L'amore di F. e la sua voglia di uccidere. (4.) Prologo alla fine.

Scritto da , il 2019-09-13, genere dominazione

Le notti seguenti le passa interamente a leggere le mail dei due amanti, a guardare le immagini, i video.
Man mano che prosegue nella lettura sente crescere a dismisura il suo odio e stranamente nonostante questo si eccita.
Si eccita tantissimo.
Si ritrova a masturbarsi senza godere mentre legge e guarda le
numerose foto e i video che li mostrano impegnati in pazzeschi congiungimenti.

Tutto inizia sei mesi prima.
F. può vedere il momento esatto leggendo le loro mail.
Lei... la puttana deve andare ad un funerale di uno zio e lui, il porco, le si accoda con la scusa fittizia di un viaggio di lavoro.
Devono passare fuori la notte e mentre lui, F., è in angosce per
il proprio lavoro, questi due scopano per la prima volta.
A cena Arturo riesce a trovare il modo di farla cedere, a farle la proposta giusta, fino a quel momento lei aveva resistito alle sue assillanti proposte.
Quale la frase che la fa arrendere e cedere immantinente?
Con la quale lei crolla?
Lui che le dice che la raggiungerà in camera, che si abbasserà i pantaloni e lei dovrà mettersi in ginocchio e leccargli i coglioni, leccargli i coglioni e il buco del culo!
Ecco la cosa che la fa cedere! E impazzire!
Questa proposta diretta e oscena la fa bagnare all'istante fino alle ginocchia! Parole sue! Nelle mail di giorni dopo rivela che si scioglie letteralmente, tanto che a fatica raggiungono la camera di lui, iniziano a scopare già in ascensore e nel corridoio e lui ottiene il suo primo esplosivo orgasmo!
Lei non è più in grado di connettere razionalmente e si trasforma pienamente, diventa pronta ad ogni cosa, a subire sia nell'immediato che nel successivo futuro anche la più umiliante sottomissione. E diventa un'altra donna, disponibile e si invaghisce pazzamente per Arturo che diventa il suo dominatore sessuale.

Poi... la loro pazzia.
Scopano, in ufficio, nel garage dell'ufficio, in ogni attimo e dappertutto, in tutte le occasioni possibili. E in ogni altra situazione. In macchina, nei motel, per strada, a casa di lui, persino in casa di F. e nel suo letto... scopano!
Lui marchia il territorio come un animale, lascia segni del suo passaggio pulendosi il cazzo sporco di sborra sul cuscino di F.! Loro che ridono! E poi lo scherniscono crudelmente nel loro scambio di mail appena successivo.
Bastardi!
Lei si è trasformata! Ora è una puttana senza limiti, non solo si fa
scopare, inculare, ma adora farsi pisciare in bocca e sul corpo! Si fa picchiare e frustare, ne gode pazzamente, certa comunque che lui, F., in quel periodo non se ne può accorgere!
E... non solo!
In altre due occasioni, nel pomeriggio vanno fuori città, si incontrano in un motel con una escort e fanno sesso a tre, lei che per la prima volta si trova a dover leccare la figa di una donna e ne gode! In un incontro successivo il terzo sarà un gigolò e Arturo guarda mentre questi la scopa. La guarda e ne gode per quanto l'ha resa depravata e dipendente dal suo volere!
Il seguito di esagerazioni ed efferatezze sessuali è lunghissimo. Arturo che diventa dispotico e tiranno, crudelmente geloso della sua mente, che non le lascia via via nessuna indipendenza di pensiero e che la usa senza che lei possa mai concepire una minima protesta.

Le ultime mail di Arturo sono diverse, cattive, diventa esigente.
E' geloso in maniera ossessiva e vuole che lei lasci F., s’incazza per i segni che questi le lascia sul corpo.
Insiste. Lei in questo caso gli chiede di aspettare, dice che F. andrà lontano per lavoro, che lo spingerà e convincerà a farlo e subito dopo inizierà a vivere con lui.
Troia!

Poi la ragione di questo suo cambiamento repentino.
Del perché della sua caduta verticale.
Inizia con la morte dello zio e il relativo funerale, da quella sera. Viene fuori la storia, è lei che si racconta ad Arturo in diverse mail, lunghissime e dettagliate, gli spiega cosa ha davvero vissuto.
I suoi genitori l'affidano ad un fratello del padre. Sono in crisi e in difficoltà economiche. Lui, lo zio, in pratica ne diventa il tutore, i suoi genitori partono e non si interessano più di lei, spariscono.
Il zio la insidia e la possiede violentandola quasi da subito.
E’ un uomo vizioso, libidinoso, violento e quando ne ha modo la possiede continuamente, anche dieci volte al giorno... così scrive lei.
E se non lo soddisfa sono frustate. Torture, punizioni.
E le piscia addosso, la usa da latrina.
La lega come una cagna!
Lei è vittima ma non solo, quello che subisce finisce per piacerle e la segna profondamente nell’inconscio e non può più fare a meno di lui che diventa una necessità, una vera droga mentale della quale lei è dipendente.
Lo ama. Ama profondamente il suo torturatore. Lo ama e lo idolatra come la migliore delle persone.
E lui si fa leccare i coglioni e il culo! Sempre... come segno della sua sottomissione!
I coglioni e il culo!
Ecco!
Proprio questa richiesta fatta da Arturo durante la loro cena la fa
precipitare nuovamente nel baratro! Apre una voragine!
Ora, con Arturo, lei rivive pienamente ciò che ha vissuto con lo zio, la cosa si ripete e Arturo ne approfitta cinicamente ma ne è anche personalmente preso.

Arturo diventa lo zio!
Ne prende il posto!

“Puttana... puttana! “.
Pensa, ma la vede ora quasi come una vittima, vittima delle circostanze e del suo passato.
“E’ lui, quel porco... il vero e unico colpevole! Ucciderò lui!”
Decide!
Non dorme quelle notti e verso mattina esce prima che la moglie si
svegli.
Cammina a lungo cercando una soluzione.
Appena è possibile si precipita a casa dei due ragazzi, a volte aspetta che Arturo esca per entrare.
Li possiede con una violenza estrema, ora sono tutti in preda ad un parossistico modo di far sesso. Sesso sempre più estremo, violento!
Impone a Giulia di far intervenire Alessandro. Questi viene con tutto il suo campionario di droghe varie, è una pessima persona... Alessandro. Uno studente-pusher. Vende droga all'università. Corrotto mentalmente!
Tutto il giorno dura la cosa. Fumano e scopano. Si impasticcano e scopano. Legano Giulia e la prendono assieme fino a farla letteralmente svenire. Si impasticcano di nuovo e riprendono. Lui e Alessandro, loro dominatori, uno a fianco all'altro che scopano nel culo i due ragazzi.
Giulia e Andrea che bevono litri di sborra.
Giulia che gli dice che ha mostrato i video di suo padre e della troia ad Alessandro. Lui si incazza e la colpisce forte al viso.
La sera non guarda la moglie, ha timore di fissarla negli occhi, non mangiano assieme né dormono assieme, la evita.
Vorrebbe parlarle di quello che stanno vivendo ma non sa come iniziare e cosa dire.

Le notti le passa a leggere e rileggere le loro mail e a guardare le
molte foto.
Lo urta moltissimo questo: vederla con la bocca avidamente aperta mentre beve il piscio di Arturo e poi che gli lecca e succhia il cazzo bagnato!
Puttana!

Infine una mattina, quasi senza volerlo, si trova in camera, lei dorme, la raggiunge a letto. Il suo odio trasformato in desiderio, in voglia pazza di lei, della puttana che nonostante tutto ancora ama!
Le si accosta, le si pone sopra, le apre a forza le gambe, la cerca con il cazzo nuovamente duro e la prende senza preparazione, la prende a forza nella figa asciutta, spinge e inizia a scoparla con quella violenta frenesia che prova.
E si sente urlare...

-Ti amo... puttana! Ti amo! Sei una puttana schifosa, ma ti amo!-

E lei... sveglia ora.
-Da quanto lo sai?-
-Da pochi giorni, ma che razza di troia sei? E ora godi anche me? Puttana!-
-Si... lo sono! lo sono una puttana! Sono una puttana schifosa! Faccio schifo!-
Aumenta il ritmo e la forza dei suoi affondi e sborra dentro di lei!
Lei urla! Ulula come una lupa!
Sono bestie, hanno poco di umano!
Dopo, lui ansante.
-Lascialo, lascia quel porco e ricominciamo!-
-Non posso! Te lo giuro! Non posso lasciarlo, mi è diventato indispensabile, non posso, non posso!-
-Allora ti lascio io!-
-Non voglio che mi lasci! Sono puttana e sono marcia dentro ma amo anche te, sei l'unica cosa che ancora tiene a bada la pazzia!-

In quel lungo sabato non lasciano mai il letto.
Scopano in continuazione.

Lei si racconta, racconta tutto.
Tutto è come descritto nelle mail che ha letto F., dall’inizio alla fine.
Gli dice dello zio, del suo precipitare nuovamente nel mondo oscuro
della sottomissione, del suo cedere solo e semplicemente in seguito alla richiesta di leccargli i coglioni, come se queste parole fossero la chiave di volta che le scardina la mente e fa crollare tutto!

-Lecca anche i miei coglioni... troia! Leccami!-

Lei si mette in ginocchio fra le sue gambe, gli prende i coglioni in
bocca. Una mano lo mena e l’altra gli infila le dita nel culo.
Freme, è evidentemente in preda a un raptus! Lei è ingestibile, ormai la mente è fuori controllo.
La lascia fare a lungo, poi la alza e la penetra con forza.
-Poi? Che altro avete fatto? Troia!-
-Mmh... sbattimi forte! Più forte! Fammi male! Picchiami! Bastonami! Siii... così! Sai? Due volte ha pagato una donna, lei me l’ha leccata tantissimo, io leccavo lei, ho goduto moltissimo! Lui guardava...-
F. aumenta ancora la forza dei colpi.
-E... cosa ancora?-
-Un uomo... lui mi guardava godere, mentre questo mi scopava, figa e culo sai? Era davvero molto grosso...-
-Puttana!!!!!-
-Sfondami! Picchiami! Che aspetti? Sai? Lo fece quando gli dissi che mio zio mi faceva scopare dai suoi amici... tanti sai? Tanti e tutti porci, mi tenevano e... a turno mi possedevano... e pagavano lo zio per scoparmi.-
-Dioooooo! Ora ti riempio di sborra! Troiaaaaa!-
-Siiiii! Sborrami dentro! Dimmi che sono anche la tua troia e che non mi lascerai mai!-

Incredibilmente il cazzo di F. non cede. Vero che continua a prendere le pasticche di Alessandro, ma il vero motivo è l’immensa voglia che lei, con quanto gli racconta, gli provoca.
-Continua... dimmi ancora... puttana.-
Lei ora gli accarezza la grossa e dura verga, lo succhia, lo inghiotte.
-Più volte... mi ha scopato mentre ero al telefono con te, cercava in
ogni modo di farmi gemere e gridare, sai? E io gli resistevo... e più
resistevo... più lui mi scopava forte, mi mordeva e strizzava le tette... e quando non resistevo più... chiudevo la comunicazione...-
-Si! Ricordo! Poi mi richiamavi... puttana, e mi dicevi che era
caduta la linea, ma che troia sei?-
-La tua! Giura che non mi lascerai mai!-
-E lui?-
-Lui resta! Non lo amo come amo te, ma è un legame talmente forte che supera a volte l'amore, è come rivivessi mio zio, il mio torturatore, il mio primo uomo, del quale non potevo fare a meno, non pretendo che mi capisci, lo so che è difficile...-
-Chiamalo... al cellulare! Chiamalo mentre ti scopo! Ti farò morire...
puttana! Ti scoperò così forte che dovrai interrompere la telefonata
anche con lui!-
-Si... lo faccio!-
Si mette veloce a pecora e mentre lui affonda violento il cazzo, lei
chiama Arturo.
Questi le chiede come mai non si sia fatta sentire, lei tergiversa,
prende tempo mentre Franco le sta devastando la figa con i suoi
colpi potenti, poi... quando sente montare l’orgasmo e prima di
cominciare a gemere e urlare stacca la comunicazione!
Franco continua a vangarla, lei gode a ripetizione.

-Sai... lo zio mi frustava. E mi pisciava in bocca.-
-Anche Arturo?-
-Si... anche lui! Accetterai la situazione, tu con me e io con lui?
Capisci che non posso farne a meno? Te ne prego! Accettami come
sono, vivimi così, non mi lasciare!-
-Ho voglia di ucciderlo quel tuo porco!-
-E lui vorrebbe uccidere te! Ma gli ho posto la stessa condizione,
la stessa che ho posto ora a te. Vivermi per quella che sono. Sarò la
vostra troia... di tutti e due! Amore, non siete in competizione, non
devi dimostrarmi di essere più porco di lui! Potete tutti e due farmi
vivere sensazioni diverse, sempre più estreme ma ognuno nel suo spazio e nel suo tempo, sarà così difficile accettarlo per te?-
-Provo, posso provare ma non so se funziona... -
-Devi... se mi vuoi! E l’alternativa è... perdermi, ricorda, io ho te, senza di te non voglio stare ma voglio anche vivere quello che vivo ora.-

F. riesce a non pensare ad Arturo, a quello che scopa e si gode sua moglie, ma il germe della gelosia è dentro di lui... e lavora. Lavora giorno e notte e gli inquina il pensare, lui lo inganna usando la moglie e i ragazzi in atti sempre più depravati, ma ogni volta dopo riemerge, diventa assillante.
La moglie lo coinvolge pienamente nella sua pazzia, F. è consapevole che lei è presa da qualcosa che non può combattere, qualcosa che la condiziona profondamente.

Poi la cosa che provoca la tragedia!

-Dio! Non so come dirtelo...
-Dirmi cosa...
-Sono incinta...
-Di chi? Cazzo! Di chi?
-Di Arturo.
-Cazzoooooooooooooo!! Puttana! Con me prendevi l'anticoncezionale per non restarci! Dicevi che non volevi rinunciare alla carriera, al lavoro e con lui? Ti sei fatta sbattere fino a restare pregna, sei una schifosa troia! Una cagna in calore!
-Lui vuole un figlio da me...
-E io? Puttana? E io? Immagino che la sua richiesta prossima sarà quella di andare a vivere con lui, a casa sua! E tu obbedirai e ci andrai!!!! E io? Mi vuoi lontano! Tutte le tue chiacchiere su quanto ti sono necessario per non impazzire! Tutte balle... tutte menzogne, tu hai sempre riso di me! Mentre lui mi umiliava!

E... la voglia di uccidere ora prende il sopravvento, non è più controllabile, sente il cervello frantumarsi proprio come fosse una coppa di cristallo scagliata violentemente a terra e sente mille schegge penetrargli dolorosamente in ogni parte del corpo.
Ora non si vede ma è sopra di lei a terra e le stringe le mani alla gola per ucciderla, stringe e lei annaspa.
Ma si ferma all'ultimo momento, la lascia mentre lei ansimante cerca di tornare a respirare.
Ormai la sua mente è collassata, è solo in grado di elaborare un piano crudele e definitivo.
Li ucciderà tutti!

Questo racconto di è stato letto 1 0 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie poenoi racconti di milyracconti erotici vedovaracconti eroiticistorie di sesso in famigliastorie di mogli puttaneracconti esoticistorie eroticheracconto erotico 69erotici racontiracconti eeoticiracconti di bdsmrqcconti eroticigeneri dei racconti eroticisuocere che scopano generiraccont eroticcuckold racconti eroticiracconti erotici gay maturilaura panareiraccontierotracconto erotico veroraconti di milugeneri eroticiracconti di incestoracconti incesracconti femminilizzazionesiti di racconti eroticiracconti ricattosodomia raccontiracconti ertoticiracconti erotici analmoglie sodomizza maritomia zia e una porcafetish storieracconti porno piediracconti di sesso con la ziastorie erotici generi dei racconti gaygenere dei racconti eroticistorie porracconti erotici amatorialeracconti feticismo piedisega al cinema pornoracc sessstorie erotir acconti eroticiraccontieriticiincesti nonna e nipotestrorie pornoracconti erotici famigliaracconti intimiracc eroticistorie pronostorie porno a fumettiincesto69racconti di donne in caloreracconti erotici slavestorie di scambio di coppiaracconti rtoticiracconti di storie di sessotracconti eroticiracconti amatoriali sessouomini che leccano i piedi alle donnestoriw pornocontatti eroticiracconti amatoriali sessoracconti mistressracconti sesso analecuckold umiliatoracconti erotici cornutoracconti mariti guardonii piedi di mia cognataerotici raccoi generi dei racconti eroticiracconti erotici freestorie erdonna scopa col caneracconti potnoracconti erotici.ho inculato mia suoceraracconti hard con animaliracconti porno in famigliaracconti dal ginecologofoto porno raccontieroticaraccontiracconti erotici incestuosisexy raccontiveri racconti eroticistorie erotiche 69racconti erotici da leggere gratis