Nostalgica

Scritto da , il 2019-10-07, genere masturbazione



Una sera come tante, annoiata, niente mi invoglia. Sola a casa, come sempre. Non frequento molta gente, preferisco stare con pochi.
Mi chiedo se ci sia un momento migliore per fare pulizia di alcuni byte dalla memoria del mio pc; non ne trovo risposta, ed inizio a vagare veloce sulla tastiera del mio computer, tornando nel passato. Le mail scorrono veloci sotto il mio sguardo, a ritroso negli anni.
Scorro chi in quegli anni ha ricevuto mie foto, mie confessioni di piacere; 'ero davvero depravata qualche anno fa' penso. Rido di me stessa, mentre il mio sguardo si ferma su di te.
Non ti sento da anni, non credo tu possa pensare a me. Non più.
Alcuni tentativi di ricerca andati in fumo da parte tua: non li avevo letti? Ero troppo impegnata? Spaventata al risponderti?
Non ricordo, era passato troppo tempo.
Mi accingo a scriverti di come sto, di quanto tempo è passato. Non mi aspetto risposte, è un messaggio inviato al nulla.

Dopo qualche ora però la casella delle mail si illumina, e compare una tua risposta.
Ne sono felice, non credevo di ricevere una risposta dopo tanto tempo.
Chiacchieriamo, gli interessi non sono cambiati, siamo solo cresciuti.
Finiamo a parlare su un app più consona alle chiacchiere rispetto alle mail lente e scarne.

Si fa sera, e con la sera ti fai audace.
Le tue risposte concedono malizia, arrossisco alle tue avance più di quanto dovrei, o vorrei. Sei perspicace, noto intesa e l'argomento si fa spinto.
"Ho portato giù il cane," leggo la frase in velocità, impegnata a prepararmi per la notte. "Pensavo stessi per fare una battuta sui guinzagli." Rispondo, ridendo sommessamente. Rileggo velocemente la frase e arrossisco, tossendo. "..adesso saresti più adatta tu sul mio letto, invece del cane."
Paonazza, non so cosa rispondere. Imbarazzata, leggo la stupida ed ingenua risposta che ti ho fornito, maledicendomi per l'occasione che ti ho servito.
"Sarebbe da provare, ovviamente in casa."
Perdo un battito, mi sento accaldata.
Cerco di sdrammatizzare, cambio piega, parlando di ginocchia dolenti se mai si dovesse provare qualcosa del genere.
Incalza chiedendo "dimmi.. l'hai mai fatto, o è solo una fantasia?"
Ormai sono a letto, ma le coperte sono tiepide del mio calore, anche se è pieno inverno fuori.
"L'ho fatto prima d'ora." Rispondo severa, in realtà non trattengo l'imbarazzo.

Inizio a ricordare perché mi sono avvicinata ed allontanata da te.
L'effetto inebriante che subisco sotto le tue parole, studiate ma non troppo.
Ogni frase è un brivido di eccitazione, mi scomponi mentalmente, pezzo dopo pezzo conquisti un po' della mia razionalità, mandandola in frantumi.

Brividi di eccitazione sostituiscono quelli di freddo, oramai assente nel mio corpo. Percepisco il calore del mio sesso senza nemmeno toccarmi, continuando a guardare il telefono.
Cogli la palla al balzo "sei un po' puttana eh?" La mia testa vorrebbe risponderti "si, lo sono e lo sai bene", ma cerco di rimanere almeno un altro po sobria del tuo effetto, fuorviando la risposta.
'Maledetta me che ti ho cercato' penso. 'Che cosa ho fatto?' Mi chiedo, scatenata dall'eccitazione provocata dal tradimento virtuale.
Mi lascio i pensieri alle spalle quando inizi a chiedermi di cose sempre più spinte, sempre più passionali. "Mi chiedo cosa faresti con me allora.." lascio quell'abbozzo pronto per essere colto, sta a te farlo germogliare.
"Ti immagino alla ringhiera di un cavalcavia di periferia, mentre una mia mano è ferma sul tuo collo e l'altra stretta sulla tua pancia, mentre le mie labbra sfiorano la tua nuca." Ci sei riuscito dannatamente bene, come sempre.
Sono scossa da fremiti, ma non mi voglio toccare, non ancora. Non finché sarà lui a chiedermelo, e so che lo farà.

Parliamo di come le tue mani scivolino lungo il mio corpo e di come le tue labbra, con un sussurro caldo sul mio lobo, mi dicano quanto io sia troia poiché potrebbe vedermi chiunque passi di lì, accrescendo il mio desiderio e inibendo la parte più razionale di me.
Mi sento strana, una pulsione nuova nasce nel mio sesso, si fa strada come un brivido di freddo tra le spalle, percorrendo i seni e poi giù lungo la schiena, fino alle mie labbra ormai ingrossate e gonfie.

'Non devo toccarmi. Non posso.'

Il mio pensiero scorre veloce 'com'è possibile, non mi è mai piaciuta questa cosa, e adesso, con lui, mi eccito a tal punto?' Il respiro è accelerato, si nota bene quando io espiri e quando inspiri.

Continui dicendomi come le tue mani andrebbero giù, senza toccare la mia intimità, per stuzzicarla. Di come mi terresti stretta la presa intorno al collo, facendomi diventare rossa per l'aria e l'eccitazione. Di come gireresti intorno alle mie labbra, sfiorandole, senza toccarle, per accrescere il mio desiderio e soverchiarmi psicologicamente.
"Sei una troia, così dannatamente esposta alla vista.." mi dici che le tue dita veloci si infilano nel mio sesso, raccogliendo umori e portandoli velocemente alla mia bocca.
Ti rispondo che non ci penserei due volte, mi fionderei sulle sue dita leccandole, tirando fuori la lingua poichè non riesco a raggiungerle per la morsa al mio collo della tua mano, imbrattando il mio viso e la tua mano della mia saliva e dei miei umori.
Mi baceresti, aggiungendo peccaminoso su peccaminoso, lasciandomi senza un briciolo di fiato, portando le tue dita all'entrata del mio stretto orifizio.
Spingerei il bacino verso di te, strusciando il sedere sulla tua erezione turgida, sentendola dal velo della gonna e dal ruvido dei tuoi jeans che separa le nostre intimità.
Mi bagni l'entrata, tenendomi stretta e soffiando sul mio orecchio, per poi baciarmi il collo entrando con un dito nel mio sedere.

'Non devo toccarmi. Non posso.'

Mi dici come le tue dita scivolino veloci, bagnate dagli umori e dalla saliva che ti ho regalato. L'altra mano mi preme sul mento, mi tappi velocemente il naso per permettere ad altre due dita di entrare nella mia bocca, scopandomi due buchi e facendomi inarcare a ridosso della tua schiena. Ti dico quanto ansimo, mugugno, e quanto spingo il bacino per far entrare in me più carne possibile, per sentirti completamente dentro di me.
continui a scoparmi il viso con le dita, come se fosse solo un'altro buco da riempire a tuo gradimento.
"Verrai solo se lo vorró io, e solo attraverso il buco che ti sto scopando, chiaro?" Mi scrivi prepotentemente, facendomi scappare un brivido e mettendo a dura prova il mio autocontrollo.
Mi mordo un labbro, il mio bacino farnetica sconnesso, voglioso.
Mi dici che toglieresti tutte le dita poco prima dell'orgasmo, prima che sia troppo tardi per tornare indietro, lasciandomi vogliosa, sbavata e sfatta a ridosso della ringhiera, con la gonna che scivola nascondendo il sedere e le cosce umide e viscose di umori.
Mi volterei verso di te, inginocchiandomi, pregandoti di farmi venire, in qualsiasi modo tu voglia, ma di recarmi piacere. Ti guardo priva di malizia, sfinita, ad occhi lucidi intrisi da lacrime che stanno per rigare il mio volto, tesa.
"Alzati e seguimi." Professi un messaggio di comando, quasi sto per farlo realmente dal mio letto.
Mi scrivi di un bosco alla fine del cavalcavia, facciamo qualche metro, nascosti dalla vegetazione, quando mi imponi di piegarmi davanti a te, a gambe larghe, senza toccare il sottobosco con le ginocchia. Questo racconti che spinge ovviamente la mia gonna a piegarsi, corta, e a scoprire il mio sesso e le mie mutandine bianche, umide e trasparenti degli umori. Mi smuovi con un piede un ginocchio, indicandomi di allargare ancor di più le gambe.
"Tieni indietro le braccia." Mi scrivi.

'Non devo toccarmi. Non posso.' Il piacere pulsa nella mia testa, non posso cedere.

Il tuo messaggio fa vibrare ogni mia corda mentre leggo di come ti apri la zip, senza neanche abbassarti i pantaloni, tirando fuori il tuo membro turgido e venoso, guardandomi. Cerco di avvicinarmi, ti dico, ma tu mi strattoni dai capelli, fermandomi.
Vuoi abusare del mio viso, non ho permesso su di te, non scelgo io quando agire, mi dici.
Apro la bocca al tuo sguardo, tirando fuori la lingua. Quella posizione, a gambe aperte, le mutandine bianche esposte, la gonna tirata su, le braccia dietro la schiena e la lingua di fuori, mentre ti guardo vogliosa, con rinnovata malizia.
Mi prendi i capelli strattonandoli, e mi infili il cazzo in gola. Mi dici quanto non riesca a trattenerlo il bocca, quanto sia grosso e pulsante, quanto le mie labbra, sforzandosi, riescono ad acquisirne solo la metà.

Un brivido e un gemito, la mia bocca spontaneamente si apre. Lo desidererei qui, adesso, davanti a me. Mi infilo le dita in bocca, simulo ciò che leggo sullo schermo, calda e fradicia, non ho il coraggio di disobbedirti.

Usi il mio viso strattonandomi i capelli, fin quando il tuo seme permea la mia gola, e mentre lo fa esci, imbrattando completamente la mia figura del tuo caldo sperma.
"Io.. come faccio ora.. non.." ti scrivo, curiosa della tua prossima mossa.
"Adesso torniamo all'auto, passando per il centro."
Il mio cuore perderebbe un battito al suono di quelle parole. Gli occhi sbarrati e il viso rosso dall'imbarazzo, rimango immobile, di pietra, e ti guardi crucciata, ancora sfatta e con gli umori in ogni angolo del mio corpo.
"Immaginavi non ti avrei mostrata? Sei troppo erotica per non essere apprezzata. Chiunque passi, chiunque ti vedrà vorrà averti o proverà invidia per te."
Mi aiuti ad alzarmi dici, prendendomi per mano e percorrendo le strade del paesino di provincia. Le persone mi scrutano, distolgo lo sguardo ogni qual volta succede, arrossendo e nascondendo il mio viso sul tuo braccio.
Lo sperma è assolutamente visibile sulla maglietta che indosso, come sul mio viso, mentre le mie gote sono rosse per la vergogna.
"Finirebbe così quindi? Non mi faresti venire?" Chiedo timidamente, mentre ormai la mia mente reclama solo le mie mani intorno al mio calore.
"Certo che no.. andremmo a casa e la parte migliore accadrebbe sul mio letto."
Mi manca l'aria, non voglio altro che le sue mani su di me.
"Cosa faresti?" Chiedo ingenuamente.
Mi racconta che mi spoglierebbe completamente, lasciandomi nuda, per poi legare i miei polsi alla testiera del letto.

Il mio istinto mi fa quasi sbraitare, ma devo resistere dal toccarmi. Non voglio disobbedire.

Dopodiché si avventerebbe sulla mia pelle, giocando col mio corpo, scendendo lungo i capezzoli e girandoli poco, sentendo la mia reazione sotto le sue dita, come se fossi uno strumento da suonare.
Il mio respiro si fa corto e ormai gemo solo al pensiero di determinati tocchi sul mio corpo.
"Io.. non.. ti prego.. non ci riesco.. più.." ormai il mio stato reale combacia con il racconto che ha proposto, lasciandomi in balia di ogni sua parola.
"Pregami allora di scoparti in qualsiasi modo, pur di farti godere."
Gemo più forte, torno a bagnarmi le dita in bocca per placare il desiderio di inserirle in posti più caldi ed umidi.
"Ti prego, ti prego, scopami come desideri. Abbi pietà, ti prego.. fammi godere.." racconto di come ormai parlerei tra gemiti e respiri affannosi, muovendomi convulsamente, cosa che in realtà sta accadendo.
Mi racconta di come si piega sui miei seni, torcendoli e succhiandoli, mangiandoli e procurandomi segni ben visibili.
"Non.. non.." mi mancano le parole, ma scrive di fermarsi, appena in tempo per non farmi venire. Si rivolge poi a me, con tono autoritario "hai le mutandine?"
Rispondo che le indosso, allorché mi chiede di toglierle e arrotolarle lungo le mie dita, per poi scoparmici.
Godo più del voluto; l'attrito tra la stoffa ruvida e le mie pareti, pregne di umori, mi fanno quasi venire all'istante. Ma non posso, non posso disobbedirgli.
Continua con la fantasia, dichiarando di infilarmi nuovamente le dita nel mio stretto orifizio, facendole scomparire completamente. Subito mi agiterei, spingerei le dita più in fondo possibile e le comprimerei più che posso, per non farle scappare.
Scrivi che alzeresti la posta, infilandomi un terzo dito, mentre il tuo cazzo scivola su e giù sull'entrata della mia vagina, ricoprendoti in poco tempo di umori essendo un lago.
Toglieresti le dita, infilando di botto e tutto d'un colpo il tuo membro lungo il mio sedere.
Ti racconto di come verrei solo perché sei dentro di me, e di come mi divincolerei senza successo per via dei polsi legati, gettando la testa all'indietro e tremando mentre sgranerei gli occhi dal piacere.

Ti chiedo di poter venire, realmente questa volta, e mi rispondi affermativamente.
Spingo forte con le dita, sentendo la ruvidità delle mutandine su per la mia vagina, venendo copiosamente.
"Dio, godo." Gli scrivo tra i sussulti.
"Rimettiti le mutandine." Professa subito.
Penso a quanto siamo bagnate mentre me le infilo, e al contatto freddo con la mia pelle di quella biancheria ormai fradicia.
"Quanto sei troia.." mi scrive, mentre il mio respiro è ancora affannato e la mia coscienza assente.
"Si.." rispondo senza accorgermi al messaggio, troppo stanca per capire.
Mi prendo il mio tempo, assaporo la beatitudine post orgasmo, pulendomi le dita con la lingua, assaporandomi.

Ci diamo la buonanotte. Tre ore di fantasie, di sesso, sono stremata ed ancora eccitata. Ne desidero ancora.
Vado in bagno, il liquido dall'uretra esce prepotentemente insieme a qualche goccia di umori.
Mi tampono, non voglio asciugarmi, non me l'ha accennato nè permesso.
Torno a dormire, sono ancora vogliosa.
Impiego qualche minuto solo per fermare il desiderio di tornare tra le mie cosce, e regolarizzare il respiro.

Mi addormendo: umida, calda, a gambe aperte.

Questo racconto di è stato letto 1 2 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erotico incestoracconti veri incestoracconti erotici.racconti di sesso sfrenatostorie pornpstorie eroticracconti eccitantiracconti incesti veriracconticuckoldracconti nonni gayracconti sesso incestinonna eroticasex storiecerca racconti eroticiracconti erzia formosascambio di coppia forumsesso con nonna raccontifoto romanzi pornoracconti erotici nudismoincesti sessoracconti di sesso amatorialiracconti di uomini vestiti da donneracconti gay italianiracconti eriticiracconti hotracconti di zieracconti di veri incestiraccontifetishracconti erotici vicina di casaracconti erotici scommessanuovi racconti di miluracconti vecchieporno mogli al cinemaracconti osèracconti fetish piediracconti sesso 69storie scambio di coppiaconfessione eroticastorie di pompiniracconti sesso con animalizia porcellinavideo racconti eroticinonna troia raccontiracconti incesti amatorialistorie hardracconti porno zoofiliaracconti scambistieroticiracconti.itracconti reali di incestiricatto analeracconti genero suoceraraconti eroticelesbica raccontigeneri raccontistorie di transmature racconti eroticiracconti erotici neriracconti del cazzoracconti erotici cuginoracconti cukoldracconti etotici gayracconti erorici gayracconti erotici castrazionestorie erotiche piediraccpnti pornogli ho dato il culocuckold storie verestorie di mariti cornutiracconti 69 tradimentiscopata casarecciaravconti pornozoofilia estremaeroticiracracconti travestaerotici gayracconti miustorie porno dominazionelesbiche raccontiracconti eroticigayracconti erotivimogli puttane raccontiracconti amicaracconti moglie condivisaracconti erotici suocerecugina zoccolaracconti-eroticiannunci 69 racconti gaystorie vere pornoracconti incedtosculacciate eroticheracconti porno treno