L'amore di F. e la sua voglia di uccidere. (5.) La Fine.

Scritto da , il 2019-09-15, genere pulp

Ancora boccheggiante la trascina in camera, la butta sul letto, recupera delle cravatte e la lega. I polsi uniti tenuti sopra la testa fissati alla testiera e le caviglie ai piedi del letto, gambe aperte.
E' nuda, è offerta, è disponibile.
Di certo non immagina cosa pensa di fare F., ritiene sia un gioco sessuale che forse supererà il limite sopportabile del dolore, questo si aspetta fremendo, poi dice con la voce rauca e sibilante.

-Prima... mentre mi stringevi le mani alla gola... ho goduto! Un orgasmo tanto forte mai provato! Giura che se mi ucciderai... mi ucciderai così!-

La guarda.
Cazzo... è bella la troia!
Un corpo pressoché perfetto, il seno generoso e sodo che si piega appena sotto il peso delle mammelle verso l'esterno del busto, la linea dei fianchi, il ventre piatto e il monte di Venere, il pube e la vagina leggermente prominenti.
Tanto bella quanto pazzamente troia!

-Stai buona e zitta, troia! Avremo ospiti, lo sai? E ti piacerà un sacco!-

Il suo sguardo si posa casualmente sul grande specchio dell'armadio, chi è quell'estraneo?
Lui?
Il viso trasformato in un ghigno, i tratti modificati da una smorfia che poco ha dell'umano!
Non è più F., ora è... “l'altro”!

Torna in soggiorno e prende il cellulare, chiama Giulia.
-Alza il culo, puttanella... preparati, siete invitati ad un sexyparty! Ti piacerà... chiama anche Ale e digli di portare un po' di roba forte! Gli darò i soldi... passo a prenderti fra un'ora! Muovi il culo! Dov'è tuo padre?-
-Fuori... non so dove...-

Torna in camera e si siede sul letto, accanto a lei sdraiata.
-Tra poco uscirò... e tornerò con gente e ti benderò, voglio che tu goda di questo, di ogni cosa che ti faranno, capito?-
Lei già si vede! Si vede sottomessa e umiliata, già gode mentalmente e la figa le si inonda.
-Oh... già ci godi? Dai che passiamo un po' di tempo fra noi! Siamo una bella coppia noi, ahah... una coppia formata da tre persone! Io... te e lui. Ma non pensiamo a questo adesso... ora ti bendo.-
Si piega su di lei e la bacia e via via il bacio si trasforma in un morso crudele, le stringe le labbra fra i denti tanto da farla sanguinare! La mano strizza un capezzolo ferocemente e infine raggiunge la sua figa bagnata, le mette dentro le dita e spinge, spinge fortemente.
-Vuoi dentro la mano intera, troia? Tutta? A pugno chiuso? Vuoi che te la sfasci completamente la figa? Dimmi... te lo faceva il tuo zio- padrone? E il padrone di adesso?-
-Oh si... si! Mi sfasciava! Ma non solo la figa!! Oh cazzo! Anche il culo mi sfasciava! Nessuno mai... potrà farmi godere quanto lui! Si che me lo fa anche Arturo con la sua mano enorme!-
-Non hai mai scritto nelle mail perché lasciasti tuo zio.-
-Non per mia volontà! Avrei fatto tutto per lui! La sua serva e la sua puttana, la sua schiava. L'avrei mantenuto facendo la puttana se fosse stato necessario! Poco prima dei miei diciotto anni subì un ictus, perse l'uso del corpo e della mente, stranamente aveva quasi previsto questo, aveva dato disposizione per un fondo fiduciario a mio favore che mi consentì di studiare e decise che non potessi mai più andare a trovarlo... ma da allora non passò giorno senza che non lo pensassi... e questo tutt'ora!-
-Troia... se tu mi avessi amato un decimo di quanto amavi lui, amore che hai riversato sul porco di Arturo!-
Intanto la mano lavora dentro la sua figa e lei si contorce dal piacere, F. aumenta la frequenza dei colpi e la forza, vuole che lei goda e goda, vuole portarla all'esasperazione erotica, ora lei rantola mentre muove scompostamente il bacino sotto i colpi e sotto orgasmo inizia ad emettere dei suoni rauchi di piacere.
-Non smettere... non smettere! Continua... dai dai! Dammene ancora... dai! Sei un porco anche tu... come tutti, tutti mi hanno scopato e goduto... continua!-
-Io ti ho amato... puttana! Ora basta, devo andare, ma non ti lascerò a figa vuota... aspetta!-
-Tu mi ami ancora! E lo sai...-
F. si riveste velocemente e scende nel garage della villetta, prende da uno scaffale un oggetto, lo pulisce con uno straccio umido e risale.
Torna a mettersi fra le sue gambe.
-Ora ti metterò in figa qualcosa che ti piacerà, sei già bagnata a sufficienza e te la lascerò dentro fino al mio ritorno, so che ne godrai... potrai stringere i muscoli vaginali, lo sai fare, no... puttana? E arrivare a godere e godere...-
-Porco porco... -
-Ora ti metterò anche qualcosa in bocca, una cravatta? Ma fra le labbra aperte e la legherò, potrai gemere e mugolare e respirare. Ora inizio a metterti in figa... sai cosa? Una bellissima mazza da baseball, quella comprata a Cuba, ricordi? Di mogano scuro... lucido!-
Inizia, mette la punta tonda a contatto con il solco e spinge, gira la mazza e spinge... poco a poco forza l'apertura della figa che cede fino a lasciarsi penetrare, spinge e la leva, fino a introdurla per una buona parte.
-Va bene? La senti bene? Dimmi di si... mugola dai e non spingerla fuori!-
Lei stringe la mazza in figa, le piace questa esagerazione, più la cosa diventa eccessiva più si sente coinvolta.
F. la lascia, prende la macchina e va a prendere i ragazzi, prima passa da un distributore, riempie una tanica di benzina.
Li fa salire in macchina, evita le domande e li porta a casa, mentre entrano...
-C'è una persona che ci aspetta, una persona disposta a tutto pur di godere e noi ci daremo da fare. E' ammesso tutto... ogni cosa, capito? Specialmente tu Giulia, saremo una sorpresa, ora spogliatevi, nudi e tu Alessandro, dammi qualcosa che mi tenga duro per tutto il giorno...-
Nudi li porta in camera.
-Amore... ho una sorpresa per te, soddisferai qualcosa che la tua depravazione non ha ancora conosciuto, ho qui... nudi e al piedi del letto... i figli del tuo amante.-
I ragazzi la vedono, nuda e con inserita in figa la mazza.
-Alessandro? Cosa hai detto quando hai visto i video e le foto mentre si scopava il padre di Giulia? Che figa! E che te la saresti scopata... bene! Ora puoi farlo... puoi farle tutto quello che vuoi e a lei piacerà e pure tu Giulia! Non vorrai perdere l'occasione di farla soffrire un po' la tua matrigna... a proposito, sai che è incinta? E che scodellerà un fratellino a te e Andrea? Su cazzo! Datevi da fare! Montate sul letto e datevi da fare!-
Coinvolti?
O allarmati dallo sguardo folle di F.? O sotto l'effetto della droga presa poco prima?
Comunque sia i due salgono sul letto e iniziano, ora è Giulia che la scopa ferocemente usando la mazza.
-Levale il bavaglio... Alessandro, non protesterà, non griderà, tu mettile il cazzo in bocca e vedrai l'accoglienza! E tu Giulia... voglio vederti leccarle il clitoride mentre al posto della mazza metterai la tua mano!-
F. si siede sulla poltrona e guarda, chiama vicino a se Andrea.
-Andrea... a te non interessa scopare la tua matrigna, vero? Non ti attira. Dai, mettiti in ginocchio e succhiami il cazzo! Voglio vederlo sparire tutto nella tua bocca di succhiacazzi! Tutto...-
Per un po' guarda, Alessandro si è messo a cavalcioni e per un po' stringe il cazzo fra le tette di lei e per un po' glielo mette in bocca. Giulia è persa a leccarle la figa, la mano dentro e la bocca a succhiare.
E' ora di cambiare scena.
Si alza e porta Andrea in cucina. Lo fa sedere, gli dice che è un nuovo gioco. Velocemente, con un nastro adesivo da imballaggio, lo fissa alla sedia, glielo passa sulla bocca. Torna in camera.
-Giulia... vieni qui, siediti su di me, prendimi dentro...-
Giulia esegue, si siede e con la mano si inserisce il cazzo di F., inizia ad alzarsi e ricadere mentre guardano Alessandro.
-Alessandro? Scopala... dai! Nel culo, alzale il bacino, mettile sotto dei cuscini e prendila dal davanti... su fallo! Tu... Giulia vieni con me, ho un nuovo gioco...-
La porta in soggiorno, la fa sedere e senza difficoltà la immobilizza con il nastro, le chiude la bocca.
Con Alessandro è un altro discorso, il ragazzo è più robusto dei due gemelli e meno fiducioso, usa la mazza ora inutilizzata e mentre sta scopando lo colpisce fortemente sulla testa, lui crolla sul corpo della donna.
Che gli interessa se è morto?
Ha solo anticipato di poco la sua fine.
Lo leva e lo porta in soggiorno, lo fissa alla sedia che ora sistema intorno al tavolo da pranzo.
Ora tocca al porco.
Torna in camera...
-Eccomi amore... ora faremo una cosa che ti piacerà tanto, fino ad ora... hai goduto, no? E vedrai che continuerai a farlo... voglio una cosa da te... non ti slego ma ti libero la bocca, telefoneremo al tuo porco, allo zio di adesso... gli dirai esattamente questo, non sbagliare: “amore... sono sul letto, calda... piena di voglia, mi sto masturbando vieni subito e scopami sul suo posto del letto... voglio che il cornuto dorma stanotte sul lenzuolo pieno della tua sborra...”, capito tesoro? Lui verrà ti scoperà... e io vi spierò! Vi guarderò! Dammi il numero di sblocco del cellulare, amore.-
Forse riluttante, forse dubbiosa ma alla fine lei lo fa, la sua voce roca è ancora più sensuale, una voce porca, porca quanto lei...
-Amore... sono sul letto, nuda, gambe larghe... la figa che brucia, mi sto masturbando, ho goduto ma non mi basta, vieni... vieni subito... e scopami sulla sua parte di letto, voglio che il... cornuto...-

E qui lo guarda e fa una brevissima pausa...
troia, puttana schifosa! Meriti di morire, pensa F.!
E lei continua...

-...che il cornuto... dorma stanotte sul lenzuolo bagnato della tua sborra... vieni.-
Arturo conferma, pochi minuti e arriva.

-Uhm... quanto sei brava e troia, amore. Godrò moltissimo a guardarti con lui... ora però faremo un giochino tu e io, ti slego e ti porto in soggiorno...-
-I ragazzi?-
-Andati tesoro... siamo soli, saremo soli... io con te, tu con lui. Non hai detto così pochi giorni fa?-

Tutto semplice.
E' ora di preparare la scena.
Il tavolo e intorno tutti loro, legati e impossibilitati a parlare, a capotavola siede F. mentre una sedia vuota aspetta Arturo, la mazza da baseball pronta all'uso, è quasi l'ora di partire.
Suona, lui apre e nascosto dietro al battente lo colpisce forte alla testa, non ha importanza se è cosciente. Lo mette seduto e lo immobilizza.
Scende in garage e prende la tanica di benzina, la svuota sui pavimenti, ne impregna le tende e i mobili, apre il gas domestico e torna a sedersi.

-Voglio partire. Mi è diventato pesante vivere qui, troppe cose si sono verificate e non mi piacciono e voglio che voi tutti, tu mia cara e tu Arturo, oh... spiacente che tu non possa sentire le mie parole... e voi ragazzi, mi accompagniate nel viaggio. Cercheremo un mondo nuovo, dove tutto è sereno, dove non esiste la cattiveria, né la menzogna, dove le persone si rispettano e non si ingannano, vedrete che lo troveremo, è il momento di partire.-

Accende un fiammifero e lo getta a terra.
Il viaggio inizia e il viaggio finisce.

Questo racconto di è stato letto 1 2 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


libri erotici comiciracconti di bullracconti erotici adolescenzaracconti sauna gayracconti erotici teenracconti aroticixxx storieracconti porno mogli troiesesso a tre storiebdsm pissingracconti erotici nel culoracconto xxxstorie d'incestiracconti scambistiracconti hard veriracconti a 69racconti prnoracconti di mamme troieeriticiraccontiporno raccontiracconti cucoldracconti di guardoniracconnti eroticiclub prive raccontiracconti roticicugina tettea 69 racconti eroticistorie zoofiliaracconti di suocereracconti erotici in barcastorie pornpracconti porno di mogliraccont eroticstorie con donne maturerqcconti eroticiwww.eroticiracconti.itdonna scopa con animaliragazze che scopano in discotecastorie travestitiracconti piedi maschilistorie eroticracconti scambio di coppiestorie porno incestotrans eroticiracconti hard 69culo rottracconti erroticiracconti incesto madre figliostorie hentaiincesti in casarecconti eroticistorieroticheracconti erotici nuoreerotici raracconti erotici violentiracc pornracconti pornoi generi dei racconti eroticiracconti prnoracconto oserracconti eroticiracconti di mamme inculateracconti aroticipissing per stradaracconti eraticiracconti culi rottiracconti 69 eroticiscoparsi la vicina di casaracconti erotici vipmia zia in perizomaracconti clisterestirie pornostorie di sesso con animalistorie sesso gaystorie di sesso a treracconto safficoracconti rtoticistorie di travprima esperienza cuckoldracconti massaggioracconti erotici gayraccontierticiracconti erotici prima voltastorie sesso gratisracconti amicaracconti eroticeracconti erotici di sessoracconti di sesso al cinemaraccoti porno