Il rapimento - capitolo 2 - i rapitori si divertono

Scritto da , il 2019-10-29, genere incesti

Capitolo 2 – I rapitori si divertono

Mi voltai verso Alessia, si era accasciata sul sedile, rannicchiandosi più che poteva, un pò per non essere vista dall'esterno ed un po' per sentirsi più protetta. Era ancora in topless, con il vestito arrotolato intorno alla vita e l'intimità esposta. Mi guardò spaventata, io la fissavo a bocca aperta senza muovermi, volevo toccarla, volevo avere il mio primo incontro ravvicinato con una figa, ma era mia sorella non potevo o forse si... non lo so ero confuso, mentre questi pensieri correvano nella mia mente, mi accorsi che la mia mano come mossa da volontà propria si era appoggiata alla sua coscia destra. Senza opposizione alcuna, mia sorella era come paralizzata, feci scivolare il palmo della mano sul suo interno coscia fino ad arrivare al monte di venere ed allo spacco della figa. Alessia sussultò involontariamente una volta, poi un'altra cercando di ritrarsi schiacciandosi tra il sedile e lo sportello che le bloccavano ogni via di fuga, ma su ordine di Gennarino dovette aprire nuovamente le gambe spostandola come prima a cavalcioni sopra la mia, spalancando alla vista di tutti la sua figa e dandomi la possibilità di toccarla intimamente. Potevo sentire una leggerissima umidità nel punto in cui il mio palmo le sfregava la fessura, il rosa delle sua labbra luccicava. Iniziai a giocherellare con le labbra della figa, mi parvero ingrossarsi e schiudersi mentre passavo le dita attraverso la sua leggera peluria bionda, facendo scivolare più volte l'indice lungo la sua fessura.
"Su muoviti...appress'appress!" mi incitò ad osare di più.
“Fottila con un dito."
Come ordinato, feci scorrere il dito medio ancora un'ultima volta sulla fessura di mia sorella e poi lentamente spinsi la falange all'interno, penetrando mia sorella. Alessia emise un gemito ed iniziò a piagnucolare mentre lentamente mi facevo strada oltre la seconda nocca. Wow, che bella sensazione! Bagnata, scivolosa e calda! Era così una fica...?!? Se era così bello infilarci un dito, pensai a quando doveva essere bello scopare.
"Anche mamma," disse Ciro. Lanciai uno sguardo stupito alla mamma, che era anche lei rannicchiata, mezza nuda, in topless, con la gonna fino alla vita. Le misi la mano destra sul ginocchio sinistro muovendola lentamente sulla sua coscia liscia, accarezzandola. Rabbrividì mentre pettinavo i lunghi peli pubici passandoci le dita, iniziò a scuotere leggermente la testa a destra e sinistra, no... quando le toccai le labbra della figa ed iniziai a sfregare la mano passandola dal monte di venere alle labbra, si fermò trattenendo il respiro. Emise un gemito molto forte quando il mio dito medio iniziò a penetrarla e muoversi nella sua figa. Anche la sua fessura sembra bagnata ed era solo leggermente più larga di quella di Alessia.
Scendemmo lungo una strada sterrata in mezzo ai campi, ero seduto tra mia mamma e mia sorella, con le loro gambe nude a cavalcioni, il seno esposto, quasi completamente nude e le stavo toccando entrambe sulla figa, penetrandole con un dito...mentre i nostri rapitori guardavano e sghignazzavano... ero veramente un pervertito?
Gli scossoni dell'auto sulla strada sterrata si facevano più intensi man mano che procedevamo, segno che ormai eravamo lontani dalle strade trafficate... spesso quando prendevamo una buca o un avvallamento la mie mani affondavano, facendo penetrare di più le dita e facendo sfregare i palmi delle mani sulle fighe. Entrambe respiravano pesantemente e reagivano alle mie dita spinte sempre più in profondità. Mentre aggiungevo un secondo dito in ciascuno di esse, mi sembrò che entrambe aprissero di più le gambe, ogni tanto mia sorella inarcava il bacino, mentre mamma rimaneva più composta.
"Fottille bene, figliolo. Non sarai mica un verginello del cazzo, avrai visto una figa no? Muovi quelle dita. Più veloce." Non poteva essere più lontano dal vero, certo che ero un verginello e quelle erano le prime fighe che toccavo in vita mia, anzi erano proprio le prime che vedevo.
Come aveva detto Gennarino, feci scivolare le dita dentro e fuori più veloci, aumentando la penetrazione il più possibile, facendole oscillare come se stessi cercando qualcosa dentro le loro vagine. Si iniziava a sentire un suono tipo uno sciacquettio "cic ciac", anche se quella di mia sorella sembrava molto più bagnata, avevo la mano sinistra coperta dai suoi umori ed il sedile sotto di lei era fradicio.
Entrambe spingevano in fuori il bacino ed ogni tanto facevano oscillare i fianchi da un lato all'altro. La differenza tra loro era che mentre Alessia aveva un'espressione strana, non era solo impaurita era come dire, perplessa, stupefatta... sconcertata, gli occhi e la bocca spalancati, apriva le gambe al massimo mentre la mia mano ormai si muoveva furiosa in lei, mentre la mamma si era leggermente voltata verso di me, con le cosce più chiuse, una mano avvinghiata alla maniglia della portiera e l'altra a tenersi il seno che oscillava per il movimento delle mie dita dentro di lei, gli occhi socchiusi, la bocca serrata come se stesse stringendo i denti.
"Toccale il clitoride. Quel bottone sopra la loro fessura" indicò Gennarino. Non ero sicuro di dove fosse un clitoride o di come fosse fatto. Ma appena li trovai, appoggiando il palmo della mano su quei bottoncini, sia mamma che Alessia iniziarono ad emettere lamenti e piccoli strilli ed iniziarono entrambe a rabbrividire. Feci scorrere il palmo più velocemente che potevo, schiacciando e facendo dei piccoli cerchia su quelle piccole protuberanze con le dita per poi rinfilarle dentro di loro continuando il ditalino.
"Ah ah ah! Stanno per venire! Oh, non ci credo!" Rise Ciro, il capo sarà contento del lavoretto che ci ha chiesto di fare, quando gli racconteremo tutto. Lui e Gennarino risero entrambi forte mentre la mamma stringeva così forte la maniglia della portiera che le nocche divennero bianche mentre con l'altra mano mi afferrò il polso cercando di fermare la mano che la stava masturbando. Alessia invece seppellì la testa nella mia spalla ed appoggiò una mano sulla mia coscia, stringendola forte mentre rabbrividiva e tremava, facendomi male. I due balordi avevano ragione? Stavano per avere un orgasmo, mi stavano costringendo a masturbarle fino a farle godere?
Alessia emise un urlo: “Ohhh....ddiooooo” tanto che per un istante mi paralizzai temendo di averle fatto del male... quando iniziò a gemere platealmente, travolta dall'orgasmo, ripresi velocemente a masturbarla accelerando il ritmo. Il bacino si muoveva avanti scattando e le gambe tremavano fino a quando iniziò a rilassarsi, abbassò la testa ed il tremore passò. Tolsi la mano dalla sua figa ed approfittai per afferrare una mammella di mamma tirandole il capezzolo. Mamma emise un gemito più forte e senza proferire parola cercò di allontanare le mie mani, a bocca aperta, respirava sempre più affannata, il suo corpo scosso da leggeri tremori... cercava di resistere, era troppo per lei, godere masturbata dal figlio, sicuramente più esperta della figlia in materia di sesso, aveva un controllo maggiore sul suo corpo, ma la stimolazione continua ed il doppio attacco da parte mia alla fica ed alle tette la stavano per far cedere. Essendo più larga di Alessia riuscii ad aggiungere un terzo dito dentro di lei, continuai con il dentro e fuori ritmico mentre tenevo il medio più alzato rispetto agli altri 2 per strusciare sulla parete superiore della sua figa, scoprii solo parecchio dopo l'esistenza del punto G, ma involontariamente stavo facendo faville come se fossi esperto in materia, spingendo sempre di più mia madre a capitolare. Era arrivata quasi al limite, non poteva resistere oltre e cercò di spostarsi per sottrarsi al mio tocco, ma così facendo dovette perdere un po' di concentrazione, il suo corpo l'aveva tradita, si portò le mani sulla bocca per soffocare i gemiti che ormai fluivano dalle sue labbra carnose e non riuscì più a resistere, cercò di soffocare l'urlo che emise godendo... “siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii” e venne travolta dagli spasmi dell'orgasmo, sussultò sul sedile, facendo movimenti scomposti col bacino mentre con le cosce stringeva la mia mano sulla sua fica come per fermarla lì... poi come successo ad Alessia, tornò tranquilla e si gettò indietro accasciandosi sul sedile, un'espressione terrea ma appagata sul viso.
"Merda, il ragazzo ci sa fare eh?” fece l'occhiolino al compare aggiungendo poi: “Scommetto che adesso ce l'ha duro come il ferro che ho in mano”.
“Credo che che le donne dovrebbero ricambiarti il favore... e prendersi cura di te adesso” Che ne dici?” disse rivolgendosi a me, mentre lo guardavo allibito.
“Prima tu”indicò mamma. “Fai la brava Mammina, tira fuori il cazzo del ragazzino."
La mamma gemette, il suo dispiacere era evidente, non voleva, non doveva, ma lentamente si raddrizzò sul sedile, oramai si era ripresa dall'orgasmo non voluto provocatole dal mio ditalino e lentamente cominciò a slacciarmi la cinta ed i pantaloni, mentre Alessia era tornata a rannicchiarsi sul sedile e la guardava spaventata. Sollevai il sedere dal sedile mentre mi tirava giù pantaloni e le mutande. Il mio cazzo saltò fuori come una molla, dritto e turgido. Gennarino aveva ragione; avevo un paletto d'acciaio tra le gambe. Non avrei potuto farci niente anche se avessi voluto, quanto era appena accaduto era terribilmente eccitante, figuriamoci per un me in piena tempesta ormonale. Mentre la mamma disperata mi toglieva i pantaloni, facendomi sfilare le scarpe, il tizio ordinò ad Alessia di aiutarla e di prenderlo in mano, avvicinò la mano destra sul mio cazzo rigido e teso, come se toccandolo l'avrebbe morsa. Il suo tocco mi provocò un involontario brivido di piacere, mentre il pene si muoveva tendendosi allo spasmo. Ero molto imbarazzato, avevo il cazzo di fuori di fronte a mia madre e mia sorella, ed a due estranei. Ero parecchio timido e riservato, facevo sempre la doccia girato verso il muro per non farmi vedere dagli altri ragazzi dopo aver giocato a pallone perché mi vergognavo molto, fino a quando non scoprii sbirciando la “dotazione” dei miei amici, che ero ben messo rispetto a loro... non ero di certo un superdotato, ma ormai avevo sviluppato ed il mio pene era nella media, forse anche qualcosina in più per lo meno rispetto i miei coetanei... una volta ce l'eravamo anche misurato con il righello di scuola ed il mio era di poco il più lungo, 18,5 cm ma era di sicuro il più tozzo quasi 13cm. Quando alzai lo sguardo vergognandomi come un cane, per vedere se i 2 balordi mi stessero guardando il pisello, rimasi sorpreso dalle loro espressioni, il tizio grosso voltato verso di me aveva la bocca aperta e stava evidentemente dicendo qualcosa all'altro che sembrava stupito.
“Hai capito il ragazzino, sei un fortunello del cazzo eh! Ahaha, eh si! Proprio del cazzo!” l'allusione al mio pene, mi fece capire che anche per i 2 adulti il mio arnese doveva essere abbastanza grande e mi sentii orgoglioso, in fondo chi non lo sarebbe stato sapendo di avere un bel cazzo tra le gambe?
Così rimasi immobile, come sospeso in una specie di sogno erotico con il cazzo dritto, rosso e pulsante.
Gennarino diede a mamma e Alessia istruzioni precise su ciò che voleva vedere e presto Alessia iniziò a muovere lentamente la mano lungo l'asta tesa, mentre mamma mi prese a coppa le palle e le massaggiò delicatamente. Le mie mani erano di impaccio lì in mezzo, così le spostai cingendole entrambe alla vita. Presto mi resi conto che allungando le braccia un po' di più avrei potuto allungare la mano sotto le loro braccia e toccare le loro tette o accarezzarle i fianchi nudi, toccandole il culo e così feci, spostando le mani dalle tette al culo di entrambe.
Prima di dare altre istruzioni alle donne, Ciro suggerì di fare un video col cellulare per mandarlo al capo. Così il tizio grande e grosso prese uno dei cellulari dalla sacca in cui aveva messo le nostre cose, riconobbi il mio ed iniziò a riprendere noi 3 sul sedile posteriore.
"Ehi, ragazzo, dai un bacino a tua sorella. Come hai fatto con mamma prima. Su da bravi tirate fuori le lingue." Come ordinato, mi girai verso Alessia spostando il braccio dietro la sua schiena accarezzandola e tirandola verso di me vista la sua ritrosia, mentre mamma continuava a massaggiare lo scroto e Alessia a masturbarmi lentamente. I suoi occhi blu guardarono i miei per un istante. Era davvero bella, con una pelle così liscia e labbra sottili appena dischiuse. La sua espressione era quasi di repulsione, ma non poteva fare niente vista la situazione in cui i miei ci avevano evidentemente cacciato. Aprì la bocca e tirò appena fuori la lingua. La baciai, le lingue mulinarono, attorcigliandosi danzanti nelle nostre bocche per un minuto buono dando spettacolo, poi spostata la mano dietro la sua nuca spinsi la sua testa verso di me, affondandole la lingua in gola, mentre lei schifata cercava di tirarsi indietro.., non mollali la presa e lentamente cedette rispondendo al mio bacio, avevamo la bocca ed il mento bagnati, la salivazione al massimo, le morsi il labbro inferiore tirandolo un po' con i denti, facendo schioccare le labbra quando ci staccammo per riprendere fiato ansimanti.
"Signore, tocca a voi. Baciatevi", ordinò Gennarino. Mamma ed Alessia furono costrette a chinarsi sopra di me, proprio davanti alla mia faccia e dopo aver incrociato per un istante lo sguardo per trovarsi, chinarono gli occhi, vergognandosi ed un attimo dopo si baciarono. Potevo sentire le loro labbra schioccare ed osservare le lingue di mia madre e mia sorella intrecciarsi, i loro occhi chiusi, i loro volti che si muovevano da un lato all'altro, chinando la testa di lato per agevolare il bacio saffico.
"Su un po' di iniziativa, toccatevi le tette." Mamma ed Alessia si accarezzarono a vicenda il seno, lasciando stare il mio cazzo per un momento, per mio estremo disappunto. Si strinsero il petto e si strofinarono il seno avanti e indietro, facendo toccare più volte i capezzoli sporgenti tra loro. Mentre io spronato da Gennarino le accarezzavo la schiena ed afferravo le chiappe sollevate, afferrandole a piene mani, pizzicandole e palpandole.
Alessia sul culetto era avvantaggiata rispetto a mamma, era perfettamente tondo, liscio e sodo, quello di mamma era decisamente più grande e morbido, non era perfettamente rotondo, c'era un po' di ciccia in più e si era un po' abbassato, ma era comunque divertente da spremere. Guidato da un impulso di lussuria smisi di giocare con la chiappa di mamma e feci scorrere la mano verso lo spacco del sedere, scendendo in basso fino a far arrivare il dito al buchino del culo, mugolò appena ma non si mosse, era così bello che feci lo stesso con Alessia, ma non appena sfiorai la sua rosellina, abbassò i fianchi facendomi capire di essere infastidita, Gennarino capì al volo quanto stava accadendo e mi disse: "Bravo, si si, metti il dito nel culo della biondina. Lo adorerà." Mi venne spontanea l'idea di bagnare l'indice nella figa di Alessia prima di deflorarle l'ano per lubrificare un po' il dito facilitando la penetrazione. Appena le sfiorai le labbra della fica ebbe un sussulto, cercando di spostare il bacino non potendo usare le mani, ma dopo un paio di tentativi riuscii a penetrarla, facendola gemere, spinsi il dito dentro un paio di volte ed iniziai ad avvicinarlo lentamente all'ano, trovai subito il suo buchetto e piano piano iniziai a spingere per forzare l'entrata, mentre mia sorella stringeva il culo per non farsi penetrare. Iniziai a roteare il polpastrello per bagnare la rosellina e farla rilassare, appena Alessia rilassò leggermente i muscoli, agii prontamente ed infilai la falangetta del dito facendole emettere un gridolino, molto attutito dalla lingua di mamma nella sua bocca. Ormai era fatta, cercò di stringere di nuovo lo sfintere per espellere l'intruso, ma il mio dito rimase saldamente in lei, riprendendo a spingere delicatamente facendolo avanzare dentro il suo culetto fino alla seconda falange.
Mi piaceva un sacco l'idea infilare un dito in culo a mia sorella, sapendo che la stavo irritando ed umiliando, non poteva fermarmi e questo mi faceva divertire ancora di più nel farlo.
"OK, Biondina, è ora di restituire a tuo fratello il favore. Vai di bocca." Alessia scosse la testa furiosa, guardandomi di traverso mi disse “sei uno stronzo!”. Le risi in faccia spingendo di più il dito nel culo, probabilmente facendole male, perché fece una smorfia e portò le mani indietro verso il sedere dolorante per fermarmi, guardandomi sempre più incazzata... lo schiaffo la colpì in pieno volto, lasciandola di stucco. Gennarino le aveva dato un bel ceffone... per un istante si dimenticò del mio dito nel culo e portò la mano sulla sua guancia arrossata massaggiandola per lenire il dolore, guardando a bocca aperta l'uomo che l'aveva colpita.
“Forse non ci siamo capiti ragazzina, qui comando io e sono io che decide chi fa cosa e quando, tu obbedisci in silenzio o finisce molto male per voi” ed agitò la pistola sotto il naso di tutti e tre.” La minaccia fu abbastanza chiara per tutti, un conto era se davo fastidio io a mia sorella, un conto se lo faceva un estraneo, feci per muovermi, ma mamma mi afferrò un braccio, scuotendo la testa, facendomi segno di non muovermi. Alessia sconfitta, si massaggiò ancora per un istante la guancia indolenzita, si raccolse i capelli in una coda di cavallo dietro la testa e poi lentamente si abbassò sul mio inguine. Posò con riluttanza le labbra sul mio glande, sospirò e scese ancora di pochi centimetri. Mi sentivo così bene che pensai di poter venire in quel preciso istante, ma Gennarino mi guardò di traverso capendomi al volo:
“Non fare scherzi! Vedi di resistere un po', non vorrai mica venire subito!? Fai l'uomo e falle fare un bel lavoretto di bocca!” poi rivolto a mia sorella le ordinò di andare più metterci più impegno. Mamma rimasta in disparte riprese a massaggiarmi lo scroto, giocherellando con le palle, ma guardando Gennarino vide che le faceva cenno di scendere anche lei con la testa, mimando un pompino con la lingua dentro la guancia. Essendo il pene dentro la bocca di Alessia prese a succhiarmi le palle, baciando e leccandomi lo scroto. Mamma ed Alessia, si alternavano, scambiandosi più volte posizione, a turno mi succhiavano una il cazzo, l'altra le palle, mentre con malizia allungavo le mani accarezzandole la schiena, le chiappe e afferrandole le tette penzolanti, pensavo tra me che entrambe dovevano aver già fatto pompini prima, ci sapevano fare. Mamma immaginavo ci desse dentro con papà, mentre la versa sorpresa fu Alessia, pensavo fosse una novellina come me, ed invece stava dimostrando di saperci fare anche lei, chissà che combinava con il suo ragazzo, a me in fondo importava poco mi stavo godendo quel doppio pompino, ero in estasi. Questo è il paradiso! Non potevo resistere oltre... il mio cazzo ormai era un vulcano sul punto di eruttare, le palle formicolavano, la sensazione ben nota di quando stavo per esplodere, pensai che avrei dovuto avvisarle che stavo per venire, ma non volevo interrompere quella magia, solo nei film porno avevo visto 2 donne insieme spompinare il fortunato di turno.... Mamma si staccò dalla cappella con un risucchio mentre la saliva colava lungo la mia asta ed Alessia prese prontamente il suo posto, addentando il mio palo di carne, non resistetti oltre... poggia la mano sulla sua testa accarezzandola grato ed esplosi nella bocca di mia sorella tutto il mio piacere mentre spalancavo la bocca godendo, emisi un suono gutturale mentre fiotto dopo fiotto riversavo il mio seme nella sua bocca, al primo schizzo cercò di ritrarsi, sollevando la testa per scansarsi, ma la afferrai veloce per la coda di cavallo spingendola in basso, mentre con l'altra mano sulla testa la tenevo ferma continuando a schizzare nella sua bocca mentre spingevo il bacino in alto per affondarle il cazzo in gola. Dopo pochi istanti mollai la presa e le permisi di risollevarsi. Iniziò a tossire, cercando di respirare, aveva dei conati di vomito, mentre lo sperma le colava dai lati della bocca, doveva averne ingoiato un bel po' per non soffocare... si pulì col dorso della mano i lati della bocca. Mentre riprendeva fiato, aumentava la sua collera verso di me... stava per insultarmi quando Gennarino, l'anticipò: “Ben fatto, un lavoretto coi fiocchi, vedi che quando collabori, ottieni una ricompensa” e si mise a ridere fragorosamente. Alessia si voltò furiosa verso di lui, gli occhi a fessura, inviperita... sfidando lo sguardo dell'uomo armato di fronte a lei, nonostante fosse grande il doppio, si guardarono dritti negli occhi, la tensione era palpabile, ma appena Gennarino accennò a muoversi, alzando la pesante mano, mia sorella tornò la ragazza impaurita di poco prima ed abbassò la testa distogliendo lo sguardo e si spostò sul sedile dal suo lato.
"OK, puttanella, siediti ora e stai muta!” Entrambe si rimisero a sedere composte, in attesa di ulteriori istruzioni, lasciandomi appagato con un cazzo mezzo floscio.
“Bene bene, la sorellina ha avuto la sua ricompensa, ma tu mammina sei rimasta a secco?!? Non è per niente giusto, in fondo è te che devono ringraziare per tutto questo!” Mamma chinò la testa afflitta, l'allusione alla colpa di mamma era qualcosa che poteva capire solo chi ne sapeva di più, io ed Alessia eravamo all'oscuro di tutto, anche se ormai cominciavamo ad intuire qualcosa. Si erano sicuramente infilati in un vespaio... ed ora stavamo pagando tutti, anche se per ora... la mia punizione non è che mi dispiacesse poi così tanto.
“Forza! Datti da fare, fallo tornare bello tosto.” Facendole cenno di occuparsi di nuovo del mio cazzo.
“E' un ragazzo giovane, sicuramente è pieno di energie e pronto al secondo round”. E mi strizzò l'occhio ridacchiando.
Effettivamente non sbagliava, quando ero particolarmente eccitato potevo spararmi anche 3-4 seghe di fila, anche se alla fine mi cominciava a fare male il pisello, gli ormoni giovanili ed il testosterone che scorrevano nelle vene mi permettevano di recuperare in fretta. Qualche minuto ancora e sarei stato di nuovo in tiro, specialmente se invece di una sega immaginando... c'era una bocca accogliente a spompinarmi.
Mamma era una vera maestra, iniziò a massaggiarmi lo scroto, allentando la tensione dell'orgasmo, mi diede baci all'inguine, passando la lingua per tutta la lunghezza del pene, lo prese in bocca anche da moscio e lo ripulì per bene succhiandolo avidamente e producendo suoni tipo gorgoglii quando succhiava il glande roteandoci sopra la lingua, mi leccò le palle, per poi riprendere ed ingoiare totalmente il mio pisello che lentamente riprendeva vigore, quando iniziò a mordicchiare dolcemente il glande fui scosso da un intenso brivido di piacere, il pisello sussultò, si stava risvegliando, passò la lingua più volte sul filetto stimolandomi dolcemente, era veramente una maestra, doveva essersi allenata parecchio con papà, pensai che fortunato bastardo doveva essere! Man mano che il cazzo riprendeva vigore e si induriva, il piacere aumentò ed in men che non si dica, inizia a gemere di piacere, accarezzai la testa di mamma passandole le dita tra i suoi lunghi capelli sciolti che mi solleticavano le gambe, iniziò a fare su e giù velocemente con la testa, ingoiando sempre più in profondità il cazzo ormai eretto, fin quasi a farselo arrivare in gola, gorgogliando ogni volta che si risollevava, le afferrai la testa per guidare il suo movimento su e giù, regolando profondità e velocità per aumentare il piacere.... ogni tanto le diedi anche dei colpetti di bacino stringendo il culo e sollevandomi dal sedile imitando una scopata per infilarglielo di più in bocca, un paio di volte esagerai un pochino facendola tossire ma godendomi ad ogni spinta le sue labbra carnose che sfregavano accompagnando l'asta nella sua interezza... evidentemente mi stavo divertendo troppo perché Gennarino richiamò la nostra attenzione: “Brava mamma, guarda come glielo hai fatto tornare duro in un batter di d'occhio! Sei una pompinara nata.” L'insulto verso mia madre, provocò in me un moto di gelosia e di rabbia, dopo tutto era sempre della mia mamma che stava parlando!
“Basta così, non volgiamo mica che il nostro cazzone venga subito no!?!? E' ben dotato e da bravo giovincello recupera velocemente, ma è anche inesperto e non credo sia capace di controllarsi.” Se la parte del “ben dotato” mi fece piacere, il fatto che credeva che non mi sapessi controllare mi infastidì non poco, quando mi segavo a casa per far durare il piacere di più ero capace di andare avanti a menarmelo anche per più di mezz'ora, tanto che spesso mi cominciavano a farmi male i coglioni, glie l'avrei fatta vedere io se sapevo controllarmi o no!!
Poi riportò l'attenzione su mia sorella che era rimasta in disparte, imbronciata e affranta mentre guardava mamma farmi una pompa.
"Biondina avvicinati a tuo fratello, siediti sulle sue ginocchia!" Alessia lo guardò in bambola, poi quando le fece cenno con la pistola di muoversi, sollevò il sedere spostandosi di lato sedendosi sulle mie ginocchia. "No cara, a cavallo, gambe larghe di fronte a me", ordinò Gennarino. Alessia si spostò più in dietro mettendosi nella posizione indicata, allargando le gambe per mostrare la sua intimità. Il SUV di papà era alto per un'auto, ma non così tanto da farla stare eretta a causa del soffitto, la sua testa era piegata di lato leggermente verso il basso, così fu costretta a spostarsi ancora più indietro mettendosi proprio sopra il mio cazzo duro che si appoggiò nell'incavo del suo sedere. Era chiaro che l'obiettivo di Gennarino era proprio quello, fece cenno ad Alessia di sistemarsi meglio, il mio pene rigido libero dal peso del corpo di mia sorella si sollevò puntando verso di lei minaccioso come una spada, mia sorella con non poche difficoltà schiacciata tra il mio corpo ed il tettuccio dell'auto si sistemò alla bella e meglio, sollevandosi e riadagiandosi sul mio bacino, mentre il mio cazzo abbassandosi scivolava sotto le labbra della sua fighetta, spuntando in avanti sotto di lei. Fingendo di sistemarmi meglio sotto di lei, strusciai il cazzo sulla sua figa... fino a che il tizio indicò il cazzo che spuntava da sotto la figa di mia sorella e le intimò:
"su da brava spingilo dentro!" Alessia gemette e piagnucolò, facendo segno di no con la testa. Gennarino avvicinò la sua faccia a quella di mia sorella allungandosi dal sedile anteriore afferrandola per i capelli, le stava alitando addosso minaccioso: “hai 2 possibilità o ti fai scopare dal tuo fratellino o ti infilo questa nella fica” disse le ultime parole avvicinando la canna della pistola alla figa di mia sorella.
Alessia non si mosse, guardò spaventata la pistola, chiuse gli occhi piangendo e si portò le mani sulla faccia... Gennarino perse la pazienza spingendola indietro tanto che mi franò addosso e per poco non mi diede una testata sul naso. Al contatto della canna fredda sulle labbra della fica urlò spaventata, spingendo il sedere indietro schiacciandosi contro di me, mi stava schiacciando le palle e cominciavo ad avere qualche problema a respirare bene con lei che premeva indietro contro il mio petto, per riprendere aria fui costretto a spostarla, afferrandola e bloccandola, le mani finirono sui suoi seni, la tenni così per evitare che mi facesse male, ma lei interpretò il mio gesto come se volessi bloccarla per aiutare il rapitore. Ero stronzo e dispettoso con lei, forse un pervertito visto quello che era successo da quando ci avevano rapito, ma non fino al punto da far soffrire mia sorella in quel modo, le accarezzai un braccio per tranquillizzarla mentre portavo l'altra sulla sua figa coprendola e facendo da scudo tra la sua vagina e la pistola. Capì che volevo aiutarla e voltando la testa verso di me, accennò un sorriso di gratitudine.
“Su fai la brava e vedrai che ti piacerà, tuo fratello è stato fortunato, la natura gli fatto un bel regalo, vedi... ha un bell'attrezzo per far felici le puttanelle come te!” Alessia si voltò mamma piagnucolando: “Mamma aiutami!” chiese supplichevole come se sua madre potesse fare qualcosa. Anche lei era impotente ed era stata costretta a succhiare il cazzo del figlio, baciare Alessia e godere umiliata masturbata dal figlio...
Alessia singhiozzava ma non accennava a muoversi, continuava solo a fare di no con la testa, ma il peso del suo corpo cominciava a darmi fastidio, sentivo le gambe indolenzite, mi agitavo muovendomi sotto di lei per cercare una posizione più comoda. Ma così facendo strusciavo il cazzo duro sulla sua fica, stimolandola un pochino, prima o poi Gennarino l'avrebbe avuta vinta pensai tra me, forse se l'avessi fatta eccitare un po', la penetrazione sarebbe stata meno invadente per lei, così con la mano sulla sua fica iniziai a masturbarla, penetrandola con le dita e stuzzicandole il clitoride.
Fortunatamente Gennarino attese per vedere se la mia mossa avesse sortito l'effetto voluto ed allontanò la pistola da Alessia, che fece un respiro profondo, smettendo di tremare per l'agitazione. La masturbai per qualche minuto finché non iniziai a sentire la sua fica sempre più bagnata, avvertii i primi “cic ciac”, lo sciacquettio classico di una fica eccitata. Poi delicatamente la sollevai un pochino di quel poco che bastava per farla inclinare un po' in avanti col busto, facendole sollevare il sedere. Il peso aumentò sulle gambe ma almeno ora non mi schiacciava più le palle ed il cazzo, così tendendo i muscoli pelvici cercai di indirizzare il glande verso l'entrata della sua vagina, appoggiai il glande sull'ingresso della vagina facendolo scivolare sulle labbra bagnate.. spingendolo piano aiutandomi con la mano che fino a poco prima l'aveva masturbata. Non appena Alessia capì le mie intenzioni, si agitò di nuovo urlando: “Nooooo! Sono vergine!”. Mi fermai di colpo.
Gennarino sghignazzò, mentre io spalancavo la bocca stupito, mia sorella era già qualche anno che usciva con dei ragazzi, possibile che non avesse mai...? Tutto avrei immaginato tranne che fosse ancora vergine.
“Per favore no... !” piagnucolò ancora afferrando il braccio della madre che la guardava.
“Una verginella....... Và bene...” disse Gennarino come se volesse esaudire il desiderio di mia sorella che parve di colpo sollevata, ma solo per pochi istanti perché aggiunse: “Visto che sei vergine ti faccio scegliere, hai 3 cazzi a disposizione per perdere la verginità, scegli quale vuoi!” avevo già capito dove voleva andare a parare...
“Il cazzo di tuo fratello, il mio o quello del mio amico!” Non le aveva lasciato scampo...
Lentamente iniziò a muoversi, sollevandosi un pochino e per un attimo ebbi paura che avesse deciso per uno dei 2 stronzi che ci avevano rapito e costretto a quegli atti incestuosi... ma poi allungò la mano afferrando il mio pisello, allargò le labbra della sua figa e lo guidò dritto verso l'entrata della vagina. Una volta che ebbe messo il glande in posizione sulla sua fessura, si abbassò lentamente scivolando giù sul mio cazzo teso.
Santo cazzo! Cristo! Che sensazione fantastica! Quella figa calda e stretta scivolova avvolgendo il mio cazzo in maniera spettacolare, una sensazione bellissima... ero in estasi. Fermò la discesa e per un attimo temetti che ci avesse ripensato, ma capii che era titubante essendo arrivata al imene, se fosse scesa ancora un po' la sottile barriera che proteggeva la sua verginità si sarebbe infranta. Attese ancora qualche istante tremando e poi riprese a scendere lentamente di qualche cm, potei sentire i suoi muscoli irrigidirsi mentre emetteva una leggera smorfia di dolore, la barriera cedeva ed il mio cazzo entrava in lei, avevamo perso la verginità. Rimase ferma così con il cazzo entrato a metà e spaventata si risollevò temendo di provare ancora dolore, la presi per i fianchi e dopo tenendola ferma per non farla rialzare, dando modo alla sua vagina di abituarsi, poi di colpo spinsi deciso verso l'alto il bacino mentre con le mani le bloccavo i fianchi impalandola deciso, colsi il suo stupore dalla tensione dei suoi muscoli, cercò di sollevarsi spingendosi con le mani sul sedile per assecondare il mio movimento verso l'alto e impedire la penetrazione ma fu tutto inutile perché le mie gambe indolenzite cedettero di schianto facendomi sprofondare sul sedile non riuscendo più a rimanere sollevato ricaddi di colpo, Alessia colta alla sprovvista mi seguì nella caduta avendo perso il sostegno sotto di lei, impalandosi da sola fino in fondo. Urlò: “Aaaaaarrrrrrrgghhhhh” e rimase silenziosa mentre il mio cazzo era entrato tutto, ben piantato dentro di lei. Poi lentamente iniziai a muovermi su e giù. Che attrito perfetto! Ora capivo perché a tutti piaceva scopare così tanto!
Alessia si sistemò meglio per essere più a suo agio sul mio grembo con la schiena adagiata al mio torace, le gambe spalancate ai lati delle mie, in punta di piedi sul pavimento e la testa leggermente reclinata all'indietro che si poggiava alla mia guancia. Le afferrai un po' i fianchi, mentre prendevamo il ritmo. Poi le mie mani vagarono sul suo corpo, accarezzandola tutta, fino ad arrivare alle tette, le strinsi entrambe afferrandole da dietro erano meravigliose, iniziò a muoversi da sola e io rimasi fermo godendomi la penetrazione.
"Ohhh, ohhhhh, ohhhhhhh!" Gemeva Alessia ogni volta che dopo essersi spinta in alto ricadeva giù sul mio cazzo, il suo gridolino di piacere era più intenso e prolungato. Non andava veloce come volevo, ma potevo accontentarmi, in fondo avevo perso la verginità e stavo scopando, quindi rimasi paziente godendomi la fica calda che mi avviluppava il cazzo. Dopo qualche minuto iniziò un po' a rallentare, le sue gambe dovevano essersi stancate, così iniziai a spingerla io in alto col bacino, accelerando la velocità e la profondità della penetrazione a mio piacimento, il cambio di ritmo dovette piacere anche a mia sorella perché i suo gemiti si fecero più forti e frequenti, continuava a scandire gli affondi nella sua fica: “Oh, oh, oh, oh, oh, oh, oh, oh” vista la situazione avrei voluto andare avanti all'infinito, al diavolo i crampi, i dolori alle gambe. Stavo scopando.... mia sorella!
Mentre trombavo Alessia, Gennarino mi disse di non lasciare in disparte la mamma e di accarezzarle le tette, dicendo al tempo stesso a mamma di partecipare. Mentre con la sinistra tenevo mia sorella per il culo, aiutandomi a sollevarla, con la destra afferrai il seno di mamma, palpandolo e afferrandolo. Mamma allungò una mano sotto Alessia e mi solleticò le palle, mentre Gennarino le ordinava di leccare le tette di Alessia.
Continuavamo a percorrere strade di campagna, sembrava che vagassimo senza una meta, ma il guidatore sapeva il fatto suo e sembrava conoscere la strada, visto come prendeva le curve cieche. Gli occhi di Alessia erano chiusi, potevo vederla dallo specchietto, mentre i suoi lamenti si facevano sempre più intensi, le mie spinte più veloci, più la sentivo gemere forte, più ero incitato ad aumentare il ritmo, stavo scopando più veloce, stringendo i denti per resistere più che potevo. A mamma fu detto di stimolare il clitoride di Alessia.
Bastarono poche carezze delle mani esperte di mamma che Alessia mi afferrò le cosce stringendo forte le mie gambe aggrappandosi ed emettendo un urlo di godimento mentre tendeva i muscoli allo spasmo sollevandosi ed inarcando la schiena:
"OHH! OH! Ahhhhhhh ahhh oh si siiiii! Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii" Gemette Alessia. Sentirla godere mentre il mio cazzo le apriva la fica, mi rese orgoglioso e l'eccitazione mi tradì.. le sparai un sacco di sperma dentro mentre strillava. Continuando a spingere il cazzo in lei, mentre le mie spinte rallentavano, così anche Alessia appagata smetteva di urlare ed iniziava a rilassarsi, la schiena si adagiò nuovamente sul mio petto, aveva la pelle d'oca ed ogni tanto le sue gambe ed il suo busto si muovevano scattando come se fossero attraversati da leggere scosse elettriche... i brividi di piacere dell'orgasmo.
Alla fine, una lacrimosa Alessia si staccò da me e si buttò di peso al suo posto sul sedile accanto a me, sfinita. Anche io ansimavo, il mio cazzo ancora piuttosto sodo e lucido per gli umori della fica di Alessia Avevo perso la verginità anche io e avevo pure fatto godere una donna...
Gennarino spense il cellulare richiamato dall'amico al volante che evidentemente voleva il suo aiuto per trovare la strada, rimanemmo così in pace per una ventina di minuti buoni, ormai la cerimonia stava per iniziare, presto qualcuno si sarebbe accorto che non eravamo arrivati e ci avrebbe cercato. Quando l'autista fu sicuro di aver ritrovato la strada giusta, Gennarino riportò nuovamente l'attenzione su di noi.
"OK, Mammina. E' il tuo turno, su preparalo di nuovo." La mamma sgranò gli occhi, temeva quello che con tutta probabilità sarebbe accaduto non appena il mio cazzo fosse tornato in erezione... si mosse molto titubante, ma la minaccia della pistola non le lasciava scelta, cercò di guadagnare tempo in attesa di un evento fortunato che la traesse d'impaccio, così iniziò a masturbarmi con le mani. Accarezzò dolcemente il mio pisello, le sue mani tremavano. Quindi Gennarino impaziente le disse di farmi un pompino visto che ero una maestra, mentre ricominciava a riprenderci col cellulare. Mamma avvolse nuovamente le sue labbra al mio cazzo insalivandolo assaggiando così il mio sperma ed i succhi di sua figlia. Succhiò forte per 3-4 minuti buoni, pompando senza sosta il mio pisello, stanco ed appagato. Ogni volta che mamma rallentava con la mascella indolenzita, Gennarino la spronava a continuare senza sosta, dopo 10 minuti di pompino, il mio pisello diede nuovamente segni di ripresa, pian piano tornò semi rigido e mamma poté rallentare un po' il ritmo, alternando succhiate a pippe con le mani. Ero un po' stanco e nonostante gli sforzi di mamma non era duro nemmeno la metà di quando avevo scopato Alessia, così Gennarino suggerì a mamma di cambiare approccio:
"Ehi, mamma, fai miracoli con quella boccuccia, l'hai risvegliato! Non vorrai sprecare l'occasione di beccarti un pisello così grosso? Su mezzo moscio non lo apprezzeresti in pieno... dacci dentro! ” E rise di gusto dando una gomitata al compagno.
“Devi fargli fare una bella spagnola. Su avvolgi quelle grandi tette attorno al suo cazzo, scommetto che tra quelle bombe... si alza in un attimo" Sentivo già un certo formicolio alle palle ed il classico sussulto del cazzo che si ergeva all'idea, ma quando mamma è scesa sul pavimento accucciandosi e ha fatto penzolare le sue grosse tette sul mio cazzo, non vedevo l'ora che iniziasse. Ero pronto a fare l'ennesima esperienza in pratiche erotiche. La mamma premette le sue tette sul mio cazzo, schiacciandolo tra esse come un wurstel tra due fette di pane calde e lisce e lentamente iniziò a fare su e giù sollecitando il mio pisello già bello tosto. Non era come il pompino di prima ma avevo un debole per le tette, in particolar modo per quelle che avevo sempre bramato, quelle di mamma e la vista di quel ben di dio con mia madre che mi faceva una spagnola coi fiocchi, scuotendo le sue tette giganti intorno al mio cazzo fecero il resto, era estremamente eccitante, il cazzo mi tornò duro in un battibaleno.
"Visto mamma!? Gli piacciono un sacco i tuoi bei meloni” E imitò il movimento delle tette sballonzolanti di mamma. “E' pronto per te, ti vuole... montagli sopra!" Al contrario di Alessia che mi dava le spalle, seguendo gli ordini di Gennarino, mamma si mise a cavalcioni, girata verso di me, con le gambe in ginocchio ai miei lati. Anche lei dovette inclinarsi un po' dato che la testa urtava il soffitto dell'auto, ma questa volta invece della schiena di Alessia, mi ritrovai le tette di mamma sulla faccia. Le afferrai voglioso ed iniziai a leccarle e succhiare i capezzoli, ero impaziente, le diedi un morso più forte ad un capezzolo facendola gemere, dal dolore o dal piacere? Era stato strano il verso emesso da mamma, non sarei stato in grado di distinguerlo. Poi si chinò sulle mie spalle, guancia a guancia, le sue lunghe gambe si spalancarono attorno al mio corpo e lentamente guidò la sua figa sul mio cazzo. Sentii per un attimo la foresta di peli pubici di mamma scorrere sul mio cazzo solleticandolo, poi il calore delle grandi labbra iniziò ad avvolgere il mio glande, scivolandomi addosso sentii lo stesso calore e l'attrito lubrificato dagli umori che avevo sentito con Alessia. Mamma era solo un poco più aperta, non essendo vergine, ma sapeva come scopare e dopo averlo guidato dentro di lei completamente strinse i muscoli della fica attorno alla mia asta mentre rimbalzava su e giù, fingere di non provare niente non le sarebbe servito a nulla, sapeva bene che finché non avessi goduto non l'avrebbero fatta smettere, così ci si mise di impegno, tanto valeva fare una cosa per bene e veloce piuttosto, che prolungare l'agonia di dover scopare suo figlio.
I fianchi della mamma si muovevano in dentro ed in fuori imitando una cavalcata, mentre io le afferravo le chiappe strizzandole e appoggiandomi allo schienale del sedile godendomi la scopata. Le sue grandi tette dondolavano davanti la mia faccia, così di tanto in tanto le afferravo una tetta torcendole un capezzolo o succhiandolo con la bocca ed ogni volta mamma gemeva. Un paio di volte l'ho anche presa per le chiappe schiacciandola su di mentre spingevo il mio cazzo in su, assestandole un paio di colpetti, facendola gemere un po' ogni volta che affondavo completamente in lei, segno che dopotutto non ero solo passivo.
Buttai un occhio attraverso lo specchietto retrovisore per guardare il culo di mamma che salire e scendere, la pelle dei suoi glutei vibrava ad ogni affondo, i due sorridevano sadici mentre continuavano a riprendere la scena col cellulare, ben consapevole di quanto la mamma apparisse sexy e troia agli occhi dei 2 rapitori.
Mamma cominciava ad apparire stanca ed affaticata, la bocca spalancata, respirava affannata, era sudata ed i capelli le si erano appiccicati al volto, mentre il trucco le colava dagli occhi... pensava che vista l'esperienza sarebbe bastato qualche affondo per farmi venire, invece non davo cenno di voler cedere, dopotutto ero già venuto un paio di volte... e mi tornarono in mente le parole del tizio poco prima, gli avrei fatto vedere io quanto potevo durare, sarei venuto solo quando avessi voluto io! Ma la mia testardaggine non teneva conto degli sforzi di mamma per abbreviare quella che per lei non era una scopata di piacere essendo stata costretta da 2 uomini armati.
La mamma iniziò a rallentare per riprendere fiato e rimase sorpresa quando mentre lei rallentava io la sollevavo leggermente iniziando a muovermi su e già al posto suo seguendo il ritmo che teneva lei poco prima, spalancò gli occhi sorpresa e fece una smorfia di godimento ogni volta che assestavo un colpo più potente affondando completamente in lei fino a sentire il ciaf ciaf della fica che sbatteva sul mio pube, alternando 1 colpo più lento ma deciso e profondo a 2-3 colpetti leggeri e veloci.. si aggrappò a me poggiando la testa sulla mia spalla lasciandosi scopare.
"UNNNGGGG! HUNNNNNNGGGGGG!" grugnì quando le assestai un bella sculacciata al culo mentre affondavo il mio cazzo simile ad un pistone di un motore dentro di lei... il disgusto per l'incesto che stava commettendo stava lasciando sempre più spazio alla libido ed alla lussuriosa voglia di godere, che fossi io a scoparla era diventato quasi un dettaglio... ormai non era più importante farmi godere alla svelta per mettere fine a tutto ciò. Emetteva suoni che non avevo mai sentito farle prima. Alessia si era ripresa e guardava allibita sua madre gemere sotto i colpi furiosi del cazzo di suo fratello... a bocca aperta guardava il viso della madre poggiato alla spalla del figlio, deformato dal piacere con gli occhi socchiusi, poi anche lei fu costretta a partecipare a quell'amplesso. Gennarino le ordinò di stuzzicare le tette della madre e baciarla. Mamma sollevo appena la testa al tocco della mano di Alessia, mentre le sue labbra si poggiavano a quelle della figlia e le lingue saettavano fuori in cerca ognuna dell'altra intrecciandosi in un bacio lesbo. Mamma sembrò riprendere forze e mise tutta se stessa nel baciare Alessia, mentre suoni gutturali uscivano ormai continuamente dalla sua bocca incollata in un bacio saffico con la figlia...
"AHHHH!" un colpo potente del mio cazzo
“UH – UH – UH” 3 affondi più leggeri.
“UHH! AHHHHH!” e un nuovo affondo potente.
“UH – UH” 2 colpetti leggeri.
“URRRHHH! AAAHHHH!” un altro affondo più potente.
Mamma si sollevò leggermente per permettere ad Alessia di succhiarle i capezzoli, mentre riprendeva a muoversi su e giù su di me, voleva decidere lei il ritmo della scopata, ne approfittai per rifiatare, spostava i fianchi su e giù e da un lato all'altro roteando il bacino per godere a pieno del bastone di carne che la stava riempiendo, sentivo i muscoli pelvici strizzare il mio pisello per godersi ogni singolo cm accompagnandolo nella penetrazione per poi rilassarli quando si rialzava ed ero quasi fuori di lei. Se io avevo completamente perso la testa per lei, il suo corpo e la sua figa calda, anche lei non era da meno era completamente partita, mi stava scopando con tutta se stessa. I suoi capelli mi tremavano in faccia, le sue tette si agitavano selvaggiamente, Il suo viso era contorto e sudato, il trucco le scorreva dagli occhi sulle guance. "Ohhhhhh!"
I due davanti la incoraggiavano. Era una dea del sesso e stava scatenando la sua furia.
"UNNNNGGGG! GUCCCKKKKK!" gorgogliò spalancando la bocca e sbarrando gli occhi, mentre io gli infilavo un dito nel culo facendole raggiungere nuove vette di piacere, non se l'aspettava e gemette sorpresa. Girò i fianchi selvaggiamente mentre l'orgasmo montava come un fuoco ardente che bruciava in lei, ogni centimetro della sua pelle era in fiamme, stava per esplodere, sparando fuori di lei tutte le energie accumulate nella cavalcata su suo figlio. Mi aggrappai ai suoi fianchi per impedirle di sbattere la testa sul tettuccio.. smaniava, doveva venire, no.. voleva godere! Rallentò appena mentre i muscoli del suo corpo si tendevano allo spasmo... le gambe irrigidite, la bocca aperta come per urlare, però non metteva alcun suono, il corpo leggermente scostato dal mio e gli occhi chiusi a fessura concentrata come se stesse per scoppiare...sospesa nel tempo... approfittai di quell'attimo di pausa e di esitazione nei suoi movimenti, per riprendere l'iniziativa, poggiai una mano sulla sua anca mentre con l'altra le accarezzavo il culo per infilarle nuovamente un dito nel culetto iniziando un furioso dentro e fuori mentre spingevo con tutte le forze il bacino in alto per sfondarla... il cazzo sprofondò nella sua fica, potei sentire il glande sbattere contro la fine del tunnel della sua vagina, mamma spalancò gli occhi, sfilai il cazzo per assestarle un secondo potente colpo e senza darle tregua un terzo, mentre ricadevo sul sedile e stavo per darle un quarto potente affondo, ricadde di peso su di me impalandosi ancora più in profondità, sentii il cazzo farsi strada in lei arrivando fino all'utero.. emise un urlo di godimento che nemmeno nei migliori film porno avevo mai sentito.
“OH DIO SIIIIIIIIIIIIIIIIiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii godooooooooooooooooooooooooo” potevo sentire i muscoli della vagina contrarsi spasmodicamente, mentre iniziavo a spruzzare dentro di lei il mio seme, colpendo con schizzi potenti il suo utero e le pareti della vagina accentuando l'estasi del momento. Iniziò a saltellare sembrava posseduta mentre ogni singolo muscolo del suo corpo si contraeva per darle piacere...era bellissima, la sua fica iniziò a spruzzare, squirtando, mi bagnò completamente, mentre il mio cazzo floscio usciva da lei, continuava ad essere scossa da tremori e brividi, ogni tanto un muscolo di un braccio o di una gamba scattava in uno spasmo, mentre la schiena e la testa le ricadevano all'indietro, tanto che dovetti afferrarla al volo per evitare che cadesse tra i sedili anteriori, era completamente svuotata di ogni energia... appagata, la tirai a me abbracciandola, la sua testa poggiata alla mia spalla, le accarezzai il viso scostandole i capelli dalla bocca e dagli occhi, sollevò appena la testa guardandomi dritto negli occhi.. ero pazzo di lei e forse in quell'istante anche lei di me... le diedi un bacio sulle labbra e mentre l'aiutavo a sedersi al suo posto, accompagnandola delicatamente per sorreggerla, le sue labbra si sollevarono appena ai lati della bocca, un sorriso appena accennato, mi avvicinai al suo orecchio e le sussurrai:
“Grazie mamma”.


Contiua....

Questo racconto di è stato letto 9 9 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontigaywww racconti itsesso porno raccontiwww racconti pornoracconti gay padre figliosuocera nudistaracconto safficoracconti sesso al cinemacamionisti arrapatiracconti di donne vogliosestorie travestitiracconti erotici zoofiliraconti picantiprimo pompino raccontoracconti porno analracconti etoticistorie porno di tradimentiraccontiporacconti erotici di nonneracconti.pornoraccont69racconti porno nonnoschiava aziendaleracconti di sesso 69cognata raccontifoto racconti gayracconti erotici montagnaracconti proibiti realiracconti incesto suoceraracconti di donne inculateyouporn clisterierotici raccontstorie potnoracconti erotici esibizionistaracconti porno punizioniracconti hentairacconti erticierotciraccontiracconti di porcheragazza inculata dal canedonne che si fanno inculare da animaliraacconti eroticierositalia raccontiracconti sesso in famigliaracconti di trioracconti erotici erotici raccontiracconti erroticistorie di corna e tradimentiracconti porno sorellaracconti erotici fratello e sorellaraconti erosscopare con un cavallostorie eoticheracconti eoticiracconti erotici di tradimentisesso porno raccontiracconti erotici per donneracconti potnoerotici raccoracconti erotici69racconti 69 itsorelle porcellei generi racconti gayraccontieroticidiguzzon59raccomti gayscambisti raccontiracconti sborrateeroyici raccontiracconti erotici di anzianiracconti di incesti verilesbicareraccontitradimentiwww.eroticiraccontiracconti erotici suocereracconti rroticicinema porno raccontiracconti eroticeincesto con mia ziaracconti erotici dominazione femminilestorie porno piediracconti erroticistorie erotracconti di femminilizzazione forzataraconti picantierotici raccoho messo incinta mia suoceraracconti erotiicraconti eroticiho inculato mia suoceraracconti inceesperienze di sessoracconti di sesso realiracconti erotiiclibri erotici comiciracconti sesso estremocornuto in vacanza