Il caffè con lo sbroffo 2

Scritto da , il 2019-10-08, genere tradimenti

....Dopo un periodo che mi sembrò interminabile si mise comoda, davanti a me, seduta su di me, sentivo la mia verga durissima e scura farsi strada nella sua fichetta stretta e rovente, le pareti della vagina aderivano perfettamente al mio cazzo, si muoveva lentamente e ad ogni movimento affondavo sempre più dentro di lei.
Aveva un modo di muoversi come mai mi era successo prima, mentre si penetrava tirava indietro le spalle ed inarcava la schiena, così da entrare fino al limite possibile, sentivo la fica beccheggiare, come se si aprisse e richiudesse ad ogni sussulto, facendomi provare un brivido nuovo ad ogni movimento pubico.
Le tenevo le mani grandi sul culo, giocando con il suo ano che si contraeva e rilassava all'unisono con tutto quel giovane corpo flessuoso.
Allungai il collo e presi a giocare con quei piccoli segni, ora leccando i globi quasi inesistenti, da adolescente, ora mordicchiando i capezzoli, che stuzzicanti dai miei denti le provocavano brividi ed alzavano oltre misura l'eccitazione del momento.
- non voglio che tu venga - mi bisbiglio' in un orecchio - non dentro di me.
Alzò la testa dal mio viso e guardandomi sorrise maliziosa.
Pensai alla sua paura di restare nuovamente incinta e glielo dissi.
- no, voglio il mio caffè con lo sbroffo, ricordi? Non ti azzardare a venire -
Le infilai un dito nell'ano durante questa splendida cavalcata, e lei inarco' ancora di più la schiena, sembrava quasi perdere l'equilibrio, invece stava perdendo la testa, urlando il suo godimento a tal punto che credetti che qualcuno avrebbe chiamato la polizia.
Si lasciò cadere esausta sopra di me, ma senza uscire dalla sbarra che la teneva legata, ed io sopraffatto da tanto godimento e lussuria mi ritrovai ad ansimare così forte che fu difficile trattenere una eiaculazione tremenda.
Se ne accorse, si alzò e venne ad accucciarsi tra le mie cosce, tazzina in mano, mi prese delicatamente il cazzo tra le mani piccole, lo portò alla bocca e cominciò a spompinarmi in maniera quasi frenetica, arrivato all'apice mi ritrovai a sborrare dentro la tazzina mentre alcuni schizzi le finirono sul viso felice.
Ci sedemmo rilassati sul grande divano, io con il mio caffè zuccherato e lei a bere il suo, corretto sborra, scusate sbroffo.
Ci sdraiammo, soddisfatti, avvinghiati uno all'altra.
Ammiravo estasiato il contrasto con la sua pelle color di luna, con la mia carnagione, che chiamare mediterranea è un eufemismo.
La mia pelle molto scura con i capelli riccioli e ribelli mi aveva fatto sentire spesso un escluso, un terun, e che però diventato adulto capii che in qualche modo le donne ne erano attratte.
Il contrasto tra noi due mi provocava dei brividi caldi e lentamente scesi con le mani dalla sua schiena fino al solco del culo. Presi a giocare con il perineo che sussultando cominciò a rispondere alle mie sollecitazioni e ad aprire nuovamente la strada al mio dito medio. Lei con la testa sul mio torace aveva ripreso a respirare in maniera ritmica, in simbiosi con il mio dito che la stava violando lentamente. Quando feci per accostare il secondo dito nel culo il cazzo ormai svettava da sotto il corpo di lei, che mi guardò e con voce sommessa mi disse - lo vuoi? Stavolta mi verrai dentro però -
Non me lo feci ripetere, mi alzai e fatta poggiare carponi sul bracciolo del divano, avvicinai la cappella turgida al buco e tenendo larghe le natiche con le mani spinsi, non so perché, ma spinsi con tanta forza avevo in corpo.
Le sfuggì un urlo e immediatamente pensai di aver fatto una cazzata, ma ormai ero dentro e la voglia di fotterle il culo era enorme.
- SI!!!! SI!!!! SBATTIMI....COME UNA PUTTANA!!! SFONDAMI PORCOOOOOO!!!!  - urlò di rimando.
Non mi sembrava vero, le strinsi il bacino con tutta la forza che avevo e cominciai a fotterla come mai avevo fatto in vita mia, non la stavo scopando, la volevo letteralmente sfondare. Nei minuti successivi a quella inculata formidabile, lei non smise di urlare e di implorarmi di farle male, voleva che la sfondassi, che la picchiassi sulle natiche, e non me lo feci ripetere due volte, le tirai anche i capelli lunghi di prepotenza gridando che era una gran troia e che come tale andava trattata.
Finché non esplodemmo, entrambi, all'unisono in un orgasmo forte, animalesco, che nulla di umano mi era sembrato fino a quel momento.
Ma appagante.... a tal punto che crollammo sfiniti.... senza più forze.... senza più voce.... senza respiro.
Aveva appena finito di sciaquarsi e stava mettendo il solito pigiama, io mi ero ricomposto alla bell'e meglio, quando suonò il campanello di casa.
- mia madre, alla porta, deve aver trovato il portone aperto....nasconditi in camera....ci penso io e appena puoi te la fili - mi disse tranquilla.
Aprì la porta mentre io in camera avevo il cuore in gola
- mamma! - esclamò - già di ritorno, vieni in cucina che facciamo un bel caffè.
- beh, mica tanto, sono stata via quasi due ore - la risposta della mamma - più che caffè ci vorrebbe una bistecca.
Sentii chiudere la porta della cucina, sgattaiolai fuori e corsi giù per le scale.
Arrivato sul posto di lavoro Mino stava mangiando un panino per il pranzo - pensavo non venissi piu e allora ho iniziato a mangiare, sembri esausto, sei andato a Torino a piedi a prendere il pezzo? - lo diceva con un sorriso stampato sul viso che non mi dava possibilità di replicare... Aveva capito tutto.
Ma questa è una storia che racconterò più avanti


Questo racconto di è stato letto 3 0 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici professoreracco ti eroticiinculatorewww.eroticiracconti.itporno racconti al cinemaporno storie realistorie sissyracconti ragazzi gayracconti erotici milfertici raccontistorie erticheracc incracconti pornppegging raccontiracconti reoticistorie ornoannunci69gayraccontiiomiluracconti erotici fetishracconti sul sessoracconti erotici di incestoracconti erotici grannycognata raccontoraccontiincestuosiracconti gay trenoracconti sex 69raccontu pornogeneri eroticigeneri di racconti eroticiracconti porno travestitiracconti eroticueroticiracconti.itstirie eroticheracconti erotici d'autoreracconto miluracconti sesso gratisstorie vere pornoracconti erotici stuproraacconti eroticiracconti zia nipotemilf storieracconti erotici mia cognataracconti di sesso spintoi generi di racconti eroticiracconti primo pompinoracconti disessoracconti erotici in trenostorie di sissy maidracconti di sogni eroticistorie di sesso hardinculami papastorie porno annuncistorie di sesso in famigliaracconti poenoracconti erotici domesticaracconti per adultiracconti spiaggia nudististorie erotiche di tradimentiracconti bollentiracconti picantifeticismo raccontiracoonti eroticiracconti pronodonna scopa col caneracconti potnoracconti erotici ragazzeho scopato la nonnaporno racconti incestoracconti eoticiracconti mistressgara di segheracconti di una ninfomaneracconti di zieraccontii eroticiraccontiincestozia sporcaccionaracconti sesso animaliracconti feetraccontieroticiraccotni eroticiannunci69 tradimenti