Conoscersi

Scritto da , il 2019-10-11, genere dominazione

L' avevo conosciuta su internet. Dopo alcune mail ci siamo incontrati in un affollato locale in pieno centro all'ora dell'aperitivo, niente di impegnativo. Ci eravamo scambiate email durante tutta l'estate. Avevo intuito che avevamo molte cose in comune, anche se era stata piuttosto avara di descrizioni di se stessa, ma avevo capito che era una donna che veniva da una classica famiglia 'bene'. Prima impressione: né bella né brutta, molto abbronzata, viso diciamo interessante, naso un po' pronunciato, sguardo intelligente, ma un po' freddo e distaccato, aristocratico, alta circa1 e 70, fisico regolare, quindi non male,età indefinibile, mi ero ben guardato dal chiederglielo di preciso, ma poco meno della mia, quindi un po' anzianotta, capelli tenuti molto bene, media lunghezza, un po' arricciati e colorati probabilmente per coprire quelli bianchi, da parrucchiere frequente, vestita... come dire... niente di particolare, scarpe basse, gonna lievemente sotto ginocchio, camicetta abbottonatissima e giacchetta un po' inutile visto il tepore settembrino, una mise da ufficio, un po' deludente, non di chi vuole 'presentarsi bene' e meno ancora 'fare colpo' e poi un piccolo tatuaggio sulla caviglia, un po' consumato, mi pareva, fatto forse in giovane età, che non capivo neanche cosa fosse, e non glielo ho neanche chiesto per non dover poi dissimulare il mio scarso apprezzamento per i tatuaggi. Abbiamo parlato delle solite cose, del lavoro, delle relazioni passate, degli studi, delle scelte di vita, anche di cose come viaggi e vacanze, ma lei era piuttosto sbrigativa sulla sua vita e cambiava spesso discorso chiedendo invece molte cose di me. Un po' mi dava fastidio che fosse così evasiva ma d'altra parte mi piaceva rispondere a tutte quelle sue domande curiose, incalzanti, intelligenti, da persona veramente interessata al prossimo, nella fattispecie, al sottoscritto. Dopo un po' mi propone all'improvviso - Ti va di andare a casa tua?- io mi trattengo dal dire nient'altro che - Va bene - . Durante il breve viaggio si ammutolisce quasi del tutto, diventando come persa nei suoi pensieri. Io un po' imbarazzato provo a chiederle qualcosa ma lei non risponde quasi per niente al dialogo, al limite dello scortese... non insisto, inizio ad essere un po' agitato e ansioso e preoccupato. 'Porca miseria ma chi mi è capitato... mica sarà una maniaca che cerca di ammazzarmi' penso. Arrivati a casa mia si scioglie un po', si guarda attorno, mi chiede se può guardare tutta la casa, mi fa alcune domande sui libri e sui mobili. Poi si siede sul divano, mi siedo anch'io, ad adeguata distanza, senza sapere cosa fare, sempre piuttosto a disagio perché comunque non ha un atteggiamento cordiale o confidenziale ma è comunque piuttosto affascinante perché quando parla e quando ascolta sembra che segua sempre contemporaneamente altri suoi pensieri, a me sconosciuti. Parliamo ancora un po' del più e del meno. Poi - Mi piacerebbe conoscerti - mi dice all' improvviso, seria. - Ah bene è quello che stiamo facendo no?- dico io. - No intendo conoscerti del tutto- 'Accidenti cosa intende... mi vuole squartare?' penso rabbrividendo e vedendomi già sulle pagine di cronaca nera... - Eh va bene cosa dobbiamo fare?- - Si scusa ti dispiace alzarti in piedi un momento?- Mi alzo, lei rimane seduta e tace e mi guarda serissima per lunghissimi secondi poi si alza, mi fa altre domande sulla mia vita passata, anche di quando ero un bambino e un ragazzo. Io rispondo tranquillo, in fondo sono incuriosito dalla situazione e sembra sinceramente interessata. Non ho capito perché in piedi, ma mi piace assecondarla. Poi si risiede, rimane ancora un po' in silenzio poi si alza: - Guarda scusa ora devo andare comunque ti chiamo ho il tuo numero di telefono... - Io rimango a bocca aperta. - Ma .. ma' c'è qualcosa che non va? Non mi pare ci sia questa gran fretta' - No no scusa è colpa mia devo andare - e si avvia decisa alla porta - Ma' ti accompagno! - No no preferisco andare da sola è ancora presto faccio due passi, prendo il tram' scusa - Ah va be' se proprio vuoi andare... allora... magari ci risentiamo - 'questa è proprio pazza' penso. - Si si ciao scusa - e esce sul pianerottolo, un po' titubante, io rimango sulla porta, poi si ferma quando è a tre metri, si gira, mi guarda e sottovoce, un po' timorosa, come non l'avevo ancora vista: - Senti scusa' avevo detto che mi piacerebbe conoscerti'ci ho ripensato... non è che ti andrebbe di spogliarti? - io la guardo con gli occhi sbarrati - Scusa non ho capito, puoi ripetere? - - No... mi piacerebbe che tu ti spogliassi, se vuoi... - ripete appena un po' più forte. Avevo capito bene, il cuore mi batte fortissimo, penso a tutta una serie di cose tutte insieme ma mi trattengo di dirle 'mi aveva accennato che faceva la nudista al mare, ma qui in casa, così all'improvviso, questa è pazza, ho paura, magari mi ammazza, però strano, è così fine, altera, fredda, questa è una sadica, di certo non mi faccio legare, però non posso perdere questa situazione, è stranissima e eccitantissima, vediamo dove vuole arrivare, in fondo non è armata e sono molto più forte di lei, proviamo, ma forse è una recita? Uno scherzo?' '.non dico niente di tutto ciò e dico solo - Va bene, ma non sul pianerottolo, sai non si usa - lei sorride timidamente come a scusarsi, sorride appieno finalmente - Grazie - dice, ritorna in casa e ritorna a sedersi sul divano. Chiudo la porta, il cuore mi batte fortissimo. - Allora mi spoglio? - Si - Del tutto? - Chiaro - Si che domanda stupida - non ci ha ripensato, vuole proprio che mi spogli. Che situazione assurda, ma a volte anche le cose più improbabili accadono, mi sembra di essere in un sogno e voglio viverlo fino in fondo. Mi sovviene nella memoria la visita di leva a 18 anni quando il medico mi disse 'Si abbassi le mutande' e io me le sono sfilate del tutto e lui 'Oh che esagerazione se le abbassi solo!' Quella richiesta del medico come quella di questa donna misteriosa avevano in loro un senso di liberazione a cui in fondo tendevo da sempre. Mi spoglio. Normalmente, come quando faccio la doccia. Lei continua a guardarmi seria, attenta e pensierosa. Ora sono nudo. Mi batte forte il cuore e il mio pene è ora piuttosto piccolo per l'agitazione e l'emozione, comunque piacevole. Non me ne faccio certo un problema, mica siamo in un film porno. A questo punto lei accenna un sorriso come di gratitudine, si alza, mi gira un po' intorno, non si trattiene dal guardarmi esplicitamente anche appunto gli organi genitali, come non si fa assolutamente, di solito, in una spiaggia nudista, quasi come se mi volesse mettere in imbarazzo, o forse non è neanche così, è forse solo un senso di libertà reciproco, forse. Bello però. Poi riprende un argomento di cui avevamo parlato prima al bar chiedendomi certe precisazioni su alcuni aspetti della mia vita che non avevamo approfondito del tutto E' veramente molto interessata e dialoghiamo per un po' come se io non fossi lì in piedi, nudo, ora con le braccia più o meno incrociate, non si sa dove tenerle le braccia quando si è nudi. E mi concentro sulle spiegazioni di certe mie scelte di vita di fronte a sue specifiche domande, dimenticando la situazione stranissima, e parliamo tranquillamente, e intensamente. Mi rendo conto che mi piace stare in piedi nudo e fermo mentre lei si muove un po' per la stanza e un po' si risiede sul divano. Non mi passa neanche per la mente di sedermi. E' bello sentire tutta l'aria intorno. I piedi nudi toccano il parquet. Posso essere visto da lei tutto intorno. Mi sento io proprio io, non ho nulla da nascondere, né nel dialogo né nel fisico. Mi sento già stranamente totalmente a mio agio mentre mi pare sia lei a essere come più inquieta, un po' indecisa sul da farsi, penso che ora è lei un po' più in imbarazzo, più incerta di me, come se in questo 'gioco' mi trovassi già un po' più in una situazione di sicurezza rispetto a lei. Un pensiero che non avevo mai fatto mi passa per la mente 'è forse più o meno questo che devono provare le donne quando vestendosi succintamente si mostrano, parzialmente, ma si mostrano, e incedono di fronte a tutti, e vengono da tutti i maschi guardate, e ora questa mia donna misteriosa mi stava mettendo in una situazione psicologica analoga, piacevole, di quasi superiorità, quasi dominio su di lei.... ma perché si veste così dimessa una come lei?' Poi chide - Scusa potresti alzare le braccia e incrociare le dita dietro la testa? - io eseguo - Bene questa è una posizione diciamo più scultorea ' aggiunge sorridendo - Esagerata - Effettivamente mi sento piacevolmente stirato e disteso. Dopo poco allunga una mano mi sfiora la pancia diventata ancora più piatta e tesa del solito per la posizione, mi tocca lievemente l'ombelico come se il dito potesse entrarvi. E' curioso che il primo contatto fisico tra noi sia l'ombelico, il centro del corpo, penso. Sorride. - Be' ti devo fare i complimenti alla tua età è veramente difficile trovare uomini senza un filo di pancetta - Eh hai visto' - poi mi sfiora ancora la pancia, il petto e il sedere - Posso? Ti da fastidio? - No no anzi, certo che sei originale! - Si lo so. Sono molto originale. E' un difetto? - No finora no... finora è un pregio. - Anche dopo speriamo, comunque io sono così, a me sembrano strani tutti gli altri, non faccio del male a nessuno. Cerco di essere libera cerco di realizzare quello che penso. Tanti pensano delle cose ma non le fanno. Sono strani loro no? - Eh effettivamente... - non so più cosa dire, forse sta parlando anche di me? 'Tanti pensano delle cose ma non le fanno' ...effettivamente...poi si china e mi sfiora la punta del pene, sempre molto piccolo, non siamo appunto in un film porno, ripeto, e, con un sorriso allegro - Ma questo piccolino diventa più grosso vero? - e ride allegra e confidenziale, per la prima volta, finalmente molto simpatica, e finalmente la sento calorosa e non distaccata. - Si si' a tempo debito, anzi c'è qualcuna che mi ha detto che diventa proprio bello grosso' senza esagerare' insomma giusto' è che in questo momento sono piuttosto emozionato, è un'emozione piacevole, ma sono piuttosto teso - in realtà non è del tutto tutto vero, ma lo dico lo stesso - ti stai rendendo conto che è come se mi stessi facendo un esame, vero? - Macché esame! Te l'avevo detto che volevo conoscerti, ti spiace? - No anzi - Ma stai rilassato, tanto una persona, qualunque persona, non ha mai modo di mostrarsi migliore di quello che è, ma neanche peggiore, svuota la mente, non devi fare niente di particolare, sono io che ti sto conoscendo. Effettivamente mi sentivo da una parte teso ed emozionato ma dall'altra estremamente rilassato, non dovevo fare niente di particolare, non dovevo sforzarmi di parlare, trovare argomenti, mostrarmi simpatico o intelligente, faceva tutto lei e io sentivo un senso di grande riconoscenza. - Scusa puoi distanziare un po' i piedi allargando le gambe? - io allargo le gambe assumendo una posizione ancora più plastica, lei si abbassa, mi accarezza ancora il sedere e con la mano mi sfiora i testicoli facendoli lievemente oscillare. - Sai che hai guadagnato altri 10 punti per il fatto che non hai quei terribili pelacci qui? - mi dice con un sorriso aperto. In effetti me li ero accuratamente rasati il giorno prima, come faccio sempre quando c'è una vaga possibilità di un 'incontro ravvicinato'. - Ma sai che tanti uomini non si rendono conto che sono sgradevoli? - Eh si si ... ma tu... quindi... tu hai visto molti organi sessuali maschili ? - chiedo - sai ti vedo così' come dire ' senza tante inibizioni - Ma no no' molti no' purtroppo - ride e si risiede sul divano - considera che escludendo tutti quelli piuttosto bruttini, quelli piuttosto stupidi, o noiosi , o rozzi, o volgari, quelli troppo anziani, quelli con la pancia, quelli spelacchiati in testa, quelli troppo pelosi, quelli troppo rigidi, chiusi, inibiti, quelli.... insomma ne rimangono veramente pochini capirai... - Eh si certo che sei difficilina eh? - Ma si, è una tale fatica... da quando non ho più quella relazione che ti dicevo - Comunque ti capisco... scusa posso abbassare le braccia ? è una bella posizione ma alla lunga scomoda....ma perché ti ho chiesto il permesso?... - Si grazie, hai fatto bene, per ora, se vuoi, fai solo quello che ti dico io - Ah va bene non sai che sollievo, dover sempre pensare a cosa fare per corteggiare, conoscere, telefonare, fare e disfare....dicevo ti capisco e non vi invidio voi donne: è vero che come donne potete indossare quei begli abitini ma poi dovete vedervela con gli uomini, nel senso di cercare uomini, che li trovo così poco attraenti, mah, sarà che io sono un maschio... - Anch'io purtroppo li trovo quasi tutti poco attraenti, a parte giusto qualcuno - Ma però ti piace spogliare gli uomini? Cioè ti piace vedere degli uomini nudi? Ne avrai visti molti se fai sempre così - Ma no non faccio assolutamente sempre così, di solito non mi comunica molto vedere un uomo nudo, magari Brad Pitt in Thelma e Louise... ma quello è un film, no a me piace essere abbracciata, baciata e tutto il resto, e, vogliamo dirlo, amata dagli uomini, anzi da un uomo, quello giusto. Però ogni tanto, raramente, quando vedo le situazioni giuste, mi piace fare anche fare cose molto originali, insolite, un po' coraggiose, a una certa età si diventa coraggiosi, quando intravedo una possibilità, come in questo caso....cose liberatorie, lotto contro le mie e altrui inibizioni, vedo inibizioni ovunque, anche dentro di me. I miei genitori, non li ho mai visti nudi, non parlavano mai di sesso, non ne accennavano neanche, se in televisione c'era solo un po' di nudo, mia mamma diceva 'cambia canale'... ho lottato da sempre per uscire da quell'atmosfera, razionalmente, ho pensato, intensamente, convintamente, fin da adolescente, che non ci fosse niente di male nel sesso e nella nudità.... ma non so forse ne sono ancora un po' ossessionata, un po' dentro e un po' fuori da quei pensieri, da quel modo di sentire dei miei genitori. - Ah molto interessante... ora mi stai spiegando delle cose importanti e parlando di te, prima mi sembrava fossi un po' chiusa, chiedevi solo a me... Ma tu parli sempre così poco di te? - Ma no a me piace molto parlare anche di me liberamente con qualcuno che mi sembra possa capire, sono libera, o... che dico...almeno cerco di esserlo. Ora sono concentrata su di te. Non ti fa piacere? Devo dire che mi interessi molto. Ma poi con quello che ti ho chiesto di fare direi che mi sono scoperta molto no? Mi sono scoperta più io di te! - E' vero... ma a proposito, scusa la domanda, tu sei sicuramente una donna affascinante, ancora giovane, molto sicura di te e priva di inibizioni, perché non ti vesti un po' più... sexy, diciamo? Scusa, ma nessuno sospetterebbe quello che ti frulla per la testa vedendo come ti vesti così castigata, senza offesa, lo dico perché appunto ti potresti permettere... - Mmmm... dunque, vediamo, primo non ho più l'età giusta - Ma no non è così - Fammi continuare... a volte, quando ero più giovane e bella, ho provato a vestirmi in modo come dici tu più sexy, mi piaceva abbastanza, ma in certe situazioni, per strada per esempio, c'erano delle cose che non mi piacevano: gli sguardi e i pensieri degli uomini che incontravo o solo incrociavo per strada, mi sembravano volgari, sporchi, immaginavo pensassero a concetti come 'figa' o 'scopare' e io voglio stare lontanissima da chi ha quei pensieri per la testa.... o forse solo li immagino, non so, immagino i pensieri e le parole, però quelle le ho anche sentite a volte, di sfuggita, riferite ad altre, parole volgari, grevi, disgustose... io detesto la volgarità, forse mi è rimasta questa caratteristica della mia famiglia, anzi sicuramente mi è rimasta, non ho mai sentito ovviamente i miei genitori dire quelle parole, le 'parolacce', e io pure non le ho mai dette... si insomma i vestiti sexy ho paura che stimolino queste situazioni... dici che le immagino solo? E poi al primo appuntamento non so chi mi trovo di fronte, non voglio far trasparire il mio desiderio, che potrebbe essere molto forte, è sempre lì in agguato...chissà... forse mi è rimasto questo dalla mia famiglia così castigata, ma continuo a sentirlo, comunque voglio decidere io quando, come, con chi, essere libera di vivere la sessualità appieno... vedi io penso spesso al sesso ma non voglio che si noti attraverso l'abbigliamento... devo avere il controllo della situazione... non so.... è un po' così.....sei soddisfatto della risposta? - Ah ecco, davvero molto interessante, sai che non avevo mai pensato agli sguardi volgari degli uomini per la strada, però capisco possano dare fastidio alla lunga, forse perchè io non ho quel tipo di sguardi e pensieri. A me piacciono le donne vestite abbastanza sexy ma le guardo, le ammiro, le invidio sopratutto, e non faccio per niente pensieri volgari - No tu non sei per niente volgare - Grazie - Prego - Comunque secondo me se esci con l'uomo giusto, un filino più sexy ma elegante, poi se vuoi fare una cosa che sappiate solo tu e quell' uomo puoi provare a mettere la gonna senza gli slip, facile - Già provato, poche volte però, hai ragione, lo devo rifare... se ti piace lo rifaccio sicuramente - e qui con questa precisazione che le è uscita spontanea mi sembra proprio che... - Be' insomma siamo qui che stiamo parlando tranquillamente e mi stavo quasi dimenticando che sono qui nudo davanti a te... che strano... - Si sei abbastanza libero, per ora - Perché mi vuoi sottoporre ad altre prove? - Macché prove, non scherziamo, non faccio nessuna prova, si tratta di vivere, semplicemente vivere senza tutte quelle limitazioni o schemi mentali che non siano il piacere per se e per l'altro, la conoscenza, le esperienze, la vita pienamente vissuta - Accidenti bel programma... Poi si alza ancora mi si avvicina e mi passa una mano sul sedere, lievemente. - Devo dire che hai un bel sedere, non montarti la testa però.... senti ' ora ho un po' paura di chiedertelo ma arrivati ad una certa età... bisogna un po' vincere le paure...sento che forse tu potresti capirmi e non giudicarmi male...forse tu sei la persona giusta per me... mmm.... ti potrei sculacciare un po'? Non rispondo subito, però penso 'dice di volermi conoscere ma si sta proprio scoprendo molto di più lei di me, veramente coraggiosa!...comunque di certo non mi faccio legare casomai lo proponesse' - Accidenti! Ma... per curiosità... sei forse una sadica, una a cui piace far soffrire il prossimo? - Nooo che dici ? Assolutamente no. Mi spiace vedere soffrire chiunque. Peggio ancora farlo soffrire io, assolutamente no. E' un gioco solo un gioco, non fa male, cioè fa pochino male, lo so, ho già provato, poche volte, ma sei vuoi sapere perché mi piace come dice quel tal filosofo ti devo dire che 'so di non sapere' ' cosa posso dirti, è l'unica piccola perversione che ho, se poi mi chiedi perché mi piace... non lo so... provo a dirlo, mi piace vedere il sedere che si arrossa, mi piace il suono, mi piace la sensazione sulle mani, il contatto, l'unione, il dominio in un certo senso, il decidere io quanti colpi, quando, di che intensità, quando smettere... di più non riesco a dire... ci ho pensato spesso e lo ho fatto, poche volte... contento della mia spiegazione? E non intendo vergognarmi per questo, non voglio fare del male a nessuno... ma se ti va eh... poi lo so cosa si sente durante e anche dopo, si sente un calore che rimane per un po' di tempo... non è male - Si vede che ci hai pensato, facciamolo pure, ma prima, non per fare lo psicologo dilettante, ma, se ti va di dirmelo, scusa eh, ma... i tuoi genitori ti sculacciavano? - Ah no no assolutamente no, anzi per quel che ricordo erano molto distaccati fisicamente, ricordo veramente pochi contatti fisici, compresi abbracci, baci, forse è importante questo, ma non so dirti di più... - Be' interessante, ma no no proviamo pure, arrivati ad una certa età... come dice Ulisse 'Non vogliate negar l'esperienza di retro al sol'' non ricordo più... - Giusto bravo... allora... rimetti le mani dietro la testa e tieni gli occhi chiusi e non dire niente... Inizia con schiaffetti inizialmente piuttosto lievi alternando i glutei e le zone, immagino il sedere che sta diventando, come ha detto, un po' rossino e un po' caldo... ma sempre non forti, ma il fatto di non sapere quando arrivano è veramente eccitante e rilassante, sono totalmente passivo, non devo fare niente, è lei che si sta 'scoprendo'. E mi viene il sospetto che sia fin troppo timorosa, che forse si senta un po' in colpa, un po' troppo 'perversa'e che vada un po' incoraggiata così le chiedo - Ma quindi non devo proprio aprire gli occhi? - No! - Ma invece se li apro cosa mi fai? - Eh non lo so non lo so... tu tienili ben chiusi - e intanto va avanti con colpetti appena un po' più forti ma comunque timidi. - Ma se apro gli occhi mi punisci? - Tienili chiusi! - A questo punto mi giro apro gli occhi e le sorrido con sguardo complice, complice di questa piccola nostra comune 'perversione' che stiamo vivendo. Lei mi sorride felice di intesa e, quasi trionfante - Ah ma allora cosa sei? Un masochista? Ti piace soffrire? - Ma no assolutamente. Temo moltissimo il dolore fisico, sto ben attento a non farmi male, ma tu non mi stai facendo male... - lei sorride contentissima - Richiudi gli occhi e non aprirli mai più! E taci! - e mi sferra un colpo con credo quasi tutta la sua forza e che effettivamente mi brucia parecchio, poi mi sfiora molto dolcemente, appoggia la mano come a sentire il calore che ha creato sul gluteo, poi cambia mano, evidentemente brucia anche a lei, e aggiunge colpi forti ma anche carezze come per avvertire la pelle e il suo colore, comunque questi ultimi colpi sono piuttosto sgradevoli quando arrivano forti e improvvisi. Inizio ad essere preoccupato dei segni che possono rimanere per qualche giorno... poi si ferma, cioè nel senso passa più tempo del solito dopo il colpo, sento che si è mossa nella stanza, mi dice - Grazie veramente, è stato bellissimo e sei bellissimo anche tu... mi stai diventando molto, posso dirlo, caro - e mi passa per la prima volta una mano sulla guancia. Io sono quasi commosso non apro ancora gli occhi mi godo il momento. - Mi dici cosa hai provato? impressioni, considerazioni, sensazioni? - mi chiede. - Mi sono abbastanza divertito e sopratutto molto rilassato, il fatto di non sapere quando arrivava il colpo era molto eccitante , perché era un piccolo male ma limitato, non come i veri mali della vita, insomma, ora sento un bel calore, sono solo un po' preoccupato per i segni nei prossimi giorni. - Perchè pensi di far vedere presto il tuo sederino a qualcun'altra? Io, sempre con gli occhi chiusi - Eh... può darsi...dipende un po' anche da te - la ingelosisco, ma poi sento un piccolo 'click' della fotocamera del suo smartphone! Apro gli occhi preoccupato per la prima volta durante tutto l'incontro. - Eh ma no dai adesso dove va a finire quella foto? Va su un server e si diffonde per tutta internet?? - No non va su un server, te lo assicuro, guarda che lavoro con queste cose, sono prudentissima anch'io, guarda come sei carino! - Eh ma mi hai massacrato! E' rossissimo, comunque mi hai tolto la mia eventuale curiosità e voglia per un po' di tempo, però ora, per piacere, anche se non va su un server, cancella quella foto. Non si sa mai. - No fidati la metto in una cartella criptata neanche la Cia riuscirebbe a vederla - Fidati, fidati, dici bene ma tu sei un po' un'attrice, a volte fingi, non sei del tutto sincera, prima hai fatto finta di uscire, non sei affidabilissima, dai, sei una attrice! Confessa che hai finto di uscire! Come faccio a fidarmi? - Eh si attrice... attrice, si mi sarebbe piaciuto, ma non ero abbastanza bella o abbastanza brava o fortunata, però mi è rimasta quella voglia di interpretare più ruoli, vivere più vite, fare più esperienze, anche strane, mi piace provare certe situazioni ma non vado oltre, sono sempre molto controllata e razionale, fin troppo, non mi piaccio tanto, ma non faccio mai cose pericolose o dannose per me o per gli altri, si mi piace molto vedere le reazioni delle persone in certe situazioni bizzarre. E' vero prima ho finto di volermene andare... solo per vedere la tua reazione. Comunque è stata solo la seconda volta che ho fatto quella scena di uscire. Un po' di tempo fa ho incontrato un altro uomo, esattamente come ho incontrato te... non mi ispirava del tutto, diciamo che mi ispirava un po' meno di te, e ho fatto lo stesso gioco dell'uscire e poi proporgli all'improvviso di spogliarsi, bene lui ha iniziato a farsi un sacco di problemi 'ma come, ma perché, ma perché non ti spogli anche tu... ' insomma poi a fatica si è spogliato, era un brav'uomo, anche piuttosto bello e interessante, ma troppo problematico, impacciato, continuava a dire 'dai spogliati anche tu' così gli ho detto 'va bene ma chiudi gli occhi' e sono scappata fuori... - ride - ..ma il giorno dopo gli ho scritto una mail di molte scuse - Accidenti be' un po' dannosa per lui lo sei stata - Be' ma dai poco, niente di irreparabile E io penso 'che stupido quel tipo io non mi sogno neanche di chiederle di spogliarsi anche lei, quel tipo poteva venirle incontro nel fare una cosa originale e invece voleva ricadere in una situazione da matrimonio stanco, i due entrambi nudi, ovviamente, magari in un normale letto, sdraiati, che hanno un rapporto sessuale normale, come tanti altri' Ma non le riferisco questo pensiero, non voglio commentare la stranezza che stiamo vivendo e la mia rilassatezza, preferisco tenere un po' di tensione e non farle notare che non le sto chiedendo niente, per non togliere la magia. Ma in tutto questo nostro dialogare ho sempre la sensazione che sia sicura di piacere a me come a tutti gli uomini. Oggettivamente il suo aspetto fisico non giustificherebbe da solo questa cosa, ma avverto che lei si sente comunque e in ogni caso una persona molto desiderabile, molto sicura, ma per niente altezzosa, ma inevitabilmente, naturalmente, un pochino 'dominante'. - Ma fai sempre così che ti interessi dell'altro, che chiedi all'altro di fare delle cose, cioè non è un po' a senso unico la situazione? - Dipende da chi ho di fronte, cerco di essere libera. Credo di essere molto disponibile ma con te effettivamente sei così disponibile che mi sono fatta prendere decisamente la mano, rispondi a tutto, sei così aperto, ho un po' esagerato dici? - No, non mi pare, non ho nulla da nascondere... almeno credo, per ora - Che bello! No, io non ero per niente in confidenza con i miei genitori, mi sembrava che si nascondessero e io pure di conseguenza mi nascondevo.... non si è mai abbastanza in confidenza con una persona... non credi? Si risiede sul divano pensierosa poi mi guarda fisso, si rialza in piedi, poi mi gira un po' intorno, poi mi mette un dito in bocca, io lo succhio, e poi mi tocca l'ano, poi ancora in bocca e poi spinge un po' contro l'ano, ancora in bocca e poi spinge un po' di più...mi fa un po' male con l'unghia - Fermati un momento... potrebbe essere anche un'idea carina, sicuramente originale, come è nel tuo stile, ormai lo ho capito... ma c'è un problema: hai le unghie e fanno male seriamente, non come prima - Accidenti le unghie, è vero lo so, adesso le ho lunghe.... allora mettiti un tuo dito se ti va - Un altro esperimento, perbacco ti piace provare proprio tutto! - Nooo! Esperimento, provare, proprio nooo, qui si tratta di vivere, semplicemente vivere. Mettendoti un dito nel sedere non provi un po' di piacere? - Si effettivamente un po' piacevole lo è - Allora fallo, non pensarci, fallo, se ti va - Effettivamente il tuo discorso non fa una grinza, ma mi chiedo se dobbiamo fare di tutto di più tutto oggi - Perché hai sonno, fame, ti aspetta la mamma? Preferiresti fare solo un qualcosa, un pochino, un po' più tardi e forse mai? - No no no per carità ho già rimandato troppe cose nella mia vita come ti ho raccontato, mi hai veramente spiazzato... - Allora fallo non pensarci. Io allora mi inumidisco il dito medio più volte e lentamente lo introduco nell'ano, o meglio cerco di introdurlo con la mano dietro il sedere e mi sento forse per la prima volta un po' a disagio per la posizione un po' storta e veramente poco 'scultorea', come diceva lei. - Scusa ti vedo molto storto, non saresti più comodo a passare con la mano dal davanti? E magari inginocchiarti, cioè io sono più comoda così - Giusto giusto che stupido, è che sono un po' emozionato - Dai non stai facendo niente di pericoloso o immorale per cui rilassati - e così mi inginocchio e apprezzo in cuor mio la naturalezza e spontaneità con cui ha detto 'io sono più comoda così'...ma non glielo faccio notare... alla fine il dito entra abbastanza. - Bravissimo ora ti va di far diventare finalmente un po' più grossino quel tuo cosino? - dice sorridendo ancora apertissimamente, perché questa donna misteriosa ha la caratteristica di essere sempre serissima, ma a volte all'improvviso si illumina di sorrisi radiosi. - Ok - e inizio a masturbarmi, sono solo un po' scomodo sulla ginocchi e le chiedo, tanto per continuare il gioco - Sono solo un po' scomodo, mi potrei sedere? - Giusto giusto ma non è necessario chiederlo - Si ma per ora mi piace chiederti il permesso... così - e mi siedo per terra sopra la mia mano sempre con il dito nel sedere, il contatto tra il sedere ancora arrossato e il parquet è piacevole e continuo la masturbazione provando a dimenticarmi che sono davanti a una donna quasi sconosciuta, ma anche essendo conscio di questo, che sensazione! A questo punto inizio anche a sentire il piacere fisico della masturbazione che unito alla situazione crea una bella miscela. Mi balza alla mente un ricordo lontano e glielo riferisco - Ma sai che adesso che ci penso mi pare che la prima volta che mi sono masturbato da ragazzino è stato proprio così seduto sul pavimento del bagno! Pazzesco è come se si chiudesse un cerchio! - Con il dito nel sedere? - sorride ancora - Nooo quello lo ho provato molto tempo dopo - Ma tu a volte ti masturbi con un dito nel sedere? - Lo ho provato un po' di volte ma non è meglio perché si arriva prima all'orgasmo e il piacere si sposta un po' verso l'ano e meno nell'organo genitale, in definitiva non è meglio, è diverso, ma meglio di no - Ah interessante - Ma sai mi viene da sorridere se penso a quello che avrebbero pensato le donne e le ragazze che ho conosciute se avessi proposto, chiesto a loro quello che tu hai chiesto a me.... non so forse sarebbero esplose, gli occhi sarebbero usciti dalle orbite o come minimo sarebbero scappate... - Si... immagino...che strane le donne normali...- sorride - ora noi siamo entrati in confidenza, in poco tempo, ci siamo conosciuti, uniti, bisogna cercare di unirsi con le altre persone... non si è mai abbastanza in confidenza con sé stessi e con gli altri. Tutto quello che si può fare bisogna farlo per non avere rimpianti, bisogna essere un po' ambizioni nelle relazioni umane. Gli esseri umani spesso non si rendono conto di tutto quello che possono fare e conducono una vita di quieta rassegnata disperazione... che poeta lo ha detto? Boh non so... lo dico io. - Accidenti. Non si potrebbe dire meglio... Ora mi sento in qualche modo in una situazione privilegiata rispetto a lei che è ancora tutta vestita e non ha potuto godere di tutte le situazioni fisiche che ho vissuto io in questa pazzesca sera di fine estate. E ho quasi come un po' di dispiacere per la sua situazione fisica, mentale, di persona ancora vestita. A questo punto, quasi come se mi avesse letto nel pensiero: - No no va bene basta masturbarti, non vorrei che sprecassi un orgasmo - No ma mi so controllare..- ma smetto - Visto che mi hai accusata di essere poco sexy ora farò una cosa che so che piace molto ai maschi - si toglie le scarpe e si sfila le mutandine prendendole da sotto la gonna, non si toglie nient'altro, mi si avvicina, solleva la gonna, effettivamente ha indovinato, sento un non so che... apre un po' le gambe, mi mette il sedere di fronte alla faccia, io non faccio niente anche se sono molto eccitato, il suo sedere è abbronzato senza segno del costume e ha anche un lievissimo piacevole profumo ' 'gran donna' penso - Mi lecchi... per favore? - e qui mi passa per la mente un'idea un po' folle, faccio appello a tutta la mia eventuale capacità di attore e dico - Eh si ma sai... non è che mi piaccia tanto leccare... - Lei si gira con gli occhi sbarrati, mi guarda impietrita, come se avesse improvvisamente saputo che sono un serial killer, immagino le passino in mente mille pensieri in quei due lunghissimi secondi, non di più.... - Ma nooo scherzo! Ci sei cascata! Mi piace tantissimo leccare, anzi mi piacerà tantissimo leccare te! - le prendo il sedere, le do una lunga energica leccata all'ano e poi continuo affondando il naso e la bocca nella sua vagina - Accidenti effettivamente per un momento c'ero cascata, ma sei uno scherzone! Ma non farlo più! A momenti svengo! - Eh anche a me sarebbe piaciuto fare l'attore scusa se ti ho spaventata, forse ho esagerato - le dico distaccandomi solo un momento con la bocca già impregnata dei suoi liquidi - Un bello spavento in effetti! 'Guarda che altro matto mi è capitato' ho avuto il tempo di pensare! Non farlo più... mai più... e continua a fare quello che stai facendo così bene... - io effettivamente la sto leccando avidamente, è il caso di dirlo, l'ano e la vagina, facendola ruotare e inserendo le dita alternativamente nella vagina e stimolandole l'ano, vado avanti per un po' e poi con i denti le inizio quasi a mordere un gluteo con la bocca spalancata, stringendo sempre un po' di più i denti fino al punto in cui emette un urletto - Aaaai! - e cerca di allontanarsi ma la sto stringendo i fianchi con molta forza, allento il morso - Eeei ma mi vuoi mangiare? - Eh siamo così in confidenza che mi sono fatto prendere... - Accidenti! Ma adesso ho un segno? - Eh a dire la verità mi è venuta voglia appunto di lasciare anch'io qualcosa anche a te... perché hai intenzione di far vedere presto il tuo sederino ad altri? Mi guarda sorridente, si china, mi da un bacio sulla bocca tutta bagnata della mia saliva e dei suoi liquidi, si alza, si libera finalmente della gonna, giacca, camicetta e reggiseno, si riabbassa mi mette una mano sulla guancia - No, credo proprio di no. (è il primo racconto che scrivo, per commenti: gmail.com)

Questo racconto di è stato letto 2 4 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


eroticiracontistorie di pornosesso con zia raccontiporno raccstorie erotiche gratisracconti porno incestuosiracconti erotici padreracconti di cornaracconti incesti eroticinonni porcistorie sensualizia vogliosami chiavo mia cognataracconti erotici madre e figliaracconti porno troieracconti di donne che si masturbanoracconti erotici.comracconti animal sexincesti con donne matureannunci69 storiestorie erotiche da leggereporno racconti eroticienema raccontiracconti hard suoceraracconti erotici con sorellafemmine zoccoleannunci racconti 6969 racconti eroticiertici raccontiracconti erotici per donneracconti eoticieriticiraccontiescort storieblog racconti pornoracconti erotici zooclistere racconti eroticischiava raccontieros gratisraccontieroticiracconti erotricicfnm storieracconti eriticiraconti erosporno racconti incestiracconti di sesso con superdotatijncestimaria teresa ruta cosceracconti moglie scopataracconti incedtoraccontifetishstorie di ragazze troieerotici racontifisting raccontiracconti erotici animaliracconti porno dal ginecologoeroriciraccontiracconto erotico ginecologoracconti esibizionistiracconti hard lesboi generi dei racconti eroticiracc eroticiincesto con suoceramilfomanescambio di coppia bisexracconti erotici teenincesto raccontoincesto con la ziaraccontierotici.itracconti porno cognatai racconti di milo