Sei mesi in antartide2

Scritto da , il 2019-11-05, genere incesti

La voce dall'estremità inferiore del mondo arrivava gracchiante e metallica. Il sibilo del vento non aiutava certo a rendere più fluida la conversazione. Era questo il motivo principale per cui le nostre telefonate duravano solo pochissimi minuti: il tempo di sapere e far sapere che andava tutto bene. D'altronde, le novità di maggior rilievo, non era certo mie intenzione dirgliele. Posai il cellulare sul comodino ed allungai la mano sulla testa di Fausto, immersa tra le mie cosce.
“Diventi ogni giorno più bravo, tesoro!”
“Ho un'ottima insegnante, mamma!”
“Già! Una mamma che non sapeva di essere così troia. Il merito della scoperta è tutto tuo. Ora continua a leccarmela così, amore.”
Sentivo il fuoco dell'orgasmo avvicinarsi e sapevo che lui sarebbe stato felice di ricevere in faccia gli schizzi del mio piacere. Inarcai il corpo, obbedendo all'ordine muto della lussuria. Riaffondai sul materasso. E poi ancora ed ancora, fino ad esplodere in un urlo liberatorio che accompagnò il mio squirting feroce. Lo sciabordio frenetico della lingua di mio figlio, che provava invano a raccogliere tutto, mi arrivò attutito, come filtrato da invisibili coperture insonorizzanti, mentre le mie pupille si nascondevano nella cavità orbitale ed io rasentavo uno svenimento, che durò una manciata di secondi. Quando mi ripresi, mi resi conto di tremare ancora sotto l'incalzare di un piacere che non sembrava volersi spegnere. Fausto continuava a leccare, a succhiare, a mordermi il clitoride ed io non avevo nessuna intenzione di sottrarmi a tutto questo. Anzi: continuavo ad incitarlo, a tratti offendendolo.
“È questo il meglio che sai fare, figlio di puttana? Fammi godere di più, frocio!”
A tratti blandendolo con lusinghe e promesse.
“Dio, sei fantastico, cucciolo! Sei un vero professionista. Vedrai cosa saprà regalarti la mamma per ricompensarti!”
I nostri amplessi erano lunghi, agevolati dalla nostra dorata solitudine. Specie la sera.
Di giorno, poteva anche capitare che qualcuno passasse a trovarci, di solito amici di Fausto o anche qualche mia amica. Ma la sera, dopo l'ora di cena, nessuno più disturbava la nostra ignota intimità. E noi ne approfittavamo per augurarci una buona notte a suon di orgasmi e di coccole.

Si stese al mio fianco. Come fosse la cosa più naturale al mondo, gli rendicontai la telefonata di suo padre, mentre le sue dita si muovevano sul mio seno e la sua bocca tormentava i miei capezzoli.
Gli raccontai di come avesse difficoltà ad avere il senso del tempo, immerso in un bagno di luce ininterrotto e di come sentisse la nostra mancanza. Accennai, come accennato mi aveva, a delle importanti scoperte che avevano fatto. E chiusi raccontandogli la raccomandazione di suo padre a starmi vicino e a non lasciarmi da sola la notte.
“Ecco, vedi? Anche lui è d'accordo che io ti stia vicino!”
“Non credo ce intendesse proprio tanto vicino. Ma noi non glielo dobbiamo mica dire!”
Era la mia volta di tuffarmi tra le sue gambe e portarlo al godimento. Anche quella era una parte che mi procurava piacere. Lo fissavo negli occhi, mentre lo succhiavo e facevo scivolare le mie unghia lungo il suo petto, districando i radi ciuffi di peli.
“Oh, mamma! Sei una troia eccezionale! Sei molto più brava delle mie amiche: tu sembra quasi che lo veneri il cazzo. La tua è una erotica adorazione.”
Mi passava e ripassava la mano tra i capelli, indugiava sui lobi delle mie orecchie e poi mi spingeva la testa giù, ad ingoiare quanto più cazzo potevo, fino a provocarmi dei conati.volli bere tutto il suo piacere, prima di abbracciarlo e passare così la notte con lui.

L'indomani, io uscì presto, come ogni giorno, per andare in ufficio. Lui ancora dormiva: aveva un buco di un'ora a scuola e poteva permetterselo.
Quando tornai, nel pomeriggio, lo trovai al telefono. I libri davanti testimoniavano che stesse studando. Lo salutai con un bacio ed andai in camera a cambiarmi.
Lui mi seguii.
“Sai, mamma? Più tardi vengono i miei amici: facciamo una partita e parliamo un po'!”
“Perché me lo stai dicendo? Lo sai che non c'è nessun problema, no?”
“Sì, certo che lo so! Ma volevo chiederti una cosa.”
“Cioè?”
“Ti metti in tiro come piace a me?”
“Per stare in casa? Non ti sembra strano?”
“Te l'ho detto: mi piace che ti guardino e che ti ammirino.”
“Ed io ti ho detto che non riscuotevo poi tanto successo.”
“Ma i miei amici non sono degli stupidi parrucconi ogniscienti. Vedrai che sapranno apprezzare la bellezza.”
“Se lo dici tu!”
Cambiai il mio programma ed andai a fare una doccia; poi mi truccai con cura maniacale e scelsi i vestiti secondo il gusto di fausto. Un tailleur attillatissimo grigio con dei profili celesti che lo rendevano più sbarazzino, delle calze autoreggenti fumo di Londra ed un paio di scarpe tacco 10, il massimo che avevo, non riuscendo ad indossare scarpe con il tacco ancora più alto. Stavo ancora ultimando gli ultimi ritocchi, quando, dal suono del campanello, intuii che gli amici di Fausto erano arrivati. Mi guardai allo specchio: vidi riflessa una donna di mezza età ancora piacente. Ero soddisfatta di me stessa, ma non riuscivo a capire perché quel gioco, che doveva essere di mio figlio, mi coinvolgesse in quella misura.
Ancora un'aggiustatina e mi sentii pronta per affrontare il giudizio di mio figlio, ma anche e soprattutto dei suoi amici. Erano in salotto, intenti ad una partita non so bene di cosa, che facevano attraverso i cellulari. Avrebbero potuto bene farla rimanendo a casa propria, pensai e lo esternai dopo averli salutati. Il balbettio con cui uno di loro mi rispose fu il segno tangibile che Fausto non aveva sbagliato a trovarli diversi dai parrucconi ogniscienti amici di mio marito.
“Fo..ssimo rima masti a casa, avremmmmo giocato, ma non avremmmo potuto vederci e pa pa parlare!”
la trovai un'ottima risposta: come dire non vogliamo rimbambirci dietro ad uno schermo, ma vogliamo anche essere amici a tutto tondo. Mi sedetti con loro e presi una rivista; continuarono a giocare.
Ma dopo un po', uno del gruppo mi chiese cosa stessi leggendo. Girai la rivista, per mostrare il titolo dell'articolo, che riguardava i cambiamenti climatici. Cominciammo a discutere: non c'era un'uniformità di giudizio, com'è giusto che sia, anche se tutti eravamo preoccupati per quanto accadeva intorno a noi. In realtà, loro erano anche preoccupati di guardare sotto la mia gonna. Cercavano di farlo con discrezione, ma anche con insistenza. Uno di loro, finse di voler sedere sui cuscini in terra, per poter avere un miglior angolo di prospettiva. Da vera troia, decisi di far finta di nulla, anzi di agevolarli per quanto possibile. Poco, in verità: la gonna stretta del tailleur non mi consentiva di aprire le gambe più di tanto, finendo per ottenere l'effetto di stimolare oltre ogni misura una curiosità che non riuscivano a soddisfare.

Andarono via dopo un paio d'ore.
“Posso cambiarmi, ora?”
“Mamma, sei eccezionale! Hai visto come ti mangiavano con gli occhi?”
“Dici? Non mi sono accorta di nulla. Spero che tu sia contento. Ora mi cambio e preparo qualcosa per cena, ok?”
“A me basti tu, anche per cena!”
“Sì. Poi magari ti mancano le forze mentre mi trombi. Non sono mica stupida, sai? Devi tenerti in forma, perché io ho voglia di godere anche stasera.”

Questo racconto di è stato letto 6 4 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici incestuosiracconti sodomizzataracconti sesso incestiracconti piedi femminilimagredinoracconti hard gratiserotico raccontiracconti erotic istorie feticismo piediracconti erotici nonnoblog marito cornutoincesto con cognataracconti erotiviesperienze di sessoano slabbratoracconti.pornostrip poker raccontiracconto erraccontj eroticistorie eccitantiracconti sissyracconti porno annunci 69fotostorie eroticheracconti zoofilistorie erotiche gratisgay porno raccontistorie di scambi di coppiaracconti di incesti realistorie zoofiliaracconti erotici estetistaracconti dal ginecologoracconti erotici erotici raccontianimalsessonuovi racconti eroticierotoci raccontiragazze che fanno sesso con animaliracconti erotici cognatii generi di racconti inceatoracconti porno pretiracconti di sesso con animalitest pompinostorie di tradimenti veriracconti incestuosi realiracconti nel culoraccontieroticoerotico raccontistorie porno vereracconti erotici spankingstrorie pornoracconti erotici di cornaveri racconti incestoracconti erotici scambio coppiefidanzate esibizionisteracconti piedircconti miluincest raccontiinculate raccontistorie porno eroticheracconti di sesso veroracc sessracconti porno violentiraccontti eroticirqcconti pornouomini operati diventati donneerotici raccpntiraconti eroticotettone raccontidonne che fanno amore con animaliraccontierotici.iteracconti eroticiracconti erotucistorie di culisuocera raccontiracconti e confessioni erotichesauna raccontiracconti gay rumenii generi di racconti eroticiraconti erosracconti erotticistorie cukoldstoria porno videoracconti porno violenzaraccoti pornoracconti x adultiracconti di sesso gratisstrapon raccontiracconti ginecologoracconti doggingracconti cuk