Mi vendico del mio amante

Scritto da , il 2019-11-03, genere tradimenti

Mi chiamo Gloria, ho ventitre e ciò che mi appresto a raccontare É una cosa veramente successa poco tempo fa, ma che ancora mi sconvolge e non riesco a non pensarci. Per tre anni sono stata l’amante consapevole di un ragazzo fidanzato. Lo so, non è la cosa più onorevole del mondo, ma ero innamorata perdutamente e non ci potevo fare niente. Lui frequentava il mio stesso liceo ma stava in un’altra classe e lo conobbi l’ultimo anno, durante un campo scuola. Lui era già fidanzato all’epoca, ma io non lo sapevo, e mi mostró da subito attenzioni e io ci cascai con tutte le scarpe. Io mi innamorai e lui anche, a detta sua, ma aveva bisogno di tempo per lasciare la sua lei. Divenne la mia ossessione a tal punto che arrivai ad colmare le sue mancanze dal punto di vista sentimentale con il sesso. Lo facevamo ovunque, in ogni modo e più lui non mi considerava e mi trattava con sufficienza e più io avevo voglia di fare l’amore con lui, di colmare le mancanze con il sesso, perché durante il sesso mi diceva tutto quello che mi sarei voluta sentir dire in ogni momento. Ma dopo più di un anno e mezzo di sesso sfrenato e continuo, si fece spazio la rassegnazione, la convinzione che lui non sarebbe mai cambiato e la dignità venne fuori piano piano, ma soffrivo comunque, soffrivo terribilmente. Capii che dovevo cambiare qualcosa nella mia vita una sera di Giugno. Capii che l’amore malato per lui mi stava logorando , facendomi fare cose che altrimenti non avrei fatto. Ero andata con le mie amiche qualche giorno a Budapest. Quella sera andammo in discoteca e mi vestii bene, volevo piacere e sapevo che il mio corpo era perfettamente in grado di attirare li sguardi dei ragazzi e io contribuii a questo. Indossando una canottiera molto scollata per valorizzare la mia terza abbondante di seno e una gonna estremamente corta e attillata con sotto delle calze. Aprii Instagram mentre ero sul tram in direzione discotecae vidi una storia di lui che si divertiva con i suoi amici. Non ci parlavo e non lo vedevo da settimane e nonostante pensavo di essere Sulla strada giusta per superarlo, ma vederlo lì che rideva e se ne sbatteva che nel mondo ci fosse una strokes che soffriva a causa sua, mi destabilizzó. Riecco quel dolore troppo volte conosciuto. Non potevo però lasciare che mi rovinasse la serata e sali in me una voglia irrefrenabile di alcool. Arrivata alla discoteca, così, mi misi al bancone e iniziai a bere e nel mentre potevo contestare che effettivamente il modo in cui ero vestita attirava parecchi sguardi. Nonostante le sollecitazioni delle mie amiche, già in pista a ballare una attaccata all’altra, non mi mossi dal bancone fino a che non iniziai a sentire le piacevoli sensazioni che da l’alcool quando inizia a fare effetto e mi bastó a quel punto un altro cocktail per trovarmi ubriaca. Mi alzai dal bancone e mi diressi verso le mie amiche e mi sentivo leggera, libera e iniziai a ballare con loro. Ci si pararono dietro un sacco di ragazzi per provarci con me e le mie amiche. In particolare notai uno che mi guardava e li basto vedere che per un secondo avevo ricambiato il suo sguardo per prendere coraggio e avvicinarsi a me. Inizialmente lo ignorai e continuai a ballare, per conto mio, ma lui si era appiccicato a me e si faceva sempre più insistente. Dovevo ammettere che era anche carino fisicamente e l’alcool contribuì a farmi salire il pensiero:” alla fine è solo un ballo, che sarà mai “. E così iniziamo a muoverci sincronicamente, con lui che dietro di me mi si strusciava addosso. Le sue mani iniziarono a farsi strada sul mio corpo e ,complice l’alcool, glielo lasciai fare. Chi ha vissuto situazioni del genere sa che il confine tra il controllo e il fuori controllo è facile e così mi ritrovai con la gonna semi alzata e le mano destra di lui che mi palpava nell’interno coscia, la mano sinistra che mi teneva girata la faccia mentre le nostre labbra e lingue si incontravano fameliche, e sentivo il suo membro duro come il marmo premere sulle mie chiappe. Ero eccitata? Si, molto devo ammetterlo. Non so se lui l’avesse avvertita questa cosa, sta di fatto che d’un tratto si staccò, mi prese per mano e mi trascinó verso il bagno e io non lo fermai, complici un po’ l’eccitazione, un po’ l’alcool e un po’ anche, devo ammetterlo, il desiderio di vendetta. Una parte di me, infatti, andava a lui e alla voglia che mi vedesse mentre concedevo a qualcun altro quel corpo che lo eccitava tanto e che pensava erroneamente fosse solo suo. Entrati nel bagno riprendemmo a baciarci con passione, noncuranti di chi ci stava intorno. Mi baciava come se volesse mangiarmi. Sbattemmo addosso al muro, affianco alla porta di uno dei cubicoli e lui mi alzó la gonna, facendo in modo per un attimo che tutti in quel bagno potessero vedere il mio culo coperto da mutande blu di pizzo e calze. A quel punto ci spingemmo all’interno di uno dei cessi singoli, chiudemmo la porta dietro di noi e mi ritrovai in piedi con la faccia addosso al muro, lui inginocchiato sotto di me, mi afferró i collant e me li strappó di netto all ‘altezza del culo, per poi afferrarlo con le mani, strizzarlo e affondarci la faccia come per mangiarlo. Io non ragionavo più, li afferrai la nuca con la mano e gliela spinsi più affondo tra le mie chiappe, esclamando in inglese “ ti piace il mio sedere eh?!” E lui che Provava a rispondere mentre li tenevo ancora la faccia affondata nelle mie chiappe, ma i fatti erano più chiari delle mie parole. “ e allora mettimelo nel culo “ dissi. Si devo confessare che mi piace molto il sesso anale. Lui si alzó, mi abbassó le mutande e dopo aver inumidito il mio buco inizio a farsi strada dentro di me. E mi ritrovai lì in quel cesso a fare sesso anale con quello sconosciuto ragazzo ungherese, mentre il pensiero del mio lui si faceva sempre più strada Nella mia testa e mi ritrovai abbandonata a lui a godere come di solito godevo col mio lui, col mio Matteo e a quel punto l’alcool fece effetto. Iniziai a essere convinta di essere con Matteo e così come facevo con lui, iniziai a incitarlo di venirmi dentro e lui lo fece, esplose nel mio culo. Aveva fatto quello che voleva e si staccò, ricomponendosi e lasciandomi lì seduta su un water, con le lacrime agli occhi, seminuda e completamente violata

Questo racconto di è stato letto 4 3 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti.incestoracconti dal dottoremoglie femdomracconti di tradimenti eroticiracconti erotici di mogli infedelistorie cukoldraccontisessualiracconti porno travestitiracconti erorticicuck raccontiracconto erotico mammaracconti di bullracconti eeroticistorie pronoracconti eoricii generi di racconti inceatorotici raccontizoofiliavideoracconti porno la prima voltaracconti pronoho sverginato mia cuginaerotici 69cagna sottomessaincesto storierecconti eroticiracconti sesso con ziaracconti di zoofiliaracconti animal sexracconti porno di incestorcconti eroticipadrona piscia in boccaannunci69raccontiracconti erotici disesso safficoclitorodestorie di suocereracconti erotici verestorie potnoracconto schiavaracconti di luluerotici racracconti piedi femminiliracconti eroporno raccontoracconti suocereracconyi pornoracconti erotici culo rottoracconti per adulti gratisvideo racconti gayracconti di donne troieracconti erotici con ziai raccconti di milui generi di racconti inceatoracconti d amore hotracconti sex 69racconti ertoticiragazze che scopano in discotecaracconti sesso suocerascambio coppiacornuto raccontistorie sessraconti lesboracconi pornoracconti erotici maestraracconti sesso a scuolaracconti a69racconti eroticeraccont gayracconti erorici gayracconti guzzon59prima volta con transracconti porno italianoracconti erotquella porca di mia cognatamamme eroticheracconti eroiticistori eroticheracconti erotici prima voltaracconti bollentistorie fetish piedistorir pornoesperienze sessuali a tresesso sadoracconti prime volteracconti licenziosimamme erotichestorie erracconti erotici nipotinastore pornoraccontii eroticiracconti adultiracconti proibitistorie hot gratisraccontie roticiracconti donne sottomesseporno confessioniracconti reali gayracconti erotici adultiorge racconti