La signora Mirella 3° - La sua prima volta

Scritto da , il 2019-09-29, genere prime esperienze

Dopo averle fatto avere l’orgasmo, la signora Mirella mi evitava. Sapevo bene cosa si provasse la prima vota. Come se ci si vergognasse a fare sesso con una donna. Come se fosse impossibile che tutto quello fosse successo a lei.
Pure i messaggi che mi mandava andavano verso quella direzione.
“Davvero mi hai leccato la figa?”
“Non l’hai detto a Silvia vero”
“Sono confusa, vorrei rifarlo ma ho paura”
E via cosi.
Quando andavo a casa sua, mi salutava con freddezza. Pure Silvia se ne accorse, e mi chiedeva come mai e se avessi litigato con sua madre. Purtroppo non le potevo dire la verità.
Un giorno mi arrivò uno strano messaggio – “Silvia è da suo padre, ho tutta la notte libera”
Hai capito la signora, erano passate due settimane e a quanto pare le era tornata la voglia di sesso.
Non so perché ma mi vestii elegante. Una camicettta rosa, con scollatura e maniche con spacco. Degli short neri di pelle, dei sandali con tacco alto con lacci e come accessorio un collarino nero. Dimenticavo, in borsa misi pure uno strap-on non si sa mai.
Ero più agitava dell’altra volta, anche perché sapevo a cosa andavo incontro. Nel messaggio non c’era scritto, ma era esplicito cosa volesse da me e io non vedevo l’ora. Adoro le donne mature.
Parcheggiai sotto casa sua, rimasi in macchina qualche minuto per darmi forza e suonai il campanello.
Mi apri, indossava un vestito di pelle scamiciato, molto aderente. La gonna arrivava sopra le ginocchia.
“Strano abbigliamento per stare a casa” – La mia solita ironia
“Anche tu tesoro, strano abbigliamento per incontrare la madre della tua amica” – Touche.
Entrambe eravamo nervose.
“Dai andiamo in sala”
Mi prese per mano e mi accompagnò nella stanza, era tutto in ordine. Direi un luogo confortevole.
“Sai in questi giorni ho pensato molto a noi due, a quello che mi hai fatto”.
“Le ho fatto?”
“Si dai hai capito” – Si guardò in giro – “Cosa intendevi per fare sesso davvero con una donna?”
“Bhe quello che è successo tra di noi, io li chiamerei preliminari”.
Mi sbottonai lentamente la camicetta. Sotto non portavo il reggiseno. Lei mi fermò.
“No tesoro, aspetta ancora un attimo”.
Mi bloccai al terzo bottone.
“Che si fa’”
“Parliamo un po’, abbiamo tutta la sera”
Sono sincera mi stavo un po’ annoiando. Quindi mi presi coraggio, e gli sbattei la lingua in bocca.
“Mi scusi non resistevo”
“Hai il coraggio di rifarlo?” – Sfida accetta.
La ribaciai e stavolta andai ancora più in profondità con la lingua. La palpai, il suo vestito era sexy, ma era come se indossare una barriera di ghiaccio, era impossibile vederla nuda.
Poi un fulmine a ciel sereno – “Voglio provare a leccartela”
La riguardai – “E’ sicura?”
“No, ma lo voglio fare”
Io non vedevo l’ora. Mi stesi sul divano, mi tolsi gli short e rimasi in intimo. Lei mi accarezzava le gambe agitata. Sentii un brivido scorrermi sulla schiena. Baciò il mio basso ventre. Mi scostò le mutandine e si mise a giocare con le mie labbra inferiori. Le sue dita sapevano dove colpire e ogni suo movimento era eccitante.
Io la guardavo toccandomi li seno.
“Sei bellissima” – Arrosii – “Capisco perché mia figlia si sia invaghita di te”
Introdusse dentro di me tre dita, che porca. Alla prima penetrazione il mio corpo si contraette.
“Oddio signora, è fantastica”
Tolse le dita dalla figa e me le mise in bocca.
“Lecca, al mio ex piaceva molto”
Le leccai immediatamente, ormaii conoscevo il mio sapore a memoria.
“Sai in questi giorni mi sono molto informata su youporn”
Scoppiai a ridere.
Mi passò le sue dita sul mio corpo. Tolsi i miei ultimi bottoni, lasciando scoperto il mio seno rifatto, ma lei non se diete. Fece un grande respiro e affondò la sua faccia sulla mia passera. Stava succedendo davvero.
Sentivo la sua lingua perlustrare il mio monte di venere, sentivo che non era molto esperta, ma non mi importava nulla. Già essere li con le,i era un successo. Le mie mutandine volarono.
Sentii la sua lingua insinuarsi nel mio culo e le sue dita sgrillettarmi il clito. Questa signora in pochi secondi era più esperta di sua figlia. Dal canto mio riuscivo dire solo vocali il mio fiato era smozzato.
Le sue mani mi strinsero le tette, mamma che forza, sembrava Antonella, con la differenza che lei stava tremando. Sapevo che stava facendo una cosa contro il suo modo di vivere.
“Togliti il vestito signora”
Si alzò in piedi se lo sfilò, come immaginavo non portava l’intirmo.
“Avviciniati, facciamo un 69” – Arrosi ancora.
Mise le sue gambe intorno alla mia testa e mi porse la sua passera umida in viso, intanto accarezzava la mia.
Allungai immediatamente la lingua, la volevo assaporare. La spalmai tutta. Uhnn direi che il giacchiio era sciolto.
La sua lingua giocava con il mio clito e le sue dita mi penetravano, sentivo le sue tettone sugli addominali.
“Signora da qui non si torna più indietro”
“Uhnn è quello che desidero”
La mia lingua era in fase esplorativa nella sua passera, se l’era depilata.
Sentii le sue dita allargarmela e la sua lingua penetrarmi. Dall’emozione le squirtai in faccia. Lei si voltò guardandomi sconvolta.
“Signora non si preoccupi continui pure” – Quella sveltina non mi bastava.
“Ragazzina ho visto una cosa su un film porno ora voglio provare”.
Il suo pollice scorse dentro di me, immeditamente sentii il suo dito indice raggiungerlo.
“Continuo?”
“uhhnn , siii,, ovvioo”
Ora le dita dentro erano quattro, ma che razza di troia era. Improvvisametne mi sentii posseduta, aveva introdotto tutta la sua mano e aveva fatto un pugno.
Gridai, urlai, dentro di me volevo che smettesse, ma non dissi nulla.
Ero cosi in estasi che facevo fatica a leccarla.
“Lurida puttana” – Mi vergognai subito – “Mi scusi”
“Non preoccuparti tesoro, mi piacciono le parolacce”
Quindi la penetrai pure io con la mano. Dente per dente.
Lei strinse le cosce, propabilmente voleva sentire meglio il contatto delle mie dita sul suo canale vaginale. Inarcò la schiena, si volse verso di me. Sorrideva.
Le dissi che morivo dalla voglia di baciarla.
Con abili mosse, si girò e si stese sopra di me. Eravamo abbracciate nude sul suo divano, mio dio.
Le infilai la lingua in bocca, mentre le mie dita cercavano il suo piacere. Sentivo il mio seno scoppiare sotto il peso del suo enorme e naturale.
Allagari ancora di più le gambe. Le nostre fighe conbaciavano.
“Scopami con la tua passera”
“Cosa’” – Mi chiese non capendo quello che dicessi.
“Fottimi come fanno i maschi”
Immediatamente si strofinò sopra di me e provò un piacere cosi intendo che si meravigliò di tutto.
“Quanto cazzo è bello scopare con una donna” – Adoravo che mi dicesse quelle parole.
Appoggiò le sue mani sul mio seno per reggersi e poi sbattè con piu vigore. In quel momento sentivo di essere sua, avrei mandato a fanculo la mia amica per lei.
Le afferravo il suo magico sedere con tutta la forza che avevo, per sentirla ancora più dentro di me.
“Sei il mio piccolo dolce tesoro” – Mi baciò.
Orgasmammo quasi in contemporanea. Lei crollò sopra di me e continuava ad acccarezzarmi.
Mi sbattò le tette in faccia, era insaziabile.
Mi tornò in mente che avevo portato lo strap in borsa – “Sa signora ho un piccolo regalo per lei”.
“Accetto qualsiasi regalo da te, piccolina mia”.
“Bene allora si sposti la prego” – si sedette sul divano, accarezzandomi il mio corpo sudato – “Le va di appoggiare le mani sul divano e mettersi a 90?”
“Cosa vuoi fare?”
“Non si preoccupì, lo scoprirò tra poco”
Si morse la lingua e si mise in posizione. Iniziai a leccarle la figa da dietro per scaldarla un po’.
“Ora si rilassi e mi aspetti. Mi raccomando continui a guardare avanti”
“Non capisco, ma obbedisco. Del resto mi stai facendo impazzire”
Dopo averlo tolto dalla borsetta indossai e tornai da lei. Le accarezzai il fondo schiena. Le feci spalancare le gambe e con un abile mossa lo introdussi nella sua figa umida.
Lei si girò di scatto – “Cosa diavolo sta succedendo” – spinsi ancora più forte – “Dio miooo, quanto cazzo è grosso”.
Le accarezzai la schiena, gli la baciai. L’afferai per i fianchi.
Il cazzo finto si muoveva rapidamente dentro di lei, stava per perdere il controllo.
Rimasi un attimo dentro di lei, le baciai la schiena.
“Voglio vederti in faccia, tesoro”
Volli esaudire il suo desiderio, la feci girare. Lei mi baciò, afferrò il cazzo di gomma e se lo attirò verso le sue gambe. Ho sempre saputo che le donne mature erano insaziabili. Ricominciai a penetrarla. Le accarezzavo le tette. Le sorridevo. Lei avvolse le gambe intorno alla sua vita attraendomi ancora di più verso di lei.
“Spingi tesoro”
Mise le mani dietro la testa, il suo corpo era tesissimo e le sue tette spiccavano ancora di più, le leccai. La sua testa era sempre più rivolta all’indietro. Se non fosse stata così pesante, l’avrei presa in braccio. Le baciai il collo. Le leccai le tette. I suoi occhi si rivolsero all’indietro, i suoi fianchi si muovevano a tempo. Le afferrai le tette e proprio in quella posizione ebbe il suo secondo orgasmo.
Tornai a sedere esausta sul divano. Appena tolsi lo strap-on, mi accarezzai lentamente li clito. Lei mi fissava meravigliata. Non c’era una sola parte del suo corpo asciutta. Il suo respiro era ancora ansimante, ma per la prima volta in vita mia, la vidi felice, anche solo per un attimo.
I rimorsi la colpirono subito e si rivesti immediatamente. Però rimase seduta dolcemente accanto a me e rimanemmo a parlare per tutta la sera, solo quando me ne andai le dissi:
“Questo è il vero sesso tra donne” – Madonna che sboronata.

Questo racconto di è stato letto 4 7 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti wroticiracconti erotici coinquilinaraccontierotieroticaraccontidonne che si fanno inculare da animaliracconti matrignaracconti mamma figlioho chiavato mia madreil culo della nonnavere esibizionisteracconti di scambi di coppiaracconti erotici culo rottostorie porno videoracconti di sesso realmente accadutistorie porniracconti erotici con vecchiracconti di donne troieracconti porno scritti da donnestorie eroticracconti erotici prima esperienzaracconti erotici di coppiaraccontieroticiracconti erotici.comerotici racvontistorie piccantisesso safficostorie hotdonne che si fanno inculare da animaliracconti erotuiciwww.iomiluracconti porno ragazziracconti erotici club priveracconti incrstistorie eroricheracc eroticiracconto erotico ziastorie porraccondi pornoracconti erotici piediracc erotracconti eroiticiracconti porno italianistorie di milùporno racontiracconti di mamme troiecon mia moglie al cinema pornoracconti aroticiracconti sesso con la suoceraputtana raccontistorie di suocereracconti erotici di sessoracconti transracconti piedi gaycuckold racconti veriracconti animal sexracconti erotici ragazziracconti di zoofiliaracconti erotici freestorie di tettoneracconti erotici nonno e nipoteconfessioni cuckoldraccontierotistorie di e per adultisissy maid storieracconti erotici neriracconti erotici pretiracconti erotici stuproracconti chiavateracconti reali eroticimilu dominazioneracconti femdomorge estremeracconti marito cornutoracconto bdsmmia cugina vanessaracconti ardracconti particolaritette raccontiracconti icestoracconti diincestoracconti erotici per tuttieroti raccontimilù raccontidonne che scopano caniracconti di veri incestiho tradito mio marito all'addio al nubilatostorie porno eroticheracconti erotici vedovamilu raccontoracconti erotici con il caneracconti erotici la vicina