Babi - Fai una magia ... ( the End)

Scritto da , il 2019-11-05, genere sentimentali

Quando mi aveva lasciato la scorsa estate , era stato un dolore fortissimo ma dato in maniera veloce…come uno strappo di ceretta…fa male , ne farebbe il triplo se dato più lentamente…ero stata male ma almeno conoscevo il mio destino, il mio ruolo … i giorni che hanno seguito quella notte erano una tortura peggiore…
Non sapere niente di lui lasciava spazio solo a scenari che mi terrorizzavano…e se ora fosse con lei? Se ci avesse già fatto l’amore? Se non mi stesse pensando? Se non lo sentissi più? …la sua assenza pesava più della presenza di tutte le altre persone che vedevo ogni giorno .
Sapevo di avergli suggerito di fare la scelta migliore, sapevo che era la sola cosa che servisse a lui per capire ciò che provava …ma non ero certa che Cinzia avrebbe avuto il medesimo atteggiamento… Da un lato c’ero io e dall’altro lei..e mentre io in silenzio cercavo di farlo scegliere liberamente dall’altro c’era CInzia …così diversa da me …come poteva amarci entrambe?
E di tutti questi miei pensieri sentivo di non poterne parlare nemmeno con Stefania, perchè ogni volta che in quei giorni siamo andate sull’argomento mi ritrovavo sempre a difendere Marco dall’idea che la mia migliore amica si era fatta di lui
“un egoista” era l’appellativo migliore con lui lo apostrofava…e non sentivo fosse vero…aveva commesso degli errori, ma nessuno è perfetto …e Stefania non c’era in macchina quella sera, non aveva visto l’espressione del suo volto…
Così vagavo fingendomi interessata a quello che mi accadeva intorno .. alle lezioni , ai discorsi di Stefania , alle battute dei miei amici quando ci trovavamo …
UNa settimana. 7 giorni interi di quel limbo …
Ero in aula studio , stavo cercando di studiare…
“E’ libero?”ho sentito ed alzando gli occhi dal libro ho visto un ragazzo , dai capelli neri , gli occhi scuri ..molto carino.
“Si”ho risposto io tornando con gli occhi sul libro.
Senza farmi vedere ogni tanto lo guardavo. Studiava su un libro di Medicina.
“La vostra aula studio mi piace di più..”ha detto mentre mi scopriva a ficcanasare sul suo libro .
“Oddio si.. scusami non volevo farmi gli affari tuoi” ho detto imbarazzata “è che solo strano vedere dei libri con i disegni in questa aula studio…”ho detto indicando la foto colorata che aveva attirato la mia attenzione.
“Il tuo sembra decisamente più noioso”ha detto lui guardando il mio tomo da 700 pagine di diritto penale “Piacere Tommaso”ha detto poi porgendomi la mano.
“Barbara”ho detto io prendendogliela e presentandoci.
“Vado a prendere un caffè.. ne vuoi uno?”mi ha chiesto alzandosi.
“no, grazie..”ho detto io .
Quando è tornato non ci siamo detti niente , quando sono andata via l’ho salutato e lui è rimasto li .
Il giorno dopo , l’ho rivisto, un saluto da lontano , dato che c’era posto in due tavoli divisi.
Il giorno seguente l’ho incrociato alla macchinetta del caffè.
“La mia amica dell’aula studio”ha detto lui scherzando
“E’ un modo per dirti che non ti ricordi il mio nome ?” ho detto io spingendo il bottone del cappuccino.
“Barbara”mi ha detto lui
“Tommaso..la macchinetta è tutta tua”ho sorriso io prendendo il mio bicchierino e spostandomi .
“Tommy… Tommaso mi chiamava solo mia madre quando doveva sgridarmi..”ha detto lui inserendo le monete.
“ora non ti sgrida più?”ho chiesto io
“DIciamo che i km che ci dividono mi aiutano a farla incazzare meno..”ha detto lui
“Sei un fuorisede?”ho chiesto io
“E’ una malattia ?”mi ha chiesto scherzando
“no”ho sorriso io “..e solo che…”
“tranquilla..scherzavo! Si sono un fuorisede…”
ed insieme ci siamo incamminati verso l’aula studio, andando ognuno a sedersi in posti lontani.
Il giorno dopo ancora, lui mi aveva tenuto il posto al suo tavolo.
Siamo anche andati a pranzo insieme al bar esterno alla facoltà. Era una conoscenza completamente amichevole, semplicemente ci facevamo compagnia …non c’era niente di malizioso , di certo non da parte mia… anzi a lui , parlando gli avevo spesso nominato Marco , con mezze frasi tipo “ ci sono andata con il mio ragazzo”… “ah si .. anche al mio ragazzo piace..” non lo facevo a posta, non era una strategia per fargli capire che ero impegnata.. era naturale per me nominare Marco..era il pensiero costante di quei giorni interminabili. Eppure quei brevi minuti di conversazione con Tommaso mi facevano sentire meglio …forse proprio perchè era un estraneo, forse perchè non sapeva niente di me che non volessi fargli sapere.
Poi dopo quasi due settimane di silenzio , finalmente Marco mi ha chiamata, ed ero proprio in aula studio.
Il mio telefono ha vibrato. Ho visto la nostra foto comparire sul display.
Mi sono alzata e sono andata fuori in giardino .
“Eccomi”ho detto rispondendo
“hey ciao..è un brutto momento?”mi ha chiesto
Non lo sarebbe stato nemmeno se avessi avuto un serial killer che m’inseguiva…non poteva essere un brutto momento in nessun caso , dato che avevo aspettato due settimane per sentire di nuovo la sua voce. Ma questo non gliel’ho detto.
“No. Sono in Facoltà..”ho risposto io
“Hai voglia di interrompere un pò prima per prendere un apertivo con me?”mi ha chiesto
“si..”ho detto. Pensando che se erano brutte notizie avrei preferito saperle al telefono.
Ci siamo messi d’accordo sul dove trovarci. Già il fatto che non mi avesse detto “ti passo a prendere” mi faceva mancare la terra da sotto ai piedi.
Sono tornata dentro ho preso le mie cose, salutato Tommaso e sono corsa alla mia macchina…nel bene o nel male almeno avrei saputo il mio destino…
Quando sono arrivata , ho visto la macchina di Marco già parcheggiata.
Sono entrata nel bar e lui era in un angolo al cellulare, mi ha fatto un cenno per salutarmi e quando mi sono avvicinata ho sentito che stava parlando di lavoro .
“Scusami..”mi ha poi detto dopo aver chiuso la chiamata
“nessun problema”ho detto io.
Era strano essere così imbarazzati …Ci siamo seduti in uno dei tavoli del locale… abbiamo parlato di come andavano le cose in generale , aspettando che la cameriera non venisse più ad interromperci …
“Perchè ho la sensazione di sapere quello che stai per dire..”ho detto mentre guardavamo la cameriera allontanarsi dopo averci portato i due calici di vino .
Ha iniziato a parlare senza il coraggio di guardarmi , fissando il vino nel suo bicchiere come se vi fosse scritto il discorso… il senso delle sue parole era che aveva scelto d’essere “serenamente infelice”( usando le sue parole) , perchè per quanto sapesse che era me che volevo, non avrebbe mai potuto essere in pace con se stesso, perchè non voleva essere come suo padre che aveva lasciato la madre per una donna più giovane , perchè non voleva che Cristina potesse soffrire come era successo a lui … l’ho ascoltato dirmi parole assolutamente sincere , ho lasciato che esponesse ogni singola ragione…. e quando fra questa ha iniziato a venire fuori il nome di Cinzia, di quante cose lei avesse fatto per la famglia , di quanto lei avesse sacrificato per lui e per Cristina..ho capito….Lei non si era comportata come me…aveva giocato , ogni carta che possedeva per riaverlo…brava…il suo scopo lo aveva ottenuto..se lo sarebbe ripresa..ma per i motivi sbagliati…che se lo tenesse ..io non avrei mai accettato che il mio uomo mi rimanesse vicino definendoci come una “serena infelicità”… io volevo essere un “esigenza” …
“Ok”ho detto quando lui ha smesso di parlare
“Tutto qui? Ok e basta?”
Ho preso quello che rimaneva del mio calice l’ho bevuto in un sorso “ ti ho chiesto di scegliere,l’hai fatto… arrabbiarmi perchè non hai scelto la sottoscritta è infantile…”ho detto alzandomi , volevo scappare via il prima possibile.
“Babi..”ha detto lui cercandoo di prendermi la mano .
“In bocca al lupo per tutto”ho detto io spostando la mano ed uscendo dal locale.
Ho fatto un profondo respiro” non piangere!non piangere!”mi ripetevo camminando verso la macchina.

Qui sembrerebbe la scena perfetta per il finale…io che salgo in macchina dissolvenza e…..buio.
Ma non sarebbe davvero completa questa storia se la fermassi qui..perchè nella vita i finali non sono mai così ben delineati come nei film…
Dopo quel giorno non riuscivo a togliermi dalla testa l’idea di non essere “abbastanza” …d’essere quella che si può mettere in un cassetto ed andare avanti, quella che non è davvero indispensabile…per un mese buono ero caduta in uno stato di depressione…stavo male e non lo ammettevo con nessuno, fingevo d’averla superata…ma la sola che prendevo in giro era la sottoscritta.
Non sono più andata in aula studio , non ho più aperto il libro di diritto penale dicendomi che l’avrei dato nell’altra sessione, che ora me lo meritavo un pò di cazzeggio…
Non ero mai in casa..e non stavo mai ferma …stare ferma voleva dire avere tempo di pensare, pensare voleva dire staree male..ed ero così stanca di stare così male!!!
Credo, che per molti aspetti io stessi elaborando un lutto…era morta la Barbara che voleva credere alle favole, era morta la Barbara che sperava nei lieto fine e che infondo l’amore potesse vincere tutto…era morto quel NOI in cui tanto avevo creduto…ma sopratutto era come se fosse morto anche Marco…perchè il Marco che io amavo non era l’uomo che mi aveva parlato in quel bar…non era l’uomo che s’arrende…
Questo non mi permetteva di odiarlo….non puoi odiare chi muore…puoi sentirne la mancanza, puoi piangerlo.. puoi ricordarlo … ma odiarlo…odiarlo no.
Era ormai giugno , ed io con alcuni amici eravamo ad una festa in piscina …
“Hey allora sei viva?!”ho sentito alle mie spalle , mi sono girata e c’era Tommy.
“Così pare”ho detto , dandogli dei baci sulle guance.
“Ho ufficialmente finito gli esami..”
“Figo!! TI manca la tesi poi sei libero!!”ho detto io
“Libero di studiare ancora per la specializzazione…”ha detto lui “comunque … tu il tuo diritto penale l’hai poi dato?”
“Naaa…lo do alla sessione prossima…”
“Beh ti trovo…bene!”ha detto guardandomi , ero appena uscita dalla piscina ed indossavo solo il costume.
“Gli occhi sono qualche cm più su..”ho detto io vedendo che mi stava guardando le tette, scherzando. QUando porti una quarta abbondante impari piuttosto in fretta a scherzarci su.
“si…scusa..era mero interesse professionale…”ha scherzato lui
“ah si?…mi stavi fancendo un check up visivo?”ho detto ridendo
“si.. più o meno”ha riso lui “ se ti offro da bere il tuo ragazzo mi affoga in piscina nascondendo il corpo nei cespugli?”
“Tu guardi troppe serie tv..”ho detto io
“Abbastanza da accorgermi che non hai risposto …”ha detto lui
“non ho più nessun ragazzo..”
“Quindi è il mio giorno fortunato…”
“Ma scusa… io ti dico che sono tornata single , potrei essere depressa e tu mi dici che è il tuo giorno fortunato?”ho riso io.
“Sei depressa?”mi ha chiesto.
“potrei esserlo..”
“Quindi ti ha lasciato lui..”
“ah ecco .. metti pure il coltello nella piagaaaa!! ma che dottore seiii?”ho riso io spingendolo
“Ok ok… scusa…cerco di fare la persona seria…ma tu copriti o faccio seriamente fatica a guardarti in faccia…”ha scherzato lui.
“Non posso fino a che non si asciuga il costume…dovrai soffrire ..beviamo o no?”ho poi chiesto io.
Siamo andati al bar abbiamo preso da bere , poi ci siamo seduti sul bordo della piscina a parlare ..più che altro a scherzare e dire cavolate…abbiamo anche fatto il bagno insieme… mi sembravano secoli che non mi sentivo così serena … Tommaso era simpatico… sembrava così sereno e rilassato , sembrava non avere nessun problema o pensiero ..e riusciva a trasmettere quella energia positiva anche a me…era bello parlare con lui …
“Il cartello : vietato amoreggiare in piscina è imbarazzante”mi ha detto indicandomelo.
“Da quello che so, l’hanno scorso hanno intasato i filtri… alcuni dicono con dei preservativi , altri con delle mutande…ma solo la ditta che pulisce la piscina conosce la verità…”ho detto fingendo il tono misterioso
“Intrigante…e secondo te per “amoreggiare” che intendono per la precisione?”mi ha chiesto avvicinandosi a me…
“Non saprei con esattezza…ma se vuoi chiedo al bagnino..”ho detto indicandolo seduto nella sua postazione .
“Lasciamolo dov’è..sembra si stia divertendo troppo!” ha detto sarcastico , riferendosi alla faccia da scocciato che aveva quell’uomo, ed avvicinandosi sempre di più a me …la sua bocca era a pochi millimetri dalla mia
“sei fidanzato?”gli ho chiesto
“no”ha risposto lui
“mi basta..:”ho detto io avvicinandomi a mia volta e sfiorandogli le labbra ..e ci siamo baciati..era il primo ragazzo che baciavo dopo Marco…era strano…ma bello..mi faceva sentire desiderata, desiderabile…mi faceva provare emozioni…quel bacio, no anzi… Tommaso , il suo modo di fare, le sue battute ed il suo bacio , mi stavano trascinando fuori dal buco nero in cui mi sentivo .
“Il bagnino ci guarda male…”ha detto poi piano
“Non è vero…”ho detto io ritornando a baciarlo.
Mi sono aggrappata a lui , incrociando le gambe sui suoi fianchi continando a baciarlo, iniziando istintivamente a muovere il mio inguine contro al suo .
“Fermati un secondo o non credo che potrò uscire dall’acqua senza far sapere al mondo che effetto mi fai ..”mi ha detto sorridendomi mentre sentivo il suo cazzo iniziare a diventare duro.
“Giusto…”ho sorriso io rimanendogli però aggrappata.
Per una frazione di secondo , avevo sperato che aprendo gli occhi avrei rivisto il viso di Marco, un riflesso incondizionato..o solo un desiderio … e trovavo il viso di Tommy mi è sembrato sbagliato … quel bacio mi era piaciuto , la sua pelle mi dava vibrazioni che non provavo da mesi..e mi sembrava “sbagliato”…
“Tutto bene avvocato” ha detto lui notando il mio sguardo su di lui ma lontano anni luce.
“Tutto bene..”ho detto io scivolando via dalle sua braccia.
In quel momento i miei amici hanno buttato in acqua Stefania e poi si sono lanciati a loro volta..gli ho presentato Tommaso…ed abbiamo passato il resto della serata tutti insieme…Prima di salutarci ci siamo scambiati i numeri di telefono.
Il giorno dopo mi ha chiamato , abbiamo parlato per un sacco di tempo , più che altro scherzando e nonostante fossi ancora in piena fase “pippe mentali” non so come , è riuscito a farmi dire di si ad un appuntamento con lui.
Non l’ho fatto passare a prendermi , volevo la mia macchina e con essa la possibilità di andarmene quando volevo … il problema , era che l’estate precedente quando avevo smesso di frequentare Marco , mi ero lanciata nell’ostinazione di voler assolutamente sostituire quel vuoto con qualsiasi altro ed ogni volta poi mi ritrovavo a pensare ancora più intensamente a Marco e non volevo più commettere quell’errore..non volevo più obbligarmi a trovare piacevole la compagnia di qualcuno…ma al tempo stesso con Tommaso non mi sentivo obbligata, con lui stavo bene davvero…allora perchè sentivo fosse così sbagliato provarci …probabilmente perchè non ero ancora pronta a rinunciare davvero a Marco..avevo paura che qualcuno potesse allontanarmi tutti quei ricordi stupendi che avevo e che mi davano la sicurezza di non aver “sprecato tempo”.
Ci siamo visti in uno dei parcheggi in centro… ci siamo seduti in uno dei tanti locali con la distesa esterna a prendere un aperitivo … abbiamo parlato tanto..ed a differenza di tante altre conversazioni quella catturava davvero la mia attenzione…Tommaso era un ragazzo pieno di tanti interessi, suonava la chitarra , gli piaceva guardare film , parlava dei suoi registi preferiti come fossero suoi amici … era un vulcano … sembrava non gl’importasse di come il mondo lo poteva vedere e faceva sempre e solo quello che voleva davvero fare…
“Per certi aspetti mi ricordi tanto il mio ex”gli ho detto mentre lasciato il bar , stavamo andando a mangiare una pizza.
“Forse dovrei offendermi..”ha scherzato lui
“Ma nooo!! Ti assicuro che è una bella persona…”ho risposto io
“E’ un imbecille…non sei una da lasciare..”Mi ha detto serio guardando davanti a se.
“E’ un pò più complicato…”ho detto io mettendomi sulla difensiva, non sapeva niente della mia storia e non conosceva Marco ..il fatto che gli desse dell’Imbecille mi ha infastidito.
“Per come la vedo io di complicato non c’è niente…se avesse voluto stare con te il modo l’avrebbe trovato…qualunque fosse la situazione che c’era fra di voi … per la maggior parte delle cose si riduce ad una questione di coraggio…”
“Tu non hai mai dubbi?”gli ho chiesto
“su quello che voglio? Mai…”
“Quindi..dimmi un pò.. cos’è che vuoi?”gli ho chiesto
“Riuscire a specializzarmi in Oncologia prima di avere i capelli bianchi, vedere l’Aurora Boreale,possedere un Gufo Altamento istruito e chiamarlo Anacleto -ha detto citando il film della disney la spada nella roccia - e convincerti ad uscire ancora con me per.. diciamo… una decina d’anni di seguito?”ha detto sorridendo.
Ho sorriso “ nel caso quindi so cosa regalarti per Natale…”ho detto
“Un viaggio al polo nord?”
“no..un gufo altamente istruito, ovviamente!”ho detto ridendo.
QUando alla fine della serata siamo tornati al parcheggio dove avevamo la macchina mi dispiaceva che quella serata fosse finita.
Mi ha accompagnato fino alla macchina , ci siamo salutati e poi ..il nostro secondo bacio..
“Non ho voglia di andare a casa..”gli ho detto appoggiandomi alla sua spalla , quanta pace mi dava la sua compagnia…non erano quelle emozioni forti ed irrazionali che mi faceva provare Marco , ma erano comunque emozioni che mi ridavano i colori ..
“Vuoi venire da me?”mi ha chiesto
Ho sollevato lo sguardo , sapevo come sarebbe finita , sapevo saremmo finiti per fare sesso e non ero sicura che non avrebbe rovinato tutto.
“oppure stiamo qui ..per me è uguale..”ha aggiunto vedendo la mia indecisione .
“Tu mi piaci tanto…ma..”stavo per dirgli , ma non ho la testa sgombra dal passato..non so quanto sia tu a piacermi o la sensazione di avere qualcuno ..
“Niente ma…tienili per la prossima puntata.”ha scherzato lui
“ok..”ho detto io sorridendo .
Ci siamo baciati di nuovo. Poi sono salita in macchina.
Stavo andando verso casa quando mi sono sentita una stupida… c’era un ragazzo stupendo che mi piaceva ed io lo stavo tenendo lontano per cosa? per chi? …
Ho preso il cellulare e l’ho chiamato.
“se mi dici dove abiti …ti raggiungo”
Lui mi ha dato il suo indirizzo.
Mi aspettava sotto il palazzo.
“Prima di salire devo solo farti due domande…”ho detto camminando verso di lui
“Ti aspetti che se salgo faremo sesso?”
“Non mi aspetto niente…”ha risposto lui .
Mi sono fermata davanti a lui .
“La seconda domanda qual’è?”mi ha chiesto mettendo le sue mani sui miei fianchi.
“Dimmi la cosa peggiore che posso aspettarmi da te…”ho detto , ok non era una domanda e magari per lui non aveva nemmeno troppo senso , ma per me era importante saperlo.
“Questa è difficile, ci vorreebbe la sfera di cristallo…non posso dirtelo…però posso dirti che tu mi piaci parecchio e si può dire che nemmeno ti conosco… quindi , come ti dicevo prima di cena.. si riduce tutto ad una questione di coraggio…”
“Suona un pò come “salti tu salto io” “ho detto citando la battuta di Titanic volendo sdrammatizzare quella sembrava una conversazione , decisamente troppo seria …
“Speriamo di non fare la stessa fine di Di Caprio..”ha detto lui avvicinandosi per baciarmi .
Ci siamo baciati, siamo poi saliti nel suo appartamento… abitava da solo , non aveva coinquilini ..era davvero molto piccolo ma decisamente bellino … gli assomigliava, colorato , caotico vivo…
“Bello il muro nero…”ho detto vedendo la parete dietro al divano completamente nera e lucida con un quadro astratto al centro , pieno di colori ..era così in contrasto con quel nero che quasi sembrava uscire dal muro e liberarsi.
“Grazie… birra? Acqua? Forse ho anche del the freddo…”ha detto aprendo il frigo , la cucina in realtà era un angolo cottura e la grande stanza principale era sia la sala da pranzo che il salotto.. ma chi aveva pensato a quella disposizione di mobili era riuscito a creare spazi ben chiari .
“Acqua…Grazie..-ho detto sedendomi sul divano - Quasi quasi appena liberi quest’appartamento chiedo al proprietario di affittarlo a me.. è davvero bello!”
“…Dici?… Alla ragazza dell’altra sera non è piaciuto per niente…”ha detto serio.
“Ah Ah .. non ci casco…L’altra sera eri con me…alla festa in piscina non te lo ricordi?”
“Ieri ero con te in piscina… non l’altra sera..”ha detto lui dannatamente serio.
“Sto per crederti…e non ti conviene..”ho detto mostrandomi rilassata, quando in realtà il dubbio che fossi caduta nel copione perfetto per il rimorichio mi stava venendo.
“Tu eri scomparsa dal pianeta…”mi ha detto avvicinandosi e facendomi appoggiare al bracciolo in una posizione semisdraiata.
“E’ una tua abitudine far salire ragazze a casa tua quindi…”ho detto io
“vuoi la verità?”mi ha chiesto
“si…”
“Non sono vergine.. quindi si … qualche ragazza qui ci è salita…”
“Parlerei così anche di me , con la prossima?”gli ho chiesto
“così come?”mi ha chiesto lui
“qualche ragazza…”ho detto io citando le sue parole precedenti.
“te l’hanno ma detto che pensi troppo ?”mi ha chiesto sorridendomi.
“Ho sbagliato a buttarmi senza pensare in passato…sto solo cercando di non fare gli stessi errori…”ho detto io il più sincera possibile.
“Prendi il cappuccino e lo zuccheri sempre fino al massimo che consente la macchinetta, deve piacerti parecchio il rosa, perchè hai mille evidenziatori ma usi sempre e solo quello rosa, hai sempre due elastici al polso, uno lo usi per legarti i capelli e con l’altro ci giochi …”ha detto prendendomi il polso per mostrarmi i miei due elastici “ ed anche se vuoi sembrare razionale so che, infondo infondo non lo sei …o non avresti cambiato idea…ti ho studiato …e non perdo tempo a studiare qualcuno se non m’interessa davvero…in altre parole , signorina, no…dubito tu possa rientrare nella categoria anomina del “ qualche ragazza”…tu hai intenzione ti tornare con il tuo ex?”mi ha chiesto
“No, non è una possibilità…”ho detto io
“Allora smettiamo di parlare?”mi ha chiesto
“si…credo sia meglio..”ho sorriso io .
Ci siamo baciati , mi sono ritrovata sdraiata su quel divano ancora completamente vestita con lui sopra di me…eravamo entrambi eccitati e non riuscivamo a smettere di baciarci e di strusciare i nostri corpi l’uno sull’altra…ero eccitata e lo volevo, volevo essere li .. e non avevo bisogno di immaginare fosse Marco…volevo lui..
Ci siamo spogliati continuando a baciarci senza dirci niente..senza parlare..senza pensare…poi lui è scivolato fra le mie gambe , baciandomi piano l’interno coscia, preendendosi tutto il tempo per assaggiare la mia pelle…e per farmi morire dalla voglia di sentire quella sua bocca sulla mia figa…e quando finalmente l’ho sentita mi sono lasciata andare in un profondo respiro carico di piacere…era dolce, delicato…non voleeva farmi venire , come piaceva fare a Marco, preferiva lasciarmi in quello stato di piacere inesploso..gustandosi la mia voglia… forse per via del suo corso di studi, ma sembrava conoscere perfettamente ogni punto del corpo che mandava segnali di piacere al mio cervello…e quando finalmente ho sentito il suo cazzo scivolarmi dentro ..l’ho stretto a me , iniziando a muovermi contro di lui …avevo l’esigenza di sentire il mio piacere esplodere…
Ha iniziato a muoversi dentro di me…lento ed inesorabile come la più bella delle maree…
“mi stai uccidendo…”ho ansimato con la voce rotta dal piacere.
Lui ha sorriso , eccitato , bello e con lo sguardo malizioso di chi sa esattamente quello che sta facendo.
Ha sollevato il busto , rimanendo dentro di me..aprendomi di più le gambe e riprendendo a muoversi…poi ha posato una mano sulla mia figa ,piena del suo cazzo..me l’ha accarezzata aprendomi le labbra intime per scoprire il clitoride ed iniziando a stimolarmelo mentre continuava a scoparmi
Ho aperto più che potevo le gambe, oscenamente aperta a lui …totalmente priva di pudore..e lui guardava la mia figa, guardava il suo cazzo entrami dentro, le sue dita giocare con il mio clitoride…esisteva un’altra persona nel mondo capace di farmi godere così profondamente…quel pensiero mi ha fatto salire ancora di più l’eccitazione..ho sentito il mio orgasmo esplodere potente …
“Vienimi dentro..:”ho detto quasi pregandolo senza riuscire a respirare per quello che provavo..
Lui mi ha portato le gambe sulle sue spalle piegandosi su di me…ho sentito tutto il suo cazzo entrarmi dentro…schiacciata dal suo peso , incapace di muovermi e con ancora la voglia di godere…mi baciava con passione mentre ha iniziato a darmi profondissime stoccate, che se non fosse stato per le sue labbra contro le mie , mi avrebbero provocato urla di piacere…poi l’ho sentito venire in me…. bellissimo…sentivo il suo cazzo pulsare in me…sentivo la mia figa contrarsi di piacere avvolgendolo , quasi volendo spremere ogni goccia di quel suo piacere…e poi ….quella sensazione…quella sensazione di pace…..non mi sentivo sporca, non sentivo di aver fatto un errore… non mi sentivo nel “posto sbagliato” o con la “persona sbagliata”…possibile che mi fossi liberata delle catene che mi legavano a Marco?
Possibile che quel “filo rosso” si fosse rotto..spezzato per sempre?…
Ho iniziato a frequentare Tommaso,non ci eravamo dai dati una definizione…prendevamo ogni giorno come veniva…era un’esperienza nuova e bella…lui usciva con me ed i miei amici … facevamo cose insieme ma non esclusivamente da soli… e quando è tornato a casa per un’intera settimana , per stare un pò con i suoi …bhe mi è mancato…
Non provavo quel sentimento travolgente , totalizzante e incondizionato che avevo provato per Marco fin dal primo istante..era un amore più discreto, che mi lasciava spazio per essere anche me stessa…mi sono resa conto frequentando Tommy di quanto fosse diventato “insano” il mio amore per Marco…di quanto avesse annullato me per mettere davanti a tutto lui …Con Tommaso ero serena, ero felice, ero sicura di me…
Ad Ottobre..ero in casa di Tommaso , mi aveva lasciato le chiavi del suo appartamento e spesso ci andavo per studiare mentre aspettavo che lui finisse le lezioni della specializzazione o il turno in ospedale…aveva orari e ritmi frenetici …e darmi le chiavi era il suo modo per farmi sapere che , anche se non riuscivamo sempre a stare insieme, mi voleva con lui …comunque ero li che studiavo da sola.. quando mi squilla il cellulare.
“Possiamo vederci?”due parole, una domanda facile..se solo a farla non fosse stato proprio Marco.
6 Mesi che non si faceva sentire, 4 mesi che avevo smesso di pensarlo ogni giorno…120 giorni in cui ero felice… e poi quelle due parole mi hanno riportato indietro …hanno riavvolto il nastro del film , risvegliando la parte di me che sarebbe corsa da lui senza pensare…
Guardavo quelle due parole come se mi trovassi davanti ad un burrone…l’abisso che poteva inghiottirmi ancora…
Cosa poteva volere da me? Perchè mi stava cercando?
La domanda era …volevo davvero scrivergli che non volevo vederlo , sapendo che il dubbio su cosa volesse mi avrebbe torturato? …no che non volevo…
“quando?”gli ho chiesto mentre le mani mi tremavano.
“Anche adesso..”ha risposto lui.
“Dove?”gli ho chiesto.
Ci siamo messi d’accordo sul posto , ho scelto il parecchio del centro commerciale poco lontano da casa mia …
Ho lasciato un biglietto sul tavolo a Tommy, nel caso fosse tornato a casa prima di me
“devo fare un salto a casa… bacio!”ho scritto in fretta, sentendomi in colpa per quella bugia …ma era qualcosa che dovevo fare solo con me stessa… volevo la prova che quel potere che aveva su di me si era sciolto…
La mia storia con Marco era il mio mostro nascosto nell’armadio…e avevo bisogno di capire se l’avessi sconfitto o se fosse ancora li …e se gli avessi detto dove stavo andando , so che poi avrei dovuto spiegargli cose che non avevano una vera spiegazione…so che avrebbe frainteso…o semplicemente che si sarebbe arrabbiato… ed io non volevo che qualcosa fra me e Lui si rompesse…
Sono arrivata in quel parcheggio con il terrore di aver fatto la più grande cazzata della mia vita … con la paura che la sola cosa che mi avrebbe provato quell’incontro era che lui aveva ancora , eccome, potere su di me…
Mi sentivo come una ex tossica che si sta per mettere alla prova mettendosi davanti ad una dose della sua droga preferita..
Sono scesa dalla macchina, dopo averla parecheggiata affianco a quella di Marco .. lui mi ha fatto cenno di salire sulla sua .
L’ho fatto.
Lui senza dire niente l’ha accesa iniziando a guidare a caso per la città…per alcuni istanti siamo rimasti in silenzio, poi è stato lui a parlare per primo.
“Cinzia mi ha detto che vuole chiamarti…credo abbia il tuo numero di telefono da quando …”
“da quando mi ha mandato quel messaggio…comunque perchè dovrebbe chiamarmi?”gli ho chiesto, davvero mi voleva vedere per parlarmi di lei .
“perchè dice che nel nostro matrimonio siamo in tre..è convinta che ti veda ancora..”ha detto lui
“Non credo sia un mio problema.. riportami alla mia macchina per favore..”ho detto
“Magari ha ragione.. magari siamo davvero in 3..non riesco a non pensarti Babi…è un fottutissimo casino …”
“Te l’ho già sentito dire questo …e ci credo…ma sai…sarebbe la terza volta che decido di crederci…e sarebbe stupido…mi dispiace per ….i tuoi problemi…e se dovesse chiamarmi le dirò la verità…ovvero che sono 6 mesi che non ti sento o ti vedo…è il massimo che posso fare per te…”gli ho detto “riportami alla mia macchina…”ho ripetuto.
Lui ha fatto inversione, ritornando verso il centro commerciale.
Fermandosi accando alla mia macchina.
“Quindi…finisce davvero qui?”m ha chiesto guardandomi.
Avevo voglia di abbracciarlo , di baciarlo .. di dirgli quanto mi fosse mancato , di quanto mi fosse mancato il suo profumo , il suo viso …
“Marco…io non ho mai avuto il minimo dubbio … ti amavo più di quanto non amerò mai nessun’altro…ma la verità è che ho dovuto seppellirti… ho dovuto rendermi conto che la persona che amavo così tanto era morta…era il solo modo che avevo per non odiarti…ed io non voglio odiarti , non ci riesco ….non ci riuscirò mai…quindi…no.. non finisce qui.. è finita ad Aprile , 6 mesi fa, quando hai scelto di mettere da parte quello che provavi per me…quando hai pensato di poterlo nascondere, ignorare, superare o dimenticare… mi hai fatto male e speravo che quel male almeno fosse il prezzo da pagare per sapere che eri felice…ma la cosa peggiore è scoprire che sono stata male per niente…che il male che hai fatto a me non è servito a te…quindi si ..è finita..”ho detto tutto d’un fiato, riassumendo tutti i pensieri che mi avevano torturato nei mesi subito dopo alla nosta separazione…vomitandoli come ultimo sintomo della mia malattia… dirgli quelle parole mi ha fatto sentire istantaneamente libera da lui …era quello che mi mancava…dirgli ciò che pensavo .. poterglielo dire senza paura di perderlo …
“Lasciarti è stata la scelta peggiore potessi fare Babi…”mi ha detto
“Ma l’hai fatta. Fai la magia…torna indietro nel tempo…torna a quella sera…cambia le parole che hai detto …se ci riesci , se riesci a farlo….allora chiamami…in caso contrario, cancella il mio numero…se davvero mi ami come dici adesso…lasciami in pace…ti prego”ho detto sentendo gli occhi pieni di lacrime,era difficile dirgli addio …ed era un addio, perchè nessuno ha il potere di riavvolgere il tempo o cambiare gli eventi …
“Ok”ha risposto lui prendendomi le mani e portandosele alla bocca “Ok..”ha ripetuto poi liberandomele.
Sono scesa dalla sua macchina senza salutarlo , senza dirgli niente…
Sono risalita sulla mia e sono andata via da li , da lui …ho pianto .. un pianto liberatorio… l’ultimo che ho dedicato a lui…a NOI…
Poi cercando di nascondere gli occhi rossi , sono tornata a casa di Tommy.. lui non era ancora tornato…
Ho buttato via il biglietto che gli avevo scritto…
Ad oggi…sto ancora con Tommaso…praticamente mi sono trasferita a casa sua , i miei lo adorano ed io ho conosciuto i suoi e sono persone splendide.. sto bene…non vivo più le montagne russe..l’amore può avere tante volti .. quello che provo per Tommy è una coperta calda, un posto sicuro…l’abbraccio di qualcuno che vuole proteggerti …
Non mi pento di quello travolgente, passionale e drammatico che ho vissuto con Marco… lui è la prova che l’amore da film esiste, che ci si può innamorare follemente solo con uno sguardo… lui è il massimo dell’amore che ho mai provato … e sono contenta di averlo vissuto , nel bene e nel male…perchè so che esistono molte più persone nel mondo che non lo proveranno mai di quante lo hanno conosciuto…
Ma la cosa più importante che mi ha insegnato Marco è che l’amore “perfetto” non deve necessariamente essere “per sempre”…. che la vita non è come i film…che il lieto fine potrebbe non arrivare…Rifarei tutto…senza pensarci… perchè proprio quel “tutto” mi ha portato a conoscere Tommy…e non lo so se sarà “per sempre”… io e lui preferiamo sceglierci tutti i giorni…senza promesse….
E’ stato proprio lui a dirmi una frase di Bukowsky che è diventata un pò il mio mantra …
“scelgo di rimanere in una stanza se so che la porta è sempre aperta..” ….Tommaso è la “stanza” in cui ora voglio stare..ed io sono la sua…

Fine


……Forse….. :)

Questo racconto di è stato letto 6 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconto pompinoraccontidi milustorie di adultianimalsessoho scopato mia nuoraracconti eritrocitistorie mistressracconti erotici gravidanzaracconti erotici gay fratelliraccontj eroticieroticiracracconti di coppiaertici raccontistorie di sculacciatedoppia penetrazione raccontiditalino sotto il tavoloracc miluracconti erotiiciannunci69gaystorie eroticheracconti sottomissione gayracconti gay bearracconti erotici gay & bisexuomini operati diventati donnercconti eroticiracco.ti eroticistorie etoticheracconti moglie cinemaracconti erorticiscopateconanimalii generi di racconti inceatoerotici raccpntiscambio di coppia in spiaggiastorie sesstorie di sesso con la cuginaraccontierotiracconti erotici in famigliaracconti sottomissione gaysverginamento vaginaleracconti erotici la professoressaclistere raccontoracconti porno fotoracconti piedinisito racconti eroticierotico storiestorie zoofiliai generi dei raccontistorie porno italianoracconti incesto annunci 69raccontieriticiorgia raccontostorie di feticismocameriera eroticaraccomti pornoracconti di donne porcheerotica raccontistorie pirnoracconti di sesso al mareracconti tetteracconti eeroticicconti eroticistorie gay eroticheracconti moluracconti di sesso gratisracconti eeroticiraccontieroticoerositalia raccontiracconti tradimenticulo rotto raccontiracconti piediniracconti sexibello sticchiocollant raccontistrip poker raccontiracconti incesto padre e figliaracconti di mariti cornutiforum al femminile racconti eroticieriticiraccontiannunci69 raccontierotici racontistorie 69racconti erotici romanticiracconti erotivporno italiano raccontispio mia madreracconto xxxmistress caga