Bad girl

Scritto da , il 2019-10-08, genere etero

Francesco Uno è tornato a lezione. E’ la prima volta che lo vedo dopo… beh sì, dopo quella specie dl carnage di sabato scorso. Ci siamo salutati, ovviamente, ma la sua espressione mi è apparsa più assente del solito. Difficile dirlo in realtà, visto che si tratta di un perfetto nerd, ma ho come l’impressione che volesse evitarmi.

Alla fine della lezione ad attenderlo c’era Viola. L’ho vista e mi sono un po’ irrigidita. Lei forse l’ha notato, forse no. Comunque ho avuto la sensazione netta che fosse lì più per me che per lui.

Mi ha salutata come nulla fosse successo. Ho provato a farlo anche io, ma non so se mi sia riuscito così bene. Mi si è avvicinata distaccandosi da lui e mi ha messo una mano sul braccio. Confesso che un po’ di fastidio me l’ha dato, ma l’ho lasciata fare e dopo un po’ mi sono sciolta.

Frasi di circostanza le mie, molto più appassionate le sue. Per lei è facile dire “è tutto alle spalle”, come se fossimo pari. Sento di volerle bene, in qualche modo. E anche di essere attratta da lei, se proprio vogliamo dirla tutta, perché in effetti lei mi lecca da dio (o da dea, fate voi). Tuttavia sento che qualche cosa si è rotto.

***************

Ma non è per questo che non sono andata da lei nel pomeriggio, nonostante il suo invito. Posso anche immaginarmelo cosa volesse. Ha la casa libera per molta parte del pomeriggio, fino a sera, i suoi lavorano e spesso tirano tardi. Voleva fare pace a modo suo, è chiaro.

Ci sarei anche stata, eh? Con voi devo essere sincera. Ho troppa voglia di sesso. Ma a parte il fatto che avevo da studiare, il problema è che non ho voglia di quel tipo di sesso. Dopo i due cazzi in bocca che ho preso ieri sera in quel locale ho voglia di un maschio. Mi ci sono svegliata con questa voglia. Ho anche provato a masturbarmi, così come avevo fatto andando a letto, ma non è di quello che ho bisogno. Ho bisogno di un’altra persona. Ho l’urgenza fisica di avere delle mani forti addosso che mi sovrastano, mi costringono, ho un desiderio enorme di sopraffazione che solo un uomo ti può dare. Ho la necessità, capite? non il desiderio, la necessità assoluta di essere la troia di qualcuno.

Non voglio che me la lecchino, non voglio succhiare un uccello. Sì certo, entrambe le cose vanno benissimo, ma come contorno. Il piatto principale voglio che sia una mazza calda e dura che occupa questo mio vuoto caldo, bagnato, pulsante. Ho voglia di un orgasmo provocato da quella furia lì. Ho bisogno di essere chiamata puttanella e di essere castigata. Figuratevi che ci faccio con Viola…

Per questo stamattina ho mandato un WhatsApp a Fabrizio, chiedendogli di portarmi a cena. Mi sono anche un po’ vergognata, perché era ovvio che la mia domanda non era per nulla “ti va di portarmi a cena stasera?”, come era scritto sul display. Bensì “ti va di scoparmi stasera?”. Voi direte: ma come fa una come te a vergognarsi? Beh, ho i miei pudori, fatevi i cazzi vostri.

*********

E quindi sì, d’accordo, mi va di salire a casa tua, che cazzo di domande sono? La cena mi è piaciuta e il ristorante era davvero molto più fico di quanto mi aspettassi, ma mica ti ho chiamato per la cena, no? Fosse stato solo per quella non sarei venuta in minigonna, anche se è solo una minigonna di Zara, autoreggenti e nulla sotto. Sì, è vero, non ho il reggiseno ma mi sa che con la maglia non si nota, non è che ho proprio le tette che ballonzolano quando sono libere. Però se me la sfili magari si vedono i miei capezzolini che spuntano da sotto il top, io me li sento già duri e formicolanti.

E ok, non ho nemmeno le mutandine. Me le sono tolte alla toilette del ristorante, e mentre lo facevo mi sono bagnata. Per la seconda volta in due giorni mi è venuto in mente come sarebbe stato bello mettermi a novanta sul lavandino di un locale e farmi chiavare. Colavo dalla voglia, grondavo. Te l’avrei data anche lì dentro, sai? Ti avrei supplicato di prendertela. Ma tu non mi hai seguita. Adesso però siamo qui sotto e c’è anche parcheggio. Io so cosa vuoi tu e tu sai cosa voglio io.

Del resto le mutandine non ce l’avevo nemmeno la sera che ci siamo conosciuti a quella festa. Quando dopo cinque minuti mi hai schiacciata contro una parete e mi hai infilato la lingua in bocca. Mi hai pure dato una bella tastata al culo, mi sembra, ma non sei andato oltre e non te ne sei accorto. Se ne sono accorti altri due quella sera, per la verità. E anche se poi ti ho fatto un pompino al cesso, beh, onestamente non è che la voglia di succhiartelo me l’abbia fatta venire proprio tu, è stato un altro. Vabbè, anche se non lo sai non fa nulla.

Tu volevi, per l’appunto, altro. Volevi portarmi a casa tua per scoparmi ma, a parte il fatto che io ero un po’ indecisa perché alla festa – anzi, era un evento privato, così lo chiamavate - c’ero venuta con un tuo amico, tu ti sei raffreddato quando ti ho detto “non sono quel tipo di ragazza”. Ti ricordi? Eddai, che cazzo pretendevi che ti dicessi, subito così su due piedi: “uaaoo siiiiì, andiamo a casa tua e sbattimi till the break of day”? E andiamo, no? Un po’ di savoir faire…

Invece quella volta che a casa tua ci sono venuta per davvero le mutandine ce le avevo, sì. Mutande vere e proprie, perché avevo l’assorbente e il primo giorno di ciclo è una specie di rubinetto aperto. Vabbè, ti sei dovuto accontentare di un altro paio di pompini, anche se a un certo punto… ok sì lo ammetto… ma no, dai, è stato meglio così, no?

Adesso invece siamo qui e puoi farmi finalmente tutto quello che vuoi. Cioè, proprio tutto no, ma per esempio mettermi nuda sì. E mettiti nudo anche tu, che cazzo. No per favore, i calzini togliteli, non lo sopporto, su fa’ in fretta. Che cazzo te ne frega del letto, il tuo tappeto è così morbido che va benissimo. Aspetta, aspetta per favore, sì dai, te lo succhio dopo il cazzo, ma ti pare che non ti succhio il cazzo? Solo che adesso quelle dita che mi hanno perquisito la fica mi hanno messo una tale voglia che… dai fammi salire sopra, chissenefrega del preservativo, è anche meglio senza, voglio sentire la carne calda del tuo bastone, Dio santo come sei già duro… Ho l’urgenza, il bisogno di essere riempita, di sentirti dentro… Ehi! Non lì dentro! E no, very sorry, no dai, porco, il culetto no… ecco, lì sì invece, ooooh siiiiiiì proprio cosiiiiì, non è magnifico proprio così? Tu mi apri e mi fai tua e in cambio puoi spruzzarmi dentro tutto il tuo seme incandescente, fino all’ultima goccia… Tutto, lo voglio tutto, devi essere bravo.

E anche il dito, ok, se proprio vuoi nel culetto il dito ce lo puoi mettere, puoi spingere, spingere forte… eeeeeeh, cazzo! Non così forte! Ma guarda te questo… gli dai il dito e si prende… beh sì, si prende il culo. Ok, mi hai fatto un po’ male, non mi dovevi prendere in parola ma ora dai, non fa niente, sì ok prendimi in parola, anzi prendimi e basta. E succhiami le tette, succhiamele come sai fare tu che mi piace tanto, prendine una tutta in bocca, succhia, lecca mordi, fammi male che così mi piace tanto ma tanto tanto.

Spingi, spingi davanti e dietro, succhia, lecca, mordi, che non capisco più un cazzo. Cazzo, cazzo, cazzo! Com’è bello pronunciare la parola “cazzo” quando ce l’hai dentro! Com’è bello sentirsi piena, sai? Oh cazzo sì, sempre più su, più dentro…

E no, mi dispiace, è perfettamente inutile che mi dica di non urlare così forte, perché proprio non ci riesco, anzi più me lo dici più urlo. Tu te ne freghi, spingi e basta. Sei un porco, sei uno stupratore, che ne sai di cosa mi fai quando mi massacri dentro, di quando mi entri nel ventre? Che a volte è così forte e intenso che non riesco a fare altro che urlare, a volte resto senza fiato e a volte straparlo? Cazzo ne sai, eh?

E soprattutto che cazzo te ne frega dei vicini! Va bene, ok, domani mattina incrocerai la vecchia qui accanto che ti dirà… ooooh cazzo che botta… che ti dirà che ha sentito strillare una ragazza nel tuo appartamento, che a un certo punto l’ha persino sentita gridare “Scopami più forte! Sfondami! Sono la tua troia!”. No, magari proprio questo non te lo dirà, ma intanto io l’ho gridato lo stesso perché, sai com’è, in questo momento non me ne frega un cazzo di nulla.

Non so nulla.

Non sono nulla.

E non me ne frega proprio un cazzo di nulla adesso, l’importante è che non ti fermi adesso, che fai più veloce adesso, più in fondo adesso. Proprio così come stai facendo adesso. Adesso… Adesso… Lo so, sono solo una troia… ADESSOOOOO!!!!

******

- Annalisa?

- mmmmmh?

Ciao, sì, sono io. Non è che risponda spesso con mugolii osceni quando mi chiamano, soprattutto se lo fanno con un tono di voce tranquillo e sopportabilmente dolce (se è un po’ troppo zuccheroso tendo già a innervosirmi, invece). Però cercate di mettervi nei miei panni. Cioè, nei miei panni proprio no, visto che non ne indosso neanche mezzo. Diciamo che immaginate di mettervi al mio posto, le ragazze soprattutto.

Sono distesa un po’ di traverso su un tappeto, a pancia in sotto. Sono stata appena scopata. E, come dire? Sono leggermente venuta. Per meglio dire, ho avuto un paio di orgasmi prima che lui si scaricasse dentro di me. Il secondo soprattutto è stato devastante. Non che il primo fosse male, eh? Ma ragazze, il secondo… non lo so, tremo e penso di non riuscire più a respirare. Potevo stendermi sul suo petto, invece sono crollata qui, mezza storta, non so nemmeno bene come.

Sarà finito da un minuto, un minuto e mezzo. Sto ancora cercando di rassegnarmi al vuoto che sento in mezzo alle gambe. Sì, ne avrei voluto ancora per un po’, ma vabbè, non si può avere tutto. Avverto anche la piacevole sensazione di caldo che mi scivola fuori e forse è la sua sborra. Mi piacerebbe tanto che mi infilasse due dita nella fica e me le offrisse da leccare, ma a questo punto mi sa che non lo fa più. Sarà sfranto anche lui.

Però non vorrei che pensaste che mi sto lamentando, eh? E’ tutto ok, ci mancherebbe. E’ stato comunque molto ma mooolto bello, non mettiamoci a fare i pignoli. Solo che capirete bene, in questa situazione, se uno mi chiama non è che può pretendere che gli risponda “dimmi, sono tutta orecchi”. Anche perché in questo momento se c’è una parte del corpo su cui concentrarmi quella non sono proprio le orecchie.

- Annalisa – continua Fabrizio – a me tu piaci molto, ma devo dirti una cosa. Io non mi sento di essere fatto per avere relazioni stabili…

Seeeeee… Mi viene da ridere, da sghignazzare anzi. E per non farlo affondo la faccia tra le braccia mentre Fabrizio continua a parlare. Ma io non lo ascolto più. Cioè, non è che io sia una molto navigata, nel senso di esperienze direttamente vissute, intendo. Ma non sono mica cretina, lo so come vanno le cose. Mi verrebbe da dirgli, senza nemmeno un briciolo di acrimonia, sia chiaro, “a Fabrì, ma chittesencula?”. Ma figurati se io corro il rischio di innamorarmi di te!

Siamo onesti: ti ho fatto un pompino una sera, e va bene. Te ne ho fatto altri due un’altra sera, proprio qui a casa tua peraltro, che in realtà avresti pure potuto chiavarmi a sangue ma purtroppo l’unico sangue che avevo da quelle parti era quello delle mie mestruazioni. Ti ho cercato una notte in cui davvero mi servivi (non solo per il sesso, anche se, lo ammetto, dal tuo punto di vista avrebbe potuto starci anche quello) e non hai manco risposto al cellulare. Mi hai richiamata tre giorni dopo, ci siamo dati un appuntamento, mi hai portata a cena e poi qui a casa tua, mi hai scopata (abbastanza bene, devo ammetterlo). Ma come cazzo fai solo a immaginare che io da te cerchi qualcosa che abbia a che fare con il sentimento? E annamo, no? Tu avevi voglia di darti una svuotata e io avevo voglia di essere riempita. Funziona benissimo così, ti assicuro, non metterti a fare l’ipocrita. Che, detto per inciso, è una cosa che mi fa incazzare almeno quanto le sdolcinature.

E quindi la cosa che mi viene davvero spontanea in questo momento è mettermi a ridere, ma proprio a sghignazzare, intendo. E forse lui si starà chiedendo cosa c’è da ridere mentre io mi rendo conto che così, in questo modo, lo sto umiliando. E non se lo merita. Non se lo merita proprio.

Perciò mi impongo di passare dalle sghignazzate al riso, e dal riso al sorriso, rialzandomi e accucciandomi tra le sue gambe, lanciandogli un’occhiata che dice “non ho ancora finito di essere la tua troia, stasera”. Glielo prendo in bocca ancora sporco di me e di lui e inizio a leccare, ripulire, succhiare. Gli lappo le palle con riconoscenza, gli passo la lingua un po’ ovunque, risalgo sul suo petto e scendo giù. Ancora cazzo in bocca, è fantastico, finché non si risveglia. Mi sollevo a guardarlo negli occhi mentre impugno l’unica cosa che in questo momento mi interessa di lui. E’ un bravo ragazzo, eh? Non pensate che sia così stronza, ma in questo momento l’unica cosa che mi interessa è davvero il suo paletto. E glielo dico.

- L’unica cosa che davvero voglio che resti stabile in questo momento è questo amichetto qui…

Torno giù con la testa e gli lecco il frenulo e lo scalino che c’è sotto la cappella, che mi fa impazzire. Stringo il glande tra le labbra per far allargare il taglietto e ci infilo un po’ di lingua. Lui ha un fremito e rantola in modo così animale che non so cosa mi trattenga dal supplicarlo di usarmi in ogni modo.

- Non pensavo che fossi così troia – mi dice.

Lo prendo come un complimento, immagino. Comunque nemmeno io pensavo che tu fossi cosi rapace, tesoro.

- Grazie. Forse non lo pensavi ma lo speravi – gli rispondo ridendo.

- Ci sono cose che si sperano sempre…

- Tipo?

- Tipo trovare una come te, bella e zoccola fin dentro il midollo.

- Mi fai troppi complimenti – gli dico lasciandogli il cazzo ormai completamente armato e mettendomi a osservarlo.

E mentre lui mi dice “complimenti meritati” credo che nei miei occhi si legga, più della voglia che pure c’è, l’ammirazione per quel miracolo di carne e sangue che i maschi hanno tra le gambe. E se non si capisce dal mio sguardo, si capisce perfettamente, temo, da come mi mordo il labbro. Praticamente il morso della golosità.

Del resto è lui che deve essere pronto, no? Io sono già pronta. Magari fino a un po’ di tempo fa non lo sapevo, ma forse sono nata pronta. Ho la fica ancora aperta da prima, un po’ dolente, lubrificata dalla mia acqua benedetta e dalla sborra che ci ha sparso dentro. Io sarò un’idrovora quando succhio, ma tu sei un idrante.

Mi volto e mi metto a pecora. Gli offro lo spettacolo del mio culo piccolo e perfetto e del mio taglio così netto eppure così gonfio.

- Però per essere una vera troia strilli troppo….

Fabrizio, lo sai che ti amo, vero? Hai detto la frase giusta al momento giusto, mi hai dato la battuta come solo un attore consumato, sa fare.

Giro indietro la testa e i miei occhi cercano i suoi. Gli sorrido. Credo che sia un sorriso sincero, in questo momento non potrei tirare fuori altro che un sorriso sincero. Cioè, cazzo, sono a pecora davanti a uno con il cazzo dritto, a cosa servirebbe bluffare?

Metto giù la testa sul tappeto, ruoto la faccia per sentire il contatto morbido su una guancia.

- Ti prego – miagolo come la più scema delle zoccolette – fammi strillare ancora, sono la tua puttana stasera…

***********

Sarà sempre così? Mi verrà sempre in testa questo pensiero che “oddio, adesso non smetterò più di tremare per il resto della mia vita?”. Oppure capiterà solo quando mi scoperanno in questo modo disumano? Sticazzi, è così bello che fa quasi paura. Non so dire quanto, ma è durato tantissimo, prima di sborrare un’altra volta ci ha messo un’enormità di tempo. Sono stati orgasmi su orgasmi e più andava avanti più diventava feroce.

Probabilmente sentire una ragazza che glieli strillava tutti, quegli orgasmi, l’ha fatto uscire di senno. Mi sono sentita implorare “più forte!”. Mi sono sentita gridare al mondo intero, mica solo ai suoi vicini, “non voglio stare zitta!”. Mi sono ascoltata mentre lo supplicavo “ancora!” dopo che la sua mano mi ha colpito il sedere lasciandomi su una natica il bruciore diffuso di ognuna delle sue cinque dita. Mi sono ascoltata rantolare suoni senza senso, urlare “sono solo una troia, me lo merito!” dopo che finalmente anche lui ha messo da parte ogni preoccupazione e mi ha ruggito quanto fossi troia, che me l’avrebbe spaccata. E un orgasmo, lo confesso, l’ho avuto proprio lì. Me lo sono sentito ingrossarsi e pulsare dentro, contrarsi, e poi schizzi su schizzi su schizzi, ciascuno come una specie di scossa.

Eppure c’è stato un momento in cui l’ho perso di vista. Era conficcato nella mia carne ma non pensavo a lui. Un momento in cui mi contorcevo con il sedere per aria e le sue mani che mi tenevano saldamente le anche fino a farmi male, un momento in cui le sue botte di cazzo si facevano sempre più violente e veloci fino a farsi sentire in pancia. Proprio lì, in quel momento, l’ho perso di vista, dicevo. Ho preso la mia decisione. Sarò così, mi offrirò così, supplicherò così. E regalerò al ragazzo di Viola la più bella scopata della sua vita. E poi lo dirò a lei.

**************

- Cosa penseresti di una che si scopa il ragazzo di una sua amica per vendetta?

- Che se la ragazza sei tu è un tipo fortunato. Ma se lo merita?

- Lui o l’amica?

- Entrambi, diciamo.

- Lei sì. Lui… beh diciamo che sia io che lui abbiamo qualche motivo… Allora, cosa penseresti?

- Che sei una cattiva ragazza. Ma lo sei davvero?


Questo racconto di è stato letto 1 8 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontineroticiracconti safforacconti mogliamoreinfamiglia.blogspot.it.racconti erotici gratisracconti porno breviorgia scolasticaracconti erotricichiavo mia madrestorie etotichesesso incestiracconti erotici segretariacougar raccontiracconti club privèclistere raccontoracconti di storie di sessoracconti incestosiracconti erotociracconti famigliaracconti di rapporti sessualiinculata da un vecchioracconti gay pornoracconti inceracconti eoriticra cconti eroticiracconto erotico scuolaracconti sesso gratiserotiche storiescambio di coppia in spiaggiastorie porno eroticherqcconti pornor acconti eroticii segreti della ziaracconti di sogni erotici69 raccontiracconti arrapantiracconti marito cuckoldraccontiporacconti eoriticraccontieroticoracconti erotociracconti erotici diracconti gay padre figlioporno miluracconti erotici scambio coppiedonne montate da animaliracconri pornoracconti erotici forum femminilewww racconti gay comsborra a go gostorie di amori safficicuckold raccontoracconti fem domracconti cinema pornoracconti erotici in classeracconti porno con fotogeniv raccsrorie pornosodomia racconticrociera eroticamasturbazione femminile raccontiracconti eoritciracconti gay padre figliosesso con mio ziowww.eroticiracconti.itincrstiracconto cuckacconti eroticierotici raccontiracconto incestuosoragazze fanno sesso con animaliracconti efoticiracconti inccunnilingus raccontiracconi pornorscconti pornosuocera culonagisella donadoni sposatamia cugina racconti eroticiracconti erotici a treracconto erracconti eroticheracconti sesso amatorialiracconti erotici freeracconti porno brevierotici rccontisottomessa racconto di una segretariaracconti suppostaracconti erotici con mia sorelladoppia penetrazione raccontiracconti erotic iracconti erotici cuckracconti erotici infanziarscconti pornoracconti erotici69racconti eoritciracconti erotici tra fratelliracconti sesso 69racconti gairacconti/erotici