Tutto in frantumi 2 - Il mio animale preferito

Scritto da , il 2019-10-12, genere etero

Tommy mi aspetta alla fine del binario. Non ho il coraggio di toccargli il pacco ancora prima di baciarlo, come mi ero ripromessa. Lo abbraccio, lo bacio e POI gli tocco il pacco. Chissenefrega se qualcuno qui intorno se ne accorge. In fondo non potrà che prendermi per quella che sono. E nemmeno a lui, che non si sottrae per nulla di fronte alla mia carezza, gliene frega nulla. Mi piaci, Tommy. Per tante cose, tantissime. Ma in questo momento mi piaci perché sei così porco.

Per arrivare in tempo in stazione è venuto in bicicletta. E a me sembra una cosa fichissima e anche romantica farmi portare in canna verso il ristorante, anche se all’inizio non mi sembra per nulla facile. “Peccato che non ti sei messa la gonna”, mi dice e io so benissimo il perché. “Stavo più comoda, ma vedrai”. Mette a spalla il mio zainetto. Leggerissimo. Ho portato solo un paio di mutandine di ricambio, per quando ripartirò domenica sera, e un vestitino corto corto. Voglio stare a gambe nude e senza niente sotto per tutto il tempo. E voglio che lui lo sappia, che mi possa toccare quando vuole. Le previsioni promettono un tempo più mite, e in ogni caso farei presto a comprarmi un paio di autoreggenti. O di collant da indossare sulla fica nuda. Voglio stare a casa solo con una sua t-shirt lunga che userò come pigiama, anche se so che a letto il pigiama non mi servirà. Non sono mica venuta fin qui per mettermi il pigiama quando sto a letto con lui.

Mi infila la mano sotto il golfino e le sue dita sulla pelle mi fanno trasalire. Risale e trova il reggiseno e mi dice “sei corazzata, oggi” con quel suo birignao del cazzo che chissà perché mi fa ammattire. Quando stava a Roma il reggiseno non lo mettevo mai se dovevo uscire con lui, proprio per lasciargli libero accesso alle mie tettine. Stamattina invece l’ho indossato per un motivo specifico, quello di essere scopata con solo quello indosso, come una mignotta. E per sembrare ancora più mignotta mi sono messa quello nero. Non potete capire come questa immagine mi abbia fatta eccitare allora e mi faccia eccitare adesso. Mi scappa uno dei miei classici risolini da scemetta infoiata. Li odio, ma davvero non posso farci nulla. A lui invece piacciono, e ci credo. Gli piacciono da quando mi afferrava i capelli e mi metteva in ginocchio per farsi succhiare l’uccello. Gli piacciono perché quando rido in quel modo, da quel momento in poi, sa che sono il suo giocattolo. Il suo giocattolo preferito, spero.

Non so se quelli che mi porta a mangiare siano davvero i “migliori tortellini di Bologna”, come dice lui, ma comunque il posto è buono. Più che altro è una trattoria, abbordabile anche dagli studenti. A me in realtà non me ne frega un cazzo perché è da quando sono arrivata che la magia dello stare insieme a Tommy si è risvegliata e tutto il resto conta zero. Come sempre ogni cosa tra noi due è intensa e leggera allo stesso tempo, qualsiasi cosa si faccia, di qualsiasi cosa si parli. Siamo sulla stessa lunghezza d’onda sempre, anche quando stiamo in silenzio.

L’ostessa si avvicina. Assomiglia a Laura Pausini. O meglio, a tre Laure Pausini appiccicate una addosso all’altra. Peserà cento chili. Saluta Tommy con familiarità e poi saluta me. Gli chiede, probabilmente perché attraverso il tavolo tengo costantemente la mano sul dorso della sua, se sono la sua ragazza. Io vorrei tanto che le dicesse che no, che sono sua sorella ma che nonostante questo scopiamo come ricci da quando abbiamo tredici anni.

Mi infastidisce, mi interrompe, oscura questi momenti. Ieri l’estetista, oggi la trattora. Non ho ben capito perché tutta questa gente sia curiosa di sapere se c’è qualcuno che mi infilza con il suo paletto. Sono ingiusta, lo so. In realtà si vede benissimo che considera tutti i ragazzi che sfama nella sua trattoria come se fossero suoi figli. Ma non mi piace che qualcuno si intrometta proprio ora. E non mi piace nemmeno che dica a Tommy di farmi mangiare una porzione doppia perché “guarda come è magra”. Ma fatti i cazzi tua, che prima di diventare come te mi sciolgo da sola in una vasca con l’acido!

Nonostante questo, le sorrido amabilmente e ringrazio. Le dico che i tortellini sono buonissimi. E rido anche quando si raccomanda di trattarglielo bene, questo fighetto. Se non altro perché mi consente di prendere per il culo Tommy per tutta la cena ripetendogli “fighetto” a ogni pie’ sospinto. Me l’avevano detto l’altra volta i tuoi amici che qui a Bologna quelli di Parma sono considerati tutti dei fighetti. Con la “e” bella aperta, mi raccomando.

Dopo che abbiamo pagato il conto Tommy nemmeno se lo sogna di propormi di andare a fare un giro con la sua bicicletta. Ci dirigiamo verso casa e ci mettiamo la lingua in bocca ogni volta che è possibile. Penso che la nostra voglia di scopare si veda lontano un miglio.

Arriviamo e facciamo fatica a salire le scale per il bisogno che abbiamo di baciarci e di consentire ai nostri corpi di toccarsi. Non c’è nessuno, cazzo, quelle due stronze che vivono con lui sono andate a fare in culo chissà dove e questo mi eccita. E’ una settimana che mi eccita. Mentre apre la porta mi appoggio alla sua schiena, gli passo una mano sul petto, sull’addome. Ho bisogno di sentire il suo fisico sodo, tonico. Voglio la conferma, anche tattile, che per il tempo di questo week end sarà lui il mio maschio, il mio assalitore.

Appena dentro lo bacio, sono io che letteralmente gli salto al collo. Gli infilo e mi faccio infilare la lingua in bocca per la millesima volta, mi tolgo il giubbotto e gli tolgo la giacca. Sto costantemente con la testa all’insù per non staccare le mie labbra dalle sue. Struscio le tette contro il suo petto.

– Aspetta, aspetta – mi fa lui.

– Cosa debbo aspettare, eh? – gli chiedo ironica e staccando di un millimetro la mia bocca dalla sua – cosa debbo aspettare?

Sorrido, abbasso la mano e gli tocco il pacco. Si sta gonfiando. Non ci posso credere quanto lo voglio. Lui continua a ripetere “aspetta” e io gli rispondo divertita “ma cosa cazzo debbo aspettare?” mentre mi inginocchio davanti a lui e mi sfilo il maglione restando in reggiseno e pantaloni. Mi dedico alla sua cintura, al bottone dei jeans, alla zip. Li abbasso e vedo il suo cazzo che si sta indurendo, disegnato sotto i boxer attillati. Ho una contrazione violenta al ventre e mi sfugge un “oddio!” da verginella arrapata e lo mordicchio attraverso il cotone, lo annuso, mi ci struscio con il muso e le guance. L’odore di cazzo, di sesso, che percepisco nettamente mi fa andare di fuori come un balcone. Sto bagnando perizoma e pantaloni, ne sono certa.

Lo voglio liberare, ma quando porto le mani sull’elastico lui mi ferma e mi dice “no, con i denti” con un tono tranquillo ma perentorio al tempo stesso. Ma guarda un po’ a questo che idee gli vengono. Non è per nulla facile! Soprattutto con quell’affare che mi ostacola. Però è una sua richiesta, quasi un ordine, e io ho tanta voglia di eseguire i suoi ordini in questo momento.

Quando finalmente ci riesco Tommy esala un “sei sempre la solita troia” e io gli rispondo “sì”. Gli sbavo una quantità industriale di saliva sopra e mi metto ciucciargli la punta. Sbottono i miei di jeans e me li abbasso alle cosce. Mi sono fatta il film che lui mi ribalterà sul mobiletto dell’ingresso dove c’è un computer o mi trascinerà per i capelli sul tavolo in salone per scoparmi a novanta come ha fatto l’ultima volta. Vorrei che il perizoma che ho messo per lui, e che potrebbe essere tranquillamente classificato nella categoria “indecenti” per quanto è ridotto e trasparente, me lo strappasse letteralmente, facendomi sentire il tessuto che mi sega la fica mentre lo fa, chissenefrega di quanto l’ho pagato. La manovra però non mi riesce granché bene perché me lo abbasso a metà coscia insieme ai jeans, lasciando all’aria la mia vulva glabra, già aperta e colante. Ma sticazzi. Mi tolgo le Stan Smith con i piedi e finisco di levarmi pantaloni e perizoma.

Lo lecco un po’ e poi inizio a pompare con furia. Quando mi stacco è solo per dirgli che se io sono una troia lui deve essere quel porco che adesso mi castiga, no? Quello che mi fa ritornare a Roma camminando a gambe larghe. Ho voglia di essere oscena, ho voglia di farlo impazzire con la mia troiaggine. E ho una voglia altrettanto oscena di ricevere il suo castigo.

Il suo bellissimo cazzo (grande prerogativa di Tommy, esteticamente parlando) si è fatto così duro (seconda grande prerogativa di Tommy, badando stavolta un po’ più al sodo e meno all’estetica) che quasi ho paura di implorarlo di fottermi.

Lui comunque ha un’altra idea. Non lo so se è migliore o peggiore, ma è comunque un’idea che ci riporta ai bei tempi andati, perché mi afferra la testa con entrambe le mani e la tira a sé, sbattendomelo fino in fondo alla gola. Adesso riconosco l’animale, il mio animale preferito. Quasi mi svelle la mandibola. Ho un conato, strozzo un colpo di tosse e inizio a lacrimare come un vitellino. Sbavo e emetto gorgoglii gutturali. Voglio essere solo questo ora, va benissimo, mi piace, sono nata per farmi scopare la testa. Alzo le braccia come se dovessi arrendere. Non so perché faccio così, ma è una mia costante. Forse davvero mi voglio arrendere, forse davvero gli voglio dire fa’ di me quello che vuoi, finiscimi. E Tommy lo sa benissimo, per certi versi è molto peggio di me.

Poi non lo so. Forse lo pensava già da prima, forse è telepatia, forse improvvisa. Mi prende per i capelli e mi stacca dal suo cazzo e, mentre mi sporco il muso di saliva e cerco di buttare più aria che posso dentro i polmoni facendo un rumore impressionante, mi trascina proprio sul mobiletto del computer. Dovrei strillare per il dolore dei capelli tirati con tanta violenza ma, in realtà, mi scappa una specie di risata rauca. Sono una svergognata.

Mi sbatte giù a novanta gradi e prova a sganciare il fermo del reggiseno. Mi dibatto alla cieca e gli colpisco le braccia, gli dico di non farlo, lui capisce e lascia perdere. Il contatto della punta del suo cazzo con la mia apertura è quasi istantaneo, ma sono così bagnata che quando la cappella inizio a scivolare dentro quasi non la sento. Ma la spinta sì che la sento, cazzo, e sento il suo bastone che mi affonda dentro, mi pugnala, mi divarica. E’ troppo forte, troppo intenso per reggere. Emetto un sonoro “uuuuuuuh” da cagna seguito da un “sì, cazzo, sfondami!” sempre da cagna, ma stavolta da cagna in calore.

Il suo cazzo è così duro che mi fa male e infatti per un po’ non riesco a fare altro che strillare. E in quegli strilli vi assicuro non c’è solo piacere, c’è anche dolore. Ma al tempo stesso vi assicuro che in quel dolore c’è un piacere pazzesco. Non c’è nemmeno bisogno di implorarlo di sbattermi forte, posto che io sia in grado di pronunciare verbo. Ci pensa da solo. E anche quella puttana della mia fica ci pensa da sola, non sono mica io a dirle di contrarsi sul suo cazzo, è lei che ritmicamente lo stringe come se volesse supplicarlo di non uscire mai.

Mi colpisce più volte le natiche con le mani, sono colpi pesanti che bruciano e mi scuotono. Ogni colpo uno strillo, e i colpi sono tanti. Il mix di piacere e dolore si ripresenta sotto una forma diversa, adesso. Sono distesa con il petto sul ripiano e cerco disperatamente di afferrarne i bordi con le mani ma non è facile, cazzo, sotto le sue spinte non è facile per niente. Il suo ritmo è sottolineato dai thud-thud-thud del legno contro il muro. Mi afferra ancora una volta per i capelli che devono essersi sparpagliati ovunque sul mobiletto e da questo punto in poi comincia la nostra solita conversazione sull’amore:

– Lo volevi il cazzo, eh troia?

– Sì sì sì! – rispondo come una cretina voltandomi a guardarlo.

– E lo senti?

– Cazzo se lo seeento…. Me la rompi, Tommy… iiii… mi spacchiiii!

Vi sembra che esageri? Col cazzo! La sensazione è proprio quella. Più che aperta mi sento sull’orlo di essere spaccata, dilaniata. Il suo pollice mi fruga per un po’ in bocca, lo succhio come se gli facessi un pompino, ma so che cosa mi aspetta di lì a poco. Anzi me lo pregusto pure. Solo che lui me lo infila così di colpo nel buchino che all’inizio mi fa male: “AH-AHIA!”. Dura poco, per fortuna. E dopo lo strillo inizio a gemere forte, per fargli capire quanto mi piace quello che mi sta facendo. Adoro essere occupata da tutte e due le parti e adoro il modo in cui lo fa lui, sin dalla prima volta. Gemo, urlo, mi contorco per quanto mi è possibile, perché con l’altra mano lui mi spinge sulla schiena e mi tiene spiaccicata sul mobiletto.

Mi chiede “cosa sei?” e io gli dico che sono solo una troia, la sua troia, ma che senza il suo cazzo non sono niente. Gli dico tutto quello che mi passa per la mente per farlo arrapare, per farlo sentire predatore. Gli dico che mi deve usare come vuole e lui mi chiede di implorarlo. E lo faccio, o cazzo se lo faccio tra uno strillo e un altro. “Usami”, gli urlo, “usami per svuotarti i coglioni sennò io non servo a un cazzo!”.

Ma tra le tante assurde porcate che ci diciamo solo una, a un certo punto, ha davvero senso. Quando gli dico “più forte!”, quando gli dico “non smettere!”. Perché lo sento arrivare, diocristo, lo sento arrivare come arriva una marea, ma molto più veloce, e penso che è un bel po’ che non vengo con un cazzo dentro e che è la cosa più bella del mondo.

Poi non so bene. Brividi e contrazioni, le mie gambe che tremano e la mia fica che cerca di imprigionargli il cazzo, e infine bang!, la scossa che mi attraversa, l’interruttore che per qualche attimo si chiude. Non so mai quanto dura, so solo che quando riacquisto cognizione di me stessa c’è la mia voce che quasi piangente ripete “Tommy, Tommy” e le mie gambe che continuano a tremare. Sono talmente incontrollabili che quando mi afferra per mettermi in ginocchio probabilmente pensa che io riuscirò ad assecondare la sua volontà. E invece niente, non ce la faccio. Più che mettermi per terra praticamente ci cado, per terra. E se proprio vogliamo essere precisi mi faccio pure male.

Tocca a lui risollevarmi stringendomi dietro alla nuca, tocca a lui dirmi “apri la bocca, puttana”. E io lo faccio, obbedisco, ridendo ancora una volta soddisfatta, ma con una risata talmente stupida e infoiata che a risentirla, ne sono certa, scandalizzerebbe persino me. Fisso la sua mano che si sega veloce il cazzo e fisso quella punta gonfia e violacea che si copre e si scopre. Mi sembra di esplodere, nell’attesa. E invece quando è lui che esplode ho quasi un altro orgasmo a sentire il suo ringhio feroce e la sua crema calda che si infrange sul mio viso, sulla fronte, sul naso, sulle guance. Un getto mi finisce dritto in bocca e mi sembra un premio. Con la punta del cazzo mi spalma tutta la sborra sul viso, la raccoglie e me lo rimette in bocca. Io lo lucido e amo quel sapore. Ripete l’operazione più e più volte fino a quando evidentemente mi considera pulita. Oppure si stufa, non so.

Mi lascia andare e io mi adagio sul pavimento, distesa. Mi sento davvero usata ed è tutto così perfetto. Ho la fica che mi pulsa ancora, i capezzoli che mi tirano ancora e il respiro che tornerà regolare, penso, tra un paio di anni. Lo osservo mentre si libera i piedi dalle scarpe e dalle calze e si toglie i pantaloni. Si mette sopra di me, a gambe larghe, con la sola camicia indosso e il cazzo ancora gonfio. Dalla mia prospettiva mi sembra di stare sotto il colosso di Rodi. Non posso fare a meno di guardarlo, il suo cazzo. E i suoi coglioni. Anche quelli li vedo benissimo. Non posso fare a meno di spostare in continuazione lo sguardo dal suo viso ai suoi genitali. Non posso fare a meno di sorridergli.

Sarebbe una vista molto eccitante e, anzi, lo è. Oggettivamente lo è. Ma se permettete ho bisogno di stare tranquilla per un po’. Avrei anche bisogno di un bacio, a dire il vero, di quelli leggeri. Lui invece mi scavalca e va in salotto. Si siede sul divano, lo capisco dal rumore.

Lo sento che mi chiama “Annalisa vieni qua” e devo dire che è solo per amor proprio che non mi metto a strisciare verso di lui. Mica per altro, ma perché alzarmi adesso mi pare una fatica terribile. Comunque lo faccio, vado da lui e mi metto a sedere per terra, davanti al divano. Abbraccio le sue gambe forti e nude, ho bisogno di farlo. Sono inquieta, qualcosa mi è scattato dentro perché ha detto “Annalisa”. Un bel “troietta vieni qua” sarebbe stato più congruo, in questo momento. Qualcosa non mi torna.

– Devo dirti una cosa – mi fa lui – e non credo che ti piacerà.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 5 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotiiciracconti erotici con ziezoofiliavideostorie pronole storie di milùmogli infedeli raccontiracconti erotici strap onho scopato mio padremoglie sodomizza maritoracconti di masturbazioneerotici racconti 69racconti sesso a treracconti proibiti realistorie di suocereracconti di donne voglioseil mio primo ditalinoracconti di cuckoldracconti zia nipotesuocere troieracconti erotici di tradimentistorie con suoceraracconti porno tettonemia madre mi ha fatto un pompinomassaggi erotici raccontiracconti pororaccontisessualieros gratisracconti erotici la prima voltaracconti deflorazioneracconti sodomizzataporno storie realiracconti orgeraccont eroticfoto romanzo pornomammeincestuoserscconti eroticiracconti scambio moglieerotici racconriracconti hard incesti generi di racconti inceatoracconti erotici addio al nubilatopiedi maschili raccontiracconti gay spogliatoiostorie ornosuocere chiavateracconti 69 incestomeccanico gayracconti erotici mammeracconti cucksposina troiaracconti prima segaraccontidi sessogeneri di racconti eroticistore pornoracconti gay verierotici racconristorie di segheraccontieroticiertici raccontistorie mariti cornuticugina raccontiracconti sesso sorellaracvonti pornorqcconti eroticiracconti porno mammeracconti erotici con cognataracconti gatorie pornoracconto miluracconti moglie ninfomaneracconti ertette di mia mammaraconti eroticeracconti.pornomarito schiavo raccontiracconti erotici zooracconti porno tradimentostorie collantstorie eroticheerotici racstorie zozzeraccontiersrorie pornoracconti porno trenoin culo alla suoceraracconti etoticistorie footjobzia porcellinacugina raccontistorie ertichevisita ginecologica racconti