Finalmente Mamma e Figlia

Scritto da , il 2019-10-17, genere incesti

Storia inventata con nomi di fantasia, pertanto ogni riferimento è puramente casuale.
Seguito di: Un pomeriggio di ripetizioni - quella sera a casa.

Erano trascorse più di due settimane da quella folle giornata, iniziata come tutte le altre, proseguita e terminata all’insegna di sesso, solletico e masturbazione.
Francesca pensò e ripensò a ogni singolo momento, impossibile da cancellare.
La prof, la sua prima volta con una donna; la madre, la loro prima serata erotica assieme.
Esperienze indescrivibili, durante le quali aveva messo a nudo tutte le sue fantasie.
Poco ma sicuro: non avrebbe mai più scordato quel venerdì 13 Aprile.

Era sdraiata supina sul letto, quella domenica mattina, mentre ripercorreva tutto questo, quando comparve la madre sulla porta di camera sua.
Si era alzata da poco. Indossava, infatti, ancora il pigiama, costituito da una vestaglia di pizzo color blu elettrico, molto sexy. Ai piedi portava le infradito. Francesca notò che aveva cambiato tonalità di smalto. Ora era di un colore verde acqua. Le stava benissimo. Pensò che le sarebbe bastato poco per far girare la testa agli uomini, solo che ne avesse avuto l’intenzione.
“Buongiorno, Tesoro” la salutò la madre “già sveglia a quest’ora?” chiese poi.
Francesca guardò l’ora sul cellulare: erano le 8.30 di domenica mattina. Erano passate solamente quattro ore dal suo rientro a casa, dopo un tipico sabato sera in disco.
“Non riuscivo più a dormire” disse. Era sveglia da più di mezz’ora, quindi la sua notte di sonno era durata circa tre ore e mezzo: non andava bene.
Sua madre scostò i capelli dal viso –li portava di color castano, a caschetto medio con frangia- e si sedette accanto a lei.
“Non sarai preoccupata per la gita di domani vero?? Dai, su! Che ti divertirai!!” le disse. E la punzecchiò a pancia e fianchi con le dita, strappandole dei risolini per il solletico.
“Dai! No! Lasciami! Ahahah!” reagì, divertita, la ragazza.
Stavano giocando di nuovo, pensò, ma dopo quella sera aveva tutt’altro significato.
“Fai sparire quel muso lungo, dai…” riprese la madre “più tardi ti darò una mano con la valigia”.
“Ok, grazie mamma!” rispose Francesca, con un tono di voce da bimbetta “come sei buona con me!” aggiunse, proseguendo nella sua interpretazione.
Sua madre, di rimando, le spedì un sorriso asimmetrico, quasi a voler dire "davvero spiritosa".
“Devo uscire per un paio di commissioni, torno più tardi” disse lei.

Sara tornò in camera sua per cambiarsi d’abito. Iniziò a spogliarsi dalla sexy vestaglia. Era uno schianto.
Non portava che le mutandine per dormire, oltre al pigiama, e fu così che lo specchio consegnò una favolosa immagine del suo stupendo seno 4° misura.
Si sfilò, infine, anche i neri slip di pizzo, rimanendo completamente nuda, assieme al suo riflesso.
Fuori dalla quella stanza, vi era un altro specchio, posto nel corridoio di passaggio tra la sua e la stanza della figlia. Non aveva mai notato che questo, riflettesse direttamente nella camera di Francesca.
Attraverso di esso, prese ad osservare la stanza della figlia. Si riusciva a scorgere solamente una piccola parte, ovvero il pezzo finale del letto. Francesca era ancora sdraiata, ma aveva rimosso le lenzuola, palesando le piante dei piedi. Sara ebbe un sussulto. Anche per lei, dopo quel venerdì 13, nulla era più come prima. Le tante emozioni provate, le avevano come acceso la parte feticista di sé.
Aveva, infatti, iniziato ad osservare le estremità altrui, femminili e maschili, desiderandone il contatto.
Aveva provato ad approcciare a quelli del marito, durante uno dei loro ultimi rapporti, ma questi non dimostrò di gradire, preferendo le zone tradizionali. Sara ne rimase delusa.
Tornò al presente. I piedi della figlia erano ancora al loro posto, forse si era appisolata nuovamente. (E ti credo, nemmeno quattro ore di sonno!).
Sentendosi al sicuro ed inosservata, cominciò a toccarsi, dapprima in piedi, poi seduta sull’unico bordo di letto che le permetteva di osservare quelle meraviglie.
Aveva una voglia matta di poterle nuovamente toccare, baciare, leccare. Anche il solletico non era male.
Ripensò a quella serata, una forte eccitazione le stava crescendo.
L’istinto la stava spingendo verso quella camera. In fondo, che male c’era? Era una cosa già successa. Il ghiaccio era rotto. Ed erano sole in casa.
“No! No!” si ripeté Sara, in preda ad un conflitto emotivo.
La ragione, invece, le impediva di fare qualsiasi cosa avesse in mente. Le sembrava di sentirla parlare.
“Non è proprio il caso, Sara. Hai già commesso quest’errore. È completamente fuori luogo. Lei è tua figlia”. E altre banalità del genere.
Tornò a sbirciare nello specchio. I piedi erano ancora i protagonisti dell’immagine riflessa, solamente che stavolta erano incrociati e roteavano in modo molto provocante. Ripensò a come tutto era iniziato quella sera. Le parti, stavolta, si erano invertite.
L’eccitazione era forte, forse troppo per farle fronte.
Sara cercò di ricomporsi velocemente, lavandosi il viso e cercando di controllare la respirazione, leggermente irregolare in quel momento.
Si vestì per uscire, indossando un jeans aderente ed una t-shirt fucsia. Sfilò le infradito, e si diresse in corridoio a piedi nudi, avendo dimenticato le scarpe al piano di sotto.
Decise che avrebbe salutato la figlia con un piccolo cenno della mano: non avrebbe incoraggiato il suo lato istintivo in alcun modo. Ma non fu così. Passandole accanto, gettò un’inevitabile occhiata alla stanza di Francesca. La ragazza stava armeggiando con il cellulare, roteando ancora i piedi.

Francesca posò il telefono lentamente, rivolgendo uno sguardo ambiguo alla madre.
“Speravo mi stessi guardando” esordì lei “mi sono scoperta delle lenzuola per vedere se riuscivo ad attirare la tua attenzione” continuò la ragazza.
La madre rimase dapprima confusa, poi sorpresa ed infine consapevole del fatto che la figlia stava cercando di provocare in lei una qualche reazione, riuscendoci a quanto pare.
“Francesca che dici, io…” tentò di ribattere la donna.
“Lo so che ne hai voglia, almeno quanto me” proseguì la ragazza, pienamente sicura di sé.
“Non era un caso che fossi già sveglia stamattina. Sapevo che papà era fuori casa, che eravamo sole, e mi sono eccitata da morire al solo pensiero” concluse Francesca, con il tono di voce palesemente alterato dall’emozione.
La madre rimase senza parole. Fece per replicare, quando sua figlia disse ancora:
“Sei molto sexy così… casual, ma sexy!”
Le sembrava di essere tornata indietro agli anni del liceo, quando il ragazzo di turno flirtava con lei.
Ma stavolta… stavolta era sua figlia. E lei ne era attratta.
Si stava bagnando. Eufemismo. Era fradicia ed in preda all’eccitazione. Il modo in cui Francesca si stava rivolgendo a lei, il complimento sul suo outfit, la stavano mandando in estasi.
“Ti prego, gioia, che dici…smettila dai…” tentò goffamente sua madre, distogliendole lo sguardo dagli occhi.
Si girò, e fece per incamminarsi fuori dalla stanza, ma Francesca le parò davanti una gamba. Sfruttando gli anni di allenamenti ai muscoli addominali, la reggeva a mezz’aria, a mo’ di barriera “Aspetta, dai!” disse lei.
Sua madre non si aspettò quel movimento tanto fulmineo, ed istintivamente, poggiò le mani su di essa, la destra sul ginocchio, la sinistra sul piede. Era liscio e tiepido, con le dita smaltate di nero, con un particolare bordo bianco in punta. Fu il momento decisivo. Il punto di non ritorno.
Girò la testa verso la ragazza, con un malizioso sorriso che sembrava dire “Te la sei cercata, piccola”, e mentre lo faceva, iniziò a farle un dolce solletico alla pianta.
La bellissima risata di Francesca riempì la stanza, cacciando l’imbarazzante silenzio che aleggiava poco prima.
“Ahahahah!! Lo sapevohoho! Lo sapevo che me lo volevi fareheheh!!” disse lei ridendo.
Sua madre, intanto, si era comodamente seduta sul letto per proseguire la sua opera. Prese e solleticare anche l’altro piede. Le risate aumentarono.
Era incredibile come una persona che soffra il solletico ai piedi in quel modo, non stesse facendo nulla per impedire quella tortura. Tutt’altro. Francesca li teneva lì, perfettamente esposti, rispondendo agli stimoli solamente con dei leggeri movimenti in avanti, indietro, o roteando in uno o nell’altro senso.

Sara si stava eccitando come non mai. Sbottonò i jeans ed infilò una mano nelle mutandine, mentre con l’altra continuava a far danzare le dita sotto i piedi della figlia.
Iniziò a masturbarsi, e lentamente scivolava con il sedere, fino a ritrovarsi quasi sdraiata, con le gambe allungate fino a sfiorare il comodino accanto al letto della ragazza.
Era in preda al godimento, quando la sua corteccia somatosensoriale, la grande regione del cervello che risponde a informazioni su tatto, temperatura pressione e dolore, le comunicò di un ritmico sfregamento che stava avendo luogo sotto i suoi piedi. Nuove ed improvvise risate, dilagarono nella stanza.
Francesca, infatti, notò i piedi a portata di mano e, approfittando del momento di completa vulnerabilità della madre, decise che si sarebbe divertita anche lei.
Seguirono diversi minuti in cui entrambe si solleticavano. Sara non riuscì più né a giocherellare con il suo clitoride, tanto era in balia di quella tortura, ma nemmeno a solleticare i piedi di Francesca. Lei lo soffriva nettamente più della figlia. Era come se fosse prigioniera.
Francesca le concedette una breve pausa. Ansimando e ridacchiando, sua madre si tirò su, e vide la figlia sdraiata e con le gambe completamente spalancate. Le mutandine era bagnate. L’eccitazione era alle stelle.
Non riuscì a resistere. La prese per le gambe, tirandola a sé. Le sfilò le mutandine, e mentre lo faceva pensò ”sto per fare sesso con mia figlia”. Questo non la fermò, anzi. Con piena foga, affondò la lingua nella vagina della ragazza, quasi spiazzata da tanta intensità, e questo non fece altro che alimentare il tutto.
Mamma la stava scopando con la lingua, leccandola tutt’intorno, solleticando il clitoride e dando piccoli colpetti tra le grandi labbra.
Ansimando e gemendo sempre più forte, la ragazza urlò in modo liberatorio quando venne direttamente in bocca alla sua mamma. Ma non era finita. La donna iniziò a scoparla con le dita della mano, infilandone tre nella vagina della ragazza, che riprese ad emettere versi animaleschi.
“Ti piace come ti scopa mammina?!?” esclamò Sara, mentre entrava ed usciva selvaggiamente dalla fighetta della figlia.
“Così, alla mia bambina piacciono le donne eh?” continuò
“Si! Sì mammina! Mi piacciono! Mi piaci tu! Scopami mammina!” fece la ragazza di rimando, totalmente immersa in quell’esperienza erotica al culmine del piacere.
“Quel coglione di tuo padre” proseguì lei con un tono vagamente feroce “ha sempre una scusa buona per non farlo”. E insistette con quel movimento, finché la figlia non ebbe un secondo orgasmo.
“Aaaaaaaahhh!!” un altro grido liberatorio, riempì la camera della ragazza, ma sua madre sembrava in piena trance erotica, e continuò a masturbare la figlia, completamente alla sua mercé.
“A quello stronzo non piacciono i piedi!” disse ancora con rabbia, imitando la voce del marito “lui preferisce le zone tradizionali” proseguì “ho dei piedi fantastici! Ho decorato le unghie per lui, bah! Stupido coglione!”
Non credeva che Francesca la stesse ascoltando. Dalla sua bocca, uscivano solo vagiti di piacere, quando disse: “io…io amo i tuoi piedi, mamma…! Sono… bellissimi!”. E riprese con i mugolii.
“Grazie, gioia mia! Lo so che ti piacciono” rispose “per questo voglio regalarti un’altra cosa”.
Si allontanò da lei e, stendendo le gambe, iniziò a masturbarla con i piedi.
Per la ragazza fu devastante. Un altro orgasmo la raggiunse in pochi minuti. Un altro ululato, certificò il suo godimento.
Francesca allungò le braccia, cercando i piedi della madre. Si agganciò al lembo dei jeans e tirò per sfilarglieli. Li lanciò in mezzo alla stanza e, ansimando, si tirò su a guardare la madre.
Allungò lei un piede all’altezza del suo sesso, palpeggiandolo delicatamente
“Devo ricambiare mammina! Voglio vederti godere anch’io!” disse la ragazza.
Con una sorprendente abilità, supportata dai già citati addominali, le tolse le mutandine con i piedi e in attimo aveva già la lingua sul clitoride della donna, la quale prese a toccarsi i seni, pizzicandosi i capezzoli.
Francesca decise di provare quanto già fatto con la prof: le sollevò le gambe a mezz’aria, e mentre la scopava con la lingua, fece scorrere le mani dal incavo del ginocchio ai polpacci, fino a raggiungere i piedi.
“Mammina…” fece una pausa, tra una leccata e l’altra “sei mai venuta mentre ti facevano il solletico??”
Non fece in tempo a rispondere, che le dita della ragazza presero a danzare lungo quelle piante.
Francesca fece il solletico a sua madre mentre la scopava con la lingua.
Aveva constatato quanto quel connubio di sensazioni fosse micidiale.
Non passo che un minuto, quando mamma le riempì la bocca di tutti quelli umori che da troppo tempo aspettavano di uscire. Il corpo si contorse per le scariche elettriche e gli spasmi. Da parecchio tempo, Sara, non aveva orgasmi di quel genere. Se ne procurava molti da sola, sotto la doccia, nella vasca da bagno, la sera quando in casa non vi era nessuno, ma questo, beh… li batteva tutti!
Fu quasi sul punto di complimentarsi con la figlia, “dove cazzo hai imparato?!?”, le avrebbe voluto chiedere, tutto questo mentre ansimava, gustandosi appieno gli ultimi momenti di quell’estasi assoluta.
Riaprì gli occhi, realizzando che Francesca le si era sdraiata accanto, tenendole una mano sulla sua pancia.
Sembrava dormisse, o quantomeno si trovasse in uno stato di completo relax.
Sara le accarezzò la testa, passandole attraverso i capelli, finché la ragazza non cadde tra le braccia di Morfeo. La donna, rimase in quella posizione per qualche minuto, quindi si alzò e, rivestitasi, si diresse in corridoio e raggiunse la scala che portava al piano di sotto. Le commissioni la stavano aspettando.

È risaputo che, dopo il sesso, dopo che il corpo viene scosso da uno o più orgasmi, un fiume di endorfine viene riversato all’interno di esso, favorendo rilassamento e buon umore. Questo abbassamento della tensione, provoca al contempo, l’abbassamento anche della concentrazione e/o dell’attenzione.
Fu a causa di questo, che Sara non diede troppa importanza ad un dettaglio che le era parso di cogliere con la coda dell’occhio, mentre passava a fianco della sua camera. Forse avrebbe dovuto, ma non sospettava minimamente che Andrea, suo marito, si trovasse seduto sul medesimo bordo del letto su cui vi era lei:
Da quanto tempo era lì?

Questo racconto di è stato letto 9 9 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


fotoracconti pornoracconti gay freeporno racconti bisexscopami poi ti spiego facebooknonno superdotatostorie erotic eho scopato con mia suoceraraccontidimilùracconti veri di incestierotici racvontierotici racconti gratisracconti erotivciracconti erotici adultiincesti tra cuginiracconti erotici maritoporno racconti eroticifoto romanzo pornoracconti porno mammaracconti porno troieerotici racerotico storieeroticraccontiracconti coppie cuckoldannunci incestiracconti erooticiracconti porcatescambisti storieho scopato mia nipoteraconti eroticitroia suocerastorie sessualiracconti etoticimamma ti sborro dentroracconto erotico incestostorie pornoracconti veri gayracconti di una moglie troiaracconto eccitanteincesto confessioniraconti eroticemilf racconti eroticiracconti hard con animaliesperienza eroticaracconti ingestiincesti nonna e nipoteraccontieriticiracconto sculacciataerotici racconti.itracconti moglie inculataho tradito mio marito all'addio al nubilatoracconti gratis di sessoracconti gay pornosuocera porcellaracconti erotiiciracconto erotico cuginamia cognata e una troiarac erotracconti faybird2012racco.ti eroticiracconti eroticaracconti donne porcheesperienze di sessoeracconti eroticiraccinti eroticiracconti erotici primo pompinogay porno storiei raccconti di miluerotiraccontiracconti di donne sodomizzatestorie gay romantichemoglie inculata da amanteracconti travestaracconti erotici di sessorotici raccontistorie inculateuomini che leccano i piedi alle donnerscconti pornoracconti lesbicaracconti eroticjracconti erotici genereracconti di deflorazioneracconti erotici sui piediesperienze di sessoraccconti gayracconti hotraccinti pornoravconti pornoracconti erosracconti maturamarito cornuto bisexracconti erotici mia cuginamia cognata porcaracconti erotici incestiporno moglie al cinemaracconto sexyracconti eroticoracconti pirnostorie di pornostorie ard