Lara una moglie con tanta voglia di uomini

Scritto da , il 2019-10-09, genere tradimenti

Lara e Massimo si erano sposati quattro anni fa dopo un fidanzamento durato sette anni, una coppia affiatata, lui 35 anni, alto, fisico atletico, impegnato ad avviare un'attività propria che gli portava via molto tempo. Lei 33 anni, più bassa di lui, capelli biondi corti, un bellissimo viso, orecchino al naso che si era tenuta come ricordo dell'adolescenza, seno piccolo ed un sedere sodo con le forme giuste, sempre ben evidenziato da leggins e jeans stretti. Lara terminata l'università, era entrata a lavorare nella ditta del padre, un'azienda che organizzava e allestiva stand durante le fiere espositive.
Con il suo ingresso in azienda, anche il resto del personale era stato ringiovanito, l'unico sempre presente fin da principio era Paki, un grande amico del padre di Lara. Paki era un gigante di origine nigeriana ed era un po' il tuttofare in azienda. Per Lara era un po' come un secondo padre visto che da piccola era lui che andava a prenderla e la portava a scuola.
Paki aveva 57 anni, 4 figli, il più grande Badu, andava alle medie e alle superiori con Lara, lei non lo raccontò mai a Massimo perchè se ne vergognava, ma con Badu durante un pomeriggio di studio a 15 anni dopo essersi stuzzicati a lungo, erano finiti a letto perdendo la verginità.
Lui non era particolarmente alto, non come il padre almeno e neanche il suo pene era grandissimo, dopo alcuni mesi passati più a fare sesso i due smisero di frequentarsi.
Massimo non lo dava a vedere, ma era abbastanza geloso del team di ragazzi giovani presenti in azienda, soprattutto perchè Lara nonostante fosse la figlia del capo, era simpatica e solare con tutti e più volte aveva notato che i colleghi le scrivevano messaggi anche a tarda ora cercando sempre di fare i simpatici.
Massimo comunque era abbastanza tranquillo confidando proprio in Paki con cui aveva sempre avuto un ottimo rapporto ed era certo che avrebbe sempre vegliato su Lara in ufficio.
Spesso capitava che durante le fiere in giro per l'Europa, Lara andasse via per qualche giorno, lei, un paio di colleghi ed ovviamente Paki che doveva occuparsi di montare gli stand.
Quello che Lara mai avrebbe pensato potesse capitare, avvenne durante un evento a Stoccarda, dove tutto prese una piega strana fin dall'inizio. Essendo una piccola fiera, ci sarebbero stati solo Lara e Paki. All'arrivo all' aeroporto non uscì la valigia di Lara e giunti in hotel qualcosa nella prenotazione andò storto tanto che risultava riservata una sola camera. Essendoci questa manifestazione, l'albergo risultava pieno e dovettero così dividere la stanza, lei ed il fidato Paki.
Le era già capitato di dormire a casa sua quando era ragazzina, durante una delle tante trasferte dei suoi genitori, ma mai ci aveva condiviso il letto. La cosa comunque non le destava particolari problemi.
Durante un sopralluogo in fiera Paki alzando uno scaffale si fece male alla coscia, una smorfia di dolore e l' andatura zoppa evidenziavano la sua sofferenza. I due andarono a cena e Lara lo rassicurò vedendolo dolorante, di fargli un massaggio poiché il giorno dopo montare gli stand in quello stato sarebbe stato impossibile. Arrivati in camera i due si sistemarono per la notte, il gigante Paki si mise in boxer e maglietta, la sfortunata Lara, che non aveva con se nulla per la notte visto che era tutto in valigia, rimase in reggiseno e mutande, tenendo addosso la camicetta fino a quando non sarebbe andata sotto le coperte. Lei senza alcuna malizia come promesso iniziò a massaggiare la coscia del suo caro Paki, lo vedeva soffrire molto, ma la sua era una sofferenza per tentare di non farsi venire un'erezione. Nonostante gli sforzi non riuscì nell'intento e poco dopo uscì dai boxer un pene enorme, Lara abbastanza incredula e come allibita nel vederlo costantemente crescere, andò avanti nel massaggio come ipnotizzata. Non lo avrebbe mai ammesso ma il desiderio di toccarlo e prenderlo tra le mani era fortissimo, dopo alcuni minuti lei si riprese, chiese a Paki se stava meglio, si stacco dalla sua gamba, spense la luce, si tolse la camicetta e si girò dall'altro lato per dormire. Ovviamente non riusciva a prendere sonno, aveva stampato negli occhi quel pene nerissimo, sentiva caldo dentro e freddo fuori, iniziò di nascosto a toccarsi il clitoride.
Non si sa se lui se ne accorse o no, fatto sta che le disse di sentirla tremare. così l'abbraccio da dietro, lei acconsentì e sentì contro il suo culetto il suo pene caldissimo. Lei sempre fedelissima a Massimo, stava perdendo la testa con quell'uomo che conosceva fin da piccola, prese a toccarsi in modo inequivocabile mentre Paki le schiacciava addosso il suo membro durissimo, Lara con l'altra mano glielo afferrò dietro di lei.
Lui la girò, le spalancò le gambe, lei fece una leggera resistenza, dopo di che lui affondo la testa tra le sue cosce. Lara prese a gemere in modo incredibile, era bagnatissima, lui capì che la giovane era nelle sue mani, così dopo averle spalancato le gambe, incominciò a spingere dentro prima la punta, poi tutto il pene. Lei ebbe subito un orgasmo, nessuno dei due era capace di fermarsi e soprattutto lei non sarebbe stata in grado nemmeno volendo di spostare quella montagna da sopra di lei, non riuscirono a fermarsi e lui riversò tutto il suo sperma dentro di lei.
Non la preoccupava più di tanto il fatto che lui le fosse venuto dentro poiché erano ormai quattro anni che provava ad avere un figlio con Massimo senza riuscirci ed i medici le avevano detto che non avrebbe avuto molte possibilità di rimanere gravida.
La mattina seguente fecero quasi fatica a guardarsi, lei si vergognava, dopo aver perso la verginità con il figlio di Paki tanti anni prima, ora aveva tradito suo marito con un uomo molto più grande di lei ma soprattutto con chi l'aveva vista diventare donna.
La cosa che più la faceva star male, era che le era piaciuto in un modo incredibile e per tutto il giorno in fiera, tentò di dimenticare la notte precedente senza però riuscirci. Era stata con diversi ragazzi prima di Massimo, specialmente nel periodo universitario, ma con nessuno aveva provato quelle sensazioni.
Finita la pesante giornata i due tornarono in hotel, purtroppo non si erano liberate altre stanze, ma almeno le era arrivata la valigia, non che potesse essere meno attraente, in quanto per dormire lei era solita usare il babydoll. A tornare sul discorso, quasi in colpa fu Paki, che le chiese scusa per l'accaduto, giustificandosi che da qualche anno, probabilmente per il fatto di essere rimasto vedovo, non aveva più avuto rapporti e sentendo le sue mani sul suo corpo aveva percepito un fuoco accendersi dentro di lui, lei rispose che la colpa era stata anche sua. Il desiderio però di riaverlo non l'aveva abbandonata, fece di tutto per attirare l'attenzione dell'uomo, camminava in camera con il babydoll che lasciava intravedere il sedere, era rimasta con un filo di trucco, dopo di che si piegò a sistemare la valigia proprio di fronte a lui mettendogli il sedere sotto il naso. Tanto bastò a lui per lasciarsi nuovamente andare, le mise una mano sulla coscia, lei reagì fingendo stupore, Paki si alzò e appoggio il suo enorme pacco sul fondoschiena della ragazza, lei ansimante lo afferrò tra le mani, si voltò e come se non avesse il controllo del suo corpo si mise in ginocchio davanti a lui. Non si era mai sentita così eccitata, non capiva da dove venisse tutta quella voglia, iniziò a leccare completamente quel grosso e venoso pene, dallo scroto alla punta, e mentre con Massimo solitamente faceva in fretta, con Paki non voleva saperne di smettere. Il sapore e l'odore erano per lei troppo eccitanti. Fu lui a sollevarla, metterla a novanta e affondare la sua faccia tra le natiche della donna assaporando tutto.
Successivamente si misero sul bordo del letto, lui la fece salire a cavalcioni sulle sue gambe, Lara man mano che si sedeva su di lui, lo sentiva scivolare dentro tutto fino in fondo, andarono avanti per più di un'ora.
La mattina si svegliarono abbastanza presto e Lara, alla vista del pene di Paki così grosso, decise di dargli il buongiorno a modo suo prendendolo nella sua bocca.
Dopo una doccia obbligata per levarsi dal corpo tutto lo sperma dell'uomo andarono a lavoro, ma lei proprio non smetteva di pensare al sesso dell'uomo e dopo un veloce pranzo, Lara evidentemente eccitata, portò Paki nei bagni degli uomini e lo fecero durante la fiera.
Rientrati in Italia per il fine settimana, lei passo due giorni di sesso intenso con Massimo, lui non si spiegava come mai sua moglie fosse tanto eccitata e aggressiva, a lei era sempre piaciuto fare l'amore con suo marito, certamente non poteva però immaginare che lei stesse pensando ad un altro.
Il rapporto tra Lara e Paki, andò avanti per alcuni mesi, lo facevano praticamente tutti i giorni, nell'ufficio della ragazza alla sera, nel ripostiglio nel magazzino ma soprattutto Lara era arrivata anche a fingere di avere degli eventi lavorativi, per passare interi weekend con il suo grosso amante nero.
Era diventata totalmente succube del suo pene, quasi ossessionata e di sicuro lei non si riconosceva più, quella ragazza sempre fedele e dal viso angelico si era trasformata in una ninfomane assetata di sesso. Pensò riflettendo su ciò che provava, che forse tutto nasceva dal fatto che da ragazzina aveva perso la verginità proprio con un ragazzo di colore e forse quell'attrazione non l'aveva mai abbandonata.
In ufficio tra i ragazzi, qualcuno iniziò a notare qualcosa e a fare battute, lei stava allo scherzo sorridendo, d'altro canto era sempre stata dalla parte dei ragazzi più che di quella del padre titolare ma nonostante questo non riusciva a nascondere il rossore del suo viso quando le nominavano Paki.
Approfittando della situazione, Luca il responsabile commerciale, iniziò ad andarci giù più pesante, le disse di aver notato macchie sospette sulla sedia nel suo ufficio, ed in più sosteneva di avere le prove della sua relazione extraconiugale con Paki. Luca era un donnaiolo e aveva sempre desiderato portarsi a letto Lara la brava figlia del capo ma aveva ormai perso la speranza capendo il forte legame che aveva la donna con il marito, quando però si rese conto che non le dispiaceva fare sesso con un uomo che non fosse il suo, prese la palla al balzo ed arrivo praticamente a ricattarla.
Messa sotto scacco, Lara acconsentì alla proposta di una semplice cena a casa di Luca, disse a Massimo che sarebbe uscita a cena con le due ragazze dell'ufficio e si presentò a casa dell'opportunista collega che non aspettava altro.
Durante la cena Luca ovviamente cercò di farla bere parecchio e durante la cena tornò più volte sull'argomento di lei e Paki, al punto che lei messa alle corde ammise la sua relazione. Il ragazzo a quel punto uscì allo scoperto dicendole che la desiderava dal primo giorno, iniziò a baciarle il collo ed a metterle una mano in mezzo alle cosce, lei provò a divincolarsi, ma lui la incalzava leccandole le labbra e stringendola a se facendole sentire la sua eccitazione, lei provò ancora a girarsi ma le sue gambe iniziarono a tremare e ad opporre sempre minor resistenza.
Perse ogni difesa, si lasciò toccare e baciare totalmente. Lara appoggiata al tavolo, si trovava già senza i pantaloni e con il perizoma scostato lateralmente, lui la leccava con esperienza, lei non riusciva a nascondere il fatto che la stesse facendo eccitare, era bagnatissima. Poco dopo lui si slaccio i pantaloni e si abbassò le mutante, lei lo guardò negli occhi per qualche istante, poi si mise in ginocchio ed incominciò a leccarlo prima con dolcezza e con vigore poi. Luca dopo un po' la prese in braccio e la portò in camera, la ragazza sperava che tutto finisse solo con un pompino, capì velocemente però che a lui non sarebbe bastato, Luca voleva tutto da quella sera e non avrebbe di certo finito in poco tempo. La gettò sul letto, la mise a novanta e glielo spinse dentro fino in fondo, iniziò a farsela con decisione, lei cercò in tutti i modi di non venire, si sentiva in colpa, ma le spinte decise di lui non le lasciarono scampo, si ritrovò ad urlare dal piacere e ad essere lei ad andare avanti ed indietro senza farci caso e senza che lui si muovesse. Il pensiero di essere infedele, da un lato la turbava, dall'altro la eccitava. Luca andò avanti per un bel po', ormai si stava facendo davvero tardi, lei sarebbe dovuta rientrare a casa dal marito già da un po', iniziava ad essere preoccupata, per quello cerco in tutti i modi di far venire il suo amante. Alla fine Luca stremato finì per venire sulla schiena della ragazza, arrivò con degli schizzi fino ai capelli, ovviamente la schiena ed infine sul suo bellissimo culetto, poi mentre lei era in bagno a lavarsi, lui per dispetto le prese i leggins e si pulì per bene sopra i pantaloni neri della donna, macchiandoglieli senza che lei se ne accorgesse.
Rivestitasi, la ragazza ripartì velocemente per tornare a casa, ormai erano quasi le due e lei si sentiva terribilmente in colpa, con ancora il profumo del perfido Luca addosso. Rientrata in casa, andò sotto le coperte senza far rumore, Massimo dormiva, lei pensò che finalmente ora non avrebbe più dovuto preoccuparsi di quel porco del collega, pensare che l'aveva fatto assumere lei, poi si passò la mano tra i capelli e sentì di essere ancora sporca di sperma.
I giorni successivi, Luca non allentò minimamente la presa sulla ragazza, tanto che lei decise di mettersi per qualche tempo a lavorare da casa, capiva che andando avanti così avrebbe perso il suo vero amore Massimo, lo amava davvero, era l'uomo della sua vita, non pensava però di poter diventare così schiava del sesso. Con suo marito le era sempre piaciuto, ma il brivido e la sensazione di non essere una brava moglie e desiderare farlo con altri uomini, era qualcosa a cui faceva fatica a rinunciare e la faceva star bene.
Dopo mesi e mesi di tradimenti, decise di parlare con Paki e di comunicargli che la loro relazione era arrivata al termine, non poteva rischiare di perdere suo marito e soprattutto rischiare che a lavoro suo padre scoprisse il rapporto tra lei ed il suo amico fidato Paki.
Lo fecero un'ultima volta, lui la prese con forza, come sempre finì dentro di lei, poi le raccolse le mutandine dicendo che le avrebbe tenute come ricordo e la fece andare a casa con solamente la gonna senza intimo addosso. Camminando per strada si sentiva molto bagnata, successivamente in metropolitana stando in piedi notò macchiarsi la gonna e si accorse che lo sperma di lui iniziava a colarle fino ai piedi, si sentì imbarazzata e nuovamente eccitata con gli occhi di tutti i passeggeri addosso.
Passarono alcuni mesi lavorando da casa, notò di essere tornata ad essere la moglie perfetta, si occupava delle faccende domestiche, si prendeva cura del suo fisico facendo esercizi e soprattutto riusciva anche in modo efficace a lavorare.
Dopo qualche tempo, Paki chiese un favore a Lara, visto che ora aveva più tempo libero, se avesse potuto dare una mano con la matematica al suo ultimo figlio Obi, che a 19 anni doveva prepararsi per la maturità, ma siccome andava male in alcune materie, necessitava aiuto. La supplicò inoltre di spronarlo, perchè nonostante fosse grande e grosso quasi come il padre, era insicuro e dimostrava timidezza ed imbarazzo a socializzare specialmente con le ragazze, tanto che non ne aveva mai avuta una.
Lei accettò, le era sempre piaciuta la matematica e dare una mano a quel ragazzo che aveva visto fin da piccolo le faceva piacere.
Il giovane si presentò a casa della ragazza, lei non lo vedeva da molto tempo, passarono un'ora sui libri e quando ebbero finito, Lara lo incalzò facendogli alcune domande, ad esempio dove andavo i giovani della sua età, che musica ascoltava, se gli piaceva ballare, ma lui era davvero timido e rispose che a parte gli amici del basket, non usciva mai con nessuno. Passarono alcune settimane di ripetizioni, Obi si sentiva anche meno imbarazzato a passare il tempo da solo con una donna. Lara gli chiese se era mai stato con una ragazza, lui rispose imbarazzato di no, e che non avrebbe saputo da dove iniziare, lei rispose che poteva andare a ballare, lì sicuramente avrebbe conosciuto delle ragazze ed era certa che molte avrebbero desiderato stare con un ragazzone di colore. Lara sempre molto energica e solare lo forzò ad alzarsi a provare a ballare con lei, gli avrebbe insegnato, così mise della musica e si fece abbracciare iniziando a muoversi a ritmo. Lui era davver impacciato, ma soprattutto giovane ed alle prime armi, lei sentì in modo inequivocabile che al ragazzo stava diventando duro, qualcosa le premeva sulla pancia all'altezza dell'ombelico ed anche più su.
Lara si accorse che quel forte calore provocato dall'eccitazione, che era riuscita a sopprimere per qualche mese stando a casa, si stava risvegliando e capì come sarebbero andate le cose. Obi era imbarazzato, lei gli disse di stare tranquillo che era normale e che se lo avesse desiderato, lei avrebbe potuto aiutarlo, per l'erezione di quel momento che ad essere meno impacciato con le ragazze.
Lo fece sedere sul divano, gli tirò giù la zip dei pantaloni e gli sfilò delicatamente dalle mutante un pisello lungo almeno quanto quello di suo padre Paki. Non fece tempo ad appoggiarci sopra la sua mano, che il giovane iniziò a gemere, lei capendo la situazione e del pericolo che lui schizzasse ovunque, senza pensarci un secondo, ci mise sopra la bocca ingoiando quasi tutto. Era venuto talmente tanto che lei non fu in grado non far fuoriuscire qualcosa, era letteralmente impressionata ed anche lui lo era per il comportamento della donna.
Obi al suo primo pompino non accennò a voler smettere, gli rimase duro tanto che Lara sorridente riprese a leccarlo con passione, dopo appena tre minuti lui ebbe un altro orgasmo.
Lei si sfilò pantaloni e mutandine, si mise sul divano a gambe aperte e spiegò al ragazzo come far impazzire di piacere una donna con la lingua. Il giovane era davvero preso, capì velocemente cosa dove fare e andò avanti per un po' di tempo per la felicità e la soddisfazione di lei.
Arrivata sera, disse a Obi che era meglio ricomporsi dato che a momenti sarebbe potuto rientrare Massimo, ed era il caso di fingere di essere ancora sui libri.
Le volte in cui il ragazzo prese “ripetizioni” aumentarono, passavano i pomeriggi, lei lo faceva studiare, lui ricambiava leccandogliela, lei lo masturbava o glielo succhiava.
Capitava a volte che la sera Obi si fermasse anche a cenare con Lara e Massimo, ovviamente il marito che non sapeva cosa capitava in sua assenza ed apprezzava che la moglie aiutasse il ragazzo a studiare.
Obi in poco tempo si sentì più sicuro di se e riusciva anche a durare di più con Lara. Un giorno chiese a lei se poteva filmare con il cellulare mentre lei glielo succhiava, in modo da potersi rivedere il video a casa tutte le volte che ne aveva voglia. Lei scettica all'inizio, acconsentì, a patto che il video rimanesse esclusivo per lui e da usare unicamente quando era da solo e voglioso, così prese il cellulare e iniziò a filmare lei che si toccava a gambe aperte sul divano, prima di iniziare a succhiarglielo con passione.
Lara fino a quel giorno era riuscita a resistere dal farci l'amore, finchè un pomeriggio lui la supplicò, le disse che voleva farlo con lei la prima volta e la convinse ad andare nel letto matrimoniale, luogo in cui mai prima di quel momento, aveva portato un uomo con non fosse Massimo.
Il ragazzo sapeva bene ormai come farla impazzire, iniziò a leccarla partendo dai piedi e salendo su fino alle cosce, poi a raggiungere il suo clitoride. Lei ebbe un orgasmo incredibile tanto da bagnare le lenzuola, successivamente si avvinghiò al pene del ragazzo e alle sue palle, le piaceva leccargliele e morderle, sapeva che quell'operazione lo faceva impazzire di piacere. Quando lo sentì durissimo, disse al ragazzo di sdraiarsi sopra di lei, Lara divaricò le sue gambe, glielo afferrò con la sua piccola mano e lo indirizzò, pronta a concedersi. Lo sentì entrare delicatamente, lui ebbe un brivido, si vedeva che era in estasi, successivamente lei gli poggiò le mani sul sedere e lo spinse verso di lei fino a farlo entrare tutto. Lui andò avanti per poco, lei si accorse che il suo pene stava diventando ancora più grosso, lo sentì pulsare e riversare infiniti schizzi dentro il suo ventre. Lo fece stare dentro di lei per qualche minuto, mentre si baciavano con una passione che solo i ragazzi adolescenti ci sanno mettere, si sentiva una ragazzina, molto maiala, ma una ragazzina. Riprese a muoversi dentro di lei, Lara si girò a novanta, gli chiese di metterle un dito nel sedere, era una cosa che le piaceva moltissimo, Obi l'assecondò, vedersela lì con quel bellissimo culetto di fronte a lui, con la schiena inarcata e la testa appoggiata sul cuscino era una vista meravigliosa, accelerò i colpi e venne nuovamente accasciandosi in seguito sulla schiena della donna. Lei con cura e passione lo ripulì con la sua bocca, poi andarono in bagno si rivestirono e si salutarono.
Massimo sempre preso fino a tardi con il suo lavoro, non si accorse mai di nulla, vedeva Lara sempre molto allegra, felice della sua vita e del fatto di aiutare Obi con gli studi, inoltre lei era sempre molto disponibile anche con il marito, per questo lui non si poneva problemi.
Un giorno disse alla moglie, che sarebbe dovuto star fuori un weekend per un addio al celibato di un amico e che a malincuore l'avrebbe lasciata sola il venerdì, il sabato e la domenica della settimana seguente.
Lo stesso giorno quando Obi si presentò a casa di lei, Lara gli confidò che se avesse voluto, la settimana dopo, lei gli avrebbe concesso di fermarsi un'intera notte con lei vista l'assenza del marito. Al ragazzo non sembrava vero, non desiderava altro, ma quel pomeriggio lui avrebbe dovuto confidarle qualcosa di brutto e non sapeva quanto lei si sarebbe arrabbiata.
Purtroppo un suo compagno di basket, il bullo Markus strappandogli il cellulare dalle mani, vide il filmato in cui lei si masturbava e glielo succhiava, così lo ricattò dicendogli che se non le avesse presentato quella prostituta, perchè certamente una così era una prostituta, lui avrebbe fatto girare il video ovunque.
Lara preoccupata, capì che Obi era realmente dispiaciuto e agitato, gli disse di non temere, di chiamare Markus che gli avrebbe parlato lei spiegandogli la situazione. Markus 22 anni era nato in Italia da madre italiana e padre marocchino, giocava a basket con Obi ma essendo quest'ultimo molto riservato, era sempre bersaglio dei suoi scherzi. Era un vero stronzo, faceva lo spaccone con tutti e con il fascino da cattivo ragazzo aveva già avuto diverse ragazze.
Il giorno dopo, Obi si presentò a casa di Lara in compagnia del compagno di basket, lei provò a spiegare che era sposata, che non era una prostituta, che se avesse diffuso il video lei lo avrebbe potuto denunciare, ma il ragazzo rispose che era già stato denunciato diverse volte e non gli interessava nulla, se non portarsela a letto immediatamente.
Lara si dimostrò decisa e ostinata tanto che Markus fece per andarsene di casa dicendole che avrebbe aspettato il ritorno a casa del marito per fare due chiacchiere con lui, a quel punto, già sul pianerottolo Lara gli gridò di fermarsi, che andava bene e che avrebbe fatto ciò che lui voleva ma per una volta sola. Lui di spalle sorrise, si voltò e tornò in casa chiudendo la porta, ordinò a Lara di spogliarsi completamente, a Obi di riprendere il tutto con il suo cellulare, poi si abbassò i pantaloni e lo tirò fuori. Il suo pene non era lungo quanto quello di Obi, ma era veramente grossissimo, mai ne aveva visto uno tanto largo in vita sua. La donna lo fece sedere sul divano ed iniziò a masturbarlo, decise di fare il possibile per farlo venire in fretta per farlo andare via, ci mise tutto l'impegno possibile ma non era come Obi, dopo un po' lui la girò le spinse la testa sul divano, si mise dietro di lei e le infilò dentro il suo grosso cazzo. Lei inarcò la schiena sollevandosi con le braccia e fece uscire un urlo misto di dolore e di piacere, il ragazzo sembrava esperto e deciso, le disse infilandole il pollice nel sedere, che prima o poi le avrebbe infilato ben altro dentro e che dopo non sarebbe stata più in grado di camminare, lei al pensiero fu pervasa da una forte eccitazione.
Nel frattempo Obi che stava filmando con il cellulare del compagno, ebbe un'erezione, iniziò a masturbarsi vicino al viso di Lara che lo osservava incredula e con gli occhi spalancati, non riconoscendo il timido ragazzo. Obi finì velocemente venendole in faccia mentre Markus era ancora intento a farsela. Era sempre stata una sua fantasia di Lara farlo con due uomini, mai però avrebbe pensato di poter coronare quella fantasia, ora era tutto vero, due ragazzi giovani la stavano usando per i loro piaceri sessuali e tutto questo la fece venire.
Markus da vero stronzo, non si fece problemi e senza avvisarla si svuotò dentro di lei pensando di farle un dispetto, prese poi il cellulare dalle mani di Obi e le fece un primo piano dilungandosi sul volto della ragazza pieno di sperma e sulla sua vagina tutta colante.
Obi uscendo si scusò con lei per ciò che aveva combinato, non avrebbe voluto che si trovasse in quella situazione, lei gli fece una carezza e gli disse di non preoccuparsi, che la colpa era stata anche sua a essersi lasciata riprendere.
Passarono alcuni giorni, Lara era rimasta segnata da quell'esperienza, l'idea di essere stata con due ragazzi insieme era stata molto appagante così disse ad Obi che se non gli fosse dispiaciuto, il venerdì sera avrebbe potuto chiamare anche Markus per passare la notte da lei, in assenza del marito. Ovviamente Obi avrebbe preferito essere da solo con Lara, ma non osando controbattere accettò.
Il venerdì sera arrivò in fretta, lei non aspettava altro, sentì il citofono, andò ad aprire e con enorme sorpresa vide sulla porta soltanto Markus, gli chiese una spiegazione, lui disse di non preoccuparsi, che se non voleva avere problemi, avrebbe dovuto passare la notte con lui e che Obi si sarebbe aggregato a loro solamente da sabato. Lei capì che non poteva rifiutarsi e lo fece entrare. Cenarono insieme, lei indossava una minigonna senza mutande ed aveva messo delle scarpe con un po' di tacco. Durante la cena lei che si sentiva incredibilmente assetata di sesso, fece di tutto per provocarlo, non che lui ne avesse bisogno, si chinò a prendere il pane nel forno, facendo scoprire il sedere nudo. Lui non riuscì a trattenersi, la spinse di faccia contro il muro, poi infilò la testa sotto la sua gonna, iniziando a leccarle il sedere e dicendole che quella stessa sera glielo avrebbe messo dentro. Lei era in balia di quel ragazzo così forte e deciso, non riusciva a muoversi e avrebbe fatto tutto ciò che lui avrebbe voluto. Finirono a letto, Lara pensò che nel giro di poche settimane era la seconda persona che si portava a letto, oltre a Massimo. Il ragazzo era seduto proprio sul posto del marito ma lei in quel momento non interessava nulla che non fosse Markus, glielo prese in bocca faticando per quanto era largo, lui era assatanato, la prese con forza e la fece sedere su di lui sul bordo del letto. Lara sentiva quell'enorme cazzo che si faceva strada dentro di lei, non le sembrava vero, non si era mai sentita così prima, lei si muoveva con i fianchi sopra di lui in modo incontrollabile, poi lui si sdraiò al centro del letto e lei iniziò a cavalcarlo con passione accarezzandogli i testicoli e prendendoli con la mano, quasi a volersi spingere dentro anche quelli. Lara sentì un orgasmo incredibile che iniziava a salirle dal profondo, capì che anche lui stava per venire, a quel punto iniziò a muoversi sempre più velocemente finchè esplose in lei l'orgasmo più violento che avesse mai provato, tanto che gridò come mai aveva fatto prima, nello stesso momento lui le riversò dentro la pancia numerosi schizzi.
Si sdraiò di fianco a lui nel letto, iniziarono a baciarsi con ardore, lui le prese la mano, la mise sul suo pacco, lei incredula sentì il suo pene duro come se non fosse ancora venuto. Markus le afferrò la testa e la mise sopra il suo membro tenendola schiacciata conto di lui.
Dopo poco lui la mise a novanta, infilò il dito nel suo sedere facendosi spazio, lei non disse nulla, subito dopo lo estrasse e mise delicatamente dentro la punta del suo pene. Andò avanti piano, lei aveva la schiena inarcata, la bocca spalancata senza fiatare. Arrivò non senza fatica ad inserirlo tutto, lei lo aveva fatto spesso nel sedere con Massimo ed anche con il vecchio amico Paki, ma non aveva mai provato la sensazione che stava provando ora. Markus prese a muoversi avanti ed indietro, nel frattempo a lei iniziava a colarle fuori tutto lo sperma che poco prima lui le aveva spinto dentro.
Lara iniziava ad abituarsi sempre di più a quelle dimensioni, la faceva sentire una vera pervertita tutto quello che stava facendo, lui si mise in ginocchio sopra di lei le diede colpi sempre più forti e più decisi, Lara poteva sentire le palle di lui che sbattevano ritmicamente contro di lei e finì per schizzarle dentro il sedere.
Era quasi mezzanotte, il ragazzo le disse che voleva uscire, le ordinò di mettersi un vestitino, il più corto che avesse, dei tacchi ed un perizoma. Uscirono di casa, il vestito di Lara era davvero mini.
Si sentiva totalmente sotto scacco da quel ragazzo che le faceva fare tutto ciò che voleva. Andarono in metropolitana, lei era davvero sexy, i suoi capelli corti biondi, un filo di trucco ma un rossetto acceso, giacca di pelle nera, vestito cortissimo nero e stivaletti con tacco. Lui parlo al cellulare con qualcuno, si fermarono dopo poco e si ritrovarono fuori da una discoteca con degli amici del ragazzo. Iniziarono tutti a bere, gli amici di Markus la spogliavano con gli occhi, entrarono in discoteca, lei non ci andava da anni.
I ragazzi le ballavano attorno, infilando le mani sotto il vestito della ragazza, lei si sentiva toccare ovunque da quei ragazzi che nemmeno conosceva, si strusciavano su di lei facendole capire quanto gli stesse eccitando. Markus lasciò giocare un po' i suoi amici, era chiaro che a Lara non stesse affatto dispiacendo la situazione, si sentiva le gambe tremare, poi lui la prese di forza per un braccio e la trascinò in bagno. Arrivati in quel sudicio gabinetto lei fece per baciarlo ma lui glielo negò spingendola subito in ginocchio, lui già con il pene fuori glielo spinse in bocca. Lara iniziò a leccarglielo sperando che lui la scopasse lì nel bagno della discoteca, ma lui stronzo come sempre le tirò indietro la testa con una mano ed iniziò a venirle in faccia e sul vestito. Lei completamente sporca fece per prendere la carta igienica e vide Markus lanciare il rotolo al di sopra del gabinetto, facendolo finire nel bagno di fianco. Disse così a Lara che aveva due scelte, o uscire così, oppure pulirsi con il perizoma. Scelse quindi di sfilarsi le mutandine, si pulì come meglio poteva lo sperma dal viso e successivamente se le rimise.
Tornarono a casa, solo allora lei si accorse guardando il telefono che Massimo l'aveva chiamata alcune volte qualche ora prima e capì di aver passato ore senza mai aver pensato al marito.
I due andarono a dormire, la mattina appena sveglia, lei andò in cucina per chiamare Massimo, mentre i due parlavano al telefono, Markus la raggiunse restando in silenzio. Prese poi a stuzzicarla mettendole una mano dentro le mutante e toccandole il clitoride, lei cercava di allontanare il ragazzo mantenendo la calma per non far capire al marito che non era sola. Markus iniziò a baciarle il collo ed a sfregarle il pene sul culo, lei tentò ancora di allontanarlo, a quel punto Markus le fece capire che o stava al suo gioco o avrebbe parlato ad alta voce facendosi scoprire.
Mentre lei parlava al telefono con Massimo, il ragazzo mise la sua faccia in mezzo ai glutei della donna, iniziando a leccarla tutta.
Lara faticava a parlare al cellulare in modo normale, poi l'amante si alzò, la mise a novanta con la testa appoggiata al tavolo, ed iniziò a penetrarla. La situazione, l'idea di ciò che stava facendo, la faceva eccitare, andò avanti qualche minuto poi finì dentro di lei. La donna salutò il marito e successivamente tornò in camera con il ragazzo. Lara era fuori controllo, non aveva più nessun freno, gli concedeva tutto quello che voleva.
Il pomeriggio suonò il citofono e Markus andò ad aprire la porta, era Obi che come gli era stato detto avrebbe potuto raggiungerli solamente il giorno dopo.
Il ragazzo entrò in casa e seguì Markus in camera da letto dove Lara li stava aspettando. Rimase allibito nel vedere Lara messa a novanta, la testa appoggiata al cuscino, il sedere in alto, le mani legate dietro la schiena ed il suo ano completamente dilatato. Markus sogghignava soddisfatto e rivolgendosi a Obi, disse che se voleva poteva provarlo. Obi notò anche una telecamera piazzata su un cavalletto fisso sul letto matrimoniale. Non si fece ripetere due volte l'invito, si spogliò, iniziò a masturbarsi di fronte al sedere di lei, poi raggiunta l'erezione lo infilò dentro di Lara. Era la prima volta che Obi glielo metteva nel sedere e capiva che Lara era fuori controllo, ad ogni spinta urlava di piacere come non l'aveva mai sentita. I due giovani successivamente la presero contemporaneamente, erano entrambi assetati di sesso e se la fecero con forza fino a notte fonda.
La mattina lei faticò ad alzarsi, salutò i ragazzi anche loro molto stanchi e si diede da fare per sistemare la casa prima dell'arrivo di Massimo.
Al rientro del marito, lei lo accolse con la solita amorevole passione. Durante la cena, lei ricevette qualche foto sul suo telefono prese dal video che aveva girato Markus, tanto bastò a lei per farle venire ancora voglia così la sera stessa fece l'amore con Massimo in modo molto passionale, si sentiva totalmente appagata.
Lara tornò ad andare a lavorare nuovamente con maggiore frequenza, vedeva quindi sempre meno sia Obi che Markus, che nel frattempo erano diventati quasi amici.
Un giorno poi successe quello che non si sarebbe mai più aspettata, le era già capitato di avere dei ritardi nel ciclo, ma ogni volta che aveva iniziato a sperare, era finita sempre male, decise così passata una settimana, di fare il test di gravidanza e quando vide risultato ebbe un mancamento. Era euforica e spaventata da morire allo stesso tempo, con tutte le volte che lo aveva fatto con i due ragazzi, era alquanto probabile che il bambino potesse essere di colore e di uno dei due giovani.
La sera a cena si fece coraggio, tirò fuori il test di gravidanza e lo fece vedere al marito, si abbracciarono a lungo e festeggiarono. Passavano le settimane, la pancia di Lara cresceva che in cuor suo pregava affinchè il suo bambino fosse di Massimo, facendo i calcoli il concepimento era proprio avvenuto i giorni in cui il marito era via per l'addio al celibato, dove lei fece sesso con i due ragazzi ed al rientro a casa anche con lo stesso consorte.
Markus appresa la notizia non si fece più sentire, nonostante lei ogni tanto gli mandasse qualche messaggio, il ragazzo era preoccupato e non voleva avere nulla a che fare con quella gravidanza così non si fece più vedere.
Obi invece quando Lara iniziò a stare a casa in maternità andava a trovarla quasi tutti i giorni, lei lo ringraziava coccolandolo a modo suo e senza fargli mancare attenzioni, d'altro canto lui poteva essere il padre ed era disposto a fare di tutto per starle a fianco se il bambino fosse stato suo, cosa di cui si stavano convincendo sempre di più.
Arrivò così dopo mesi da quel folle weekend, il giorno in cui lei diete alla luce una bellissima bambina, Massimo in sala parto con lei era impietrito, nel vedere uscire la testa, mentre Lara gridava di dolore: “scusa, scusami”.
Massimo stava per svenire per la scena e per la tensione, era immobile ed in silenzio.
L'ostetrica diede la bimba in braccio a Lara che scoppio a piangere dalla gioia nel vedere che era bianca come i genitori.
Per fortuna non aveva aggiunto altro mentre urlava di dolore e quando lui le chiese perchè gridasse di scusarla, lei rispose dicendo che si sentiva in colpa per avergli stretto così forte la mano credendo di avergli fatto male.
Lara e Massimo, divennero genitori felicissimi, stavano bene insieme ed erano orgogliosi della loro bambina.
Passò qualche mese poi la ragazza rientrò a lavoro e con immensa sorpresa vide che il padre aveva assunto Obi, proprio lì per darle una mano a non affaticarsi troppo...

Questo racconto di è stato letto 7 3 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


gara di segheracconti reali sessoracconti sesso gayculi rotti raccontiracconti hard 69la moglie in caloretacconti eroticiraccontieroticigratisracconti i miluracconti erotici incestuosiletture erotichestorue pornofoto racconti hardnonnigayerotici racconti miluracconti erotici sorellaracconti trasgressivistorie ornostorie vere pornoracconti bollentistorie feticismo piediracconti feticismoraconti di miluracconti di incestoracconti mogli pornoeroticiracconti.itracconti erotici per donneracconti erotici di donne anzianeracconti erotici genereracconti perversisorelle incestuoseracconti erotuicimia cugina mi segaraccconti pornostorie porno videoracconti eroticiùracconti erotici eteroporno racconti bisexracconti erotici cornutoracconti erotici zoofiliaracconti gay papàracconti zoofilisesso porno raccontierotico storiestorie erotiche gratisracconti erooticiracconti aroticistorie sesso con animaliracconti sex gayi generi dei racconti gayracconti porno milfraccondi eroticistorie sesso con animalierotici raccodonna scopa col canestorie sessovicina di casa zoccolasuperdotato raccontirac erotmia moglie esibizionista al mareracconti ziastorie di zoofiliaraccontieroticosadomaso raccontiracconti sex gratisracconti erotici gang bangracconti erroticiracconti porno con immaginimilu eroticiporno seghe al cinemaraconti eros