La nave

Scritto da , il 2019-10-08, genere dominazione

Questo racconto è il sequel de IL DEBITO, racconta la storia della moglie nelle mani dei trafficanti di schiave.
E' lei che racconta in prima persona

----------------------------------------------


LA NAVE

Dopo diverse ore di viaggio forse in un autocarro, dai movimenti sento che vengo scaricata e riposta in altro luogo, dal tubo che ho in bocca mi viene versata dell’acqua, capisco che ci dovrò stare parecchio in quella cassa, il tubo in bocca per acqua e forse viveri, catetere per liberare le vescica, butt plug per tappare il culo e non espellere escrementi, così potrei resistere anche giorni. Percepisco che ci muoviamo, mi sembra un treno, passano molte ore, perdo il senso del tempo, in quella posizione, incaprettata, con le caviglie quasi sulle scapole, non riesco a prendere sonno. Altra acqua, cerco di lamentarmi, dal tubo escono solo mugugni, un calcio nella cassa: “zitta troia”. So bene che è meglio obbedire. Sento altri lamenti, non sono sola. Dopo un tempo indefinito, infinito, il treno si ferma, operazioni di scarico, sballottamento poi ancora fermi… altra acqua, il fatto che non mi dessero cibo mi fa sperare che non potesse durare più di tanto, non resisto più in questa posizione. Altre ore passarono, sento il suono di una nave che salpa, movimenti del mare… altre ore. Se la vescica si può svuotare gli intestini no, sento la pancia che mi scoppia, ho bisogno di liberarmi, è umiliante. Sento movimento, arrivano anche a me, aprono la mia cassa, sganciano il flessibile dal tubo in bocca, sfilano il catetere e mi sollevano, essendo incappucciata non vedo, mi appoggiano a terra, non mi slegano. Sfilano il fallo che ho nel culo, mi infilano un tubo ed aprono l’acqua che mi riempie gli intestini. Lo sfilano e mi libero di acqua e del resto. Poi col tubo e degli scopettoni mi danno una pulita, mi sollevano e buttano in un gavone, sopra ad altre disgraziate. Non riesco a capire quante fossimo, tutte incaprettate una sopra l’altra, alla fine del lavoro sopra di me ne avevo 4 o 5 e sotto altrettante. Passa il tempo, è caldissimo, cominciamo a sudare, tutte attaccate, una sopra le altre. Passano molte ore, alcune cominciano a non trattenere le vescica e pisciano su quelle sotto. Sudore, ordina, olezzo… temo che ci lascino morire qui.
Invece il portello si apre, cominciano ad estrarci una alla volta, ci slegano e tolgono il cappuccio. Non riesco ad alzarmi, gli arti sono anchilosati per la posizione costretta nelle ultime non so neanche quante ore… forse giorni. Siamo su un ponte di una nave, una cinquantina di donne, tutte nude striscianti, sconvolte, che si muovono appena.
Cominciano gli ordini:
“entro 30 mn vi voglio ripulite in piedi allineate sul ponte per l’ispezione”
non è facile, ma quasi tutte riusciamo a rialzarci darci una pulita e presentarci al ponte. Solo due non riescono a riattivare la circolazione, forse vengono da più lontano e sono state più tempo nella cassa in quell’assurda posizione. Vengono prese a frustate:
“alzatevi troie e vi buttiamo a mare”.
Si contorcono sotto le frustate, chiedono pietà, proprio non riescono ad alzarsi. vengono trascinate via. Quello che sembrava il capo dell’equipaggio comincia a parlare:
“da oggi siete delle schiave, qualcuna lo era già ed è stata venduta a noi, per altre è una situazione nuova, sappiate che da ora siete degli oggetti, animali, dedite a soddisfare le esigenze sessuali dei vostri padroni, nei luoghi da dove venite non esistete più, siete morte. Noi siamo una organizzazione dedita al commercio di schiave sessuali, non siete alla vostra destinazione finale, noi vi cataloghiamo, vi addestriamo e poi vi mettiamo nel mercato… siete la nostra merce. Chiaramente chiunque dell’equipaggio può disporre di voi come meglio crede. Obbedite, fate quello che vi ordiniamo e vi risparmierete sofferenze inutili, oltre a quelle che dovrete subire.”
Siamo completamente nude su quel ponte, senza nessun avere con noi, non siamo nessuno, oggetti in mano di sconosciuti che possono farci di tutto… al solo pensiero già mi sento bagnata!
Comincia l’ispezione, siamo tutte in fila, il capo con altri due ci passano davanti e ci scrutano una ad una, ogni tanto allungano la mano e palpano una tetta, una chiappa, il monte di venere, e come un medico da istruzioni al suo secondo e questo prende appunti: “vanno depilate”, non abbiamo più il nome, siamo state numerate con un pennarello sopra la tetta e sulla chiappa. Dopo che ha passato in rassegna tutte ci ordina di metterci a pecorina con faccia a terra e con le mani dovevamo tenere le chiappe aperte. Altro giro di ispezione:
“ 5 vergine, 8 culo stretto, 13 vergine, 18 aperta, 22 usata davanti e dietro “ Arrivati da me sento una esclamazione “questa è sfondata!!”
sento delle dita che entrano ed allargano il buco.
“bisogna farla provare ad Amal”.
Finita la prima ispezione ci sistemano in coperta, ci danno da mangiare e ci rinchiudono in un vano con materassini a terra, mi sistemo in un giaciglio e mi addormento profondamente. La mattina veniamo svegliate, ci conducono in sala mensa e ci fanno fare colazione, mentre ancora mangiavo sento chiamare: ”numero 27!” ero io. Mi alzo: “seguici”. Obbedisco.
Mi conducono all’aperto sul ponte, era una calda mattinata, conto circa 30 marinai che mi aspettavano, appena arrivo quello che dovrebbe essere il capitano si rivolge ad un negro mastodontico, sarà stato 2 mt e 20cm, con al guinzaglio una bella donna, chiaramente nuda come me, in ginocchio dietro al gigante:
”prova questa, dovrebbe fare per te”
il negro mi scruta:
“è molto bella”,
il capitano “”provala”.
Amal non se lo fa ripetere si spoglia e sfodera un cazzo di dimensioni impressionanti. Si gira verso la ragazza al guinzaglio e le ordina di succhiare, questa obbedisce e porta in breve tempo la bestia alla massima erezione. La cosa impressionante era la lunghezza, forse non ne avevo mai visti di così lunghi, e che ne avevo presi di cazzi! Sarà stato oltre i 40 cm, la larghezza non scherzava comunque, immaginate una bottiglia di vino lunga 40 cm! Nonostante le dimensioni aveva un’erezione di acciaio.
Mi ordinano di mettermi a pecorina, non avevo molte alternative ad obbedire e già sapevo dove sarebbe finito quell’arnese, ho imparato da un pezzo che è molto meglio collaborare, tanto nel culo me l’avrebbero messo in ogni caso, se resisto un affare così poteva fare danni seri. Sento che mi lubrificano il culo, già questa cosa mi da sollievo, non è la prima volta che mi inculano a secco, sento l’enorme cappella appoggiarsi sul mio buchetto ed affondare senza difficoltà, non mi spaventava la larghezza, ero stata aperta da ben altre misure!
“È bella aperta, ora vediamo se è anche profonda!”
dice il gigante al pubblico che ci si è assiepato attorno a noi con gli occhi puntati sul mio culo aperto. Comincia l’affondo, sento quel serpente risalirmi nell’intestino, così a fondo era arrivato solo il mulo del boss, vedo la cappella che spinge sotto le costole, come un feto che scalcia. Come al solito, appena mi entra qualcosa nel culo, comincio a godere e a sbrodolare. I commenti si sprecano “ma questa sta godendo! Che razza di troia! “. Il negro eccitatissimo di aver trovato una che lo contenesse, comincia a dare delle bordate pazzesche, ogni colpo sbatteva contro le mie chiappe e mi buttava in avanti di 20 cm. I marinai chiedono il permesso di mettermelo in bocca, ma Amal li ferma, “questa è mia”. Io vengo a raffica e anche lui dopo diversi minuti mi scarica il suo sperma nel profondo del culo. “La prendo” dice appena si è ripreso, toglie il collare alla tipa e lo mette a me: “portatela via” ordina “potete scoparla se volete”.
Non capisco cosa succede, noi siamo elettrodomestici, non ci viene spiegato nulla, ma presto comprendo la situazione: Amal è assunto dalla organizzazione per addestrare le ragazze, lo usano per aprirle, grazie alla sua mazza, ne incula decine al giorno, per avere quella erezione inossidabile fa largo uso di viagra o simili, passa da un culo all'altro senza mai venire. Il suo problema è che sono rari i culi che riescono a prendere tutto quell'affare, non è facile uscire dal retto e risalire l’intestino, non tutte ne sono capaci, quindi dopo 20 massimo 30.cm arriva a fine corsa con metà cazzo fuori. Lui invece adora infilarlo fino alle palle. L’accordo con l'organizzazione prevede che quando trova una ragazza "profonda" la prende come "assistente" personale, tradotto tutte le sere ci incula e si svuota le palle nello stomaco passando dal culo. Ora ha scelto me, durante il giorno lo aiuto nel lavoro, gli indico chi deve aprire, lubrifico i culi, lecco le passere mentre lui le incula, segno nel registro in quale categoria sono assegnate le varie ragazze. Ho tenuto questo ruolo per diversi mesi, per 4 trasporti, il viaggio verso il paese africano dove era tollerato il traffico di schiave e dove c'è il mercato, dura circa un mese. Ne ho viste di tutti i tipi, da quelle che provengono già da una precedente schiavitù, come me, e sono state vendute dai precedenti padroni, a quelle alla prima esperienza, vendute da mariti e genitori. La prima selezione era questa, con le già schiave era più facile, sanno cosa fare, sono solitamente già ben aperte e rassegnate al loro destino, quindi nuove schiave e vecchie schiave. poi selezionano le vergini totali (culo e figa) o solo di culo. Alcune vergini totali vengono lasciate tali, non vengono toccate, per quei pochi clienti che amano addestrarle da soli, le si vendono "selvatiche", non sottomesse. In ogni caso la passera non veniva mai sverginata, era richiesta, andava molto la vergine con il culo aperto.
A tutte le vergini veniva sigillata la passera con degli anelli infilati nelle grandi labbra, come garanzia di integrità, e quelle destinate ad essere aperte venivano inculate da tutto l'equipaggio per poi passare sotto Amal.
L'ultima catalogazione è la troiaggine, cioè il livello di piacere che proviamo nella sottomissione. Le categorie sono, frigide, solo di figa, anche con il culo, e la più completa quelle che godono nel dolore. Le frigide totali sono poche, la maggioranza dopo un primo periodo di adattamento al nuovo stato si sciolgono e riescono a godere, hanno comunque il loro mercato, c'è una categoria di clienti, sadici puri, che non vogliono la schiava che gode, deve solo soffrire e per queste povere ragazze sarà un calvario.
Quelle che valgono di più sono le troie totali come me, che godono in ogni situazione, anche le più degradanti, ed in ogni buco. Troia totale e vergine era il top.
Ho conosciuto diverse situazioni, c'era una splendida quarantenne venduta dal marito, questa era una mezza nobile piena di soldi e boria, il marito per prendere l'eredità l’ha ceduta all'organizzazione che aveva organizzato il solito finto incidente con morte. Era smarrita, spaventata, la sua vita era cambiata drasticamente. Ad Amal piace sverginare culi, nella selezione iniziale ne sceglie sempre 5/6 che gli vengono lasciate vergini. Tra queste c’era la signora. Era una bellissima donna, alta 1,70, capelli morì lunghi occhi blu, una 4 di seno, un culo stupendo, abbondante, invitante… vergine. Di sesso anale non ne aveva mai voluto sentire parlare con il marito, ma neanche con i tanti amanti, ora si trovava di fronte ad un cazzo che non immaginava neanche potesse esistere e non aveva scelta. Io le consiglio di rilassarsi e collaborare, le avrebbe fatto male, molto male, ma se avesse fatto resistenza sarebbe stato peggio. Si mette a pecora rassegnata, le applico abbondante lubrificante, le infilo due dita per lubrificare l’interno…. Dio quanto è stretta! Amal la mutila! Lubrifico abbondantemente anche l’uccello del mio padrone, questo appoggia il mostro sul buchetto e comincia spingere. La disgraziata caccia subito un grido disperato e si sottrae gettandosi avanti. Errore! Cominciano le frustate, in tre la circondano e la frustano per 5 minuti consecutivi, non sa come ripararsi, i colpi arrivano in sequenza rapidissima, quando smettono era a strisce. “Legatela” ordina Amal, e con la solita perizia immobilizzano la poveretta con il culo sporgente, non riusciva a muoversi neanche di un centimetro. Il negro si avvicina, appoggia l’uccello sulla schiena, come per farle sentire dove potrebbe arrivare, poi lo posiziona e spinge… piano ma senza fermarsi, la cappella si fa strada, la signora comincia gridare disperata, ma non si ferma, spinge, poi esce un po’ e rientra, un nuova spinta e la cappella è dentro. La poveretta è disperata, si vede il buco del culo in tensione, sembra che si possa stracciare da un momento all’altro. Rimane fermo immobile e anche lei non si muove, mi ordina di leccarle la figa, mi metto sotto di lei e comincio a leccare, la troia è bagnata, non riesce a godere per il troppo dolore, la situazione però la intriga. Lo supplica di uscire, lui invece ricomincia a spingere, da sotto vedo quella bestia sparire dentro quel povero culo, lei urla, è tesa, la mia lingua non è sufficiente, una bottiglia nel culo da vergine non è facile prenderla. È tutta sudata, piange, il dolore deve essere straziante… l’affondo si ferma, è arrivato a fine corsa, vedo che lo muove per cercare la via per infilarlo tutto, la poveretta caccia delle urla disumane, gli sta vangando il culo per risalire l’intestino. Non riuscendoci, si stanca, si sfila e se ne va, io da sotto vedo il culo appena rotto che piano piano si richiude, la signora singhiozza ma si rilassa, io continuo a leccare e sento che adesso gradisce, si muove sulla mia bocca, al posto di Amal si forma una fila che la vogliono inculare, entra il primo, poche spinte e viene, il secondo, il terzo… questi cazzi normali ora non fanno male, alla signora non dispiacciono, arriva il primo orgasmo devastante, poi il secondo… aveva imparato a godere col culo.
Un’altra ragazza è stata rapita dall’organizzazione, sembra di origine indiana, è minuta molto bella, probabilmente appena maggiorenne, è stata catalogata come vergine da lasciare tale, le era stato risparmiato quindi anche il culo, per il momento. Le hanno chiuso la figa con gli anelli come a tutte le vergini, tre piercing ad anello con la piastrina dell’organizzazione garanzia di qualità. A queste le fanno fare dei gran pompini, passano giornate a succhiare cazzi e bere sperma. Per addestrarle al piacere mentre succhiano, mandano altre, tra cui spesso io a leccarle la passera, così ho conosciuto questa splendida ragazza, facendola godere. Lei si mette in ginocchio sopra la mia bocca, io la lecco tra quegli anelli, cercando la clitoride e da sotto le vedo impegnata a succhiare cazzi, spesso quando le vengono in bocca ne fa cadere qualche goccia sulla mia faccia e mi lancia sguardi maliziosi nel poco tempo tra un cazzo e l’altro. Riesco sempre a farla venire diverse volte.
Nella prima ispezione del 4 carico, Amal mette gli occhi su una ragazza, giovanissima, rossa di capelli, piccoletta, arriva sì e no a 1,5 mt, un seno magnifico, quasi come il mio ma su una così piccola risalta, un culetto perfetto, sporgente invitante. E’ stata catalogata vergine da aprire il culo ed il mio padrone la sceglie tra quelle che vuole sverginare il culo. Vengo incaricata di accompagnare le vergini in ambulatorio per applicare gli anelli sigilla-verginità. Sono 9 ragazze, una alla volta si sistemano nel lettino ginecologico, gli vengono forate le grandi labbra ed applicato gli anelli, quando è il turno della piccoletta, mentre il tipo manovra tra le gambe, buca ed infila gli anelli lei si agita, sembra per il dolore o la tensione, invece stava godendo, alla fine viene in modo evidente… questa a troiaggine non scherza ed è ancora vergine!
Ora è pronta per essere sfondata, l’accompagno dal mio padrone che ci aspetta sul ponte, la ragazza, vicino al gigante nero sembra ancora più piccola… stavolta questa la uccide. La sistemo a pecorina, lubrifico come al solito, mi metto sotto a 69 per leccarla. Infilo la lingua tra gli anelli, la ragazza è fradicia, cola umori, è eccitatissima, anche lei, non richiesto, comincia a leccarmi con passione. Da sotto mi appare l’enorme cazzo duro che si avvicina alla vittima, appoggia la punta tra le chiappe sul buchino e vedo che esita, si ferma, forse da vicino vede la differenza di misura, capisce che una così piccola non può contenere un mostro del genere. Ma succede l’incredibile, la ragazza comincia a smaniare e a spingere lei verso l’uccello cercando la penetrazione, lo voleva! io continuo a leccare e lei viene subito. Il negro timidamente spinge, vedo l’enorme cappella sparire il quel piccolo culo, contro tutte le leggi della fisica, lei viene ancora nella mia bocca. Il gigante si eccita, prende la ragazza per i fianchi e le si pianta dentro per metà, lei grida, ma viene ancora e mi squirta in bocca. Penso sia arrivato al solito fine corsa, vedo il bestione che armeggia col suo uccello girandolo in quel culetto, poi gli si illumina il viso, ha trovato la strada e vedo sparire in un unico affondo l’intero uccello. La ragazza strabuzza gli occhi, emette un rantolo e mi squirta di nuovo in bocca. Amal sembra impazzito, prende per il collo la ragazza e si alza in piedi, lo spettacolo era incredibile, quella ragazza impalata tenuta per il collo sembrava una ranocchia. Addirittura ad un certo punto la lascia e sporge il bacino in avanti, l’uccello era talmente duro che flette appena nonostante avesse la ragazza impalata sopra, che aveva un evidente bozzo sotto le costole a sinistra, dove puntava il bestione che aveva piantato nel culo. Lei comincia a sgambettare e a squirtarmi addosso, spruzzi a ritmo dei suoi spasmi, sembrava una fontana. Il negro la prende per le spalle, lei non toccava i piedi per terra, la tiene ferma e comincia a pomparle il culo con forza, ad ogni affondo lei spruzza da quella fighetta vergine. L’ultimo affondo lo pianta fino in fondo e spinge come volesse aprirla in due e scarica dentro. Di solito non veniva. La sfila come fosse una bambola di pezza e la butta a terra, lei continua a venire e a spruzzare… “prendo questa”… e per me comincia una nuova a fase.

Vengo rimessa con le altre e catalogata, STM, Super Troia Maso, cioè godevo in ogni situazione, la sottomissione era il mio habitat. Il capo mi gira attorno, "bellissima" commenta "nonostante i tanti anni da schiava l'hanno tenuta bene, non ha segni, apri le chiappe" eseguo "peccato il culo, lì l'hanno proprio sfondata" mi infila otto dita nel culo e allarga "guarda che roba" si apriva con estrema facilità fino ad un diametro di oltre 10 cm, d'altra parte erano anni che mi inculano e mi infilano di tutto. Il capo toglie le dita e ne lascia dentro 2, "stringi" lo faccio. "muscoli dello sfintere rilassati, programma di allenamento, questa se le sistemiamo il culo vale oro quanto pesa"
La mattina successiva vengo convocata sul ponte, tutte le attività avvenivano sempre all'aperto davanti a tutti, mi ordinano di mettermi a pecora, fanno chiamare Amal, poco dopo questo arriva con la sua nuova cagnetta al guinzaglio che cammina a carponi dietro lui. "Aprila", il negro affonda con facilità nel mio culo che conosce bene, un colpo unico, fino in fondo, lo sento come al solito sulla bocca dello stomaco, e come al solito comincio a godere. "allargala un po'" Il bestione pompa e ruota il suo uccello nel mio culo per una decina di minuti. "Basta così, grazie" Amal esce contrariato, forse voleva godermi fino in fondo, per finire si posiziona dietro la piccoletta e la incula ormai con facilità, smanovra nel punto dell'ansa intestinale da superare e affonda, pompa con forza, vuole godere, ogni volta vedere quel culetto con quel palo dentro ha dell'incredibile. Lei gode da subito e comincia a spruzzare come un gaiser. Il gigante viene, si alza e si allontana trascinandosi dietro la sua cagna. Ho fissa ancora in testa questa immagine quel possente negro di spalle che si allontana con al guinzaglio questa piccola ragazza bianca latte che lo segue caproni, che mostra un culetto perfetto con un buco nel mezzo enorme che cola sperma sulla vergine passarina inanellata. Si erano fermati tutti a guardare la scena. Riscossi dal momento, ritornano a me, mi fanno alzare, mi ordinano di aprire le gambe e sporgere il culo, mi infilano un piccolo dildo con alla base in anello, "stringi il culo e cammina fino a quella linea la a gambe aperte senza fare uscire il dildo" obbedisco e percorro i 10 mt che mi dividevano alla meta senza difficoltà, mi raggiunge sempre il capo, "stringi il culo” e mi aggancia all’anello una cordicella con un peso da 1 kg,” torna indietro”, faccio appena un passo e il dildo mi si sfila dal culo e cade a terra.” Stasera sarai punita, dovrai allenarti, devi stringere e rilassare lo sfintere giorno e notte, devi riacquistare forza nei muscoli che controllano il buco del culo, ogni tre giorni ci sarà questa prova e quando l’avrai superata la volta successiva aggiungiamo un kilo, obiettivo finale dovrai sollevare e portare fino alla linea 20 kg. Ogni fallimento una punizione e stasera saprai di cosa si tratta”. La sera infatti vengo prelevata dalla mio giaciglio e condotta in un ampia cabina a poppa, mi legano le mani al soffitto e le gambe sempre al soffitto ma ai lati, ero appesa con le gambe divaricate al massimo. Sono in tre, uno si inginocchia e comincia a leccarmi la figa, gli altri si sistemano dietro. Lecca e infila le dita ovunque, portandomi a breve all’orgasmo, appena finito l’ultimo spasmo gli altri due cominciano a frustarmi uno la schiena e chiappe l’altro le tette e passera. Sapevano che godevo sotto la frusta, ma subito dopo l’orgasmo il dolore restava tale. Appena sentivano che saliva l’eccitazione si fermano il tipo lecca fino a nuovo orgasmo e ripartono le frustate. Vanno avanti fino a notte fonda, poi mi scopano ed inculano tutti e tre e mi lasciano appesa fino la mattina. Comincio subito ad allenarmi con impegno, mi alletta l’idea riprendere il controllo dei miei sfinteri, da anni non c’era giorno che qualcuno non mi inculasse o mi ficcasse oggetti enormi in culo, non ho mai avuto il tempo di farlo riposare e tornare a dimensioni consone, e non mi sembrava che il futuro mi riservasse altre prospettive. Fallisco la prova per altre tre volte, non è facile, non riuscivo ad individuare la muscolatura coinvolta, probabilmente era sfibrata dalle pesanti e contiene penetrazion. Al quarto tentativo supero il primo livello, avevo capito come lavorare, da lì in avanti fallisco solo un’altra volta.
Siamo all’ultimo livello, mi portano sul solito ponte, Amal mi fa aprire le gambe, sporgere il culo e mi penetra da in piedi, lo sento risalire per gli intestini, ma cerco di non eccitarmi per non deconcentrarmi, lui viene, ma non nel profondo come faceva di solito, che spesso neanche mi usciva più lo sperma, ma lo sfila, lasciando dentro solo la cappella e scarica lo sperma nel retto, per lubrificarmi il culo e metteremi in difficoltà nella prova. Appena esce mi accovaccio come per fare pipi su una turca, non faccio uscire lo sperma, rischio la non convalida della prova a la punizione , raccolgo il dildo a terra e lo infilo nel culo. Stringo più che posso mi alzo e sollevo il peso di 20 kg attaccato al dildo, faccio piccoli passi a gambe larghe per evitare che dondoli, arrivo a metà, qualche centimetro mi esce, serro il culo più che posso e affretto il passo, arrivo oltre la linea, lo trattengo ancora un po’, poi rilasso e lo faccio cadere. Un boato tra tutti gli spettatori che si sono assiepati, sono felicissima, il capo si avvicina : “bravissima” mi infila 2 dita nel culo “stringi… wow al di sopra delle aspettative! Sei una morsa, ora devi imparare ad usare la tua nuova dote per dare piacere, potrai far godere con il culo anche cazzi normali, sarai sfondata o vergine a seconda di cosa vuole il tuo padrone. Domani prima lezione” Anche se passata l’ultima prova continuo ad allenarmi e a potenziare la forza.
Il giorno seguente mi accompagnano in un’ampia cabina, c’è un letto con 5 marinai sdraiati sopra, tutti con cazzi normali ben in erezione, c’era anche il capo “ora dovrai imparare a fare i pompini con il culo, per oggi starai sopra te, così il ritmo sarà il tuo, ma poi devi imparare a farlo in tutte le posizioni e prende il tempo di chi ti incula. Quando vieni penetrata tu devi rilasciare il muscolo, quando esce stringi, a seconda della forza che usi riesci a dosare il piacere, all’uomo da l’impressione del risucchio, come se gli succhiassi il cazzo col culo, allenati con questi volontari “ non credo sia stato difficile trovarli, salgo sul primo, me lo infilo e cerco il ritmo, non è difficile nel giro di pochi minuti lo faccio venire, passo al secondo e anche lui dura poco, nel giro di 20 minuti ho lo sperma di tutti 5 nel culo. I commenti erano entusiasti “incredibile, me lo succhia col culo! Fantastico, non resisto”. Il giorno dopo il capo me ne porta altri 10, mi mette a pecora e mi fa inculare da tutti, è un po’ più difficile, ognuno ha il suo ritmo, ma con un po’ di concentrazione li faccio sborrare tutti e 10. Il capo sentenzia “sei pronta per sbarcare”

Questo racconto di è stato letto 3 4 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotixiracconti erotici gratisracconti sesso con la ziaracconti di deflorazioneracconti esibizionismoscopata caserecciaraqcconti eroticistorie ponoeroticiracconti.itnonna troia raccontiracconti femminilizzazioneacconti eroticiracconti vicina di casaracconto incestimariti bsxmogli esibizioniste troiestorielle pornoracconti erotiiciracconti wroticiraccontipornograficimilù raccracconti lesbicheracconti erotici genereluisa transracconto bisexmoglie persa a pokerstorie erticheclistere storieracconti club priveracconti erotici mamma figliaracconti erotici infanziastorie di mogli troieracconti erotiiracconti trasgressionierorici racconticuckold pugliaracconti porno milfracconti porno moglie troiascopare la moglie del caporacconto cornutopiedi femminili raccontiracconti erracconti sesso incestoerotici racvontiracconti travestaincesti familiariracconti di mogli infedeliracconti erotici di sesso analeracconti erotici al cinemaracconti porno anzianiracconti hard tradimentobdsm storieporno raccontiracconti eroticheracconti erotici scambio di coppiatradimento raccontoracconti reoticiracconti per adulti gratisracconti car sexstorie e racconti eroticiracconti tradimentistorie eotichestorie erotiche incestoracconti gay bisexracconti pronotacconti pornoracconti scambio coppiaracc sessla monta delle vaccheracconti gay gratiserotici raccpntistorie di adultiracconti nipoteracconti orgezoofilia raccontiracconti erotici collegaracconti pormostorie eroticeracconti erotiraccontiardstotie pornostorie hot gratisracconti porno massaggiracontieroticiracconti primo analestorie porninculate raccontiforum feticismostorie amatorialiracconti porno ricattiraccontierracconti porno estremostorie di gang bangracconti bisexracconti padronaracconti schiavo gayracconti veri di incesto