Ho avuto più di quello che volevo

Scritto da , il 2019-09-13, genere orge

Mi chiamo Loredana, ho 37 anni, sono alta 165, con capelli neri lunghi fino alle spalle e un busto con una bella 4.ta. Anche se non ho le misure di una modella sono snella e atletica e ho un sedere sodo.
Voglio parlare del momento più caldo della mia vita oggi.
In realtà, ho tutto quello che volevo. Ho un lavoro ben pagato come avvocato, sono sposata da 2 anni con un uomo che mi ama molto, ho un appartamento fantastico e molti amici.
In realtà, ho sempre avuto la sensazione che mi manchi qualcosa. Mio marito è molto tenero e ci divertiamo a letto, ma vorrei di più. Sfortunatamente, non gli piacciono le insolite pratiche sessuali, che ho sempre desiderato.
Poche settimane fa ho ricevuto una lettera dal mio migliore amico, emigrato negli Stati Uniti. Ha scritto che ha una nuova fidanzata e sta facendo cose incredibili con lei a letto.

L’ha incontrata su un sito di incontri sessuali. Il pensiero di quello che stanno facendo mi ha eccitata e la sera volevo che mio marito finalmente mi scopasse di nuovo in culo, ma era davvero stanco e si addormentò rapidamente. Sfortunatamente, questo è accaduto spesso da quando è direttore di dipartimento in una grande azienda di software. Quindi avevo solo il mio dildo, ma sfortunatamente non è lo stesso di un vero cazzo, sicuramente per questo, ho fatto sogni molto perversi fatti di scopate di culo e grossi cazzi.
La mattina dopo la mia fighetta era sempre molto bagnata.

Un giorno, quando Toni, mio marito, era già al lavoro e io avevo la mattinata libera, mi è venuta in mente la lettera del mio amico e cosa ha scritto.... un sito di incontri sessuali!!

Ero davvero curiosa e ho acceso il mio PC. Dopo aver cercato su Google ho trovato un sito con appuntamenti e di filmati porno. Dopo un po' di frugate, i miei occhi si fissano su un filmato porno. Bitch Gang Bangend era lì, e quando l'ho aperto non riuscivo a credere ai miei occhi. C'era una donna in un'orda di uomini, era certamente attorniata da 10-12 cazzi e scopata in tutti i suoi buchi, schizzando ripetutamente lo sperma dentro e sopra di lei. Sono sempre stata un po' sottomessa, ma non l'ho mai fatto prima. Non posso descrivere la sensazione che ho avuto guardando quel filmato, so solo che da quel momento in poi sapevo che lo volevo anch'io.
Quindi ho deciso di creare un profilo e mi sono data un nick significativo LORYWHORE. Ho compilato tutto, il mio aspetto, l'età e la mia provenienza. Alla domanda “cosa sto cercando” ho risposto “un gruppo di uomini”. E poi ho scritto: "Sto cercando un buon Gang Bang, chi può aiutarmi?".
Per tutto il giorno in ufficio, non potevo fare altro che ricordare ciò che avevo scritto, lo desideravo davvero, non avevo mai tradito Toni. La sera, ero contenta che mio marito pranzasse con me. Mi sono preparata una pizza surgelata e ho bevuto un bicchiere di vino rosso, poi mi sono seduta al PC e ho visto cosa era successo. Non ci potevo credere, c'erano 25 messaggi per me. Li ho guardati uno per uno, un sacco di immondizia, ma anche alcuni interessanti. Stavo per leggerne uno mentre ne arrivò un altro. Nella foto del profilo il tizio era nudo con un grosso cazzo rigido come non avevo mai visto prima, solo il suo viso era nascosto sotto una maschera da sci. Ha scritto:
"Vuoi una Gang Bang senza preservativo e senza regole. 15 uomini sono abbastanza?”
Oh mio Dio, ho pensato, quanto è bello, in realtà doveva essere solo un tentativo, una prova. Ma dovevo rispondere qualcosa a questa persona per cui la mia mano ha scritto da sola:
"Sì, lo voglio, e 15 sono quasi troppi”
“Cosa? 15 non sono troppi, ne avrai 20, e ti scopiamo tutti quanti insieme, spruzziamo il nostro sperma in faccia e nei tuoi buchi. Sono tutti fisicati e ben dotati come me. Se dici di sì, non puoi tornare indietro. Lo vuoi?”
Pen un attimo mi sono fermata a pensare, ma la mia lussuria aveva da tempo preso il controllo, ero bagnata e volevo solo scopare. Quindi ho risposto.
"Sì, lo voglio davvero”.
“Bene, stupida fica, prima mi chiami, ti do il mio numero, poi mi mandi foto del tuo corpo nudo al mio indirizzo e-mail".
Ho tremato dappertutto mentre componevo il suo numero.
"Ciao", rispose, "Ciao, sono Loredana, mi hanno ordinato di chiamare", dissi con voce tremante. "Oh, bene fica arrapata, quindi sei seria. Spero tu sappia cosa aspettarti. Ti fotteremo in tutti i tuoi buchi bastardi finché non ne avremo abbastanza, e ci vorrà molto tempo, fottuta puttana, lo vuoi? "
" Sì, lo voglio ", risposi.
"Quindi ascolta," disse, "prima mi mandi le foto di nudo, così posso fare pubblicità in modo corretto, dovrebbe essere tutto ben riconoscibile, persino il tuo viso. Quando ho le foto ti chiamo e prendiamo un appuntamento. Poi, ti invierò il tuo vestito da prostituta e l’indirizzo a cui recarti. "
"Non ho foto di nudo, prima devo farne alcune".
"Va bene, fica bagnata, ti do una settimana, poi mandi le foto. E ora mi dici il tuo indirizzo, non ti preoccupare, non verrò a casa tua, ma è così che sò che sei seria, e poi mi serve per inviarti il vestito. "
Non so cosa mi sia preso, ma in realtà ho dato il mio indirizzo a questo strano uomo. Mi stavo bagnando ed ero fradicia, avevo una voglia pazzesca di masturbarmi e sono venuta in tre minuti violentemente. Quella sera non potevo più fare foto, avevo paura che mio marito mi vedesse e poi come avrei potuto spiegarlo?
Il giorno dopo ho avuto un'ora tra 2 appuntamenti in tribunale, quindi sono tornata a casa in fretta. Ho afferrato il mio cellulare, mi sono spogliata e ho scattato alcune foto sexy. Successivamente l'ho inviata via e-mail alla mia conoscenza di Internet.
Il giorno dopo mi ha chiamato. "Ciao, stronza arrapata, hai un corpo eccitante e i tuoi seni stanno letteralmente urlando per la voglia”. Dato che Toni, mio marito era nelle vicinanze, ho detto solo "oh, grazie".

"Puoi venire a Milano il prossimo fine settimana?"

“Sì, dovrei essere in grado di configurarlo", ho risposto.

"OK", ha detto "Ti invierò un pacchetto di vestiti, istruzioni e l'indirizzo. I ragazzi non vedono l'ora di vederti e vogliono rimanere in astinenza per avere più sperma per te. Ho ancora bisogno della tua taglia di scarpe e vestiti". Gliele ho date e poi ho riattaccato.
Quindi questo prossimo fine settimana dovrebbe succedere, quello che avevo appena immaginato, devo essere pazza. Ma non c'era modo di tornare indietro, aveva il mio nome, indirizzo e foto di nudo.
Toni mi ha detto che doveva andare a un corso di formazione nel fine settimana. Accadeva spesso, quindi non sospettava nulla.
E poi è arrivato il pacchetto, e quando l'ho aperto sono rimasta senza fiato. Conteneva un paio di sandali neri con tacco alto con suola di 5 cm e tacchi di 15 cm, un mini abito fatto di rete con sottili spallacci che non sarebbe sicuramente bastato per il mio culo e un perizoma che non copriva molto. Inoltre, una lettera con l'indirizzo e le seguenti istruzioni:
Vieni sabato alle 10.00 in punto all'indirizzo specificato.
Vieni con tutto quello che contiene il pacchetto addosso e nient'altro, anche senza reggiseno. Sul tutto ti è permesso indossare un cappotto lungo, in questo modo passerai inosservata.
Lascia tutto il resto in macchina.
Sii puntuale e ricorda, il tuo nome è SCHIAVA.

Non vedevo l'ora che fosse venerdì sera, non riuscivo a pensare ad altro e finalmente arrivò il momento. Misi un po' di cose nella valigia, e ovviamente la cosa principale, il mio vestito da prostituta.
Le 4 ore di auto fino a Milano sono passate rapidamente. Avevo una stanza un po' fuori, presa in un motel, lì avrei potuto uscire immediatamente dalla stanza e recarmi nel parcheggio, il che mi avrebbe risparmiato qualche sguardo curioso nella hall dell'hotel.
Era già tarda sera quando sono arrivata e il check-in è stato veloce. Avevo già mangiato lungo la strada, quindi andai nella mia stanza e disimballai la valigia, cosa che fu fatta in fretta, non mi serviva molto. Quindi mi spogliai e andai sotto la doccia. Ho lavato il sudore delle ore di auto dal corpo e quindi ho diretto il getto d'acqua calda e forte sul mio clitoride. Allo stesso tempo, ho massaggiato la mia fica e i miei capezzoli rigidi con l'altra mano. Non passò molto tempo prima che venissi scossa da un violento orgasmo. Ora ero abbastanza soddisfatta per dormire. Anche se mi sarebbe piaciuto avere il mio dildo, che avevo lasciato a casa e mettermelo in fica, ma tanto il giorno dopo mi aspettavano 20 grossi cazzi.
Dopo una notte di sonno molto irrequieto, la mia sveglia suonò alle 8 in punto. Doccia e colazione. Poi sono tornata nella mia stanza e ho cambiato i miei vestiti. La corda mi ha appena coperto la figa e il vestito ...bhe è andata come previsto.... appena mi copriva il culo. Ora un po' di trucco, volevo finalmente avere un bell'aspetto. Lo sguardo allo specchio mi mostrò una puttana totale. Mi sono messa il cappotto sottile, ho afferrato i tacchi alti, che non volevo indossare mentre guidavo, sono andata in macchina e sono partita.
Quindi, entro le 9.45, il mio Navi mi ha portato all'obiettivo. Era un vecchio castello ed ho faticato a trovare l’ingresso, mi sono chiesta chi mai poteva avere noleggiato addirittura un castello o se qualcuno dei miei nuovi amici ne fosse il proprietario. Ero eccitata e volevo scopare. Così mi misi i sandali con la zeppa, il cappotto, presi tutto il mio coraggio e traballai sul selciato verso l'ingresso.
C'era solo un campanello sulla porta, che ho premuto. Ci è voluto un po' e mi sono sentita un po' a disagio, così mezza nuda in un vestito da prostituta. Ma poi la porta si è aperta e ho affrontato un uomo alto in jeans, maglietta e maschera da sci nera. "Desidera?", ha detto "Sono Loredana, Loredana SCHIAVA e sono qui per farmi scopare", rispondo. "Molto bene, entra e seguimi" disse, guidandomi verso una scalinata ampia e in marmo. Facendomi strada disse: "Ci divertiremo con te oggi". "Lo spero," ho risposto. Dopo la prima rampa di scale mi spinse contro il muro e mi mise la mano nelle mutandine senza alcun riguardo e sentì la mia fica che si bagnava. "Beh, lei è pronta, cagna sei già bagnata!” mi sussurro all’orecchio.
Quando la porta si aprì, non potevo credere ai miei occhi, in realtà c'erano seduti circa 20 uomini nudi con dei bei cazzi semirigidi e maschere da sci in testa. Fantastico, pensavo, indossano maschere e sanno tutto di me. Nella grande stanza che deve essere stata quella dei ricevimenti, c'era un enorme letto ad acqua rotondo, alcuni divani in pelle, e dal soffitto pendeva un'altalena dell'amore. Una parete era specchiata.
"Quindi gente, qui vi porto Loredana, la calda schiava". Disse il mio compagno, che mi introdusse nella stanza sostenendomi la mano come una regina per farmi fare un ingresso trionfale e gli astanti approvarono, ricevetti grida e applausi.
"Ora la cagna ci mostra come sa fare esplodere i nostri cazzi. Mettiti in ginocchio troia!!!" Ho fatto quello che ha ordinato e su ognuno di loro sono scivolata in ginocchio passando da una coda all'altra, ho succhiato le cappelle e massaggiato i testicoli. Alcuni mi hanno scopato in bocca e in profondità nella gola così tanto che ho quasi finito per vomitare. Era così eccitante, mio marito non me lo aveva mai fatto. Ero circondata da 20 uomini con i cazzi duri e arrapati per me, due volte più grandi di quello di mio marito, che mi hanno fatto bollire la figa.
"Così puttana, hai succhiato abbastanza, ora devi essere fottuta, dobbiamo fotterti senza pietà? Lo vuoi? Rispondi!"

" Sì, fottimi, per favore ", ho risposto.

Due mi hanno afferrato e mi hanno portato a letto, mi hanno strappato il perizoma e mi hanno tolto il vestito. Quello più muscoloso si sdraiò, mi sollevò di peso, mi depose sul suo cazzo e cominciò a scoparmi. L'altro venne dietro di noi, mi toccò il buco del culo e poi mise dentro il suo bastone. Era una sensazione folle, due enormi cazzi in me e molti altri mi hanno chiesto di succhiare. Quello sdraiato mi ha impastato le tette con le mani e mi ha mordicchiato i capezzoli. Quando non avevo il cazzo in bocca, urlavo di piacere. Negli specchi vedevo il trambusto attorno a me e gli altri uomini con i loro cazzi duri che si segavano guardandomi. Non passò molto tempo che fui scossa dall'orgasmo più violento della mia vita. "Sì, beh, cagna, quello era solo l'inizio", disse uno degli uomini. Poi mi hanno girato sulla schiena e mi hanno tirato indietro le gambe, così facendo ho mostrato il culo e le mie grandi labbra, i miei due pertugi erano pronti per essere fottuti da tutti coloro che volevano farlo e così si alternarono in 4. I primi uomini mi schizzarono in faccia. Avevo già provato lo sperma, ma quel giorno ne ho visto davvero tanto. I miei cazzi continuavano a cambiare e dopo avermi schizzato in faccia poi tornavano da me per farlo tornare duro e io con voluttà lo prendevo in bocca e lo spompinavo per bene toccandogli le palle e lasciandolo andare solo una volta che era tornato in grado di fare il suo lavoro, scoparmi. I primi uomini mi schizzarono in faccia e in bocca. Avevo già provato lo sperma, ma quel giorno mi era particolarmente piaciuto. I miei cazzi continuavano a cambiare e alcuni si misero a schizzavare in un bicchiere. Dopo un po' di tempo, mi hanno lasciato e immediatamente mi hanno consegnato il bicchiere, che era mezzo pieno di sperma fresco. "Dai, PUTTANA DI MERDA, bevi tutto". L'ho messo sulle mie labbra e l'ho bevuto a piccoli sorsi e ho ingoiato tutto.

È stato fantastico, ero così estasiata che volevo di più, e dovevo ottenerlo. Un uomo di colore, molto maturo ma con un cazzo durissimo, mi ha sollevato di peso e restando in piedi mi ha depositato sul suo cazzo che è entrato agevolmente anche se enorme, io l’ho abbracciato con braccia e gambe per sostenermi e intanto un altro mi ha allargato le natiche e messo il suo nel culo scopandomi insieme al nero. Avevo visto qualcosa del genere in un porno, ma sperimentarlo sulla propria pelle è stato fantastico. Sono venuta di nuovo e la mia figa continuava a grondare di piacere. Uno mi ha afferrato per i capelli e mi ha portato a uno dei divani, dove già altri due mi stavano aspettando, qui mi hanno scopato. Uno dei due che mi aspettavano mi disse "Allora, figa fradicia, adesso ho una sorpresa, ora ti mettiamo due cazzi nel culo come a una puttana. Ma prima vogliamo allargare un po' il tuo buco del culo" ... e mi ha messo un dildo anale gonfiabile nel mio buco. Lo aprì e fece male come l'inferno, ma mi rese ancora più arrapata e pretenziosa. Il pensiero di farmi inculare da due uomini mi piaceva e cosi gli chiesi:
"Per favore, fottimi ora, ne ho bisogno", dissi.

"Stupida fica, ora lo avrai!" e senza preavviso tirò fuori il dido ancora gonfio, con uno scatto dal culo.

Già 3 uomini mi stavano aspettando. Uno per la mia bocca e due per il mio culo. Mi accovacciai su uno che non avevo mai visto, e me lo infilai nell’ano che si è stretto attorno al nuovo venuto, mentre un altro cazzo si faceva strada nel mio sfintere. Ho urlato per il dolore che si è rapidamente trasformato in lussuria. Gli altri stavano attorno a noi e si masturbavano, alcuni cazzi si contendevano la mia bocca sempre a disposizione di tutti. Dopo un'eternità di doppie spinte nel culo, il primo mi ha pompato il suo sperma dentro e quando è uscito è stato immediatamente sostituito da un altro. Per 10 volte ho sentito il mio culo innondarsi di liquido caldo e intanto altro sperma mi schizzava in faccia, sulla schiena e tra i capelli. Allo specchio, ho visto un cazzo eiacularmi sui capelli, poi lo sperma mi è colato lungo la schiena fino alle natiche ed è andato a lubrificare i due cazzi che mi stavano inculando. Ero davvero io? Sì, e mi è piaciuto essere così puttana, cosi atrocemente troia. Ancora una volta un orgasmo mi ha scosso. E la scena cambiò di nuovo....
Ora si inginocchiavano tutti sui divani e tendevano il culo. "Dai, ora lecca il buco del culo a tutti, infila la lingua dentro più che puoi mentre con le mani ci strofini il cazzo”. Lo feci e mentre infilavo la lingua tra quelle carni e mi sembrava strano ed erotico allo stesso tempo, lo sperma mi si asciugava addosso. Ancora una volta pensai a quanto fosse fantastico fare sesso in quel modo. Rapidamente i cazzi sono tornati in erezione, cavolo ne avevo fatti venire 20 addosso a me e ora ero sull’altalena dell'amore. Mi hanno scopato a turno, tutti e 20. "Sì, fottimi, sì, sì sì sì ancora!" Li stimolavo a spingere più forte a farmi male mentre le mie tette erano impastate da innumerevoli mani e ogni tanto una mi strizzava i capezzoli. Non so quante volte sono venuta, ma il mio corpo ha continuato a richiedere ogni volta nuova estasi. Quando mi lasciarono andare, ero un tutt’uno con lo sperma. Sentivo la pelle tirare per lo sperma rappreso e allo stesso tempo sentivo il nuovo e caldo liquido appena versato su di me che scivolava ovunque. I miei buchi bruciavano, ma ero soddisfattissima, come non sono mai stata. Non avevo alcun senso del tempo, ma sicuramente erano passate diverse ore. Mi hanno liberato dall'altalena dell'amore e sollevata di peso mi hanno portata in un bagno lussuoso quindi depositata nella vasca dal tipo più grosso, evidentemente palestrato, con il cazzo lunghissimo che gli penzolava moscio, mi disse:

“Fatti la doccia troia ti aspettiamo a tavola”

Cosi feci e quando usci, nuda, dalla porta che mi indicò, vidi una tavola imbandita con tutti gli uomini che mi hanno scopata. Stavano mangiando e ridendo, ancora nudi si passavano il cibo e quando mi videro si fermarono. Uno di loro venne verso di me, mi sollevò tra le sue braccia e mi depose sulla tavola.

Cosi, nuda, ero diventata una pietanza pure io, mi toccavano mentre mangiavano, mi allungavano qualcosa perché mangiassi pure io e lasciavano che mi servissi anche da sola, ma nessuno mi rivolse la parola. Ero un suppellettile, un bel fiore che arredava la loro tavola. Mi eccitava questa nuova situazione, mangiai e bevvi, mentre le loro mani mi ricordavano dove ero e io ne godevo. Ogni tanto mi toccavo la vagina, avevo ancora voglia e …...fui accontentata.

Dopo questo pasto che non so dire se era una cena o un pranzo, ricominciarono a scoparmi. Con la nuova energia che si erano procurati con il pasto mi scoparono ancora per ore e fu tutto come prima, cazzi ovunque ed estasi di piacere per me.

Infine uno venne verso di me, con il vestito in mano.
"Qui hai il tuo vestito Loredana SCHIAVA, quando ti ho trovato su Internet sapevo che eri un fottuto pezzo di troia. I miei ragazzi ed io siamo stati felici con te, e se vuoi di nuovo del sesso duro e il tuo corpo lo sopporta, allora mettiti in contatto. E ora, puoi andare via, ne abbiamo abbastanza per oggi. "
" Non posso farmi un’altra doccia almeno? "Ho chiesto.
"No, esci così, tutti dovrebbero vedere cosa sei, una fottuta stronza puttana!" disse e mi spinse in direzione della scala. Mi strofinai il vestito sul corpo imbrattato di sperma e andai in macchina senza mutandine, ma soprattutto senza cappotto, vestita da puttana, sperando che nessuno mi vedesse. Sono stata fortunata, quindi sono arrivata al mio hotel. L'orologio segnava le 08.20. Mi hanno scopata per 22 ore!!!
Per fortuna nessuno mi ha visto nell'hotel, c'era un accesso diretto dal parcheggio alla stanza. Feci una doccia abbondante e poi mi lavai i buchi arrossati, mi misi una crema lenitiva che mi ero portata e mi misi a dormire per alcune ore, non avevo fame del resto facemmo altre pause per mangiare e bere.
La sera ho iniziato il mio viaggio verso casa e ho avuto tempo di ripensare ancora e ancora alle belle ore trascorse in quel castello.
Il mio povero uomo, probabilmente avrà più da fare ora per soddisfarmi.

Questo racconto di è stato letto 5 1 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici per adultistorie di feticismoporn racconticulo di mia suoceraracconti tetteracconti hot amatorializia e nipote racconti eroticiconfessioni di un cuckoldracconti porno dal dottoreracconti erotici animaliblog marito cornutoputtanonaracconti fetishracconti hard transstorie di inculatestorie scambio di coppiaracconti erotiicracconti porno di mogli troiestorielle eroticheracconti di dominazioneracconti eros gratisstorie di sesso con animaliracconti erotici lunghicornuti raccontistprie pornoracconti erotici dominazione femminilera cconti eroticinonna racconti eroticistorie hot gratisracconto erotico incestoracconti fetishracconto erotico incestoracconti storie eroticheracconti brevi hardracconti di lesbicheeroticiracsottomessa racconto di una segretariaracconti erotici cornutiaddio al nubilato orgianonnigayeacconti eroticiracconti erotico incestotettone bondageracconti incesto madre figliacognata raccontoracconti erotici maestraracconti padrona schiavostorie di ragazze troiestorie eroticvicina di casa zoccolaracconti erotici prima volta nel culoracconti erotic iracconti di donne in caloreracconti porno costrettala moglie eroticaracconti di sesso con ziaracconti erotici zio nipoteracconti eroriciraccontieroticoracconti hotraccpnti eroticiracconti incetoracconto pompinogli ho dato il culoracc gayracconti di spankingraccont eroticistorie dincestoconfessioni eroticheracconti amatoriali eroticiraqcconti eroticiannunci 69 racconti gayracconti erotici vacanzestorie erotiche suocerasesso racconti eroticiracconti erotici nuovimoglie scopa al cinemaracconti massaggicuckold pugliaraccontu erotici69 scambio coppiafaccio sesso con mammaracconti mistressracconti piedi femminiliracconti aroticiracconti cinema pornoguardami cornutoquella troia di mia cugina