Diversamente vergine - 5

Scritto da , il 2019-09-13, genere etero

UN PO' TOO MUCH


Anziché darmi una calmata, dopo il fallito tentativo di stupro anale da parte di Giorgio divenni, è proprio il caso di dirlo, ancora più famelica. Iniziai a accettare inviti da un sacco di ragazzi, della mia scuola e non solo della mia scuola. Ci uscivo e ai più intraprendenti concedevo lussuriosissime limonate che si concludevano, spesso e volentieri, con un mio lavoretto di bocca. Gesù, pensavo, è mai possibile che non riesca a dire un solo “no”?

Per la verità non riuscivo a dire di no nemmeno a quelli cui le lussuriosissime limonate non interessavano affatto. Ragazzi rozzi che mi spingevano giù con le mani che mi premevano sulla testa o sulle spalle e davanti ai quali piegavo le ginocchia con un risolino da perfetta cretina prima di prendere tra le labbra i loro arnesi mal lavati, o forse addirittura mai lavati.

Non so perché mi prese così. A me fare pompini piace e penso che farli mi piacerà sempre, ma in quelle settimane non dico che fosse diventata un’ossessione ma quasi. Prendere cazzi in bocca e sgrillettarmi la sera al ricordo di quelle esplosioni di sperma mi appagava più di ogni altra cosa. Ripeto, non so perché, voi non andate mai a periodi?

Una cosa che mi esaltava, e alla quale pensavo con più piacere la sera sotto le coperte, era il contrasto tra la mia posizione di inferiorità e il potere che avevo su di loro in quei momenti. Parlo proprio della postura: mentre ero chinata o inginocchiata sui loro inguini con la testa prigioniera delle loro mani sapevo che però il loro piacere dipendeva in gran parte dal modo in cui io decidevo di darglielo, me ne sentivo padrona.

Naturalmente avevo abbassato di molto i miei criteri di selezione dei ragazzi (senza esagerare, però). Parchi, automobili, vicoletti bui, soprattutto lo scantinato del bar vicino scuola, persino la toilette di un cinema. E poi le case, ovviamente. Avevo ormai iniziato, se la logistica lo consentiva, anche a masturbarmi mentre spompinavo traendone un godimento doppio.

Con uno di questi ragazzi finimmo avvinghiati e ancora semivestiti sul letto dei suoi in un sessantanove – del quale conoscevo solo la teoria – che mi fece accogliere il suo sperma nella bocca proprio mentre la spalancavo per urlare il mio orgasmo. Una cosa sconvolgente, davvero: era la prima volta che qualcuno mi faceva venire così, mentre ancora gli succhiavo il cazzo. Avrei voluto che non finisse mai anche se lui aveva dovuto combattere per tenermi aperte le cosce, a me veniva da stringerle per il troppo piacere. Gliene fui sinceramente grata! Mi misi a ridere di piacere e felicità con la lingua e mezza faccia imbrattata della sua roba, anche se ci restai un po’ male nel sentirmi chiedere subito dopo: com’è-che-non-te-la-depili-che-oggi-ce-l’hanno-tutte-depilata? Ma che cazzo…

C’era anche qualcosa di istruttivo nel vedere come la considerazione nei miei confronti potesse cambiare. L’esempio più lampante? Italo, un ragazzo della VG. La prima volta era tutto un ansimare timido e impacciato: “Annalisa è dolcissimo… attenta che così mi fai venire”; la seconda volta un già più sicuro “Annalisa… oh cazzo ora vengo”. La terza (nell’intervallo di un film di cui non ricordo nulla perché avevamo passato il tempo a baciarci con le sue mani sotto la mia gonna e il mio golf) era già diventato un ringhiato “ti sborro in bocca, ti sborro in bocca troia”. Sì, quello della toilette del cinema era lui.

Non posso dire che fosse proprio di dominio pubblico, ma il fatto che avessi spompinato e spompinassi un bel po’ di ragazzi era una cosa abbastanza nota. Tant’è che il numero di quanti mi chiedevano di genuflettermi tra le loro gambe iniziò verso la fine dell’anno scolastico ad assumere un ritmo di crescita logaritmico. E per la verità anche quello delle ragazze che mi rivolgevano complimenti non proprio carini. Uno dei più gentili era stato: “Ma tu sei malata o cosa?”. Me lo ricordo bene perché ero abbastanza sovrappensiero e risposi con un “no, sto benissimo, perché?” assolutamente fuori contesto che provocò l’ilarità delle due amiche di quella stronza.

La cerchia dei miei – come vogliamo chiamarli, pompa-amici? – comprendeva all’incirca una ventina di nomi. Ma poi c’erano anche, per così dire, gli occasionali, che erano persino di più. E i loro amici, e gli amici degli occasionali. Spesso mi sembrava di essere più una vigilessa che dirige il traffico che una troietta. All’inizio però riuscivo tutto sommato a gestire bene le cose. Chi qualche volta restava deluso sapeva che non lo sarebbe rimasto a lungo.

Quello che però a un certo punto non riuscii più a gestire fu la quantità di maschi arrapati combinata con le contumelie nei miei confronti. Soprattutto nell’avvicinamento dell’esame di maturità.

Ero costretta a studiare con il cellulare spento per evitare le telefonate che si susseguivano, vi lascio immaginare il delirio di notifiche quando lo riaccendevo. Su whatsapp e su Facebook la maldicenza e le volgarità dilagavano, tanto che fui costretta a blindare il mio profilo. Scoprii che qualcuno aveva scritto “Annalisa pompinara” con il mio numero di telefono sulle porte dei bagni dei maschi (spero solo a scuola), abitudine che pensavo risalisse al medioevo.

Fortunatamente non avevo mai concesso a nessuno di tirare fuori il telefono e riprendermi. Se uno appena appena ci provava mi fermavo minacciando di andarmene, di mettermi a strillare. Troia sì, scema no. Perché in quel caso mi sarei sicuramente messa in qualche casino megagalattico.

Il mio parossismo fu anche causa di qualche tensione con le mie amiche. Con Stefania, in particolare.

– Mi spieghi come fai a dire di sì a uno che ti dice: se mi fai un pompino ti porto in piscina? Cazzo, è squallido! – mi abbaiò un giorno che le girava particolarmente male.

– Cazzo c’hai, il marchese? – le risposi a brutto muso – forse l’ho fatto perché mi andava di andare in piscina o forse perché gliel’avrei succhiato comunque! A te che cazzo te ne frega? E in ogni caso non capisco che differenza c’è tra questo e il fare la gatta con Marcello, “che, domani mi porti al mare?”, e poi farsi sbattere sul sedile posteriore. Cosa fa la differenza, il non-detto? Non ti dico che te la do ma te la do lo stesso?

Lo scontro si risolse per fortuna subito e un paio d’ore dopo eravamo lì che sembravamo quasi due lesbiche, io a tenere la faccia di Stefania tra le mani e ad asciugarle le lacrime perché il bel Marcello, dopo essersela sifonata di brutto, era passato a un’altra. Poi ditemi che faccio male a non darla…

In ogni caso il fatto di essere universalmente nota come una troia-bocchinara-che-però-non-la-dava aveva se non altro i suoi risvolti positivi: dissuadeva un bel po’ di ragazzi (non tutti) dal chiedermi di mettermi con loro o di permettergli di ficcarmelo dentro. Con i più insistenti invece toccava litigare e interrompere i contatti per qualche periodo. Qualcuno si vendicava, qualcuno ritornava. A volte ritornava anche chi si era vendicato.

Insomma, ero al centro di un bel casino. Tuttavia me ne fregavo, sapevo che da quella scuola mi sarei portata dietro ben poche amicizie. Sostanzialmente due: Stefania e Trilli (sta per Tiziana). Volendo, anche Tommy, il ragazzo di Parma del quale avrei anche potuto innamorarmi e al quale avrei anche potuto concedere la mia verginità se non avessi saputo che, tempo qualche settimana, lui e la sua famiglia sarebbero ritornati nella loro città.

Tommy era stato onesto, a modo suo. Lui in realtà cercava – andiamo al sodo e senza falsi moralismi – una ragazza per scopare. E l’aveva pure trovata, Benedetta. Tuttavia non riuscivo a smettere di concedermi a lui, di permettergli di dirmi quelle porcate che a entrambi piaceva tanto dire e ascoltare.

Gli permettevo persino di dirmi la verità.

– Non ti da fastidio che tutti ti considerino una troia? – mi chiese un giorno.

– Se non fossi una troia non ti farei questo – gli risposi cercando di recuperare il fiato mentre lo segavo guardandogli il cazzo, con gli occhi fissi su quella carne dura e gocciolante della mia saliva, prima di spalancare un’altra volta le fauci e avventarmici sopra.

Ma sapevo cosa voleva dire. E no, del fatto che mi considerassero una troia proprio non me ne fregava nulla.

Confesso di essere stata, l’unica volta che ci trovammo a casa sua, sul punto di chiedergli di prendermi, di fare di me quello che voleva. Ma proprio tutto, se avete capito cosa intendo.

Eravamo seduti e semivestiti su un divano. Mi baciava e mi toccava ovunque, mi stava facendo impazzire quel giorno. Succhiava le mie tettine fino al dolore e la sua mano si era intrufolata nelle mie mutandine sgrillettandomi in modo brusco e impaziente, così diverso dal mio. Avevo in mano la sua potenza dura, gliel’avevo appena tirato fuori dai pantaloni. Mi chiese se mi piacesse il suo cazzo e io gli risposi sospirando “oh sì, il tuo cazzo”. Che sembra una esclamazione da deficiente, ma vi assicuro che in quel momento pronunciare quella parola avendocelo in mano mentre lui mi masturbava mi provocò una serie di spasmi devastanti al ventre. Fu in quel momento che lo volli, immaginandomi la scena e le mie stesse parole. Ma sì, ma vaffanculo a tutto, se solo mi avesse detto “ti scopo” mi sarei inginocchiata tra le sue gambe e glielo avrei preso in bocca fino a farlo delirare di piacere. Poi restando in ginocchio mi sarei tirata giù pantaloni e mutandine e avrei appoggiato il busto sulla seduta del divano come avevo visto in un video che mi aveva eccitata tanto. Scopami, fottimi, sverginami. Ti faccio vedere che sono più troia io di quella troia di Benny.

E il mio piano l’avevo già cominciato a mettere in atto, finendo sul pavimento e iniziando a spompinarlo. “Dimmi che sono una puttana”, gli avevo chiesto gonfia di voglia, con un lago tra le mutande e i capezzoli che mi dolevano per quando erano eretti. E lui mi aveva messo una mano sulla testa per darmi il ritmo, mi diceva che ero una troia e una bocchinara fantastica e io gli rispondevo con i miei gorgoglii. Aspettavo solo che mi dicesse “basta con le tue cazzate, dammela”. Ci interruppe, appena in tempo credo, il fattorino di Amazon al citofono.

Sia a lui che a me prese un colpo per il timore che fossero i suoi genitori (ma perché avrebbero dovuto suonare al citofono? avevano le chiavi!). Si ricompose in fretta, mentre io mi precipitai in bagno con la maglietta arrotolata fin dietro la testa e le tette al vento. Mi guardai allo specchio e, d’improvviso, mi odiai. Mi resi conto che fino a pochi secondi prima ero pronta a farmi togliere la verginità solo per una ripicca nei confronti di un’altra. Possibile? Non me lo meritavo, questo non me lo meritavo proprio. Ancora una volta, chiusa nel bagno della casa di un ragazzo, mi venne da piangere, come quando quello stronzo di Giorgio aveva provato a incularmi. Ma le ragioni stavolta erano completamente diverse. Detestavo Benedetta, la ragazza di Tommy, ma allo stesso tempo detestavo me stessa. Forse l’unico da detestare sarebbe stato proprio Tommy, ma non ce la facevo, non ce la facevo proprio.

Uscii dal bagno con il timore che lui volesse riprendere da dove ci avevano interrotti. Io non volevo più, non avrei saputo come dirglielo ma non volevo più. Lui però non aprì bocca, mi abbracciò e mi baciò con una dolcezza di cui solo lui era capace. Mi disse “andiamo in cucina e facciamoci qualcosa, poi ce ne andiamo al cinema”. Forse non riuscivo a detestare Tommy perché era capace di queste cose.

Tuttavia ero rimasta scottata. Avevo capito, proprio con lui, che non basta farsi venire l’idea che un ragazzo sia quello “giusto”. Bisogna anche che lo sia davvero. E lui purtroppo non lo era.

Alla fine dovetti comunque rallentare. Non tanto perché, come diceva Tommy, tutti mi considerassero una troia. Ma anzi perché tutti pretendevano praticamente che facessi la troia h24. Eddài ragazzi, non è possibile, no? Ho anche da studiare, tra l’altro.

Era davvero troppo.

Quindi iniziai a depennare un po’ di persone dal mio carnet. Unilateralmente.

L’unico per cui feci un’eccezione fu un ragazzo che fino a quel momento non avevo mai filato particolarmente. E ne fui felice, perché a suo modo fu una buona azione. Non che facessi pompini per fare buone azioni, li facevo perché mi piaceva farli, punto. Tuttavia quella volta fu speciale.

Il ragazzo lo chiamavamo tutti Ibra. Un po’ perché il suo vero nome era Ibrahim, un po’ perché era molto bravo a giocare a pallone. Questa era, credo, l’unica ragione per cui quelli del mio gruppo lo accettavano. Ma sempre con un po’ di puzza sotto il naso: era figlio di immigrati e, immagino, molto povero. Io la consideravo una ingiustizia bella e buona. Non era particolarmente bello, era però timido e simpatico, molto tonico, atletico. Asciutto. Sia per gli allenamenti che, penso, per una dieta che non doveva certo essere ricchissima.

Una sera che ero rimasta senza cavaliere si offrì di riaccompagnarmi a casa sul suo cinquantino scassato, un viaggio in direzione opposta a quella di casa sua. Mi offrii di pagargli almeno la benzina ma non volle. Seduta dietro di lui, stretta alla sua schiena su quel sellino striminzito, ebbi modo di apprezzare il suo fisico tosto, i suoi addominali che non sapevo se fossero scolpiti come quelli dei palestrati, ma sicuramente sodi, sembrava di ferro.

Iniziai a passargli le mani sul torace e, sotto la maglietta leggera che indossava, sentii che i suoi capezzoli da ragazzo si erano un po’ induriti. Mi eccitai anche io.

– Ti fermi da qualche parte? – gli sussurrai oltre il casco, sperando che bastasse quello a fargli capire la mia disponibilità. Un po’ avevo voglia di ringraziarlo, ma soprattutto avevo voglia di cazzo.

– Perché? – chiese lui. Evidentemente era proprio fuori sintonia.

Non mi ci volle molto, però, a fargli capire come stavano le cose, e lo feci abbassando la mano in mezzo alle sue gambe.

Non rispose, si irrigidì, capii che era in imbarazzo, che probabilmente una cosa del genere non gli era mai successa. Che era un sogno che non avrebbe mai pensato si potesse avverare. E’ vero che facevo pompini a tutta la scuola, ma evidentemente lui non pensava di essere nella lista.

Bloccò il motorino davanti a due furgoni bianchi parcheggiati a spina e ci infilammo nel mezzo. L’ora era tarda, è vero, ma eravamo praticamente in mezzo alla strada. Ci baciammo rapidamente e mi inginocchiai posando le ginocchia nude sull’asfalto. Non sarei onesta se dicessi che non mi dava fastidio, ma ormai ero in ballo. Gli tirai fuori il cazzo dai pantaloni, non ancora completamente duro. Confesso che un po’ ero curiosa di verificare questa storia delle misure dei ragazzi di colore, anche se le misure non sono mai state in cima alla top five del mio immaginario erotico. In realtà da quel punto di vista non c’era nulla di cui sorprendersi: ne avevo imboccati di più grandi e di più piccoli. Quello che mi intrigò fu il fatto che fosse circonciso, non avevo mai visto un cazzo circonciso. Notai il contrasto tra la sua pelle molto scura e il rosa acceso del glande, e l’effetto della circoncisione mi consentiva di portargli la fodera del cazzo molto indietro e leccarlo dove era più sensibile. Leccai e succhiai tra i suoi sospiri. Non era proprio molto esperto, no. Si limitava a accarezzarmi i capelli come se avesse paura di offendermi, non diceva nulla. Mi infilai una mano sotto la gonna e dentro le mutandine, sapevo di essere bagnata ma solo allora capii quanto. Ebbi l’impulso di spingermi un dito dentro, non sarebbe stata la prima volta. Anzi l’avevo anche fatto, qualche tempo addietro, stando attenta a non lacerarmi. Ma in quel momento mi sarei quasi sicuramente sverginata da sola e mi frenai. Non so come. Vidi con la coda dell’occhio una coppia, due ragazzi con qualche anno in più di noi, che si allontanava, li ascoltai ridacchiare. Immediatamente dopo sentii il suo cazzo pulsare e lo afferrai per le natiche cercando di piantarmelo dentro il più possibile. Mi scaricò in bocca una serie di getti fluenti, ingoiai e ingoiai, pulii e ripulii, glielo rimisi nei pantaloni e guardai in alto sorridente, a cercare i suoi occhi. Ibra aveva la faccia stravolta.

– Ci hanno visti – fu la prima cosa che disse quando mi rialzai.

Avvicinai la mia bocca che sapeva di sperma al suo viso.

– E sticazzi? – gli sussurrai. Per come mi sentivo in quel momento avrei anche accettato di farmi sbattere in mezzo alla strada.

Feci due passi indietro, ero sudata, i capelli appiccicati sulla testa, ansimavo. E soprattutto avevo un caldo infernale al ventre e le mutandine insopportabilmente bagnate.

– Ibra… – gli dissi con una certa fatica – l’hai mai vista una fregna?

Lui fece cenno di no con la testa.

Gli presi la mano e me la ficcai in mezzo alle cosce, prima sopra e poi fin dentro le mutandine. Il contatto delle sue dita con la mia ipersensibilità mi fece piegare le gambe. Gli fermai la mano con la mia e iniziai a strusciarmi. Così, in piedi, in mezzo alla strada, con la minigonna sollevata, fissandolo negli occhi, con uno sguardo sempre più velato dal piacere.

– Sembra che ti sei pisciata sotto – lo sentii dire leggermente in lontananza.

Gli feci cenno di no a mia volta, credo sorridendo. Poi affondai i miei denti sulla sua spalla per soffocare un ruggito.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 4 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici incesto padre figliastorie sesso a trestorie di sesso realmente accaduteertici raccontivicina inculatastorie porno gratisracconta eroticistorir pornomoglie esibita in pubblicoincrstistorie eroticheporno italiano storieannunci69raccontiracc sessracconti erotici hotraccontierracconti porboracconti sesso animalistorie zoofiliaracconti erotici e pornoracconti di scambioracconti porno zooletture hotracconti erotcistorie di sesso con la suoceraraccondi eroticivideo porno storie verevideo storie di sessoraccinti pornostorie di culoraccont 69incesti veri raccontiracconti intrigantiraqcconti eroticisegretaria eroticaeroticoraccontiracconti mamme troieracc miluzoofiliavideoravconti eroticii generi dei racconti gayerorici raccontiracconi miludonne montate da animaliincesti eroticiracconti moglie al cinemaracconti tradimentoracconti porno fantasieracconto clistereracconto eccitanteracconti hard con animaliracconti al cinema pornoracconti erotici matrimonioracconti porno ricattiracconti e storie eroticheracconti eorticierotici racconti 69racconti spankingracconti hatdracconti sissy maidracconti erotici padre figliabadanti inculateracconti di enemaracconti erotticira cconti pornononna e nipote incestoraccontu eroticiracconti esibizionistemia nipote mi fa una segastorie di feticismoracconti erotici zialibri porno gratisracconti erotici con animaliracconti pronoracconto segaracconti incetuosisottomesso da mia mogliestorie porno gratisracconti erotici con vecchimia zia porcaraccontiporacconti erotici pulpracconti incesto padre figliaracconti gang bangeroticiraconti