Giovani seduttori - Capitolo 3

Scritto da , il 2019-10-09, genere gay

“Chi è quello?” Chiese sottovoce Adriano a Paolo. I due ragazzi stavano aiutando il papà di Paolo a caricare la station wagon prima della partenza.
“Oh dannazione. Quello è Luca, il mio cuginetto del cazzo. Mia mamma pensa di doverlo invitare ogni volta che andiamo in vacanza. La maggior parte delle volte sua mamma, mia zia Giovanna, dice di no, ma alla fine mia mamma l’ha vinta. È un vero rompi coglioni.”
“È veramente caldo!” Rispose Adriano leccandosi le labbra.
“Caldo? Cosa vuoi dire?”
“Sai! Sexy! Ha un aspetto che ti fulmina!”
Tutti e due guardarono il ragazzino che era smontato dalla macchina di sua madre. Adriano pensò che sembrò una giovane statua greca. Paolo pensò che sembrava una peste.
“Cosa devo dire di lui?” Bisbigliò Paolo. “Tutto quello che vedo è una dannata seccatura. È sempre fra le palle quando viene con noi” Si lagnò Paolo.
“Lui può stare sempre tra le mie palle!” Si entusiasmò Adriano. “Gli piacerebbe… um… farlo… lo sai?”
“Cosa vuoi dire? Sai cosa penso? Che tu sei malato di sesso!” Borbottò Paolo. “Tutto quello che so è che ci starà intorno per tutto il tempo e noi non potremo fare niente.”
“Hmm, mi piacerebbe… “ Un'idea cominciava a prendere strada nella sua mente.

* * *

La famiglia arrivò alla meta poco prima dell’ora di pranzo il giorno dopo. La notte precedente si erano fermati lungo la strada senza incidenti, erano tutti troppo stanchi per il viaggio. Si erano sistemati comodamente nella macchina e più di una volta la mamma era stata felice per la presenza di Adriano che faceva da cuscinetto tra Paolo e suo cugino Luca. Per la maggior parte del viaggio Adrian era stato un vero cuscino, seduto sul sedile posteriore tra i due cugini guerreggianti. Oh, lei pensò, una volta arrivati ed andati in spiaggia con i loro amici, non dovranno più sopportare la compagnia uno dell’altro.
Adriano accettò prontamente il suo ruolo di conciliatore tra il suo amico ed il cugino del suo amico. Lui non aveva molti cugini, solamente un fratello più giovane, così stava un po' cauto con le relazioni interfamiliari. Gli era piaciuto quando Luca aveva appoggiato la testa sulla sua spalla dopo essersi addormentato. La mamma di Paolo si era voltata ad osservare la scena innaturalmente tranquilla e sorrise nel vedere la testa del nipote appoggiata alla spalla dell'amico di suo figlio. I tre ragazzi erano separati solo da due anni in età, ma come simpatia erano separati da chilometri. Le occasioni precedenti avevano richiesto un costante arbitrato da parte sua. Era bene avere un ragazzo 'normale' in quel viaggio, da mettere come esempio tra gli altri due.
Adriano non aveva sonno, aveva dormito saporitamente la notte prima e si godeva il panorama mentre la macchina divorava i chilometri. Quando la testa di Luca cominciò a chinarsi, lasciò che gli si appoggiasse alla spalla. Lui non era come suo cugino, era magro come lui, ma questo era il limite della loro somiglianza. Paolo sembrò aver piacere nel disprezzare ogni cosa suo cugino facesse o dicesse o sostenesse. Quando Luca disse (la mattina presto) che faceva un po' caldo e gli bastava avere una maglietta, Paolo insistette che non era vero e che aveva bisogno di una maglia pesante.
Fu allora che Adriano si mise a guardare la maglietta molto sottile di Luca e mentre il ragazzo era ancora con la testa sulla sua spalla, diede un’occhiata ai suoi piccoli capezzoli. La maglietta era larga sul collo e lui poteva vedere il piccolo gonfiore del capezzolo sinistro duro per il freddo che lui si rifiutava di ammettere. Adriano cominciò ad essere eccitato da quella visione, molto erotica specialmente perché era fatta segretamente. Si contorse sul sedile per mettersi più comodo ed alleviare la pressione sul cazzo che gli stava diventando duro. Disturbato dal movimento del suo cuscino umano, Luca si agitò nel suo sonno. Si allungò sul poco spazio del sedile e così facendo la sua mano precipitò sul grembo di Adriano che non la respinse, godendo della sensazione della giovane mano contro la stoffa sottile dei suoi shorts. Passò sopra il torace di Luca col braccio fingendo di asciugare una macchia sul finestrino. Così facendo il suo avambraccio strisciò sui capezzoli erti del ragazzo che si lamentò piano nel sonno, flettendo le dita sul grembo di Adriano mentre sognava.
Adriano si chiese se Luca aveva notato che gli aveva toccato le tette e decise che probabilmente era così. Per controllare la sua teoria, tirò la cintura di sicurezza come se ne stesse controllando la forza. Mentre lo faceva il dorso delle sue dita passarono sul capezzolo sinistro rigido di Luca. ‘Molto meglio che con il braccio!’ pensò. Fece correre la mano su e giù sulla cintura molte volte ed ogni volta le nocche carezzavano le piccole tette del ragazzo.

* * *

Quando loro arrivarono al loro motel pioveva a dirotto ed il padre di Paolo andò al bar per un drink per rianimarsi dopo le lunghe ore di guida. La mamma di Paolo chiese ai tre ragazzi di stare un po’ tranquilli e lasciare agli adulti una mezz’ora di libertà, ritirandosi nella loro stanza, mentre gli adulti si facevano qualche cocktail. Adriano l'assicurò che lui avrebbe mantenuto la pace, e la mamma di Paolo se ne andò sollevata.
Allora i tre si guardarono ansiosamente all'un l'altro. La loro festa era iniziata ma non nel modo che loro si erano aspettati.
“Giochiamo a nascondino?” Suggerì Luca agli altri due.
“Sì, bravo genio, dove ci nascondiamo in una stanza di motel?” Gli rispose subito il cugino sarcasticamente.
“Che ne dite di mosca cieca?” Propose Adriano: “È divertente e non c’è bisogno di molto spazio. Uno spazio poco familiare come questo è l’ideale.”
“Um, ok. Come si gioca?” Disse Paolo. Anche Luca ascoltò le spiegazioni, così non doveva ammettere di non sapere come si giocava.
“Semplice. Una persona fa il cieco e gli altri si mettono in un punto della stanza e stanno fermi. Il bendato deve prenderli e quando lo fa, deve identificarli.”
“Come si fa ad accecarlo?” chiese Luca.
“Facile. Basta allacciargli un fazzoletto o qualche cosa del genere sugli occhi.”
“Spero non con fazzoletti sporchi.” Rise Paolo accennando col capo verso suo cugino.
“Lo farò per primo ed userò il mio fazzoletto pulito.” Suggerì Adriano. “Così imparerete.”
Estrasse un fazzoletto pulito della sua sacca e se l'allacciò intorno al capo come aveva spiegato. Progettò di prendere Luca per primo fiducioso di poter identificare i cugini dalla loro dimensione ed odore.
“Allora, avete dieci secondi per trovare un luogo dove fermarvi o sedervi o sdraiarvi. Non potete nascondervi sotto i letti sotto o roba del genere, sarà abbastanza difficile trovarvi comunque. Potete mettervi nello stesso posto. Dopo che avrò contato sino a dieci, potrete muovervi, ma ricordate, muovendovi probabilmente farete rumore, così probabilmente sarà meglio stare fermi. Appena io vi prendo, dovete restare dove siete in modo che io possa identificarvi.”
“Spegniamo le luci e tiriamo le tende, sarà più eccitante farlo.” Suggerì Luca, sapeva che a suo cugino non piaceva il buio.
“Ok, per me va bene. Le luci sono spente, io sono bendato, conterò fino a dieci e verrò a cercarvi!” C'era un che di eccitazione nella sua voce e sentiva che il suo attrezzo cominciava a fremere in attesa.
“Tre, due, uno! Pronti o no arrivo!” Adriano allungò le braccia come un sonnambulo e cominciò ad avanzare cautamente nella stanza. Gli ostacoli principali nella ‘navigazione’ erano i due letti e la tavola. Nella seconda camera da letto (che i ragazzi avrebbero usato più tardi) c'erano un letto a castello ed un armadio. Adriano sospettò che Paolo si sarebbe nascosto là e Luca sarebbe rimasto nella stanza principale. Aveva ragione.
Adriano non era stato onesto nel bendarsi, l’aveva fatto in modo da poter vedere mezzo metro di pavimento di fronte sé, pensando che un po’ di aiuto ci voleva in una stanza sconosciuta. Sentiva Luca che respirava forte, vicino alla finestra. Avanzò cautamente intorno al letto, poi evitò attentamente i bagagli e le sedie. Quando arrivò a meno di un metro dal ragazzo, Luca cominciò a ridere, ma Adriano finse di non sentire. Quando le sue mani lo toccarono, disse: “Ti ho beccato! Ora stai fermo mentre tento di indovinare chi sei.”
Adriano cominciò l'esame facendo correre le mani giù per i lati di Luca. Chiunque sapesse cosa indossavano i due cugini avrebbe indovinato immediatamente la sua identità, ma Adriano pensò che era probabile che Luca gli lasciasse proseguire un po’ il gioco, per suoi scopi.
Carezzò le gambe del ragazzo, poi le sue cosce (portava jeans corti) e finalmente il suo pantaloncini. Lasciò vagare le sue mani sulla vita stretta del piccolo e sulle braccia. Lo fece girare e mosse la punta delle dita sulla sua spina dorsale, poi gli strofinò alcune volte il culo. Stando dietro di lui, posizionò in fuori le braccia di Luca come un aeroplano, poi mosse le mani sullo stomaco fino ai piccoli capezzoli puntuti. Luca rise di nuovo quando Adriano toccò i suoi capezzoli attraverso la stoffa sottile della maglietta, ma non protestò. Imbaldanzito Adriano alzò l'orlo della maglietta finché non uscì dai pantaloncini. Fece correre le mani verso l'alto finché le sue dita entrarono in contatto con i capezzoli che erano duri e caldi. Vi si attardò per qualche secondo, la punta delle dita provocò la pelle d’oca alle areole sensibili, poi lasciò che la maglietta precipitasse di nuovo al suo posto. Per allungare un po’ il gioco, toccò la faccia del ragazzo e poi si allontanò dicendo: “So chi ho preso, sei Paolo!”
Luca rise forte questa volta, assai contento di aver imbrogliato Adriano che, naturalmente, aveva le sue ragioni per aver sbagliato intenzionalmente e lasciato la vittoria a Luca. In particolare stava sperando che a Luca piacesse essere bendato, perché generava interessanti possibilità sulle altre forme di schiavitù che Adriano voleva esplorare… con Luca. Paolo venne correndo dall'altra stanza in tempo per sentire Luca dire: “Ho vinto, così io sarò il prossimo.”
Prima che Paolo potesse protestare, Luca aveva preso il fazzoletto da Adriano ed aveva cominciato ad allacciarselo intorno alla testa. “Sarà molto più difficile per me, voi siete più vecchi. Dovrò stare molto attento. Ok, non posso vedere, cominciate a nascondervi. Dieci, nove….”
Quando finì il conto, cominciò a muoversi come un sonnambulo, come aveva fatto Adriano. La sua unica meta ora era assicurarsi di prendere il ragazzo giusto. Era abbastanza sicuro che Adriano aveva capito chi aveva preso e che lui aveva saputo precisamente quello che stava facendo quando lo palpava. Stava cercando da mesi l'occasione di scoprire di più sui corpi di ragazzi più vecchi, ma non voleva chiederlo a suo cugino. Adriano offriva il campione perfetto ed inoltre era figo anche nell'opinione di Luca.
Indovinò che Adriano e Paolo avrebbero lasciato la stanza principale così andò come un sonnambulo nella piccola camera da letto fuori della stanza principale. Adriano non aveva neppure tentato anche di nascondersi. Se quello che pensava era corretto, Luca sarebbe arrivato lì.
Luca ignorò suo cugino entrando nella piccola camera da letto. Per prima cosa andò dietro la porta ed immediatamente toccò un corpo. Bisbigliò: “Ti ho preso, devi stare fermo mentre ti identifico.”
Eccitato il ragazzo fece correre le mani sulle gambe nude di Adriano, come aveva fatto a lui, e rese chiare le sue intenzioni estraendogli la t-shirt dai pantaloncini e facendoci correre sotto le mani, toccando il torace del ragazzo. Lo fece girare e fece alcuni passaggi sulla schiena nuda sotto la camicia, ma i giochi principali dovevano ancora venire.
Inoltre la sua camicia di ti, Adriano portò su un paio di pantaloncini di gestione sciolto un paio di brevi. L'unica parte sotto il collo che Luca doveva ancora investigare erano il pantaloncini. Tremò un po’ quando il ragazzo fece correre le mani sulla sottile stoffa. Il suo uccello stava mostrando chiaramente segnali di interesse, irrigidendosi sotto il suo abbigliamento e spingendo un po' in fuori sul davanti. Luca carezzo la parte anteriore degli shorts con le dita, poi girò sulla parte posteriore per dare una stretta alle natiche. Completando il circuito si mise di nuovo di fronte ad Adriano. Questa volta mise cautamente la sua mano sulla piccola e dura protuberanza sul davanti degli shorts e strinse delicatamente. Adriano espirò ma era determinato a giocare il gioco, così non disse niente.
Poi Luca lo sorprese con la successiva audace mossa, prese l’orlo del fondo del pantaloncini di Adriano e cominciò a trascinare l'indumento leggero. Li tirò giù molto lentamente, come se volesse dare al ragazzo la possibilità di protestare, se lo voleva. Lui non lo fece. La sensazione dei pantaloncini che scendevano lentamente giù, via dal suo sedere e sulle cosce, fecero alzare diritto ed orgoglioso il cazzo di Adriano nelle sue mutande. Infatti il suo uccello eretto ora era l'unica cosa che ferma il progresso di discesa dei suoi pantaloncini, la cintura elastica era temporaneamente bloccata dal suo attrezzo sporgente.
Capendo che non aveva più molto tempo, Luca gli tirò giù gli shorts alle ginocchia e li lasciò cadere alle sue caviglie. La lunga t-shirt di Adriano ora copriva le sue mutande, allora Luca l'alzò con la sinistra e prese l’erezione del ragazzo con la destra. Prima tastò l'asta, poi la cappella e quindi lo scroto coi suoi due occupanti. Ora tutti e due stavano ansando, cercando di fare presto prima che Paolo si stancasse di aspettare o gli adulti ritornassero. Luca raggiunse le mutande di Adriano e prese l’asta del suo uccello che immediatamente sprizzò in un orgasmo glorioso dentro le mutande. Ambedue gridarono, uno per la sorpresa, l'altro per la liberazione sessuale. Adriano si tirò rapidamente i pantaloncini mentre Paolo venne correndo nella stanza. Luca si mise tra Adriano e Paolo e gridò: “Ho scoperto che era Adriano, ho vinto! Ho vinto!” e corse ad accendere le luci ed aprire le tende. Aveva smesso di piovere.

Questo racconto di è stato letto 1 0 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


mi sono scopato mia mammaracconti sexy gratisracconti di cornutiwww racconti pornoravconti eroticirscconti pornostorie di sesso amatorialimarito cornuto e moglie troiamilu raccontiraccontierospompini di malenasesso porno raccontiracconti analer acconti eroticistorie di donne maturezia e nipote racconti eroticiracconto massaggio eroticoracconti porno estremiracconti erotici zoofilitrans racconti eroticirac erotorsi italiani raccontistorie di sesso con donne maturestorie di feticismoracconti gratis eroticicrossdresser raccontistori pornorscconti eroticiracconti erotici ripetizioninonnigayracconti sesso prima voltasesso con zia raccontiracconti massaggi eroticiracconti sesso in famigliamarito porta moglie alla montaporno racconti gayracconti incestuosi veriaffogata di sborraracconti di moglie troiaannunci 69 racconti gayracconti per adulti gratistravestiti sissyracconti erotici latteracconto segaracconti erotici ewriterscuckold umiliatoracconti di storie di sessoracconti porno di moglierotici racconti.itracconti erotici collantracconti eorticistore pornoraccconti eroticiracconti sodomizzataracconti di sessostorie di troieracconti incesto lesboracconti porno masturbazioneracconti erotici generestorie pormoho voglia di inculartigigantesse storieravconti pornodoppia penetrazione raccontiincesto69scambio di coppia forumeros raccontimarito schiavo raccontiracconti di pissingraccontini erotici