In caduta libera verso l’abisso (5)

Scritto da , il 2019-09-13, genere dominazione

Entriamo nello spogliatoio, un ambiente asettico ma elegante con grande spazio, Elisabetta mi ordina di spogliarmi completamente nuda tenendo autoreggenti e scarpe.
Pensando che se ne andasse e mi lasciasse sola attendo, ma con un gesto fulmineo mi prende un capezzolo tra pollice e endice torcendolo con forza, facendomi emettere un lamento stretto tra i denti, e mi rinnova l’ordine.
Capisco che vuole vedermi e immediatamente mi tolgo camicetta e gonna che posiziono nell’attaccapanni in modo che non si stropicciano, rimanendo completamente nuda.
La dottoressa mi gira intorno squadrandomi come se dovesse fotografare ogni centimetro della mia pelle, avvicinandosi mi palpeggia il seno giochicchiando con i miei capezzoli già duri e turgidi, quindi preme un interruttore.
Dopo pochissimi secondi la porta dello spogliatoio, che si affaccia allo studio medico vero e proprio si apre, ed entra una ragazza di colore, altissima, statuaria, rivelando una forma fisica perfetta dovuta probabilmente alla frequentazione assidua della palestra.
E’ inguainata in una tuta in lattice nera lucidissima, una cintura alta e rossa, stivaletti neri con tacco altissimo. Lo sguardo è terrificante da cattiva e sadica, con trucco pesante e labbra esageratamente gonfie esaltate da un rossetto rosso fuoco, mani grosse e possenti con unghie lunghe fintissime.
La ragazza esordisce con “mi dica dottoressa” Elisabetta risponde: “Porta questa cagna a fare un lavaggio profondo la voglio pulitissima per la visita, controlla che non abbia peli superflui e non azzardarti a toccarla o penetrarla, per il resto puoi fare ciò che credi!”. Poi rivolgendosi a me: ”Elsa è manesca, non conosce pietà e ti consiglio di non farla arrabbiare”.
Elsa mi indica di uscire nel grande studio, mi precede e apre una porta in fondo al corridoio, entro e lei chiude la porta dietro alle sue spalle con un sinistro clock ed un giro di chiave.
Mi fa sdraiare su un lettino ginecologico mi allarga le gambe che fissa a due trespoli appositamente collocati e che mi mantengono in una posizione oscena aperta, poi con dei lacci di cuoio mi lega i polpacci ai due trespoli. Quindi mi fa alzare le braccia che fissa ad una polsiera appena sopra la mia testa, per ultimo una cintura appena sotto il seno che mi stritola le tette come se le dovessi mangiare.
In questa posizione sento il pezzo di lettino sotto il mio coccige venir meno lasciando esposto anche il mio buchetto posteriore. Elsa posa il pezzo del lettino, poi si avvicina a me con un ghigno terrificante stampato sul viso dicendomi “ora non ti puoi più muovere sei nelle mie mani” posso chiederti cosa mi farai dico con un filo di voce tremolante, lei ride e aggiunge vedrai.
Infila i guanti di lattice neri armeggia e mi spalma una crema sul mio buchetto, mi si gela il cuore i miei pensieri impazziscono dentro di me e sento goccioline di sudore correre lungo la mia schiena, non ti preoccupare questo è solo perché non posso penetrarti altrimenti saresti già ad urlare e a supplicarmi.
Armeggia ancora un po' e avvicina a me un trespolo alto con appese delle borse contenenti un liquido di colore bruno come se fosse brodo.
Allaccia una cannula e a quel momento capii la mia sorte, con in viso un’espressione carica di sadismo, mi allarga le chiappe ed infila nel mio buchetto, forzandolo senza complimenti l’estremità della cannula provocandomi un dolore fortissimo ed un urlo mi esce dalla bocca, mi sento violata e abusata da questa sexy infermiera, mentre la vergogna mi assale, mi sento crescere nel culo qualche cosa che si gonfia dentro di me mentre il suono di una pompetta riempie la stanza. Comincio a supplicarla di fermarsi, ormai la crescita di quell’intruso è insopportabile, mi sembra di dover trattenere di andare in bagno da mesi. Elsa ride di me, altre pompate ed io piango sentendomi profanata, poi improvvisamente percepisco che un secondo palloncino si sta gonfiando all’esterno del mio buchetto tirando e allargando i miei glutei.
Pochi minuti dopo un torrente impazzito inonda il mio intestino provocandomi dolori lancinanti alla pancia, il liquido caldo entra in me lo percepisco mentre la mia pancia si ingrossa a dismisura facendomi urlare di dolore, con la coda dell’occhio guardo il contenitore che man mano si svuota dentro di me il liquido è quasi tutto esaurito ed Elsa attacca un secondo sacchetto, urlo come una pazza cerco di contrastare il liquido bollente che entra ma senza riuscirci, sono tutta bagnata di sudore le gocce mi colano in mezzo ai seni la fronte, braccia e gambe sono completamente bagnate, supplico Elsa di fermarsi che sto scoppiando, ma come mi aveva avvertito la dottoressa non sente pietà, anzi apre ancor di più il rubinetto ed il getto bollente diventa ancora più forte facendomi svenire.
Con due schiaffi Elsa mi sveglia, sento il bruciore invadermi la faccia e un dolore fortissimo alla pancia che intravedo nello specchio, è gonfia come se fossi al termine di un parto trigemellare la pelle è tesa e due cannule mi escono dal sedere, l’ombelico è tirato e dolorante come se si volesse strappare.
Elsa mi dice che devo trattenere il tutto per 10 minuti, io con un filo di voce le chiedo pietà, solo allora Elsa mi guarda e mi propone :” ora mi siedo sulla tua faccia, mi leccherai e ti potrai liberare solo quando io raggiungo l’orgasmo”. Con un cenno annuisco, in un attimo mi ritrovo il sesso grondante di Elsa sulla faccia.
È strano, il colore della pelle del suo sesso ha parecchie sfumature sui toni scuri del marrone, mentre l’interno contrasta con un rosa abbagliante, le grandi labbra sono sottili cicatrici biancastre che si uniscono appena prima del buchetto, mentre al posto del clitoride c’è una evidente cicatrice, quasi un buco di quello che doveva essere il centro del suo piacere, le piccole labbra di un rosa intenso lasciano libero l’ingresso della sua cavità restando divaricate, il sapore è aspro, selvatico e come mi si appoggia sul viso uno scroscio di piscio mi inonda la faccia, mi tappa il naso e mi costringe a bere dalla sua fonte.
Sono spiazzata, non so dove poterle procurare piacere, lecco la dove doveva esserci il suo bottoncino, credo non le piaccia perché allunga una mano sul mio pancione e comincia a schiacciare facendomi malissimo, riprovo leccando all’interno delle sue piccole labbra e a questo punto sento che si rilassa continuo e in preda a dolori fortissimi lecco a più non posso, portando Elsa ad un rapido orgasmo.
Come promesso si alza e mi sgonfia prima il palloncino esterno e poi pian piano quello interno mettendo sotto di me una grossa bacinella, appena il palloncino si sgonfia lo espello con un dolore lancinante al mio povero buchetto ed evacuo nella bacinella vergognandomi sia della puzza che dei rumori che produco alla fine mi sento svuotata e priva di forze.
Mentre cerco di riacquistare lucidità, sento che il trattamento ricominci urlo cerco di divincolarmi ma Elsa non sente ragioni, tappata come una bottiglia, mi riempie con la terza soluzione che trovo fredda e che mi procura crampi dolorosissimi. Capisco che sto perdendo i sensi vedo tutto nero…..
Mi risveglio sotto il getto caldo della doccia, Elsa mi ha svuotata e condotta sotto la doccia tocco il mio forellino posteriore e lo trovo normale come sempre, Elsa sorride, mi rincuora dicendo che tutto è come prima le sorrido, vorrei chiedere cosa e chi gli ha fatto quello scempio in mezzo alle sue gambe ma mi trattengo pensando che non sono fatti miei.
-Continua-
Se volete contattarmi la mia mail è vi chiedo di evitare richieste di incontri e broccolamenti vari grazie
La sequenza
Sotto Sara2001
La matrigna
In caduta libera verso l’abisso(1)
Come Sara2001Bis
In caduta libera verso l’abisso 2-3-4-5
Buona lettura
Sara

Questo racconto di è stato letto 1 3 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontierotiracconri pornoerositalia raccontiero raccmi scopo mio fratelloracconti cucoldpompini raccontiracconti erotici gay bisexconfessioni cuckoldracconti con la suocerafumetti incestiracconti tradimenti eroticiraccomti milula suocera troiaculo di mia cognataraccoti pornoracconti car sexnuora porcasottomesso alla moglieamoreinfamiglia.blogspot.itstorie etoticheracconto erotici gayracconti porno tradimentostori eroticheracconti eroyiciracconti di deflorazioneracconti erotiistorie porno amatorialiracconti amatoriali di sessomilu storieracconti erotcifumetti porno incestiil confessionale eroticoracconti incesti gayracconti erotici di zoofiliaracconti gay italianiraccontieroracconti-eroticiracconti prnosesso a tre bisexracconti eoticiracconti sesso pornoano slabbratoracconti incestragazza inculata dal caneracconti porno realiincrstiracconti porno nuovistorie di sesso pornoerotici incestoracconti porno i generistorie eoticheracconto eroticostorie feticismo piediracconti femdomsorie pornoti prego scopamifisting estremiscopate e tradimentiracconti piedi femminiliracconti.incestostorie di matureracconti incetuositette raccontiprima inculata gaysorie pornouomo bifallicoracconti erotici mistressano slabbratoracconti erotuciracconti erotici nonna e nipotercconti eroticisuocera nudistaracconti erotici supposteescort raccontierotici raccontmogli al cinema pornoracconto di un pompino