In caduta libera (9)

Scritto da , il 2019-10-07, genere dominazione

La mattina appena sveglia m’incamminai verso la cucina, presi un caffè, latte e biscotti, con il pigiama ancora indossato salii le scale e mi diressi verso la mia camera per prepararmi ad andare a scuola.
Sull’uscio della camera incontrai Elsa, sempre perfetta, con indosso una tuta e scarpette da ginnastica pronta per la sua solita maratona ginnica mattutina, come mi vide baciandomi sulla fronte mi ringraziò per averla coccolata la sera prima, e strizzandomi l’occhio corse giù dalle scale e scomparve dietro il pesante portone.
Dopo essermi vestita e preparato il necessario per la scuola, salutai Elisabetta mentre faceva colazione, lei mi strinse in un abbraccio e sussurrandomi all’orecchio disse “quando mi fai godere con la tua diabolica lingua”.
Stringendomi nelle spalle dissi che poteva disporre di me quando voleva, così ridendo e con uno sguardo malizioso, appoggiando una mano sul mio sedere, Elisabetta disse questa sera sarò tutta per te, ora scappa a scuola altrimenti farai tardi.
Le lezioni si susseguivano senza grandi emozioni tra fatti storici e poeti con idee stravaganti, poi la mazzata di matematica con la verifica sullo studio degli asintoti delle funzioni, che con maestria conclusi senza difficoltà. La campanella suonava la fine della giornata scolastica. Uscendo da scuola Marta mi prese improvvisamente per un braccio lasciandomi in gola un urlo di spavento, con cattiveria mi strattonò portandomi verso la sua auto, dicendomi con voce roca e spietata, ”ora vieni a casa con me, o firmi i documenti o ti svergino con le mie mani”, cercai di opporre resistenza quando un suono sordo anticipa la mano di Marta che si fa molle e lascia la presa, mentre il corpo si accascia al suolo, come una visione Elsa comparve dietro di noi, mi chiede di aiutarla a caricare il corpo inerme di Marta in macchina.
Arrivati alla villa scendo dall’auto e vado verso l’ingresso, stranamente mi aspetta Elisabetta, con passo morbido mi si avvicina chiedendomi di seguirla. Entriamo in casa, accompagnandomi nel suo immenso studio e porgendomi una sedia mi invita a sedermi, poi con voce tranquilla “ti devo dare una brutta notizia, tuo padre ha avuto un incidente e purtroppo è precipitato con l’elicottero in Canada, stanno cercando di recuperare i resti” incredula chiesi conferma ed Elisabetta senza parlare allargò le braccia, io corsi da lei singhiozzando e disperandomi, con fare materno mi abbracciò per ore fin quando, anche le ultime lacrime furono finite. Restammo ore a parlare, senza accorgersi che la notte era già inoltrata, Elsa bussò delicatamente alla porta dello studio e dopo aver ricevuto il consenso di entrare si precipitò ad abbracciarmi e a consolarmi, era la prima volta in vita mia che assaporavo il calore umano così disinteressato. I giorni successivi furono concitati, avvocati e notai si susseguivano come in un film, parenti non ne ho quindi mi sono risparmiata la processione.
Volata in Canada con Elisabetta, incontrai Marta che stupita di vedermi fingeva di essere addolorata, dopo il riconoscimento e la funzione di crematura tornammo a casa addolorate e affrante dell’accaduto.
Mentre il dolore pian piano si alleviava la burocrazia montava come la panna per il tiramisù, in accordo con Elisabetta diedi mandato al suo avvocato di fiducia per le pratiche e così fui sgravata di tutte le incombenze burocratiche.
Le serate passavano pigre, quando una mattina Elisabetta mi chiese se volevo andare la sera ad un concerto di un gruppo rock emergente, accettai, tornata da scuola feci gli immancabili compiti, poi mi tuffai nella jacuzzi per coccolarmi nelle bolle e nella schiuma, alle 20 ero in splendida forma, pantaloni in finta pelle aderentissimi, magliettina e un giubbino di pelle nera e senza intimo, scesi nel salone, e mentre mi guardavo allo specchio vidi Elisabetta scendere le scale, era bellissima, fasciata in leggins pitonati aderenti, scarpe con tacco alto, camicetta bianca e un giubbottino corto, una vera “stramilf” !!!
Partimmo per il concerto io, Elisabetta e Elsa tutte eccitate per l’evento, arrivati a destinazione una folla si accalcava davanti l’ingresso, con passo veloce andammo ad un ingresso laterale, c’erano due energumeni credo due addetti alla sicurezza, parlarono con Elsa e ci fecero entrare. Non potevo crederci eravamo praticamente sul palco, nascoste tra le quinte e le forti luci nessuno poteva vederci, la sala si riempiva velocemente e i ragazzi cominciavano ad accordare gli strumenti musicali, mentre con un sussulto sentii la mano di Elisabetta rovistare tra le mie cosce, mi toccava con maestria e in un attimo ero un lago, anche Elsa non tardò ad avvicinarsi con le sue forti mani mi torceva i capezzoli facendomi emettere urletti di dolore e piacere, andarono avanti così per metà concerto, quando, nella pausa, ci incamminammo verso il bagno delle signore. Entrate le supplicai di farmi avere un orgasmo non ne potevo più, ma di risposta mi portarono dentro a un gabinetto abbassandomi gli aderenti leggings e appoggiandomi una farfallina di silicone proprio sopra il mio sensibilissimo bottoncino, per poi rimettermi i leggins imprigionando l’intruso oggetto. Tornammo a sedere e all’inizio della prima canzone, una scossa di piacere, l’intruso oggetto vibrava in modo spasmodico, procurandomi eccitantissimi scossoni, ma appena giungevo in prossimità dell’orgasmo improvvisamente quella fantastica vibrazione smetteva riportandomi al mondo che mi circondava, questa sottile tortura si prolungò fino alla fine della serata, arrivati a casa supplicai Elisabetta e Elsa, avrei fatto qualsiasi cosa pur di esplodere nel tanto agognato orgasmo. Andammo tutte e tre nella stanza di Elisabetta e in un batter d’occhio eravamo tutte e tre nude. Io mi gettai tra le gambe di Elisabetta, Elsa indossando un grosso strap-on cominciò ad insidiare il buchetto di Elisabetta che con un gridolino e con voce scossa incitava Elsa a sfondarla, mentre io continuavo a leccare il suo magnifico sesso gonfio e colante di umori, poco ci è voluto perché il fiato rotto da un lungo lamento decreto la completa introduzione di quel grosso fallo nero, poi con forti colpi di reni Elsa pompava in modo selvaggio le morbide carni, entrando con la lingua nel sesso di Elisabetta distinguevo chiaramente le venature del dildo che scorrevano al di là della sottile parete, sentii Elisabetta stringere le gambe intorno alla mia testa cominciò ad agitarsi, inarcare la schiena fino a urlare il suo orgasmo e a spruzzarmi una grande quantità dei suoi umori in faccia e sulle tette, bevvi avidamente quel nettare dolciastro che colava dal sesso spalancato, gonfio e rosso che avevo davanti la faccia, mentre Elsa raggiungeva l’orgasmo stringendo con forza il seno prosperoso di Elisabetta che emise un grido di dolore.
Io ero in preda ad una frustrazione ed eccitazione mai provati, bramavo l’orgasmo già da diverse ore, quando Elsa mi mise un cuscino dietro la schiena e mi sollevò le gambe lasciando che i miei piedi appoggiassero sulla testiera del letto, in quella posizione sentii Elsa cominciare a leggeri leccatine al mio buchetto, mentre Elisabetta conquistava con la lingua il mio bottoncino ci volle pochissimo di quella sublime situazione, sentivo i miei muscoli contrarsi, un pizzicorino partito dal mio buchetto cominciò ad invadermi tutta fino a quando Elisabetta non diede un morso al mio bottoncino, sprigionando un fulmine che arrivato direttamente al cervello mi fece urlare per arrivare finalmente ad un orgasmo fortissimo che mi squassò come un temporale improvviso. Ricademmo l’una sull’altra spossate e sfinite e con il piumone intriso dei nostri erotici sapori ci addormentammo accarezzandoci vicendevolmente.
A metà dicembre Elisabetta mi richiamò nel suo studio, annunciandomi che l’asta per la mia verginità era fissata per il sabato successivo, un brivido mi percorse la schiena, chiesi se era necessario partecipare e la secca risposta fu un insindacabile SI.
La settimana scorse con velocità fulminea, Elsa mi depilò completamente e con cura, manicure e pedicure accuratissime, bagno e massaggi ogni giorno per rassodare e rilassare i muscoli, trucco e parrucco per valutare colori e forme più adatte e senza rendermene conto arrivammo a venerdì sera. Andammo in aeroporto destinazione Lussemburgo. Arrivati all’aeroporto Findel una lussuosa auto blu ci attendeva accompagnandoci tutte e tre alla location dove si sarebbe svolta l’asta.
Elsa era attentissima e molto vigile mentre io e Elisabetta ci godevamo il tragitto ammirando i campanili illuminati e il buio di boschi e le alture, infine arrivammo alla nostra meta una fortezza ai piedi delle colline lussemburghesi.
Ad accoglierci la servitù schierata, Elisabetta disse a Elsa di starmi sempre vicino e così fece, tanto che dividemmo la camera, per non lasciarmi mai sola. Si narra infatti che molte ragazze furono rapite proprio per non partecipare all’asta, così da rendere più rara la merce esposta e di conseguenza l’aumento del prezzo d’acquisto.
Il mattino seguente Elsa mi svegliò e dopo una lunga doccia mi agghindai per la sfilata. L’ intimo di colore bianco comprendente calze autoreggenti in seta con balza alta di pizzo, reggicalze, perizoma semitrasparente reggiseno a balconcino, sopra un abito di Valentino in tulle color pudre con un generoso spacco laterale e la schiena completamente nuda fino al sedere, un paio di guanti alti fino al gomito senza dita in tinta, scarpe con tacco 15 con plateau completavano l’opera. Ero bellissima ed Elsa continuava a elogiarmi e anche a palpeggiarmi in modo molto provocatorio.
Scendemmo le scale per arrivare nell’atrio, Elisabetta con il pollice alzato mi rincuorò, e con Elsa mi accompagnarono nell’ufficio per la registrazione, un signore panciuto e attempato mi lesse le condizioni di vendita tra le clausole dovevo stare per una settimana intera ai comandi del compratore che aveva tutti i diritti sull’oggetto della vendita, cioè i miei buchi vergini. Elsa lesse anche le scritte in piccolo poi con un cenno mi disse che potevo firmare e che il ricavato della vendita era mio e solo il 15% andava all’organizzazione dell’asta. Con la mano tremante firmai il contratto di vendita all’asta e mi sentii sprofondare in un abisso senza ritorno.
Mentre l’asta cominciava i vari oggetti in vendita venivano banditi schiavi, schiave, più o meno belli e per ogni oggetto veniva specificato peso, attitudini, utilizzo e disponibilità, ad un tratto il banditore chiamo la categoria vergini.
Mi si raggelò il sangue, insieme a me altre due ragazze una la numero 1 magrolina bionda e con le tette scuramente rifatte portava forse una 5, l’altra la numero 2 mora capello lungo riccio bella con un bel portamento, abito rosso fasciante cortissimo e generosa scollatura, poi io la numero 3, a turno passeggiammo sul palco poi ci accompagnarono giù dietro le quinte e iniziò la descrizione della numero 1. La descrizione minuziosa evidenziava misure, altezza, attitudini sessuali, e la verginità certificata che per questa ragazza era solo il buchetto posteriore, l’asta cominciò e in poco tempo l’offerta di vendita salì a 100.000€ poi si fermò, costringendo il banditore ad assegnarla ad un vecchio basso e con una notevole pancia, appena aggiudicata la poverina fu condotta da lui ed insieme uscirono dal salone. Toccò poi alla morettona, anche lei descritta nei minimi particolari anche lei certificata la verginità del lato B mentre la verginità vaginale si era riscontrata essere stata ricostruita con una operazione di plastica ricostruttiva, la poveretta cercò di ribattere ma venne subito azzittita con un colpo di frusta che gli strappò un urlo. L’asta cominciò ma nessuno dei presenti alzò la mano per aggiudicarsela, quindi il banditore ritirò l’oggetto, in questo caso avrà dovuto pagare una penale o in danaro o con il proprio corpo.
Io la numero 3 venni accompagnata sulla pedana, il banditore cominciò con la solita descrizione mentre un valletto mi alzava la gonna per far ammirare le mie gambe fasciate dalle autoreggenti, mi fece chinare alzandomi la gonna per mostrare il mio sodo sedere al pubblico, poi un signore distinto chiese se ero d’accordo a sfilare solo in lingerie togliendo il vestito, guardai Elisabetta che con un cenno annuii, rinfrancata comunicai al banditore la mia risposta affermativa, quindi mi chiese di spogliarmi, feci con calma sfilandomi il costoso vestito con movimenti sensuali, lo porsi al valletto che con delicatezza lo appese al guardaroba. Restando in lingerie sfilai sulla passerella come una modella, mostrando le mie fattezze alla platea senza pudore, ero in preda ad una eccitazione morbosa accompagnata da una sensazione di essere un oggetto al pari di un bel tavolino barocco. Il banditore aprì l’asta e subito le offerte fioccarono, anche Marta ed Elisabetta concorsero ad alzare la posta, ma arrivati ad una certa cifra dovettero rinunciare. La contesa si restrinse ad un giovane conte e ad una coppia barone e baronessa. Ero imbarazzatissima sentendo le cifre a 6 zeri che continuavano ad aumentare, alla fine la coppia offrì una somma a cui il conte non poteva nemmeno avvicinarsi, a malincuore dovette cedere. Dopo essere stata aggiudicata alla coppia fui accompagnata da loro, con garbo il barone mi baciò la mano e mi chiese di rivestirmi, il giovane conte si avvicinò e chiese il permesso al mio nuovo proprietario di potermi baciare la mano, cosa che acconsentì ed inchinandosi mi prese dolcemente la mano e con estrema eleganza appoggiò le sue calde labbra al dorso della mia mano, poi con un mezzo inchino si congedò.
Andai a rivestirmi con l’abito, poi fu la volta della burocrazia, ed infine congedai Elisabetta ed Elsa con un abbraccio.
I miei nuovi proprietari mi accompagnarono all’uscita e subito una lussuosa auto con autista si parò davanti. Cordialmente il conducente scese apri la porta e fece entrare la signora poi io ed infine il barone, il viaggio fu abbastanza lungo e durante il tragitto parlammo di molte cose ma mai un cenno del mio acquisto. Il barone un uomo intorno ai sessanta alto, robusto elegante con un po' di pancetta ma nulla di vistoso, occhi chiari e una barbetta che contornava il viso, la baronessa più giovane quaranta quarantacinque anni, un seno prosperoso un po' cadente, gambe affusolate, un po' in carne sul girovita, capelli scuri con riflessi rossi, mani curate con unghie smaltate curatissime, accavallava spesso le gambe facendomi intravedere il suo sesso incorniciato in un pelo nero e fluente.
Arrivati al castello fui condotta nella mia camera o meglio un mini appartamento che comunicava con gli alloggi dei baroni attraverso una porta chiusa a chiave sul fondo della camera da letto.
La baronessa Giorgia aprì la porta comunicante, si avvicinò e mi chiese di rimanere sempre completamente nuda nella mia stanza a disposizione di lei o del barone, così feci togliendomi l’intimo, mi guardò e assaggiò con le sue carnose labbra i miei sodi seni succhiando avidamente i miei capezzoli che in pochissimo divennero duri e appuntiti, mentre il mio sesso cominciava ad inumidirsi vistosamente. Le sue dita esploravano il mio corpo mentre la sua eccitazione portava le punte dei suoi capezzoli a far capolino deformando la leggera stoffa della sottoveste. Mi chiese di baciarla, le nostre lingue cominciarono un duello senza esclusioni di colpi, arrotandosi l’una sull’altra, Giorgia era presa dalla situazione, forse per astinenza o per la novità, quanto appoggiai la mia mano sul suo sesso lo trovai grondante di umori, bastò piccoli e veloci tocchi sopra il pizzo delle sue lussuose mutandine a farla capitolare in un meraviglioso orgasmo. Si sedette con il fiatone sul letto, era rossa e ansimante, quando il barone Luca entro nella mia camera. Guardò la moglie ancora evidentemente eccitata e mi chiese di fargli un pompino. Io arrossendo dichiarai che non ne avevo mai fatti, allora Giorgia si offri come insegnante. Cominciò così una lezione estremamente eccitante. La baronessa tolse la camicia da notte restando con le mutandine evidentemente bagnate, le grosse tette con capezzoli grossi e scuri, costellate da tante lentiggini, chiese al marito di spogliarsi della giacca da camera, e così fece, restando completamente nudo. In mezzo alle gambe aveva un arnese di dimensioni considerevoli con una grossa cappella rossa violacea in bella mostra, Giorgia mi avvicino la testa all’asta appoggiò la mano alla mia nuca e con delicatezza fece schiudere la mia bocca intorno al membro semi eretto, che entro in bocca quasi soffocandomi, poi tolto dalla mia bocca lo ingoiò lei facendomi vedere come fare e così ricominciai io, poi lei, poi insieme, poi ancora io, continuammo così per molte volte. Il barone ansimava aveva perso i suoi gentili modi, schiaffeggiava le tette della moglie con forza lasciando i segni delle dita sulla sensibile pelle, insultandola, lei godeva e si faceva entrare prepotentemente tutta l’asta fino in gola, quando toccò a me il membro di Luca mi entrò in bocca con forza, la baronessa mi tenne la testa ben ferma e in un attimo mi sentii inondare la gola di un liquido denso, di sapore acre e caldo e a fatica trattenni un conato di vomito, la baronessa mi ordinò di non deglutire, nemmeno ci pensavo, quanto anche gli ultimi fiotti cessarono ebbi la bocca piena dell’orgasmo del barone Giorgia scostò il marito ripulendolo con la lingua, poi si mise sotto di me ordinandomi di colargli lo sperma direttamente dalla mia alla sua bocca. Così feci la baronessa golosissima si masturbava freneticamente tra le cosce spalancate mentre il lattiginoso liquido riempiva le sue fauci, ingoiando il tutto inarcò la schiena ed esplose in un orgasmo con spasmi di piacere mentre il marito mi accarezzava il seno e baciava la mia testa.

Questo racconto di è stato letto 1 7 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici cuckzia e nipote raccontistorie erotichrracconti fantasy eroticiracconti erotickstorie di donne inculateracconti hard suocerasesso con la cognataracconti incesto mamma e figliofoto romanzo pornoracconri pornoscopateconanimaliracconti incedto1001 racconti eroticiscambio di coppie raccontiracconti poracconti porno di incestostorie hot gratisracconti erotici scuolaracconti hot gratisracconti porno famigliarcconti eroticieroticiracconti.itscambio di coppia bisexannunci69 racconti gayracconti erotricistorie fetish piediracconti a luci rosseracconti di troieporno raccontiraccconti eroticistorie eroticiracconti erotici diracconti erotiicerotici racconti.itracconti erotici di zoofiliaerotici racconti.itracconti incesto veriracconti erotivciincesto raccontoracconti porniracconti di donne troieracconti erotici di sesso analeracc hardla mia ragazza inculataracconti sex gratisracconti eroti ile seghe di mia moglieinculata involontariaracconti erotici con suoceraracconti erotici erotici raccontimoglie al cinema pornoracconti hard incestiraccontj eroticiracconti erotici nuoraraccconti pornostorie di sesso con ziaerotici racczia e nipote raccontifidanzate esibizionistesesso dopo massaggioracconti eeoticistorie a trestorie erotracconti erotici seghetacconti eroticiporno racconti realigenere dei racconti eroticiracconto erotico 69racconti gay annunci 69storie erotichrracconti erotici famosiracconti veri incestiracconti milúracconti porno cognataracconti eroticjerotic raccontiracconti tramplingracconto erotico sorellaracconti poro