Accompagnando mia cugina dal ginecologo.

Scritto da , il 2019-11-04, genere incesti

Accompagnando mia cugina dal ginecologo.

Circa due settimane fa mi trovavo a casa di mia zia Franca per consegnarle dei documenti. Ad un tratto, mentre ero ancora impegnato a parlare con lei, con la coda dell'occhio vedo comparire sull'uscio della porta della camera da letto mia cugina Silvia. Istintivamente mi giro verso di lei e la saluto. Silvia dopo aver contraccambiato il mio saluto mi fa un cenno con la mano invitandomi ad avvicinarmi a lei. -Arrivo !- le dico. Terminato di parlare con mia zia vado in camera da letto di mia cugina. Una volta in camera sua Silvia mi bisbigliandomi nell'orecchio -Avrei bisogno di chiederti un favore-, -Dimmi !-, -Mi raccomando senza farti sentire da mia madre, questo venerdì potresti accompagnarmi dal medico ?-, -Certo non ci sono problemi. Ma perché mi chiedi questa cosa in questo modo ? C'è qualche problema ?-, -Adesso non posso spiegarti. Non voglio farmi sentire da mamma. Se ti va possiamo uscire a bere qualcosa così ti spiego meglio-, -Va bene-, -Ok perfetto ! Il tempo di mettermi qualcosa di decente addosso ed usciamo.-
Circa un quarto d'ora dopo io e mia cugina Silvia siamo in macchina e ci stiamo dirigendo verso il centro commerciale. -Allora che succede ?-, -Ma nulla di ché !-, -Come ? Ti devo accompagnare dal medico di nascosto da tua mamma e mi dici che non c'è nulla ?-. Silvia mi guarda e sorride, ma capisco subito che dietro a quel suo sorriso c'è dell'imbarazzo misto a preoccupazione. -Dai raccontami, non preoccuparti sai che so essere muto come un pesce. Che problema hai per dover andare dal dottore senza dirlo a tua madre ?-, Silvia a quel punto appoggia la sua mano sinistra sulla mia mano che in quel momento teneva la leva del cambio e con fare serioso mi dice: -Ho un piccolo problema intimo !-, -Cioè ?-, -Devo andare dal ginecologo a fare una visita-, -Perché che hai ?-, -Un problema-, -Non posso sapere di cosa si tratta ?-, -E' un po imbarazzante la cosa-, -Capisco. Ma se è così imbarazzante perché chiedi a me di accompagnarti dal ginecologo e non lo chiedi al tuo ragazzo ? A proposito Mirko come sta ?-, -Ecco, proprio lui !-, -Che c'è ?-, -Io e Mirko non stiamo più insieme.-, -Come mai ?-, -Perché è uno stronzo !-, -Ti va di raccontarmi ?-, -C'è poco da raccontare, ci siamo lasciati e basta-, -Posso conoscere il motivo ?-. Silvia si gira verso di me e mi guarda con aria nuovamente seria, quindi un secondo dopo sento la sua mano che stringe forte la mia. -L'ho lasciato perché ho capito che lui voleva stare con me solo per fare sesso e null'altro.-, -Addirittura ?-, -Si è così-, -Mi spiace.-, -Ma il motivo per cui devi andare dal ginecologo è legato a qualcosa che ti ha fatto lui ?-, -Si !-. Guardo mia cugina dritta negli occhi e improvvisamente ci vedo tanta paura. -Ti ha fatto del male ?- le domando. -Mi ha sfruttato solo per il sesso e … non voglio dire che abbia usato violenza su di me, quello no, sarei bugiarda se dichiarassi questo. Solo che l'ultima volta che abbiamo fatto sesso lui ha usato …. una cosa che mi ha fatto male e mia ha procurato dolore.-, -Cioè ?-, -Non è facile per me confessare certe cose. Però io mi fido di te. E' per questo che ho chiesto il tuo aiuto. Di certo non potevo andare a raccontare una cosa del genere a mia madre, la conosci anche tu no ? Sai di che mentalità è. Se venisse a sapere che sua figlia ha fatto già sesso con un ragazzo sai che finimondo !-, -Posso immaginare. Ma se non ha usato violenza cosa ti ha fatto di così tanto grave da dover ricorrere al ginecologo ? Sempre che tu voglia dirmelo.-, -Vedi, io pensavo che lui mi amasse veramente. Io ho gli ho sempre dimostrato il mio amore nei suoi confronti anche assecondando le sue richieste sessuali. Pochi giorni dopo che ci siamo messi insieme lui mi ha chiesto di farle una sega, ed io l'ho accontentato. Tra l'altro quella è stata la mia prima volta. Dopo un po lui mia ha chiesto di fargli un pompino, e anche li, anche se la cosa mi faceva un po schifo, alla fine gli ho detto di si, ad un patto però che indossasse un di quei profilattici al sapore di frutta-, -Si ho capito !-, -Siamo andati avanti così per un po di tempo, nonostante lui di tanto in tanto continuava a chiedermi che voleva farlo veramente. Io però non me la sentivo. Non ero ancora pronta, capisci ?-, -Certo ! Quindi poi cosa è successo ?-, -Lui all'inizio sembrava aver accettato la mia scelta, poi però un bel giorno è saltato fuori dicendo che se io lo amavo veramente dovevo dargli qualcosa in più-, -Quindi cosa è successo ?-. Arrivati a questo punto della confessione mia cugina fece un lungo sospiro poi qualche secondo dopo continuò dicendo: -Un giorno mentre lo stavo segando Mirko mi ha detto: “ok, non vuoi farlo perché ancora non ti senti pronta, e questo ti ho già detto che lo capisco e lo condivido, ma io vorrei comunque qualcosa in più da te !” A quel punto le ho chiesto cosa volesse di più da me rispetto a ciò che già facevamo. Lui mi ha detto, “visto che non poteva scoparmi, voleva almeno mettermelo nel culo”. Io all'inizio non volevo assolutamente, ma visto la sua insistenza, e considerato il fatto che lui mi disse che avrebbe usato il preservativo, alla fine gli dissi di si. Siamo andati avanti così per un po di tempo, poi Mirko è tornato a chiedermi ancora qualcosa di più. Alla fine questo qualcosa di più ha significato infilarmi due sue dita nella mia patata.-, -Azz ! Addirittura due dita ?-, -Si. Alla fine mi ha sverginato con le dita e proprio per questo motivo che ora ho bisogno di andare dal ginecologo.-
Dopo avermi confessato la propria vita sessuale mia cugina Silvia mi chiese di nuovo aiuto. -Non preoccuparti ti accompagno io dal medico-.
Tre giorni dopo ricevo una telefonata da parte di mia cugina Silvia la quale mi informa di aver fissato la visita dal ginecologo per il giorno 20 del mese. -Perfetto non ci sono problemi ti accompagno io-, -Grazie cuginetto sapevo di poter contare su di te !-. Detto questo Silvia mi mi informa anche del fatto che prima di andare dal ginecologo dovrebbe fare un salto dall'estetista. -Hai bisogno di uno strappo anche li ?-, le domando. -Saresti veramente un angelo-. Mi dice. -Hai già preso appuntamento ?- le domando. Silvia mi informa di aver preso appuntamento per quel pomeriggio stesso. Non avendo grossi impegni le dico di contare pure su di me. Alle sedici in punto accompagno Silvia dall'estetista. Dopo circa un'ora vado a riprenderla. -Tutto bene ?- le domando. -Abbastanza !-, -Perché abbastanza ?-, -Perché fare la ceretta li sotto non è proprio una passeggiata.-, -Scusa mi stai dicendo che ti sei depilata la patata completamente ?-, -Certo !, Mica posso spalancare le gambe davanti al ginecologo con un bosco li in mezzo.-, -Perché eri veramente così pelosa ?-, -Un pochino-, -Be all'ora hai fatto bene ad andare dall'estetista-, le rispondo. Silvia captando la mia risposta con quel particolare tono di voce scoppia a ridere. Appena le sue risa si affievoliscono un pochino Silvia esclama: -Lo so che a voi ragazzi piace la patata depilata.-. -E bè vuoi mettere ? E' proprio tutta un'altra cosa.-
Arriviamo così al giorno della visita dal ginecologo.
Alle sette in punto ricevo la telefonata di mia cugina Silvia che mi ricorda l'impegno preso con lei. -Non preoccuparti cuginetta. Ci sarò !-. le rispondo. Silvia al telefono appare un po agitata; visto che l'appuntamento dal ginecologo è stato fissato per le tre del pomeriggio, per cercare di tranquillizzarla un po decido di invitarla fuori a pranzo. -Ma come sei gentile cuginetto. Un vero cavaliere-, -E lo so ! Peccato che le mie amiche non lo capiscono-. Silvia fa una breve risata poi mi dice. -Certo perché le tue amiche non sono carine e gentili come me-. -Magari trovassi una ragazza gnocca come te !-, -Ma dai non ci credo, vuoi dirmi che un ragazzo così carino e con un così bel fisico come il tuo non ha ancora trovato una ragazza disponibile ?-, -Sembrerà strano ma è proprio così-. Poco dopo mia cugina interrompe la telefonata perché alle sue spalle sopraggiunge sua madre.
Un minuto dopo Silvia mi invia un messaggio sul cellulare dandomi appuntamento sotto casa per le undici precise.
Come da accordi alle undici precise sono sotto il portone di casa di mia cugina Silvia. Due minuti dopo Silvia appare davanti a me. -Sei bellissima !- esclamo. -Ma grazie cugino-, mi risponde baciandomi con le labbra sulla guancia destra. Silvia è veramente una gran bella ragazza. Quel mattino si presenta a me con indosso un tubino nero molto, molto sexy. Quel vestitino valorizza ancor più la sua corporatura esile, e il suo bellissimo seno sodo. -Ma hai tagliato i capelli ?- le domando. -Te ne sei accorto ?-, -Certo stai veramente bene con questo nuovo taglio. A parte che tu stai bene con tutto-, -Mmmm, ma che gentile, saresti proprio il ragazzo perfetto per me.-, -Dici ?-, -Si,si-, -Peccato che io e te siamo cugini altrimenti-, -Altrimenti ?-, -Altrimenti stai pur certa che ci proverei con te-, -Mmmm interessante la cosa-, Silvia ed io scoppiamo a ridere.
Dopo un breve giro in centro Silvia ed io optiamo per un pizzeria. Visto l'ora, subito dopo pranzo io e mia cugina torniamo al parcheggio, saliamo in auto e ci dirigiamo verso lo studio del medico deve giungiamo alle quattordici e trenta. Trenta minuti prima dell'appuntamento.
Una volta all'interno dello studio medico veniamo accolti da una giovane segretaria (molto carina). Dopo averci fatto accomodare la segretaria chiede conferma a mia cugina del suo cognome e dell'ora dell'appuntamento. -Il dottore non è ancora arrivato. Sarà qui a breve-, ci informa gentilmente. Durante l'attesa, e con il trascorrere dei minuti, mia cugina diventa sempre più irrequieta. -Tutto apposto Silvia ?-, le domando. -Insomma !-, -Ai paura ?-, -Paura no, ma sai, … è la prima volta che vado dal ginecologo-, -Veramente ?-, -Si. Fortunatamente non ne ho mai avuto bisogno-. Ad un tratto sentiamo squillare il telefono della segretaria. La giovane segretaria ci guarda e ci fa un sorriso, quindi alza la cornetta e rimane in attesa. Una manciata di secondi dopo ella riaggancia ed esclama -Il dottore è arrivato. Tra un attimo vi riceverà-. Mi giro verso mia cugina e guardandola negli occhi le bisbiglio. -Riceverà ?-, Silvia alza le spalle e mi fa un bel sorriso.
Circa due minuti dopo suona nuovamente il telefono. -Si dottore !- esclama la segretaria dopo aver alzato la cornetta del telefono. -D'accordo !- esclama nuovamente due secondi dopo.
Riagganciata la cornetta la giovane segretaria sorridendo ad entrambe ci informa che il dottore è ora disponibile a riceverci. Silvia si gira verso di me, mi fa un sorriso (è tesa come una corda di violino) e si alza in piedi. -Prego da questa parte !- esclama la segretaria indicando la porta dello studio del ginecologo. Mia cugina Silvia fa un passo in avanti poi si volta verso di me e mi dice -Ti prego vieni dentro anche tu !-, -Io ?- le domando. -Si ti prego !- mi bisbiglia. -Mà ! Sei sicura ?-, -Si ti prego non lasciami sola-, -Come vuoi.-. Mi alzo in piedi, Silvia mi afferra la mano e la stringe forte nella sua. -Azz. Silvia hai le mani che sono come un pezzo di ghiaccio !-, le dico. Mia cugina mi stringe forte la mano e mi invita a seguirla nello studio del medico.
Un minuto dopo io e mia cugina siamo seduti davanti al ginecologo. Per entrambi è questa è la prima volta.
Il dottore è un uomo di circa cinquanta, cinquantacinque anni, leggermente brizzolato e di corporatura normale. Dopo averci fatto accomodare si rivolge immediatamente a mia cugina chiedendogli conferma del nome, cognome, data di nascita e indirizzo di residenza. Dopo aver controllato la corrispondenza dei dati il dottore domanda a Silvia la data del menarca, la data dell'ultima mestruazione ed infine il motivo della visita. Mia cugina Silvia risponde ad ogni domanda posta dal ginecologo come se avesse studiato a memoria ogni singola battuta. Ad un tratto il ginecologo rivolgendosi anche al sottoscritto chiede -Per quanto riguarda i rapporti intimi avete notata qualche problema in particolare ?-. A quel punto mia cugina si gira verso di me e mi guarda dritta negli occhi. Noto nel suo sguardo molto imbarazzo e un bel po di tensione. A quel punto senza pensarci un solo istante decido di rispondere al medico riferendo in parte i sintomi che mi aveva raccontato mia cugina. Il ginecologo dopo aver annotato tutto ciò che dissi invitò mia cugina a seguirlo nella stanza adiacente per procedere alla visita vera e propria.
-Ti aspetto qui !- dissi a Silvia nel momento in cui la vidi alzarsi dalla sedia. Subito dopo aver pronunciato quella frase mia cugina afferrò la mia mano e disse. -Ti prego vieni anche tu !-, -Sicura ?- Le domandai. -Si !-, detto questo Silvia si girò verso il ginecologo e gli domandò se anche io potevo assistere alla visita -Certo ! Non c'è nessun problema. Anzi ! Sono ben contento quando un ragazzo o un marito partecipa alla visita medica della propria compagna. Due secondi dopo siamo all'interno di una nuova stanza.
La stanza è di forma rettangolare. In fondo alla stanza, sulla parete più corta, è presente una finestra. In questo momento la finestra è aperta ma la tapparella è completamente abbassata. Nel centro della stanza è stata posizionata la poltrona ginecologica, mentre le tutte le apparecchiature necessarie per la visita si trovano alla sua sinistra. Sulla parete opposta a quella dove si trova la finestra è stato posizionato un paravento. Accanto al paravento è presente un tavolino con rotelle su cui sono appoggiati alcuni strumenti medici. Il ginecologo dopo averci fatto accomodare invita mia cugina a spogliarsi dietro il paravento e ad indossare il camice che troverà li appeso. -Dove devo mettermi ?- domando al dottore. -Si metta pure accanto alla poltrona !- mi risponde mentre sedendosi comincia a sistemare alcuni attrezzi su un piccolo vassoio. Mi avvicino alla poltrona ginecologica e rimango in attesa di vedere ricomparire mia cugina da dietro il paravento.
Un paio di minuti dopo Silvia ricompare davanti a me. Ha addosso solo un camice di carta di color verde acqua. Quando il ginecologo la vede comparire davanti a se la invita a sedersi sulla poltrona e ad appoggiare entrambi i piedi nelle due staffe. Una volta fatta accomodare mia cugina sulla poltrona, ed averla aiutata ad appoggiare i piedi nella posizione corretta, il dottore informa entrambi che la visita comincerà con la prova della pressione arteriosa. -La pressione arteriosa è apposto. Ora andrò ad ascoltare il battito del cuore.-, Detto questo il ginecologo scopre il seno sinistro di mia cugina ed appoggia lo stetoscopio sul suo cuore. Grazie al dottore posso vedere per la prima volta il bellissimo seno sodo di mia cugina Silvia. -Ha il battito un po accelerato ! E' nervosa ?- domanda il dottore-, -Un po !-, -Per quale motivo ?-, -Sa è la prima volta che faccio questo tipo di visita-, -Capisco. Ma mi creda, non c'è assolutamente motivo per cui debba essere agitata.- Detto questo Silvia si gira verso di me, mi sorride, poi afferra la mia mano e la stringe forte nella sua. La sua mano è gelida. -Stai tranquilla !-, le dico. Lei chiude gli occhi per un istante, fa un lungo respiro e li riapre nel preciso istante in cui il medico avvisa entrambi che ora procederà con la visita senologica.
-Perfetto. Ora signorina ho bisogno della sua collaborazione: E' necessario che lei si sfili il camice in maniera che io possa controllarle il seno. Un secondo dopo mia cugina Silvia lascia la mia mano, quindi porta entrambe le sue mani dietro al proprio collo, slaccia il laccetto che teneva su il camice e lo sfila con assoluta tranquillità. In una manciata di secondi mi ritrovo al fianco di mia cugina Silvia completamente nuda. -Dove lo metto ?- domanda Silvia al dottore mostrando il camice tra le sue mani. -Dia pure a me.- Detto questo un attimo dopo il ginecologo manovrando un apposita leva fa inclinare la poltrona su cui è seduta mia cugina. Dieci secondi dopo Silvia si ritrova sdraiata con le gambe leggermente sollevate e i piedi appoggiati sulle staffe. A questo punto il ginecologo si alza in piedi, indossa un paio di guanti in lattice e comincia a palparle il seno. Pochi istanti dopo Silvia si gira verso di me e mi sorride.
Dopo aver controllato in maniera scrupolosa entrambe i seni il ginecologo informa entrambe che ora procederà con la visita vera e propria.
Dopo aver sostituito i guanti di lattice con un nuovo paio, il ginecologo appoggia entrambe le mani sul basso ventre di mia cugina e inizia a palparla. Dopo aver palpato il basso ventre di Silvia il ginecologo appoggia due dita sulle grandi labbra di mia cugina, le dilata delicatamente, quindi afferra il labbro destro con l'indice e il medio della mano sinistra e lo esamina con attenzione, poi fa lo stesso con il labbro opposto. Fatto ciò dilata anche le piccole labbra ed osserva da vicino il canale vaginale di mia cugina. Io, accanto a Silvia non posso far altro che guardare in silenzio il ginecologo frugare nell'intimità di mia cugina.
-Ora procederò con la visita interna. Per prima cosa le infilerò nella vagina il dito medio per controllare il collo dell'utero, quindi procederò a visitarla con l'aiuto dello speculum.-, -Va bene- rispose mia cugina.
Un attimo dopo il ginecologo afferra con le mani un tubetto (simile a quello del dentifricio), ne spreme parte del contenuto sul dito indice della mano destra, quindi lo avvicina alla vagina di mia cugina e glie lo infila dentro con una mossa decisa. Silvia non fa una piega. Questa volta però sono io a reagire stringendo forte la sua mano. Silvia avvertendo la stretta di mano si gira verso di me e mi fa un sorriso. -Tutto bene ?- le domando. -Si ! E tu ?- mi risponde. Si le rispondo facendo un cenno con la testa.
Dopo aver penetrato e rigirato più volte il dito medio nella figa di mia cugina, il ginecologo avverte entrambe che è tutto apposto, ma che comunque procederà con la visita tramite speculum per effettuare il pap-test.
Dopo aver sfilato il dito medio dalla figa di mia cugina il dottore toglie i guanti, si alza nuovamente in piedi, si avvicina ad un tavolino, prende un vassoio contenente lo speculum e altri guanti di lattice e torna a sedersi sullo sgabello.
Indossati i nuovi guanti il ginecologo apre la busta in cui è confezionato lo speculum, impregna le due lingue di metallo della stessa crema utilizzata in precedenza sul dito medio e lo avvicina alla vagina di mia cugina. -Ora potrebbe avvertire un po di fastidio. Si rilassi e faccia un respiro profondo !- esclama il ginecologo. Detto questo il dottore appoggia i pecchi dello strumento sulle piccole labbra, quindi aiutandosi con il pollice e l'indice della mano sinistra le dilata delicatamente ed infine spinge delicatamente lo speculum nella vagina di mia cugina. Una volta infilato lo speculum nella figa di mia cugina il dottore effettua una rotazione del manico di 45 gradi quindi, agendo su una piccola rotellina posta su un lato allarga i due becchi di metallo. Pochi istanti dopo mi ritrovo davanti alla figa di mia cugina completamente dilatata.
-Con questo strumento verificherò le pareti interne del canale vaginale-, esclama ad un tratto il dottore mostrandoci una specie di grossa matita dalla cui punta fuoriesce un piccolo raggio luminoso.
Il ginecologo dopo aver unto lo strumento con la stessa pasta utilizzata in precedenza appoggia la punta dello strumento all'imbocco della vagina di Silvia, quindi accende un monitor posto alla sua destra ed attende che le immagini risultino ben chiare. Una manciata di secondi dopo sul monito compaiono le immagini dell'interno della vagina di Silvia. Il dottore osserva attentamente le immagini quindi fa scivolare delicatamente lo strumento all'interno. Le immagini sul monitor sono a colori e riflettono l'interno della figa di mia cugina. -Com'è rossa !- esclamo senza pensarci. -Si è un po arrossata. -Devo preoccuparmi dottore ?-, domanda Silvia. -No, non è nulla di grave. Comunque ora procederò ad effettuare il pap-test. Saranno gli esami a stabilire di cosa si tratta, anche se secondo me si tratta solo di una forte irritazione. Per caso lei è solita usare sex toys ?-. Quell'ultima domanda mette in imbarazzo entrambi.
Per cercare di togliere dall'imbarazzo mia cugina rispondo io al dottore. -Abbiamo utilizzato qualche volta un fallo di gomma.-, Mentre pronuncio quelle parole guardo Silvia dritta negli occhi. Lei è imbarazzatissima ma dallo sguardo capisco che è grata per quello che sto spiegando al ginecologo. -Probabilmente si tratta solo di allergia alla gomma di cui è composto il sex toys. Per esserne certi però è necessario attendere l'esito istologico. Nel frattempo vi suggerisco di accantonare quest'oggetto. Detto questo il dottore sfila lo strumento dalla vagina di mia cugina, quindi apre una bustina contenente una specie di bastoncino di legno (simile ad uno stecco di gelato), quindi lo infila nella figa di mia cugina facendolo roteare da destra a sinistra , poi da sinistra a destra tre, quattro volte. Una volta estratto il bastoncino striscia la punta su una specie di vetrino, quindi lo sigilla all'interno di una piccola scatola. -Ecco fatto ! Abbiamo finito. Sfilato lo speculum, potrà rivestirsi.-
Dieci minuti dopo io e mia cugina ci risedemmo davanti alla scrivania del dottore. Prima di congedarci, il ginecologo volle sapere da entrambi quale metodo anticoncezionale eravamo soliti usare. -Usiamo il profilattico !- rispose Silvia afferrando e stringendo forte la mia mano davanti allo sguardo serio del medico. A quel punto il ginecologo informò entrambi dei vari metodi anticoncezionali disponibili e più adatti alla “nostra” età. Tra questi il medico propose ad entrambe la pillola e la spirale. (La spirale era però vincolata ad un esito negativo del pap-test) Dopo aver ascoltato attentamente la spiegazione ad un tratto mia cugina Silvia si rivolse a me con queste parole: -Tu che dici amore ?-, -Se fosse per me ti direi la spirale. Con la spirale non hai neanche il problema di doverti ricordare tutti i giorni di prendere la pastiglia.- Dopo aver ascoltato attentamente anche il mio parere mia cugina Silvia ci pensò su un po, quindi decise che avrebbe seguito il mio consiglio. -Perfetto ! Se l'esito istologico sarà negativo procederemo con l'inserimento della spirale subito dopo la prossima mestruazione.- disse il ginecologo a mia cugina.
Detto questo il dottore e Silvia si accordarono sul costo del dispositivo e sulla data dell'inserimento.
Circa un quarto d'ora dopo, Silvia ed io aravano nuovamente in macchina diretti verso casa. -E' abbastanza dirti grazie per quello che hai fatto per me ?-, mi disse Silvia ad un tratto. -Prego cuginetta. Ora però dovrò andare a casa a fare una doccia gelata.-, -Perché ?- mi domandò con fare serio. -Secondo te perché devo andare a fare una doccia ?- gli risposi. Silvia ci pensò su qualche secondo poi scoppio a ridere. -Ridi, ridi. Ma non sai che sofferenza è stata per me.-, -Scusami hai perfettamente ragione. Immagino che sia stata anche per te la prima volta.-, -immagini giusto.- Detto questo ci fu qualche attimo di silenzio tra noi.
-Devo ammettere però che quando ti ho sentita chiedermi il parere sul sistema anticoncezionale più adatto per noi dentro di me ho sperato che tu fossi veramente la mia ragazza.- dissi a Silvia interrompendo quel silenzio tra noi. Dopo aver sentito quelle mie parole mia cugina Silvia si girò verso di me e mi diede un bacio all'angolo della bocca. Quel bacio improvviso e inaspettato provocò in me un brivido caldo che mi attraversò tutta la schiena. -Silvia così peggiori le cose !- le dissi subito dopo quel bacio. Silvia scoppiò a ridere ed io con lei.
Quando poco dopo arrivammo sotto casa sua Silvia mi invitò a salire. -Solo un attimo però-. Dissi -lo so devi andare a casa a fare la doccia- mi rispose lei ridendo. -Già !- esclamai aggiungendo subito dopo -Meno male che ho ancora la mia amica Federica !-, -E chi sarebbe ?- mi chiese lei. -Ma come, non conosci Federica la mano amica di tutti i ragazzi ?-, Silvia ci pensò su qualche secondo poi scoppiò a ridere. -Che scemo che sei !-
Circa dieci minuti dopo io e mia cugina Silvia ci ritrovammo da soli a casa sua. Dopo avermi fatto accomodare in soggiorno Silvia mi portò da bere. -Mi aspetti un attimo ? Vado a cambiarmi poi arrivo.-, -Fai pure !- le risposi. Silvia tornò da me qualche minuto dopo con indosso una tuta da ginnastica. Dopo aver bevuto con me un bicchiere di Coca Cola e consumato qualche biscotto mia cugina mi invitò ad accomodarmi sul divano con lei. Una volta seduti sul divano Silvia mi ringraziò di nuovo per quello che avevo fatto per lei. -Di cosa ?- le risposi. -Ti sei eccitato veramente quando mi hai vista nuda sul lettino del ginecologo ?-, -Certo che si. Anche se sei mia cugina sei sempre una ragazza. E che ragazza ! Anzi, in questo caso è proprio corretto dire una gran figa-, Silvia scoppiò a ridere ed io con lei. Quando le risate di entrambi si affievolirono mia cugina si avvicinò a me e mi baciò sulla bocca. Quel bacio fu un bacio dolce e al tempo stesso tenero. Ma che accese inaspettatamente in entrambi un forte desiderio. Quando poco dopo Silvia allontanò le sue labbra dalla mia bocca i suoi occhi si persero nei miei. All'improvviso sentii il mio cuore cominciare a battere forte nel petto. -Silvia … io...- Riuscii a dire prima che mia cugina Silvia tornasse ad appiccicare le sue labbra sulle mie.
Quel suo secondo bacio fu come benzina sul fuoco. Silvia mi infilò la lingua in bocca e cominciò a limonarmi, poi ad un tratto si mise a cavalcioni sulle mie ginocchia ed esclamò queste semplici parole: -Scopiamo !-. Guardai Silvia dritto negli occhi per alcuni istanti per cercare di capire se quelle sue parole erano solo una semplice battuta o esprimevano il suo vero desiderio. Mi bastarono pochi secondi per capire che Silvia voleva veramente scopare con me.
Afferrai con due dita della mano destra la lampo della giacca della tuta di Silvia e la abbassai lentamente. Una manciata di secondi dopo mi ritrovai ancora una volta davanti al suo seno sodo (Silvia aveva tolto il reggiseno). Scoperto il seno di mia cugina Silvia lei si tolse la giacca della tuta, quindi mi prese la testa tra le sue mani e tornò a baciarmi. Questa volta il bacio fu breve, perché poco dopo lei avvicinò il proprio seno alla mia bocca e mi invitò a baciarlo.
Baciai e succhiai delicatamente i capezzoli dei suoi seni più volte, e fino a quando non avvertii le dita delle mani di mia cugina slacciare la mia cintura ed i bottoni dei miei jeans.
Una volta aperti i miei jeans mia cugina Silvia infilò la sua mano destra nei miei slip ed afferrò la mia erezione. -O cacchio !- esclamò Silvia gettando lo sguardo sul mio sesso -Ma quanto celai grosso cuginetto !-. Quell'espressione stupita di mia cugina Silvia mi fece ridere, ma lei non rise affatto, anzi. Mia cugina Silvia dopo avermi segato qualche secondo si inginocchio tra le mie gambe, quindi avvicinò la bocca alla mia erezione e se la infilò tutta dentro. -Mmmm, scc, gnnn, mmm, !-. Dopo avermi spompinato per bene per circa un minuto la mia sorprendente cugina cominciò a slacciarmi i bottoni della camicia. -Silvia ma sei ...- stavo per dirle ma lei mi interruppe con un sibillino -Sssss-. Dopo avermi sfilato la camicia fece lo stesso con la maglietta della salute, quindi passò a sfilarmi i jeans, ed infine fece lo stesso con i miei slip.
Rimasto completamente nudo poco dopo mia cugina Silvia si alzò in piedi, si abbassò i pantaloni della tuta assieme agli slip quindi, completamente nuda come me mi invitò a seguirla in camera sua. Giunti nel corridoio però mia cugina Silvia mi disse di andare in camera sua. Silvia si presentò subito dopo a me con le mani piene dei nostri indumenti. -Meglio non lasciare tracce in giro della nostra presenza. Non si sa mai.- Detto questo Silvia chiuse la porta a chiave della sua camera da letto. Senza attendere un solo istante Silvia si gettò letteralmente addosso a me. Stringendomi forte a se Silvia riprese a baciarmi e a limonarmi mentre con la mano destra a segarmi forte.
Giunto a quel punto Silvia per me non era più mia cugina, ma semplicemente una ragazza con cui fare sesso.
Ad un tratto avverto Silvia afferrare la mia mano destra, quindi condurre le mie dita sulla sua figa. -Toccami !- esclamò tenendo la bocca appiccicata alla mia. Penetro Silvia con due dita della mia mano (indice e medio) fino in profondità. A questo punto mia cugina allontana la sua bocca dalla mia, chiude gli occhi e a bocca aperta comincia ad emettere gemiti di piacere. -Aaaa, siii, siiii, così, così non fermarti.- Quei suoi gemiti inebriano la mia mente ed aumentano in me il desiderio di scoparla. Senza pronunciar parola sfilo prima le due dita dalla figa di mia cugina, quindi mi posiziono dietro di lei e torno a penetrarla con le stesse dita, poi con il dito medio dell'altra mano glie lo infilo nel didietro. -Aaaaaa. Piano !- Esclama Silvia. -Cugina non c'è la faccio più se non ti scopo subito mi esplodono le palle !- Le dico. Silvia si porta in avanti obbligandomi a sfilare il mio dito medio dal suo sfintere. -No ti prego non chiedermi questo.- mi risponde Silvia supplicandomi. -Arrivati a questo punto non puoi più dirmi di no.- le rispondo spingendo forte le mie due dita nella sua figa completamente bagnata. -Ooooo siiii, continua ti prego !- mi risponde con gemiti sempre più decisi. -Se vuoi che continui devi solo dirmi di si !- aggiungo spingendo la punta del mio uccello sul suo buco del sedere. -Ti prego non chiedermelo lo sai cosa come la penso-. Dopo aver sentito quelle sue parole le spingo il mio uccello nel di dietro -Aaaaaa !- esclama in un mix di dolore e piacere. Non ricevendo risposta qualche istante dopo sfilo le due dita della mia mano dalla figa di Silvia e faccio scivolare fuori dal suo ano il mio uccello. -No perché ti sei fermato ?-. -A questo punto è meglio che ci fermiamo qui credimi.-. Detto questo feci per andare ad aprire la porta della camera di mia cugina quando ad un tratto Silvia mi cintura da dietro, con una mano afferra nuovamente la mia erezione e con l'altra mi obbliga a starle vicino. -No ti prego non lasciarmi così !- esclama. A quel punto con una mossa a sorpresa mi giro verso di lei, la prendo per un fianco e la tiro verso di me. Così facendo (senza volerlo) indirizzo la mia erezione sulle sue grandi labbra. -Non c'è la faccio più Silvia !- le esclamo guardandola dritta negli occhi. Silvia mi guarda per qualche istante, poi afferra con la sua mano la mia erezione e ne guida la punta nella sua vagina. Fatto ciò mia cugina si sporge in avanti avvicinando la sua bocca alla mia. Grazie a quella sua mossa affondo la mia erezione dentro la sua figa fradicia. -Ti prego stai attento ! Non venirmi dentro.- Mi dice. Spingo forte il mio uccello dentro di lei facendola tornare a gemere. In pochi istanti metto mia cugina con le spalle al muro. -Oooo siii, siii non ti fermare !- esclama gemendo e supplicandomi di continuare. -Silvia se continuiamo così ti vengo dentro. Non hai un profilattico ?- le domando. -Si aspetta.- Mi risponde. Silvia sfila il mio uccello dalla propria figa, si avvicina alla truss dei trucchi che si trova su una mensola sopra il suo letto e torna con una bustina contenente il profilattico. Afferro il profilattico dalle sue dita, strappo la bustina e lo indosso mentre lei davanti a me è impegnata a masturbarsi con due dita della mano sinistra. Una volta srotolato il profilattico sul la mia erezione prendo Silvia per i fianchi e la porto vicina a me. Senza perdere un solo istante mia cugina indirizza nuovamente il mio uccello nella sua figa. Dopo averla penetrata nuovamente appoggio entrambe le mie mani sui suoi glutei e la sollevo obbligandola a venirmi in braccio. Per cercare di rimanere in braccio a me mia cugina Silvia porta le proprie braccia dietro al mio collo quindi torna a supplicarmi di continuare. Tenendola stretta a me saltello leggermente sulle punte facendo entrare e fuoriuscire ripetutamente la mia erezione dentro la sua figa. -Oooo siii, siiii, siiii, non ti fermare continua, così ti prego muoviti, muovitiiiii siiii vengooooo.!-
Dando libero sfogo ai propri gemiti Silvia ed io scopammo e raggiungemmo insieme, in perfetto sincronismo un orgasmo celestiale.

Questo racconto di è stato letto 9 8 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di straponfamiglie incestuoseeriticiraccontisex done con animalistorie di sesso tra fratellistotie pornoracconti omoeroticiracconti erotici cuckracconti porno incestracconti esoticiracconti di giovani gayracconti eraticirscconti pornostoria cuckoldstirie pornoracconti erotistorie di sesso con la cognataracc erosracconti lesbo dominazioneeroticiracconti.itsesso fra parentiracconti erotici madre e figliomia moglie al cinema pornoracconti zoofiliracconti erotici generecunnilingus raccontiracconti erotici per donnestorie dominazioneracconti cuginaquella troia di mia suoceraracconti icestostorie ponoracconti pronoi generi dei racconti eroticii generi dei racconti eroticitacconti eroticistorir pornowww.incesti.comracconti pirnoracconti d amore hotraccontisessualistorie hot gratisi racconti dimilustorie fetish piediraccontidiincestiracconti gay orsiracconto bondageracconti cuckoldsmuratori gayslave raccontimilf raccontiracconti dilatazione analeracconti fetishracconti erotici infanziaracconti sesso incestipompini raccontiracconti primo pompinostorie tramplingracconti piedi gayamoreinfamiglia.blogspot.it.racconti eoriticistoria erotichestorie porno piediracconti hard suoceraerotico raccontoerotici raccotiracconti massaggispaccaculierotici gayracconti d amore hotstorie ertichemasturbazione tra fratelliorsi italiani raccontiraccon ti eroticistorie erotiche piedistorie tradimenti pornoraccont69sesso con incestiracconti erotici coppiegigantesse storieracconti porno itracconti di veri incestiracconti eroticiùracconti eoritci