Le mie cosce e il mio culo

Scritto da , il 2019-10-25, genere tradimenti

Evidentemente mio marito mai avrebbe potuto immaginare che io potessi frequentare questi siti. Ebbene da qualche mese lo faccio e proseguendo a ritroso, su questo sito, mi sono imbattuta in una storia che non poteva essere che quella mia. Tranne che un'altra Giovanna e un altro Fabio non abbiano vissuto la nostra stessa situazione. Il bello è che ha usato i nostri veri nomi e si è sottoscritto come autore: FabioGiovanna. E se qualche lettore ci avesse riconosciuto? Anche perchè ha usato pure i veri nomi di Riccardo e Manuela, i due nostri amici interessati. Sono rimasta allibita. Avrete già capito che sono Giovanna, oggi 48enne e, come mio marito, userò gli stessi veri nomi sperando che lui legga questo racconto in modo tale che sappia tutto quello che è avvenuto dopo. Sono proprio curiosa della sua reazione. Per rinfrescarvi la memoria o, casomai, per chi non li avesse mai letti, vi invito a rileggere i racconti di mio marito: le cosce e il culo di mia moglie 1 e 2, rispettivamente dell'11 e del 25 agosto 2018- E' per questo motivo che ho intitolato questo racconto: le mie cosce e il mio culo; firmandomi: GiovannaFabio. devo dire che nonostante la sorpresa e l'arrabbiatura, man mano che la mia lettura andava avanti, mi eccitavo moltissimo. Naturalmente a mio marito non ho detto niente. Tutto vero quello che ha raccontato. Chiaramente ero all'oscuro di quello che lui veramente sentiva e delle sue vere intenzioni. Anche lui era all'oscuro di quello che io sentivo veramente. Altre intenzioni non avevo, se non essere complice nel gioco provocatorio che piaceva a lui e poi anche a me. Alcune cose mi sono piaciute, altre meno. Intanto mi è piaciuta la descrizione che ha fatto di me, che sono bona e che sono un bel pezzo di sticchio siciliano formosa e ben proporzionata in tutti i miei attributi femminili. Poi i commenti di un paio di lettori: uno che, essendo così sorpreso della storia, chiedeva se fosse tutto vero. Si, è tutto vero e sarà pure tutto vero quello che racconterò io. Un altro che sono molto intrigante e un altro ancora che potrebbe scoparmi oppure giocare con la stessa complicità, tanto abitavamo vicini. Le cose che non mi sono piaciute? Il fatto che, praticamente, era stato mio marito a buttarmi fra le braccia di Riccardo e, soprattutto, che praticamente aveva assistito alla nostra scopata da sotto il letto. Che vergogna quando ho letto il secondo racconto! Inoltre il fatto il tutto come un prestito e non come un tradimento in quanto mi aveva tradito 4 volte con Manuela. Diventai una belva. L'avrei ammazzato. Comunque, amore, se vuoi puoi riprendere a scoparla a tuo piacimento. Se lei ci sta naturalmente. Non sono più gelosa perchè sappi, amore, che io e Riccardo, da quella volta, scopiamo ancora. Una volta al mese, sempre di martedì pomeriggio quando tu sei in ufficio ed io, il primo martedì di ogni mese, sono in missione a Trapani. Vuoi sapere dove così, se ti è possibile, ti nascondi sotto il letto per sentire le nostre scopate, i miei orgasmi infiniti e il modo in cui mi tratta? Con mio grande piacere come una puttana. In fin dei conti, amore, ti devo ringraziare perchè l'artefice di tutto sei stato tu. Comunque sappi che Riccardo non è l'unico. Si amore, ne ho avuti altri due, anche se per una volta sola. Ti ricordi quel giovedì di fine luglio quando ti dissi che eccezionalmente dovevo recarmi a Trapani per completare un lavoro prima delle ferie? Ebbene amore, sappi che non avevo nessun lavoro da completare. In realtà ero in comgedo e trascorso una giornata a scopare con un collega di Trapani. Che giornata amore! Una giornata intera completamente nuda in una cascina. La più bella giornata erotico sessuale della mia vita. Si sentiva stuzzicato senza che io facessi niente di particolare. Allora fui curiosa di giocare come mi avevi insegnato tu e gli feci perdere la testa. Insistette tanto e ho dovuto accontentarlo. La seconda volta, appena un mese fa, con uno che vedevo per la prima volta. A casa nostra, sul divano del soggiorno. Se guardassi attentamente noteresti una macchiolina bianca. Le ho provate tutte ma non è andata via. Fortunatamente il divano è chiaro. E' sborra. Sapessi quanta me ne ha versata in bocca che non hai nemmeno l'idea. Non avevo nemmeno il tempo di inghiottirla e un pò mi fuoriuscì. L'avevamo preso insieme l'appuntamento per quel lunedì pomeriggio col venditore del folletto per dei nuovi accessori che non avevamo. Poi tu e Riccardo, proprio quel giorno, siete andati a Palermo per dei problemi vostri. Cos' ho ricevuto da sola quell'aitante 40enne alle 16,00 in punto. i ricordi che ti ho chiamato alle 16,40 per chiederti a che punto eri e tu mi dicesti di cavarmela da sola perchè saresti rientrato la sera? Si amore, me la sono cavata da sola. Sai com'ero in quel preciso momento? Distesa sul divano con la testa sulle sue cosce e con la nuca gli massaggiavo il cazzo duro. Nel frattempo lui mi palpava fortemente le tette da sopra la maglietta. Poi, mentre lui telefonava per spostare di un'ora l'appuntamento successivo, io gli aprii i pantaloni e glielo tirai fuori. Si amore, perchè il nostro gioco mi riuscì benissimo allorchè notai i suoi sguardi sulle mie gambe. Lui era seduto sul divano, proprio dove solitamente siedi tu, delucidandomi sugli accessori; io difronte sulla sedia. Accavallai e scavallai più volte le gambe e quindi presi ad aprirle e chiuderle lentamente e con sensualità. Insomma, lo spettacolo a cui assisteva era sempre più eccitante e provocante. Inoltre, chiedendo spiegazioni, accennavo quei miei sguardi accattivanti. Dissi che volevo provare io e andai a sedermi sul divano a fianco di lui. Sedendomi la gonna andò e quel poverino, sussurrò: "Signora, così io non posso continuare. Mi sta facendo scimunire" "Perchè? Ah la gonna! Non esageri. Chissà a lei quante gliene capitano" "Signora!" "Magari più giovani di me e più disponibili" aggiunsi in tono più che sensuale che non lasciava dubbi. Non era uno stupido. "Veramente non capita tutti i giorni ma se lei...." disse lasciando cadere la mano sulla mia coscia. "Mmmm! A quanto pare lei è uno di quelli che va diritto al sodo" dissi puttanamente prendendo la sua mano e facendola scorrere sulla mia coscia. Che ne pensi amore? Sono stata brava? Da li a baciucchiarci prima e a slinguarci oscenamente dopo, il passo fu breve. Mi chiese se potevamo stare tranquilli e fu a quel punto che presi il cellulare, mi sdraiai con la testa sul suo cazzo e ti chiamai. Ero con le ginocchia su, la gonna già collassata sul mio ventre e la sua mano raggiunse le mie mutandine. Fu alla tua risposta che tolsi la sua mano da li. Allora le portò antrambe sulle mie tette. Il sangue incominciò a bollirmi, mi sentivo la fica allagata e quando interruppi la chiamata e fu lui a chiamare il clientew successivo, mi sistemai in ginocchio a terra e gli aprii i pantaloni. Alzò il bacino e glieli abbassai fino alle caviglie. Mi ritrovai il pacco dei suoi slip sotto gli ochhi e presi a fissarlo in modo accattivante. Mentre parlava mi fece cenno e glielo tirai fuori. Lo impugnai segandolo lentamente e quando interruppe la telefonata disse: "Signora, magari fossero tutte come lei le mie clienti!" "Giovanna mi chiamo" "Io Luca." Fu come se ci fossimo presentati, dopo di che presi s leccarglielo strappandogli gemiti di soddisfazione. Glielo leccai tutto, lo sollevai e mordicchiai le palle. "Giovanna, oggi proprio di te avevo bisogno" disse sfilandomi la maglietta. Lo fissai sorridendo e lo imboccai iniziando un pompino di quelli miei. Mi sganciò il reggiseno e dopo qualche minuto mi disse di alzarmi. Invece io gli tolsi le scarpe, gli sfilai completamente pantaloni e slip, mi insinuai fra le sue cosce e glielo presi fra le tette. Mi muovevo io per una bella spagnola e, nel frattempo, ci fissavamo vogliosi. Poi mi alzai e fece scivolare più la mia gonna e le mie mutandine. Mi palpò il culo, mi accarezzò le cosce e la fica e mi disse di salire sul divano. Così ritta, con le gambe divaricate, la mia fica fu alla portata della sua lingua. Prese a leccarmi e le gambe mi tremavano per il piacere. Gemevo, sospiravo e quando prese a stuzzicarmi l'ano gli dissi: "Siiiiii! Siii porco." Poi mi ficcò un dito dentro proprio mentre godevo di un orgasmo intensissimo. Amore, non era solo una questione di leccate e di cazzo, ma di una certa situazione: mi stavo dando ad un uomo che non avevo mai visto e che conoscevo da mezz'ora. Sapessi quanta eccitazione! Mi inginocchiai a cavalcioni e me lo ficcai dentro gridando di piacere. Ci slinguavamo furiosamente mentre io facevo su e giù fino al mio, ancora più intenso, secondo orgasmo. Continuai a muovermi portando il busto all'indietro e lui mi stuzzicava i capezzoli. Così per un bel pò fino a quando lui non mi disse che mi voleva scopare a pecorina. Quindi mi sistemai in ginocchio sul divano e mi penetrò nella fica scopandomi forte. Sentii le mie carni che traballavano e godevo come una cagna. Poi me lo sfilò e, senza nemmeno chiedere, rendendosi conto che tipo ero, sentii che forzava il culo. "Si, siiii, inculami porco che non sei altro" gli dissi. Caspita amore! Me lo mise tutto dentro e mi scopò velocemente e con così tanto impeto che oltre a sentire i miei stessi gemiti e l'impatto del suo bacino sulle mie chiappe, sentivo il suo respiro affannoso. un altro orgasmo e poi mi sistemai sdraita sul fianco sinistro con la testa sollevata sul bracciolo. Me lo mise in bocca e prese a scoparmi mentre con la mano sinistra giocava con la mia fica. L'agevolai alzando la coscia destra e mentre mi scopava in bocca mugolavo di piacere. Godevo, godevo, godevo e sentii lui che stava per venire. Uno schizzo e inghiotii, poi si susseguirono una serie di schizzi veloci ed ebbi difficoltà. Non avevo neanche il tempo e, nonostante fossi abituata, qualche schizzo non lo porei trattenere. Ecco perche quella macchiolina sul divano. Nè tu, amore, nè Riccardo e nè quel mio collega mi avevano riversato tanta sborra in bocca. Il tempo di rivestirsi, fare l'ordinazione e andò via felice e soddisfatto. Anch'io ero soddisfatta. Amore, ti prego, leggi questo mio racconto. Chissà se avrai il coraggio di dirmi qualcosa e cosa mi dirai.

Questo racconto di è stato letto 8 3 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici mamma figliaracconti reali eroticiracconti lesbicaracconti porno giovaniincesti zieforum femminile raccontiracconti bondageracconti porno sottomessami piace mia cognataporno raccontiracconti sborrateporn raccontiraccontipostorie porno di tradimentiraccontu pornoracconti per adulti gratisraccontieriticisesso con mia cuginaracconti cinema luci rossestorie pornpracconti erotici veri gratiserotci raccontiracconti erotici animalerotici racconti.itmarito e moglie al cinema pornoracconti erotici peggingracontieroticisculacciata raccontoracconti sesso gratisracconti di storie di sessoerotici racontiracconti erotici prime volteracconti incestuosieroti raccontierorici raccontiracconti wroticiraconti picantiracconti gay freedonne che fottono con animaliracconti piccanti 69incestoxxx.comracconti erotici nonneracconto erotico mammaracconti erotici proibitiraccontu pornola sorella perversastore pornoraccontu eroticistorie di sesso pornostorie erotiche lesboracconti spankracconti erotici iniziazioneracconti erotici gay gratisracconti erotici infanziazia racconti eroticiracontieroticiracconti 69 itscambio di coppieracconti porno sadomasotette di mia mammaracconti aroticiracconti erotici viaggiotesti eroticidonna scopata da animalistorie pono1001 racconti eroticiracconti esperienze gayeroticoraccontistorie ponoracconti xxracconti eeoticiconfessione eroticheraccontieroticoracconti erotici tra suocera e generoraccconti pornoracconti erotici suocera e generoi generi di racconti inceatostorie di scambio di coppieracconti disessozia perversamistress cagastorie di sesso vereerotici racporno racconti incestuosila monta delle vacche gaymi sono scopato mia sorellala vacca di mia moglieracconti zia troiaracconti pprnosculacciate racconti eroticiracconto lesbicheracconti erotici zoofiliaraccontiporracconti pompino