Lady C

Scritto da , il 2019-10-09, genere dominazione

"Lady Chrome" dirige un reparto produttivo di una grossa multinazionle, il freddo soprannome le è stato affibbiato sul posto di lavoro a causa dei modi di fare autoritari e spesso privi di ogni umanità verso i sui diretti sottoposto.
E' una quarantenne iperattiva con il fisico modellato da ore e ore di sport: piccolina, un corpo minuto, poco seno, ma con un culetto pieno e tondeggante da fare invida a molte ragazzine.
Dal suo ufficio, dove passava la maggior parte delle ore, scendeva in reparto solo per dare compiti e impartire ordini: quando si apriva quella porta in cima alla scala, giù al piano di sotto scendeva il silenzio, nel reparto si sentiva solo il rumore dei suoi tacchi , tutti si aspettavano una sfuriata che poi puntualmente arrivava.
Poco tempo fà qualcuno decise di cambiare un pochino le cose...appena arrivò al piano di sotto con il suo solito passo spedito, si sentì trattenuta e quasi stritolata da due grosse braccia, una mano le afferò i lunghi capelli strattonandola all'indietro mentre un pezzo di nastro adesivo le tappava la bocca soffocandole in gola il grido che gia' stava uscendo, dopo un'attimo era al buio, un cappuccio e un giro di nastro, che le teneva le mani bloccate in posizione giunta completavano l'opera.
Lady Chrome si dimenava come una pazza, non capiva ancora cosa succedeva....in un attimo mille pensieri: un' attentato? spionaggio industriale? uno scherzo?...no quello non poteva essere.... era troppo crudo....
La cosa che più la colpiva era il silenzio assoluto nel reparto che all'improvviso fu rotto dal rumore inconfondibile del muletto.
Un'uomo possente, forse lo stesso che l'aveva bloccata prima,le sollevò le braccia e la attaccò, per il nastro che le teneva i polsi, a un gancio sopra la sua testa, ancora non capiva, poi le forche del muletto si alzarono e lei fu sollevata fino a non toccare più con i piedi a terra.
" eccola qua! la vostra temutissima Lady Chrome, non mi sembra cosi' spaventosa...."
quella voce prorpio non la conosceva, ma quelle parole ed un brusio in sottofondo le fecero ribollire il sangue di rabbia! Era stata messa in quella posizione apposta! alla vista di tutti, appesa come un trofeo animale.
Pensò : se non avessi il nastro sulla bocca......ma neanche questa volta potè finire il pensiero!Uno strappo violento fece saltare i bottoni della camicetta che le fu sfilata e nonostate il suo dimenarsi le venne tolto anche il reggiseno.
il "pubblico" iniziava a scaldarsi, partirono le prime risa, e il brusio aumentava: in quella posizione appesa per le braccia sembrava ancora piu' magra e il piccolo seno svuotato da tutto lo sport praticato, la faceva apparire ancora piu' indifesa di quello che era, iniziò a scalciare nel vuoto, le bloccarono le gambe mentre la stessa voce di prima disse:
"mi sà che ancora non ha capito come si deve comportare!" seguita da una risata generale, l'aria si stava decisamente caricando.....
Tenendole le gambe almeno in tre, riuscirono a sfilarle pure i jeans, togliendo prima e rimettendo poi le piccole scarpe con il tacco, ora lo spettacolo era completamente cambiato, quel culetto che era tanto desiderabile con i pantaloni, senza di quelli, incorniciato da un micro perizoma di cotone nero, era ancora piu' eccitante....piccolo, tondo ,burroso.....partirono diverse esclamazioni di ammirazione ...sempre con il nastro adesivo, le legarono le caviglie a un tubo di PVC in modo che rimanessero divricate, e ZAC! Con un paio di forbici tagliarono anche l'ultimo pezzo di tessuto che le copriva l'intimita'
alla vista di tutti si rivelò una piccola fighetta , completamente liscia,con solo un piccolo ciuffo di peletti biondicci molto curati che partivano dalla fine dello spacco, solo un vezzo che non copriva nulla della sua intimità.
le forche del muletto furno alzate ancora un pò, Lady Chroma sentiva le persone avvicinarsi e mani che la toccavano con timore , prima le caviglie e le gambe, immaginava sotto di lei un gruppo di uomini sovraeccitati e sbavanti che fissavano la sua fighetta tenuta completamente aperta dalla posizione, tanto che si poteva vedere la carne viva all'interno, era sconvolta nonostante ora fosse veramente terrorizzata dalla situazione, il pensiero di tutti quei guardoni le scaldava il basso ventre, sembrava che tutto il sangue del corpo si stesse concentrando in quel punto, lasciando svuotato e congelato tutto il resto.
non tardò molto a sentire le prime dita che si avvicinavano e provavano ad infilarsi dentro di lei, e con quelle il primo orgasmo che suo malgrado stava per esplodere, sentiva molte mani risalire le cosce per arrivare a palpare e stringere le fantastiche chiappe, ora sentiva chiaramente le dita di diverse mani infilarsi dentro di lei, una vera e propria violenza fisica e soprattutto mentale!
cercava di dare un volto a quei tocchi, cercava di immaginare chi dei ragazzi del reparto potesse osare tanto, ma intanto quel trattamento la faceva godere, procurandole un bagnatissimo orgasmo
" questa troia stà godendo!!!!!!" gridò qualcuno
Si sentì persa,il calore salì velocemente dalla vagina fino al volto, senza il cappuccio l'avrebbero vista completamente arrossata in viso, i tocchi aumentarono , come numero e anche come violenza, tutti insieme ora cercavano di raggiungere la fessura oramai fradicia, quancuno provava anche di forzare il suo ano, l'animo di lady chrome era in altalena tra il terrore e la voglia di raggiungere un nuovo orgasmo
intervenne quello che ormai si era capito fosse l'ideatore di questa cosa:
"piano! piano! allontanatevi, così la sfinite! non vogliamo che succeda così in fretta!"
un sospiro di sollievo per lei, finalmente!!
" abbassatela e stacchiamola"
le forze ormai erano svanite le braccia e le gambe le dolevano per la posizione, fu caricata su di una spalla come un sacco e portata su per le scale sempre da quel “gigante” a cui lei proprio non riusciva a dare un volto, la portarono nel suo ufficio, lì venne appoggata con il ventre sulla scrivania e fù fatta passare una corda per legare il nastro che le teneva le mani alla tubo che le teneva aperte le gambe:
il suo culo ora era verso la porta in bella vista per chi entrava, ed era immobilizzata alla pecorina a gambe divaricate, nonostante quello che era appena successo si sentiva ancora tremendamente in imbarazzo in quella posizione.
Sentiva la presenza di qualcuno nella stanza, era confusa, sentì un cazzo duro infilarsi dentro di lei, l'uomo fece i suoi comodi, scopandola alla pecorina, la posizione faceva siì che fosse molto dilatata e il cazzo che la stava penetrando non era particolarmente grosso, una scopata piuttosto anonima, l'uomo si sfliò poco prima di gofere , le tolse il cappuccio da dietro in modo che lei da quella posizione potesse vedere solo il muro e non lui, le mise una benda, lasciando la bocca libera, fece il giro della scrivania e quando le fu davanti strappò il nastro dalla bocca, Lady C. dopo un'urletto per il dolore prese un profondo respiro come se fosse il primo della sua vita, ed iniziò ad insultare e minacciare il suo aguzzino,,,,un violento schiaffo sul viso la fece raggelare di nuovo, per il dolore una lacrima le scese sul viso seguita da due o tre schizzi di sperma che la colpirono proprio sulla guancia appena percossa.
-” senti piccola puttanella, di la' c'e' una fila di uomini sovraeccitati che vogliono sfogarsi con te, per questo pomeriggio sarai solo uno scarico per le loro voglie e frustrazioni, più opponi resistenza e più verrai punita, quindi datti da fare per farli godere, loro se lo meritano e tu non vali un cazzo!”
mentre ascoltava queste parole sentì un liquido tiepido, sicuramente olio, scendere tra le sue chiappe, le provocò un piccolo brivido di piacere, che durò un solo istante, perchè un grosso dito le forzò l'ano, preparandola e ungendole il buco anche internamente. La bocca le fu tappata di nuvo, capi' che nella stanza c'era un'altro uomo che aveva assistito......
Poteva percepire due grosse cosce pelose e muscolose appoggiate alle sue, sicuramente una persona molto alta, forse quello che l'aveva bloccata e trasportata si era conquistato il diritto di essere il primo, mentre pensava a queste cose sentì una pressione contro il buchetto del culo, non capiva cosa stessero usando per tentare di penetrarla, poi una spinta piu' forte lo dilatò completamente portandolo alla massima dilatazione che potesse raggiungere, capì dalla forma e dal calore che era un cazzo vero, di una dimensione pazzesca, non si fermava, cotinuava scivolare dentro con lenta costanza, due grosse lacrime le rigarono il viso, aveva la sensazione che si stesse lacerando la carne, il dolore le tolse persino il respiro, rimase in apnea finche l'uomo non si fermò, si sentiva veramente impalata, non capiva come un pezzo così grosso di carne potesse stare dentro il suo corpicino, temeva di avere dei danni interni irreparabili, ma anche stavolta i sui pensieri furono interrotti....l'uomo iniziò la sua scopata, lenta e inesorabile, anche lui capiva che se si fosse fatto prendere dalla foga l'avrebbe sventrata.
Ad ogni affondo la piccola lady tratteneva il respiro, l'olio aiutava l'asta a scivolare , ma il dolore per la dilatazione sia del buchetto che delle viscere interne era pazzesco, continuava a piangere e mugolare, le penetrazioni erano talmete profonde in quel corpicino che andavano a premere sulla vescica, accompagnando ogni movimento con piccoli schizzi incontrollati di urina.
Quando l'uomo raggiunse l'orgasmo Lady Chrome era oramai sotto shock non riusciva a pensare ad altro che la devastazione provata, sfilato il grosso cazzo a lei rimase la sensazione di avere il buco dilatato e di non riuscire piu' a richiuderlo, sentì lo sperma colarle fuori dall'ano senza nessuna barriera, le bruciava in un modo pazzesco, non si rese quasi conto di quello che successe dopo: uno via l'altro tutti gli uomini del reparto si presero una piccola rivincita, chi schiaffeggiandole il culo, chi scopandole la fighetta, alcuni si masturbarono e le vennero sul viso, sempre solo uno alla volta in modo che nessuno fosse testimone di un 'altro. Ma oramai lei non sentiva più nulla se non quel dolore pazzesco all'ano.
Dopo poco meno di un'ora rimase sola nella stanza, solo pochi istanti, poi di nuovo la porta si aprì, si riprese un'attimo sentendo il rumori di tacchi femminili, era stremata, la donna che entrò sciolse il nodo della corda, che la teneva bloccata in quella posizione, poi con cura adagiò il suo piccolo corpo sul pavimento, dopo un'ora in quella posizione non riusciva a reggersi in piedi, la donna le libero' le mani, poi le caviglie, le sembrò quasi di rinascere, non aveva alcuna energia per muoversi, ma almeno era libera!
Per ultimo le tolse il nastro dalla bocca, lei trovò la forza di fare uscire un flebile grazie, le era rimasta solo la benda, sentì la donna girarle intorno, poi un'odore intenso avvicinarsi al suo nasino, prima di capire di cosa si trattava sentì un violento scroscio di urina bollente e puzzolente innondarle il viso ed i capelli, la giovane donna chinata su di lei con la sola potenza del getto riusci' a forzarle le labbra in modo che per respirare fù costretta ad ingoiare una parte di quel fetido liquido, che le infiammò la gola togliendole ancora una volta il respiro.
anche la sua "liberatrice" si era presa una piccola rivincita!!!!

Questo racconto di è stato letto 1 8 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


rcconti incestoracconti erotuicii pompini di mia madreracconti hard al cinemagay raccontoraccontiiomilumariti cornuti raccontiracconti incesti suocereraccontini eroticiinculata dal suo canequella porca di mia cognataracconti erotici con la ziastorie porno analeracconti erotici suppostamoglie troia storiemaritoguardoneertici raccontiracconti sesso gratisstorie porno annunci 69erotici racpompino a mio fratelloracconti prima volta analeracconti femdomfaccio sesso con mia suocerastorie di zoofiliaracconti erotici con sorellaporno gay tra cuginimammatroiapadrona e sottomessoracconti erotici vereracconti eroticjstorie di sesso sfrenatoracconti erotici inculateporno racontistorie di lesbichesuocere che scopano genericuginetta pornopiedi racconti eroticiracconti erotici confessionisesso racconti eroticiracconti eroticciracconti di mamme troieracconti erotivciracconti esperienze eroticheesibizioniste in autostorie sexyracconti eroti iracconti pompiniracconti porno freesposina troiaeroriciraccontiracconti sesso 69rqcconti eroticiraccnti pornoraccontiporacconti erotici dominazione femminileiomiluracconti poenoraccconti eroticiracconti poracconti eros milustorie sensualiracconti di mamme troieraccontiberoticiracconti tabooracconti porno vacanzeracconti eroticimilùraccontimorenasex coppiepiedi eroticiracconti porno sadomasoracconto erracconti erotici caccamuratori gaytettona raccontiracconto erotico scuolaracconti aroticifaccio sesso con mammaracconti eroti istorie erotiche videomilu dominazioneracconti erotici pompiniiomiluraccontiraccontierstorie fetishracconti erotici animalracconti di orgeracconti erotici nonnoeroticraccontiracconti erotici italianifoto racconti pornoracconti eoriticirscconti pornomio nonno mi scopastorie gigantesse