Cronache di Rossella quinta parte

Scritto da , il 2019-10-10, genere dominazione

Cronache di Rossella V

 

Nella registrazione Santo si lamenta per il dolore ai testicoli dovuto alla imponente erezione.

Probabilmente richiamata alla realtà dalle lamentele del ragazzo si sente la ragazza che ancora una volta si rivolge a lui: “Santo scusami. Come posso farmi perdonare?"

Poi dopo una breve pausa con un filo di voce si sente Rossella che sussurra:

“Vuoi mettermelo nel culo?

A quel punto Santo, sicuramente incredulo, perché mai e poi mai  avrebbe pensato di giungere a tanto, prende coraggio e inizia ad essere più autoritario usando al contempo un linguaggio ancora più volgare.

Girati e piegati in avanti, bene così, brava, scendi ancora un po', come se con le mani dovessi riuscire a toccarti le caviglie.

Questa si chiama pecorina, è la posizione più adatta per prenderlo nel culo.

Ora con le mani allargati le natiche e aspetta, che bagniamo bene questo buco con tanta saliva, altrimenti visto che è la prima volta c'è il rischio che ti sfondo il culo.

Un attimo di silenzio precede un “Uhmm...” grave e gutturale che esce dalla bocca di Rossella.

Santo, con il suo cazzo mostruoso, la incula senza difficoltà nonostante non pratichi la benché minima preparazione dilatando.

Il buco è bello largo, Rossella anche stamattina appena alzata ha provveduto a sfiancare energicamente il suo ano.

La cedevolezza dell’ano di Rossella non insospettisce il ragazzo il quale non dubita del fatto che la ragazza sia stata vergine sino a quel momento.

Santo è’ esperto e la incula con la perizia di uno abituato alla monta.

Ma è la prima volta che lo mette in culo ad una ragazza, in effetti è la prima volta che ha in generale un approccio intimo con una ragazza.

La sua perizia deriva dal fatto che il ragazzo in fattoria lo mette sempre in culo alle pecore e pertanto sta inculando Rò nella stessa maniera in cui monta regolarmente gli animali.

Alla luce di queste esperienze pensa che le ragazze ce l'abbiano largo come le pecore e poi questo buco è, anche se di poco, più stretto di quello degli animali.

Questa monta è però più gradevole, il contatto con le mucose anali femminili è diverso, ma soprattutto è più piacevole la sensazione che riceve dallo strofinare e sbattere il suo pube contro le natiche di Rossella.

Poi lui continua:

“Prendilo tutto Rò” e lei risponde con voce roca: “mmmmh, siii, ancoraa, di più ancoraa”.

La monta dura tantissimo, anche perché Santo come ogni mattina, si è già scaricato le palle nel culo di una pecora.

La registrazione termina con la riproduzione audio dei rantoli di piacere dei due.

Rossella ha ascoltato il nastro e crede impossibile che dalla sua bocca siano potute uscire quelle frasi.

Quello che aveva riascoltato era la ricostruzione di una situazione surreale alla quale le sembrava di non aver partecipato.

Non c’era stato nessun atteggiamento aggressivo e intimidatorio da parte di Santo.

Lo ammetteva a se stessa: non era stata trascinata di forza per un braccio nello spogliatoio, ma solo invitata ad entrare accompagnata, avvolta da un braccio che la cingeva quasi sfiorandola,

E quella frase: “vacca abbassati i jeans che ti sfondo il culo" se l’era sognata Lei.

Era un patchwork composto da alcune parole estrapolate da tutta l’articolata conversazione che era avvenuta tra Lei e Santo.

Vacca abbassati i jeans che ti sfondo il culo era quello che Lei avrebbe voluto sentirsi dire.

Avrebbe voluto essere obbligata a soggiacere a quel rapporto anale, avrebbe voluto essere sottomessa ed usata invece la registrazione testimoniava che lei era stata consenziente, anzi era stata proprio lei ad invitare Santo a metterglielo nel culo.

I ragazzi intanto avevano iniziato a palpare e a sculacciare il suo rotondo culo, che ora stava diventando paonazzo.

Qualcuno azzardava di più e non si limitava a ciò, ma faceva scivolare le dita verso la sua fica per poi addirittura inserirne prima una e poi due, lubrificate dalle secrezioni vaginali della ragazza, nell’ano cedevole di Rossella, slabbrato in conseguenza della precedente penetrazione, e anch’esso lubrificato, ma dagli umori fisiologici di Santo.

“Guardate fra le chiappone: fa capolino il buco del culo,”

“Ma è larghissimo, rimane parzialmente aperto.”

“Certo, Santo con quella bestia che si trova tra le gambe le ha rotto definitivamente il culo, l’ha rovinata, il buco non le si richiude più, sembra un piccolo imbuto pieno di sborra, le ne ha versato un litro nel culo.”

Uno dei ragazzi avvicina al viso della ragazza una foto, appena scattata nella quale è impresso il suo buco del culo che dopo la selvaggia monta di Santo rimane aperto e largo come una caverna.

Rossella guarda la foto e sente i volgari commenti dei ragazzi riguardo le condizioni del suo culo sfondato, prova un senso di grande soddisfazione a sentire che il culo le rimane finalmente aperto.

Proprio in quel momento mentre un ragazzo le tocca il clitoride la ragazza ha improvvisamente una altro travolgente orgasmo e si abbandona in quella ridicola posizione, con il viso e il seno poggiati al pavimento e il culo svettante che offre la visione di quell’ano slabbrato e di quella figa lucida ai ragazzi .

Ragazzi che la prendono per le braccia e lasciandola in ginocchio la fanno mettere con il busto eretto.

Uno si abbassa le afferra il seno e dice:

“Intanto, visto che ti piace, queste minnazze da vaccona te le spremo e te le stiro così tanto che te le sformo, te le faccio rimanere flosce e cadenti sul petto come quelle di una vecchia.

Guardate che capezzoloni belli grossi e appuntiti che c’ha la vacca.

Sono enormi più grandi del fondo di una lattina di coca e che bel colore marrone scuro hanno.

Quanto sono volgari ste minnazze.

Le faccio uscire il latte tanto gliele stringo forte, siete d'accordo?

Un altro aggiunge: questi capezzoli enormi sembra che c’hai fatto la punta con il temperino; Ora te li stacco a morsi.

Ti piace se te li stringo così forte, vero? Vero Vacca?”

“Ummm.. Siii...siii....” E' la risposta che viene da Rossella.

Intanto i grossi seni della ragazze sono diventati viola, per la forte pressione e trazione a cui sono sottoposti.

Uno dei ragazzi dice; "Da oggi sei la nostra vacca da monta rotta in culo, te lo prendi in culo e muggisci: Mhuu Mhuu ..... prova vacca.”

Rossella non risponde, muggisce rocamente: “mhuuu, mhuuuuuu……”

Santo, che sembrava essere scomparso, ripiomba al centro dalla scena.

Si era defilato per prendere tutte le foto scattate e le aveva messe in tasca, insieme all'audio cassetta che aveva tolto dal registratore.

Afferra per il collo con una presa ferrea i due ragazzi che stavano strizzando le tette di Rò,

Il suo tono di voce ora è autoritario: "lasciatela"!

Rossella si sente sollevata, pensa che quell’incubo sta finendo, ma la speranza dura un attimo perché subito dopo non può credere a ciò che sente.

“Lasciate la mia Vacca!

Lo dico io chi munge le vacche della mia stalla.

Questo racconto di è stato letto 1 4 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


trav raccontiracconti hard suoceraracconti di sesso con donne matureracconti erotici incesto sorellastorie sesso gratisracconti erotici tra donneeroticiracontiracconti porno moglie troiaraccotni eroticiracconti icestoracconti gay neritette di mia mammaracconti porrnogenere racconti eroticiracconti erotici violentiblog racconti pornostorie erotichrraccontiporracconti hard gratisi generi di racconti inceatoraqcconti eroticiracconti peggingracconti erotici categoriemi inculo mia suoceraraccontierracconti milu.comracconti erotici violentataracconti erotici generiracconti di zoofiliaracconti erotici mia moglieracconti porno sessoraccotni eroticiracconti erotici blogracconti di culi rottiracconti eroracconti di sesso al mareracconti sesso gayracconti sconcimia cognata e una troiaraccontiincestiraccontihotracconti porno breviprimo fistingracconti adultierotici incestoracconti porno di casalingheracconti eropticiracconti porno maturaporno moglie al cinemaerotici raccontracconti erotici prime esperienzeracconti erotici nonna e nipotemia moglie racconti eroticiracconti brevi pornoracconti padronaracconti erotici mia cuginaprime esperienze sessomature raccontiracconti di casalinghesesso raccontistorie di tetteracconti padrona schiavozia footjobginecologo raccontimi sono fatta incularela suocera troiaerotici raccpntirecconti eroticiracconti generibird2012letture erotiche gratisracconti di fistingracconti incestuosi realistorie di scambi di coppiaracconti porno xxxstorie porno incestiracconti mistress transracconti ingestitacconti eroticimia nipote mi fa una segaracconto di un pompinoracconti piediniracconti erotici tra amiciporno raccontila porca di mia cognataracconyi pornomonella sculacciataracconti gay stuproracconti eccitantiracconti lesbicaracconti porno scambistiracconti erotici orgepiedi raccontiracconti gay pelosistorie pornoerotici racconriracc milu