Mirela, tacchi e piedi - cap.4 Stavolta nel mio ufficio

Scritto da , il 2019-10-18, genere etero

Quello al centro commerciale fu il primo di una lunga serie di incontri clandestini, organizzati più o meno bene, in luoghi più o meno eccitanti. L'unico difetto che aveva il mio rapporto con Mirela era che i nostri incontri avvenivano solamente al mattino od al pomeriggio ed esclusivamente in orario lavorativo. Mai un pranzo, una cena, una serata o men che meno una nottata.
“Se potessimo stare insieme una notte intera, chissà quante volte ti monterei”, le dicevo spesso.
Mirela rideva e poi rispondeva quasi sempre con la stessa battuta:”Non è detto che io lo voglia, oppure l'esatto opposto: che tu riesca a resistere al mio ritmo per una notte intera”. Sapeva essere misteriosa ed eccitante al tempo stesso, senza essere fastidiosa. Non parlava mai, né bene né male, del marito anche se pian piano capii che il loro rapporto non doveva essere idilliaco, nonostante la facciata estremamente buona che come coppia davano esternamente.
Frasi come “non vedevo l'ora” oppure “quanto tempo”, davano l'idea di una vita sessuale non troppo frenetica tra le mura domestiche.
Un pomeriggio me ne diede conferma quando improvvisamente me la trovai davanti all’ingresso del mio ufficio con il dito incollato al campanello. Dalla mia porta si vedeva esternamente, ma non era possibile dall’esterno vedere all’interno. Rimasi ad osservarla un attimo, notando immediatamente il suo cattivo umore e la sua agitazione, ma anche il suo look, perfetto come sempre. Indossava un abito nero, stretto, che metteva in mostra le sue forme. Era ingrassata un paio di chili e lo ripeteva in continuazione come fosse un difetto, ma io la preferivo. Scarpe nere dal tacco alto, aperte dietro e calze neutre completavano il suo look.
Era uno di quei pomeriggi in cui la mia impiegata non c’era perché impegnata in un corso di aggiornamento. E lei lo sapevo benissimo perché glielo avevo raccontato.
“Che cazzo aspettavi ad aprire?!?!?”, mi chiese entrando come una furia.
“Ero al telefono”, le mentii cercando di capire cosa avesse mentre richiudevo la porta a chiave.
“Poteva vedermi qualcuno!”.
“E con ciò? Non è che entrare da me sia vietato!”.
“Se entrare da te implica il fatto che tu entri dentro di me, direi che è vietato eccome! Almeno per mio marito!”, mi rispose lasciandomi quasi senza fiato nel comprendere il motivo per cui si era fiondata nel mio ufficio.
Poggiò la borsa su una poltrona e si appoggiò ad una scrivania indicandomi di avvicinarmi. Io lo feci e ci baciammo. In modo sensuale e morboso, come due che non si vedevano da anni. Lei aveva voglia. Io non pensavo che quel pomeriggio avremmo scopato, ma la voglia mi venne subito.
Smisi di baciarla sulla bocca e le leccai il collo. Lei mi lasciò fare scusandosi per quell’improvvisata. Disse che quella era stata una giornata difficile con suo marito e di avere bisogno di rilassarsi.
Mentre la baciai le sollevai il vestito e le strinsi le natiche fra le mani. Indossava delle autoreggenti ed aveva davvero un bel culo, sodo e pronunciato.
“Vuoi rilassarti o vuoi scopare?”, le sussurrai all’orecchio.
“Stai scherzando?”.
“No. Potrei anche massaggiarti le spalle e calmarti. Magari hai semplicemente bisogno di tranquillità”, le dissi sogghignando.
Lei allora spinse il pube verso di me e mi disse:”Facciamo quello che sappiamo fare bene. Inutile spingersi lungo sentieri che non conosciamo. Ti voglio. Adesso”.
Poi si accovacciò davanti a me e dopo avermi slacciato cintura e pantaloni, si prese cura di me con la bocca. Era brava, non c’era dubbio e non ci vollero troppi minuti perché io mi sentissi pronto per possederla.
La feci alzare e le fece capire che l’avrei voluta prendere sulla scrivania. Scansai tutte le cose con una mano facendole cadere a terra e poi la aiutai a sedervisi. Le sollevai le gambe ed automaticamente il vestito le risalì in grembo. Poi le sfilai gli slip neri e mi posizionai tra le sue cosce con il cazzo eretto.
“Lo vuoi?!?!?”.
“Oggi più che mai”.
“E che è successo?!?!?!”.
“Lascia perdere e scopami”, mi rispose.
Ed io feci quello che lei mi chiese. Entrai nel suo corpo sentendomi quasi risucchiare e cominciai a darle delle sonore spinte. Mirela strinse le gambe dietro di me, in modo da mantenermi stabilmente dentro di lei.
Mentre la scopavo mi incitava a prenderla sempre più forte, come se quel giorno fosse quasi insaziabile. Era sempre stata una femmina calda ed esigente ma quel pomeriggio il suo desiderio sembrava esagerato ed a mio parere misterioso.
Le sollevai il vestito fino a raggiungere con le mani le coppe del reggiseno nero che indossava e le strinsi le tette fra le mani. Allora Mirela mi chiese di aiutarla a togliersi il vestito che, senza smettere di scopare, la aiutai a sfilare dalla testa insieme al reggiseno. Lei restò quindi solo con le autoreggenti e le scarpe, io con i pantaloni abbassati e la camicia. Se qualcuno ci avesse visti, saremmo sembrati due attori di un porno casalingo degli anni novanta.
Avrei capito più tardi che quel comportamento era il frutto di una notte frustrante di sesso familiare inappagato e di una mattinata di litigi coniugali. L’idea di non essere più eccitante per il proprio marito, mescolata al desiderio di essere soddisfatta potevano diventare una miscela esplosiva per una donna e per lei era accaduto.
Al suo primo orgasmo rallentammo un attimo, giusto il tempo di farla respirare. Ne approfittai per liberarmi della camicia e per scalciare lontano scarpe, pantaloni e boxer ma senza uscire dal suo corpo.
Quando si fu ripresa un attimo, la feci scendere e la feci voltare, consigliandole di inclinarsi in avanti e poggiare le mani sulla scrivania.
“Ne vuoi ancora?”.
“Ancora e ancora!”, mi rispose sorridendo. Poi si piegò in avanti, poggiò le mani sulla mia scrivania ed allargò leggermente le gambe.
“Mi vuoi perquisire?”, mi chiese.
“Totalmente!”, le risposi.
Le poggiai le mani sui fianchi e mi posizionai dietro di lei puntando il mio cazzo eretto tra le sue gambe. Ci volle un attimo per entrare agevolmente dentro alla sua fichetta umida e bagnata.
“Mmmmhh…..mi fai impazzire. Scopami! Scopami!”, mi incitò mentre già con i primi colpi entrai totalmente dentro di lei. Il mio pelo pubico sfregava contro alle sue chiappe ad ogni colpo che le infierivo. Tenendole le mani sui fianchi non potei non notare il suo leggero ammorbidimento nel fisico, ma non le dissi nulla. Era ancora ben tenuta ma si stava avvicinando ad una età in cui il mantenimento non era certamente cosa facile.
“Sai che hai un culo bellissimo?”.
“Veramente? E il resto?”.
“E il resto anche. Sei davvero una femmina arrapante”, le dissi.
“Grazie”.
“Quando trascorreremo una notte insieme?”, le chiesi allora.
“Non ti bastano questi incontri?”.
“No. E nemmeno a te”, le dissi con sicurezza affondandole un colpo leggermente più forte dei precedenti.
“Oh mio Dio. Piano! Così mi spacchi! E cosa te lo fa pensare?”.
“La foga con cui ti sei presentata oggi. Quello me lo fa pensare”, le risposi. Poi la presi per i capelli dietro la nuca e la obbligai ad alzarsi leggermente. Avvicinai lateralmente il mio viso al suo e allungai la lingua per baciarla. Mirela si voltò ed a sua volta estrasse la lingua. Ci baciammo con passione e desiderio.
Sentivo che se non avessi rallentato sarei venuto in fretta, ma allo stesso tempo sentivo che Mirela stava per raggiungere il suo secondo orgasmo. Mi fermai un attimo.
“Che fai?”, mi chiese smettendo di baciarmi.
“Mi fermo un attimo. Mi hai chiesto tu di fare piano”, le risposi guardandola a fondo nei suoi occhi.
“Mmmhh…..no, dai….. spingi!”.
Poi si voltò di nuovo poggiando le mani sulla scrivania e piegandosi nuovamente in avanti. Sollevò il ginocchio destro e posò anch’esso sul piano ed io sentii immediatamente aumentare il mio spazio di azione. Cercai di tenere duro e di resistere e riuscii, pochi attimi dopo, a farle raggiungere il suo secondo orgasmo.
Mirela inarcò la schiena e mi fece capire di incrementare le spinte, cosa che feci all’istante. Lei sobbalzò e la sua scarpa destra cadde addirittura dal suo piede a terra. Poi cacciò un urlo quasi animalesco ed il suo corpo vibrò. Era il segnale che aveva raggiunto l’apice del piacere. Quando qualche secondo dopo riabbassò la gamba destra sentii la sua figa stringere il mio cazzo dentro di lei. Sapevo che non sarei riuscito resistere ancora molto.
“Fammi venire con la bocca!”, le dissi spingendola ad abbassarsi davanti a me e lei lo fece subito. Si accovacciò allora davanti a me e per la seconda volta in quel giorno si prese il mio cazzo in bocca. Lo fece guardandomi dal basso fisso negli occhi e la cosa mi fece ulteriormente eccitare. Mirela era davvero una gran femmina e mi consideravo veramente fortunato a poter godere della sua compagnia. Sapevo che non sarebbe durata in eterno ma finché lei mi avesse voluto, io sarei stato disponibile.
Abbassai una mano posandogliela sul capo e la invitai a scoparmi il cazzo con la bocca. Lei capì immediatamente come anche per me fosse giunto il momento, allora incrementò il ritmo. Sentivo la sua lingua percorrere interamente la mia asta e quando giunse il mio momento decisi di godermelo al massimo, senza lasciarmi scappare niente. I primi schizzi le inondarono la gola. La sentii deglutire ma non smise e continuò deglutendo finché io non ebbi realmente finito.
“Cazzo! Ma quanta ne avevi!!!”, mi disse dopo essersi tolta il mio cazzo dalla bocca ed essersi pulita con il dorso della mano.
“L’avevo tenuta tutta per te!”, le dissi ridendo.
Era una marea di tempo che non trovavo una donna disposta ad ingoiare. Glielo dissi.
“Io non sono una donna qualunque”, mi rispose dopo essersi alzata ed aver infilato la scarpa destra, mentre si apprestava a riprendere vestito, reggiseno e slip che nel corso del rapporto erano caduti dalla scrivania.
“Questo lo avevo capito”.
“E ti piace questa cosa?”.
“Molto più di quello che credi”, le dissi lasciandomi andare. Mi avvicinai a lei e la cinsi in vita tirandomela vicina. Aveva un buon profumo nonostante il sudore causato dalle energie appena spese. La baciai su una spalla e poggiai la mano sul suo seno sinistro, palpeggiandoglielo.
“Che fai?!?!?”, mi chiese sorniona “Così mi ecciti ancora”.
“Proprio quello che intendo fare”, le dissi leccandola leggermente sul collo e poggiando l’altra mia mano sul suo posteriore.
“Ma non devi lavorare?!?!?”.
“No. E tu?”.
“Potrei allungare la mia pausa ancora un po’”, mi disse poggiando la sua mano sinistra sulla mia coscia.
Vidi le sue unghie, non troppo lunghe, smaltate di rosso. Mentre feci scendere la mia mano destra tra le sue chiappe ed il mio dito medio si insinuò fino al suo orifizio, Mirela portò la sua mano sul mio cazzo che, nonostante la prestazione appena effettuata, cominciò subito a rivitalizzarsi.
“Facciamo ancora un po’ di pausa assieme?”, le chiesi.
“Stai zitto e scopiamo”, mi rispose.

Questo racconto di è stato letto 6 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


eroticiracconti.itracconti disessostori pornoporno racconti tradimentistotie pornostorie di zoofiliastorie di sesso con ziastorie di coppie scambisteracconti mamma figlioracconti piedi maschiliracconti eeroticinonna fammi una segaerotici raccotiracconti erotici fratelliporno storiporno racconti incestuosiarrizzacazziracconto oseracconti porno annunci 69storie vere incestistorie pirnotorie pornoracconti strip pokerle seghe di mia moglieho ingravidato mia madrexnxx nipoteracconti lesbicheracconti sottomessoracconti erotici moglieracconti erotici erotici raccontistore pornoracc eroticiracconti erotici segheraccont 69storie di donne maturestorie pornomature zoofiliastorie di scambi di coppiaracconti porno erotici gratisrscconti eroticiracconti di donne in calorestorie ornostorie ponoracconti lesbo matureracconti incesto 69racconti erotici giochiracconti sex 69racconti per adulti gratisracconti incestracconti porno italiani gratiserotoci raccontiracconti gay annunci69racconti di malugeneri dei racconti eroticiracc sessstorie porno realiraconti pornoorge familiaricuck raccontierotici racconti gratisraconti erosracconto analeracconti molto pornodonne che si leccano i piedirracconti eroticila zia raccontiracconti/eroticiracconri eroticicconti eroticiracconti erotici a tremilùraccontiracconti erotici annuncio 69raccontierotiracconti eeroticiho scopato mia cuginalesbiche storier acconti eroticiracconti erotici depilazionestorie erotic eracconti prnovere esibizionistelaura panerairacconti porno mamma e figlioraccontieroticiracconti erotici tradimentistorie erotichevideo racconti gayracconto pompinopiedi racconti eroticiracconti pirnorscconti eroticiracconti erotici mstorie transexraccotni eroticistorie erotiche milugay racconti eroticiracconti di spankingracconti porno gay gratis