Menage a trois (il caffè con lo sbroffo)

Scritto da , il 2019-10-11, genere trio

Passò qualche giorno durante i quali Eli non trovava del tempo libero per noi due e nel contempo Mino, che aveva capito cosa fosse successo tra me e Elisa, mi tartassava di domande per avere conferme. Bere il caffè con lei il mattino non rendeva certo facili le cose, visto che continuava a lanciarmi sguardi sensuali ed ogni scusa era buona per sfiorarmi la patta. In una occasione aveva anche infilato la mano nella salopette, ed al mio ritrarmi si fece una bella risata. Aveva preso a chiamarci entrambi  "amore" in una "amicizia" che via via si era fatta piu intima tra tutti e tre. Una mattina mentre mettevamo le rispettive tazzine nel lavello ci trovammo con me e Mino ai lati e lei nel mezzo ed esclamò - tra voi due non corro il rischio di morire congelata, siete belli caldi - e ridacchio'.
Fino a quando prese la palla al balzo e ci invitò tutti e due a prendere qualcosa verso le 10 insieme, visto che il bimbo sarebbe stato fuori con la madre.
Nei giorni precedenti insomma aveva gettato le basi per una bella mattinata a tre.
- il segnale lo conosci - mi disse, davanti all'espressione stupefatta del mio socio.
Mentre scendevamo in ascensore l'interrogatorio di Mino si fece martellante.
-che dici, vuol fare una cosa a tre o cosa? - e ancora - quale sarebbe il segnale?
Gli dissi che probabilmente si, avrebbe voluto fare una cosa a tre, e si, nelle due volte precedenti avevamo fatto sesso e lui aveva ragione. Ed ancora, gli spiegai quale fosse il segnale.
Sta di fatto che passò due ore incollato alla finestra, in attesa del segnale (per fortuna i proprietari dell'appartamento erano via, ma quando sarebbero tornati la casa avrebbe dovuto essere finita). Gli consigliai di tirare il collo al papero, così da non arrivare la con una voglia tale che sarebbe venuto subito, cosa che io, che ero eccitato quanto lui, feci.
Al segnale ci precipitammo da lei, che ci accolse con un babydoll rosso fiamma e perizoma.
- vado a metter su il caffè, voi mettetevi comodi sul divano. -
Ci spogliammo completamente nudi, con i cazzi svettanti sopra il divano che aveva ricoperto con un lenzuolo.
Arrivò con il vassoio e le tazzine fumanti, lo poggio' sul tavolino, si accuccio' ai nostri piedi e prese i cazzi duri, cominciando a giocare con le manine di una che sapeva bene cosa fare.
Tirammo indietro la testa all'unisono e Mino cominciò subito a gemere, pensai che lo avevo avvisato, avrebbe fatto la figura del coniglio. Lei se ne accorse, lo prese in bocca e cominciò a spompinarlo per bene ed in un paio di colpi le riempì la bocca, fini il blocchino ripulendo per bene tutto, lo fece cadere nella tazzina e, dopo aver fatto finta di mescolare lo mandò giù. "il caffè con lo sbroffo" pensai, e sorrisi.
Mentre Mino si riprendeva prese a giocare con il mio cazzo in bocca, io le accompagnavo la testa con la mano, ad ogni passaggio sempre più giù, finché dovette fermarsi
- se spingi ancora finisce che ti vomito addosso un caffè corretto sborra - mi disse.
Venne a sedersi cavalcioni sul mio cazzo e cominciò a muoversi lentamente, allargando le cosce sempre più per sentirlo dentro tutto. Mino intanto stava alle sue spalle, le stringeva il seno con le mani, e, di tanto in tanto le strizzava i capezzoli tra le dita mentre le baciava il collo. Elisa si lasciò andare ad una serie di orgasmi a ripetizione, complice anche il dito che le avevo nel frattempo infilato nel culo.
- voglio farti male - dissi ad alta voce - devo sfondarti il culo.
Ci alzammo dal divano, divenuto scomodo, Mino si sdraio' sul tappeto e lei ci si impalo' tutta, rovesciandosi in avanti con le labbra sul collo del mio socio, le diedi una serie sculaccioni sulle antiche sode e bianche, che in quella posizione prona erano irresistibili, che la facevano sussultare sul cazzo del mio amico aumentando il godimento di tutti.
- piccola troia, stai godendo come una pazza - le dissi - sapevo che ti sarebbe piaciuto - ed ammiravo le antiche divenute ormai rosso fuoco.
Urlava come una gattina in calore ed io, dopo aver infilato due dita nel suo culo, poggiai la cappella turgida contro il suo ano e la penetrai con un colpo secco, con tutta la forza che avevo in corpo.
A quel punto si irrigidi' di botto, urlando, ed io restai fermo per un attimo per farle assorbire il dolore, che, con Mino che continuava a muoversi sotto di lei, si trasformò immediatamente in piacere.
- spingi porco - urlo' - questo è tutto quel sai fare? Non mi dovevi sfondare il culo?
E dicendo questo cominciò ad agitarsi in maniera animalesca.
A questo punto le tirai con prepotenza i capelli all'indietro e, mentre Mino le torturava i capezzoli, presi a spingere ancora più forte, se possibile.
Ormai eravamo una cosa sola, tutti e tre, presi in una piccola orgia dei sensi, gridavamo il nostro godimento senza preoccuparci di nulla.
Venimmo tutti e tre all'unisono e, mentre la sborra le colava dal culo e dalla figa come fosse un tubo rotto, sdraiati uno accanto all'altro, ci baciò con ardore e passione.
Si alzò a fatica - mi avete proprio spaccata a dovere voi due - e ci porse i caffè ormai freddi.
Ci ricomponemmo e tornammo al lavoro.
Non abbiamo più lavorato la intorno, ma di tanto in tanto, mentre in auto andavamo al lavoro uno dei due saltava su
- caffè con lo sbroffo? - e ridendo, per quella mattina, tendina permettendo, niente lavoro.
Il mio amico Mino purtroppo non c'è più, un cancro se l'è portato via.
Ne abbiamo fatte tante insieme, sono sicuro che sarebbe felice di questo racconto, che in qualche modo, una volta entrato in rete parlerà di lui per sempre.

Questo racconto di è stato letto 2 2 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotiche storiexlaterracconti erotici porcaracconti di mamme incestuoseracconti hard gratisracconti primo analesesso anale racconti eroticitravestiti raccontierositalia raccontistoriw pornoracconti milúracconti erotici di sessoracconti porno costrettastorie di sesso con animaliporno mogli al cinemastorie di mariti cornutistorie bisexracconti erotraxconti eroticiracconti amore gayracconti lesbo gratisstrapon raccontiracconti di scambio di coppiamia moglie scopa con il caneracconti picantiracconti hard con animalierotci raccontiracconti erotici in barcaraccpnti eroticiracconti erotici con il caneracconti bisexmilu raccontistorie hot gratisstorie porcheraccontj eroticifotoromanzi eroticiracco.ti eroticiwww.eroticiraccontiracconti erotiilibri erotici onlineracconti di sessracconti erotici amicaracconti erotici onlinepompini storieracconti eroticiiracconti trasgressiviracconti erotici marepiccanti raccontiracconti erotici culo sfondatoraccontieroracconti erotici con la cognataracconti club privei generi di racconti eroticierotici raccostorie crossdresserracconti erotici cuginoracconti di scopatesesso porno raccontiprima volta gay raccontizia e nipote raccontiracconti di sesso incestuosoracoonti eroticiracconti erotici mistressvicina inculatastorie porno con immaginisodomia raccontiracconti genivculo rottracconti erotici suoraracconti erotici ditalinoracconti di segheracconti pirnozia porcellonamia madre mi ha fatto un pompinoracconti erotiimoglie persa a pokermaritobisexincesto confessionistorie erotiche piediracconti erotici ziepadrona e sottomessoracconti erotici con il caneracconti hot gratisricattata e inculatastorie ponoincesto confessionistorie erotiche moglieracconti porno trioraccontieroracconti pulpracconti erotici bbwracconti sesso oralestorie di adultimoglie racconti eroticiraccontu porno