La mamma è sempre la mamma 3

Scritto da , il 2019-11-03, genere incesti

Passarono alcuni giorni, e almeno due o trè volte al giorno, Luca mi telefonava, e rimanevamo al telefono per molto tempo, e la sua voce mi eccitava, al punto di sborrarmi nelle mutandine senza toccarmi, e mia madre mi scherzava sempre, ma sei una vera puttanella, e poi una sera, eravamo davanti alla tele, e io come sempre ero tra le tette di mamma, quando mi disse, allora piccola, cosa avete deciso di fare?, io farfuglia delle parole, piccola mi disse, non fare la stupida, sei ancora una ragazzina, e non devi rischiare nulla, ascoltami, invita il tuo amico domenica a pranzo e ce lo presenti ok?, dissi di sì.Luca acconsentì, e domenica alle 12 ero alla porta ad aprirli, indossavo un vestitino rosso, cortissimo, un paio di sandali rossi, e null'altro, ero eccitata, e il mio pene svettava e spingeva il vestitino in modo pazzesco, lo abbracciai e lo baciai, lui ricambiò, e mi prese il cazzo in mano, ei frena piccola, c'è mamma di là, e io risi e lo accompagnai in sala, dove ad attenderlo c'era mia madre e mia sorella.
Dopo i soliti convenevoli, ci mettemmo a tavola, e dopo le solite chiacchiere mamma iniziò, dunque Luca, non sei di certo un ragazzino, come mi aspettavo, no signora, rispose, ho 29 anni, e non sono sposato se è quello che voleva sapere, le proseghì, ottimo, Paola ha solo 16 anni, è una ragazzina, vergine e iniesperta, e da come sai, speciale, e sorrise.
Si lo so, e mi sono innamorato di lei, ma non mi sono permesso di sfiorarla, e io ti ringrazio rispose mamma, ma comprendo, che a lungo andare sarà impossibile frenarvi, quindi Luca, ti propongo un patto.
Deve accadere qui, alla nostra presenza, e con il nostro aiuto, lei è giovane, è mia figlia, e non permetterò che le si faccia del male, e poi il mondo non è pronto ad accettarla, e la cosa deve essere fatta con gradi, e pazienza, se la vostra relazione sfocerà, in un rapporto stabile, allora decideerete cosa fare e dove andare a vivere, ma fino alla sua maggiore età, non se ne parla, potrai trasferirti da noi, e stare con lei, vedi tù, queste sono le sole condizioni eccetti?, lui mi guardò, si mise ai miei piedi in ginocchio e mi disse, mi vuoi amore?, mi vuoi come tuo uomo?, lo guardai, e con le lacrime agli occhi accennai di sì con il capo e lo baciai.
Finito il pranzo ci mettemmo in sala, e io mi raggomitolai con Luca, e ppi sul tardo pomeriggio ci salutammo con un bacio e mi rimisi tra le tette di mamma, che sospirando disse, tra poco diverrai donna tesoro, mi mancheranno le nostre coccole, mi sollevai e la bacia, tu sarai sempre la mia mamma, e iniziai a leccarle e succhiarle i capezzoli, facendola godere.
Passò circa un mese, Luca veniva a trovarmi spesso e si attardava sino a tarda sera, spesso nella mia camera, dove, ci baciavamo, e spesso io succhiavo il suo bellissimo cazzo, mamma, spesso veniva a controllarci, e l'unica cosa che Luca poteva fare, era masturbarmi, null'altro, era stupendo.
Poi una sera mi disse, ti voglio amore, di desidero, ero in slip e reggiseno, mi denudai, e denudai Luca, poi andammo in sala da mamma, ci vide nudi e capì, ok disse, credo sia giunto il tempo, si mamma le disse lo voglio, bene, rivestitevi, e sabato pomeriggio tu Luca presentati qui, porta le tue cose, ma fino ad allora ness'un incontro non mi fido.
Si rivestì, mi baciò e se ne andò.
Trascorsi il resto della settimana come una leonessa in gabbia, nel frattempo mamma e mia sorella mi aiutarono, con lunghi e deliziosi clisteri profumati, con gentili massaggi, e gli ultimi due giorni, si premurarono di farmi venire in continuazione, deve essere molle amore altrimenti chiudi il culetto e ti farà più male, giunsi al sabato, che il mio cazzo era morto.
Luca sarebbe venuto per le quattro, e così, mi prepararono, indossai un completo di pizzo bianco, mamma mi sistemo i testicoli, spingendoli all'interno, e mi rigirò il cazzetto sembravano avere due grandi labbra, mi infilarono reggicalze e calze, una camicetta scollata e una mini gonna, e un paio di decolté di vernice, e mia sorella mi truccò, ero pronta, mamma sistemò la sua camera, mise due videocamere una ai piedi del letto l'altra sul lato destro, mise un grande asciugamano, a protezione delle lenzuola, e disse soddisfatta, ecco tutto pronto tesoro, e vidi sul comodino creme e gel, vedrai ti aiuterò io non sarà troppo doloroso, e ti assicuro che poi sarà delizioso, incamminandoci verso la sala, notai che la ia camera era pronta, al posto del lettino, ora c'era un letto matrimoniale, è un regalo di papà tesoro, e così ci sedemmo sul divano, alle quattro meno dieci suonò il campanello.

Questo racconto di è stato letto 4 6 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontieriticiracconti piccantiracconti di coppie bisexmoglie e marito bisexmasturbazioni violenteracconti milunudamia moglie racconti eroticiracconti di storie di sessoincesti sexracconti eritici gayracco.ti eroticiracconti poroesperienza safficalettere hard da leggere gratisero raccsex done con animaliraccomti 69morenasex coppieracconti erotici genereracconti eros gratismilùraccontiracconti erotici la prima voltaannunci 69 storieracconti erotici scambioracconti la suoceraracconti erotici migliore amicaslave raccontiracconti erotici milùraccont eroticistorie piedisesso hard con animaliracconti erotticiracconti erotici eccitantiracconti scambio moglieano dilatatoracconto xxxracconti di sesso lesboracconti incesto69racconti moglie infedeleracconti erotici la mia prima voltastprie pornoracconti hard 69racvonti eroticichiavare la cognatastorie erotichrchiavare con animaliracconti erotici forum al femminilestorie di pompiniprof zoccolaracconti gay eroticiyoutube racconti eroticimi ha pisciato in boccaraccoti eroticiracconti erotici mareporno storie di cornaracconti perizomaprima volta scambio coppiaracconti etoticiracconti porno a trestorie di sesso vereraconti erotici 69racconti per adulti con immaginiracconti incestuosi realiracconti erotici diautogrill gaystorie feticismozia fammi godereracconti coppiaraccont eroticmuratori gayracconnti eroticiannunci 69 racconti