Pensiamo tutte la stessa cosa. Corretto

Scritto da , il 2019-10-25, genere tradimenti

Scrivo il mio diario con circa un mese di ritardo, questo mi dà modo di ripensare alle varie situazioni vissute in questo periodo, periodo in cui le occasioni per soddisfare la mia esigenza e voglia di uomini sono meno rispetto ai mesi estivi. Intanto mi scuso con coloro che mi scrivono, non posso mai rispondergli, a casa è diventato quasi impossibile tanto che anche per scrivere i racconti mi ritaglio dei momenti in ufficio mentre faccio finta di lavorare. Mi scuso anche con chi mi ha chiesto delle foto, non riesco a farlo, non sono molto tecnologica e poi non riesco a cancellare il tutto, ho mandato una sola foto ad un lettore (che pare abbia gradito) ma dopo un mese me la sono rivista saltare fuori mentre mia figlia smanettava sul mio telefono, cancellata al volo ma c’è mancato un attimo che mi sputtanavo da sola.

Tornando al racconto di settembre, il venerdì successivo alla partita della Juventus, nella mattinata mentre sono in ufficio, ricevo una telefonata sul cellulare da un numero sconosciuto, rispondo e dall’altra parte un uomo “Ciao Stefania, sono Roberto … Pino per intendersi – si presenta e quando confermo di aver capito con chi parlavo continua – i ragazzi mi hanno raccontato dell’accordo così volevo incontrarti per consegnarti le chiavi dell’appartamento e poi ci mettiamo d’accordo su come fare quando ne avrai bisogno”. Rimaniamo che lo avrei richiamato entro l’ora di pranzo per capire le mie possibilità di sganciarmi dal marito, cosa che prontamente faccio fissando con lui per la mattina dopo verso le dieci, prima andrò a fare la spesa col marito, poi lui mi riporta a casa e va a vedere un evento di auto storiche e sta fuori fino all’ora di pranzo. Mi sono presentata all’appuntamento con largo anticipo e mi sono appostata nei pressi dell’ingresso auto un po’ nascosta dalla strada, fremo dalla voglia di andare in casa ed appropriarmi di una copia dei filmati disponibili, la ricerca della chiavetta USB e nel computer di mio marito hanno dato esito negativo quindi voglio copiarmi tutto su di una chiavetta nuova. Vedo arrivare Pino egli vado incontro, ci conosciamo poco, solo qualche saluto in gruppo e poco altro, nell’attesa che il cancello automatico si apra gli salgo in auto, parcheggiamo e saliamo in casa quasi senza parlare. Lui apre le finestre per dare un po’ di aria e luce alla casa, io mi dirigo al computer, sempre nella solita posizione, apro e senza difficoltà inserisco la chiavetta USB ed inizio la copia e raggiungo Pino in sala. Prendo possesso delle chiavi e delle disposizioni in caso di utilizzo, loro, i 4 uomini hanno una chat sul telefono e fra di loro si comunicano le varie esigenze, io invece, nel caso avessi bisogno di utilizzarlo devo mandare un messaggio a tutti ed aspettare di avere conferma, cosa che generalmente viene data quasi nell’immediato. Torno in camera, prendo la chiavetta e la metto in borsa, guardo Pino e lo vedo incerto su da farsi così alla domanda su cosa avesse o se aveva qualcosa da dire afferma: “però così tu hai filmati di tutti, ma io ed i ragazzi non abbiamo quasi niente di tuo, delle foto e dei filmati rubati da tuo marito, secondo me ci dovresti dare qualcosa in più”

“Questo è vero – gli rispondo – e cosa vorresti avere?”; “intanto potresti spogliarti e farti riprendere -propone lui – così si vede che non è una cosa rubata …. Poi vediamo”.

In effetti non aveva tutti i torti e comunque io avevo una gran voglia di spogliarmi e sfruttare al meglio le due ore che avevo a disposizione, oltretutto Pino dei 4 è di gran lunga quello fisicamente messo meglio (anche se non credo abbia un cazzo grosso come quello di Roberto) attraente e muscoloso, il tipo d’uomo che le donne si girano a guardare. Lui sta seduto sul divano, io in piedi di fronte a lui inizio a spogliarmi, tolgo la camicia scura e rimango col reggiseno (la giornata di settembre molto calda consentiva di vestirsi ancora in modo pressoché estivo), apro la cerniera laterale della gonna e la faccio cadere ai piedi saltandone fuori e lanciandola via con un piede. Mi tolgo il reggiseno sganciandolo dietro e poi facendolo scivolare piano liberando la visione delle mie mammelle dure come chiodi. Gioco un po’ con le tette strizzandole e portando i capezzoli vicino alla mia lingua, mi giro di spalle e piegandomi a 90 gradi sfilo le mutande rimanendo nuda con i soli sandali ai piedi. La troia che è in me sta prendendo il comando della situazione, mi siedo a terra fronte telecamera e metto oscenamente in mostra ma fica chiaramente glia umida giocando con le dita ed il clitoride poi gattono verso di lui fono ad arrivargli vicino, lo guardo e con un sorriso metto mano alla sua patta, sento l’uccello già duro da sopra la stoffa, gli slaccio la cintura, poi il bottone e tiro giù la zip, prendo visione del prepuzio che svetta da fuori gli slip, e mentre con la lingua lo lecco come se fosse un gelato che si sta sciogliendo dal cono, con le mani afferro dai fianchi i suoi vestiti tirando giù fino ai piedi il tutto agevolata dai suoi movimenti. Ora che nudo dalla vita in giù, guardando in camera gli afferro il cazzo (che devo dire molto largo e anche lungo) tirandolo a me prendendolo in bocca ciucciandolo e slinguandolo con gran trasporto cercando di fargli un gran pompino eccitata dal fatto di essere ripresa, mi rendo conto che ogni giorno sto diventando più porca. Lo divoro, lo stringo, me lo struscio addosso fra le poppe, lo smanetto sempre più veloce, lui no resiste più e mi riversa addosso il suo liquido, sul petto sul viso sulla bocca, lo riprendo in bocca e succhio, quando lascio la mia preda ho i battiti del cuore accelerati come avessi fatto una corsa, mi alzo e guardandomi riflessa nella vetrata che accede al terrazzo mi spalmo sul corpo lo sperma che sta colando verso il basso, sono ancora eccitata.

Pino è in bagno, io non riesco a stare ferma e approfittando della mattinata di sole ancora estivo esco in terrazza, sono sempre nuda, ho solo i sandali ma lassù non mi può vedere nessuno e trasgressivo, sento il sole riscaldarmi la pelle, raggiungo il muretto che circonda la terrazza e da dietro le piante faccio capolino a vedere la gente passare, ora si, se alzassero la testa potrebbero intravedermi. Mi sporgo a guardare, da dietro arriva Pino, anche lui è nudo, mi si appoggia dietro, sento il suo batacchio appoggiarsi alla schiena e strusciarsi mentre le sue mani raccolgono le mie tettone strizzando i capezzoli. Si china e lasciandomi in quella posizione mi lecca la fica ancora umida ed eccitata, la lingua arriva fino a al buco posteriore leccandolo giro giro, ci lascia la saliva e poi la spinge dentro, gli vengo in bocca, non si ferma e continua a leccare facendomi urlare di piacere. Si rialza e penetra la mia fica spingendolo tutto dentro con forza fino ad arrivare a farmi sentire sbattere le palle su di me. Mi piego a 90 gradi per agevolare il suo dentro fuori che procede con vigore facendomi dondolare le poppe, godo ancora, sono un lago, sento gli umori scendermi per le cosce. Lo voglio nel culo e glielo dico senza mezzi termini, mi stacco dalla balaustra e mi piego a terre mettendo in alto le natiche per favorirlo, sento il cazzo già lubrificato appoggiarsi e poi entrarmi dentro a riempirmi, mi pompa con forza fino a raggiungere l’orgasmo ma prima di sborrarmi nell’intestino deve impegnarsi un bel po’ visto che si era svuotato poco prima, mentre pompava accompagnava i suoi movimenti rivolgendosi a me con epiteti del tipo “ti inculo troia”, “sei una gran porca”, “ti piace il cazzo” a cui ho sempre risposto incitandolo a fare di più. Quando si è svuotato anche io ho raggiunto un nuovo orgasmo a cui le mie gambe hanno ceduto ed ho dovuto lasciarmi andare a terra a corpo morto sfilandomi il suo pisello in via di ammosciamento dal retto. Pino si sdrai accanto a me anche lui esamine, ci guardiamo e ridiamo soddisfatti. Non parliamo quasi per niente, solo a gesti o a sguardi, andiamo insieme nel bagno, mi siedo sulla tazza e faccio pipì di fronte a come fosse la cosa più naturale, lasciandogli poi il posto, non mi vergogno nemmeno dal rumore che faccio dovuto all’aria che mi fuoriesce da dietro come conseguenza dell’inculata, è tutto così strano. Facciamo la doccia assieme, e mentre siamo sotto l’acqua, ci scambiamo un bacio appassionato con la lingua, ci asciughiamo e vestiamo, lo saluto lasciandolo in casa da solo. Ho voglia di andare a casa e sfruttare il tempo fino al ritorno di mio marito per curiosare sulla mia pennina USB, veder chi sono le donne presenti, cercare di capire se mio marito può sapere della presenza o meno fra queste di mia sorella, dalle date no in quanto sembrerebbe che lui avesse lasciato il gruppo prima ma non è detto che i suoi amici non glielo abbiano raccontato anche se questo andrebbe contro alle regole che loro stessi si erano date.

Da questo giorno ad oggi è passato circa un mese e, purtroppo, non ho avuto più cose particolari da poter raccontare ma potrò raccontarvi delle cose che sono venuta a conoscenza con la mia curiosità, di sicuro una cosa non sono l’unica donna del mio paese a cui piace il cazzo. (RSG69

Questo racconto di è stato letto 1 5 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici giovanirscconti eroticistorie eroticheracconti gay gratisracconti porno illustratimammeincestuoserotici raccontimilu cuckolddominazione donnai pompini di mia madreracconti frociragazza si fa montare da un canerac erotracconti erotici anzianiracconti erotici umiliataerotoci raccontistorie di sesso tra cuginiraccobti eroticiracconti erotici genivfoto romanzi pornoraconti incestiracconti.incestoraccontimilùracconti porno zoofiliagay eroticiracconti erotici di sessoracconti erotici videoraccomti miluracconti erotici fotografovideo racconti porno gratisracconti erotiistorie di sculacciatemio fratello si masturbacuginetta pornostorie erotiche 69racconti di fantasie erotichefumetti erotici incestostorie porniracconti eoriticeroriciraccontiracconti erotici sui piediracconti padrona schiavoho chiavato mia madrestorie feticismoracconti erotici gay giovaniravconti eroticigeneri dei racconti eroticiracconti di zoccoleinculami papasesso con mio ziosculacciata raccontifilm scambio di mogliracconti eeoticiracconti erticiracconti fetish piediio mia moglie e un transracconti porno cornutoraacconti eroticimi sono fatta inculareracconti erotici milùracconti rroticiwww iomiluracconti erotici generedonna inculata da un cavalloracconti erotici in campeggioaspirante cornutoragazza scopa col caneracconti erotismozoofilia raccontiracconti incesti gayzia formosaragazza si fa inculare dal canescovolinacugina troiati cago in boccazia formosaracconti intrigantiracconti guzzon59racconti di sesso incestuosoracxonti eroticiero raccesperienze sessuali a treracconti porno a fumettiracconti erotici fumettiracconti incesto69racconti di sesso con animaliracconti zia e nipoteracconti incesti annunci 69eritici raccontila mia ragazza in toplessstorie ornosottomesso da mia moglieracconti erotic ierotici racconti 69