Roma

Scritto da , il 2019-09-15, genere esibizionismo

Pomeriggio romano, caldo afoso.
Sono arrivata a Roma per trovare parenti; mio cugino si sposerà e ci presenta la sua fidanzata.
Non ho mai presenziato ad un evento del genere, e nemmeno mi interessava esserci.
I miei genitori, anziani, non avevano voglia di venire, mio fratello è in missione estera, toccava a me.
Toccava a me venire qui da Udine, prendere le ferie dopo le ferie estive, in pratica fare salti mortali, e far incazzare un po' di gente.
Prendere e partire in auto sola di mattina presto per farmi 700 chilometri, assicurazioni, ansia, fai attenzione. Fanculo, potevate venire voi, in aereo e via.
Ho un rapporto speciale con mio cugino, molto speciale, non so se mi capite, è stato il mio secondo ragazzo ed io la sua prima ragazza.
Una follia di una sera davanti al mare di Torvaianica, capita ed è stato anche molto tempo fa.
È passato tanto tempo da allora, circa venti anni, ci siamo rivisti tante altre volte, ma solo come cugini, mi piace pensare che essendo stata io la sua prima ragazza, gli ho aperto un mondo nuovo. Un mondo che sta dando ancora frutti a quanto pare.
Sono qui, sono arrivata due ore fa, verso il primo pomeriggio, sono da un mio zio che non conoscevo, mi ospita per questi due giorni, la cerimonia è per domani ed io sono qui in questa stanza che rimugino.
Cerimonia, ma che hanno in testa, queste cose, penso, si facevano quando mio zio era ragazzo, ma ora, che senso ha, e come cavolo dovrei vestirmi.
Apro la valigia sul letto e guardo dentro, più che altro rovisto, tiro fuori tutto e spargo il suo contenuto sul letto.
Tre vestiti lunghi, con spalline fini uno, larghe un altro e a maniche corte il terzo, anche i colori sono eterogenei nelle mie scelte; celeste con arabeschi verdini il primo, bianco il secondo, marrone il terzo, preso solo perché dovrebbe arrivarmi il ciclo e slip neri con i colori chiari non sono indicati, specie durante eventi mondani.
Guardo queste cose e decido che non me ne piace nessuna, oltre a questi ho i micro shorts in jeans che indosso, una minigonna giallo limone e due o tre canottiere di vari colori, niente che vada bene.
Mi spoglio, fa un caldo bestiale, mi avvicino alla finestra per aprirla un po' e tentare di far entrare aria.
Sono nuda, ma non me ne frega un cazzo, mio zio abita al primo piano di una strada trafficata, alla Balduina, mi pare si chiami così; guardo la gente camminare, decido che mi ci vuole una sigaretta.
Solo che il pacchetto sta nella borsa, che a sua volta è rimasta in ingresso... porca puttana.
Mi giro, prendo la tunica celeste, quella con la spallina a girocollo e la indosso al volo, esco dalla camera e vado verso l'ingresso, passando dal corridoio davanti alla cucina, dove mia zia sta facendo non so cosa; mi vede e mi chiama: "Lucrezia, caspita che bella figliola ti sei fatta" - "fatti vedere, quanto sei bella, ma vieni così? Bello l'abito ma metti qualche cosa sotto, che se no ti si vede tutto."
"Ma certo zia, lo stavo solo provando" - "mi serviva la borsa che ho lasciato in ingresso..." detto ciò decido di sgattaiolare via, prendo la borsa e torno indietro, ma passando dalla cucina mi prende un rimorso, ci siamo appena salutati e qui sono ospite, quindi dico che faccio qualche prova e ci vediamo dopo, tanto per non sembrare scortese.
Rientrata nella camera getto anche la borsa sul letto ingombro, ci guardo dentro e trovo il pacchetto di sigarette con l'accendino dentro, lo prendo e mi giro.
C'è una Lucrezia in abito celeste che mi guarda da un grande specchio, lungo fino ai piedi vedo le dita dei piedi spuntare, le plissé arrivano fin sotto il seno, dove una ripresa del vestito le ferma, mentre il seno non è trattenuto dalle due coppe di tessuto che finiscono dietro il collo in una striscia di tessuto.
È molto ottocentesco nell'insieme e non lo ricordavo così, mi giro, la schiena è nuda in profondità e il sedere è ben evidenziato; questa parte è meno ottocentesca della prima devo dire.
Guardo gli altri due, il marrone lo scarto subito, è orrendo, il bianco è bello, forse più indicato, in realtà è a gonna pantalone, non è scandaloso come questo, ci devo pensare.
Vado verso la finestra, prendo una sigaretta, la accendo e mi gusto la boccata, emetto il fumo e guardo al di la della strada, il palazzo di fronte, balconi, finestre, fa caldo e sono tutti aperti.
In una finestra due ragazzi stanno giocando tra loro, mi scopro ad osservarli, saranno fratelli o due amici, che età avranno; fumo e li guardo parlare, gesticolare, non li sento, non so di che parlano, ma sembra interessante.
Forse parlano di donne, di motori, di tv, ma che ne so, altra boccata, uno di loro viene alla finestra, si accende una sigaretta, mi guarda poi si gira e chiama l'altro, Paolo, sento distintamente il suo nome quasi gridato.
Mi guardano e si danno spallate, scemi penso, saranno ragazzini, decido di provocarli, non lo so perché così all'improvviso, sarà la noia ma voglio stare al loro gioco e vedere dove ci porta.
Prendo il cellulare, il cavo con le cuffie e metto musica, quindi inizio lentamente a ballare, lenta, molto sensuale, finisco la sigaretta ondeggiando, mi giro per offrire loro la scollatura e loro apprezzano.
Poi mi viene un'idea, faccio segno di attendere con la mano, mi tolgo le cuffie, getto via il mozzicone di sigaretta e apro del tutto la finestra.
Loro sono ammutoliti, chissà cosa si aspettano, io prendo gli altri due vestiti, mi avvicino alla finestra e glieli faccio vedere, uno alla volta glieli indico, loro fanno sempre sì con la testa, non fanno altro.
Faccio cenno di aspettare, quindi faccio due passi indietro e stando attenta a rimanere ben al centro del vano finestra, mi sfilo il vestito togliendo la bretella da dietro il collo e lasciando che il tutto mi cada ai piedi.
Quindi mi chino a raccoglierlo e lo mostro ai due ragazzi, che sembrano stramazzati, non se l'aspettavano una donna nuda alla finestra.
Prendo il vestito marrone e lo indosso dalla testa, lo liscio e poi faccio un gesto con le mani, come a dire opplà. Loro guardano, si animano e agitando le mani mi fanno capire che va così così.
Ho il bianco da mettere, sfilo anche questo, ma girata di schiena, così mi possono vedere anche da dietro, me lo sfilo dalla testa, in questo modo i loro occhi possono indugiare di più sul mio culo.
Poi getto il vestito sul letto, mi avvicino e mi piego per prendere quello bianco, che essendo a pantalone con allacciatura davanti, per infilarlo dovrò per forza alzare prima una gamba e poi l'altra.
Per non cadere avvicino una sedia, quindi alzo una gamba e ci infilo il pantalone, poi mi siedo faccia alla finestra, ma così non possono vedermi quindi mi rialzo, infilo l'altra gamba e alzo il vestito, chiudendolo e lasciando per bene la stoffa sul seno, poi alzo lo sguardo e aspetto una risposta dal mio pubblico.
Risposta che non si fa attendere, pollice su.
Quindi mi rispoglio veloce, e nuda prendo i tre abiti, prendo il marrone e lo mostro, sapendo già la risposta, che infatti è pollice verso.
Lo lancio via, prendo l'ultimo che ho indossato, pollice su.
Prendo il primo e ancora, pollice su.
Allora li prendo tutti e due, uno per mano, alzo le braccia, devo essere uno spettacolo, tette in su, capezzoli in su, e avanzando prima un braccio, poi l'altro indico quali dei due scegliere.
Lo sapevo, il primo, quello con la scollatura posteriore vertiginosa.
Decido che Paolo e l'amico hanno diritto ad un premio, mi rivesto per loro, infilo l'abito, di nuovo senza nulla sotto, poi mi passo del rossetto sulle labbra, utilizzando lo specchietto della trusse da trucco, ravvivo il mascara e un po' di ombra sulle palpebre, mi ravvivo i capelli, poi prendo i sandali alla schiava, argento come la mia borsa, occhiali da sole, il cappello in paglia manila, faccio ciao con la mano ai due miei spettatori, e schiocco due baci.
Chiudo la finestra, tiro la tenda su due delusi ragazzi e mi appresto a scendere in strada per fare un giro.
Giusto un'ora, per vedere se trovo qualche cosa di bigiotteria da abbinare all'abito; oddio questa è la scusa con la zia, la verità è che sono eccitata e voglio vedere che effetto fa girare per Roma con questo vestito.

Questo racconto di è stato letto 3 1 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


sesso gay raccontiti cago in boccascopata caserecciaracconti erotici da leggere gratisracconti pornograficiracconti mogli zoccoleracconti guzzonracconti troiaracconti bondageraccinti pornoracconti porno zooerotici raccontgisella donadoni sposataracconti gay papàstorie sadomasodominazione donnaracconti sex gratisraccontierotisesso gay raccontisi scopa un cavallostorie eroticiracconti erotici di sessoracconti erotici.comti prego scopamiincesto nonnaerotici taccontiracconti eroyiciracconti padre e figliabestialita con la ragazza e il cavalloracconti gay la prima voltaracconti gay scuolaracconti genero suocerastorie vere hardracconti erotici.itracconti erotici con canestorie femdommasturbazione tra cuginiindice racconti gayracconti safforacconti di uomini vestiti da donneracconti porno di donneracconti di una moglie troiaracconti erotici incesti gaystorie erticheracconti ricattataeroyici raccontistorie di tradimenti pornocfnm raccontiracconti bisessualiincesto con cuginaeroticiraccstorie eroricheracconti pornpracconti scambio di coppieracc eroticiracconti guzzon 59storie di sesso spintoracconti erotici camionistiraccontii eroticiraccpnti eroticiraccontieroticidiguzzon59racconti erotici analmia moglie esibizionista al mareracconti incesto sorellastorie di sesso con la cuginaracconti hotracconti erotiviraccconti eroticiracconti in cestoracconti erotici in saunaraccontilesbo