Susan cap.3 - La prima volta in banca

Scritto da , il 2019-10-31, genere tradimenti

Ovviamente, nel giro di breve tempo, il loro rapporto si intensificò. .Era normale che accadesse. Mentre il suo rapporto a casa con Julian peggiorava, quello con Jorge al lavoro migliorava. Dal loro secondo incontro al terzo non lasciarono passare nuovamente due mesi anche perché lui non smise di corteggiarla e, senza che nessuno lo notasse, di bramare di desiderio per lei.
In una occasione fu un mazzo di fiori, in un'altra una pochette di un brand famosissimo con all’interno un intimo estremamente sexy, ma Jorge non smise di tallonarla.
Lei lo apprezzava molto. La faceva sentire importante e desiderata.
Quel venerdì, due settimane dopo al loro secondo incontro, quando lui le aveva consegnato l’intimo, lei gli aveva chiesto se avesse voluto vederglielo indossato.
“Certamente”, aveva risposto lui “mi piacerebbe accarezzare nuovamente il tuo corpo con indosso quei capi”.
“Sei pazzo!”, gli aveva risposto lei sorridendo.
“Di te, ovviamente”.
“E quando li vorresti vedere?”.
“Oggi quando saranno usciti tutti dall’ufficio?”, aveva proposto lui.
Lei non se la aspettava una proposta del genere. Non era preparata ad accoppiarsi nuovamente a lui nell’arco di così poco tempo, eppure lo desiderava. Erano ormai passati quindici giorni da quel venerdì.
“Vedremo”, gli rispose. Ma prima che uscissero tutti insieme per andare a pranzo nel solito ristorante vicino alla filiale, Susan fece una capatina in bagno ed indossò quell’intimo nero. E mentre si recarono a piedi al ristorante che distava circa duecento metri dalla loro filiale, fece in modo di avvicinarglisi e gli sussurrò nell’orecchio che lo aveva indossato e che le stava perfettamente.
Quel giorno indossava una gonna in simil pelle con lo spacco frontale, dei collant color carne lucidissimi e delle scarpe argentate. Sopra ad esse un body semitrasparente nero. L’intimo nero in pizzo stava alla perfezione sotto a quei capi. Il perizoma era stretto davanti ma conteneva alla perfezione la sua striscia di pelo pubico che si era curata proprio due giorni prima. Anche il reggiseno, perfetto per i suoi seni, le stava alla perfezione.
“Non vedo l’ora di denudarti”, le aveva risposto Jorge con lo stesso tono formale con cui le avrebbe detto che un assegno andava respinto e lei aveva sentito un briciolo di eccitazione crescere dentro di sé, in previsione di cosa sarebbe accaduto nella seconda metà del pomeriggio.
Durante il pranzo lui si dedicò ad accarezzarle i piedi sotto al tavolo e lei fece altrettanto e la prima metà del pomeriggio trascorse velocemente tra sguardi fugaci, lavoro vero e proprio, telefonate e affari da sbrigare.
Restarono soli alle 16.30. Lui la raggiunse, senza che lei se ne accorgesse, mentre si era seduta in una delle postazioni di cassa, dove le colleghe accolgono i clienti che devo svolgere delle operazioni di routine allo sportello. Quasi si spaventò quando sentì le sue mani sulle spalle, ma le passò subito quando comprese chi fosse. Quelle mani calde e lisce le accarezzarono il collo e poi scesero lungo il suo decolleté entrando all’interno della sua scollatura e poi dentro alle coppe del suo nuovo reggiseno.
“Ti piace allora questo completo?”, le sussurrò all’orecchio.
“Molto. E spero che piacerà anche a te”.
“Me lo vuoi mostrare?”.
“Mmmh….. certamente”, rispose lei avvertendo già i capezzoli turgidi tra le dita di Jorge. E così, senza che lui smettesse di palpeggiarle le tette, si abbassò la lampo della gonna e fece in modo che la gonna scivolasse ai suoi piedi. Poi aprì le gambe e mostrò a Jorge il perizoma indossato sotto al collant. Era uno di quei modelli con la sgambatura alta, estremamente traforato.
Lui era rimasto in piedi dietro di lei, con le mani dentro la sua maglia.
“Sei bellissima anche a vederti da qui”, le disse.
“Grazie”, rispose lei appoggiando la testa ad uno dei suoi avambracci.
“Sei eccitata?”.
“Mmmhhh….siii…”, rispose Susan.
“Toccati allora”, le ordinò lui.
“Stai scherzando?”.
“No. Io mi sto dedicando alle tue belle tette ed ho le mani impegnate!”.
Allora Susan si portò una mano fra le gambe e cominciò a sfregare il palmo della mano contro al proprio sesso. Si sentì calda e vogliosa e scoprì in pochissimi attimi quanto la cosa la eccitasse. Lui stava pizzicandole i capezzoli tra le dita, con grazia e gentilezza, ma in un modo che a sua volta la stava eccitando parecchio. Il collant era super liscio ed il perizoma stava cominciando ad assorbire gli umori del suo sesso già bagnato.
“Toccati direttamente”, le disse lui mentre tolse una mano dalle sue tette per sbottonarsi i pantaloni.
Quella sera, mentre lavò i piatti dopo una cena silenziosa e carica di tensioni, pensò alla tranquillità di quei primi momenti di sesso con Jorge. Lui l’aveva spinta a masturbarsi e lei lo aveva fatto. Aveva inserito la mano dentro al collant e dentro allo slip ed aveva lasciato che le sue dita, abili come un tempo, le ricordassero lentamente come ci si autoprocurasse un piacere benevolo e soddisfacente. Quando lui tolse anche la seconda mano dal suo seno, Susan si voltò e si trovò dinanzi il cazzo di Jorge. Lo prese con la mano sinistra guidandolo nella sua bocca e lui se ne compiacque.
“Quanto ti desidero Susan…. Sei la cosa più bella che mi potesse capitare!”, le disse lui.
Lei non rispose, totalmente dedita alla ricerca del piacere suo e di quello del partner.
Ripensandoci poi, nei giorni successivi, si era stupita di come si fosse lasciata andare con lui e quasi si era vergognata per averlo fatto. Sì perché mentre si dedicava con la bocca alla erezione di Jorge, senza smettere di masturbarsi, aveva raggiunto un primo orgasmo che si era procurata da sola. Aveva smesso per un attimo di succhiare l’uomo ed aveva goduto, grazie alle proprie dita, come non accadeva da anni.
“Cristo! Cristo! Oh mio Dio….. Oh santo cielo! Godooooo”, aveva urlato senza preoccuparsi di qualcuno che la sentisse. Jorge l’aveva osservata godere e si era compiaciuto. Aveva sussultato sulla sedia e poi gli aveva detto di essere mortificata, ma lui le aveva detto di volerla così.
“È proprio così che mi piaci. Complice. Quasi inconsapevole del tuo potenziale erotico. Non sai nemmeno quanto mi stai eccitando”, le aveva risposto.
Poi l’aveva aiutata ad alzarsi dalla sedia e l’aveva fatta sdraiare sulla scrivania sulla quale solitamente le cassiere ed i clienti si passano i fogli da firmare, le aveva sollevato le gambe e dopo averle strappato il collant e scostato il perizoma, era entrato dentro al suo sesso burroso e morbido.
“Prendimi forte!”, gli aveva detto e lui lo aveva fatto, costringendola a sollevare le gambe e ad aprirle al massimo. La scrivania era alla altezza perfetta e Jorge non trovò nemmeno difficoltà a spingersi dentro al suo corpo con veemenza e foga. In quella scopata Susan si rese conto di quanto fosse importante da parte del partner dosare i tempi ed i ritmi. Jorge la prese dapprima forte, poi piano. Rallentò seguendo il piacere proprio ma anche quello della amante, preoccupandosi solo di essi.
“Spingi! Spingi! Spingi!!!”, urlò all’amante e lui incrementò il ritmo. Nel silenzio della filiale completamente deserta si sentiva solo il cazzo di Jorge che faceva avanti e indietro nella fica di Susan.
Quando le penetrazioni si seguirono velocissime, lei esplose nel suo secondo orgasmo. Strinse le gambe dietro a quelle dell’amante e lo tenne stretto dentro di se, poi allungò le mani e gli chiese di piegarsi su di lei.
Si baciarono. E fu un bacio bellissimo, quasi romantico, nonostante lui non smettesse di restare, duro come un legno, dentro di lei. E quando lei sentì che lui volle proseguire nella sua azione, smise di baciarlo e gli chiese di cambiare posizione.
“Siediti sulla sedia di Fernanda. Voglio scopare sulla postazione di quella acida zitella!!!”, gli disse lei.
Jorge sorrise. Uscì dalla sua passera con un rumore secco e fece qualche passo indietro sedendosi dove lei gli aveva chiesto.
“Anche a me non va a genio Fernanda”, disse lui.
“Devo cominciare a preoccuparmi?”, gli chiese lei.
“E di cosa?”.
“Delle troppe cose che abbiamo in comune”, gli rispose.
Poi salì a cavalcioni sopra di lui, facendo sì che il suo membro entrasse immediatamente dentro di lei. Si sfilò il top ed il reggiseno restando di fatto quasi seminuda.
“Quanto ti voglio!”, disse lui poggiandole le mani sui fianchi ed aiutandola nel movimento.
“Fammi godere ancora”, gli rispose lei.
E così scoparono su quella sedia, senza dire nulla, stringendosi l’uno all’altra, ebbri di piacere e madidi sudore. Quando sentirono il piacere avvicinarsi, si baciarono e non smisero finché lei non sentì il seme di Jorge riempirle il sesso. In quel momento raggiunse il suo terzo orgasmo e ricominciarono a baciarsi finché non sentirono i loro liquidi colare sulla sedia.
Solo allora si separarono ridendo di Fernanda e di quanto erano riusciti a fare quel pomeriggio, nella filiale nella quale lavoravano.
A letto quella sera si accorse di avere le gambe stanche. L’andirivieni su e giù su quella sedia di Fernanda era un movimento al quale i suoi arti inferiori non erano abituati. Quando Julian entrò nel letto, lei finse di dormire. C’era il rischio che, trovandola sveglia, lui volesse fare l’amore e lei non ne aveva voglia. Ne avrebbe avuta con Jorge, ma con Julian no.
Si chiese quando si sarebbe incontrati nuovamente e dove l’avrebbe condotta quella storia.
Poi si addormentò.

Questo racconto di è stato letto 2 5 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici segretariaracconti erotici prima volta gayracconti erotici italiani gratisle storie di miluracconti erotici prime esperienzeracconti disessoracconti storie erotichestorie porno cuckoldracconti erotucitradimento raccontoracconti milluracconti di figamuratori gayracconti di sogni eroticistorie erotichracconti pornopissing italia forumracconti mamma padronahard storieracconti erotici ragazzeracconto incestuosoracconti generoracconti sesso matureerotici raccontogang bang raccontiracconti di annunci 69racc di miluclistere raccontitrans sborronisupertroiacrossdresser storieracconti hard gratuitiracconti di travestitisegarsi in compagniaracconti erotici incesto sorellaracconti porno eroticipompino ad uno sconosciutostorie di orgeeracconti eroticiginecologi porciracconti guzzon 59racconti picantistorie porno cuckoldracconti hard transincesto nonnastorie pornograficheracconti erotici vecchiracconti erotici milùhard storieano allargatoracconti guzzon 59ragazze si leccano i piedimamma ti sborro dentrogay al cinema pornostorie clisteriracconti erotici universitazoofilia estremaracconti veri di tradimenti coniugalistorie zoofiliasculacciate racconti eroticitette di mia mammaracconti erotici culo rottomia moglie scopa con il caneraccoti eroticiracconti rtoticiporno racconti 69racconti erotici fotograforacconti porno di incestostorie eroracconti di sesso con la suoceraracconti erotici ricattoracconto dominazioneracconti erotici ingravidatasborra a go gocome diventare cuckoldstorie erotichrstorie erticheracconti toplessraccontieriticistorie di sesso con donne matureracconti camionistipiedi di mia ziaracconti porno mamma e figliostorie pornpracconti zoofiliporno raccontiracconti erotici.itracconti erotici diracconti inculateracconti eros gayerotici raccontracconti erotici club priveracconti di mogli troieballbusting raccontiracconti di milu'raccontie roticiracconti erotici moglipadrone bastardozoofilia cavalli