La signora Mirella 1° - La figlia

Scritto da , il 2019-09-26, genere saffico

Forse vi sto annoiando con i miei racconti, ma lo faccio specialmente per me, per ricordare il passato, ovviamente sorridendo. Forse è il momento di parlare della signora Mirella, ovviamente questo non è il suo nome.
Ero compagna universitaria di sua figlia, e ci vedevamo spesso fuori dall’aula, e si, spesso facevamo pure sesso.
L’avevo iniziata a quella disciplina e, a quanto pare, non gli dispiaceva affatto.
Però come ho detto non voglio parlare di lei, sarebbe troppo banale, ma voglio parlare di sua madre e su come mi sono ritrovata, improvvisamente, tra le sue braccia. Non vi arrabbiate se ho fatto spoiler.
Probabilmente iniziò tutto quando andai a casa della mia amica, dopo una lezione di algebra. Io ero abbastanza nervosa e di studiare non se ne parlava. Parlavamo più che altro di ragazzi. I nostri sguardi si incrociavano spesso e vidi la sua lingua passare sulle labbra, quel gesto mi faceva sempre impazzire, volevo assaggiarla.
Mi avvicinai lentamente e la baciai, ormai erano mesi che lo facevamo e non c’era nessun imbarazzo.
Ovviamente eravamo da soli a casa, sua madre era al lavoro e suo padre, bhe di lui non si avevano traccie da mesi, il solito che scende a prendere il pacchetto di sigarette e sparisce.
Ci davano sempilci e dolci baci e sorridevamo. Lei si stava frequentando con un tizio, ma lo trovava noioso.
Dopo l’ennesimo bacio mi disse: “riuscirò mai a trovar e un uomo che mi faccia godere come si deve”
“Che ti servono i maschi se ci sono io”
“Sei la solita cretina, però per fortuna ci sei tu”
Stavolta mi infilò la lingua in bocca – “Chi l’avrebbe mai detto che mi sarei invaghita di una ragazza”
Io gli sfiorai il viso con le mani – “Ma tesoro io sono speciale” – Lei sorrise.
Se devo essere sincera, ero io che devo ringraziare a lei, mi ero lasciata da poco con la mia signora, e la sua semplicità mi aiutava a dimenticare. Lei e la dozzina di ragazzi che mi giravano attorno.
Gli sbottonai lentamente la camicia e le passai il dito dal collo al ferretto del reggiseno. La baciai ancora.
“Quando torna tua madre?”
“Credo tra un’oretta, tesoro”
“Bene”
Le feci sfilare la camicia e rimase con il suo candido reggiseno rosa. Si addiceva molto al suo carattere.
Se con la mia ex era passione pura, con la mia amica era pura dolcezza.
Il suo seno era piccolino, ma l’adoravo.
Lei si tolse lentamente il reggiseno e io mi precipitai a succhiarli i capezzoli, lei l’adorava. Mi accarezzava dolcemente i capelli e me li baciava.
Mentre le baciavo il seno, le mettevo la mano tra i leggings neri.
Si stava formando una chiazza scusa tra le sue gambe.
Lei con un gesto impetuoso si alzo di scatto e si liberò anche dei leggins, aveva delle deliziose mutandine di pizzo, anch’esse rosa. Mi sentivo fortunata ad aver corteggiato e sedotto questa ragazza.
Mi alzai in piedi e corsi verso di lei. Non era bellissima, ma a me appariva meravigliosa.
“Come mai tu sei ancora vestita?”
Sorrisi, sbottonai i due bottoni che tenevano la gonna, che cadde sul pavimento, mi tolsi la camicia e rimasi con il mio completo intimo da palestra. Ci abbracciammo e ci baciammo. Non so perché, ma lei aveva la tendenza di lacrimare quando la baciavo. Come era dolce.
Mi afferrò il mio seno rifatto con le sue mani delicate, me lo accarezzava lentamente. Io invece andai sul concreto e gli misi la mano dentro le mutandine. Lei aveva questo gesto ti portare la testa all’indietro quando godeva, che mi faceva impazzire.
Subito le baciai il collo. Le mie dita si insinuavano dentro di lei. Si mordeva la lingua.
La spinsi sul suo piccolo letto, mi sdraiai sul suo piccolo corpo nudo. La baciai. Le nostre gambe si intersecavano. La mia gamba sinistra strusciava la sua passera, invece la mia scorreva sulla sua destra depilata.
I nostri respiri erano sincronizzati. Tolsi il mio intimo, volevo sentire la sua pelle adosso.
Accellerai i miei movimenti. La sua gamba ossuta mi faceva eccitare. Si morse ancora la lingua.
“Basta, con quel gesto stronza”
E gli leccai la punta della sua lingua.
Mi decisi, gli baciai il collo, poi fu la volta del suo seno. Scendevo pian piano delicatamente. Le baciai l’ombelico, il suo monte di venere. Gli scostai le mutandine. Le baciai dolcemente le grandi labbra e attesi che il suo fiore si disciudesse. Le morsi il clito. Aveva la passera più bella che avessi mai visto. Piccola, delicata.
Adoravo il suo profumo. Leccai tutta la passera con colpi profondi.
“Non sai quanto ti voglio bene” – Le sue parole mi riempirono di orgoglio.
Le feci allargare le gambe, infilai tre dita dentro. La sentii gemere. Un piccolo sospiro di dolore, che passò immediatamente. Mentre la masturbavo, facevo la stessa cosa a me stessa con la mano sinistra.
Ora probabilmente vi state chiedendo cosa c’entra sua madre in tutto questo, un attimo sta venendo il suo momento. Ora non pensate male, non si aggiunse a noi.
Ora ero curiosa di vedere se aveva imparato bene. Mi sedetti a gambe aperte e la invitai ad avvicinarsi con il mio dito indice. Si morse ancora la lingua, allora lo faceva apposta. Si avvicino lentamente come se fosse una gatta. Allungo la sua lingua umida verso la mia passera e mi leccò. Lo fece dolcemente, come del resto era lei. Gli accarezzavo la schiena. Giocava con il mio clito, ci disegnava dei piccoli cerchi. Quando mi faceva godere. Gli afferrai il sedere con le mie mani, per spingerla ancor più verso di me.
Ero così accaldata che la volevo scopare come si deve. La stesi. Gli alzai le gambe, appoggiai le mia passera sulla sue e spinsi. Era la prima volta che lo facevo assieme a lei e sembrò apprezzare.
Lei mi accarezzava il seno con le mani e mi urlava di continuare.
Poi avvenne, sulla porta apparse sua madre. Rimanemmo entrambe immobili per un attimo. Si guardava intorno imbarazzata, non sapeva cosa fare. Non doveva tornare tra un ora?.
Per fortuna, tornò indietro su i suoi passi e ci lasciò sole.
Mi succedeva raramente di raggiungero un orgasmo contemporanealmente con la mia partner, ma accadde con la mia amica. Mi tirò per i capelli, mi voleva baciare.
Io invece pensavo ancora allo sguardo di sua madre. Non riuscivo a gustarmi quella dolcezza.
Arrivato il momento, mi rivestii. Passai davanti alla cucina, dove la signora stava cucinando, probabilmente voleva distrarsi. La salutai ad alta voce, per far capire a sua figlia che era in casa e scappai come se fossi una ladra.
Lo so che sono stata meno prolissa del solito, qualcuno di voi esulterà, soprattutto quelli che iaculano subito. Scusate la battuta. Dovevo raccontare situzione, perché a ben pensare fu l’inizio della mia relazione con Mirella.

Questo racconto di è stato letto 6 9 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti eoritciracconti incesyoracconti hot lesboracconti erostorie erotivhea mia moglie piace farsi guardareeroticiraccontletture eccitantieroticaraccontiracconti erotici di milùracconti club priveerotociraccontiporn raccontiracconti ewriterracconti hard di mammesogni erotici raccontischiavo di mia ziarecconti eroticifootjob storiescopata raccontoracconti coppie scambistescopata dal cane raccontibrani eroticistorie etoticheporno racconti mogliracconti primo analeporno racconti animalracconti erotici violentataporno racontiracconti gay veristorie di bondageho sverginato mia figliaracconti incesti suocereracconti erotici genereerotico incestorac erotracconti incesto nonnacconti pornoracconti eroiticiracconti erotici onlinemi sono scopato mia suoceraracconti piedi femminiliracconti cuginescopami nonnoa 69 racconti eroticisesso anale racconti eroticistorie di lesbicheraacconti eroticislave raccontisesso con incestiracconti erotici generifarmi leccare i piediracconti erotici culo rottostorie porndottoresse voglioseracconti efoticiracconti piccanti gratisracconti erotici dal dottoreracconti erotici 69racconti porno zooracconti prima volta bisexstorieroticheracconti con transracconti gratis eroticiracconti incesto mammaracconti hard transracconti zoofilinonno porco pornoracconti eoticiracconti generoracconti erotici casalingastorie sesso incestostorie sissyraconti erotici 69rracconti eroticistorie di tettoneporno mamma raccontistorie di sesso amatorialiracconti erotici matureracconti sesso 69racconti lesbo matureracconi eroticiraccontii eroticiracconti eroti ciracconti erotici violentataracconti di tetteracconti pororacconti di femminilizzazione forzatavideo porno storie verestorielle pornostorie etotiche