Una moglie timida, ma sei la mia troia (Spin-off) Parte 4

Scritto da , il 2019-10-08, genere tradimenti

Il giorno dopo Elena aveva l’ano dolorante, Andrea l’aveva penetrata più a lungo e con più forza dell’altra volta. Da quando si svegliò a quando Dante uscì per portare le bambine a scuola e poi per andare a lavorare, non riuscì a smettere di pensare a come l’aveva trattata Andrea e a quanto la cosa la eccitasse, aveva la vagina che grondava. Appena fu sola in casa si gettò sulla poltrona del salotto, si abbassò i pantaloncini corti che usava per dormire e le mutandine iniziando a toccarsi il clitoride gonfio di eccitazione. Non si masturbava da quando era un’adolescente, sentire le proprie dita su di sé dopo tanto tempo le provocò una sensazione strana, ma molto piacevole. Si accarezzava lentamente, senza fretta, gemendo piano, fece penetrare due dita immaginando che fossero il pene di Andrea. Con l’altra mano iniziò ad accarezzare il suo ano, ma non lo penetrò perché aveva paura di farsi male. Era così eccitata che non passò molto tempo che sentì l’orgasmo salire dentro di lei, aumentò il ritmo ed iniziò a gemere più forte. Quando il piacere esplose dentro di sé immaginò che Andrea l’avesse riempita con il suo sperma caldo e denso. Si abbandonò sulla poltrona, ansimando e rallentando gradualmente il ritmo sulla vagina.
“Non so come, ma mi ha stregata quel ragazzo… non posso più farne a meno”, pensò Elena mentre si tirava su i pantaloncini e iniziava a prepararsi per affrontare la giornata.

Dante il giorno dopo, appena fu tornato a casa da lavoro, baciò sulle labbra sua moglie e le disse: «Amore mio, porto le bambine dai nonni. Così ci passiamo una seratina tranquilla, che ne dici?». Elena gli mise le braccia intorno al collo e rispose: «Va bene amore mio. Ci vuole una serata per noi».
Appena dante uscì Elena fece per andare in bagno per farsi una bella doccia, ma il campanello suonò. Immaginò che fosse Dante che si era dimenticato le chiavi ed era tornato a prenderle, ma aprendo la porta si trovò davanti Andrea che le disse: «Ciao troia. Come stai?».
La donna rimase senza parole, ma sentì subito un familiare formicolio fra le gambe.
«Non te lo ha detto il cornuto che sarei venuto?», chiese Andrea entrando in casa. Elena rimase senza parole scoprendo che i due erano d’accordo.
Il ragazzo si girò verso di lei e le disse: «Che c’è? Non sei contenta di vedermi?». Le prese il sedere e lo strinse con forza, la donna gemette rendendosi conto di essere già eccitata.
«Fammi fare un giro della casa», ordinò Andrea.
«Va… bene…», rispose stranita Elena. Precedette il ragazzo e lo portò prima nel salotto, dove avevano fatto sesso la prima e la seconda volta, poi arrivarono alla zona notte dove gli mostrò il bagno e poi la camera da letto sua e di Dante. «Che ne dice se ti scopassi qui, sul vostro letto?», chiese malizioso Andrea.
«Beh… non saprei…», rispose titubante Elena. Era molto agitata perché era la prima volta che rimaneva sola con Andrea e non sapeva cosa aveva in mente.
«Finiamo il giro prima», disse il ragazzo. Rimaneva solo la cameretta delle bambine, entrarono: era molto colorata, con i due lettini affiancati con varie bambole sopra e molte foto di quella famiglia felice.
Andrea senza preavviso spinse con forza Elena su uno dei due lettini, le infradito le caddero dai piedi ed il vestito a fiori lungo fino alle ginocchia le si alzò scoprendo parte delle cosce.
«Che fai!», esclamò contrariata Elena e fece per rialzarsi, ma Andrea le fu subito sopra e le bloccò i polsi contro al lettino dicendole all’orecchio: «Le troie non si rivolgono così a chi le fa godere». Le abbassò rudemente le spalline del vestito molto poco scollato e tirò giù il reggiseno bianco liscio, le strinse forte i capezzoli duri e le disse: «Mi piaci vestita da mammina, sai puttanella?». Elena si dimenava sotto di lui, ma in realtà era un lago fra le gambe, solo non voleva farlo sul letto di sua figlia. Andrea, però la teneva ferma con una mano, era molto forte e con l’altra la toccava già fra le gambe mentre le mordicchiava i capezzoli. La donna sentiva che le sue difese stavano cedendo rapidamente, senza riuscire a trattenersi iniziò a gemere sentendo le dita di Andrea che, spostati gli slip bianchi, entravano ed uscivano dalla sua vagina fradicia.
«Adesso non mi vuoi più scappare, eh? Sei proprio una troia da sfondare». Sentendo quelle parole Elena raggiunse un orgasmo e i suoi umori colarono sul lettino. Andrea le tolse brutalmente le mutandine e la fece girare a pecorina, le alzò il vestito oltre il sedere, la sculacciò forte facendola gemere, poi si sputò sulle dita e le appoggiò all’ano.
«No ti prego! Mi fa ancora male!», supplicò Elena, ma le dita erano già dentro, strappandole un grido di dolore. Iniziò a muoverle lentamente, massaggiandole il clitoride. Pian piano i muscoli si rilassavano ed il dolore si trasformava in piacere. Ad un certo punto le dita uscirono ed il pene largo di Andrea si fece strada nell’ano ormai dilatato. Le mani forti del ragazzo le stringevano il sedere. Il ritmo pian piano aumentava come anche le grida di Elena.
«Pensa se le tue figliolette sapessero quanto è troia la loro mammina», le disse Andrea.
Elena stava guardando le loro foto, ma in quel momento stava godendo troppo per provare rimorso. E poi suo marito era d’accordo, anzi l’aveva spinta lui a tradirlo.
Proprio mentre il dolore all’ano di Elena si faceva risentire, non era ancora abituata, Andrea tirò fuori il pene ed iniziò a penetrarla nella vagina: entrò di colpo, facendole raggiungere subito un orgasmo. La sbattè a lungo e con vigore, facendola venire innumerevoli volte. Lei gridava senza ritegno il suo piacere. Quando anche il ragazzo sentì l’orgasmo montare, aumentò il ritmo e le venne dentro. Quando ebbe ripreso fiato, si rivestì e le disse: «Ora goditi la seratina con il cornuto».
La lasciò stesa sul lettino della bambina ansimante, seminuda e piena del suo sperma.


Per commenti, critiche e richieste

Questo racconto di è stato letto 3 8 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccolta racconti eroticiracconti pororacconti eoricigenere dei racconti eroticiracconti erotici a treracconti erotici in ufficiostorie porno videoracconti inculataeracconti eroticiracconti erpticiracconti erotici campeggioracconti di donne inculateracconti incesti gayracconti erpticistori eroticheracconti eoriticiracconti gay schiaviracconti eroticracconti xxracconti porno pompinistorie incestoracconti pororacconti erotici adultiracconti travestaracconti eroticvitorie pornoraccontieroticigratisracconti erotici zoofiliastorie hot vereracconti sexiracconti sesso oralescopata casarecciaerotico raccontoracconti erotici haremi generi dei racconti eroticiracconti hot gratisfisting estremiracconti erotici nonnaracconti erotici zieerticiraccontiracconnti eroticiracconti/eroticiracconti fem domracconti sesso verostorie erotiracconti bisessualistorie mogli troieracconti erotici di punizioniracconti erotici con cognataracconti di sesso lesbotracconti eroticiracconti erotici culo sfondatoracconti porno vecchiestorie di sesso con la suoceraracconto di un tradimentoracconti erotici estremierotici raccontoracconti eroticracconti travestaanimalsessoracconti pprnononno incestoletture eccitantiracconti erotici cuginaluisa transraccontogayracconti reoticiracconti porno italianistorie di ragazzi gayracconti/eroticiracconti gay padreracconti trasgressioniracconti etoticiracconti erotici piediracconti porno mogliracconti cockuldracconti gay pornoracconti voyeurracconti porno vecchiesorella esibizionistanero per mia mogliecontatti erotici