Cronache di Rossella seconda parte

Scritto da , il 2019-09-19, genere dominazione

Cronache di Rossella

 

Capitolo 2

 

La mattina seguente durante tutta la durata del viaggio Rossella fu preoccupata pensando di dover affrontare Santo ma anche turbata al pensiero che il bidello provasse a toccarla ancora.

Giuseppe dal canto suo era stato in agitazione l’intero pomeriggio, pensando a come comportarsi l’indomani con la Signorina.

La sera per sfogarsi se ne era andato a puttane sperando di riuscire ad avere un’erezione, cosa ormai per lui più unica che rara, in alternativa si sarebbe accontentato di un pompino.

Era stata un’impresa, anche perché la puttana si era rifiutata categoricamente, vista la sua scarsa pulizia, di succhiarglielo.

Ma pensando a Rossella, mentre si faceva fare una sega dalla prostituta, era riuscito a farselo venire duro e così messo il profilattico era riuscito a scoparsela a pecorina mentre continuava a ripetere “Rossella, puttana”.

La notte gli aveva portato consiglio: il bidello aveva deciso che, nell’immediato, non avrebbe adottato alcuno stratagemma per allungare le mani su Rossella.

Aveva chiaramente percepito l’immediata reazione negativa della ragazza alle sue carezze spinte, ma non riusciva a capire perché poi, la stessa, gli avesse consentito di riprendere a toccarla e addirittura di farsi toccare la figa.

Aveva pensato che il tutto era collegato alla necessità di Rossella di essere accompagnata in auto (e non sbagliava).

Pertanto quei passaggi la Signorina li doveva pagare e li doveva pagare in natura.

All'arrivo del bus Giuseppe aveva aspettato la ragazza in auto senza scendere, aveva messo in moto e avvicinato la macchina tanto da consentire alla signorina di accomodarsi senza percorrere il minimo tratto di strada a piedi.

Così Santo che era lì ad aspettare Rossella non era riuscito ad avvicinarla.

Rossella si era accomodata in macchina, rivolgendo le ginocchia verso lo sportello in maniera da allontanare le cosce il più possibile dalle mani di Giuseppe, aveva salutato il bidello e poi aveva addirittura accavallato la gamba sinistra sulla destra rivolgendo all'altro quasi le spalle.

Giuseppe aveva ricambiato il saluto e, colti i chiari segnali di distacco che trasparivano dal comportamento della ragazza aveva aggiunto: “Signorina non so se oggi potrò riaccompagnarla all’uscita ho un impegno e non so se posso disdirlo”.

Poi allungando la mano, e poggiandola a palmo aperto sulla parte posteriore della coscia all'altezza del culo di Rossella, aveva iniziato a darle delle sculacciatine mentre aggiungeva: “devo vedere se posso liberarmi”.

Rossella che pensava, avendo preso quella posizione, di tutelarsi dalle palpazioni del bidello, gli aveva offerto involontariamente un boccone prelibato il culo, la sua parta anatomica che da tempo aveva attirato gli sguardi e l'interesse del vecchio maniaco buongustaio.

A quel contatto la ragazza si era ancor più ritratta, ma così facendo aveva sollevato ulteriormente la gamba e consentito al porco di infilare addirittura tutta la mano sotto il suo culo.

Il bidello ora le palpava comodamente la chiappa sinistra e con il dito medio ogni tanto si spingeva a tintillarle la figa e mentre ormai si era impossessato del culo della ragazza aveva aggiunto: “ma? Vedrò di liberarmi, è il minimo che possa fare per una signorina così educata e “disponibile” sottolineando con il tono della voce la parola “disponibile”.

Santo dal canto suo non aveva accettato bene quell’ennesimo rifiuto ed era inasprito dal comportamento di Rossella che sistematicamente lo sfuggiva.

La delusione era amplificata dal fatto che i compagni avevano notato che Rossella lo evitava e avevano iniziato a prenderlo in giro: persino “la cowboy” il “maschiaccio” non voleva sentirne di stare con lui.

Prendendolo in giro gli avevano detto di provare a convincere “la cowboy” facendole montare qualche cavallo della sua stalla.

Così provocato, Santo non aveva resistito e aveva risposto che era lui a montare Lei, millantando di aver avuto incontri intimi con Rossella.

Raccontò che si era appartato in diverse occasioni con la ragazza del Liceo negli spogliatoi inagibili della palestra, ed era riuscito non solo a farselo succhiare ma addirittura a scoparla e persino a metterglielo nel culo.

Disse che lui e Rossella erano d’accordo: Lei fingeva di evitarlo per non rendere di dominio pubblico la loro relazione, in questa maniera potevano continuare ad avere liberamente i loro rapporti sessuali e mantenerli segreti.

In un colpo solo, Santo era riuscito a ribaltare la situazione che lo vedeva ora in vantaggio.

Se gli altri si facevano spompinare da Ombretta cento polmoni, lui addirittura non solo aveva una bocca disponibile in esclusiva per se ma a quella stessa ragazza lo metteva anche in figa e in culo.

Ora bisogna contestualizzare e partire da fatto che ci troviamo alla fine degli anni settanta nel Meridione, in un grosso paese di provincia, ma pur sempre un paese, dove la mentalità comune ancora è piuttosto bigotta.

Qui al Sud c'è ancora la fissazione, che quelle che se lo fanno mettere in culo sono delle poco di buono, delle vacche e delle troie.

Se il piacere femminile rappresenta quasi una colpa per quelle che lo provano, figuriamoci come viene giudicata una che lo prende nel culo e gode ad essere sfondata.

Questo è uno dei motivi per cui ci sono tante relazione extra coniugali.

Tante donne, tenute come sante  sopra il piedistallo dai mariti, cercano qualcuno che le tratti da puttane,

Non tutte sono fortunate a trovare dei mariti porci che le fanno godere e godono del loro corpo in ogni modo.

Alla luce di tutto ciò, i ragazzi dalla successiva lezione di ginnastica cominciarono a guardare Rossella con occhi diversi e i loro sguardi erano rivolti sempre verso quella specifica parte anatomica: il suo culo.

Mentre la ragazza giocava a pallavolo non le staccavano gli occhi di dosso nemmeno un attimo.

Appena la ragazza si piegava per prepararsi a ricevere la battuta calava il silenzio e si sentiva qualche ohh.sussurrato di approvazione.

I loro commenti erano volgari ma ben calzanti alle sue forme: era selvaggia si, ma era una gran cavalla con gambe lunghe e un bel culo: alto, generoso, ben fasciato e valorizzato dai pantaloni aderentissimi della tuta di ginnastica che regalavano perfettamente alla vista tutte le curve e le pieghe dei suoi glutei.

Rossella aveva già messo in conto di comprare una nuova tuta perché quella le stava veramente stretta in quanto sia il suo culo che le sue tette erano notevolmente ingrossati.

Intanto in attesa delle fiera del paese, in occasione della quale aveva messo in conto di acquistare il nuovo indumento, continuava ad indossare quel pantalone color carne che addosso aderiva come una seconda pelle.

E i ragazzi si godevano lo spettacolo: era come essere al cinema e guardare il culo di Serena Grandi.

Ma come avevano fatto a non notarla prima, ora erano arrapati al pensiero che quella troia lo prendesse nel culo.

La guardavano e commentavano: “si vede che ce l'ha aperto, che è un culo lavorato”.

Al termine delle lezioni Rossella accompagnata dal bidello aveva ancora una volta evitato Santo.

Tuttavia complice la praticità e l’elasticità della tuta di ginnastica Giuseppe si era spinto ed infilarle da dietro una mano toccandole il culo nudo.

Il bidello si era infoiato come un mandrillo verificando che la Signorina aveva sia il bucchetto dietro che lo sticchio, come lo chiamava lui, completamente bagnati, ma aveva collegato ciò alla eccessiva sudorazione causata dalla temperatura elevata associata al fatto che Rossella aveva alla penultima ora educazione fisica.

Passarono i giorni, ne erano trascorsi già cinque, e ormai Rossella era completamente succube di Giuseppe per l'ennesima volta al mattino Rossella doveva sottostare agli umilianti palpeggiamenti di Giuseppe.

Rossella stavolta aveva evitato di indossare la tuta per evitare di essere ancora di più esposta alle carezze del bidello.

Si sentiva più garantita dalla pesante stoffa dei jeans rispetto alla sottile maglina del pantalone della tuta.

Oltretutto, come vi ho già raccontato, in occasione della precedente lezione di educazione fisica al momento dell’uscita da scuola, complice la praticità e l’elasticità della tuta da ginnastica, Giuseppe si era spinto ed infilarle da dietro una mano toccandole il culo nudo e persino la figa e il buchetto del culo.

Di conseguenza Giuseppe, cosciente che oggi la Signorina dovesse andare in palestra, era smanioso e impaziente pensando che avrebbe potuto di nuovo metterle le mani sulla giovane carne nuda di Rossella.

Era stata una delusione vederla arrivare indossando i Jeans.

Giuseppe prontamente le aveva chiesto il perché oggi non indossasse il pantalone della tuta?”

Rossella gli aveva risposto “mia mamma non vuole che lo metta più, dice che è troppo aderente e quando lo indosso sembro nuda”.

La risposta aveva indispettito Giuseppe che non le aveva più rivolto la parola sino a scuola.

Rossella aveva pensato che forse finalmente si era liberata di quelle inopportune attenzioni ma l’evidenza dei fatti le avrebbe dato torto.

Alla terza ora infatti si sentì bussare alla porta della sua classe e l’insegnate invitò ad entrare: era Giuseppe il bidello, la signorina Rossella Di Bella era desiderata in segreteria.

La docente aveva autorizzato Rossella ad andare con il bidello in segreteria e così i due si erano allontanati dall’aula.

Ma durante il tragitto lungo il corridoio Giuseppe aveva improvvisamente afferrato la Signorina spingendola nel ripostiglio dei bidelli, del quale in quanto unico bidello maschio era esclusivo detentore della chiave.

Qui tenendole una mano premuta sulla bocca le aveva detto che era stata cattiva e andava punita: con la mano sinistra le aveva bloccato come in una morsa entrambi i polsi dietro la schiena.

Poi le aveva chiesto di dargli un bacino, spingendo le labbra verso quelle lebbra della ragazza che prontamente aveva girato il viso porgendogli la guancia.

Ma Giuseppe l'aveva afferrata per il naso e stringendoglielo aveva portato di nuovo il viso di Rossella in posizione frontale mentre la ragazza per prendere aria era costretta ad aprire la bocca.

Il vecchio bavoso ne aveva approfittato subito, prima sputandole in bocca e poi mettendole la lingua in bocca e iniziando a baciarla.

Rossella non aveva reagito ora le sue mani erano libere e mentre Giuseppe le dava delle leccate con la lingua piatta su tutto il viso lei non proferiva suono.

A quel punto il bidello le aveva sbottonato il jeans e glieli aveva abbassati all'altezza delle ginocchia.

Poi aveva avvicinato una sedia, costringendo la Signorina a mettersi in ginocchio sulla sedia in posizione per essere sculacciata.

Ma la sua reale intenzione non era sculacciarla ma sottoporla ad una ben più perversa pratica.

Quando al mattino era stato indispettito dal comportamento di Rossella aveva architettato un perverso piano: era andato in farmacia, acquistato una peretta per enteroclismi e aveva evitato di andare a fare pipì sino a quel momento.

La sua intenzione era di fare un clistere di piscio a quella diciottenne che tanto lo faceva arrapare.

Quindi era passato ai fatti: mentre Rossella immobile attendeva in ginocchio sulla sedia, Giuseppe aveva preso un contenitore e vi aveva pisciato dentro, poi aveva riempito la peretta di piscio e aveva iniettato nel retto della consenziente ragazza il liquido caldo, l'operazione l'aveva ripetuta sino a quando tutta la sua pipì era stata trasferita nel pancino della ragazza.

Intanto Santo era stato messo alle strette e non poteva più tergiversare, alcuni suoi compagni gli avevano chiesto di fornire la prova che quello che diceva era vero: oggi durante l'ora di educazione fisica alcuni di loro si sarebbero nascosti negli spogliatoi inagibili, dove poi sarebbe arrivato Santo con Rossella. I ragazzi nascosti nei bagni avrebbero assistito al rapporto sessuale tra i due.

Nello stesso tempo al Liceo era suonata la fine della terza ora e Rossella che ultimato il clistere era rimasta in ginocchio sulla sedia mentre il bidello la sculacciava si era rimessa di fretta in ordine e senza poter andare in bagno per liberare l'intestino dal piscio del vecchio porco era rientrata in classe appena in tempo prima che la prof di matematica lasciasse l'aula.

Durante il tragitto per rientrare in aula Rossella si era resa conto di quello che aveva volontariamente permesso che il bidello le facesse e aveva deciso che il segno era colmo non poteva più sottostare ai desideri di quel vecchio porco.

Ma per fare questo doveva risolvere anche un altro problema doveva convincere Santo che fra loro non poteva esserci niente.

Decise che durante l'ora di educazione fisica avrebbe chiarito con Santo, non voleva più che lui la importunasse.

All’arrivo dell’insegnante di educazione fisica Rossella, che intanto iniziava a sentire parecchio fastidio al pancino a causa dell’ignobile liquido giallastro che aveva ricevuto in corpo, aveva subito chiesto il permesso di andare in bagno.

La docente era arrivata leggermente in ritardo e le aveva risposto di trattenersi sino all’arrivo in palestra perché dovevano spostarsi subito e tutti non potevano aspettare che lei facesse i suoi comodi.

La ragazza aveva ribadito l’urgenza del bisogno fisiologico ma si era sentita rispondere che per fare il suo bisognino avrebbe dovuto aspettare di arrivare in palestra, l’intera classe non poteva ritardare l'inizio della lezione, se la cosa era così urgente avrebbe potuto pensarci prima.

Arrivati in palestra Rossella ormai al limite della resistenza aveva chiesto di andare in bagno e ciò le era stato prontamente concesso.

Non aveva quasi avuto nemmeno il tempo di sedersi sul wc che aveva iniziato a liberarsi.

Quel doloroso clistere di piscio trattenuto così al lungo le aveva nettato l’intestino.

Anche i ragazzi della quinta geometra, arrivata la quarta ora i ragazzi, si erano recati in palestra.

Santo l’aveva vista correre verso i bagni e l’aveva seguita costretto com’era a diventare intraprendente.

All’uscita di Rossella dal bagno Santo aveva sostituito i precedenti timidi tentativi di parlarle con un approccio più deciso.

In tale maniera era riuscito ad avvicinarsi mentre discutevano alla porta degli spogliatoi inagibili.

Dal canto suo Rossella non si era sottratta all’insistenza di Santo perché era suo proposito chiarire una volte per tutte l’equivoco che si era creato.

Rossella però non aveva previsto di essere trascinata per un braccio con fare autoritario dentro lo spogliatoio.

Questo racconto di è stato letto 3 1 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di sottomesseracconti porno con animalifaccio l'amore con mio figliofemdom raccontifarmi leccare i pieditest pompiniraacconti eroticicuckold raccontogeneri eroticirqcconti gayracconti eoticiracconti visita medicaracconti potnolibri eros da leggere online gratisnonno incestoracconti incesti lesbosesso di gruppo raccontiracconti sborrateracconti erotici incestiracconti di sesso amatorialierotici racconti.itracconti erotici dal dottoreconti eroticiincesti sessoracconti porno sexstorie eroticheracc eroticierorici raccontiracconti porno illustratistorie porno dominazioneracconti erotici piccolastorie di adultistorie sesracconti di masturbazione femminilestorie eroticeero raccporno racconti tradimenticome scoparsi la vicinasesso con mia nipoteracconti wroticimariti cornuti raccontiracconti porno itatroia suocerale seghe di mia ziabisex raccontiracconti suocera e generoorgia scolasticamio marito bisextesti eroticiracconti inculatasesso storiei generi raccontiincesto racconti eroticiraccinti eroticiracconti di sesso e tradimentistoriw pornoracconti erotiracconti porno brevistorie di e per adultiracco ti eroticinuovi racconti eroticiracconti erotici zieracconti amorosimilù raccracconti milstorie di sessoracconti 69 incestoracconti lesbicaraccontieroticiincestoraccontieroticiracconti porno dominazionestorie scambististorie sadomasocognata provocanteracconti di donne vogliosegenere dei racconti erotici