Catia da moglie casta a troia per necessità Cap4

Scritto da , il 2019-10-21, genere dominazione

Catia da moglie casta a troia per necessità Cap4


La cameriera del barone si chiamava Elisabetta, piccolina con un bel culetto sporgente, arrivò da Catia e gli disse di indossare la biancheria che gli aveva mandato Claudio


- Entra pure Vincenzo
- Ma che fa ? non voglio che mi veda .
- Stai tranquilla Vincenzo è il mio maggiordomo è molto fidato mi aiuterà a farti quello che ho deciso per te oggi
- La prego, mi vergogno, la prego
Vincenzo si portò davanti ai due proprio all’altezza del viso di lei , senza dire una parola sbottonò i pantaloni e tirò fuori il cazzo già in tiro, lei continuava stare con la testa in basso tra le braccia
Fu allora che il barone la prese per i capelli costringendola da alzarla, tentò di dire qualcosa ma il cazzo le riempì subito quasi a soffocarla
- Senti che bella cappella ha il mio Vincenzo? Succhialo bene , sai a me oltre che scopare mi piace anche guardare e oggi voglio fare tutte e due le cose . Te lo sta succhiando bene ?
- Veramente la sento un po’ svogliata , lo tiene in bocca ma sento pochissimo il lavoro di lingua
- Vammi a prendere quello che tu sai
- No cosa volete farmi? vi prego lo faccio , lo faccio lecco
- Lo so che lo farai ma adesso ti metto qual cosa che ti stimolerà ancora di più a farlo
Vincenzo portò un vibratore composto da più palline di diametro crescente e lungo oltre 30 centimetri
- Adesso ricominciamo, ti metterò queste palline nel culo e te le toglierò solo quando vedrò la faccia di Vincenzo soddisfatta
A poco valsero le proteste , sentì il culo stapparsi del plug e subito la prima pallina entrare, alla quinta oltre ad essere grande , procurava il dolore della dilatazione .
Vincenzo aiutava il barone all’introduzione tenendo i glutei aperti e Claudio spingeva inesorabilmente incurante delle proteste
- Adesso possiamo continuare
- Mi fa male , vi prego, mi fa male
- C’è ancora un'altra pallina vuoi che te la spingo dentro ?
- No , no vi prego sarò ubbidiente
- Bene comincia a succhiare
Catia si dette da fare lavorandosi quel glande tra le labbra, il barone rimise il cazzo nella fica continuando la scopata . Quando Vincenzo ebbe un gemito di piacere il barone decise di alleviare il culo estraendo le palline . Questo la fece soffrire , ebbe un momento di paralisi seguito da un fremito
Il barone volle che il maggiordomo gli desse il cambio
Aveva il volto sudato e congestionato succhiava il cazzo del barone aveva l’altro nella fica, il culo con ancora la sensazione delle palline dentro , i capezzoli nelle mani del barone strizzati per quel che bastava a darle piacere
.
- Ingoia da brava
Ubbidì e lui la baciò sul collo continuando a carezzarle i seni
- Adesso devi fare un ultimo sforzo per me
- Cosa vuole ancora
- Ti darò altri 100€ ma devi fare un ultimo sforzo
- Non vorrà farmi fare il culo dal suo …
- Brava vedo che hai capito
- La prego è grosso mi farà male
- Stai tranquilla è grande come l’ultima pallina che ti ho spinto prima, se è entrata la pallina entrerà anche lui
- La prego non lo faccia , non lo faccia aaaaaah aaaaah a aaaaa h ooohh noooooooo
Era entrata la grossa cappella e nonostante la vasellina faceva fatica a farsi strada.
Lei gridava e implorava di smettere piangendo, cedendo sulle gambe gridava ma lui era lì e affondava nel culo dolorante
Sentirla e vederla , il barone ebbe un'altra erezione davanti a lei, lo guardò chiedendo pietà ,ma lui ebbe un altro orgasmo da bagnarle il viso sconvolto. A quel punto Vincenzo le liberò il culo e sborrò sui glutei
Quando Catia si rialzò aveva lo sperma che colava sui seni e anche lungo le chiappe e le cosce. Sentì anche un getto di aria liberare culo aperto senza far rumore
Elisabetta entrò nella stanza la prese per un braccio accompagnandola nella toilette, dopo averla fatta liberare da una lunga pipi gli somministrò un massaggio anale con una pomata rinfrescante
Catia aveva per una vita dormito di un sonno personale si ritrovava addosso le mani di estranei e quelle mani proprio sul suo sesso
L’avvocato intanto si era dedicato a seguirla e così scoprì anche le scappatelle dal barone. Quel giorno attese che Elisabetta la accompagnasse a casa e prima che entrasse nel portone la raggiunse
- Devo parlarti
- La prego avvocato non ora
- E invece proprio ora mia cara, che facciamo salgo io o vieni da me ?
- Ma veramente
- Ho capito salgo io
Entrò con lei in ascensore e appena si chiusero le porte gli mise una mano sotto la gonna raggiungendo le mutande
- Ma cosa fa è impazzito
- Sbrigati apri la porta
Appena lo fece la spinse contro un tavolo e la fece piegare a 90gradi poi gli abbassò le mutandine lasciandole calate a mezza coscia
Passò la mano tra i glutei e avvertì il grasso della crema sul buchetto del culo
- Vedo che lo tieni sempre preparato per farti inculare
- No cosa dice mi fa male e mi sto curando
- La mia supposta sarà la soluzione ai tuoi mali
- La prego oggi no non sto bene la prego
Piangeva e batteva i pugni sul tavolo, mentre lui aveva infilava tutto il dito
- Vedo che sei stata allargata a dovere , ti deve rendere parecchio questo culo
- La prego avvocato farò tutto quello che vuole ma oggi il culo no , la prego ho dolore
- Questo mi eccita sentirti soffrire , comincia ad allargare le gambe che voglio scoparti
Non se lo fece ripetere allargò e piegò le gambe , tirò dietro il corpo in modo di facilitargli l’ingresso
- Vedo che sei diventata brava ,hai imparato subito come devi fare per farti scopare, tuo marito sarà contento
- La prego avvocato non mi tratti così
- Così come
- Da puttana , d'altronde se lo faccio è per bisogno
- Resta ferma così ,non muoverti che vengo incontro ai tuoi bisogni
Aveva tutto a sua disposizione e la vista di quella fica attorniata di peli neri , il buchetto luccicante dalla crema , ma voleva umiliarla voleva farle pagare le volte passate, quando non lo degnava nemmeno di uno sguardo . Sul tavolo c’era il vassoio della frutta, prese una banana e la infilò nella vagina e incurante delle proteste di lei, cominciò a scoparla mentre si divincolava ma lui spingendola sulla schiena la schiacciò sul tavolo
- Devi stare ferma guai se ti muovi ancora, adesso devo punirti
Prese un'altra banana e la spinse nel culo, gli afferrò una mano e la portò sulla banana nella vagina dicendogli di masturbarsi da sola , gli disse pure di stare attenta a non far uscire l’altra dal culo ma lei di istinto spingeva per espellerla allora lui la spinse tutta dentro fino a farla scomparire e lei gridò
La fece alzare e la portò in camera dove c’era uno specchio a muro, la fece mettere alla pecorina con il culo contro lo specchio in modo che lui potesse controllare che si masturbasse , gli si mise davanti e la obbligò a mettersi il cazzo in bocca quando gli dette l’ordine di far uscire la banana dal culo lei lo guardò con lo sguardo di una che non sapeva cosa fare
- Devi cacare la banana , non è poi così difficile spingi e caca
Gli dette una sberla sul viso svegliandola dal torpore che aveva addosso, spinse e la banana apparve dal buchetto , quando spinse ancora di più lui gli venne in bocca e non smetteva di scoparle la bocca eccitato dalla vista di quel buco aperto e anche dalla fica che urinava
Gli piacque quel gioco e volle ripeterlo ancora. Gli infilava la banana e lei doveva spingerla fuori stimolando involontariamente l’intestino . Sapeva che se lo avesse rifatto avrebbe potuto sporcare di feci
Suonò il citofono e lui gli disse di andare a vedere chi fosse, ubbidì mentre lui l’ammirava camminare a culo nudo
Mentre parlava al citofono lui si portò dietro di lei per sentire chi fosse e capì che una delle figlie stesse rientrando
- Dobbiamo sbrigarci sta salendo mia figlia
Una volta vestiti lei aveva già messo la gonna e stava tirando su le mutandine ma lui la fermò
- Cosa avvocato è impazzito? sta salendo
- Allora stai ferma ,se non ti vuoi far trovare così
- Ma cosa vuole fare mi lasci mi fa male
- Resisti ecco così brava
Gli aveva rimesso la banana nel culo e gli aveva tirato su le mutandine
Era rossa congestionata , quando la figlia entrò guardò l’avvocato e chiese cosa fosse accaduto
- Niente, non ti preoccupare ,la mamma si è un po’ sfocata ,ma presto si sistema tutto vedrete
Una volta andato, via Catia si recò in bagno per liberarsi, spinse ancora una volta e ancora una volta il suo buchetto si riapriva dolorante dandole la libertà che voleva
Dopo tre giorni il telefono squillò e la voce di Claudio che gli annunciava che sarebbe passata la cameriera a prenderla e che doveva essere da lui entro un ora.
Chiuse il telefono senza darle il tempo di rispondere. Corse in bagno e si lavò e fece un clistere poi si vestì come il barone gli aveva insegnato.
gonna , camicetta e la pelliccia giusto in tempo per aprire la porta ad Elisabetta
- Certo che sei una bella fica gli amici del barone vanno pazzi per te
- E loro cosa ne sanno
- Hanno visto i filmati
- Quali filmati? Ma siete pazzi ? mi avete filmato?
- ti sono stati fatti durante le tue performance, sai son una garanzia per il barone, a lui non piacciono strani scherzi o ripensamenti
Era stravolta, sapere di essere stata filmata mentre leccava o veniva sodomizzata, la rendeva ancora di più vulnerabile , era quello che lui voleva , aveva incaricato la ragazza di ragguagliarla proprio per farla sentire di più impotente
Quando entrarono nel salone Catia si rese conto di non essere da sola vi erano altre due signore ed un uomo dall’aspetto disgustoso grasso con il codino e la barba
Le tre donne furono fatte mettere in fila una a fianco all’altra, mentre gli due uomini seduti in poltrona le osservavano, il barone ordino di togliere i vestiti e ora erano li ma con la fica e tette in mostra ,come merce al mercato
L’ospite bisbigliò qual cosa all’orecchio del barone che fece un gesto a Elisabetta, con un barattolo di vaselina si portò dietro di Catia e bisbigliò all’orecchio
- Non muoverti, qualsiasi cosa ti faccio non muoverti, o sarà peggio per te
sentì il dito di lei bagnargli l’ano, poi entrare, facendole fare un espressione mista di paura e dolore
L’ospite sorrise , si aprì la vestaglia mettendo in mostra il suo pene abbastanza dotato
Mentre Catia stava ferma con il dito di Elisabetta che scavava nel culo, una delle donne si avvicinò all’uomo e abbassandosi lo prese in bocca ,mentre l’altra si abbassò davanti a Catia e cominciò a leccargli la fica
Catia era rossa dalla vergogna ,e spaventata, ma nello stesso tempo quella lingua la stava portando al piacere, fu allora che Elisabetta tolse il dito e lo sostituì con un oggetto cilindrico, quando lo spinse Catia ebbe una flessione sulle ginocchia ed emise un lamento . Una leccava l’altra la inculava mentre l’ospite non si perdeva nessuna espressione del volto . La donna si alzò, Catia potette vedere la grandezza del cazzo che invece di spaventarla gli provocò un orgasmo
L’uomo gli si avvicinò e prese lui le manovre nel culo , si mise in modo che Catia piegandosi a 90gradi lo potesse prendere in bocca . La stavano eccitando, sentiva l’avvento di un altro orgasmo, la ragazza con la lingua era davvero brava e nel culo avvertiva il famoso piacere che il barone gli aveva detto la prima volta che lo oltraggiò. Ora sentiva bruciare, Elisabetta gli aveva infilato dello zenzero, l’ effetto orticante era forte, Catia aveva bisogno che quell’ano fosse massaggiato, sentiva un effetto che le faceva desiderare almeno un dito dentro ,ma questa volta l’uomo voleva solo scoparla e lo fece prendendola in piedi da dietro . Quando gli allargò i glutei infilò il pollice nel culo e questo contrasto violento e animalesco procurò l’orgasmo di Catia.
La scopò a lungo facendola gemere poi volle che lo prendesse in bocca , la invitò a succhiare fino alla fine, quando gli riempì la bocca di sperma .
Lo sconosciuto si rivestì e andò via ,Catia rimase nella stanza con Elisabetta , entrò il barone ,era ancora nuda e si stava asciugando tra le cosce con un fazzoletto di carta
- Il mio amico è rimasto contento, mi ha detto che presto vuole rivederti
- Ormai ….
- Dai che tutto sommato cominci a prenderci gusto e poi unisci l’utile al dilettevole
- Mi sento una puttana
- Non ci pensare, i miei amici sono persone rispettabili , non avrai mai noie, e poi i soldi servono sempre
- Posso andarmene?
- Mi farebbe piacere se restassi ancora con me
- Come desidera , posso rivestirmi?
- No resta così , la tua fica mi piace
Così dicendo ci mise la mano sopra e cominciò ad accarezzarla
- Piscia, si sulla mano, non temere fammi sentire il calore del tuo piscio
- Come sa che dovevo farla?
- Dopo una scopata di solito è normale , dai allarga le cosce e falla
Catia ubbidì, dovette concentrarsi un poco, ma un pizzico di lui sulle labbra vaginali la stimolarono e irrigò quella mano che non si staccava dalla sua carne pelosa . Fu una cosa che eccitò moltissimo il barone che si abbassò i pantaloni tirando fuori il pene eretto
- Succhialo che poi ti inculo
- La prego barone
- Non vorrai che lo metta dove è appena uscito il mio amico ? comunque comincia a succhiarlo poi prima che si asciuga il tuo piscio ti penetrerò
Catia prese in bocca quel pene turgido , con la lingua spennellava il glande provocando molto piacere , lui gli afferrò i capezzoli manovrandoli con maestria , lei smaniava ogni tanto lo guardava per captare l’espressione del volto e notava il piacere che stava provocando
- Voltati e allargati i glutei
- La prego , faccia piano,
Appena si mise in posizione sentì la lingua di lui scavare sulle crespe del buchino mentre con un dito stimolava il clitoride.
Quella lingua cominciava a far effetto e lei cominciò a spingere il culo verso quella bocca
- Ti stai arrapando stai diventando proprio una porca dimmi cosa ti devo fare
- Quello che vuole faccia tutto ciò che vuole la prego
- Sai cosa voglio
- Si, si lo metta pure nel culo ma faccia piano senza farmi male
Allora lui poggiò la cappella sul buco lubrificato di saliva e cominciò a spingere delicatamente ne silenzio di lei che subiva in silenzio poi quando ,ormai era entrato più della metà spinse di colpo facendole emettere un rauco grido strozzato- piaaaaanoooo oooooohh uhmm
- Lo hai tutto dentro
- Lo sento ,Piano la prego, all’inizio pianooooo
La inculò per un pezzo, gli ordinò di toccarsi nel mentre Gli aveva afferrato i capezzoli e li teneva con due dita tirandoli e stringendoli facendole anche male
Lei smaniava ,si lamentava aveva dolore, ma stava anche godendo, non aveva più il controllo di se stessa, non capiva il limite tra piacere e dolore, sentiva quel pene scavare nel suo intestino , aveva allentato i muscoli e il suo ano era aperto sfiatava aria
Intorno all’ano era bagnata e sporca ,di liquido fecale che scolava lungo una coscia, aveva la sensazione che stesse cacando , ma era solo quel cazzo che non mollava la presa
- La prego venga non resisto più, sento che sto per fare qual cosa che non vorrei
- Non hai fatto il clistere?
- Si ma ..
- Non preoccuparti sarà qualche rimanenza, sono sicuro che non smerderai, stai buona e continua a menarti la fica
- Basta , la prego basta mi sento lacerata
- Ancora non ho lo stimolo a sborrare, continua a lamentarti che mi eccita
- Bastaaa , bastaaa aaahhhh
Cominciò a piangere a singhiozzi , questo fu lo stimolo per eccitarlo, gli riempì il culo di sperma
la liberò lei rimase piegata in due mentre l’ano sfiatava aria e sperma, gli colava , piangeva con la testa sul pavimento, lui osservava le contrazioni e la fuori uscita del suo sperma giallastro che bagnava i peli della fica rendendoli lucidi
Infilò due dita in quel buco aperto, senza provocare nessuna reazione di lei, che aveva smesso di piangere, allora prese dalla tasca un vibratore e lo mise nella fica , lo accese e cominciò a scoparla .
Faceva andare l’oggetto su e giù delicatamente senza togliere le dita da dentro il culo
gradì quel trattamento, cominciò a gemere di piacere
- Ti piace vero?
- Si così la prego sto per venire
- Sei una porca dimmelo
- Si si sono un porca una troia aaah ecco , ecco vengooo ooohh
- Guarda lo hai fatto tornare duro
- Cosa devo fare
- Succhialo fino alla fine
Catia ubbidì e succhiò con grande passione, come se volesse ringraziarlo per l’orgasmo che gli aveva dato, si era allungata sul tappeto di fianco con la testa tra le gambe , succhiava mentre lui gli carezzava la fica fradicia di umori .
quando avvicinava un dito sull’anno lei si irrigidiva, cosa che lo faceva arrapare, venne quando prese il vibratore per poggiarlo sul buchetto. Si irrigidì al momento che lo spinse un po’ dentro, ebbe uno scatto e lui gli annaffiò il volto di sperma
Il pomeriggio era passato, così, tra sesso e umiliazioni ,ma anche denaro e un po’ di goduria
Catia aveva cominciato a capire cosa provavano le altre donne ad avere l’amante e il piacere delle scappatelle extraconiugali. Ora era lei l’artefice di quelle chiacchiere e critiche che
Non avrebbe mai creduto che scopare con uno estraneo e prenderlo nel culo gli avesse potuto dare piacere, quel piacere che non aveva mai cercato, che non era riuscita a trovare con suo marito ,poi aveva risolto il problema economico per andare avanti almeno fino a quando il marito non sarebbe uscito di galera
Una settimana, dopo questo episodio, si recò in carcere a trovarlo , dopo la visita un agente di custodia che stava in portineria gli disse che era attesa da direttore per comunicazioni che la riguardavano
Ebbe un congelamento del sangue, tanto da diventare paonazza, sapendo che non avrebbe potuto rifiutarsi e con le gambe tremanti arrivò all’ufficio , lui l’attendeva con la porta aperta
- Venga, cioè vieni dentro cara e chiudi la porta
- Signor direttore io..
- Stai zitta e fai quel che ti si dice, chiudi quella cazzo di porta e avvicinati anzi mettiti piegata sulla scrivania senza fiatare
Catia ubbidì , si avvicinò alla scrivania di noce, si piegò poggiando i gomiti sul tavolo
Il direttore si portò dietro di lei e si mise seduto comodo su una sedia. Prese la gonna e la tirò oltre la cinta mettendo in mostra le cosce con le calze e reggicalze e la mutandina di seta bianca che gli abbassò quel tanto da lasciare il culo scoperto, gli allargò le chiappe e..
- Questo buchetto lo trovo molto più aperto dall’ultima volta che ci siamo visti
- Ma cosa dice ? è sempre quello
- Stai zitta troia si vede che ti fai inculare, fammi sentire
Infilò il medio senza molta resistenza
- Si, si è proprio come dico io, questo culo lo stai usando come quei carcerati che qui lo prendono spesso
- La prego perché infierisce così, che cosa le ho fatto?
- Devi stare zitta, ti tratto come la troia che sei ,capito, stai ferma e tieni la bocca aperta con la lingua fuori
- Si signor direttore

Si alzò , lei aveva il volto rosso e congestionato ,abbassò i pantaloni e tirò fuori il cazzo eretto ,glielo pose sulla lingua ,ordinò che lo succhiasse
Lo fece, lo spinse dentro, lei succhiava elui allungava la mano per raggiungere le chiappe i e arrivò a infilargli un dito nell’ano, cominciò a infilare il buchetto lei smaniava e sudava, di paura soprattutto ,quando ne mise quattro, fece forza ad entrare
gli fece male e lei sobbalzò gridando di dolore
- Stai ferma
- Mi ha fatto male , mi ha fatto male
- Adesso ti scopo e ti passa
Mise una mano sul clitoride e iniziò a massaggiarlo mentre il pene lo appoggiava sulla fica spinse fino in fondo
- Adesso muoviti tu, scopati da sola, che io devo giocare con il buchino
- La prego no, cosa vuol farmi mi ha fatto tanto male
- Stai tranquilla e muoviti
cominciò a ubbidire , mentre lui muoveva le dita nel culo
cominciò a bagnarsi e lui se ne accorse , quando aumentò il ritmo e stava mugolando di piacere lui fece uscire le dita di scatto . Questo provocò un un sobbalzo e un urlo ma lui la immobilizzò premendo una mano sulla schiena e bloccandola sul tavolo , ricominciò a scoparla ma questa volta piangeva dal dolore subito
- Devo punirti guarda cosa hai fatto porca troia che altro no sei
- Ma non è colpa mia lei lo ha mandato fino allo stomaco è normale
- Vuoi dirmi cacare sulle mie mani? Bene adesso vediamo se dici la verità
- Ma no la prego .. aaaaahhh
Un solenne schiaffo si arrivò sulle sue chiappe facendola flettere sulle ginocchia
- Se io ti dico che devi cacare tu lo devi fare e quindi adesso ti faccio cacare - spogliati
Paonazza i piagnucolando Catia ubbidì una volta nuda lui volle che si rimettesse le scarpe con i tacchi e che camminasse dentro l’ufficio mentre lui tirò fuori di un armadio un vaso che pose sul pavimento ora doveva mettersi piegata e spingere
A nulla valsero le suppliche della donna e una volta posizionata la bloccò tenendola per le spalle gli disse di urinare e spingere , voleva vederla cacare li davanti a lui
Catia implorava chiedeva di incularla , scoparla ma lui insisteva la voleva vedere urinare e quando capì che lei non voleva prese un frustino e gli dette cinque colpi sotto ai glutei facendola piangere e urlare dal dolore
- Allora adesso ricominciamo , devi pisciare
Rimise la brocca e questa volta afferrò un capezzolo stringendolo
Catia aveva dolore , le contrazioni erano forti e le fitte la facevano piegare
Pregava di essere liberata, non voleva andare di corpo, ma lui non sentiva ragioni lei allora cercò di spingere era rossa per lo sforzo ma non usciva nulla dal suo culo
- ti fai inculare ?
- Si , si faccio tutto quello che vuole mi faccio inculare , lo faccio lo giuro lo faccio
Ora era pallida, sudata , aveva mal di pancia dal nervoso
Il direttore la fece allungare sul divano e gli ordinò di alzare le gambe e la scopò fino a quando non ebbe l’orgasmo sborrandogli sui peli della fica.
anche questa volta non gli bastò ,volle che leccasse il cazzo fino a farlo diventare lucido,i si mise quasi seduto sul suo viso e gli disse di leccare il culo, lei non se lo fece ripetere due volte perché lui gli aveva appena afferrato i capezzoli.
Lo leccava e appena cedeva un poco sentiva i seni andare verso l’alto e prima che il dolore arrivasse si dava fare facendo quasi entrare la lingua nel culo di lui
- Massaggiami la prostata
Lei mise il medio nel culo e lo mosse piano, sentì un calore sulla pancia e sui seni era lui che stava pisciando addosso
- Ma cosa sta facendo? che schifo
- Stai zitta troia mi hai stimolato con quel dito e adesso piscio
- Ma addosso a me?
- Non è mica la prima volta te ne sei dimenticata?
Catia si alzò, era bagnata e maleodorante, voleva andare a lavarsi, ma il direttore lo impedì e volle che stesse li ad aspettare che l’urina si asciugasse
Ti avevo promesso che ti avrei inculata e adesso è giunto il momento
- Ma dopo tutto quello che mi ha fatto? non crede che basti?
- Ogni promessa è un debito , vieni qui , stenditi sul pavimento e alza le gambe in aria in modo da mettere in mostra fica e culo
Ubbidì, sapeva che non avrebbe potuto fare diversamente , lui si avvicinò con un vasetto di vaselina tra le mano e aperto il barattolo unse il dito e poi l’ano
Spingeva dentro la crema , lubrificava la zona esterna al buco, infilava le dita, prima uno poi due e alla fine tre . Una volta dentro con due dita divaricava il buco e con il terzo solleticava il canale dandogli una sensazione piacevole anche se era terrorizzata
Quelle dita ingrassate di vasellina entravano ed uscivano dallo sfintere senza un minimo di delicatezza lui godeva a sentirla lamentare e più lo faceva più era violento
- Questo culo si sta allargando sempre di più , ti devi dare da fare , troia
- Ma cosa dice direttore , con tutti i problemi che ho perché mi maltratta cosa le ho fatto
- È inutile che cerchi di nascondere le tue tendenze, io sono esperto e questo buco , dall’ultima volta che ti ho visto, ha preso molti cazzi e sento che ti piace pure
- Si sbaglia direttore non …….
- Adesso basta con le cazzate sei una bugiarda ed è giunto il momento resta ferma così e allargati le chiappe
Si alzò e da un cassetto prese un fallo di plastica grande da far paura . Era lungo quaranta centimetri , cinque di diametro, la grossa cappella nera la mise nella bocca di lei che aveva cambiato espressione era terrorizzata
- No la prego quello no mi spaccherà , non posso andare all’ospedale
- Stai tranquilla se non mi fai incazzare farò piano
- Ma perche, cosa le ho fatto ?, ho sempre ubbidito, perché vuole farmi questo?
- Per vederti così terrorizzata, amo vedere le troie come te quando hanno paura, quando soffrono ,ora fai la brava
Prese il glande dell’oggetto e lo immerse nel barattolo della vaselina poi lo appoggiò sul buchetto di lei che ebbe uno scatto naturale di autodifesa. Lui attese che si rimettesse in posizione e che allargasse i glutei .
era titubante, cercava di dissuaderlo , ma il suo sguardo freddo la gelò e alla fine si aprì i glutei,
lui spinse solo un poco senza farlo entrare completamente ,la face lamentare e poi spinse facendo entrare due o tre centimetri del grosso oggetto poi cominciò a fare avanti e indietro inculandola
- Ti fa male?
- Si è grande
- È proprio quello che volevo sentire , toccati mentre ti inculo e fallo con impegno altrimenti te lo infilo tutto fino alla gola
Annui con la testa e mise la mano sulla fica
Il grosso giocattolo faceva gonfiare il basso ventre di lei e lui la umiliava
- Guarda come ti riempie, sono sicuro che prima o poi lo infilerò dentro, vedrai che dopo non dovrai sforzarti per cagare
- Piano , piano la prego
- Quando ti manca a venire troia ti vi vuole ancora molto?
- Si ecco ci sono quasi ecco eccooooo
Lei era venuta ma lui non volle sentire ragioni e continuò a farle il culo con l’oggetto e lei lo supplicava di smettere era stremata e non sopportava più quell’intrusione, ora gli procurava solo fastidio Ora era maleodorante aveva ora lo stimolo di cacare lui la fece alzare senza togliere il fallo , la inculava in piedi con lei che aveva voglia di scappare e si limitava a piccole torsioni del corpo e flessioni sulle gambe mentre lui l’aveva abbracciata e la stringeva contro il suo corpo nudo e sudato
Ora erano faccia a faccia
- La prego direttore la prego smetta mi sento male - iniziò a piangere
- Baciami in bocca fammi sentire la tua lingua e come partecipi
- La prego , bastaaa
- Vuoi che spingo di più o mi baci?
Lo bacio con disgusto , il volto bagnato dalle lacrime bagnarono anche il direttore
lui spingeva , lei si stringeva al suo corpo fecendolo eccitare nuovamente e Catia avvertì il glande di carne farsi strada tra le cosce e poi entrare nella vagina
- Sai cosa devi fare ? scopati da sola e baciami che io ti lavoro il didietro
Era allo stremo non riusciva più a capire dove iniziava la fica e il culo, aveva un bruciore generale , lui spinse ancora e sentì la fitta nelle viscere da staccare i piedi dal pavimento e rimanere aggrappata al corpoi che la teneva stretta con il braccio
Questo divincolarsi e piangere con grida strozzate provocarono l’orgasmo a lui che gli schizzò sulla pancia e sfilò il fallo dal sedere

Questo racconto di è stato letto 4 4 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


i pompini di mia madreracconti di inculateracconti fendomracconti incesti gaymi ha pisciato in boccaracconto porno gratisstorie feticismo piediracconti erotici guzzonfetish storieracconti con la suoceraracconti stupro gayraccont miluracconti di lesbichela cognata raccontiracconti zoofiliastprie pornoracconti gay cuginoraconti erosracconti erotocipiedi femminili raccontiincesto tra zia e nipoteracconti cuckoldracconti porno cuginaracconti porno incintaraccpnti eroticiracconti porno gratisracconti erotici zoofilistorie erotiche videoracconti di mariti guardonistorie porno tradimentostoriedi sessostorie vere cuckoldmoglie racconti pornodonna che scopa con cavallostorir pornodonne montate da animaliracconti erotici donneracconti sessoracconti sensualimoglie zoccola raccontistorie vere di donne che tradisconoracconti sesso incestiracconti erotociracconti erotici analiracconti porno milfsverginamento vaginaleracconti69racconti casalingheracconti sesso gratisracconti erotici anzianomasturbamiho inculato mammaracconti pprnodonna scopa col canevideo racconti gayracconti erotici xxxracconti suocereeroticiracconti.itmarito schiavo raccontiletture pornografichestorie gay 69racconti porno sorellaracconti donne maturepegging raccontilibri erotici comiciracconti erotici generiracconti ragazzeracconti di esperienze sessualiracconti sorellaracconti sex gratissuocere porconebello sticchioraccontigayracconti eroticcileccamelaerotivi raccontimilù raccontiracconti porno familiaritrampling storieraccontipornograficiincestiraccontiraccontierotico