La Famiglia Perosi - Capitolo 4 - Il dominio.

Scritto da , il 2019-09-16, genere incesti

Capitolo 4 – Il dominio.

La mattina successiva, come programmato, almeno da me, salimmo in auto presto per andare al centro commerciale, avremmo evitato il caldo asfissiante di quei giorni, godendoci un po' di aria condizionata.
Mamma indossava un paio di pantaloni di lino, niente di attillato ed una camicia di cotone, evidentemente non si fidava di me e voleva attrarre il meno possibile le mie attenzioni. Io invece optai per un paio di pantaloncini con grandi tasche e un t-shirt.
Non c'era molto traffico, ma impiegammo comunque circa 30 minuti per arrivare, il parcheggio era semi deserto.... non c'era molta gente in giro con quel caldo.
Entrammo nel centro commerciale e mia madre iniziò a guardarsi in giro in cerca della mappa dei negozi per vedere da che parte fosse il negozio di elettrodomestici, il mio sguardo invece era in cerca di ben altro...

“Ok è al secondo piano, andiamo al volo, compriamo il forno e torniamo a casa, non ho voglia di stare qui”.

“Ok, andiamo...” risposi sorridendo, il negozio che cercavo era proprio 4 vetrine più in là... quando si dice il caso.
Salimmo le scale mobili, mamma davanti e io dietro e ne approfittai per dare una sbirciatina al suo culo, ma con quei pantaloni larghi, non si vedeva niente di interessante.
Arrivati all'ingresso del negozio, mi allontanai dai lei dirigendomi dal lato opposto....

“Ehi dove vai, il negozio è questo!”

“Beh ho pensato che mentre guardi i vari modelli e scegli il forno io posso andare a prendere il libro per la scuola, no?! Così ottimizziamo i tempi.”

“Ma non dovevi aiutarmi a decidere?”

“Beh chi meglio di te che lo usa può scegliere!?” Ed allungai il passo allontanandomi.

“Come suo padre... inaffidabile” mormorò tra sé mia madre entrando nel negozio di elettrodomestici.

Non appena fui fuori dalla sua vista mi catapultai verso il mio obiettivo. Aveva aperto da poco, all'interno del centro, facendo anche un bel po' di scandalo visto il posto frequentato da famiglie, un piccolo sexy shop.
Mi fermai davanti la porta e premetti il pulsante del citofono, incrociando le dita dato che c'era un cartello gigante con scritto: Vietato ai minori di 18 anni.
La porta si aprì leggermente con un clack.... diedi un'occhiata in giro per controllare che nessuno mi stesse osservando e mi catapultai dentro.
Passai rapido come un fulmine davanti la cassa fingendo di guardare altrove per non incrociare lo sguardo con l'uomo alla cassa e dissi un frettoloso:

“Buongiorno!” facendo un po' la voce roca e tossicchiando.

Il cassiere non mi degnò di uno sguardo mentre rispondeva al saluto. Il primo passo era fatto, almeno ero dentro, una volta trovato quello che cercavo avrei pensato a come uscire.
Passavo davanti gli scaffali di lingerie, falli d gomma ed ogni specie di giocattoli sessuali, alcuni dei quali potevo solo immaginare la funzione.
Quando davanti agli occhi mi si parò il mio obiettivo, la “scatola del piacere”.
Era un set di sex-toy elettronici ultimo grido, all'interno conteneva, un dvd dimostrativo con un'app che poteva essere installata sul cellulare per comandare a distanza un paio di mutandine vibranti su cui potevano essere applicati 1 o 2 gadget, tra cui un ovetto vaginale ed un plug anale, completavano il set, delle mollette per capezzoli, un grosso fallo di gomma doppio (immaginai per stimolare sia la fica che l'ano) ed una mini cintura di castità su cui potevano essere applicati altri gadget vaginali/anali/vibranti.
Presi la scatola dirigendomi alla cassa ed un po' timoroso l'appoggiai davanti la cassa con sopra i 120€, i 100€ di papà + il mio fondo cassa residuo da 15enne squattrinato, gli ultimi 20€ che mi erano rimasti. Mentre il cassiere faceva il conto rimanevo di spalle per non farmi notare fingendo di guardare uno scaffale...

“Complimenti, con questo si divertirà un mondo, è l'ultimo grido per far godere una femmina”.

“Lo spero bene” Borbottai fremente.

“Ecco la lei, grazie per l'acquist....” non terminò la parola che incrociammo lo sguardo, prima che potesse rendersi conto della mia età o dire qualcosa afferrai la busta e mi fiondai sulla porta di uscita, fortunatamente ero più alto della media e si notava poco quanto fossi piccolo d'età se non mi si guardava bene.

“Ehi tu ma quanti anni hai?” mi gridò dietro. “Ehi!”. Troppo tardi, oramai ero uscito col mio bottino. Per un attimo temetti che mi venisse dietro, ma dalla porta non uscì nessuno, in fondo ero un cliente che aveva sganciato bene. In giro non c'era un'anima, così tornai verso il negozio di elettrodomestici fermandomi fuori dalla porta d'ingresso.

Dopo un quarto d'ora vidi mia madre uscire mentre sistemava qualcosa nella borsa.
Mi vide e mi venne incontro.

“Preso il forno?” chiesi disinteressato.

“L'ho ordinato, lo consegnano a casa la settimana prossima, tu preso il libro?”

“Certo!” risposi tenendo la busta seminascosta dietro le gambe.

“Ma che razza di libro è, per metterlo in una busta così grande?” chiese sospettosa mamma.

“Beh già che c'ero visto che non arrivavi ho comprato anche un videogame...”.

“Sempre a spendere per quegli stupidi videogiochi... scommetto che ti sei speso fino all'ultimo centesimo di risparmio, vero?”

Feci spallucce ridendo e le dissi: “sono soldi spesi bene, mi divertirò un mondo con questo” e diedi un colpetto alla busta.

“Va bene andiamo, così ho il tempo di riposarmi un po' prima di preparare il pranzo.” E ci incamminammo verso l'uscita.

Poco prima di arrivare alla porta notai un negozio particolarmente addobbato, sulla porta c'era un arco di palloncini e cartelli giganti con scritto -Nuova Apertura, Offerte promozionali primi clienti!-

Mamma stava per passare oltre quando l'afferrai per la mano... tirandola e costringendola a cambiare direzione.

“Ma che fai... per poco non mi fai cadere!?”

“Non così in fretta, facciamo un salto lì indicando il negozio di intimo” risposi secco.

“Ma cosa devi fare lì....” disse, mentre realizzava che la risposta non le sarebbe piaciuta.

“Il forno l'abbiamo preso, il nostro dovere l'abbiamo fatto, no?! Ora il piacere...” dissi calcando bene l'ultima parola e tirandola verso l'entrata del negozio.

“Che diamine devi fare lì, non ho voglia di stare qui tutto il giorno, andiamo dai...”. Disse supplichevole, in un disperato tentativo di portarmi via di lì.

“Oh non ti preoccupare, vedrai che faremo presto e ti divertirai anche tu.” Mi guardò preoccupata, quel ti divertirai anche tu non presagiva niente di buono.

Arrivati davanti la vetrina del nuovo megastore di “Intimissimi” si bloccò sulla porta.

“Che intenzioni hai?”. Chiese evidentemente preoccupata.

“Oh non ti preoccupare mamma, come sai papà mi ha regalato un po' di soldi per un videogame, ma era in sconto ed il resto lo voglio spendere per farti un bel regalo”. Mentii spudoratamente, dato che non avevo un euro.

Mia madre si accigliò e non accennava a muoversi così entrai trascinandola per la mano.
Si guardava intorno sconsolata.

“Marco ti prego andiamo via, se qualcuno che ci conosce, ci vede?”

“Beh non puoi comprare un po' di intimo?”

“Certo, ma non con mio figlio.”

“Se fare shopping con me ti preoccupa tanto vedi di fare poche storie e sbrigati, c'è poca gente in giro e la commessa non ti conosce.... quindi....”

Appena entrati la commessa si fece subito avanti chiedendo se ci servisse qualcosa squadrando quella strana coppia, un ragazzino con una donna adulta.

“Posso essere d'aiuto?” disse guardandoci dubbiosa.

Mamma fece cenno di no con la testa e balbettò un incomprensibile:

“N-no ggr-raa-zie”. Intervenni io aggiungendo, in maniera più comprensibile:

“no grazie. Diamo uno sguardo in giro dobbiamo fare un regalo”. Traendola d'impaccio, dato che era visibilmente imbarazzata.

La commessa sorrise forzatamente e si fece da parte, lasciandoci addentrare nel negozio, ma seguendoci con lo sguardo.

“Prego, chiamatemi se avete bisogno d'aiuto.”

Era davvero enorme ci saranno state 30 o 40 file di scaffali. C'era modelli di tutti i tipi, bikini, interi, perizomi, costumi, etc...
Camminando avanti e indietro guardavo i vari modelli fino a quando non trovai quello che cercavo, dei completini molto sexy alcuni monopezzo, altri con reggicalze e push up... mia madre non degnava di uno sguardo i completini che afferravo per vederli meglio, ma si guardava intorno per paura che qualcuno la vedesse... scelti 5 o 6 completi la portai verso i camerini.

“Su da brava entra e prova il primo, voglio proprio vedere come ti sta addosso”.

“Sei pazzo? Io quella roba non la metto”. Vedendo quale modello tenevo in mano.

“Oh si che lo provi, anzi facciamo così visto che hai così paura di farti vedere con tuo figlio, entro con te nel camerino” e così dicendo la spinsi dentro, chiudendo la tendina dietro di me. In due ci si stava un po' stretti, ma c'era abbastanza spazio. Posai la busta in un angolo ed appesi le stampelle con i completini all'appendiabiti del camerino, tirando bene la tenda dietro di me per non lasciare spiragli sui lati.

“Su spogliati e prova il primo, è un ordine”. Mi guardò di traverso, ma poi lentamente iniziò a spogliarsi. Quando era rimasta in intimo si fermò di nuovo.

“Beh che c'è, ti vergogni? Su sbrigati, spogliati.” E così dicendo le afferrai il lembo delle mutandine. Si ritrasse appiattendosi contro lo specchio del camerino, ma poi lentamente iniziò a slacciarsi il reggiseno, coprendosi con una mano il seno prorompente, mentre con l'altra mano si sfilava le mutandine, coprendosi poi velocemente con la mano la figa esposta.

“Madonna mia, quante storie.... ti ho già vista nuda ricordi? Mentre ti facevi scopare...”

La frase riportò alla mente il ricordo doloroso di quella sera... Da quel giorno non era stata più lei... sempre sul chi va là per evitare le attenzioni morbose del figlio, aveva perso la serenità e non sapeva proprio come uscirne, pian piano il figlio stava avendo il sopravvento su di lei ed il rapporto genitore-figlio si era invertito. Doveva obbedire ad ogni suo comando o avrebbe raccontato tutto al marito, rovinando per sempre la famiglia.

“Avanti tieni! Prova il primo”.

Un completo di pizzo nero, reggiseno e mutandine. Niente male ma era poco “aggressivo” volevo qualcosa di più spinto.

Così le passai il secondo, un monopezzo con mutandina a perizoma che metteva decisamente in risalto il suo bel culo, copriva integralmente la pancia e terminava con un reggiseno a balconcino che le faceva sembrare il seno ancora più grande.

“Uhm questo non è niente male, su fai una capovolta, voglio vederti bene da tutte le angolazioni, girati!” dissi imitando il gesto della capovolta con le dita.

Ruotò su se stessa mettendo in mostra il suo corpo da favola, appena fu di spalle allungai le mani afferrandole le chiappe, spaventata emise un gridolino. Subito da fuori si sentì domandare:

“Tutto bene signora? Serve aiuto?” Mamma mi guardò spaventata, era stata colta di sorpresa dalla commessa impicciona, che evidentemente era venuta verso i camerini apposta per vedere dove fossimo finiti. Le feci cenno di stare zitta con l'indice sulla bocca e poi le sussurrai all'orecchio cosa dire.

“N-no.. t-tutto bene grazie.”

“Chiami pure se le occorre qualcosa o se vuole provare un altro modello.”

“Si grazie, se serve la chiamo, grazie mille”.

Aspettai qualche secondo poi sbirciai dalla tendina per vedere se fosse ancora lì, ma la sua attenzione era stata attratta da un'altra signora entrata nel camerino di fronte.

“Bene la rompicoglioni è impegnata con un'altra cliente, su prova quest'altro.” sussurrai per non farmi sentire, porgendole un altro capo.

“Ti prego, andiamo via, ci ha quasi sorpresi, che figura ci faccio nuda nel camerino, con mio figlio...”. La interruppi spazientito.

“Prova questo, mi sento che è quello giusto, così ce ne possiamo andare”. Quando lo prese, notai subito il suo sguardo inorridito, mamma non era un tipo casto, ma quello era decisamente troppo anche per lei.

Era un set in tre pezzi, la mutandina di pizzo era semi trasparente sul davanti, mentre dietro era a perizoma, un filetto striminzito di stoffa che si sarebbe assestato tra le sue chiappette sode.
Il reggiseno era push up fatto a retina, praticamente lasciava completamente scoperto il seno, a malapena c'era un minuscolo cerchietto di stoffa al centro che copriva l'areola ed il capezzolo e per completare l'opera, il reggicalze coordinato.
Appena se lo mise addosso il cuore mi salì il gola, c'era una sola parola per descrivere l'effetto: Arrapante!.

“Sei terribilmente sexy!! E' questo quello giusto per te, faresti impazzire chiunque con questo”.

“Non lo metterò mai!”.

“Oh si che lo farai.” dissi minaccioso.

“T puoi rivestire, andiamo a pagare.” si era appena sfilato il completino che da fuori.

“Trovato qualcosa di suo gusto?” La commessa rompicoglioni era tornata alla carica.
Mamma mi guardò di nuovo nel panico e con un bisbiglio appena percettibile mi disse...

“E ora? Come usciamo?”. La guardai pensieroso e mi venne un'idea. Potevo approfittare della commessa per.... avvicinai la bocca all'orecchio di mamma, che presa dal panico non si era ancora rivestita ed era rimasta nuda senza curarsi della mia presenza, e le dissi per fila e per segno cosa doveva dire e fare.

“Si qualcosa che mi piace l'ho trovato, ma sono indecisa tra due modelli... e poi il colore... non so non mi convince del tutto” disse mia madre seguendo alla lettera le mie indicazioni.

“Mi dica pure signora, che modello ha scelto”. Mamma mise fuori un braccio porgendogli gli ultimi due completi indossati.

“Non so questi mi piacciono ma non saprei decidere, lei cosa mi consiglia?”. Presa dalla recita con la commessa non si rese conto del mio armeggiare con la busta. Tirai fuori al volo l'ovetto vibrante e scaricai l'app sul cellulare inserendo il codice per l'attivazione, provai ad accenderlo.

“Perfetto, funziona!” Parlai a voce un po' troppo alta, mia madre si voltò seccata, mentre la commessa da fuori chiese:

“Cosa?”. Mamma cercò di prendere di distrarla, dicendole che forse la taglia era sbagliata, se poteva prenderne una con la quinta di reggiseno.
Mentre la conversazione andava avanti iniziai ad accarezzare il culo di mamma, lei mi guardò inviperita, cercando di scacciarmi con la mano, ma più di tanto non poteva fare o avrebbe insospettito la commessa... così osai sempre più, mi inginocchiai alle sue spalle e mentre le allargavo le chiappe, iniziai dare delle belle leccate alla sua rosellina, per poi passare al pezzetto di pelle tra l'ano e la fica... mia madre cercava di divincolarsi, ma così facendo urtò la tenda aprendo un leggero spiraglio, per fortuna fu velocissima ad afferrare entrambi i lembi della tendina richiudendola velocemente senza che la commessa da fuori potesse vedere niente.
Io continuavo a dare poderose leccate che stimolavano un punto particolarmente sensibile del corpo femminile tanto che allungando la mano sulla fica, potei sentire chiaramente quanto si fosse bagnata.

“Vado a prenderle la taglia superiore, torno subito.” Non appena la commessa si fu allontanata mia madre mi spinse via, facendomi finire con il sedere per terra mentre sbattevo la testa sul muro.

“Sei impazzito? Vuoi farci scoprire, finiscila subito!”.

“Sei tu che ci stavi per far scoprire non stavi ferma....” ridacchiavi mentre mi massaggiavo la testa.

“Ah certo, vedi un po' tu.. la colpa è anche la mia, che cerco di non farmi molestare!”

Sorrisi soddisfatto quando la commessa da fuori richiamò l'attenzione di mamma.

“Ecco signora ho preso l'altra taglia del modello 3 pezzi e mi sono permessa di suggerire un altro colore”. Mamma si sporse col braccio fuori dal camerino per prendere il completo e così facendo abbassò nuovamente la guardia. Fui lesto a riprendere il mio lavoro di bocca, questa volta sul davanti, lappando e succhiando le labbra della fica ed il clitoride. Mamma non poteva fare nulla. Le infilai un dito nella fica, facendola gemere leggermente tanto che la commessa pensando fosse una smorfia di disgusto, per il colore del completo aggiunse:

“Se non le piace, l'abbiamo anche bianco o rosso”.

Mamma trattenendo i gemiti rispose:

“No mi piacciono le cose classiche, bianco o nero, grazie, provo come mi sta e se serve la chiamo”.

Non appena la commessa si allontanò aggiunse:

“Stupido! Idiota, per poco non ti vede... che figura dio mio... non potrò più farmi vedere in giro... finiscila ormai sospetta qualcosa, siamo entrati in due e sono da sola...”

Non avevo alcuna intenzione di smettere, non mollai la presa, anzi aggiunsi un secondo dito iniziando a massaggiarle le pareti interne della vagina che ben stimolate la facevano lubrificare al massimo, era diventata fradicia. Muovendo le dite si poteva sentire il classico sciacquettio che produceva una bella fica gonfia e grondante umori... mamma era interdetta, incapace di trovare la forza di volontà per farmi smettere.. rimaneva immobile sperando che riacquistassi la ragione mettendo fine a quella scena incresciosa, mentre gli umori iniziavano a colarle sull'interno coscia.

“Come le stà?” Si sentì da fuori il camerino, la commessa era tornata alla carica. Era proprio una rompicoglioni.

“Se apre un attimo la tendina posso darle il mio parere da donna a donna...” doveva sospettare qualcosa e voleva sbirciare dentro, ma il tentativo di impicciarsi era così palese che anche mamma nonostante la situazione capì al volo le sue intenzioni.

Cercò di prendere tempo con un: “Mah non saprei”.

“Le ho preso anche questi altri colori, quali preferisce?”. Altro tentativo per farle aprire le tende.

Mamma non sapeva più cosa fare, poi afferrò i lembi della tenda per tenerli fermi e infilò la testa nello spiraglio, facendo capolino fuori per vedere i colori dei modelli proposti.
La commessa allungò il collo cercando di guardare dentro approfittando del minuscolo spiraglio che si era aperto, essendo accucciato non poteva vedermi. Smisi di torturarle la fica con gran sollievo di mamma. E mentre la commessa le illustrava i pregi di un colore rispetto ad un altro, delicatamente le sollevai un piede e poi l'altro per farle indossare le mutandine vibranti. Non potendo vedere cosa stavo combinando pensò che volessi rivestirla per uscire velocemente, non sospettava minimamente le mie reali intenzioni... che si palesarono di lì a poco, quando tirandole su le mutandine, arrivarono all'altezza del pube, le divaricai leggermente le gambe e delicatamente spinsi dentro l'ovetto. Mamma ebbe un sussulto, tanto che la commessa le fece:

“signora, si sente bene è bianca in volto”.

“Si, tutto bene, soffro un po' di sbalzi di pressione....” poi cercò di tagliare corto il discorso, mentre io ormai completavo l'opera agganciavo la fascetta alle mutandine all'altezza della vita chiudendo la serratura con un secco click.

“Ho scelto il modello 3 pezzi nero, mi rivesto e vengo in cassa”. Chiuse secca il discorso, rinfilando la testa dentro e tirando le tendine richiudendole, mentre la commessa cercava di dare un'ultima occhiata dentro il camerino. Poi delusa si allontanò dai camaerini.

“Che diavolo mi hai fatto?” Mi madre mi guardò inferocita.

Tirandomi su sorridendo la guardai dritta negli occhi ed aggiunsi:

“Una sorpresa per la mia mammina.... vedrai ti piacerà.... da impazzire.” Non mi rispose, era tutta presa ad armeggiare con la cintura cercando di liberarsi. Non era una vera cintura di castità, si sarebbe potuta facilmente liberare con paio di forbici resistenti, essendo le mutandine di tessuto, ma a mani nude era impossibile e dopo poco desistette.
“Toglimi subito questo affare, come ti permetti...”.

Sbirciai fuori dal camerino.

“Via libera! Rivestiti ed andiamo. Ah non ti scordare il completino nero” e le feci l'occhiolino mentre uscivo da camerino per farla rivestire.

Non appena fui fuori le chiesi un fazzolettino per ripulirmi le mani dai suoi umori. Mi guardò spazientita e mentre ci dirigevamo alla cassa le dissi:

“Lascia stare, mi vado a sciacquare le mai al bagno, paga che ti aspetto qui fuori” ed allungai il passo.

Mi guardò inferocita, aggiungendo:

“Ma non doveva essere un tuo regalo? Ora me li devo anche pagare i regali non voluti?”

Non mi fermai dirigendomi a passo svelto verso il bagno, mi lavai le mani e mentre aspettavo che finisse di pagare approfittai per dare una sbirciata all'app dell'ovetto.

Era molto semplice una volta avviata c'erano 2 pulsanti, vaginale on/off e anale on/off ed una manopola virtuale con 4 impostazioni. Piano, medio, veloce ed ondate pulsanti.
Niente di complicato da usare.

Mamma ci stava mettendo molto per pagare, probabilmente stava subendo l'interrogatorio della commessa... infatti poco dopo uscì di corsa, con la commessa dietro che la guardava disgustata.

“Tutto bene, ci hai messo molto per pagare”.

Mi guardò in cagnesco, ripetendo tra sé solamente

“Dio mio che figura.... dio mio che figura....”

Ci incamminammo verso la macchina che era mezzogiorno passato, saremmo tornati giusto per pranzo. Per essere una giornata di shopping con mamma, non era niente male... chissà perché a papà non piaceva. Durante il tragitto per casa ebbi più volte la tentazione di attivare l'ovetto, ma resistetti, aspettavo l'occasione giusta. Mamma cercò in tutti i modi possibili di convincermi a farsi levare quegli arnesi infernali come li definì, ma resistetti alle suppliche ed alle minacce. Alla fine desistette e si arrese, rimase con l'ovetto ben piantato nella fica e la cintura di castità che le impediva di liberarsene.

Fine capitolo 4

Questo racconto di è stato letto 5 3 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


addio al nubilato raccontistorielle hotraccont gayracconti erotici xxxstorie di sesso lesboraccontie roticiracconti sesso gayracconti vergineraconti eroticeracconti porno pretemilù racconti eroticiracconti ertici 69racconti erotici minculata dal caneracconti interrazialiracconti poenofoto racconti hardracconti picantiracconti erotici forum al femminileracconti porno italianoracconti eorticiracconti eriticidonne che si fanno inculare da animalistirie pornoerotiraccontiracconti erotici cornaerotici racconti.itstorie di mogli puttanesiti di incestoragazze che fanno sesso con animaliracconti erotici con suocereraconti eroticoracconti eoriticracconti tradimenti pornoracconti erotiiciesibizioniste in autoracconti erotici nonnoracconti porno fantasyracconti erotici bsxracconti erotici spankingracconti erotici adultistorie ertichestorie fetishraccontie roticiconti eroticiero raccesibizioniste al ristorantenero per mia mogliestorie erracconti erotici genereraccontini eroticiracconti erotici vicinaracconti cuklodho messo incinta mia cognatastorie eroticstorie di figageniv racconti eroticierotiche storietrans raccontiracconti hot amatorialiracconti erotici la nipoteracconti pornocane incula la padronastorielle erotichestorue pornostori pornoi racconti eroticiracconti sexsiguzzon69cornuto sottomessoracconri pornoracconti erotici canepiedi femminili raccontistorie di sesso estremoracconti erotcifaccio l'amore con mio figlioporno raccracconti erotici di stuprostorie gay 69racconti video eroticiracc sessgeneri racconti eroticierotici racracconti gay stuproracconti donne con transraccontizoofiliaraccontiincestostorie di mariti cornutiporno racontiracconti etoticiesperienze con superdotatisesso incestpompini di malenastorie pornierotici raccontoracconti perversiperizoma raccontisrorie porno