L'incontro di due persone sbagliate - A letto

Scritto da , il 2019-10-11, genere dominazione

M'ero messo con Erica dopo averla scopata ad una festa con altri tre, scatenando la derisione e l'invidia dei miei amici. I più gentili mi dicevano che quella puttana m'avrebbe rovinato; che pensava solo ai soldi di mio padre e che m'avrebbe fatto cornuto un giorno sì e l'altro pure. Tutti si prodigavano in consigli e raccomandazioni. All'inizio! Poi volevano sapere com'era scoparci, cosa mi faceva e soprattutto cosa le facevo io... e quante volte, e dove, e quando. I più stronzi si fecero avanti proponendosi per eventuali orgette.
Non m'offendevo, ma cambiai presto giro; mi spiaceva per lei. In un paio d'uscite in compagnia subì una serie infinita di allusioni ed ammiccamenti e le avances goffe di chi aveva ormai bevuto troppo.
E poi non potevano capire che m'ero innamorato di lei proprio perché era così, come dire?, aperta. M'avrebbero preso in giro sul serio se avessero saputo che, per eccitarmi a letto, mi facevo raccontare le sue avventure, nei minimi particolari, e poi la punivo nei modi più assurdi. E lei ci stava divinamente a questo gioco! Sapeva come incuriosirmi, facendo solo qualche accenno. Mi costringeva a strapparle le parole una ad una finché, come un'inondazione, mi raccontava tutto d'un fiato senza nascondere nulla ed inventando storie impossibili (spero!), come la gita di tre giorni in barca con tre amici, o il porno girato a Praga, o nel capanno in campagna dopo aver fatto la scema con due muratori rumeni iperstronzi, o lo zio pugliese che se la scopa ogni volta che s'incontrano... Storie che m'annebbiavano la mente e me lo facevano diventare duro e gonfio, in pressione come un estintore. E la punivo subito con quello, in culo come merita una puttana, sborrandole dentro con rabbia per farla mia.
Erica adorava questo gioco; lo cominciava sempre lei, magari mentre strofinava la figa sui peli della mia coscia. Diceva che le piacevano le cosce muscolose... come le mie, sono di maschio. A questo punto le chiedevo a chi stesse pensando. Rideva. 'A nessuno, figurati...', e continua a strusciarsi tenendosi con entrambe le mani come se cavalcasse. “... e poi era solo uno stronzo!”
“Tu attiri gli stronzi.”
“... forse hai ragione... era un ex giocatore di rugby... ero in Corsica, due anni fa...”
“Ti sei fatta un gorilla?”
“Ma dai, non essere volgare.” Mi sorrise con gli occhi.
“Raccontami come t'ha scopata.”
“Ma chi ti ha detto che ci sono stata?”
“Com'è stato?”
“Uff... ma se pesava più di 100 chili! Aveva le cosce larghe... larghe così!” Si strinse con le mani in vita mandandomi in palla. Le fissavo il ventre scavato sotto le tette fantastiche e m'immaginavo i suoi cinquanta chili massacrati da un toro. “Ti giuro, forse di più.” Si spostò in avanti strisciandomi addosso fino a fermasi cavalcioni sul mio bacino. Mi strinse con le ginocchia. “Ecco:... larghe così.” Si lasciò cadere in avanti, con la lentezza del desiderio e con le labbra socchiuse fino a finirmi con la lingua in bocca; mi si allungò sopra, schiacciando i seni contro il mio torace e serrandomi forte il cazzo fra le cosce, contro la figa caldissima.
Me la scollai di dieci centimetri, tirandola per i capelli dietro la nuca: “Come ce l'aveva?” Rise, mi diede un bacio bagnato e si risollevò seduta. Le carezzai i seni partendo dal suo pancino piatto. ”Avete tutti lo stesso complesso.” S'inarcò leggermente indietro per prendermi le palle in mano e poi carezzarmi il cazzo, spingendolo contro il solco delle sue chiappe: “… come il tuo, grosso come il tuo... era il papà dell'amica che m'ospitava.”
Quasi eiaculai. “Racconta puttana.” Avvertii un tremito. “Poi te la faccio pagare.” Arrossì. Le brillavano gli occhi.
“Ero da lei, in un appartamento in affitto. C'erano anche i suoi: la mamma, il fratellino di otto anni e suo padre... Lui mi guardava sempre... anche in spiaggia, di nascosto sotto le lenti scure... beh, lo sai: a cosa mi divertiva... ed era davvero niente male.” Cercò di ridere. “Ma sì, un tipo grosso e muscoloso... ci fantasticavo sopra anch'io...”
“Lo provocavi puttana?”
Si puntò con le mani al mio torace e twerkò languidamente contro il cazzo. “Noooo! … ma stavamo tutti sempre in costume, anche in casa... io spesso solo in mutandine, come faceva la mia amica, ma solo quando non c'era sua madre... mi faceva i complimenti di nascosto e mi sfiorava appena poteva.”
“E tu lo toccavi? Racconta che dopo ti spacco.”
“Eravamo andati a far spesa al supermercato... In tre: io, Carola e lui. Gli ho sfiorato la coscia in auto, era in calzoncini, e ancora mentre entravamo. L'ho mandato in palla.... Tenevo il carrello: Carola era davanti che sceglieva tra gli scaffali, lui sempre dietro per palparmi in continuazione. Mi si è appoggiato anche contro. Mi eccitava da morire farlo di nascosto da Carola. Poi era enorme. Altissimo. Mi sollevavo sulle punte dei piedi per permettergli di toccarmi con la mano bassa, senza farsi accorgere. Mi spingeva contro le dita.” Tornò ad occuparsi del mio cazzo, stringendolo nella mano affusolata. Socchiuse le palpebre dal piacere. “Poi Carola doveva passare in farmacia a prendere delle creme. Non l'ho accompagnata: ho detto che avrei aiutato a portar su le borse e rimasi sola con lui nel sotterraneo del palazzo. Non so cosa avevo in mente... so solo che ormai ero bagnata. Lo guardai in viso: era sudato. Aveva gli occhi folli, come lo zio quando ha terrore d'essere scoperto. Mi spinse nel garage ed abbassò la serranda.”
Volle baciarmi sdraiandosi nuovamente sopra e come una gattina si sistemò meglio, strusciandomi i seni addosso. Ero sudato. La tenevo per le natiche. Riprese a raccontare alitandomi in viso. “Mi tenne la bocca chiusa con con una mano e mi girò piegata, penetrandomi da dietro, scostando solo le mutandine. Non feci in tempo a fare nulla, nemmeno a capire se mi stava piacendo, cercavo solo di non perdere l'equilibrio e di tenere il bacino alto per resistere meglio ai suoi colpi che mi staccavano da terra.” Aveva voglia di me: inarcò il bacino e mi cercò con la figa, quindi spinse lentamente scivolando fino alle palle. Una lacrima comparve all'angolo dell'occhio. Gliela leccai. Ora avrebbe ripreso a raccontare, per eccitarmi ed eccitarsi; avrebbe guaito, esagerato ed inventato.
“Carola aveva trovato un ragazzo... tornavo sempre sola dalla disco e lui, che andava a correre all'alba, m'aspettava in garage... tutte le mattine, contro il cofano o nell'auto... e un paio di pomeriggi riuscimmo a rimanere soli un'ora, sul mio lettino... m'inculava sempre venendomi dentro, tutte le volte che poteva. Voleva sempre e sembrava che non venisse mai, facendomi morire senza fiato; mi mandava i messaggi quando era solo ed io venivo via dalla spiaggia; prendevo una scusa e correvo in garage ... “
Mi colava fin sui coglioni. Intinsi due dita e gli artigliai il culetto, facendola sobbalzare e cominciò a dimenarsi tutta, aggrappandosi coi denti alla mia spalla. “Ti hanno scoperta?”
“No... Carola era presa per quel ragazzo... beh, eravamo ancora amiche, ma diversamente... però le piacevo ancora, si faceva leccare e limonavamo in camera.”
La scaraventai di lato e la voltai. Erica sollevò automaticamente il culo. Lo sentivo scoppiare in mano e ce lo ficcai. Urlando e facendo urlare lei. Mi colpì con i talloni; affondò la testa nel cuscino. Quattro colpi lenti ma violentissimi, tirandomi indietro quasi a sfilarmi, con tutto il peso e la forza della mia incazzatura; solo quattro colpi col cazzo pesante come un piccone e venni con una potenza che quasi mi tramortì. Rimasi steso su di lei, che dapprima riprese a respirare e subito fu preda di un orgasmo tellurico, che la lasciò senza forze sotto di me, sudata e tremante.
Le baciai la guancia. “Venerdì e il mio compleanno... mi sarebbe piaciuto invitare un paio di tipi, magari due escort... per una festa...Voglio vederti. ”
“... non avevo ancora deciso che regalo farti.”

Questo racconto di è stato letto 1 4 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici gratisracconti erorici gayannunci69 incestoraccinti gaysi fa scopare dal caneracconti erotivgay racconti eroticistorie zozzeracconti pormoracconti erotici con matureracconti di mamme troieerotica raccontiracconti poraconti sessoracconti di sesso a treracconti al cinema pornoannunci69.it raccontiincesti sessostorie pornieriticiraccontiannunci 69 tradimentimigliori racconti eroticipegging raccontiracconti erotici mia ziaracconti gay zioracconti porno lesboclisteri sexyracconti di ragazze lesbicheracconti erotciracconti eoriticipenerentolaseghe al cinema pornomogli esibizioniste troieerotici racconti.itcuginetta pornoracconti incetoraccondi eroticistorie gay 69genere dei racconti eroticiraccontieroticoerotiche storiepiedi femminili raccontischiava aziendale 7racconti erotici verestorie porraccontiporsiti erotici italianiracconti eroracconri eroticimilù raccracconti milunudainculata involontariaracconti di tradimenti in vacanzaraconti eroticoertici raccontiracconti nel culostorie di sesso eccitantiracconti porno inculataracconti erotici con ziestorie di sesso vereraccontisessoi generi di racconti eroticierorici raccontiracconti poporn storieculo rotto raccontiracconti di sesso lesboprima esperienza cuckoldracconti hardcoreracconti sesso animalila prima volta nel culo raccontirotici racconti