Antonella

Scritto da , il 2019-10-09, genere tradimenti

Cos'altro era, amore, quel tuo messaggio, se non un invito? Per cos'altro mi avresti scritto “Mio marito parte per due giorni, se non per chiedermi di raggiungerti? Ed io, lo sai, non aspetto altro: non desidero altro che poterti vedere, stare con te, amarti. Ma mi conosci: non potevo non chiedertelo. Così l'ho fatto: ti ho risposto “Posso portare un amico?”. Te lo aspettavi, vero? Così come io mi aspettavo la tua risposta: “No!” Quante volte me lo hai ripetuto, da quando la nostra storia è cominciata. Eppure ci siamo conosciuti così: tu giocavi, con tuo marito. Io con mia moglie. Ci eravamo incontrati, la prima volta tutti e quattro più Pippo, battitore libero, se così si può dire. C'eravamo rivisti, sempre con tuo marito... Poi lui si era accorto che tra me e te non c'era solo sesso e aveva voluto, anzi preteso che tu chiudessi i ponti con me. Ma si può chiudere una storia di sesso, non una d'amore. Avevamo continuato a vederci, da soli, io e te. Spesso ti avevo chiesto di portare un amico, ma la tua risposta era stata sempre “NO!”. D'altronde, anche a tuo marito, da quando aveva preteso che chiudessi con me, avevi detto di non voler giocare più. Quindi: normale, scontato mi dicessi ancora no. Quello che non era normale, non era scontato era che tu mi scrivessi un paio d'ore dopo: “Fai come vuoi!”
Sapevi che lo avrei fatto, vero amore mio? Sapevi che non sarei venuto solo! Quel che non sapevi, che non potevi sapere era che Giancarlo non era proprio un amico, ma un ragazzone che, sì, conoscevo bene, ma che aveva sempre più di 20 anni meno di me... quasi 30 meno di te. Un azzardo, lo so. Me lo aveva detto anche Carlo, a cui avevo confidato il segreto. Ma a me l'idea piaceva ed ero sicuro che Giancarlo ti sarebbe piaciuto, con quel suo metro e ottanta, muscoloso al giusto e due occhi grandi e scuri. Certo che ti sarebbe piaciuto, ma era sempre un ragazzo.

Quando arrivammo da te erano le 4 del pomeriggio: ci aspettavi dietro i vetri per aprirci subito, in modo che ci vedesse meno gente possibile. Dopo averci aperto staccasti il citofono.
Ricordi? Eravamo seduti sul divano, io e te, invece, sullo sgabello della penisola, di fronte a noi. L'imbarazzo lo potevi tagliare a fette. Il tuo, ma anche il mio. Lui, invece, era sereno e sicuro di sé.
Lo facesti per cortesia? Oppure cercavi di fuggire da quella situazione così imbarazzante?
“Faccio un caffé?” chiedesti, alzandoti senza aspettare risposta. Lui ti seguì, ti afferrò per i fianchi rotondi, mentre ancora svitavi la moka: “Dimmi un po': ti faccio proprio schifo, che da quando sono entrato non mi guardi?”. Colse di sorpresa anche me. Non mi sorprese, invece, la tua risposta: “No, anzi, mi piaci pure. Ma mi fa paura l'età! Potrei essere tua madre.” Tu non lo hai visto, perché restavi girata, ma lui sorrideva quando rispose: “Ed io potrei essere tuo figlio. Ma, sicome tu non sei mia madre ed io non sono tuo figlio.... Ma soprattutto mi arrapi tantissimo ed ho voglia di scoparti fino a farti urlare...” Poi ha cominciato a leccarti e morderti l'orecchio e tu resisti a tutto, ma non alla bocca di un uomo sul tuo orecchio.
Ricordi? Il caffé non lo abbiamo più preso!
Il tempo non ti aveva fatto scordare come si tengono a bada due uomini su un letto. Eri meravigliosa, mentre ti alternavi sui nostri cazzi con la tua bocca e la tua fica. Peccato che tu non abbia mai voluto farti rompere il culo. Ma il resto lo sai usare benissimo, da far dimenticare che hai un po' di anni ed un po' di chili in più. Te lo giuro, amore: sei meglio di tante 20 enni. Non ci provo neanche a scrivere i tuoi gemiti, i tuoi sospiri, quelli che da soli farebbero tirare una sega a chiunque. Noi non avevamo bisogno di farci una sega: noi avevamo te e la tua voglia di scopare. La tua figa era un lago che straripava, inondando le lenzuola candide. Da come ti fotteva con foga, si vedeva che Giancarlo non fingeva il piacere che gli sconvolgeva la mente e gli faceva fremere ogni centimetro dei suoi muscoli.
Chissà se si aspettava che avresti ingoiato tutto: il mio ed il suo. Chissà se si sarebbe aspettato che, subito dopo, ti avrei baciato e limonato così a lungo.
Eravamo rimasti distesi tutti e tre, per un po'. Poi lui s'era alzato per andare in bagno ed io ne avevo approfittato per abbracciarti e chiederti se ti era piaciuto. Mi era bastato quel suo sospiro, come risposta, al punto da autorizzarmi a chiederti se lo avremmo rifatto.
“Vedremo!” rispondesti, ma ero già sicuro che fosse un sì.
Rispondesti “Vedremo!” anche quando te lo chiese lui, ma il fatto che lo facessi mentre lo baciavi era una conferma a quel che pensavo.
E poi tu gli sei entrata nel sangue, sai?
Continuava a dirmi che eri un po' in carne, ma che scopavi divinamente e che io dovevo convincerti a vederci di nuovo tutti e tre. Ma lui non sa, che mi avevi scritto qualche ora dopo.
Una parola sola: “Grazie!” con due cuoricini ed un bacio. Un'altra conferma che ci saremmo rivisti tutti e tre.
Ricordi, amore?
Io ci sono tornato il giorno dopo da te. Solo! Volevo fare l'amore: volevo che tu sapessi quanto ti amavo. Volevo stare con te, solo, coccolarci ed amarci e, magari, fantasticare sulle prossime porcate. Perché tu sei tornata, vero, amore?

Questo racconto di è stato letto 3 0 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


cinema porno raccontistorie di escortsex raccontiracconti eoritciracconti porno cuginaracconti erotici di donne anzianeracconti dominazione transracconti erotici genivracconti masturbazione femminileerotici racconti 69racconti incestracconti eoriciracconti erotici adultiracconti erotici generiporno racconti incestoiracconti di milùpiedi femminili raccontiesibizionismo moglieracconti erotico incestoho voglia di inculartiracconti troiemiluraccesibizionismo al mareracconti erotici di coppiaracconti gay dominazioneracconto sesso a tresito racconti eroticistorie etoticheracconto erotico mammaracconto gaystirie pornoporno italiano raccontiraccomti eroticiracconto xxxesibizioniste al ristoranteracconti potnoracconti e storie eroticheho inculato mia madreracconti eroticoerotivi raccontistotie pornoracconti erotici sul trenoracconti erotici estremiracco.ti eroticiracconti piccanti gratisracconi eroticiracconti crossdressingculi rotti raccontiracconti sroticiesperienze sessuali a tretest pompinoracconti hard con animaliracconti porno al mareracconti donne troieracconti hard gratisracconti prime esperienze gaya69 racconti eroticii generi racconti eroticiracconti eriticimaurizio maurizio che non diventi un viziostorie pornracconti erotici stupriil culo di mia suoceramuratori gayracconti dominazione transstorie di sesso incestoerotici gayracconti erotici cunnilinguserotici racconti 69eros raccontiracconti erotickerotico raccontostorie incestoracconti hot lesboracconti di luluracconti di rapporti analiracconto lesboracconti erotocoracconti erotici vecchiracconticuckracconti erotici genereracconti storie eroticheerotici racconti 69racconti porno cognataannunci69 racconti eroticifamiglie incestuoseracconti eropticidottoresse voglioseincesti nonne