Tutto in frantumi 3 - "Girati"

Scritto da , il 2019-10-13, genere etero

Inquieta, forse spaventata. Con il battito del cuore accelerato e le chiappe nude sul pavimento. Tommy è seduto sul divano mentre gli stringo le gambe. Prima ancora che mi annunciasse che deve dirmi una cosa che non mi piacerà l’avevo capito che c’era qualcosa che non andava. Forse perché ha detto “Annalisa vieni qua” con la voce seria, forse perché, adesso lo percepisco meglio, negli ultimi giorni l’ho sentito un po’ strano.

Il suo silenzio mi diventa intollerabile, la carezza che mi fa sui capelli non serve onestamente a un cazzo, non sono mica un cane che lo calmi con una carezza in testa.

Parla, Tommy, di’ qualcosa Qualsiasi cosa è meglio di questo. Beh forse non proprio qualsiasi cosa ma parla lo stesso.

- Ho una storia con Isabella – attacca all’improvviso.

- E chi cazzo è Isabe... NO!

Non puoi farmelo Tommy, non con quella gatta morta, con quella stronza che si vedeva benissimo che non vedeva l’ora di dartela e, se è per questo, anche che io mi levassi al più presto dai coglioni quella volta che sono venuta qui da te. Quella che con la vocina gnè gnè mi chiedeva “siete fidanzati?” e che è rimasta di sasso quando le ho detto “no, però scopiamo”.

- Come cazzo fai, Tommy? – gli chiedo con la voce più sorpresa che disperata.

In realtà vorrei dire: a parte il fatto che è obiettivamente una bella fica, come cazzo fai? Ma me lo tengo per me. Però davvero non capisco come, bella fica a parte, una come lei possa risultare minimamente sopportabile a uno come Tommy. Cioè, scoparsela d’accordo, anche se mi girerebbero lo stesso, ma addirittura una storia... Come cazzo fai?

- Che ti devo dire, non lo so – risponde lui.

- Ma che cazzo dici che non lo sai, Tommy! Ma vaffanculo che non lo sai! Da quanto ci stai?

- Una decina di giorni... mi ha già rotto i coglioni. E’ appiccicosa, dice che investe tanto in questo rapporto... ma ti rendi conto? Cristo, dieci giorni e lei investe... Più le dico che ci devo pensare bene, che non voglio impegnar... sai ste cazzate, no? Più lei si accolla...

- Te la sei scopata?

- No, abbiamo giocato a carte... Ma che cazzo di domande fai pure te? Però è da quel momento che... sai quelle che ti fanno sentire in colpa?

- E' venuta lei qui? - domando.

- Che volevi, che lo facessimo a casa sua, con i suoi?

Per un attimo colgo un lato comico della situazione, che a me almeno pare comico, e glielo dico.

- A quella troia di Sharon non risparmi proprio nulla, eh? - chiedo sarcastica – prima le porti in casa me, poi sta stronza...

- Ah be’, lei non l'ha presa molto bene, non lo dice esplicitamente, però... Si limita a chiamarla come la chiami te, gatta morta. Ma si vede che non l’ha presa bene.

- Ti è chiaro il perché, spero. Almeno questo depone a suo favore - osservo - sarei curiosa di sapere come chiama me...

- Tu per lei sei "quella puttana di Roma". Ma non è che abbia molta voglia di parlare di te, in genere.

- Senti chi parla di puttane, non so se sia peggio lei o Isa-troia... e quindi che hai deciso di fare? La molli?

- Non è facile, sarà una gatta morta ma è una gatta morta aggrappata ai coglioni... si mette a piangere... chi se lo immaginava.

- Già, tu pensavi fosse solo una "bella figaaa" - gli replico accentuando in modo grottesco il suo accento, o qualsiasi altro accento del nord, non saprei.

- ... e poi c'è un'altra cosa che riguarda proprio Sharon... - fa lui dopo qualche secondo di silenzio imbarazzato.

- Ti sei scopato anche lei? Ancora? - domando estenuata.

Mi cadono proprio le braccia. La sensazione che provo in questo momento è questa. Non rabbia, non gelosia: semplicemente, mi cadono le braccia al pensiero di lui con quella vacca.

- Mi ha beccato proprio qui, sul divano, una sera. Mentre chattavamo io e te. Non l'avevo sentita...

- Mitico, Tommy. Ma davvero! Pensavo che quando si chatta tu te ne stessi in camera tua... Magari avevi pure il cazzo in mano, no?

- Praticamente sì. Anzi togli pure il praticamente.

- E...?

- E si è tolta il pigiama davanti a me e ha iniziato a toccarmi.

- Così, bum, di botto? Cazzo che mignotta, nemmeno io sarei capace di tanto, un attimo di sorpresa, onestamente, me lo concederei... Qualche occhiatina...

- Non me ne ero accorto, ma già un'altra volta mi aveva spiato. Quindi l'effetto sorpresa non è che fosse così...

- Sempre una mignotta resta, se ti spia è pure peggio!

- E poi ha voluto leggere i nostri messaggi, anzi gli ultimi due o tre te li ha scritti lei.

Sbam. Una padella di ghisa in testa mi farebbe meno male. Non ci posso credere, mi rifiuto di crederci.

- Tommy, mi stai prendendo per il culo?

- No.

- Le hai fatto leggere i nostri messaggi?

- Sì.

- Hai lasciato che scrivesse lei mentre io stavo godendo nel mio letto?

- Sì.

- E non gliel'hai impedito?

- No.

- Cazzo...

- Eh...

- Perché?

- Perché in quel momento ero eccitato e mi sembrava una cosa divertente. Anche senza pericolo. Come avresti fatto a saperlo?

Già, proprio questo è il punto, come avrei fatto a saperlo. Colpa del “patto” fatto con Tommy, dirsi tutto, o colpa della sua sincerità. Lui non nasconde nulla, non ne è proprio capace. Non è come me che non gli ho mai detto un cazzo, è convinto di essere stato il primo e l’unico a scoparmi e che dopo di lui non c’è mai stato nessuno. Sì, ok, sono stronza. Sì ok, quel patto non l’ho mai rispettato. A che serve? Mica stiamo insieme, mica c’è un vincolo di lealtà tra di noi. Scopiamo con altri? D’accordo. Per me l’importante è non saperlo, perché sennò mi girano. Occhio non vede, cuore non duole. Non è ipocrisia, è proprio che non sento il bisogno di dirglielo, né di sapere chi si scopa. Che bisogno c’è di farsi male?

Lui no. Lui deve essere sin-ce-ro. Costi quel che costi. Ma perché non si fa una sega quando gli vengono questi attacchi di sincerità...

Ma in definitiva, adesso non è più nemmeno questione di essere sinceri o di sapere chi si scopa. Chissenefrega se si è fatto Isa-troia o quell’altra, sticazzi. La questione è che ha messo Sharon tra me e lui, mi ha tirata dentro, cosa cazzo c’entro io con quella vacca? Questa sì che è slealtà, cazzo.

- Scusa, Tommy, dimmi una cosa. Mi stai dicendo tutto questo perché ti sei rotto il cazzo di me e vuoi fare in modo che io ti mandi affanculo? No, dimmelo se è così, eh?

- Ma che cazzo dici, Annalì...

- Be’ ammetterai che il sospetto viene... Ma allora... Tu mi devi spiegare una cosa... mi devi spiegare che cazzo ci trovi in quella vacca di Sharon, ma non vedi che di bovino c’ha pure gli occhi? Cos’è, ha le tette grosse? A te piacciono, no? Anche quell’altra troia di Benedetta te la scopavi perché aveva le tette grosse... Che c’è, ti piace come gli ballano mentre te le fotti? Magari loro muggiscono pure, mentre te le scopi... Vacche da monta, puttane...

- Avrei scopato te prima di mettermi con Benedetta, ma tu non volevi... ricordi? E comunque sì, ha delle belle tette.

- Non come le mie, che invece...

- Non essere stronza, Annalisa, ma secondo te mi metto a fare paragoni?

- E certo! Che cazzo te ne frega di fare paragoni? Tu acchiappi tutto, pesca a strascico... Io, Benny, quella gatta morta, Shalalà... A proposito, almeno ha provato a metterci più impegno dopo che ci ha sentiti scopare?

- E basta! Sono discorsi del cazzo, non c’entrano niente.

- Sì che c’entrano, testa di cazzo – dico abbassando la voce ma con ancora più rabbia dentro – sì che c’entrano... le fai leggere quello che ci scriviamo e lei magari si fa pure una bella risata pensando a “quella troia di Roma”. Sai le risate che si è fatta alle mie spalle mentre la scopavi?

- Senti, Annalisa, lo sai che di Sharon non me ne frega un cazzo. Se non abitasse qua dentro nemmeno mi verrebbe in mente di cercarla. Ero eccitato, mi avevi fatto venire il cazzo duro e volevo solo farmi una scopata...

- E hai pensato bene di farle leggere... cosa le hai fatto leggere, eh? Cosa ti avevo scritto quella volta? Che devi usarmi come una puttana? Che voglio bere litri della tua sborra? Che zozzeria ti avevo scritto per farti arrapare in quel modo?

- Non me lo ricordo...

- Non ci credo.

- No, davvero. Comunque ho fatto una cazzata, te l’ho detto.

Non è che una se ne renda conto, quando è sotto shock, ma in effetti sono sotto shock. Quasi inconsapevolmente mi rivesto: perizoma, calzini, jeans, pullover, Stan Smith. Lui all’inizio mi guarda come inebetito, forse pensa che abbia freddo, che cazzo ne so. Solo quando inizio a infilarmi il giubbotto capisce e mi chiede:

- Dove cazzo vai?

- Non credere che la tua sincerità sia un valore, Tommy – gli dico senza nemmeno rispondere alla sua domanda, tanto dovrebbe essere chiaro quello che sto facendo – non credere che fare lo stronzo e poi dire “ops, ho fatto lo stronzo” aggiusti sempre tutto. Sei solo un pezzo di merda...

- Scusami.

Io tuttavia in questo momento ho voglia di tutto tranne che di scusarlo. Ho voglia di sfregiarlo, anzi. Qualcosa dentro di me dice che dovrei starmi zitta ma proprio non ce la faccio a darle retta. Non è che sbrocco solo quando scopo, sapete?

- Ti ricordi l'altra volta che sono salita qui a Bologna? Prima di portarmi alla stazione abbiamo scopato lì, su quel tavolo - gli dico indicandolo.

- Sì, mi ricordo.

- E ti ricordi anche che quella sera, era molto tardi, ti ho scritto che mi sentivo ancora il tuo cazzo dentro?

- Sì.

- Non era il tuo, Tommy. Davvero era come se mi sentissi ancora un cazzo dentro, ma non era il tuo. Ti ho detto che la sera avevo un impegno di famiglia ma non era vero. Mi sono fatta rimorchiare da un ragazzo sul treno che mi ha portata nella sua pensione del cazzo e mi ha scopata.

Ok, lo so, adesso gli ho dato un’arma da usare contro di me. Gli ho confessato una cazzata che ho fatto e che non dovevo fare. E ora lui potrà rinfacciarmela. Non mi interessa, non me ne frega assolutamente un cazzo. Volevo fargli male e forse gliene ho fatto. Del resto l’hai sempre saputo che sono una puttana, Tommy. Solo che quando eravamo io e te, eravamo io e te e basta. E quando ero la tua troia ero la tua troia e basta. Sei stato tu a metterci di mezzo un’altra.

- Anche tu sei un bel pezzo di merda, allora... sei davvero una troia – dice con la sua solita voce calma del cazzo, anche se agli angoli della bocca gli si è formata una piega amara e gli occhi gli si sono incupiti più di quanto già non lo fossero.

- E’ vero, è una bella gara – rispondo proprio un secondo prima di uscire dall’appartamento.

Sbatto la porta e vado verso le scale. Scendo uno scalino e mi fermo. Ho un peso orribile addosso. Torno indietro e mi attacco al campanello. Dopo nemmeno un secondo lui mi apre, mi aspettava dietro la porta. Scaglio dentro casa lo zainetto.

- Non so dove cazzo andare a quest’ora! – gli ringhio.

Mi lascia entrare. E’ una scena ridicola, lui con il cazzo che gli pende tra le gambe muscolose e pelose, la sola camicia indosso. Io con il giubbotto di pelle che mi tolgo con rabbia e che butto vicino allo zainetto.

- Sei un vero figlio di puttana!

Tommy alza le spalle.

- Non sei da meno – risponde – potevi farti scopare e dirmelo, oppure non dirmelo. Che senso aveva quella cazzata? E’ come se avessi usato un altro per prendermi per il culo.

- No, è diverso – replico più che altro per tenere il punto.

Può essere che sia diverso, o anche no. Ma non è questo che conta. Ciò che conta è che ci stiamo facendo del male a vicenda. E devo ammettere che io avevo proprio voglia di fargli male. Per reagire al suo inganno. Cazzo, avevo proprio ragione a non volergli dire nulla, a non rivelargli nulla. Che senso ha? Godiamoci in pace questi momenti e vaffanculo tutto il resto, no? Non sarebbe meglio?

Sì, probabilmente sarebbe meglio, sarebbe stato meglio, ma poiché non è più possibile riavvolgere il nastro tanto vale andare avanti.

- Togliti quella cazzo di camicia, Tommy, sei ridicolo.

Mi guarda con aria interrogativa, come a dire “e questo adesso che cazzo c’entra?”. Invece per me c’entra, fosse pure solo per un fatto estetico. E visto che è incerto mi chino io ad afferrarlo per il colletto e ad aprirgliela con due strappi, facendo saltare i bottoni che cascano un po’ dappertutto.

- Cazzo! – esclama guardandosi in giro e togliendosela – guarda che cazzo di casino...

Me ne frega meno di niente della sua camicia, dei suoi bottoni e del suo cazzo di casino. Mi sfilo il pullover e mi sgancio il reggiseno, guardandolo con sfida, con rabbia.

- Cos’hanno le mie tette che non va, idiota? – gli chiedo quasi ostentandole – troppo piccole?

- No... nulla che non va. A me piacciono – mi risponde con lo stesso tono con cui ordinerebbe una spremuta al bar. Anzi, se ordinasse davvero un spremuta al bar forse sarebbe più assertivo.

- Succhiale!

Lui guarda il mio viso e sposta gli occhi sulle mie mammelle, poi ritorna sul viso. Non si muove.

- Che sei, sordo? Succhiamele stronzo, succhiamele come se fossi un neonato e fosse l’ora della poppata. Succhiamele come se dovessi bere il latte!

Ma cazzo sì, idiota di uno stronzo. Succhia. Fammi sentire che mi desideri come le altre, più delle altre. Fammi sentire che mi desideri anche se ti considero un pezzo di merda.

Tommy si siede sul bordo del divano e mi afferra. La forza delle sue mani che mi stringono e mi tirano a lui mi fa quasi rabbia per quanto mi piace. Poi inizia a leccarmi un capezzolo e a me viene la pelle d’oca. Quando inizia a ciucciare come un poppante non posso trattenere un gemito.

- Succhia, stronzo, succhia – ansimo mentre i miei capezzoli sono diventati duri come pietre. Mi ingoia l’intera tettina e il caldo e le contrazioni iniziano a farsi sentire. Mi sta mangiando, si sta impossessando del mio corpo e delle mie volontà come in un rituale cannibale. E’ esattamente quello che voglio.

Gli afferro i capelli dietro la nuca come lui fa con me, ma lui non molla. Né io desidero che molli.

E’ assurdo, me ne rendo conto, ma mi è venuta voglia che se lo prenda, il mio corpo. Forse perché ho improvvisamente capito che tutto il resto non glielo darò mai, e che forse nemmeno gli interessa. Non ci provo nemmeno a farvi capire quanto questo pensiero mi dia una pena infinita. Ho voglia di scoppiare a piangere.

- Mordimele, cazzo, mordimele, fammi male – gli dico stringendo ancora di più i capelli – fa... AAAHH!!!

Come se il dolore fisico potesse scacciare quell’altro. Lo voglio questo dolore, lo voglio proprio quel morso che mi ha dato e che mi ha fatto piegare sulle ginocchia.

- Stronzo bastardo... – piagnucolo schiaffeggiandolo con la mano libera. E’ uno schiaffo forte, che vuole fargli male, ma lui è come se non lo sentisse.

Morde ancora e mi sbottona i jeans, me li abbassa, abbassa il perizoma. Smette di mordermi solo dopo che mi ha infilato due dita dentro tirandomi fuori un’esclamazione oscena, smette per dirmi “guarda quanto ti piace, troia, vediamo se ti piace anche questo”. E mi infila un dito nel culo e poi immediatamente un altro. Mi mordo un labbro per non gridare ma non è che ci riesca poi tanto. Non sono mai stata allargata così là dietro, e con tanta cattiveria. Lui non l’ha mai fatto con tanta cattiveria.

- Te l’ha fatto questo? – mi ringhia ancora lui – te l’ha fatto? O ti ci ha proprio messo il cazzo dentro? Te l’ha rotto finalmente questo culo da troia? Cazzo, spero che ti abbia fatto sanguinare, almeno...

Faccio di no con la testa e vorrei anche dirglielo “no”. Ma riesco solo a guaire e a restare lì, presa a sandwich dalle sue mani. Ma sì, stronzo, vendicati. Anzi, protendo un po’ il busto verso di lui per offrirgli ancora una volta il mio capezzolo svettante e martoriato. Non pensate che io sia masochista, non vi fate idee strane. Ma in questo momento questo nuovo dolore va benissimo, va benissimo così.

- Porco, bastardo! – gli urlo mentre lui riprende a succhiarmi la tetta.

E continuo a dirgli “porco, bastardo” per un tempo indefinito come un mantra, con la voce sempre più debole ma sempre più posseduta dalla foia. A un certo punto, in pratica quando cazzo decide lui, mi gira e mi fa sedere sul suo uccello. Se non fossi così zuppa mi farebbe male per quanto è duro. Invece il primo colpo arriva fino in fondo e mi sbatte provocandomi solo un insopprimibile gemito. E’ il secondo colpo che invece mi fa male e mi fa strillare, dopo che lui mi ha sollevata per le anche e mi ha risbattuta giù con violenza.

Ricominciamo a scopare in questo modo, trasmettendoci reciprocamente il nostro astio. E’ una sensazione strana e mai provata prima. Non c’è solo passione negli insulti che ci lanciamo, nelle botte e nei graffi che ci diamo, c’è della ferocia cattiva. E finisce per piacermi, non so spiegare il perché. Non ho particolari paure, semmai una sottile inquietudine che mi tiene ancor di più sulla corda. So che Tommy non mi farebbe mai davvero male, non mi picchierebbe, non mi sevizierebbe nel vero senso della parola. A meno che non diventi matto da un momento all’altro. Ma al tempo stesso non posso essere così certa che non impazzisca ora.

Inoltre, dire che “scopiamo” è abbastanza improprio. E’ decisamente lui che scopa me, io non mi sono mai sentita così passiva. Ma va bene, va benissimo anche questo. E’ difficile anche dire perché desideri così tanto farmi chiavare così in questo momento, con questa rabbia. Ma di una cosa sono certa, non è per gelosia, non è per riappropriarmi di qualcosa. Anzi, mi colpisce la netta consapevolezza, a un certo punto, che sia solo una scopata. Una scopata fantastica, d’accordo, ma in fondo una scopata come le altre. Non c’è proprio più nulla di magico tra noi.

Mi impone un giro turistico della casa, il più delle volte rimanendo conficcato dentro di me, tenendomi sollevata con le gambe allacciate dietro la sua schiena.

La reazione del mio fisico è quella di venire a ripetizione, anche se so che è il cervello che lo comanda. E’ quella depravata della mia mente che ha deciso che gli sta bene così. Sono orgasmi diversi l’uno dall’altro, ma tutto sommato non particolarmente intensi. Tranne uno che mi travolge quando lui mi fa mettere faccia al muro e mi fotte così forte che non posso fare a meno di strillare “ooha ooha ooha” con la voce rotta. E non serve assolutamente a nulla che lui mi ringhi “stai zitta puttana” e cerchi di tapparmi la bocca con la mano. Lo sappiamo benissimo entrambi che in situazioni come questa sono incomprimibile.

E’ quando sono piegata sul tavolo della cucina che lui viene per la seconda volta e mi riempie la fica di sperma. Mentre mi sbatte riconosco il posto in cui era seduta quella troia di Sharon la volta scorsa, quando si lamentava, sconfitta e gelosa, del mio modo talmente sonoro di godere che l’aveva tenuta sveglia la notte e quando ironica e trionfante le proponevo “se vuoi stanotte mi faccio imbavagliare”. Non so dire se questo ricordo mi provochi adesso più tristezza o più perfido piacere, non lo so dire perché anche non ne ho il tempo. Tommy mi afferra e mi fionda giù intimandomi “puliscimelo troia, succhialo finché mi ritorna duro” e io eseguo per un tempo che mi pare infinito, mentre sulle cosce mi scolano rivoli del suo seme. Quando in bocca ritorno ad avere non più della carne barzotta ma una spranga vera e propria mi fanno male le ginocchia. Mi tira su e torna a scoparmi di brutto, stavolta tenendomi appoggiata con le chiappe sul bordo del tavolo e le mani all’indietro, sul ripiano. A me la fica inizia a dolere ma anche questo fa parte di ciò che siamo noi in questo momento. Anche il suo sudore, che gli lecco via dal petto come se fossi una cagna assetata, anche i singhiozzi che mi tira fuori ogni volta che una sua botta di cazzo mi spinge verso l’alto e quasi mi fa staccare i piedi da terra.

E’ un gioco esasperato, il nostro. Come se dovessimo entrambi infliggerci qualcosa. La complicità tra di noi è scomparsa. Eppure c’è sempre stata, sin dal primo pompino che gli feci in un parco, anche quando glieli facevo e lui si scopava un’altra, anche quando gli succhiavo il cazzo continuando allo stesso tempo a succhiare allegramente altri cazzi e tutti mi consideravano una mignotta ma lui no. Per lui ero solo la sua troia e solo quando mi sborrava in bocca, me lo diceva e a me piaceva.

Riaffiora in un unico, brevissimo, momento, quella complicità. Ed è quando gli chiedo di scoparmi sul letto di quella vacca di Sharon. Lui dice che non si può, che quando se ne va quella zoccola chiude a chiave la porta. Ma mentre me lo dice è come se rivedessi nei suoi occhi quel lampo che mi ha sempre legata a lui.

- Peccato, cazzo. Le avrei molto volentieri macchiato il lenzuolo – gli dico.

- Sei perversa – mi fa lui divertito.

- Sì, e che c’è di male? Sono una ragazza di buona famiglia, sono una brava ragazza con la mente degenerata. E allora?

- Sei una puttana – mi risponde lui con una voce nella quale è già ritornato l’astio di prima – ma se vuoi farti scopare su un letto non c’è problema.

E’ vero, sono una puttana. Lo sono perché non dico nulla e mi consegno a lui che mi spinge sul suo letto senza delicatezza. E io gli apro pure le cosce davanti pronta a farmi sventrare ancora, invocandolo, implorandolo di prendermi.

E lui mi prende così, nella più classica delle posizioni. Come un marito che torna a casa e vuole, come ha fatto tante altre volte, semplicemente svuotarsi i coglioni dentro la donna che ha sposato.

E’ così, sono esattamente così. Una puttana svuotacoglioni, niente altro. Stop. Lo sono sempre stata, quanti ne ho svuotati con la bocca prima di iniziare a farlo con la fica? Non lo so, non me lo ricordo. Ho perso il conto, così come ho perso il conto dei miei orgasmi stasera.

Improvvisamente Tommy esce da me e in meno di un secondo sento dentro un vuoto insopportabile. Non lo guardo in faccia, guardo il suo cazzo lucido, teso, duro come un mattone. La cappella gonfia, rosso-scura.

- Girati – mi fa.

Eseguo, mi giro come un automa, lasciando che mi sollevi il sedere mentre le mie spalle sono attaccate al lenzuolo.

- Brava – mi ingiunge con un tono quasi cattivo – girati, che adesso te lo rompo davvero questo culo da puttana.

Non c’era nemmeno bisogno che me lo dicesse, c’ero arrivata da sola. Lo sapevo prima di girarmi, lo sapevo mentre mi mettevo a pancia in sotto. Dire che ho paura è poco, sono attraversata da brividi di terrore. Eppure mi sono girata lo stesso. E non perché in fondo sapevo che questo momento prima o poi sarebbe arrivato, non perché una volta gliel’ho promesso, non perché temo la sua reazione se mi rifiutassi. E’ già successo e sono sempre riuscita a sottrarmi, a lui come ad altri. Persino a quello stronzo che una volta provò davvero a stuprarmi dietro. E comunque sono cose che in questo momento non c’entrano un cazzo.

Non so perché lo faccio, perché mi appresto a subirlo. Anzi sì, lo so. E’ stato quel “girati”. Quel modo di dirmelo che non ammette repliche. Si è impossessato di me e non mi ha lasciato altra scelta che obbedire. Ma solo perché gliel’ho consentito io. Gli ho lasciato prendere la mia carne per essere sicura che non si prendesse più niente di tutto il resto. E lui ha assunto il controllo. Se è corpo contro corpo, mi ha fatto capire, è lui che detta legge e io non ci posso fare un cazzo.

Mentre lo attendo la fica rilascia il suo succo e due spasmi fortissimi mi fanno gemere rumorosamente. Lui non mi sta nemmeno toccando. Mi volto a guardarlo, è leggermente spostato sulla destra, il suo cazzo teso pronto a giustiziarmi.

- To-ommy... – piagnucolo, la voce mi trema.

Porto lo sguardo verso la testiera del letto e subito dopo lo abbasso sul cuscino. Nella stanza dove prima risuonavano le mie urla di piacere sembra calato un silenzio rotto solo dai nostri respiri corti e affannosi e dal rumore delle molle del letto che cigolano leggermente mentre lui si sistema dietro di me.



FINE

Questo racconto di è stato letto 2 5 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


siti racconti pornoi generi di racconti inceatoraccontihardraccondi pornostotie pornopompino racconti eroticiracconti erotici di zieracconti erpticizie troie raccontiracconti erotici di incestii raccomti di miluerotico raccontiracconti erotici cornutierotici raccontoraccontieroticigaywww.eroticiraccontiraconti pornomi chiavo mia cognataracconti erotici femminiliracconti erotic ifotoracconti pornoracc milùracvonti eroticirqcconti eroticiracconti porno sexracconti erotici di travestitizoofilia cavalloracconti porno incesterotica raccraconti di miluracconti di sesso al marestorie porno realimamme erotichei generi di racconti eroticiracconti piedi femminiliracconti erotici vergineracconti porno di coppielibri erotici lesborita gaudenteracconti incesivere storie di sessoracoonti eroticiannunci racconti 69genere racconti eroticiraccoti pornoracconti erticistorie gigantesseracconti moglie zoccolaracconti animal sexracconti hard matureracconti erotciraccontierotracconti eroticiùracconti erotici ma69.itracconti erotici proibitistorie eroticheraccontipornograficiracconti porno di mogli troieguzzon raccontiraconti xxxraccontie roticienema raccontiindice racconti gayraconti incestoracconti erotici bsxracconti calci nelle pallela cognata raccontiracconti di scambi di coppiaracconti clistereracvonti eroticibrani eroticiho messo incinta mia suocerastorie eriticheracconti erotici professoressaracconti erotici sui piediracconi eroticila sorella perversapiccola pompinararacconti di mia suocera