Lui, Lei e la telecamera

Scritto da , il 2019-10-27, genere tradimenti

Stavo osservando la scena, pietrificato, incredulo. Non avrei mai pensato arrivassero a tanto. Da quanto andava avanti? Da quanto tempo mi stavano facendo fesso in quel modo?
Osservavo la sua mano sfilarle la ballerina, solleticarle i piedi, risalire dolcemente la gamba, tutto questo mentre le loro lingue prendevano via via confidenza, intrecciandosi in una lenta danza…


Ok, immagino possiate essere un tantino spaesati.
Vi sarete chiesti di chi stiamo parlando, del perché stavo assistendo da spettatore ad un momento intimo tra due persone.
Inopportuno, dite? Potrebbe darsi… ma lasciatemi tornare indietro di alcune ore.
Vi racconterò com’è andata, così sarete liberi di dire la vostra.

Mi ero appena trasferito nella nuova casa, un attico in una delle più rinomate zone residenziali del luogo.
La cucina ed il soggiorno erano state progettate ed arredate in un open space, che costituivano la parte principale dell’abitazione. Un breve corridoio, la collegava alla zona notte, con bagni adiacenti.
Per festeggiare, avevo organizzato una serata cinema, durante la quale, avrei inaugurato il mio nuovissimo televisore 55 pollici 4k Oled: risoluzione da paura!

Oltre a Jessica, la mia ragazza da quasi 5 anni, invitai Federico, il mio migliore amico dai tempi del liceo, quindi da una quindicina d'anni almeno. Vennero anche il suo collega Giorgio con la ragazza, Chiara, e la sorella di lui, Anna, la quale, sembrava si stesse frequentando con Federico.
Ogni tanto lo vedevo sorridere mentre si scambiava messaggi e altro ancora con qualche tipa, anche se non me ne voleva parlare, diceva che voleva “conoscerla” meglio. Io rispettavo la questa cosa. Me ne avrebbe parlato lui, eventualmente, al momento giusto.
Giorgio e Chiara, li conoscevo da poco tempo, ma sufficiente per poterli definire miei amici. Mi piacevano entrambi, e devo dire che insieme, formavano una coppia molto affiatata.

I miei ospiti arrivarono a casa mia un venerdì sera alle 20.00.
Tra una chiacchiera e l’altra, consumammo l’aperitivo, con annessi stuzzichini, mentre scorreva in sottofondo una compilation jazz di artisti vari, da Miles Davies ad altri autori di epoca più recente.
Una cosa è certa: non niente di meglio di un buon motivo jazz, per fare da atmosfera tra un drink e l’altro.
Esattamente un’ora più tardi, lo squillo del citofono mi avvertì dell’arrivo delle pizze.
Pagai il ragazzo delle consegne a domicilio, lasciandogli il resto come mancia, in fondo se l’era meritata, era arrivato in perfetto orario. Mi ringraziò con un cenno e ripartì, alla volta della prossima tappa.

Ci sistemammo sul divano, un fantastico sofà ad isola color grigio antracite. Davanti ad esso, avevo sistemato dei tavolini di un certo design, del quale non mi ricordavo il nome. Ai lati, vi erano due lampade da terra con led a luce calda; la forma, ricordava quella a spirale del DNA.
Jessica, la mia ragazza, mi aveva aiutato moltissimo nella scelta degli interni. Di certo aveva un gran gusto, e questo fu confermato dei continui complimenti dei miei ospiti.

Mangiammo con la tv accesa, accompagnati da esilaranti sitcom in sottofondo. Fu divertente.
Al termine della cena, ci fu un breve dibattito per la scelta del film. Concordammo per un colossal firmato Quentin Tarantino, The Hateful Eight.
Spensi le luci, creando atmosfera cinematografica.
Avevo preso posto centralmente, come sempre quando sono in casa da solo, faceva molto “posto del proprietario”, o qualcosa del genere.
Jessica, si posizionò sulla penisola che adorava; di fianco a lei, Federico, Anna, che sedeva accanto a me, Giorgio e Chiara all’estremo opposto.
Ero completamente assorto in uno dei miei film preferiti in assoluto, anche Giorgio dimostrava di apprezzarlo molto. Due episodi, però, distolsero la mia concentrazione: da una parte, non sembrava esserci alcuna confidenza tra Anna e Federico, seduti accanto, nonostante il buio ed il contesto potessero facilitarne la situazione; dall’altra, notai che invece lui era spesso voltato in direzione di Jessica, e lei a sua volta. Colsi qualcosa di insolito da alcuni sorrisi che li vidi scambiarsi. Forse ero solo paranoico, in fondo, erano grandi amici, come lo eravamo io e Fede da anni. Probabilmente mi stavo solo preoccupando per nulla, eppure avvertivo una strana sensazione a riguardo.
Non ci pensai più, ed il film giunse poi al termine, dopo quasi tre ore.

Proposi un altro giro di drink, per proseguire la serata.
“Noi passiamo per stasera” disse Chiara, parlando anche a nome del suo ragazzo, che fece un cenno con la testa.
“Sì, scusami Dom” proseguì Giorgio “ma domattina avremmo un po’ da fare a casa” concluse con ben poco entusiasmo (a proposito, io mi chiamo Domenico, ma adoro farmi chiamare Dom, come il celebre Toretto della saga Fast & Furious, alias Vin Diesel).
“Io rimango per un altro giro!” intervenne Anna.
“Ottima scelta!” ribattei io.
Mi congedai da Giorgio e Chiara, andai in cucina e versai altri quattro calici di prosecco.
Proseguimmo a ridere e scherzare fino all’una.
Anna fu di parola: terminò l’ultimo giro e ci avvisò che anche per lei era giunto il momento di rientrare.
“Grazie di tutto, Dom!” mi disse.
La salutai con un veloce abbraccio e tornai verso mio open space.
Giunto lì, trovai Jessica e Federico che stavano parlando con voce relativamente bassa, seduti a fianco sul divano. Nel vederli, mi riprese quella strana sensazione. Credo sia quello che si dice “un brutto presentimento”. Mille pensieri negativi iniziarono a bombardare la mia testa, aiutati forse dagli alcolici che avevo in corpo. Trovai il modo di sopprimerli, perlomeno temporaneamente.

“Raga, bevete qualcos’altro?” chiesi loro
“Ultima birra?” propose Federico
“Ci sto” affermò Jessica
“Pure io, sì!” e andai verso il frigorifero.
Ne presi tre, riuscendo ad aprirne due in modo ottimale. La terza, non so perché, probabilmente l’avevo un pochino agitata, eruttò come un vulcano sulla mia camicia, seguita da alcune imprecazioni verso ignoti.
“Sto cazzo di bottiglia!” sbottai irritato.
“Dom, che è successo?” chiesero sentendomi inveire verso il povero recipiente in vetro.
“E’ esplosa la bottiglia! Sulla mia camicia nuova, porca troia!” fu la mia spiegazione “vado a darmi una sistemata, magari farò una doccia” dissi loro mentre già mi dirigevo verso il bagno.

Mentre aspettavo che l’acqua diventasse calda, mi recai nello stanzino adiacente la mia camera.
In quel momento, ringraziai colui che mi istallò l’impianto d’allarme. Infatti, mi consigliò di aggiungere al pacchetto anche un piccolo kit di videosorveglianza, costituito da tre piccole telecamere.
Ne feci istallare la prima nella zona notte, la seconda davanti all’uscio e la terza… indovinato? Bravi!
La terza, quella principale, riprendeva completamente l’open space, la cucina e la zona centrale dove avevo istallato il divano. Si trovava, infatti, in posizione decentrata rispetto la televisione, inserita in un soprammobile, posto sulla mensola di una credenza adiacente al mio 55 pollici.

E qui, torniamo all’inizio del racconto…
Stavo lì, davanti al monitor, basito! Non volevo credere a quello che stavo osservando!
Li vedevo pomiciare. Riuscivo ad avvertire, in qualche modo, una certa passione scorrere tra loro.
Guardavo Jessica, la mia Jessica! Colei che aveva detto di amarmi! La stessa persona che ora si scambiava tenere effusioni con quel gran bastardo di Federico, amico mio da sempre!
Mi era capitato di imbattermi più e più volte in scene come questa, nei film. Lui che trova loro, loro che probabilmente sono sua moglie ed il suo migliore amico. O il fratello. Apprezzavo la reazione dell’attore di turno che impersonava il povero stronzo tradito, dalla disperazione iniziale, al senso di vuoto e sfiducia che ne seguivano. Ora potevo capirlo.

Rimuginando su tutto questo, tenevo gli occhi incollati allo schermo. Vinsi la ripugnanza ed accesi il microfono per l’ascolto ambientale. La qualità dell’audio era molto buona.
Li sentivo ansimare di piacere.
Osservavo lui mentre allungava le mani su di lei, dappertutto, sembravano i tentacoli di una piovra furiosa.
Ora erano sulle ginocchia, ora sulle cosce, quindi si infilarono sotto la t-shirt, incontrando però la sua opposizione:
“Sei impazzito?! Se arrivasse improvvisamente?” esclamò sussurrando Jessica.
“Non preoccuparti, lo sentiremo” ribatte lui “ascolta bene, lo senti? È il getto dell’acqua. Sarà ancora sotto la doccia. Non appena la richiuderà, avremo tutto il tempo” concluse infine Federico. E riprese a baciarle il collo. Come un vampiro, sembrava le stesse succhiando il sangue dalla vena succlavia.
Lei aveva capovolto la testa all’indietro, tenendo gli occhi chiusi. Tranquillizzata dal fattore doccia, si era lasciata quasi completamente andare, gemendo di piacere a bassa voce. Era a piedi nudi. Lui le aveva tolto anche l’altra scarpa. Aveva le gambe adagiate sulle ginocchia del bastardo. Con la mano sinistra, gli accarezzava i capelli, mentre la destra era intrecciata con la sinistra di lui. Federico, con la sua destra, stava esplorando il fianco di Jessica e, muovendosi lungo il basso ventre, giunse alle sue parti intime.
Le sbottonò gli shorts ed infilò la mano nelle mutandine di lei, provocandole ulteriori mugolii di piacere.

Inorridito, distolsi lo sguardo dallo schermo. Credevo mi venisse da vomitare.
Rimasi qualche secondo appoggiato alla scrivania, quindi tornai spettatore di quello che accadeva sul mio divano. Il godimento di Jessica era tale, che ipotizzai lui la stesse scopando con le dita, magari alternando delle piccanti stimolazione al clitoride (non vedevo la mano, era completamente dentro i pantaloncini, aveva preferito non sfilarli per ovvi motivi…).
Vidi, infine, Jessica godere in maniera ben decisa, probabilmente era arrivata all’orgasmo, anche se dovette limitare le urla di gioia. Povera piccola puttanella!
Ripresero a baciarsi dolcemente. Sarebbero stati molto carini, se non fosse che erano due sporchi traditori bastardi!
Mentre le loro lingue ripresero ad intrecciarsi, vidi Jessica allungare la mano sinistra verso il suo pacco. Iniziò ad accarezzarglielo, immaginai che stesse lievitando per bene. Jess ci sapeva fare, purtroppo.
Rimosse lentamente i bottoni dei jeans e glielo prese in mano, muovendolo su e giù ritmicamente.
Il viso di Federico parlava chiaro: la mia ormai ex ragazza, gli stava facendo un lavoro con i fiocchi.
Lui le accarezzava le gambe, ancora poggiate sulle proprie, scendendo delicatamente verso le estremità.
Le sue dita, stavano ora accarezzando il dorso dei piedi di lei, quando lui, in preda all’eccitazione, le chiese:
“Posso…? Ti prego…!”
“Sì… fammelo pure…!” rispose Jessica
Non feci a tempo a chiedermi cosa, che lui iniziò a farle il solletico sotto i piedi, alternando prima uno poi l’altro. Era in estasi.
Jess rideva, agitava i piedi, ma continuava comunque a masturbarlo. Non ne ero sicuro, ma mi sembrava di percepire un certo gradimento anche in lei. Non sembrava una comune risata di chi stesse subendo una tortura, sempre che vi fosse una sorta di classificazione.
Il solletico proseguì per due minuti circa, quindi lui venne, me lo dicevano gli spasmi ed i versi che emetteva, nonostante cercasse di silenziarli il più possibile.
Su quell’immagine, non riuscii più a trattenermi. Vomitai nel cestino che tenevo sotto la scrivania.

Mi ricomposi, spensi il microfono e mi fiondai in doccia. Non saprei descrivere il sentimento che provavo in quel momento: rabbia, delusione, inganno, abbandono.
Girai il rubinetto verso l’acqua ghiacciata, mi serviva uno stimolo forte. Dentro di me, urlai! Mi sentii esplodere! Piansi, sfogando tutta la mia amarezza.

Non ricordo per quanto tempo rimasi nella stessa posizione a fissare il vuoto, attraverso la porta della doccia. Di certo, l’acqua fredda era servita. Mi tornò la lucidità. Divenni nuovamente razionale.
Avevo infatti una certezza: volevo vendetta, dovevo solo capire come servirgliela su un piatto.

Terminai di lavarmi, mi rivestii e tornai di là, cercando di comportarmi come se nulla fosse. Meno dubitavano di essere stati scoperti, più bella sarebbe stata la mia sorpresa.

Jessica mi venne incontro, quasi preoccupata (…)
“Dom, amore, stai bene? Mi stavo preoccupando, eri in bagno da molto” mi disse, trapelando un sorta di sincero interesse. Grandissima zoccola!
“Sì, Sì, certo amore” risposi io.
Guardai Federico, in piedi accanto a noi. Il suo sguardo era quello di sempre. Un amico che tiene a te! Figlio di puttana!
“Noi stavamo andando, sono quasi le 2” riprese Jessica.
“Ma certo, scusate, non ero al massimo poco fa, probabilmente un bicchiere di troppo, ma dopo la doccia va molto meglio” spiegai io, quando in realtà avrei voluto dire – dopo aver visto quello che ho visto, le vostre facce mi fanno solo venire voglia di vomitare! –
“Grazie della serata, Dom” disse Federico, dandomi una pacca sulla spalla.
“Figurati, anzi…” feci una pausa guardando entrambi “Grazie a voi!” esclamai, enfatizzando sul “voi”, e sfoderando un sorriso beffardo sul volto.
Federico è troppo coglione per cogliere simili segnali, ma notai in Jessica qualcosa come un piccolissimo sussulto, accompagnato da un leggero mutamento dell’espressione.
Avevo lanciato l’amo, ora dovevo proseguire.

Questo racconto di è stato letto 5 3 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesti racconti veriletture pornografichestorie porcheracconti mariti cornutimoglie sodomizza maritoraconti hottradimenti racconti pornoditalino sotto il tavoloracconti orgiafaccio l'amore con mio figliobondage storieserotici 69racconti porno tradimentila sorellina della mia ragazzala professoressa eroticaracconti erotici paparacconti erotici gaustorie erotiche suoceraracconti ertoticistorie di scambistiraconti eroticischiavo gay raccontierotcivolluttuosoracconti erotici di guzzonletture erotiche gratisracconti incesti amatorialiracconti incetuosiracconti pissracconti porno famigliaracconti eoriticimarito e moglie al cinema pornovicine di casa troieracconti di sculacciataraccconti pornoracconti eriticistorie erotivheeroticaraccontiracconto transrocconti eroticiracconti di segheracconti erotici cornutimia zia porcastori pornopompino a mio cuginostorie di pompiniracconti erotesibizionismo eroticofoto di trans superdotatisculacciate erotichestorie hotracconti di mogliracconti erotici dominazione femminilesposina troiaracconti erotici fratelliracconti erotici genereracconti rroticistorie eritichebdsm pissingracconti di sessoracconti erotici nonnaracvonti eroticiraconti picantiavventure gayeroriciraccontiracconti piedi femminilisesso trioracconti piediniracconti spiaggia nudistimature racconti eroticiracconti-eroticiracconti porno hardmamma guardonaracconto erotico lesboracconti ragazzi gaystorie di tradimenti pornorcconti eroticistorie hot gratisracconti pprnostorie feticisteraconti sexracconti gay amiciwww.eroticiraccontiracconti erotici generiracconti cuklodracconti padre figliaraccomti pornoinculata dal caneprofessoressa eroticaracconto eccitanteraccomti pornoveri racconti incesto