in continuazione. I suoi occhi vengono prima attratti e poi calamitati da quelli di lui. Solo marginalmente lo vede sputare sull'ano grinzoso dell'amica per lubrificarlo, solo con la visione periferica lo vede infilare il cazzo nella gola accogliente di Agata ritirandolo luccicante di saliva ed umori.

- ODDDDIIIIIOOOOOOOOHHHHHHHHH -

L'urlo dell'amica la fa sobbalzare. Distoglie un solo istante gli occhi da quelli di lui per vedere il suo cazzo che scompare in un sol colpo nell'ano di Marisa che urla per la sorpresa ed il dolore. Poi i suoi occhi tornano su quelli di lui che non smette di fissarla mentre incula con forza la donna la quale, passato il momento iniziale ed abituata a questa pratica, comincia a provarne piacere.

- Oh siiiiiiii, vaiiiii. Rompimi tutt,' riempimi di sborra, sono una troia, 'dai... daiiiiiiiiiii -

Esasperata, penetrandosi con forza con le dita, Clara è incollata ai suoi occhi, alla luce che pare provenirne. Le sembra che stia scopando lei e le labbra si muovono senza che le parole escano: "Perché? Perché non mi vuoi?".

- GODO, GODOOOOOOO. Maiali, porci, mi fate impazzire OOOOHHHHHH -

Alle sue parole silenti fanno da contraltare le urla di Marisa mentre viene ed il Conte da gli ultimi forti colpi prima di godere a sua volta nell'ano aperto, uscendo per finire di eiaculare sul culo e sulla schiena della donna, una luce ora ambigua mentre continua a guardare Clara. Questa sta godendo a ripetizione e qualcosa le scatta dentro. Senza essere invitata si tuffa sul lettone, sulla schiena bagnata dell'amica. Con passione raccoglie con la lingua i filamenti di sborra sulla pelle, sugge le gocce che fuoriescono dal buco, allunga la mano verso l'uomo ma lui è già fuori portata.

- Perché mi tratti così? -

La voce è fievole, appena udibile dall'uomo e dalle sue due amiche, il tono è supplichevole, disperato. Il tono di lui invece è sferzante:

- So io quando sarà il momento -

Agata abbraccia l'amica cercando di consolarla, conscia del momento terribile che la spinge quasi alle lacrime. Insieme a Marisa la conduce verso il bagno.



"Sto soffrendo Alessio, e tu non meriti di soffrire con me e per me. E' una decisione che dovevo prendere e di cui mi assumo ogni responsabilità: ti lascio. Non posso più vivere con te e non mi sento di spiegartene i motivi, ti prego di accettarli così come io accetterò le condizioni che vorrai stabilire. Ti ringrazio per gli anni passati, siamo stati felici assieme ma ora... io non più."

Questo è il biglietto che Alessio trova tornando a casa. Si aspettava una cosa del genere, non è sorpreso, ma il tono di quelle poche righe lo invoglia a correre dalla moglie, a spiegarle ogni cosa. Resiste alla tentazione. Clara non ha ancora capito e lui non si sente appagato.

Clara si rivolge alla sorella, andando a vivere da lei. Sua sorella, Martina, vive sola, dopo il divorzio, in una grande casa e l'accoglie volentieri. Essendoci già passata immagina cosa stia provando sua sorella, però non comprende i motivi, conoscendo e volendo bene ad Alessio che ha sempre reputato un marito perfetto, fino a quando Clara non le rivela tutti i risvolti della situazione.

- Ma veramente' con chiunque capitava? -

- Non farmi la morale adesso, ti ho detto che non lo so. Mi annoiavo e poi, una volta cominciato' era solo sesso, bello e magnifico sesso, senza impicci, senza complicazioni' fino a quando è arrivato lui. -

- Non mi scandalizzo certo, solo che' non so se io sarei stata capace. E questo tipo, il Conte, chi è? -

- Non lo so, ma non riesco a smettere di pensare a lui. Anche questa sera andiamo là e sono sicura che continuerà ad umiliarmi ma... non riesco. -

- Beh, almeno ti farai una bella trombata, beata te, io non ricordo nemmeno l'ultima volta -

Martina cerca di smorzare la tensione con una battuta per rincuorare la sorella affranta, ed invece lei la prende sul serio.

- Vieni con noi, ti divertirai. Sicuramente più di me che' beh, ultimamente non scopo più nemmeno io, non è più la stessa cosa, nemmeno nella dark. Semplicemente' non mi va. Preferisco masturbarmi vicino al palco guardandolo. Godo innumerevoli volte e.. resto sempre insoddisfatta. -

L'ultima frase è detta con rimpianto e Martina la abbraccia carezzandole i capelli.

- Su, su Clara, vedrai che si aggiusta tutto. Ha detto che decide lui quando sarà il momento, no? Allora devi solo aspettare e arriverà. Io non vengo, piuttosto, non mi sentirei a mio agio e poi' c'è il rischio che potrei rubare il bel Conte alla mia sorellina. -

Martina continua a scherzare ma Clara sa bene che ha detto la verità: il Conte le scoperebbe tranquillamente la sorella lasciandola lì a guardare.

Passano le settimane e Clara si strugge per quell'uomo che ogni volta le dice:

- Decido io quando è il momento -

Intanto non ha più notizie di Alessio, il quale invece ha avuto contatti con Martina che lo tiene informato, senza rivelargli le confidenze della sorella, sul suo stato.

E' quasi il compleanno di Clara la quale decide di giocare una carta speciale: organizzare un'orgia con le sue amiche facendo partecipare il Conte e Marcus. Chissà che in un ambiente diverso lui non... Marisa e Agata sono entusiaste, molto meno Martina, la cui casa dovrebbe ospitare tutti, ma non riesce a dire di no alla sorella ed alla fine acconsente. In fondo potrebbe essere anche per lei l'occasione per divertirsi pur se non è sicura di non tirarsi indietro all'ultimo.
Quella sera Clara si comporta diversamente dal solito al club. Non scende vicino al lettone lasciando che le sue amiche invece si precipitino a farsi scopare dalla sua ossessione. Resta al bancone sorseggiando un drink e chiacchierando con la cameriera.

- Stasera non vai? -

- No, stasera preferisco aspettare. -

La cameriera, come tutti, ha notato la situazione ed in parte compatisce la donna, ma è abituata a non vedere, non sentire e, soprattutto non commentare né riferire.
Quando la solita scena sul palcoscenico è finita e Il Conte si dirige al bagno per rinfrescarsi, Clara si avvia.
Alessio sta proseguendo nelle sue intenzioni, cucinando a fuoco lento la moglie. Si sorprende non vedendola avvicinarsi al gruppo orgiastico e intuisce che c'è qualcosa. Ogni tanto lancia uno sguardo e la vede sempre al bancone, gli occhi fissi su di lui. L'amplesso, anzi gli amplessi, gli paiono meno piacevoli del solito e quando si scioglie dagli abbracci per andarsi a rinfrescare è incerto. Lungo la strada è intercettato da Clara che gli espone la sua idea. Con fare umile, remissivo, lo prega di partecipare anche se non vuole fare l'amore con lei, di portare anche le sue "amiche" se vuole. Tutto purché partecipi alla serata. Alessio, o meglio 'il Conte', la guarda torvo per qualche secondo e poi compie un gesto che sorprende tutti quelli che sono lì vicino: Con forza spinge Clara tenendola per le braccia, la fa indietreggiare e la getta di peso su un divano. Le alza l'abito e le strappa le mutandine rimanendo un istante a guardarla, indi si tuffa con la faccia tra le cosce aperte.

- AAAAHHHHHHH -

Urla Clara, prima per lo spavento, per la reazione inaspettata di lui, quando si sente le labbra della figa segate dalla stoffa delle mutandine che, per fortuna, si rompono, poi per il piacere quando sente la lingua scorrerle sul sesso.
"Finalmente" pensa. Non si preoccupa della foga, quasi violenza, con cui lui la sta trattando, sa solo che non la sta più snobbando, che si è deciso, che forse è giunto "il momento".

Guarda la testa di lui muoversi tra le sue gambe e, di colpo, non vede più nulla e quasi non riesce a respirare. Agata, che seguiva il Conte poco distante, vedendo la scena si è prima impaurita e poi eccitata per la rudezza dell'uomo. Ha gettato gli abiti che teneva in mano di lato e si è seduta a cavalcioni di Clara, spingendole la figa sulla bocca.

- Sudicia vacca leccami, leccami tutta come ti lecca lui, sei una porca Clara. Ooooohhhhhh -

Clara si è dapprima divincolata per poter respirare e quindi ha cominciato a leccare la figa dell'amica, aiutandosi con le dita, penetrandola in entrambi i pertugi oscenamente spalancati davanti a lei. D'un tratto si sente aprire, riempire, scuotere dai forti colpi che il Conte, alzatosi, le infligge con il cazzo durissimo. Urla nonostante il bavaglio di carne, muove la testa da tutte le parti.

- Sì sì sì'. Scopami, scopamiiiii, mi fai morire dal piacere'. -

Alessio colpisce con furia, vuole affondarle tutto dentro, farle male e impazzisce perché lei gode di quel trattamento incitandolo a fare più forte. Come un toro, la monta spingendo più che può e non riesce a resistere all'orgasmo che gli sale dentro dopo pochi minuti. Febbrilmente esce da Clara, scosta Agata che cade protestando sul divano e, impugnatosi l'uccello, dirige gli schizzi di sborra sul petto e sulla faccia della donna distesa gridando il proprio piacere ed insultandola. Agata si è sentita alzare di peso, il piacere della lingua dell'amica interrotto di colpo. Guarda l'uomo che innaffia Clara e non capisce più niente: si getta sul corpo dell'amica e lecca la sborra dai suoi seni, dalla faccia, dalle labbra protese, intrecciando la lingua dell'altra, insultandola a sua volta.

- Sei veramente una gran troia Clara, la più troia di tutte -

Ma non è un insulto nelle sue intenzioni mentre amorevolmente la bacia e finisce di pulirle il corpo del seme maschile. Clara riemerge da un orgasmo traditore ricordando appena cosa è successo. Intorno a loro, gli astanti, stanno applaudendo. L'amica cameriera le sta porgendo una salvietta umida che accetta con gratitudine. Si alza e si accosta all'uomo ancora stralunato. Lo sente dire:

- Accetto. Quando? -


Nei giorni precedenti quello fissato, Clara oscilla tra stati d'animo diversi e contrastanti: suo marito non si è più fatto sentire e lei si sente in colpa. Una parte di lei vorrebbe tornare indietro rendendosi conto di essersi spinta troppo oltre, l'altra è oramai intossicata dal Conte e anela il momento in cui lo rivedrà. Nel momento in cui è preponderante la prima lo chiama:

- Pronto Alessio? Sono io, non ti ho più sentito-

Al suo orecchio è un silenzio prolungato.

- Alessio? Volevo solo sapere dove eri finito. -

- Dove sono finito io? Dove sei finita tu. Hai deciso di voler vivere la tua vita? Va bene, ma decido io come e quando farmi sentire. -

La telefonata viene interrotta bruscamente e Clara si sente mortificata dal tono duro di lui. In quel momento entra la sorella, Anna, e Clara risponde alla muta domanda di lei:

- Non vuole parlarmi. -

La risposta di Anna è sferzante:

- E cosa pretendevi che ti dicesse? "Ciao cara, che piacere, come stai? Ti amo". Ti stai comportando da troia e come tale ti tratta. -

Clara, ancora più offesa e colpevolizzata, cerca di ribattere.

- Ma anche tu sei d'accordo su venerdì prossimo, anche tu -

- A parte che io non ho un marito a cui pensare, e soprattutto che ero contraria sin dall'inizio a questa idea. Cazzo c'entra che voglia divertirmi anche io, e alla fine bisognerà vedere se mi va sul momento, col fatto che tu stai facendo spudoratamente la vacca? -

Battuta su tutta la linea Clara tace. Sarebbe quello il momento di disdire ogni cosa, di ritornare sui propri passi, ma la seconda parte, quella affascinata dal Conte, la spinge a non ritirarsi ma, anzi, ad attendere con ansia quel giorno. Fosse stata più presente a se stessa avrebbe notato che le parole di Alessio, il suo tono, in fondo anche la sua voce priva della maschera, assomigliano terribilmente a quelle del Conte. Ancora un po' titubante va incontro a quella che sarà la serata chiave della sua vita.

Nel frattempo Alessio ha parlato con Marcus, rivelandosi e rivelandogli tutta la storia e le sue motivazioni, ricevendo cameratismo maschile di un certo stampo e la promessa di collaborazione. In fondo Marcus lo fa per denaro, trova anche piacevole intrattenersi con quelle belle donne al di fuori del club e, in ultimo, ha iniziato a provare una sorta di rispetto per l'uomo a cui. scopre ora, ha trombato diverse volte la moglie.
Il giorno fatidico Clara, Agata e Marisa si preparano per l'incontro ingaggiando una gara di sensualità tra di loro, una gara a chi indosserà l'intimo più eccitante. E' un susseguirsi di prove di perizoma trasparenti, reggiseni a balconcino, calze e reggicalze. Tutte optano per un trucco leggero perché, come dice Marisa ridendo:

- Già sembriamo abbastanza troie così -

Solo Anna non partecipa a questa gara, ancora indecisa su come comportarsi, con la voglia di lasciarsi andare, la curiosità di conoscere i due personaggi maschili tanto decantati, e la remora di un pudore ancora non vinto. Al piano di sotto è tutto pronto per una festa: candele con profumi accattivanti, fiori, vino e champagne, tutto con l'obiettivo di togliere i freni inibitori ed eccitare i partecipanti. Al suono del campanello, Clara si precipita ad aprire. Si sente già eccitata, ogni altro pensiero è scomparso, le mutandine sono già inumidite. Accoglie con gioia Marcus, fermo sul pianerottolo al termine delle poche scale che separano dalla strada. Osserva attentamente la maglia attillata che evidenzia la possente muscolatura, pone ancora più attenzione agli stretti pantaloni di pelle che mostrano chiaramente il sesso maschile, che viene evidenziato ancora di più subendo l'effetto del bacio vorace con cui i due si allacciano vorticando le lingue.
Lasciato libero Marcus di salutare le altre, Clara si rivolge al Conte, fermo un passo indietro, il volto coperto da una maschera che, questa volta, lascia libera la bocca.

- Sempre affascinante e tenebroso, vero? -

Anche lui riceve un bacio profondo di benvenuto, con copioso scambio di saliva. Lui carezza brevemente il seno di lei e poi scende allo spacco dell'abito, si intrufola e, scostato lo striminzito perizoma, la penetra nella vagina già ricettiva. Clara si sente come una bambola di pezza tra le sue braccia, tentando di fermarlo più per paura che qualcuno li veda lì, all'aperto, che per altro.

- Ti prego, non qui, entra. -

Lui, incurante, prosegue nella sua carezza infilandole le dita per bene, facendola bagnare maggiormente. Una decina di secondi, non di più, e la lascia forzandole la bocca con le stesse dita, bagnate dei suoi umori che Clara lecca e succhia ripulendole. Quando entrano nella casa gli altri stanno già stappando lo champagne e assaggiando i dolci. Il botto del tappo è come un colpo di pistola nella stanza, facendoli zittire tutti inspiegabilmente. Clara, cui il Conte ha infilato ancora le dita dentro da dietro, si avvicina alla sorella per fare le presentazioni.

E' un lampo: il tocco delle mani, l'esitare di Anna notando le dita bagnate dagli umori di Clara, il corto scambio di parole e lei è sicura, maledettamente sicura, che dietro la maschera si nasconda il cognato.
Apre la bocca pronunciando il suo nome senza emettere suoni ed il brillare degli occhi, il suo sorriso ironico, le dà la certezza. Alessio sente di essere stato riconosciuto, tituba, è insicuro e lo maschera con un sorriso ironico. D'altronde ha sempre avuto un buon rapporto con Anna, sa che lei è capace di comprendere le sue motivazioni, di apprezzare lo 'scherzo' che sta facendo a Clara. L'attimo dopo è il suo turno di rimanere di sasso. Anna è rimasta inebetita per un paio di secondi. Nella testa le passano tutte le possibili combinazioni, capisce quel che sta facendo Alessio e lo giudica positivamente, perché pensa che la sorella meriti una lezione. Di colpo un gran calore la invade insieme alla voglia di portare oltre quello 'scherzo', di diventare complice ed attrice dello stesso. Ostentatamente porta la mano di Alessio alle labbra prendendo in bocca le due dita che succhia con passione prima di parlare:

- mmmmhhhhh, che uomo affascinante. Ti capisco mia cara, viene voglia di farsi chiavare subito -

Clara rimane sgomenta al cambio di atteggiamento della sorella, nel vederla così aggressiva e lasciva. Resta di stucco vedendola buttarsi tra le braccia del Conte, baciarlo con furia e poi scivolare lungo il suo corpo. Nessuno si aspettava di vedere Anna inginocchiarsi e di fretta sciogliere la cintura del Conte, abbassargli i pantaloni e tirargli fuori l'uccello per impadronirsene con le labbra.
Alessio, stupito come gli altri, reagisce immediatamente mettendole una mano sulla nuca e guidandola nel movimento:

- Aaaahhhhh, che troia che sei. Succhia, succhialo tutto, fatti sborrare in bocca -

Marcus è circondato da Marisa ed Agata che non hanno perso tempo vedendo Anna e gliel'hanno tirato fuori leccandolo e passandoselo di bocca in bocca mentre si masturbano. Il gigante nero è dotato di un uccello non comune, come pure la sua resistenza, ma nulla può alla carezza della lingua di Marisa sull'ano. Quando poi la donna gli ficca delicatamente ma decisamente un dito dentro lui sborra in bocca ad Agata, con Marisa che si affretta a portarsi di fianco all'amica e ricevere anche lei sul volto il seme bollente dell'uomo.

- AAAAHHHHHHSSSSIIIIIIIIII, ANCORA -

L'urlo di Marcus riempie la stanza e Clara si volta distraendosi dal pompino che Anna sta portando avanti, poi torna a guardarla. Vorrebbe unirsi a lei, anzi sostituirla, combattere per quell'uomo, quel cazzo, che sente appartenerle, confrontarsi con la sorella che mai, mai avrebbe sospettato essere così troia, ma il Conte ha già cambiato. Ha fatto sollevare Anna, l'ha fatta girare e le ha sollevato la gonna. Scostato il piccolo slip la sta penetrando con forza e lei grida il proprio apprezzamento:

- Ahhh, sì, porco. Scopami, fammi morire. Riempimi col tuo cazzone -

La povera Clara sta perdendo il senso della realtà. Il conte scopa sua sorella senza interessarsi minimamente a lei. Poco distante Marcus ha fatto posizionare a sessantanove le due donne e mentre si leccano ed Agata lecca alternativamente il suo cazzo e la vagina dell'amica, sta scopando Marisa posta di sopra la quale mugola e incita entrambi.

- Porci, mi fate morire. Sì, dai, riempimi di sborra -

Agata ha fatto ciò che l'altra aveva fatto poco prima, ha infilato un dito nell'ano dell'uomo e anche questa volta Marcus, particolarmente sensibile a questo, gode senza preavviso inondando la vagina che gli si contrae intorno all'uccello. Eccitazione e rabbia, è questo che prova Clara senza sapere dove guardare, vedendo gli altri godere e godersi. Le carezze che si sta facendo da sola con la mano non le bastano.

- OOOHHHHH. SIIII' VENGOOOOOO'. RIEMPIMI' GODIMI DENTRO'.. -

L'urlo di Anna, che il Conte ha fatto stendere a terra e sta montando con forza, la scuote. Si getta senza pensare addosso all'uomo, non sa se per abbracciarlo o picchiarlo. Gli stringe le braccia attorno al torace, sbatte con la testa contro la sua e succede l'imprevisto: l'elastico che teneva ferma la maschera si rompe colpendola dolorosamente alla guancia. L'improvvisa frustata che riceve è nulla rispetto al volto che appare quando la maschera cade.

- ALESSIO SEI TU?!?! -

L'uomo, che ha appena finito di godere dentro Anna, si volge verso di lei bianca come un cencio. Le pone due dita sulle labbra bloccando la frase che stava per aggiungere.

- No, taci, ascoltami piuttosto. Ti ho amato, sempre, e mai mi sarei aspettato che tu mi gettassi al macero come un oggetto senza valore. Come Conte ti ho fatto godere e soffrire per ricambiare la tua indifferenza, e anche questa sera avrei voluto farti soffrire pur continuando ad amarti. Mi hai fatto male Clara, molto male. -

Clara è annichilita dalla sorpresa e dalle parole del marito ora rivelato. Lo guarda a bocca aperta senza sapere cosa dire e cosa fare. Lo sa bene invece Anna che si mette in mezzo prendendo in mano il cazzo dell'uomo e carezzandolo, felice di sentirlo ancora duro.

- Lasciala perdere, ci sono io per te, e saprò essere molto meglio di lei. Vieni, mettimelo nel culo, te lo dono come pegno. -

Nel dirlo si mette a quattro zampe allargandosi oscenamente le natiche, penetrandosi prima con un dito e poi con due nel buchino. Di lato, gli altri tre non si sono accorti di niente presi dall'ammucchiata che stanno facendo. Adesso è Agata sopra e Marcus la sta scopando mentre Marisa lecca entrambi.

- Noooohhhhhh. Maiale, sei troppo rudeeeeehhhhh. -

Marcus porge il cazzo alle labbra avide di Marisa, se lo fa impregnare di saliva e, quando la donna torna a leccare il clitoride dell'altra, senza preavviso la penetra dietro spingendo forte.

- TROIAAAAAA. PRENDI, PRENDI, PRENDILO TUTTO IN CULO. -

E' un amplesso bestiale con Agata che ribatte colpo su colpo, superato l'impatto iniziale, spingendo indietro per farsi penetrare meglio, godendosi i colpi dell'uomo e la lingua dell'amica.

- OOHHHHH SSSSIIIIIII SFONDAMI, DAMMELO TUTTO, OOOOHHHHHHH -

Neanche gli altri tre fanno caso alla scena che si svolge poco distante, ognuno è completamente calato nella propria parte: Clara che ancora deve riprendersi dallo shock è immobile in ginocchio. Anna chiama a se Alessio ansiosa di essere penetrata.

- Dai Alessio, vieni, dammelo nel culo, non farmi aspettare. Lei non ti merita mentre io sono qui tutta per te' OOOHHHH SSSSSSIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII -

Alessio è troppo eccitato per fare caso alla moglie, in stato semi-catatonico, che gira la testa da una parte e dall'altra per osservare alternativamente i due gruppi. Si mette dietro Anna e, ancora incitato da lei, la infila nel retto senza delicatezza alcuna.

- MMHHHHH.. SI' INCULAMI PORCO, SFONDAMI TUTTA. -

Dall'altra parte Marcus sta riempiendo il buchino di Agata con la sua sborra urlando di piacere, uscendo dalla donna per porgere il cazzo ancora eruttante alle labbra di Marisa pronta ad accoglierlo e ripulirlo per bene. Le urla belluine, la lingua dell'amica, il cazzo possente tra le labbra, tutto concorre a trascinare Marisa in un orgasmo favoloso che le fa girare la testa e lasciarsi andare. Non sono solo umori quelli che bagnano il viso e le labbra dell'amica sopra di lei.

L'urlo di Alessio, mentre a sua volta gode nell'accogliente ano di Anna, fa voltare ancora Clara. Come distaccata dalla realtà guarda la sorella, il suo modo di far godere quello che fino a poco tempo prima era il suo uomo. Razionalizza che è dipeso tutto da lei, dalla sua voglia di cambiare non si sa cosa, perché lui non le aveva mai fatto mancare il piacere; che avrebbe dovuto casomai coinvolgerlo e non estraniarlo, che la mascherina che nascondeva il volto dell'uomo capace di farla tanto godere nascondeva ciò che aveva sempre avuto. Si prenderebbe a schiaffi da sola per ciò che ha perso in maniera così stupida e lente lacrime le solcano le gote.

Marcus e le altre due donne si sono allontanati, nella stanza restano solo Clara ancora immobile, Anna sempre a quattro zampe, il volto posato sul pavimento, intenta ad assaporare le ultime stille di piacere, ed Alessio che in piedi guarda la moglie con aria di attesa. Clara prende il coraggio a due mani e si avvicina. Gli poggia una mano sulla spalla ed inizia a parlare:

- Sono stata una stupida Alessio, ora me ne rendo conto, e se tu puoi perdonarmi allora non mi importerà nemmeno di dividerti con le altre. Non voglio che il nostro matrimonio finisca e sono disposta a tutto: se tu vuoi che io sia la tua serva lo sarò, se tu vuoi che io sia la tua troia lo sarò. Guarda. ' Per dimostrare ciò che sta dicendo, Clara si inginocchia vicino Anna, volge un'ultima volta la testa verso l'uomo per accertarsi che la stia guardando, e poi comincia a leccare il buchino allargato di Anna da cui fuoriescono stille biancastre. Poi passa al corpo dell'uomo asciugandole il sudore con la lingua, succhiando il cazzo non più totalmente duro, salendo verso l'alto fino a trovarsi a guardarlo negli occhi, in attesa di una risposta.


Tre mesi dopo:

- Ehy, stasera andiamo in un locale che ho scoperto da poco. Si chiama Habanero e ci si diverte sicuramente. -

- Che ha di particolare rispetto agli altri? Non mi va di fare 200 chilometri per le solite cose. -

- Aspetta e vedrai, c'è un trio che fa paura che si esibisce ogni sabato sera. Sono amatori ma danno dei punti ai professionisti per come ci danno dentro. Ti dico che non ho mai visto qualcosa di così eccitante. -

- Chi sono? -

- Non lo so, si fanno chiamare 'il Conte e le due Contesse'. Fidati, ne vale la pena.
-

Il proprietario del locale guarda contento il gran numero di persone che assiepa il locale e dà di gomito ad Alessio.

- Guarda. Nessuno si azzarda ad occupare il lettone centrale, sono tutti in attesa di voi tre -

Alessio termina il suo whisky e prende sottobraccio Anna e Clara accompagnandole alla scala che conduce al centro.

- Andiamo mie signore e ricordate: questo è solo sesso, l'amore ed il piacere ci attendono a casa. -

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti zozziracconti sesso a treracconti hard matureracconti erotici africalesbica raccontiracconti cucklodho tradito mio marito all'addio al nubilatoho scopato mia sorellaracconti erotici annuncio69racconti di milu dominazioneerotico storieracconti erotici gay maturierotici racontiracconti incesti in famigliarocconti eroticii raccinti di miluracconti sesso realiracconti porno zoozoofilia raccontiracconti verginesignore arrapantiracconti di giovani moglistorie incestesesso con mio nonnostorie eroticaracconti eeroticiracconti figaschiavo cornutotacconti eroticistorie di ragazzi gayraccont eroticerorici raccontivogliadipornoracconti porno pompinistorie milfsesso porno raccontitracconti eroticiracconti erotici freeracconti eroticiùracconto erotico analeracconti erotici gay eterorscconti eroticicuckold pugliaracconto erotico professoressaracconti porno lesboracconti taboostorie di adultiracconti eroticoracconti erotici di maturestorie di zoofiliaraccont eroticraccontisessualiracconti tettedonne troie e mariti cornutierotici racconti.comfoto romanzo pornoinculata dal suo caneracconti porno+storie pronosesso hard con animaliracconti eropticicuckold sottomessirapporti eroticipunture eroticheincesto con la ziaraccontieriticistorie erracconti di sesso al marerqcconti eroticiracconti gratis eroticiracconti schiavo gayracconti porno guardonistorie ballbustingracconti erotiracconti sesso con transeroti raccontiracconti sensualiracconti gay illustratidonne che fanno sesso con cavalloracconti etotici gayle seghe di mia ziageniv raccracconti scopate in famigliaracconti donne inculateracconti di ragazzi gaystorie di sexracconti erotici incesti gayraccontii eroticibdsm storieracconti pulpracconti priveracconti sesso con sorella