La mia (ex) prima fidanzata – Episodio speciale 2°

Scritto da , il 2019-09-24, genere tradimenti

E’ incredibile come certe situazione, e soprattutto certe persone, ti possono cambiare la vita. Antonella lo fece per l’ennesima volta e sono sicura che questa volta l’aveva programmato.
Noi tre, io, lei e Andrea ci vedevamo spesso. Ogni tanto facevamo sesso. Per me fare sesso in tre è stupendo ed eccitante, ma mai mi sarei aspettata il loro tradimento.
Come spesso succede, le verità si scoprono per caso ed è proprio quello che successe quel giorno.
Dovevo seguire una lezione universitaria, ma il docente era occupato altrove, quindi tornai a casa tre ore prima, ne volevo approffittare per riposare un attimo. In teoria Andrea doveva essere a Londra, lui ci andava spesso per lavoro, e il suo ritorno era previsto per le 22.
Mi ero fermata in panetteria per comprare qualcosa per la merenda, quando vidi passare Antonella, o qualcuno che le assomigliava. Mi sembrò strano e lasciai perdere.
Incontrai un’amica e ci fermammo a bere un caffè. Mi liberai dopo mezzora e salii in casa.
Presi le chiavi, ma trovai stranamente la porta aperta. La casa era silenziosa, mi aspettavo almeno di sentire abbaiare Punch, il mio cane, ma nulla. Poi sentii dei mogugni, provenivano dal bagno.
Qundi mi diressi verso la porta che conduceva a quel locale. L’aprii lentamente. La mia immaginazione galoppava, pensavo che fossero dei ladri che si prendevano una pausa per fare una doccia, pensai che fosse il mio cane, che andava in giro per casa a fare danni, ma quello che vidi mi inpietri.
Antonella era nuda sotto la doccia e dietro di lei c’era Andrea che la penetrava.
Volevo urlare, ma non mi usciva nulla dalla bocca.
Il mio ragazzo la penetrava con decisione tirandole per i capelli. Con me non era mai stato cosi violento. Le tette di Anto erano schiacciate contro le mattonelle della doccia. Si stavano, sicuramente, divertendo.
Rimasi li a guardare ero come ipnotizzata.
Credo che non fosse la prima volta che mi facevano le corna, ma sicuramente era la prima volta che li coglievo in fragrante. Nello stesso tempo ero eccitata, ma posso essere cosi scema.
Andrea la girò e questa volta se la scopava davanti leccandogli le tette. La passione tra di loro era evidente. Una parta di me voleva entrare e fermarli, l’altra partecipare, ma mi sentivo tradita.
Qualcuno spense l’acqua della doccia, si asciugarono a vicenda, lui l’aveva ancora duro. Lei lo prese per il cazzo e gli disse “dai stronzo andiamo in camera”.
Io corsi via e mi nascosi dietro il divano, loro mi passarono davanti, non mi videro ed entrarano subito in camera.
Non so perché, cercai nella mia borsa la fotocamera, allora gli smartphone non erano ancora cosi diffusi. Volevo le prove, li volevo mettere davanti a tutto.
Avevano lasciato la porta aperta, del resto pensavano di essere soli.
La borsa della mia ex era come quella di Mary Poppins. Ci potevi trovare di tutto. Ne estrasse le manette e la benda. Legò le mani dello stronzo e gli mise la benda, poi gli succhiò il cazzo. Gli introdusse due dita nel culo. E lui urlo. La lingua della troia passava ripetutamente dalle palle alla cappella, se continuava così sarebbe venuto in un attimo.
Io continuavo a scattare foto, senza sapere il vero motivo.
La puttana si sedette sul cazzo del mio fidanzato, direi ex, era voltata di spalle e il suo sguardo era diretto verso la porta, dove stavo io, per un attimo credetti che mi avesse visto.
Si stava gustando il suo enorme cazzo, i suoi movimenti erano lenti e precisi e si toccava le tette, quella vista mi eccitò pareggio. La mia mano scese in modo automatico verso i miei jeans, li sbottonai e introdussi le dita verso la mia figa, ma davvero mi stavo masturbando guardando due stronzi che mi tradivano.
Lei era fissata con il suo culo, gli lo masturbava con le sue dita. Si sdraiò sopra di lui e si faceva scopare strusciando la sua schiena sul suo petto. Andrea era in difficoltà, la voleva toccare, prendere l’iniziativa ma era evidente chi comandasse.
Più il cazzo gli entrava dentro, più lei si masturbava il clito. Le sue bestemmia risuonavano nella stanza. Inarcò la schiena, il suo respiro si fece più intenso, stava raggiungendo l’orgasmo e il liquido che gli uscì copioso dalla sua vagina me lo confermò.
Lei non lasciava mai il suo partner insoddisfatto, ma quello che vidi dopo fu traumatico.
Gli bacià delicatamente il cazzo, gli lo afferrò con la sua mano, lo segò e lo scopò con la lingua. Quella situazione era gia presente nella mia testa, la faceva spesso con me, ma di solito concludeva in modo diverso. Spesso dopo mi inculava, ma mai l’avrebbe fatto con lui.
Quanto mi sbagliai, tornò alla sua borsa e prese un piccolo cazzo finto.
Andrea, con la benda sugli occhi, non poteva capire quello che gli sarebbe successo. Si limitava a chiedere dove fosse finita, che voleva il suo corpo, che solo lei sapeva come farlo godere.
Quello fu un colpo al mio cuore e al mio orgoglio.
“E ad Antonella non ci pensi?” – Era la stessa domanda che gli avrei fatto io.
“Lei è una ragazzina, tu sei una donna” – Hai capito l’imbecille.
Dopo quelle parole, Antonella gli leccò la cappella, si concentrò sul piccolo buchino.
“Rilassati!!”
Nemmeno il tempo di ascoltare la risposta e gli mise il dildo anale nel culo. Lo penetrò con forza, e Andrea attraversò, in dieci secondi, tre stati animi. Si impaurì, si arrabbiò e poi si eccitò.
Antonella sapeva sempre quello che faceva.
Prese il suo cazzo tutto in bocca fino a raggiungere le sue palle, poi lo fece uscire passando i suoi denti sulla sua asta. Gli lasciò il dildo nel culo e lo segò velocemente. Il suo cazzo si induri ancora di più, le sue palle si contrattero ed esplose come un vulcano, riempendo il seno della mia ex.
Durante tutta quella scema, mi masturbai copiosamente, ormai non scattavo più foto.

Una volta che la loro prestazione fu ultimata, me ne tornai in sala e mi sedetti sul divano.
Fu li che i due stronzi mi trovarono. Appena mi videro, smisero di parlare e ridere.
Antonella cercò di fare finta di nulla e mi baciò. Io la respinsi.
“Siete due stronzi”
“Ma tesoro, cosa cambia, tanto scopiamo sempre” – Il mio ragazzo tentò di difendersi così.
“Uhnn quindi io non sono una ragazzina e lei una donna” – Risposi offesa, mi ferirono quasi di più le parole che il fatto che scopavano.
“Da quanto va avanti?” – Nessuno rispose – “Allora!!!”
“Due mesi” – Fu Antonella a rispondere per prima.
“Bene, complementi”
Non li volevo più vedere, lasciai la fotocamera sul tavolo.
“Se vi interessa, qui dentro c’è tutta la vostra prestazione”
Liberai il mio cane dal terrazzo, lui era il mio vero amore, e me ne andai sbattendo la porta.
Io non amo litigare, e farlo mi fa sentire ancora più male.
Rividi solo una volta Andrea, dovevo riprendere le mie cose. Cercò di scusarsi. Lui si trasferi definitivamente a Londra, a quante pare aveva un amante pure li.
Quando ci si sente sceme quando succedono queste cose. Ti senti presa in giro due volte.
Antonella si fece perdonare un anno dopo. A quanto pare voleva vendicarsi della nostra rottura e di come fosse avvenuta. Comunque su Andrea aveva ragione.
Ma come dico sempre. Ora ho trovato un ragazzo stupendo, Riccardo. Lo scrivo solamente in caso lui legga questo racconto e, soprattutto, mio figlio mi rende felice e mi riempe tutta la giornata.
Quindi chi se ne fotte del passato, inutile tornare a soffrire, anzì è molto più bello ricordare quanto mi fossi divertita.

Questo racconto di è stato letto 1 9 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie porno a fumettistorie di sesso analesuocera racconti eroticierotici racconti.comracconti porno suocerai generi dei racconti gayracconti erotici nonno e nipotestorie di mariti cornutiracconti erotici di ragazzei migliori racconti eroticistorir pornomamma ti sborroprimo ditalinoracconti porno famigliaeroticiracconti.itporno molto eccitantiracconti di massaggiraccinti pornoraccontineroticiracconti porno mogli troieracconti porraccontihotdonna sodomizzatapadrona e sottomessoraconti eroticeracconti porno con animaliracconti eroticaracconti erotici il vecchioracconti erotici mia moglieraccomti eroticibisex raccontiracconti porno zoofiliaracconti transgendersrorie pornoracconti tranzia nipote raccontiracconti sporchiracconti porno donneracconti erotici dal medicofotoracconti hoterotici raccontiracconti ragazzegeneri dei racconti eroticiscopata raccontotacconti eroticiracconi pornoincesto con cognataincesti proibitierotici raccontoracconti reoticiracconti pirnoracconti prime esperienze sessualiracconti cucklodmoglie sodomizza maritoracconti incesti in famigliaracconti erotici canigay al cinema pornoracconti di sesso gratisracconti sculacciataracconti solleticomilu eroticibondage storieracconti erotici di cornaracconti erotici primo pompinomi fotto mia cuginaseghe al cinema pornoracconti erotici confessioniquella troia di mia suocerastorie di figaracconto incestolettere hard da leggere gratisracconti ereoticiacconti porno