Mara - Una Monella Intraprendente (4)

Scritto da , il 2019-10-28, genere incesti

Prendo questo racconto che non trovo su questo sito... E' un racconto molto bello.
Per qualsiasi ulteriore informazione, mi potete scrivere a

-------
-Ciao Mamma-
Appena entrata a casa Mara si era precipitata a salutare la madre, che
aspettava il suo ritorno assieme al padre, le stampт due baci sulle guance
per ringraziarla della vacanza che le aveva appena regalato;
-Allora Mara, ti dei divertita?-
-Non immagini quanto, и stato fantastico, dovevi vedere la faccia delle
persone quando papа diceva che ero la sua segretaria, credo non ci abbia
creduto nessuno-
-Immagino... и successo qualcosa durante il convegno?-
Mara capм il senso della domanda della madre, voleva sapere se il marito
aveva fatto il cascamorto con qualche altra donna, non sapeva che avevano
passato il tempo assieme, soprattutto la notte, era lei l'amante del suo
papа, lei e la sua amica Lucia;
-No mamma, papа non ha frequentato nessuno, ha passato il tempo con me
ogni sera, adesso devo telefonare a Lucia...-
Senza dire altro lasciт la madre e si diresse in camera sua per stare
tranquilla, la voce della madre la bloccт;
-Prima guarda in soggiorno...-
Mara gettт un occhiata distratta nel soggiorno, e vide la figura di Lucia
seduta sul divano;
-Lucia, come mai sei qui? Stavo per telefonarti. Vieni ho un sacco di cose
da raccontarti..-
Letteralmente la tirт nella sua stanza, avendo cura di chiudere la porta a
chiave, si girт verso l'amica, Lucia era davanti a lei, senza parlare posт
le sue labbra sulla bocca di Mara, in un attimo le loro lingue si
intrecciarono nelle loro bocche cercando ognuna quella dell'altra,
stettero un lungo istante a salutarsi, amiche complici amanti.
Quando si staccarono si sedettero sul letto di Mara, Lucia le teneva le
mani;
-Allora? Dai raccontami cosa и successo. Com'era stare tutta la notte con
Marco?-, la sua voce era un misto di impazienza ed eccitazione;
-Fantastico, non immagini cosa и successo...- Mara restт un attimo in
silenzio, le mani di Lucia strinsero le sue con forza, poi riprese;
-La prima sera non sono stata solo con papа, siamo stati in tre!-
-Cosa? Marco ti ha organizzato un incontro a tre, и un vero maiale, avrei
voluto esserci anch'io....-
-Frena, non и stato lui ad organizzare la cosa, и capitata. Ti ricordi che
ti ho parlato di Franco? Era venuto per salutarmi...-
Mara raccontт a Lucia quello che era successo durante la visita di Franco,
di come si fosse fatta trovare pronta per una serata di sesso, e di come
avesse coinvolto i due uomini, mentre raccontava Lucia la fissava stupita,
per poi passare all'eccitazione quando l'amica le descriveva quello che
aveva fatto con i due uomini;
-Allora che te ne pare?-
-Sei una vera porcellina, hai saputo sfruttare il loro imbarazzo a tuo
vantaggio-
-Si, Franco и venuto da noi la sera prima di partire, ho dovuto insistere,
credo che si sentissero in colpa tutti e due. Comunque non и tutto, ho
seguito papа per tutto il convegno, avevo messo quel tailleur che avevamo
comprato assieme, dovevi vedermi, con le calze e le scarpe alte, avevo
legato i capelli in una coda e messo un paio di occhiali, sai di quelli
con due pezzi di vetro, sembravo una timida segretaria, quando papа mi
presentava come la sua segretaria non ci credeva nessuno, poi ho capito
perchй, quasi tutti avevano una 'segretaria' che sembrava una modella
dietro, ma nessuna della mia etа, credo fossero molto invidiosi.
Durante una conferenza noiosissima, mi ero allontanata andando verso il
bar, mentre aspettavo che finissero sono stata avvicinata da uno di quelli
che era lа al congresso, avrа avuto circa cinquant'anni, si manteneva bene
per la sua etа, mi ha offerto da bere e abbiamo parlato per un po, era un
tipo molto sicuro di se, dopo qualche minuto mi ha invitata a chiesto se
volevo fare un giro nel parco dell'albergo, ero annoiata, e non vedevo
l'ora che papа finisse, ero eccitata all'idea di stare con lui, accettai e
uscimmo.
Fu molto cortese, camminammo per qualche minuto nel parco, il posto era
deserto, ci fermammo vicino ad un piccolo stagno nel parco, mentre eravamo
fermi lui poso il suo braccio attorno al mio collo, avrei dovuto dirgli di
toglierlo, invece non dissi niente, incoraggiato giato dal mio
atteggiamento venne davanti a me, io con tutti i tacchi gli arrivavo
appena al mento, lui si chinт infilandomi la sua lingua in bocca,
l'eccitazione che avevo pensando a Marco si fece piщ grande e lo lascia
fare, dopo qualche secondo iniziai a succhiare la sua lingua, mi piaceva
quella sicurezza che dimostrava.
Mentre continuavo a succhiare la sua lingua le sue mani avevano sollevato
la mia gonna, rimase piacevolmente sorpreso dal fatto che indossavo le
calze, e non i collant, sentii le sue dita scostare il perizoma che
indossavo e iniziare a carezzarmi il clitoride, mi aggrappai a lui
iniziando a sospirare, le sue dita iniziarono a muoversi piщ velocemente,
con il pollice toccava il mio clitoride, mentre con un latro dito si era
fatto strada dentro la mia fichetta.
Dio... quanto ci sapeva fare, sentivo la vagina in fiamme, lui si accorse
che mi ero eccitata di piщ, ed accentuт il movimento, essere a
disposizione di uno sconosciuto mi aveva fatto perdere la testa, me ne
venni sulle sue dita bagnandogli la mano, mi dovetti tenere a lui per non
cadere.
Mentre ancora riprendevo fiato mi mise davanti alla bocca le sue dita,
lucide dei miei umori, schiusi le labbra lasciando che le facesse
scivolare dentro e iniziai a succhiare ripulendole completamente.
Lui attese che riprendessi fiato, poi posт le mani sulle mie spalle, capii
al volo cosa voleva che facessi, mi inginocchiai davanti a lui,
slacciandogli piano i pantaloni, il bozzo che vedevo mi diceva quanto
fosse eccitato, tirai fuori il suo cazzo, che schizzт come una molla,
rimasi a guardarlo mentre puntava dritto verso la mia faccia, lo strinsi
nella mano sentendone la consistenza, iniziai a carezzarlo mentre lo
fissavo, ero quasi ipnotizzata, fu lui a rompere gli indugi, premette
sulla mia testa avvicinandola all'asta, meccanicamente aprii la bocca e
lasciai che entrasse dentro.
Fu come se mi avesse dato la sveglia, iniziai a muovere la lingua attorno
a quel cazzo duro, facendolo sussultare ad ogni passaggio, iniziai a farlo
scorrere sulle labbra, succhiandolo con forza ogni volta che la punta
raggiungeva le mie labbra.
Le mani dell'uomo davano il ritmo alla mia testa, ad ogni mio affondo
cercava di spingerlo sempre piщ in fondo alla mia gola, ad un certo punto
si tenne al parapetto del laghetto, capii che stava per venirsene, con la
mano strinsi nuovamente l'asta muovendola veloce, mentre stringevo la
punta tra le labbra, dopo qualche secondo sentii il suo getto caldo che
invadeva la mia bocca, nuovamente tenne ferma la mia testa costringendomi
a ingoiare tutto, ma l'avrei fatto comunque, ero troppo eccitata, aspettai
che finisse, e poi lo ripulii con la lingua, quando finii lo fissai
facendo la faccia innocente, e lui mi aiutт a rialzarmi...-
-Cavolo Mara, sei incredibile, mi stai facendo bagnare, ma dopo cosa и
successo?-
Mara la guardт con un sorriso malizioso, la sua mano sparм sotto la gonna
dell'amica e andт a cercare la sua fichetta, iniziando a carezzarla,
quando sentм Lucia iniziare a respirare affannosamente riprese il suo
racconto;
-...Presi lo specchietto per sistemarmi, ci crederesti? Avevo solo
rovinato il rossetto, non avevo fatto cadere neanche una goccia, l'uomo mi
riaccompagnт al bar, durante il tragitto mi chiesi quanto volessi per
stare con lui per tutto il convegno, e questo mi ha fatto capire che avevo
visto giusto, molte 'segretarie' erano lм solo come amanti.
Gli dissi che non avrei lasciato Marco, omettendo naturalmente che era mio
padre, lui mi ha lasciato il suo biglietto, casomai avessi cambiato idea.
Quando la conferenza finм, ero cosм eccitata che mi sono fatta scopare da
Marco nei bagni non potevo aspettare, и stato un orgasmo devastante, e
abbiamo corso il rischio che qualcuno ci beccasse, ma avevo troppa voglia.
Per il resto abbiamo fatto l'amore in tutte le posizioni, Marco era
particolarmente fissato con il mio culetto, ho perso il conto di quante
volte mi ha inculata...-
Mara interruppe la narrazione, perchй Lucia stava avendo un orgasmo sotto
il tocco delle sue dita.
-Sai Mara, mi dispiace che tua madre sia a casa, vorrei buttarmi addosso a
Marco e farmi sfondare con forza-
-Dovrai aspettare domani, questa sera mamma vorrа approfittarne, ma non
temere, domani te lo faccio arrivare bello riposato, vai a trovarlo
all'ora di pranzo, dovreste avere abbastanza calma-
-Sei un vero tesoro, prometto che non lo strapazzerт troppo-
E tutte e due scoppiarono a ridere;
-E tu invece cosa hai combinato, non dirmi che sei stata in castitа?-
-Quasi, sono uscita con Guido, pensavo che avremmo fatto follie, ma dopo
avergli fatto un pompino era giа spompato, и stata una vera delusione...-
-Mara ne avete ancora per molto? Tra un po si cena, chiedi a Lucia se
vuole fermarsi...-
La voce della madre le fece trasalire, il tempo era trascorso veloce;
-Che fai ti vuoi fermare?-
-No, vado a casa, con quello che mi hai raccontato mi sa che ho bisogno di
rilassarmi, domani ti chiamo per dirti come и andata. Un bacio-
Ma accompagnт l'amica, e si recт in soggiorno, notт che sua madre
indossava una maglietta diversa da quella che aveva quando erano arrivati,
e sua padre sul divano era molto piщ rilassato, mentre lei parlava con
Lucia anche loro dovevano averci dato dentro, andт ad accoccolarsi sul
divano stringendosi al suo papа, i due si scambiarono uno sguardo
complice, mentre la madre che l'aveva vista scuoteva la testa,
considerando il suo atteggiamento come una manifestazione di affetto,
magari un po infantile.
Marco, suo padre, posizionт il giornale che stava leggendo davanti a Mara
coprendola alla vista, lei fece scivolare la sua manina verso il bordo dei
pantaloni, insinuandosi dentro, muovendosi piano per non farsi beccare
dalla madre andт a stringere il cazzo dell'uomo, iniziando a carezzarlo;
-Sai papа, Lucia non vede l'ora di incontrarti, le sei mancato, e vedo che
sei mancato anche alla mamma..-
La sua voce era un sussurro, prima che suo padre potesse rispondere
vennero chiamati dalla madre, Mara tolse veloce la mano dai pantaloni, e
si diresse verso il tavolo, il padre seguм con lo sguardo il movimento del
suo culetto, prima di raggiungerla a tavola.
Durante la cena Mara stette tranquilla, voleva che il suo papа facesse
bella figura il giorno dopo, sua madre ne avrebbe approfittato ancora la
notte, finita la cena si recт in camera sua.
Mara si era giа messa a letto, indossava solo una leggera maglietta e gli
slip, un lieve bussare alla porta la sorprese;
-Avanti-
Era suo padre che veniva a trovarla;
-Che ce Mara, mi sembravi distratta a cena-
Si era seduto sul letto accanto a Mara, la sua mano si era posta sulla
gamba nuda di Mara, iniziando a carezzarla lievemente;
-Non ero distratta, volevo lasciarti riposare, penso che questa notte la
mamma vorrа approfittare del tuo cazzone, non ti nego che mi piacerebbe
fare una sveltina prima di dormire...-
Gli occhi dell'uomo si erano accesi, la mano era salita fino al bordo
delle mutandine insinuandosi dentro, le sue dita toccarono la fessura di
Mara, trovandola bagnata;
-Si forse hai ragione, abbiamo avuto questi giorni a disposizione, sai che
al convegno molti mi hanno chiesto dove ho trovato una ragazzina come te-
-tu cosa gli hai detto?-
-Che era un segreto, un mio conoscente mi ha chiesto di fare un uscita a
quattro con la ragazza che aveva portato, dal suo sguardo voleva
scoparti...-
Mara strinse le gambe eccitata al pensiero dello sconosciuto che voleva
scoparla, nella sua mente prese le sembianze dell'uomo a cui aveva fatto
un pompino, suo padre si accorse della sua eccitazione, Tolse la mano,
insinuando la testa tra le gambe di Mara, lei sussultт quando la lingua
del padre iniziт a leccare la sua fessura, rilassт le gambe lasciandosi
trascinare dalla sua eccitazione, la lingua iniziт a scorrere nella sua
fessura infilandosi dentro.
Il suo papino scendeva con la lingua fino a cercare il suo buchino, per
poi soffermarsi e farci saettare la lingua,, poi risaliva fino a trovare
il clitoride per stingerlo tra le labbra e succhiarlo con voluttа, ad ogni
tocco della lingua Mara sentiva una scossa elettrica scorrerle per la
schiena, il suo corpo iniziava a essere percorso dai brividi dell'orgasmo,
le sue mani si posarono sulla testa del padre tirandolo verso di se, quasi
a sentirlo di piщ.
La fica di Mara si bagnava sempre di piщ, e la lingua dell'uomo ne
raccoglieva i succhi, sentendo Mara prossima all'orgasmo, aumentт il ritmo
della sua leccata, Il calore che Mara sentiva dentro crebbe a dismisura,
sentiva l'orgasmo farsi strada per uscire prepotente, in uno sprazzo di
luciditа Mara morse il cuscino per non gridare, appena in tempo, il suo
corpo si inarcт percorso da una scossa di piacere, suo padre le tenne le
gambe ferme continuando a leccare le stille del suo piacere, mentre lei
sentiva il suo corpo dimenarsi.
Passato la tensione dell'orgasmo Mara guardт il padre con uno sguardo
languido, avrebbe voluto ricambiare, ma quella era la serata della mamma,
teneramente il padre le rimboccт il lenzuolo e le diede un bacino sulla
fronte;
-Buonanotte tesoro-
Il giorno dopo Mara si svegliт con calma, senza scuola e senza un
programma preciso si crogiolava nell'ozio, aspettava con impazienza che
Lucia si facesse sentire, oggi sarebbe andata a trovare suo padre, e
voleva che le raccontasse tutto.
Pensт al suo rapporto con Lucia, erano amiche da anni, e avevano avuto
molte esperienze in comune, ma niente a paragone degli ultimi mesi, al
massimo avevano fatto un pompino allo stesso ragazzo, ma in tempi diversi
e si erano scambiate le confidenze sul sesso, scoprire che era l'amante di
suo padre le aveva portate a livelli di intimitа che neanche avevano
sognato.
Nel pomeriggio la sua curiositа era salita alle stelle, aspettava con
ansia che Lucia la chiamasse per dirle come era andata la mattinata, il
campanello della porta suonт, andт ad aprire, e si trovт davanti una Lucia
raggiante, Era vestita con una piccola gonna verde che lasciava scoperte
le sue gambe , e un top bianco di cotone che lasciava intravedere i
capezzoli sotto il tessuto, i capelli neri tirati in una coda mostravano
il volto che giа cominciava ad abbronzarsi, nel complesso era veramente
eccitante, Mara la fece entrare quasi tirandola;
-Allora? Come и andata?-
-E... calma, Marco non mi lascia mai insoddisfatta, abbiamo scopato per
quasi un ora, aveva una resistenza incredibile...-
-Lo credo, con quello che ha fatto con mia madre stanotte...-
-...prima gli ho fatto uno strip, abbiamo chiuso l'ufficio, anche se era
ora di pranzo, poi l'ho spogliato piano, e poi ... e stato incredibile...-
Erano arrivate alla camera di Mara, Lucia si sedette sul letto;
-Ero passata per chiederti una cosa, ieri и passato a trovarci mio zio, e
tra una cosa e l altra la sua casa vicino il mare и vuota per questo fine
settimana, perchй lui deve partire, gli ho chiesto se potevo andarci, e
lui ha accettato, Quindi, volevo chiederti se vuoi venire con me questo
fine settimana, ci facciamo due giorni da sole. Che te ne pare?-
Mara pensт un attimo alla proposta di Lucia, sarebbe stato un regalo
carino ai suoi genitori lasciarli liberi per il fine settimana;
-Per me va bene, questa sera lo chiedo ai miei, ma non dovrebbero esserci
problemi, anzi, sai che facciamo? Tu stai qui, cosм lo chiediamo insieme a
mia madre-
-Va bene, non ti dispiace se mi riposo un attimo, sono distrutta...-
Passarono pochi minuti e Lucia si era addormentata, Mara le tenne
compagnia.
Furono svegliate dal rumore fatto dalla madre di Mara al suo ritorno, le
diedero il tempo di cambiarsi che subito furono da lei;
-Mamma, Lucia mi ha invitata per il fine settimana, avevo pensato di
accettare, per te va bene?-
La madre stette per un attimo pensierosa, gli stessi pensieri che Mara
aveva avuto poco prima, le attraversarono la mente, un fine settimana da
sola col marito, la risposta fu ovvia;
-Ma certo, ne parlo io a tuo padre, ma non avrа problemi, ormai sei giа
grande, e dovremo abituarci al fatto che farai le tue vacanze da sola
sempre piщ spesso-
Come supposto anche suo padre non fece obiezioni, e il venerdм era pronta
per partire, non aveva fatto un grande bagaglio, alcuni costumi da bagno,
qualche cambio, ed era giа pronta a partire, si era vista allo specchio,
un po di abbronzatura le avrebbe fatto bene, sarebbero state accompagnate
dallo zio di Lucia, Mara non lo conosceva, e adesso era pronta ad andare.
I genitori le diedero le ultime raccomandazioni, e sia il padre che la
madre le diedero soldi 'per le emergenze', Lucia al citofono troncт i
saluti, e finalmente potй partire.
Lo zio di Lucia era un uomo simpatico, somigliava al padre di Lucia, che
lei aveva conosciuto, il viaggio non fu male, quando le lasciт al suo
appartamento, le ragazze aspettarono che ripartisse prima di considerare
la loro vacanza iniziata.
-и simpatico tuo zio, и sposato?-
-Separato. Ma non non conosco i dettagli, dai andiamo a cambiarci и ancora
presto cosм andiamo in spiaggia-
Mara seguм l'amica dentro l'appartamento, la casa non era grande, appena
tre stanze, tipico appartamento da scapolo, si diressero verso la camera
dove avrebbero dormito, lo zio aveva approntato due letti giа preparati,
le ragazza buttarono i bagagli sul letto e si affrettarono a togliersi i
vestiti, l'imbarazzo tra di loro era scomparso dopo quello che avevano
diviso, Mara guardт il corpo di Lucia con invidia, la sua carnagione piщ
scura sembrava giа abbronzata, mentre lei avrebbe avuto bisogno di piщ
tempo, frugarono nelle borse tirando fuori i costumi.
Mara prese un bichini rosa, Lucia ne indossт uno nero, stettero a
guardarsi allo specchio, il seno di Lucia sembrava sul punto di uscire
fuori, e lei lo fissт soddisfatta, il fisico di mara era meno prosperoso,
ma ugualmente desiderabile, indossarono una maglietta e un paio di short,
e si recarono in spiaggia.
Quando arrivarono c'erano molte persone, ma non era ancora folla, erano
soprattutto studenti che avevano giа finito la scuola, pochissimi gli
adulti, sistemarono i loro teli e si misero al sole.
Mentre si abbronzavano, guardavano in giro, se ci fosse qualcuno di
interessante da conoscere, ma non vedevano nessuno.
Fu dopo un oretta circa che Mara diede di gomito all'amica;
-Lucia, guarda il bagnino che ha dato il cambio all'altro...-
Lei si girт piano e fisso l'uomo che le era stato indicato, gli dedicт una
lunga occhiata;
-L'ho visto, e allora?-
-Guarda meglio, non ti sembra qualcuno che conosciamo?-
Stavolta Lucia guardт con attenzione, anche se erano lontane le parve che
l'uomo avesse una ria familiare, ma non riusciva ad inquadrarlo;
-Adesso che me l'ahi detto, sembra anche a me una faccia conosciuta, ma
non ricordo chi и-
-Ti ricordi il supplente che abbiamo avuto l'anno scorso?. Quello che и
rimasto due settimane...-
-Quello bono? Certo che lo ricordo adesso Lucia aveva aguzzato la vista,
-hai ragione, и lui, ma che ci fa qua?-
-Che dici? Andiamo a salutarlo?-
-Dai...-
Le due ragazze si alzarono dirigendosi verso il bagnino, L'umo non sembrт
notarle finchй non furono davanti a lui;
-Buongiorno Professore...-
L'uomo sussultт, fissandole come per capire chi fossero, ma non riusciva a
inquadrarle;
-Siamo state sue allieve l'anno scorso, lei aveva fatto una supplenza al
liceo...-
Alle parole di Mara lo sguardo dell'uomo sembrт illuminarsi, adesso
ricordava chi fossero le ragazze davanti a lui;
-Salve ragazze, se non sbaglio questo per voi era l'ultimo anno, spero sia
andato tutto bene...-
-Grazie, professore, tutto bene, ma come mai lei lavora qui?-
-Perchй non sono di ruolo, e approfitto dell'estate per fare questo
lavoro. Ma non chiamatemi professore, qui non sono un insegnante,
chiamatemi Carlo. Voi due invece siete in vacanza, godetevela...-
Mentre parlava lo sguardo dell'uomo finiva sempre per posarsi sul seno di
Lucia che sembrava voler scappare dal triangolo di stoffa che lo
conteneva, la cosa non sfuggм alle due ragazze;
-Bene Carlo, spero che ci rivedremo in questi giorni...-
L'uomo avrebbe voluto rispondere , ma una voce lo chiamт, e dovette
lasciare le ragazze con un saluto frettoloso.
-Ricordi cosa dicevamo l'anno scorso quando venne in classe?-
-Che sembrava un fotomodello, peccato che non si accorgesse di noi...-
-Giа, peccato...-
Mara e Lucia rimasero in spiaggia ancora a lungo, adesso il loro sguardo,
nascosto dalle lenti scure che indossavano, andava spesso in direzione del
loro ex supplente, il fisico giа abbronzato e asciutto risaltava sulla
spiaggia, piщ di una volta alle 5ragazze sembrт di cogliere l'uomo a
guardare verso di loro, ma non riuscivano a dire se fosse una loro
impressione o l'uomo si soffermasse a guardarle.
Ormai era pomeriggio inoltrato, il gioco di sguardi con l'uomo era
continuato tutto il pomeriggio senza concludere niente, Mara lo
considerava un diversivo nella quiete del pomeriggio, Lucia invece
sembrava essersi fissata con l'uomo, Mara conveniva che sapeva essere
cocciuta.
mentre si girava vide Lucia armeggiare con la chiusura del proprio
reggiseno, in un attimo il seno dell'amica apparve in tutto il suo
splendore, la carnagione scura non evidenziava la differenza con la pelle
che aveva preso il sole, dovette constatare che aveva proprio un bel seno.
Lucia si alzт con noncuranza dirigendosi verso l'acqua, il seno nudo
ondeggiava piano, gli sguardi degli uomini si posarono su di lei, lei
passт accanto al suo ex professore, con studiata noncuranza, e poi entrт
in acqua, Mara la seguм, iniziarono a giocare con l'acqua spruzzandosela
addosso, i bagnanti avevano l'impressione di assistere al promo di un film
porno, dopo qualche minuto ritornarono sulla spiaggia, l'acqua che
scivolava via formava piccole striature sulla loro pelle, Lucia chiese a
Mara di spalmarle l'olio, e lei iniziт un lento massaggio, avendo cura di
passare sui seni nudi dell'amica, con la coda dell'occhio fissavano il
loro ex professore, adesso non avevano dubbi, il suo sguardo era fisso su
loro due, e non solo il suo, Mara si chinт sull'amica sussurrandole
all'orecchio;
-Sai che mi sto bagnando?-
-Anch'io, avere tutti questi occhi addosso mi fa sentire una vera
puttanella...-
Continuarono quella scena per qualche minuto, poi si sdraiarono al sole ad
asciugare, nel giro di mezz'ora buna parte dei maschi della spiaggia era
venuto per attaccare bottone, ma le due amiche avevano giа scelto la loro
preda e li scaricarono tutti senza pensarci.
Il tempo passт veloce, la spiaggia stava iniziando a svuotarsi, anche
Carlo aveva alzato la bandierina rossa che segnalava che il servizio di
salvataggio era terminato, e si apprestava a riporre l'attrezzatura in un
piccolo capanno ai limiti della spiaggia.
Aveva appena finito di posare il materiale, quando lo specchio della porta
venne occupato da qualcuno;
-Il servizio и terminato...- aveva parlato prima di girarsi, quando vide
chi c'era sulla porta restт senza parole, Lucia e Mara occupavano la
stretta apertura, il seno di Lucia sembrava puntare verso di lui, Mara
accanto a lei esibiva la sua aria da santarellina;
-Oh siete voi, vi serve qualcosa?-
Le ragazze non parlarono, ma entrarono guadandosi attorno, il capanno era
veramente piccolo, quasi tutto era occupato dal battellino di salvataggio;
-Volevamo vedere com'era qua dentro...-
la frase di Lucia suonт finta perfino alle sue orecchie, l'uomo rimase in
silenzio, gli sguardi delle ragazze si erano posati in mezzo alle sue
gambe, il costume sembrava faticare a contenere l'erezione dell'uomo.
Mara e Lucia sentivano l'eccitazione che le aveva accompagnate per tutto
il pomeriggio farsi piщ intensa, le parole non servivano, sarebbero state
superflue, l'uomo lo capм, si avvicinт a Lucia, le sue mani i posarono sui
seni che lo avevano ossessionato per tutto il pomeriggio, i capezzoli
erano giа duri, al tocco Lucia lasciт sfuggire un respiro, che suonт quasi
come un 'Finalmente'.
La bocca dell'uomo cercт avida quella della ragazza, infilando la sua
lingua dentro la bocca di Lucia, dimenticandosi di Mara che stava li
accanto.
Lucia accolse la lingua nella sua bocca abbandonandosi a quel bacio,
dietro di lei Mara aveva chiuso la porta del capanno, e adesso le stava
sfilando gli slip del costume, si trovт nuda abbracciata all'uomo, la sua
mano scese dentro il costume andando a carezzare il suo cazzo giа duro.
Carlo aveva lasciato la bocca di Lucia scendendo con le labbra fino ai
capezzoli del suo seno, e adesso li succhiava vorace, avvolgendoli con la
lingua.
Mara si muoveva attorno ai due, quasi ancella del loro amplesso, tolse gli
slip a Carlo, che adesso sembrava accorgersi della sua presenza, mentre
continuava a succhiare i capezzoli di Lucia, Mara inginocchiata accanto a
lui aveva iniziato a dare piccoli colpi di lingua al suo cazzo duro,
ancora stretto nella mano di Lucia.
Mara iniziт a far scorrere la sua lingua sulla superficie del cazzo duro,
sentiva il salato del mare, riuscм ad insinuarsi in mezzo alle sue gambe,
iniziando a leccare le palle , per poi risalire fino alla punta. Dopo
qualche minuto fece sparire l'asta nella sua bocca, le sue labbra si
serravano sulla sua superficie, mentre lo faceva scorrere nella sua bocca
lo sentiva pulsare, non si accorse che Lucia si era calata accanto a lei.
La lingua dell'amica iniziт a leccare l'asta che usciva dalla sua bocca,
ben presto si ritrovarono con le lingue che si sfioravano mentre il cazzo
passava dalla bocca di una alla bocca dell'altra.
Mara lasciт Lucia a succhiare il cazzo, e scese in mezzo alle sue gambe
voleva cercare la fessura dell'amica, iniziт a leccarla, il salato del
mare si mischiava ai liquidi che colavano dalla fica di Lucia, Iniziт a
far scorrere la lingua sulla fessura dell'amica, ad ogni passaggio
affondava la sua lingua sempre piщ nella fica di Lucia, sentiva la sua
eccitazione salire sempre piщ, mentre l'amica continuava a muovere la
testa sul cazzo che le occupava la bocca,.
Mara si ritrovт sdraiata di schiena, Lucia era sopra di lei in un
sessantanove, Sentiva la lingua di Lucia che titillava il suo clitoride,
mentre lei era impegnata ad affondare la lingua dentro l'amica, Carlo si
era posizionato dietro Lucia, Mara vedeva il suo cazzo davanti ai suoi
occhi che puntava verso la fessura di Lucia, si fermт guardando
affascinata il cazzo che affondava piano dentro l'amica, sentiva il corpo
di Lucia fremere mentre l'uomo affondava piano dentro di lei.
Mara iniziт a leccare le palle di Carlo che adesso erano a pochi cm dalla
sua faccia, la sua lingua passava dalla fica di Lucia al cazzo lucido di
Carlo, mentre Lucia affondava la faccia tra le sue gambe, il movimento
dell'uomo si fece piщ veloce, mentre affondava con forza dentro la ragazza.
I tre avevano perso il senso del tempo, Mara leccava l'amica e l'uomo che
la scopava, mentre Lucia succhiava il suo clitoride, rapido e improvviso
l'orgasmo colse Lucia, che si abbandonт sopra il corpo dell'amica, mentre
il suo corpo venia percorso dal piacere, l'uomo accortosi dell'orgasmo
affondo con piщ forza dentro di lei per prolungare il suo piacere.
Sfinita dall'orgasmo, Lucia scivolo di lato ansimando con forza, Carlo
rimase per un attimo immobile, piccole gocce di sudore imperlavano il suo
corpo, il cazzo ritto e lucido dagli umori di Lucia che lo bagnavano, Mara
lo fissт per un attimo, lo voleva;
-Vieni...-
Non si fece ripetere l'invito, Mara allargт le gambe per accoglierlo,
Carlo appoggiт il cazzo sulla sua fichetta e spinse, scivolando subito
dentro, l'eccitazione dei Mara aveva lubrificato la vagina facilitando la
penetrazione, Mara strinse le gambe attorno al torace dell'uomo che iniziт
a muoversi con forza dentro di lei, ad ogni affondo sentiva il cazzo
arrivarle fino in fondo alla vagina, la sua eccitazione la faceva
bruciare, sentiva un grande calore invaderla.
Lucia si era avvicinata, la sua mano stringeva quella di Mara, le loro
bocche si incollarono mentre le lingue si intrecciavano, L'uomo guardava
lo spettacolo offerto dalle due ragazze, sentiva il calore della ficca di
Mara che si trasmetteva al suo cazzo, la mano di Lucia scese fino a
cercare il clitoride di Mara iniziando a carezzarlo, le sue dita
sfioravano il cazzo che penetrava l'amica.
Carlo sentм che stava per venirsene, in un momento di luciditа si
trattenne dal venirle dentro, lo tirт fuori venendosene addosso alle due
ragazze, gli schizzi caddero addosso al copro di Mara e sul viso di Lucia,
il tocco delle dita di Lucia unite alla sensazione di caldo che le diede
lo sperma del suo occasionale amante, fecero avere un orgasmo a Mara, che
succhiт con forza la lingua che l'amica le teneva ancora nella bocca.
Appena finito, si staccarono avvicinandosi verso Carlo, il suo cazzo non
aveva ancora perso consistenza, le lingue voraci delle due ragazze
iniziarono a leccarlo ripulendolo, quando finirono le ragazze si
scambiarono un profondo bacio tra di loro.
-Grazie Professore, sei stato grande.
Mentre l'uomo si sedeva riprendendo fiato Mara e Lucia si rivestivano e
uscivano, prima di sparire l'uomo le chiamт;
-Ci rivedremo?-
-Puт darsi, l'estate и ancora lunga-
Ritornarono a casa per prepararsi per la serata.

Questo racconto di è stato letto 3 4 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racoonti eroticiracconti roticiracconti di massaggiiomiluracconti erotici di donneracconti sesso donnestorie di escortraconti erosracconti di sculacciate erotichelecca suoleenema raccontipiedi racconti eroticiracconti porno violenzaracconti hard di mammeraccpnti pornoracconti nutillaracconti incetoracconti erotici zoofilisculacciate sessualitacconti gayracconti xxracconti erotici amicastorie eroticracconti bsxi raccontidi miluracconti eroracconti di sesso a trewww.racconti pornoracconti sissycornuti raccontiracconti masturbazioneracconti incestraccontti eroticiracconti porno analracconti:eroticistorie porno gratisragazze fanno sesso con animaliprime inculateracconti di mamme troiestorie pornracconti porno nuovieroyici raccontigiocare con la sexy sorellastraracconti mogli inculateracconti ereoticiracconti erotici annunci69erorici raccontimoglie esibizionista raccontistorie erotichracconti di erosincesti veri raccontiracconti particolarigeneri dei racconti eroticistorie di calpestamentoracc di miluracconti erotivraconti lesboracconti erotici safficiincesti con nonneracconti erotici in italianoracconti doppia penetrazioneraccontu pornorqcconti eroticierticiracconticulosfondatoannunci 69 storiezoofilia estremaracconti erotici gay e bisexracconti erroticiincesto raccontoracconti erotici suoceraprime inculatemi presti tua moglieracconti amore gayracconti lesbicheracconti porno italianiracconti erotici allattamentolibri erotici comicifotoracconti pornostorie bdsmorgia incesto