La doccia

Scritto da , il 2019-10-26, genere tradimenti

Tornammo dalla partita, sfiniti, sporchi e sudati. Avevo promesso al mio amico Nicola che se avesse fatto almeno 3 goal gli avrei pagato la sua quota di campo. Ne fece quattro.
Si meritava un premio, e sapevo cosa dargli.
Tornati a casa mia, vicina al campetto, salutammo Noemi che stava preparando una meravigliosa torta.
Lo invitammo a restare per gustarla, ma lui rifiutava, gli misi casa mia a disposizione, gli dissi di farsi una doccia e di fare come se fosse a casa sua. Si fece pregare, ma accettò.
Come al solito si spogliò con gli occhi Noemi.
Indossava un pigiama, che sicuramente non le rendeva giustizia, nascondeva la sua terza di seno, il suo corpicino snello e sodo, il suo culo perfettamente allenato, ma Nicola aveva visto Noemi in diverse serate, e sapeva qual era il suo massimo.
Nicola prese il suo cambio d’abiti e si diresse in doccia. Mentre entrava Noemi lo provocò
Fai in fretta, c’è la mia torta calda che ti aspetta.
Il ragazzo, una volta entrato in bagno, chiuse la porta e cominciò a spogliarsi.
Nicola non notò che, mentre si svestiva, qualcuno dallo spioncino lo stava spiando, e già, per l’ansia di quello che sarebbe successo dopo, teneva già la mano sulla maniglia della porta.
Quando il giovane si fu liberato dell'ultimo capo di vestiario entrò nella doccia, fece scorrere l’acqua che in poco tempo seppe regolare alla temperatura perfetta.
Nel frattempo, mentre l’acqua scorreva sulle sue spalle, la porta si aprì e quasi in un lampo una meravigliosa ragazza con capelli e occhi castani si materializzò. In pochi secondi era completamente nuda. Una volta richiusa a porta la ragazza si avvicinò lentamente al telo della doccia, attraverso il quale si poteva vedere, anche se non perfettamente, il corpo di Nicola e il suo enorme cazzo.
Il ragazzo era apparentemente immobile sotto il getto d'acqua ma Noemi, ascoltando le sue parole, capì che lavarsi non era l'unica cosa che il giovane stava facendo.
Oh, Noemi ...sei una troia...io vorrei...vorrei...
Vorresti cosa?
La temperatura corporea di Nicola scese bruscamente di alcuni gradi, e non perché l'acqua fosse fredda. Quella voce lo paralizzò.
Il pensiero che Noemi fosse dietro di lui e che avesse udito le sue parole fece diventare il volto del ragazzo rosso come i suoi capelli. Dopo qualche secondo, Nicola trovò il coraggio di aprire bocca.
He...Noemi ? C-cosa cazzo...ci fai qui? Disse coprendosi il suo cazzo che immediatamente poteva essere contenuto in una mano.
Pensavo di farmi anch'io una doccia.
B-beh, ma, ma, ma credo...che d-dovrai aspettare... no?
Perché? C'è abbastanza spazio per tutti e due, mi sembra. No?
Il suo cuore saltò un battito.
M-ma che dici? Sei la ragazza di Gianluca!
Noemi, con tono sensuale
Forza, fammi entrare. Mi sono già tolta i vestiti, non vedi?
Questa volta Nicola sentì una fitta al cuore, come un infarto. Noemi era dietro di lui, completamente nuda e per di più gli parlava con un tono di voce che avrebbe resuscitato un cadavere. Il cazzo del giovane, prima completamente fiacco, saltò immediatamente sull'attenti. Le labbra del ragazzo si mossero, comandate dall'istinto più che dalla ragione.
Acc…accomodati...pure.
Grazie. Disse Noemi.
Il ragazzo si stupì di avere pronunciato quella frase, ma il suo stupore venne cancellato insieme alle sue residue capacità mentali quando vide la ragazza castana scostare il telo della doccia ed entrare nel getto d'acqua, dando poi le spalle al giovane lentigginoso. Il suo corpo era un'armonia di curve perfettamente proporzionate. La mascella di Nicola toccava ormai terra.
Noemi, con tono lascivo chiese
Mi passeresti il bagnoschiuma? Sai, sono piuttosto sporca...
Lui tremava, e quando ebbe il coraggio di ammirare il corpo perfetto di Noemi quasi si paralizzò. Non c’era un difetto, un neo fuoriposto, un pelo in eccesso.
La sua fica era perfettamente curata, con una semplice striscia di pelo castano al centro.
Anche tu sei sporco, se vuoi ti do una mano a lavarti.
Quella frase, pronunciata in quel modo, fu la goccia che fece traboccare il vaso: Nicola allungò le mani verso i seni della ragazza, cominciando a massaggiarli.
Noemi sospirò di piacere.
Poco dopo il petto del ragazzo venne a contatto con la schiena della giovane, provocando ad entrambi una sensazione piacevolissima. Dopo qualche secondo Noemi si voltò e si inginocchiò, avvicinando la bocca al cazzo, tornato gigantesco del compagno di calcetto del suo ragazzo.
Nicola alzò il capo e sospirò, per poi tornare ad osservare la testa della giovane, che si muoveva regolarmente avanti ed indietro. Il ragazzo cominciò ad accarezzare i capelli di Noemi finché, poco dopo, questa non sentì che Nicola stava per raggiungere il culmine del piacere.
Le sue mani smisero di accarezzarla dolcemente e iniziarono a spingerla avanti e indietro, sempre con più foga.
Non appena vennè il momento, si allontanò, il volto di Noemi fu investito da tre grossi schizzi di caldo sperma, facendogli reclinare la testa all'indietro e sospirare pesantemente, quasi gridando.
La ragazza castana, si alzò ed appoggiò le sue labbra su quelle di Nicola in un bacio fugace, per poi separarsi da lui dicendo semplicemente: "Vieni".
Rise guardando Nicola sporco del suo stesso seme sul viso.
Prese per mano l’amico, ancora imbambolato, per condurlo fuori dalla doccia. Subito dopo la ragazza prese un grande asciugamano e lo distese a terra, per poi inginocchiarsi sopra di esso, invitando il coetaneo a fare lo stesso.
Una volta che i due furono uno di fronte all'altro, le loro mani cominciarono ad esplorare il corpo dell'amante, mentre le bocche dei due si univano in una serie di baci.
Nicola fece sdraiare la ragazza sull'asciugamano, al quale Noemi si aggrappò forte quando il giovane dai capelli rossi cominciò a stuzzicare con la lingua l'interno delle sue cosce. Dopo molti sospiri Nicola tolse la testa dalla suo fica per portarla all'altezza delle labbra della ragazza castana, mentre le mani dei due giovani guidavano, quasi all’unisono, guidarono il membro del ragazzo verso il sesso dell'amica.
Quando la punta del suo cazzo del ragazzo arrivò a contatto dell'intimità di Noemi, Nicola si fermò, andando guardare negli occhi la ragazza del suo amico. Dopo pochi secondi, la ragazza castana annuì, facendo nel frattempo un profondo respiro. Subito dopo il suo cazzo cominciò a scivolare lentamente dentro Noemi, che emise un lungo sospiro di piacere, fino a che l'intero membro del ragazzo non fu avvolto dal corpo dell'amica.
Nella stanza si cominciarono ad udire sospiri regolari sempre più intensi, sempre più fragorosi. I corpi dei due andarono sempre più in sincronia con i movimenti l’uno dell’altro.
Entrambi erano a conoscenza del piacere che si stavano procurando l'un l'altra, e questo li rendeva felici. Nicola non si preoccupò dei suoni sempre più forti, di essere scoperto da me.
Dopo un tempo indefinibile, Noemi si afferrò forte all'asciugamano e avvolse le gambe attorno al corpo dell'amico, urlando dal piacere. Nicola sentì un liquido caldo attorno al suo sesso e, poco dopo, con un ultimo movimento accompagnato da un sospiro più pesante dei precedenti, liberò il suo seme all'interno del corpo di quella bellissima ragazza, emettendo un incomprensibile grido di godimento. Subito dopo i due amanti si sdraiarono su di un lato, abbracciati, ansimando ancora per diversi secondi. Dopo quella che sembrò un eternità, Nicola riuscì a pronunciare un "Grazie" che fece sorridere la ragazza. Questa rispose semplicemente con un "Anche a te".
Nicola rientrò nella doccia reinvitando Noemi con lui, ma lei lo salutò uscendo fuori.
Il ragazzo, ancora in piena estasi, impiegò qualche minuto a realizzare che Noemi uscì dal bagno totalmente nuda, sporca di sperma sul viso e ancora ripiena del suo seme.
Prendeva la pillola? Come avrebbe fatto con me?
Domande che quasi lo paralizzarono, ma la lucidità lo colse. Forse Noemi sapeva quel che faceva, forse io ero uscito. Decise di non pensarci e riprese la doccia più rilassante della sua vita.

Noemi uscì dal bagno, attraversò nuda il soggiorno con la finestra spalancata e si diresse in camera mia.
Mi trovò totalmente nudo ed eccitato sdraiato sul letto.
Si sedette difianco a me e ci baciammo.
Ripulii il suo viso e mi avvicinai al suo sesso.
Una volta portate le mie labbra in prossimità della sua fica inizia a baciarla dolcemente, per poi inserire sempre con più vigore la mia lingua dentro di lei.
In quel momento di pura estasi sentii la mano di Noemi stringere il mio cazzo, agitandolo come piaceva a me, come solo lei sapeva fare.
Ti amo
Mi disse lei
Ti amo le risposi io.
Quando uscimmo dalla camera trovammo Nicola che aveva uscito la torta dal forno.
Chissà cosa aveva capito..


Per commenti o critiche

Questo racconto di è stato letto 6 6 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie erotichrvoglio prenderlo nel culoracconti incedtoracconti porno freeracconti hard con animaliracconti porno di incestoracconti scambio coppiavolluttuosoracconti erotici figliogenere racconti eroticiracconto suoceraracconti pompini gayracconti erotici cornarotici raccontiraconti sexracconti suoceroi racconti di mikuracconti visita ginecologicaraccontisessualiracconti erotici mia mogliestorie ponoindice racconti gayho scopato mia nonnaracconto erotico nonnaano slabbratotradimenti scopateracconto massaggio eroticoracc sesssculacciata eroticaracconti ponoracconti erotici genereiincesti italianistprie pornoeros gratisracconti porno anzianieroticiracracconti erotici ripetizioniracconti erosstorie di sesso in famigliaporno storieerticiraccontistorie sesso a treracconti pornpracconti senza mutandescritti eroticiracconti storie erotichepompini storieracconti di donne porchestorie di amori safficicornuto raccontoracconti sesso gratisraccoti pornopompino a mio figlioschiavo cornutoinculata da un cavallomarito cornuto bisexracconti eraticiracconti porno breviraccontieroticoracconti di mogliraccontieroticidiguzzon59racconti erotici mamma e figlioraconti sessoracconti gay schiavoporn raccontisorie pornoraconti pornononno incula nipote gayeroticiracconti.itracconti eterola prima volta con mia cuginaporno racconti gratisracconti sesso con nonnaracconti eoriticiracconti erotici 69.itracconti erotici zio nipoteraccontisessualiincesto gifcrossdresser raccontistoriw pornoracconti trasgressionifratellino ti faccio un pompinoracconti erotici adultiraccontj erotici