Nonno Mario il mio primo cazzo - 1 -

Scritto da , il 2019-11-05, genere gay

Roma, anni 70 e primo anno delle superiori. Quel giorno decisi di deviare il percorso e presi decisamente la direzione verso la stazione Termini. Che posto la stazione, soprattutto in quegli anni, che sapevano di avventura, di incontri, di scoperte, soprattutto per me che ero un ragazzino. La scoperta la ebbi in piazza dei Cinquecento passando accanto ad un cestino. Mi resi subito conto del fatto che quel sacchetto della spesa, a terra tra il cestino e una panchina su un angolo meno in vista, era pieno di riviste porno e senza pensarci troppo né preoccuparmi di eventuali osservatori, lo tirai su infilandolo subito nella mia tracolla.
Fui pervaso da una istantanea eccitazione e naturalmente non vedevo l’ora di poter sfogliare quelle pagine. Mi avviai verso la fermata dell’autobus deciso a tornare a casa, tanto i miei erano entrambi al lavoro, pronto a spararmi le solite due tre seghe giornaliere, ma dopo pochi metri sentii una voce alle mie spalle:
“Ehi biondino ti va di guardarle insieme? Oppure di spartirle, sai stavo per raccoglierle anch’io ma mi hai fregato in velocità!” Mi girai rosso peperone e tremante, ero stato scoperto e quello che avevo davanti era un uomo sui sessanta con la faccia paciosa e lo sguardo dolce e rassicurante. Sorrise perché sicuramente sapeva del mio imbarazzo ed approfittò del mio silenzio “Si, lo so che le vorresti tutte per te e che non vedi l’ora di segarti, ma dai è giusto spartire ormai, no? Solo che non possiamo certo farlo qui in mezzo alla gente. Se vuoi io abito qui a pochi passi, possiamo entrare nel portone e dividere lontani da occhi indiscreti” Feci cenno di si con la testa e lui mi disse di seguirlo. Devo dire che già all’epoca ero totalmente avvinto dal sesso, in qualunque forma e senza distinzione di genere, tanto che da almeno 4-5 anni mi penetravo regolarmente con qualunque cosa avesse una forma vagamente fallica, in particolare con le banane, e più di una volta avevo sognato di sostituire quegli oggetti con un vero cazzo. Così fu quasi automatico nei dieci minuti che seguirono, immaginare cosa avesse nelle mutande quel nonno rassicurante che mi diceva quanto fossi carino, argomentando sui miei riccioli biondi, la pelle rosea e le labbra disegnate “sembri un angioletto” concluse. Quando arrivammo al portone mi disse che c’era il portiere in giro ed era meglio salire direttamente in casa. Naturalmente accettai e poco dopo la porta di casa si chiuse alle nostre spalle. L’imbarazzo c’era, ma si stava lentamente diluendo nel suo sorriso rassicurante e quando mi prese la mano con la sua, enorme e calda, pensai solo a quanto fosse piacevole quel contatto umano. Mi fece sedere sul divano e tirare fuori le riviste. LE ORE, OV, CABALLERO, sotto i miei occhi scorrevano immagini di donne che leccavano bellissimi cazzi, altre che se li facevano infilare nel culo e tanto, tanto sperma. Ero completamente in trans erotica e senza quasi rendermene conto mi ritrovai a stringere con la mano destra il cazzo di Mario, che con la mano sulla mia mi guidava nel movimento di una sega. Stringere si fa per dire, perché la circonferenza era enorme. “Ti piace?” mi chiese “Si” gli risposi mentre tremavo dall’emozione “E’ bello e caldo” “E’ tuo, il tuo nuovo giocattolo, vuoi che ti insegni come usarlo?” “Si” “Allora vieni, inginocchiati tra le mie gambe”. Si sfilò i pantaloni, poi le mutande, ed alla vista di quel totem con attaccate due palle altrettanto enormi a venti centimetri dal mio viso, un calore immenso prese ad attraversarmi il corpo. Mi mise la mano sulla nuca ed infilò le dita tra i miei riccioli, massaggiando un po’, poi spinse delicatamente la mia testa fino a quando il mio viso fu a contatto con quella meraviglia. Le guance, il naso e poi le labbra. “Bacialo” e lo baciai delicatamente su tutta la lunghezza dell’asta. “Ora leccalo” e lo leccai su e giù. “Che buon profumo” pensai. “Adesso apri la bocca, fai entrare la cappella e leccala”. Dilatai al massimo la bocca e feci esattamente quello che mi chiedeva; poi da buon allievo, ad occhi chiusi misi insieme tutti quei movimenti e cominciai a segarlo mentre tenevo la cappella in bocca leccandola con un piacere immenso, che mi avvolgeva totalmente. Sentivo perfino la rosellina anale che tremava. Lui non tolse mai le mani dalla mia testa ed io continuai per un tempo indefinito fino a quando non sentii distintamente la verga indurirsi allo spasimo e rovesciarmi in bocca tutto il suo nettare caldo. Sapevo bene cos’era lo sperma e avevo già bevuto il mio, quindi mi venne naturale continuare a succhiare ed ingoiare tutto il suo, buono, caldo, potente. Quando la sua cappella usci dalla mia bocca era pulita, lucida e meravigliosamente profumata.

- continua -

Questo racconto di è stato letto 3 1 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici erotici raccontiracconti icestoracconti deflorazioneracconti erotici culettoporno racconti veriracconti erorticistorie pronoerotici racconti 69racconti sesso incestigeneri dei racconti eroticiracconti eraticii racconti eroticiraccontiannunci69geniv racconti eroticiracconti erotici prima segaracconto pornoracconti suocereho inculato mia madreracconti nudististorie eroticostorie erotiche amatorialiracconti ertoticistorie ponozietta porcasesso anale raccontiracconti porno zoofiliaracconto milueroriciraccontiracconti erotici suoraracconti veri incestoracconti di sesso con caniracconti veri incestostorie hot vereraccoti pornoracconti porniracconti icestoracconti poenoporno racconti eroticiraccontu gayracc sessracc pornoiincestiesibizioniste al ristoranteraccontini eroticiracconti eoritciraccontieriticistorie ponocome praticare il fistingracconti incrstomia zia in perizomaracconti eroticjerotciraccontimi inculo la suocerarocconti eroticistorie feticismoracconti erotici.itracconti vecchie troieracconti eroticoi racconti di milieroticiracconti.itstorie analiracconti annunci69racconti lauraxracconti erotici suoceramia cognata porcaracconti di zoofiliaracconti gay la prima voltaracconti erotici donne incinteeros raccontimilùraccontiraccontierracconti erotici moglie scopata