La gelosia

Scritto da , il 2019-11-03, genere tradimenti

Stava seduto sul cesso quando avvertì il rumore della pioggia che aumentava. Pioveva incessantemente da ore. Pensò al probabile casino del giorno dopo con le macchine, il traffico, la metro allagata. Si ricordò che l'indomani era domenica, per fortuna, e che solo un numero ridotto di poveri stronzi avrebbe dovuto affrontare i disagi di una città in tilt. La colite lo aveva svegliato di soprassalto, anche se in realtà non si era mai addormentato del tutto. Era agitato. Ogni volta che si alzava di notte per colpa della colite pensava con un po' di sollievo che era solo a causa di un difettoso organo che gli era toccato in sorte. Sarebbe bastato evacuare fuori dal suo villaggio il capro espiatorio per ritornare a dormire beato. Questo ragionamento faceva acqua da tutte le parti ma un po' lo tranquillizzava, e scusate se è poco per uno che soffre di ansia. Scrutava i bagliori urbani attraverso la finestra opacizzata del bagno. Quasi non si era accorto di essere tornato in automatico sul suo whatsapp, per stanarla online, a quell'ora, intenta a parlare con chissà chi. Ma era notte fonda, con chi cazzo vuoi che parli a quest'ora. E poi è sabato notte, starà da qualche parte a divertirsi, giustamente. Sarà a caccia, o forse sarà già con la sua preda. Dal suo profilo non un colpo battuto, non un segnale di vita. Uscì dal bagno con un filo di ottimismo per il fatto che non fossero nemmeno le due, che se fosse riuscito a prendere subito sonno forse non avrebbe buttato per intero il giorno dopo. Con tutto quello che aveva da fare e da scrivere. Il vuoto di quelle pagine lo portava sovente a riflettere sulla scrittura, sul fatto che secondo lui scrivere non poteva che essere un gioco, una burla, un sollazzo, uno sfogo. Come è possibile che la prima cosa insegnata ai bambini a scuola venga presa sul serio fino al punto che talune persone siano addirittura pagate per scrivere?
A proposito, il pomeriggio le aveva scritto, ma senza dirle nulla di ciò che realmente avrebbe voluto. La verità è che non riusciva a smettere di pensarla. La sua giornata era scandita da un continuo e regolare controllo delle tracce che lei lasciava sui social; si sentiva come un secondino in un perpetuo giro per le celle. Non stava bene, anche se ogni tanto si convinceva del contrario. Non usciva quasi più di casa, non riusciva a concentrarsi, passava per lo più notti insonni e agitate. Non appena chiudeva gli occhi vedeva sfrecciargli a un palmo dal naso treni carichi di rotture di coglioni. Allora li riapriva, cercava il telefono sul comodino e si sparava un paio di video o un racconto erotico, toccandosi freneticamente quasi come se lo facesse per seguire una prescrizione medica. Ovviamente per venire doveva evocarla.
Non era cambiato un granchè dal giorno in cui l'aveva lasciata, sotto Natale. Sarà forse successo due o tre volte di masturbarsi pensando a qualcun'altra, considerando sul momento questa variazione come un timido segnale di miglioramento; il cielo che in lontananza tradisce un'apertura, una debolezza di luce.
Invece erano solo lussuriette passeggere.
Prepotentemente lei tornava ad avvolgere i suoi desideri erotici: immaginava che, mentre la penetrava, lei gli raccontasse, con quella sua sfacciata e finta ingenuità che lo faceva tremare come in preda ad una febbre, dei suoi incontri con questo e/o con quest'altro, mischiando i ricordi appositamente per dimostrare quel distacco tipico di chi ne ha viste troppe; alcuni invece li dipingeva così bene nei loro dettagli che gli stringevano la gola come cappi di una fune. Quella volta, ad esempio, che si è scopata uno a Barcellona il cui cazzo enorme l'aveva sentito già duro appoggiando le mani sui suoi fianchi per reggersi sul motorino. Lui non seppe mai se lei esagerò quando, per mostrargli su per giù le dimensioni di tale cazzo, misurò con la mano il suo per poi raddoppiare l'unità. Oppure di quella festa assurda in cui, a detta di lei, erano tutti gay tranne due, che infatti erano titubanti se andarci o meno. Mandarli a casa entrambi soddisfatti e svuotati la riempiva di orgoglio. Lui allora la penetrava con violenza, incapace di far altro che riversarle i fiotti di sborra addosso. Sulla schiena, sui seni, sui capelli, sul cuscino, sul muro dietro. Non aveva mai schizzato tanto lontano come quando scopava così con lei, e non credeva di riuscirci di nuovo, nella vita. Si soffermava, durante la penetrazione, a guardarle il culo, così roseo e gentile fino al solco delle natiche, dove improvvisamente l'atmosfera si faceva dark per annunciare la visione di quella rosa nera che lo richiamava non tanto alle volte in cui l'aveva sfondata, ma alla paura di chiederle quanti e quali altri sciacalli l'avessero percorsa con le loro odiose e temute verghe. Allora con un moto di stizza e di dominio, in preda al piacere, la girava per i capelli e le veniva in faccia quasi a voler sfregiare per sempre quel capolavoro, ma il suo sguardo voglioso e sbarazzino, di chi aveva ricevuto senza troppo sforzo quel che voleva, lo induceva a pensare che fosse lui, in realtà, il più scosso dei due.
Questi pensieri erano come droga, non poteva privarsene mentre si faceva l'ennesima sega. Poi tutto si dissolveva e gli rimaneva solo di guardare con commiserazione un cazzo in rapida ritirata e un fazzoletto sporco. Tornava a sentire freddo e si ricoprì col piumino fino al mento mentre era ormai certo di essere in piena crisi d'astinenza dal suo corpo. Non sapeva praticamente più nulla di lei, il più se lo immaginava e basta. Leggeva quello che scriveva su Facebook, che gli concedeva di spiare attraverso i buchi della privacy, puntini che lui cercava di unire per trovare un senso di eventi da dare in pasto alla sua gelosia. Non riusciva a non farlo. Ad esempio, contrariamente a quanto le aveva scritto, non l'aveva veramente vista al concerto, l'aveva scoperto con grande palpitazione solo quando era già nel letto, e si era masturbato pensando che ci fosse andata con qualcuno. Le aveva detto quella balla così per gioco, che avrebbe subito confessato ma lei forse aveva abboccato veramente e così era stato zitto. Leggeva tutti i post, si faceva una cultura attraverso le, ripeto poche, cose che poteva vedere: molto belli il dipinto e la citazione poetica ad esso connessa, lui ci aveva visto forse un segno definitivo del suo affrancamento dalla loro storia. E per questo si era spaventato da morire.
Ma il pezzo forte di questo stalkeraggio era Tinder: stavolta era sicuro che lei ci fosse, ne aveva le prove, le immagini erano chiaramente citazioni che solo lei poteva mettere insieme. Sapeva che aveva conosciuto almeno un ragazzo là sopra, e questo fatto di poter accedere a pochissime notizie sicure quando lei sicuramente si stava scopando un numero di certo più consistente di uno, e chissà con quanti stava chattando, lo faceva ridere ed eccitare. Tornando al ragazzo certo, chissà se lei l'aveva già incontrato, chissà che cazzo gli aveva detto di loro due, chissà cosa pensava mentre fissava il muro di fronte o il soffitto con lui intento a frugarle dentro. Questa cosa lo mandava in paranoia. Si alzò e camminò un po' per casa, grattandosi ossessivamente la testa. Si accese una sigaretta e, guardando fuori, notò che nel frattempo aveva smesso di piovere.

Questo racconto di è stato letto 2 5 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotici racconti 69erotica raccracconti porno animalisega da mia cuginaimcestoincesti ziei racconti di miluracconti erotici negroracconti erotici matrimonioerotica raccontiracconti di sesso con suoceraracconti storie eroticheracconti erotici.comracconti scambio di coppieracconti cucoldracconti erotici italiani gratisracconti sadomaso gaycagami in boccastorie mariti cornutiprimo ditalinoracconti trasgressionistorie erotic estorie di sesso in famigliaracconti schiaveracconti sverginateerositalia raccontiravconti pornotracconti eroticiracconti poenoracconti eros gratismarito schiavo raccontipiedi racconti eroticiracconti famigliaracconti porno al cinemageneri raccontierotici racconti realiracconti di storie di sessomasturbazioni in pubblicostorue pornoraccinti gayracconti erotici sesso a treporno racconti animalsega eroticainculato da mia mogliegiorgina la troiaracconti erotichefumetti porno incestoracconti erotici veri gratisracconti veri cuckoldracconti eroticotesti eccitantistorie di figamuratori gayracconti porno cornutinonna viziosaincesti raccontiracconti erotici padronail culetto di mia sorellaracconti umiliazioneracconti erotici in palestraracconti erotici neroracconti erotici latteguzzon 59foto porno raccontiho inculato mia suoceraracconti erotici gasex storieracconti hard di mammestorie porni generi dei racconti gayracconti erticisiti di incestila dea del pompinoraacconti eroticisesso con nonna raccontiracconti eraticiporno racconti realiracconti zozziracconti libidinosiincesti raccontistorie eroticiracconti gay schiavoracconti sexraccontierotici incestiracconti erotici mracconti lussuriosiracconti erotici forumstorie di masturbazioneracconti poro