La Sottomissione della Maestrina (Cap.6)

Scritto da , il 2019-11-05, genere dominazione

Chiara era rimasta provata dall'ultima esperienza con Massimo Capri.
Il suo cazzo enorme aveva finalmente violato il suo sfintere anale e il giorno dopo ancora ne portava i segni: il buco sembrava dovesse rimanere aperto a oltranza e neanche il bagno accurato fatto appena tornata a casa era riuscita a placare il dolore.
Ma non era solo quello ad averla tenuta nel dormiveglia tutta la notte.
Ripensava ad Alfredo. Non aveva esitato a scoparla nonostante non avesse idea di chi fosse, era entrato nell'ufficio di Capri come se fosse normale che una donna nuda fosse incastrata in quella scrivania infernale.
Chiara non aveva mai avuto l'impressione che quell'azienda fosse un posto per donne, ma pensare che fosse già capitato le metteva in testa sempre lo stesso pensiero: anche Carlo aveva avuto l'opportunità di scopare sconosciute mentre passava a ritirare lo stipendio?
Per non parlare di cosa Alfredo aveva detto di lei durante la scopata. Si era eccitata al pensiero che lui la desiderasse, ma che arrivasse persino a immaginare di scoparsela come un Capri qualunque la lasciava basita. Proprio lui, il testimone di nozze di suo marito.
Si diede una lavata veloce e si vestì per andare al lavoro, quel giorno aveva dalle 10 fino alle 16, turno in mensa compreso.
Mentre usciva di casa incrociò Carlo che rientrava.
-Amore! Sei già tornato?
Dopo averle dato un veloce bacio Carlo le disse che era riuscito ad anticipare la consegna e viaggiando di notte era arrivato con una decina di ore di anticipo. Dopo un secondo bacio Chiara lo salutò e gli disse che ci si vedeva a cena che finiva tardi. In cuor suo Chiara ringraziò che il marito non avesse finito ancora prima, altrimenti avrebbe dovuto spiegare la sua assenza e lo stato in cui era tornata a casa la notte prima.
Dal canto suo invece Carlo era sorridente, la scopata con la puttana gli aveva permesso di scaricarsi. Non sentiva neanche più il bisogno di andare a letto con la sua dolce mogliettina: era sempre bella, ma una missionaria fatta al buio non aveva più fascino dopo anni di matrimonio.
Chiara entrò dall'ingresso sul retro della scuola, Franco il bidello aveva appena finito di scopare per terra e la salutò come gli altri giorni.
-Ah signora Chiara, il preside Capri chiede se appena può riesce a passare nell'ufficio che deve firmare una circolare.
Chiara guardò l'ora e vide che era tardi per passare subito, ma dubitava si trattasse di una circolare.
Rifletté che se avesse voluto prenderla sarebbe stato troppo stretto nei tempi se fosse passata subito, così decise di fare un salto veloce in modo da essere tranquilla su quel fronte.
Bussò e appena sentì il permesso per entrare Capri le sorrise e le disse di chiudere la porta.
-Buongiorno Chiara! Hai lezione alle 10 vero? Tranquilla è una cosa veloce, stamattina mio fratello mi ha telefonato euforico, dice che finalmente ti ha aperto quel bellissimo culo! Era giorni che gli dicevo di provarlo!
Chiara si vergognava non solo del fatto che Valerio Capri sapesse della sera prima, ma pure che ne parlasse con lei così. Annuì senza sapere che dire.
-Avanti abbassati i pantaloni e piegati sulla scrivania che voglio vedere se sei ancora aperta.
-Ma signor preside la prego… tra dieci minuti ho la prima lezione e non posso tardare con i bambini in classe.
Capri la freddò con lo sguardo.
-Signorina Chiara le devo proprio ricordare ogni volta che la sua opinione non conta un cazzo? A 90, subito.
Chiara abbassando lo sguardo posò la borsa contro la scrivania e iniziò a slacciarsi i jeans mentre Capri girava attorno alla scrivania e chiudeva a chiave la porta.
Vide che Chiara si stava aprendo anche la camicetta ma le disse che bastava mettesse a nudo il culo, era pur sempre il preside e non poteva far tardare una sua maestra. Chiara abbassò allora il jeans e le mutandine di pizzo rosa, poi si piegò sulla scrivania massiccia.
Messa in questa posizione sentiva il suo ano dilatarsi ancora di più e se ne vergognava.
Sentì Capri fare un suono di assenso e avvicinarsi a lei posando una sua mano sul suo gluteo destro.
-Mio fratello non sa proprio contenersi, ci potrei infilare un dito senza toccare le pareti del tuo ano da quanto sei aperta. Ti ha fatto male?
Non sentendo una risposta dalla maestrina le schiaffeggiò con un colpo secco il culo.
-S-sì molto male.
-E hai goduto?
Vergognandosi tantissimo Chiara gli disse che aveva avuto più orgasmi.
Capri sembrò molto soddisfatto della cosa e, inaspettatamente per Chiara, si inginocchiò dietro di lei e iniziò a leccarle la rosellina dilatata con colpi lenti e via via più profondi. Chiara senza volerlo iniziò ad eccitarsi, quell'atto per lei osceno si stava rivelando un lampo di brividi, le mani di Valerio Capri che le massaggiavano le cosce e i glutei facevano il resto.
Chiara era già ad occhi chiusi con il respiro affannato quando Capri si staccò da lei e le disse di vestirsi.
Rossa in volto e quasi dispiaciuta si alzò in piedi e iniziò a ricomporsi. Quando ebbe finito di rimettersi in ordine Capri le andò vicino e le disse: “Ora non c'è tempo, ma alle 4 voglio che torni in ufficio da me” afferrandole una mano e posandola sui pantaloni dove il cazzo premeva continuò “questo cazzo non sarà grande come quello di Massimo, ma io a differenza sua so come va fatta godere una cagnetta timida come te”.
Chiara tremava e pendeva dalle sue labbra. Valerio Capri aveva ragione, lei rimaneva ipnotizzata ad ogni sua parola. Quando lui si staccò ancora dovette fare due respiri forti per raffreddare il proprio corpo, poi afferrò la borsa ed uscì.
La giornata era stata difficile. Sembrava che i bambini captassero subito quando una maestra era disattenta, l'avevano fatta impazzire da subito sbraitando e correndo per tutta la classe. Chiara inoltre era dolorante per colpa della recente inculata e faticava a rincorrerli per la scuola. Pure a mensa aveva avuto difficoltà a parlare con le colleghe per colpa della voglia che la spingeva ad attendere con ansia l'incontro in presidenza.
Per sua fortuna la campanella delle 16 arrivò. Si sentì scossa e ben presto l'ansia, la paura e l'eccitazione che le veniva ogni volta che era a pochi minuti dall'incontro con i due Capri la colse.
Non ci fu bisogno di bussare, la porta della presidenza: era aperta; ben sapendo come sarebbe evoluto il pomeriggio la chiuse direttamente a chiave lei.
-Ben fatto cagna' ogni giorno dimostri quanto impari in fretta.
Capri da dietro la scrivania alzò gli occhi da un giornale appena sentì Chiara entrare e decise che voleva sottometterla da subito.
-Adesso togliti quegli stracci e posali lì sull'attaccapanni; ecco così, girati e fammi vedere le tue gambe e il tuo culo sodo sempre bellissimo, faresti molti più soldi come troia in tangenziale che come maestra: dovresti prendere in considerazione il mestiere.
Chiara tratteneva le lacrime, ogni volta che si sentiva dire cose così l'umiliazione la copriva, poi però la vergogna aumentava non appena sentiva l'eccitazione scaldarle l'interno coscia come a comando.
-Adesso mettiti a 4 zampe e vieni qui da me.
Chiara come un automa ubbidì. Iniziò lentamente e quando fu vicino alla sedia imbottita di Capri alzò la testa. Lui le sorrise e alzandosi le disse di continuare a gattonare per la stanza.
Il preside iniziò a spogliarsi lentamente mentre Chiara gattonava allungando in maniera sempre più sensuale le gambe… poteva sentire lo sfregare delle pareti della sua vagina mentre si muoveva in quella posizione scomoda.
Ad un certo punto sentì Capri schiaffeggiarle una natica, lei si voltò spostando i lunghi capelli neri di lato e fissandolo spaventata e desiderosa di nuove istruzioni.
-Oggi lascio da parte il tuo culo, ce l'hai ancora distrutto e se ti prendo lì ti devo portare all'ospedale. Sdraiati sul pavimento e spalanca le gambe.
Chiara obbedì.
-Molto bene' ora inizia a masturbarti per me, voglio vederti godere ma bada bene che non voglio che chiudi gli occhi, devi fissarmi.
Chiara obbedì, anche questa volta. Non fu difficile né toccarsi (ormai sentiva la vagina premere di voglia) né fissare il corpo nudo del suo superiore: quel corpo così tonico e forte con il cazzo già duro che stava dritto come una leva pronta ad essere afferrata.
Capri si godette la sua maestra che se la toccava, vide il corpo di lei farsi più umido per la sudorazione e toccò quelle gambe perfettamente lisce come a volerle pregustare.
Poi decise di mettersi sopra lei, ma appoggiando gli avambracci ai fianchi del viso di Chiara. Era sopra di lei ma manteneva un certo distacco. Chiara si domandò il perché, Capri sembrava più intenzionato a fissarla che a prenderla. Le domande aumentarono quando sentì il suo pene appoggiare la punta alla sua vagina sfiorandola.
Si sentiva impazzire così, con il cazzo a sfiorarla e il respiro dell'uomo sul suo volto.
-Continua a masturbarti ma sfregandoti contro il mio cazzo signorina Chiara.
Chiara l'avrebbe fatto anche senza che le fosse stato detto. Gli occhi di Capri e il suo cazzo così attaccato a lei la stavano facendo morire.
-Sa una cosa signorina Chiara? Mio fratello Massimo mi ha raccontato di ieri sera. Pare che lei si sia fatta scopare dal testimone di nozze di suo marito. Davvero un comportamento da gran puttana. Soprattutto considerando che è pure venuto dentro.
Chiara all'improvviso capì il senso di quella posizione. Capri voleva godere nel vedere il suo volto vergognarsi e al contempo la sua figa bagnarsi.
-Mio fratello mi ha detto tutto. Sa il quell'azienda c'è molta sintonia tra i dipendenti' si dicono tutto. Ad esempio lei lo sapeva che suo marito è tornato ieri sera? Chiara si bloccò di colpo e sbiancò.
-Stia tranquilla, pare che abbia visto una che si faceva inculare nell'ufficio ma non si sia neanche reso conto che era la sua mogliettina. In ogni caso non ti ho detto di fermarti, continua cagna.
Chiara allora ricominciò a strofinare la sua vagina sul pene dell'uomo già zuppo di umori, ma dentro di sé sentiva il cuore martellare e pregava che l'uomo continuasse.
-Da Alfredo, Massimo ha saputo che ieri però il buon Carlo, vale a dire tuo marito, non è rincasato subito. Pare che abbia deciso di andare a puttane… E dimmi, tu lo sapevi che il tuo maritino aveva bisogno della puttane per godere?
Chiara si sentì umiliata. Sapeva benissimo che Capri non aveva alcun interesse a mentire. Suo marito l'aveva lasciata a casa per una puttana qualsiasi. Proprio dopo quello che lei aveva fatto per entrambi.
Si sentì usata e iniziò a provare un forte odio.
Capri sopra di lei la fissava sorridendo. Sapeva di aver fatto centro.
Chiara si trovava eccitatissima e con puro odio nelle vene. Decise che era il momento di appoggiare di più il cazzo alla vagina. In quel momento però pure il freddo e calcolatore preside Capri rimase sorpreso.
Con una forza che non pensava potesse appartenere a Chiara si sentì spostare di lato sul pavimento freddo. Prima di rendersi conto di cosa fosse accaduto Chiara si mise a cavalcioni su di lui e afferrando il cazzo duro come il marmo si impalò sull'uomo. Afferrando le mani dell'uomo si piegò su di lui e iniziò una cavalcata furiosa, con quel culo perfetto si muoveva frenetica su Capri che con le braccia bloccate vedeva quel seno tonico davanti a sé sbattere ad ogni cavalcata di Chiara.
Quella trasformazione lo fece andare in visibilio, voleva dominare Chiara e invece l'aveva fatta impazzire con quelle dichiarazioni.
-Sì troia! Quel deficiente di tuo marito oltre a non saper fare un cazzo va pure a puttane! Con una come te a casa, ma che razza di deficiente non ti tromberebbe tutta la notte eh??
Chiara con quelle parole aumentava sempre più l'andatura, si sentiva la figa stringere ad ogni respiro e il cuore esplodere ad ogni battito. Stata impazzendo probabilmente, ma quell'eccitazione non la faceva respirare, non poteva fermarsi.
Il corpo era diventato lucente a causa del sudore che la imperlava, i weekend al mare l'avevano resa ancora più bella con quel corpo abbronzato e liscio.
Capri sbavava e si eccitava a sentire che Chiara gli bloccava le mani impedendogli di toccarla in ogni centimetro. Sentiva il cazzo che voleva esplodere dentro quel vulcano che era diventata la vagina della donna. La sentiva contrarsi e gemere sempre più rumorosamente con versi trattenuti dall'odio.
Chiara non riuscì più a trattenersi: mollando le mani di Capri si impalò definitivamente sul cazzo dell'uomo emettendo un urlo di godimento estremo. Capri era anche lui al limite, ma decise di infierire su quella figa dilaniata dal suo cazzo.
Si alzò leggermente per afferrare Chiara per i glutei, poi muovendo le mani e i fianchi come un assatanato iniziò a pomparla ancora più forte fino a crollare pure lui eruttando tutto il suo piacere dentro la sua figa bollente di umori.
Rimasero a terra nudi e senza parlare per qualche minuto, solo con i respiri affannati a interrompere il silenzio. Poi Capri si alzò e sollevò Chiara avvicinandole i vestiti. Lui stesso era stupito di quella scopata, era stata diversa e più coinvolgente delle altre volte.
Lui, in genere sempre così freddo e calcolatore, si era sentito finalmente sorpreso e appagato.
Si rivestirono senza una parola, quando Capri aprì la porta avvicinò Chiara solo per dirle che avrebbe presto avuto sue notizie. Appoggiando ancora la mano sul culo della maestrina la salutò.
Chiara aveva la testa piena, era confusa. Pensava a Capri, ma pensava anche alle sue rivelazioni su Carlo.
Era talmente nei sui pensieri che neanche si accorse che Franco, il bidello, era in un corridoio vicino alla presidenza, e dal suo ghigno si capiva che aveva molto apprezzato i gemiti animaleschi che erano arrivati da quella stanza.

Per pareri, commenti o consigli scrivetemi a

Questo racconto di è stato letto 3 7 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontj eroticii generi dei racconti gayraccondi eroticisiti di incestoracconti erotici lesbo incestoracconti di massaggirocconti eroticiracconti nonno gayracconti gay realiracconti porno breviracconti eroticula troia di mia suoceraracconti fem domracconti erotici violentataraccpnti eroticiracconti di ragazze lesbicheracconti erotici mammaginecologo raccontiracconti primo pompinotua zia quella porcaracconti eroyicila professoressa eroticaraccoti pornoracconti sadomasistorie di scambio di coppiastorie pornoracconti dominazione femminileracconti erotici 69.itracconti erotici vissutiracconti icestoeroticiracracconti lauraxtroioeeros raccontiracconti porno cornutofetish storieconti eroticistorie sesso gratisracconti erotici nipotinaeroticiraccontracconti porno amicaracconti erotici annunci69racconti erotici cornastprie pornostorie sesso estremosverginamento vaginaleracconti porno cuckoldstorielle pornoculo rottstorir pornoho scopato mio padretorie pornolesbo raccontoracconti aroticiracvonti pornoracconti porno cornutiracconti incesti eroticiraccontti eroticistorie di sesso gayracconti cuckoldsracconti amatoriali sessogeneri eroticiracconti porno italiastorie di zoofiliaracconti porno con caniraccontie roticiporno raccontiracconti veri incestischiava cagnaracconti dominazione transraccotni eroticiracconto di un pompinoracconti erotici culo sfondatoracconti incesto realierotici raccotiracconti licenziosiracconti sissyravconti pornoracconti poracconti pornograficiracconti porno anzianiracconti erotici anzianodoppia penetrazione raccontira cconti eroticistorie eccitantiraccontu eroticistorie poenostorie porno al cinemaracconti di miliwww racconti pornosuocera vaccatrans erotici